Perché a Milano c'è molto meno traffico rispetto a Roma? Seconda edizione

8 marzo 2016

Qualche giorno fa pubblicammo un articolo in cui prendevamo a pretesto lo scarso traffico in una strada di Milano per riflettere sull'importanza degli strumenti di dissuasione dei flussi posti anche a valle (e non solo a monte). Come ad esempio la consapevolezza di non trovare facilmente posteggio gratuito, la tariffazione per entrare in centro, la videosorveglianza, la certezza di prendere contravvenzioni in caso di sosta irregolare. Tutte cose che Roma ha scritto nel suo PGTU, approvato da anni ormai, ma che non sono state applicate. E che sono invece implementate da tempo a Milano.

Invece di riflettere su queste faccende la masnada di analfabeti funzionali che popolano le nostre bacheche si sono prodotti nella consueta ridda di superstizioni che affollano il confronto tra le due principali città del paese: Milano ha meno abitanti di Roma (falso, l'area metropolitana di Milano conta 7 milioni e mezzo di abitanti, l'area metropolitana di Roma meno di 4 milioni e mezzo: Milano è insomma smisuratamente più grande di Roma; anche Napoli lo è); Milano è più piccola di Roma (falso, a meno di non voler considerare "Milano" solo ciò che sta dentro al Comune di Milano, ma sarebbe una tale cretinata da non meritare neppure commento) e così via. Ma soprattutto si faceva notare che il nostro video di allora era in un'area troppo centrale, protetta da ZTL (come se a Roma le strade dentro la ZTL, pensate a Piazza Venezia o a Corso Vittorio Emanuele, fossero libere dal traffico). E allora abbiamo pensato di rimediare così: con un bel video di lunedì mattina a Corso Buenos Aires. Buona visione. 

76 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Ho proprio l'impressione che il continuo caos di Roma abbia ormai precluso di riconoscere le infrazioni al Codice della strada. Nel breve filmato si vedono furgoni parcheggiati sul marciapiede, in prossimità dell'incrocio e in modo tale da impedire la visuale. Si vedono auto in doppia fila dove c'è il segnale di rimozione forzata. Si vedono auto parcheggiate nel tratto canalizzato prima dell'incrocio.
Questo sarebbe il modello verso cui tendere? Solo perché a quell'ora c'era meno traffico che in media a Roma?
Siamo messi male....

Anonimo ha detto...

Non so perche' ma a Roma c'e' una moltitudine di gente che gira in macchina durante l'orario di lavoro, boh. Come cavolo camperanno, non lo so....

Anonimo ha detto...

ieri sono stato vittima di una discussione per la viabilità sulla Palmiro Togliatti (Colli Aniene) in quanto una corsia è occupata delle macchine in doppia fila !!!
... qui la gente ancora non è in grado parcheggiare civilmente e si pretende di educarla a differenziare i riuti !!!!

Anonimo ha detto...

Vivo a Milano da alcuni anni, è vero che il traffico è inferiore rispetto a quello di Roma.
I motivi sono stati già elencati: telecamere, corsie riservate a mezzi pubblici/taxi rispettate perché in caso di infrazioni le multe arrivano senza possibilità di appello, aggiungo anche che in prossimità di quasi tutti i capolinea delle metropolitane ci sono dei parcheggi di scambio in cui si può lasciare l'auto, prendere la metro ed essere in centro in venti minuti.
Metropolitana efficiente e abbastanza puntuale. Il miglior disincentivo all'uso del mezzo privato è avere un sistema di trasporto pubblico che sia più veloce ed economico rispetto all'auto!

Anonimo ha detto...

Finalmente un po' di verità. I discorsi vanno fatti avendo a riferimento l'intera area metropolitana che grava sulla città. E se Roma perde il confronto con Milano (inutile ciarlare di numeri, basta prendere il treno e farci un giro per rendersene conto) figurarsi con Parigi e Londra. In pratica la nostra città dovrebbe avere un sindaco che ragiona su vasta scala e in prospettiva globale, per lasciare una città veramente diversa da come l'ha trovata, ma tra i candidati non ve ne è traccia, almeno finora.

Anonimo ha detto...

io vedo camion e motorini in doppiafila e sul marciapiede anche lì, ma a quanto pare fanno schifo solo a Roma.

Anonimo ha detto...

@11:14 AM
Stavolta Tonelli non l'aveva fatto e allora tiri in ballo tu Londra e Parigi? Guarda che per il traffico sono peggio di Roma nonostante siano dotate di metro a gogò, dell'arredo urbano che tanto piace al gestore del blog, di telecamere, vigili in giro a multare sul serio, corsie preferenziali ecc.

Anonimo ha detto...

ancora co sta storia... dico solo che io cor t maxx vado ndo cazzo me pare e er trafigo è solo n ricordo. se poi roma nun ve piasce annatevene via è tanto semplisce.

Anonimo ha detto...

semplice perche' milano e' grande come un quartiere di roma

Anonimo ha detto...

Dire che a Milano non ci sia traffico significa non conoscerla o far finta di non conoscerla. E' un traffico molto diverso. Ormai moltissimi vivono nell'hinterland. Sfido chiunque a raggiungere il centro di Milano dall'hinterland del Nord-Ovest arrivando puntuali ad un appuntamento se non si esce alle 6 di mattina....

Anonimo ha detto...

Comunque Enrico Stefano e' il piu' grande. Avevate scelto un bel candidato su cui puntare. Riesce a fare figure di merda pure sul twitter di quei decerebrati dei vigili.

Anonimo ha detto...

Ti sei scordato l'accento sulla A di ANO, scimmia. Lui ci tiene.

Anonimo ha detto...

Solito articolo molto fazioso e arrogante. Come ho commentato nel precedente, Milano ha un ottimo servizio di trasporto pubblico, una struttura più regolare, in pianura, strade più larghe ecc.
Non so cosa intendete per area metropolitana, io so che la città di Milano è grande sì e no come due quartieri di Roma, e questo lo dicono anche i miei amici di Milano che abitano a Roma e pur si lamentano dei nostri disservizi. Napoli ancor meno.
Inoltre mi dicono che anche Milano è molto trafficata e le auto sui marciapiedi le ho viste anche lì, e manco poche.
Quindi è vero che Roma ha una mobilità da quinto mondo e su alcune cose deve prendere esempio da Milano.
Se non altro, Milano è una città che sta migliorando, Roma è ferma.
Analfabeta funzionale, però, lo dici a tua madre.

Anonimo ha detto...

"Milano è grande sì e no come due quartieri di Roma questo lo dicono anche i miei amici di Milano"
2 quartieri di roma .......
Non ci sta bisogno di sentire le opinioni degli amici, puoi verificare tu stesso .
Prendi google map cerchi milano , metti la foto satellitare , fai tasto destro ->misura distanza. Disegna sommariamente il confine della città , e Googlemap ti darà la superficie .
Fa la stessa cosa con Roma .
Confronta le 2 cifre .
Fidati un po meno dell'opinione di quei tuoi amici .

Su altre considerazioni sono d'accordo con te .



Anonimo ha detto...

prima di tutto oggi è l'8 marzo e vorrei fare un augurio a tutte le lettrici del blog. la festa della donna non ha differenze ovunque si festeggi. detto questo vorrei fare un paio di precisazioni.a milano vanno tutti in giro in bicicletta. come ad amsterdam. la spesa la fanno tutti all'esselunga e mettono la brioche fresca nel cestino della bici. l'aperitivo lo fanno molto meglio loro. con insalate e pasta fredda, piatti prelibati con la supervisione del grande chef moreno cedroni. non come da noi che ti danno 2 patatine secche e 4 noccioline. poi la raccolta differenziata la fanno tutti e separano pure i vetri scuri da quelli chiari, le lattine di cocacola da quelle della pepsi. le macchine in doppia fila poi hanno tutte le 4 frecce. c'è poco da fare: stanno avanti.
c'è però da dire che se chiedi un suppli in pizzeria ti guardano come se avessi parlato ostrogoto. scordatevi la pizza a taglio. il gelato lo paghi a 1 euro a pallina. e la panna è un extra e costa 50 cent in piu. la doppia panna non sanno neanche cosa è. tornando al traffico: è vero che ce ne sta di meno ma è normale parchè a roma giunge ogni giorno gente che arriva per lavoro da tutta la regione lazio. a milano e dintorni la" ricchezza e produttivitâ" è distribuita in maniera molto diversa sul territorio. la lombardia è la regione che ha piu province. poi se ti trovi in tangenziale alle 6 di sera smadonni pure a milano ma non è che ceni in macchina come a roma sul g.r.a.

Anonimo ha detto...

Anonimo 12:43 pm sei un coglione.
Roberto ha difeso RFS in tribunale piu' di una volta, ha sempre perso, e' vero...ma per colpa della lobby massocasapoundistacartellonica che attanaglia i tribunali. L'Espresso di giovedi' prossimo ti chiarira' le idee su questa mafia con un articolo tagliente del solito Arnie Myrogue.

Anonimo ha detto...

"prima di tutto oggi è l'8 marzo e vorrei fare un augurio a tutte le lettrici del blog"

Sono due: Rachele (che pero' scrive sui forum dei tifosi della Roma) e Livia Astolfi alla quale la redazione non ha ancora trovato un uomo. Forse sono la stessa persona.

Anonimo ha detto...

AGGIORNAMENTO SCIMMIE DA FACEBOOK
==================================

Allora ragazzi buon 8 marzo a tutte le donne, ma buona festa della scimmia a tutti i Romani! Perché a Roma tutti i giorni è la festa della scimmia!! E grazie come al solito ar blogghe che fa uscire fuori tanti talenti inespressi del panorama scimmiesco!

Post di oggi sui bangla che distruggono gli alberi di mimose. Foto che ritraggono alberi di mimosa prima e dopo il trattamento (prima bellissimi dopo deturpati) e foto di bangla che le raccolgono. Il post dice

"Sapete da dove arrivano i mazzetti di mimose che come imbecilli ogni anno comprate l'8 marzo?"

Allora premessa: l'insulto "imbecille" è messo volutamente per fare uscire fuori le scimmie che effettivamente le hanno comprate. Tutti quelli che si lamentano dell'insulto hanno comprato la mimosa dal bangla al semaforo per la collega/amica che non gliela darà mai.

Veniamo al concetto vero e proprio:
******SICCOME*******
i mazzetti che comprate al semaforo, vengono procurati da schiavi del racket mafioso che oltretutto deturpano un bene pubblico
*****QUINDI****
cercate di non comprarle più.

Un messaggio chiaro, limpido, che un bambino di 3 anni coglierebbe al volo e che un adulto NON ANALFABETA FUNZIONALE non avrebbe necessità di vederlo spiegato su un post di Facebook.

E infatti... che hanno capito le scimmie? CHE IL POST VOLEVA INTENDERE CHE LE MIMOSE VENGONO DAGLI ALBERI DI MIMOSA!!! E CHE QUINDI E' TUTTO NORMALE!!!!
NESSUN POBBLEMAAAA, TUTTO NORMALEEEHHHH, AHO MA CHE ME O DEVI DA DI TU CHE E MIMOSE E FANNO SULL'ARBERI??? AAAHOOO MANVEDI QUESTO AHO MORTASCI!!!!

(CONTINUA)

Anonimo ha detto...

Vai con le menzioni scimmiesche:
=========================================
Emilio Eudizi L'hai scoperto solo adesso? Sei arrivato tardi. Sveglia
Giuseppe Giangregorio Sagace
Mauro Redaelli Noooo ma davvero le mimose vengono prese dagli alberi che normalmente si trovano in giro? Per fortuna ci siete voi a dirci tutte ste cose
Ovvia Mente Oh..io pensavo crescessero direttamente nelle bustine!!!!
Massimo Gnagni Ma va?
Alessandro Rossi Che pensavi che le fabbricavano? Dei geni su sta pagina complimenti!
Mario Passamonti ah io pensavo arrivassero dalla cina, meglio così
Flavio Muci Che pagina de svejoni eh..
Michele Fiorenza Ah non escono dall'uovo di pasqua ?
Michela Cubeddu Ma veramente? Oddio io pensavo che cadessero dal cielo già impacchettate !!!!
Domenico Raco credevo che le fabbricavano i bambini indiani nella fabbriche in cina... e grazie ar cazzo!
Martina Organtini Pensavi le fabbricassero?
Gabriele Montemezzo Ah ma non é lercio?
Daniele Battista Che scoperta ..
Giorgio Meucci non ve se po nasconde niente
Val Leek Ma da dove dovrebbero arrivare scusa???? La maglietta di marca che indossi arriva dal Bangladesh dove una ragazza lavora per nemmeno 5 euro al mese.... Proprio come la tua maglietta e le tue scarpe.... SVEGLIATI!!!
[QUESTO VI GIURO L'HO LETTO 4 VOLTE MA NON SONO RIUSCITO A CAPIRE IL NESSO TRA IL BANGLA CHE COGLIE LE MIMOSE A ROMA E QUELLO CHE FA LE MAGLIETTE NEL PAESE SUO. Ragazzi, scherzi a parte, QUESTO è veramente analfabetismo funzionale]

==============================
Ci sono altre 2/3 categorie di scimmie che hanno risposto, ma non ve li elenco perché mi rompo troppo il cazzo.
- QUELLI CHE SI SONO INCAZZATI PER L'INSULTO: vedi sopra, sono quelli che hanno comprato e si sentono tirati in ballo.
- QUELLI CHE SI SONO INCAZZATI PER IL FATTO, MA SOLO PERCHE' CI SONO I BANGLA: fossero stati dei romani ttttttapposto!
- QUELLI CHE "AAAHOOOOO SO E FOTO DELL'ANNO SCORZOOOOOOOO": e a chi gli fa notare che la situazione non è cambiata arriva questa risposta:

Marco Memento Musillo So le foto dello scorso anno . Imbecilli .
Andrea D'Ubaldo anche la situazione è uguale allo scorso anno...
Marco Memento Musillo In effetti credo vada decretata la fine del mondo. Mannaggia all ' idiozia .

EH SI! MANNAGGIA ALL'IDIOZIA CHE T'HA RIDOTTO COSI, SCIMMIA DI UN MARCO MUSILLO!

Completano il quadro da zoo un paio di troll che dicono "w i bangla almeno potano eee piande", e il solito articolo di dinamopress linkato per la cinquecentesima volta, questa volta da quella scimmia di Emanuele Bassetti, che ha chiamato in soccorso la sua amica scimmia Davide De Felicis.

Stefano ha detto...

Mettiamo da parte la diatriba sulle dimensioni di Milano, che ormai siete arrivati a dire che è grande quando Centocelle (senza vergogna, eh?).

Volevo solo fare un appunto sul posto: "la consapevolezza di non trovare facilmente posteggio gratuito" purtroppo non è assolutamente un deterrente all'utilizzo della macchina. Per rendersene conto basta andare a Trieste, che con 200.000 abitanti (sì, questa è davvero come un quartiere di Roma) ha praticamente lo stesso traffico della Capitale, pure se gli abitanti sono perfettamente consapevoli che dovranno perdere mezz'ora per trovare un posto.
Certo, quello di Trieste è un caso limite (ha un certo flusso di traffico di frontalieri con la Slovenia, per dire, e la bicicletta è un suicidio), ma rende abbastanza chiara l'idea che impedire la sosta da solo non basta, e che la base deve essere sempre un solido impianto di trasporto pubblico.

Anonimo ha detto...

MA PERCHE' IL CAMION ED IL MOTORINO SUL MARCIAPIEDE NEL VIDEO FANNO SCHIFO SOLO A ROMA E A MILANO NO? TONELLI SEI PER CASO UN POCHINO FAZIOSO E FAI LE INCHIESTE DA QUATTRO SOLDI PER POI CHIEDERE LE DONAZIONI SUL SITO?
VERGOGNOSO

Anonimo ha detto...

Credere che il traffico dipenda solo da ZTL, telecamere, tariffe dei parcheggi ecc. vuol dire non conoscere e capire nulla di come funziona una grande città.
Roma ha una peculiarità assoluta (... oltre alla popolazione di Romani...), ovvero quella di essere contemporaneamente quattro città differenti:
1) è una capitale amministrativa e politica, il che vuol dire che gravano su Roma Ministeri, burocrazia statale e locale, quattro ordini di Ambasciate (Italia, Vaticano, FAO e per alcuni Paesi persino Ordine di Malta, e che è il luogo prediletto per manifestazioni nazionali di ogni colore;
2) è una città "archeologica", con una quantità incredibile di monumenti e reperti, ovunque nell'area di insediamento storico della città;
3) è la sede della Chiesa cattolica, con le ovvie conseguenze sia in termini di afflusso di pellegrini, sia di influenza della gerarchia vaticana sulle scelte pubbliche;
4) ed è infine una grande città commerciale ma anche industriale, con moltissima manifattura.
Unicità dell'unicità, a Roma queste quattro città convivono e sono compenetranti, nel senso che, lungo la stessa via, si può avere un Ministero, una chiesa antica, un supermercato e un centro sociale, e ciascuno di essi pretende di usare lo spazio pubblico per il suo esclusivo interesse, secondo le sue priorità.
E' questa realtà, assolutamente unica, che rende Roma ingovernabile, a partire dal traffico veicolare, per continuare con la regolamentazione del commercio ecc. ecc.
In quasi tutte le Capitali storiche, la zona amministrativa è ben separata dall'area antica, tanto più dall'area archeologica. A Roma no, e i Ministeri e le Ambasciate sono annegati fra gli scavi.
In altri termini, seppure Roma e i Romani ci mettono tutto il loro impegno per rendere la città caotica, bisogna anche dire che senza un piano complessivo di "zonizzazione" della città, con la differenziazione fra funzioni, la città rimarrà sempre ingovernabile rispetto ai criteri e alle esigenze contemporanee.

Anonimo ha detto...



Allora, mettiamo i punti sulle "i" .

1) Il gestore del blog dice il vero quando afferma che a Milano città c'e' ediamente meno traffico che a Roma

2) Il gestore del blog passa però a delle affermazioni molto opinabili che lui però spaccia per verità assoluta manco fosse un dogma, infatti i dati sono dati e non possono essere contestati, il comune di Roma è molto ma molto più grande del comune di Milano e la popolazione del comune di Roma è più del doppio di quella del comune di Milano, questi sono i fatti.

Lui parla di aree metropolitane cosi' come i primi leghisti parlavano della Padania, in pratica il gestore del blog inventa aree metropolitane e gli assegna del tutto arbitrariamente una popolazione, sulla base di cosa ? Non è dato sapere.

Ed allora ragionando assurdamente come fa il gestore del blog perchè non inludere nell' area metropolitana romana anche alcuni comuni dell' Umbria ? Io conosco due persone che abitano in comuni Umbri e che tutti i giorni vengono a Roma a lavorare creando traffico.

Insomma le aree metropolitane di "Romafaschifo" sono come la pelle dei cojoni, la tiri un po' dove te pare a te.

Andrea

p.s.: non dite al gestore del blog che Roma ha una quantità di pullman turistici da far impallidire tutte le altre città italiane messe insieme.

Anonimo ha detto...

I dati del Censis[4][modifica | modifica wikitesto]
Dal secondo dopoguerra sono andate lentamente a definirsi in Italia diverse grandi aree metropolitane, grazie all'allargamento delle periferie delle città, all'incorporazione dei comuni limitrofi, alla saldatura delle aree urbane lungo le linee di costa. Nel 2007 in queste grandi aree metropolitane (che coprono il 17% della superficie dell'Italia) viveva all'incirca il 61% della popolazione italiana. Il Censis aggrega in insiemi metropolitani tutte le unità comunali adiacenti che superano i 200 abitanti per km² e i 350.000 abitanti.

Queste conurbazioni o agglomerazioni possono essere divise in:

aree metropolitane di Milano, Napoli, Roma, Torino, Palermo, Verona, Cagliari, Pescara e e dell'agglomerato urbanoVenezia-Padova-Treviso;
sistemi lineari costieri basso-adriatico, alto-adriatico, della Sicilia orientale e ligure;
aste territoriali emiliana e toscana.

Agglomerati metropolitani Popolazione(abitanti) Superficie(in km²)
Area metropolitana di Milano (Grande Milano) 8.047.125 8362,1
Area metropolitana di Napoli 4.996.084 3841,7
Area metropolitana di Roma 4.339.112 4766,3

Anonimo ha detto...

Un' ultima considerazione che Romafaschifo ignora.

Gli abitanti nel comune di Roma sono dislocati un' area vastissima che va da Ostia a Cesano, da Torre Angela a Casalotti ed oltre, in pratica i quasi 3 milioni di residenti abitano lontanissimi dai quartieri piu' centrali dove ci sono i loro posti di lavoro, cosa significa questo ? Che mediamente i romani la mattina si mettono in macchina per andare a lavorare nei quartieri piu' centrali e che percorrono mediamente piu' chilometri rispetto ai napoletani ed ai milanesi e questo perchè a Napoli e Milano c'e' piu' densità di popolazione.

In pratica la colpa del traffico non è solo dei romani pigri ma soprattutto dei palazzinari abusivi o no che hanno cementificato a cazzo di cane e dei politici che invece di costruire metropolitane si sono mangiati i soldi.

In pratica quartieri come Ponte di Nona lontanissimi dal centro e privi di metro in una città civile non sarebbero stati costruiti, a Roma sono stati costruiti solo "grazie" ai pessimi Veltroni e Morassut che ora ha pure il coraggio di candidarsi a sindaco.

Andrea Rossi

Anonimo ha detto...

Trobbo grande.
Trobbo andica.
La FAO.
Er Vaticano
Ministeri
Bla bla bla..

Mancanza totale di educazione civica.Punto.

Anonimo ha detto...

TROPPO GRANDEEEEEE!!!
MILANO ENGUARDIEREEEEEE!!!!!
SCIAMO LABBITANTI DISLOCATI DA LOS ANGELES A KADMANDUUUUU!!!!!
ERGESTORE DERBLOGGHE E FAZZIOSOOOO!!!!

MA SOPRATTUTTO... A NOI SCE PIASCE AMMERDA!!!!

VIVA AMMERDAAA!!! VIVA ROMAAA!!!!!

Anonimo ha detto...



I dati del Censis sono dati frutto di studi, ci sono altri istituti che danno dei dati molto diversi, ciò significa che le dimensioni e le popolazioni delle aree metropolitane non sono dati certi, non sono dati ufficiali ma soltanto stime frutto di studi comunqu opinabili, per fare un paragone direi che i studi del Censis sono come gli exit-poll della Doxa.

Gli unici dati ufficiali sono quelli risultanti dai censimenti della popolazione, il comune di Roma ha 2 866 185 abitanti mentre Milano ne ha 1 344 035 cioè meno della metà, il comune di Roma è grande 1 287,36 km² , Milano 181,67 e cioè è grande più o meno come un municipio di Roma, ovviamente è un comune più densamente popolato ed è questo che spiega il minor traffico, come si può facilmente intuire infatti i milanesi mediamente abitano più vicino ai loro luoghi di lavoro e quindi devono fare meno chilometri in auto ( a parte il fatto che ci sono più metro, che i bus funzionano meglio e che si va piu' in bici in quanto è pianeggiante).

Poi se vogliamo perdere tempo ad insultare allora lasciamo stare.

Andrea Rossi

Anonimo ha detto...

Leone Del Bello a Oslo le casse d'acqua le consegnano in bici
=============================================================

AHOOOOOOOO SO ANNATO SUR BLOGGHE E HO SCRIDDO "OSLO" AHR AHR AHR AHR!!
SCIOE I PIJO PER CULO PERCHE LORO VONNO ESSE SCIVILI E PULITI, ALLORA III PARAGONO A OLSO CHE E FREDDA E GRIGGIA!!! MATTECREDO CHE SO SCIVILI, L'UNICA COSA BELLA DE OSLO E' ER TRENO PE ROMA AAAAHOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!

Leone Del Bello idolo incontrastato delle scimmie, insieme a Marco Leggeri.

Anonimo ha detto...

cioe quindi varese, bergamo, brescia, novara sono grande milano?? o solo fino a bresso, carugate, rho, corsico e rozzano. no solo per capire.

Anonimo ha detto...


Un altro dato di paragone.

Milano è grande 181,67 km quadrati, sapete quanto è grande il municipio IX (Eur, Torrino...) ? E' grande 183,1 Km quadrati, cioè e' piu' grande di Milano.

Quindi il minor traffico di Milano è dovuto alla maggiore densità di popolazione ed alla pessima urbanistica di Roma che ha permesso di costruire palazzi lontanissimi dai quartieri nei quali si lavora ed in pressochè totale assenza di metropolitane.

Romfaschifo preferisce però prendersela coi romani invece di prendersela con quei figli di mignotta dei politici che invece di fare metropolitane hanno fatto ingrassare le cooperative rosse di Buzzi che speculavano su rom e clandestini alla faccia dei romani perbene.

Andrea Rossi

Massimo ha detto...

Mi spiace dire che è il peggior articolo di questo blog che comunque in genere seguo molto. Roma purtroppo è in una fase di decadenza assoluta (e sappiamo bene tutti dove sono le colpe principali), nessuno osa negarlo e chi ama Roma ci sta male a vederla così conciata, ma da qui a dire che Milano è più grande di Roma ce ne vuole e pure parecchio, manco dopo una sonora sbornia!!!
Certo se consideriamo l'Hinterland (come si dice oggi, periferia non va più bene! Non è abbastanza chic!) bisogna anche dire che a Milano considerano "Hinterland" pure Novara (che sta in Piemonte). Sarebbe come dire che Colleferro fa parte dell'"Hinterland" di Roma!!!

Comunque, bando alle ciance, da Wikipedia:

Superficie Roma kmq 1.287 Milano Kmq 181!
Abitanti (residenti) Roma 2.866.185 Milano 1.344.035!
Superficie provincia Roma kmq 5.363 Milano kmq 1.575!
Abitanti provincia Roma 4.331.856 Milano 3.195.629!
Il resto sono solo chiacchiere.

Se Roma non avesse avuto vent'anni di bastoni tra le ruote da parte della Lega Lombarda di quel Salvini che fino a ieri sputava sulla Capitale ed oggi vuole venire a far finta che nulla sia accaduto e se avesse un Sindaco capace (checché se ne dica Marino ci ha provato) con un Governo che si preoccupasse della propria Capitale (cosa che Renzi non ha fatto, figuriamoci chi c'era prima, tornerebbe ad essere la Città più bella del Mondo incontrastata ed incontrastabile!
Sottolineiamo però che ogni abitante (Romano e non) dovrebbe fare la propria parte.

Massimo ha detto...

PS: vorrei proprio sapere l'8.047.125esimo abitante della cosidetta "Grande Milano" a quale distanza abita dal centro di Milano (forse a Milano Marittima? Includete pure quella?), tanto per fare un paragone con le distanze Romane...

Anonimo ha detto...

È che a Milano, ammesso che esista sul serio perchè fuori dal GRA boh.., gli esami per la patente sono più difficili! Quindi il confronto non regge, quasi nessun milanese riesce a prendere la patente!

Anonimo ha detto...

Dire "comune di Milano" è parecchio riduttivo, come si è visto. I paesi e le cittadine intorno a Milano contribuiscono giornalmente al flusso di veicoli e persone che usufruiscono dei mezzi pubblici/privati rendendo di fatto più che paragonabili le due città. Quello che non si può paragonare è l'efficienza dei trasporti, e là non c'è giustificazione che tenga: da anni ci sono furti a tutti i livelli, i lavoratori non fanno una beata mazza dalla mattina alla sera "tanto cosa cambia" etc etc...
Sono stato a Milano qualche mese fa e sono rimasto particolarmente sorpreso nel vedere gli addetti alle pulizie della metropolitana che PULIVANO le scale e le banchine!
Siamo arrivati al punto in cui quando andiamo fuori da Roma e vediamo delle persone che fanno il lavoro per cui sono pagate ciò ci sorprende...

Anonimo ha detto...

@Massimo del commento marzo 08, 2016 3:08 PM
Hai espresso esattamente il mio pensiero e quello di tante altre persone che vogliono il bene di Roma.

Anonimo ha detto...

Contando Provincia Milano, più la nuova è già defunta Monza Brianza che fino a pochi anni fa era Provincia di Milano (provate ad attraversare il confine tra Milano e Monza se non guardaste i cartelli non ve ne accorgereste) e i comuni dell'Alto Milanese che hanno già deciso di entrare nella Città Metropolitana (escludendo altri che hanno o faranno richiesta come Vigevano) si arriva a 5.000.000...e si tratta di territori inglobati nell'area milanese senza soluzione di continuità. Non è un caso se l'agenzia per i trasporti metropolitani della Città Metropolitana comprenderà Milano, Mb, Lodi, Pavia...non bisogna guardare solo i confini che indica google Maps digitando Milano ma anche guardare l'urbanizzazione immediatamente confinante.

Anonimo ha detto...

Milano è così piccola che il comune sta organizzando una missione per colonizzare Marte, in modo da farci andare ad abitare i milanesi in eccesso!
Ma de che stamo a parla'!!!! Svegliaaaa!

Anonimo ha detto...

Milano è così piccola che una volta un amico mio ci doveva andare in macchina e è tornato indietro perchè non la trovava!!
Per forza non c'è traffico!

Anonimo ha detto...

Beh parafrasando quanto scritto in un intervento, Milano non ha Camera e Senato con tutti le dipendenze tra uffici e altro, non ha il Quirinale, non ha i ministeri, non ha le ambasciate e le case degli ambasciatori, non ha il Vaticano con tutte le dipendenze, non ha l'area archeologica più grande del mondo interna a una città, non la il su e giu orografico. Non avrebbe neanche il posto per contenere tutta sta roba nei confini comunali.

Anonimo ha detto...

Suggerirei al gestore di evitare di prendere come termine di paragone Milano, perchè il tutto sempre si riduce in " Aho ma Roma e' trobbo piu granne di Milano!" provacondo erezioni di uccelli incontrollate e annebbiamenti di vista.







Anonimo ha detto...

A Milano ci sono i Milanesi mentre a roma ci sono i romani (in maggioranza celenterati decerebtrati, dall'età mentale di un bambino di 2 anni), la spiegazione è tutta qui!

Anonimo ha detto...

La differenza tra Roma e Milano è che i milanesi mandano i loro figli a scuola mentre i romani no...

Anonimo ha detto...

Basta leggere le cronaceh locali dei maggiori quotidiani nazionali Corriere e Repubblica... edizioni roma vs milano... a roam solo calcio e buffonate pseudo politiche alla "volemose bene non cambiamo un cazzo" (omaggio agli "eroi del verde", giornate per ricordare questo e quello, mostre a difesa di..in favore di.. ossia NIENTE che sia una vera azione ma solo parole parole parole, che non implicano la fatica difare.
Metre quelli di milano sono solo cronache dic ittà che cambia davvero, cose fatte (cose non parole), fatte non "dichiarate", teleriscldamento che avanza (FATTI) non giornata internazionale de stocazzoa favore del teleriscaldamento... ahahha.

In questo i roamni sono campioni, nel partecipare a manifestazioni a favore di... stocazzo o quell'altro cazzo, quattrochiacchiere, na passeggiata, blablabla e il problema è svanito..
A milano leggi invece senza fanfara che hanno riqualificato quartieri e parchi interi, etc, cittadini che operano nel sociale come i city angels (e no come le cooperative di buzzi e c.).

Poi certo trovi anceh le magagne, ma la città va avanti, on si ferma.
Il romano è tutto chiaccheire e distintivo...
BLablablablablablabbla
BLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabblaBLablablablablablabbla

Lanzo ha detto...

In compenso Milano ha i figli degli immigrati centroamericani che se gli contesti un qualcosa ti staccano il braccio con il machete, meglio gli zingari nostrani, nun lamentamose.
Poi non ha il Vaticano, e torpedoni pieni di turisti cattolici che se portano le scatolette, inzozzano e vanno ad alloggiare nei "conventi albergo" vaticani tax free.
Le manifestazioni sindacali (altri torpedoni) le fanno a Roma non a Milano.
I torpedoni dei turisti che intasano il traffico (morti di fame o meno) ci sono a Roma e non a Milano, che cazzo c'e' da vede a Milano ?
Senzaltro la metro funziona meglio, la citta' e' in pianura - ma prova ad ammollargli Vaticano che manco paga le tasse per l'acqua e che quindi ce le dobbiamo pippare noi.

Anonimo ha detto...

Di solito quando non si ha niente di concreto da dire si usano i luoghi comuni come "Che cazzo c'è da vede a Milano?" (c'è molto più di quello che credi)...sicuramente potresti iniziare a parlare in italiano e non per forza in romanesco...e comunque siamo partiti da un problema di viabilità e siamo finiti come al solito ai livelli più infimi.

Nessuna città è perfetta, non solo in Italia, ma in tutto il mondo; si può solo decidere se vedere alcuni aspetti o prassi positive presenti in altre realtà paragonabili e vedere se possono essere applicate alla propria, oppure decidere comunque di rimanere immobili e non provare a migliorarsi.
Milano è una delle tante città che ha bisogno di migliorarsi, ma sicuramente almeno ci prova.

Anonimo ha detto...

E comunque manifestazioni sindacali e varie ed eventuali ci sono anche qua, fanno cortei di ogni tipo, infatti ogni tanto i mezzi di superficie li devono fare deviare

Anonimo ha detto...

Ma tanto mo arriva la praticante di Previti che sistema tutto. Pure le scie chimiche.

Anonimo ha detto...

I romani hanno creato una città a loro immagine e somiglianza. Vivono bene nella merda che hanno prodotto. I problemi di Roma sono tali solo per una sparuta minoranza.

Anonimo ha detto...

Sono di Milano e abito a Roma. A parte la pianta della città a stella quindi più regolare, a parte l'area C, quello che rende Milano meno congestionata è il trasporto pubblico che funziona sia in città sia extraurbano per tutti i pendolari che ogni giorno utilizzano le stazioni di Cadorna, porta Genova, garibaldi etc. Arrivano con treni ben collegati e più efficienti delle linee extraurbane romane (Roma lido, flr etc) e si infilano subito in una metropolitana che funziona tutto qui.

Anonimo ha detto...

Il comune di Milano ha un sesto della superficie di Roma con poco meno di metà degli abitanti
Ne deriva che Milano una densità di popolazione quasi tre volte superiore a quella di Roma:
perchè mai dovrebbe esserci meno traffico che a Roma?
Ad una maggior densità corrisponde un numero di spostamenti superiore, non certo inferiore, come sostenuto da qualcuno
Sarebbe bello che i sostenitori della teoria maggior densità=minor traffico spiegassero le loro ragioni, invece che limitarsi ad insultare

Anonimo ha detto...

Questo Andrea Rossi che parla senza nemmeno sapere cosa sia un'area metropolitana è il massimo. Il bello è che non sono solo un'unità statistica, ma da un paio d'anni sono diventate addirittura un'unità amministrativa, sostituendo le province nelle città maggiori. Marino e Pisapia erano sindaci metropolitani.

Ignoranza a cui si potrebbe rimediare con una semplice ricerca su Google.

Ciao,ciao! ha detto...

Bhe c'è da dire che il Trasporto Pubblico a Milano fa la sua parte e questo nel video non viene neanche accennato....

Nello specifico Corso Buenos Aires è facilmente raggiungibile da tutte le parti di Milano e anche da buona parte della Lombardia.
In concreto: Metropolitana linee M1, M2; Passante Ferroviario (5 linee Suburbane con treni che passano in media ogni 6 minuti; ogni linea ha frequenza di 30 min); tram 5, 9,e 33; filobus 90-91-92; bus 39-60-55-56-81.

A Roma forse solo Termini è servita in questo modo...

Il problema principale a Roma è il TPL inefficiente, per cui le persone sono più invogliate a prendere l'auto rispetto ai mezzi pubblici. Nel Comune di Milano, che ogni giorno triplica quasi la sua popolazione, dovrebbe esserci dieci volte il traffico che c'è a Roma, ma il TPL funziona ed è efficiente e il traffico è contenuto!!!!

Anonimo ha detto...

Milano e' una realta' europea al 100%, con servizi di trasporto (vedi le metropolitane), di sviluppo industriale, finanziario e commerciale di un livello degno delle piu' avanzate citta' internazionali; Roma al contrario e' una citta' pressoche' priva di grande industria (come falsamente sostenuto da qualcuno), con un'economia da sempre basata sul commercio medio-basso (che negli ultimi anni a seguito dell'immigrazione si e' ulteriormente indebolito), con pochissimi settori di livello appena superiore come turismo ed edilizia, ed il cui sostenimento e' praticamente concentrato sul mantenimento del mastodontico apparato burocratico-istituzionale; inoltre Roma e' una citta' dove vi e' da sempre da parte dei suoi abitanti una stratosferica ed insensata tendenza alla sacralizzazione del passato senza alcuna progettualita' per il futuro, al contrario di Milano, dove la mentalita' dei suoi residenti e' fondata su un pragmatismo ed operosita' che i romani non hanno (e mai avranno) nel loro DNA. Piu' che una faccenda di incomparabilita' tra le due' realta causa grandezza ed espansione territoriale o di numero dei residenti, o di miglior gestione del traffico urbano e di senso di civilta' dei milanesi rispetto ai romani, il vero nocciolo della questione Milano-Roma e' racchiuso in un concetto molto semplice da comprendere: capacita'.

Anonimo ha detto...

il vero nocciolo della questione Milano-Roma e' racchiuso in un concetto molto semplice da comprendere: la quantitá di figa.

Anonimo ha detto...

Va bene il trasporto pubblico, ma come mai a Milano si è sviluppato e a Roma no? Non è che glielo hanno regalato. Semplicemente a Milano un'opera pubblica non è sempre e solo l'occasione per piazzare il parente coglione o incassarsi una tangente di un milione o di cento euro, come a Roma. Quindi anche la situazione in cui siamo è in buona parte responsabilità dei romani

Anonimo ha detto...

AHAHAHAHAHAHHAAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

STE SCIMMIE LE DOVETE LEGGERE PER FORZA!!!

POST DI RFS: Finalmente dopo le nostre denunce si muove qualcosa contro questo vero scandalo!!! (Ci avevate creduto? La notizia è sì di oggi, ma si riferisce a Milano. Qui da noi eserciti di abusivi hanno lavorato perfettamente indisturbati, come sempre)

RISPOSTE DELLE SCIMMIE CHE NON SANNO LEGGERE PIU DI DUE RIGHE CONSECUTIVE:

Matteo Petrucci Grandi !! Bel colpo !! Un pizzico di degrado in meno
Nicholas Agati Avete fatto solo il vostro lavoro
Alessandro Rossi Giustizia è fatta!! Tolte le mimose a gente che sta per strada 12 e più ore per qualche euro a fine giornata se gli va bene!! Questi sono i problemi di Roma cazzo!! Pagina di falliti faziosi.

ALESSANDRO ROSSI SEI IL MIO NUOVO IDOLO CAZZO!!! SEI UN GENIO PERDIO!!! E VAI PURE A DARE DEL FALLITO AGLI ALTRI!!! SAI QUANTE RISATE SE FANNO L'AMICI TUA A LEGGE LE STRONZATE CHE SCRIVI? Ah no spe', so scimmie pure loro...

Anonimo ha detto...

Salve a tutti,
leggo da molto tempo il vostro blog, ed oggi ho deciso di fare il mio primo appunto.
Vivo in provincia di Bergamo da quasi 20 anni, lavoro a Milano ma sono spessissimo a Roma , per motivi di lavoro.
Vorrei discriminare vari punti.
E' vero che il comune di Milano è più piccolo , ma nella realtà la zona vera di Milano è molto più grande. Il perché del minor traffico E' presto detto:
io abito a circa 50 da Milano, come ogni giorno in insieme a circa 1 milione di persone ( fonte Istat) vado a lavorare a Milano, però c'è un però . Prendo il treno a Bergamo ( uno ogni 10 minuti nelle ore di punta) arrivo a MI-Lambrate , prendo la metro ed arrivo in ufficio.
Mai sognato di usare l'auto; quando vado a fare un giro a Milano con la famiglia , vado magari in macchina fino a Cascina Gobba , parcheggio ( fino a 10 ore si paga 2,5 euro ) prendo la metro e in poco meno di 15-20 minuti sono in piazza Duomo.( i ragazzi fino a 14 anni (compilando un modulo della regione), non pagano se accompagnati da un adulto)
Quando arrivo a Roma , molte volte non ho potuto prendere la metro perchè chiusa o bloccata.
A Roma purtroppo troppo spesso vedo incuria e mancanza di apprezzamento per quello che si ha. Roma ha tantissime belle cose , come Milano , ma a Roma ( ai romani) sembra che non interessa.
Un esempio a Milano non mi sognerei mai di avere venditori ambulanti , auto che parcheggiano ovunque difronte al Cenacolo , o al museo di Storia Naturale .
Se vado al Parco Montanelli o Sempione non trovo l'incuria che trovo a Roma.
Mi rattristo quando vedo che Roma è trattata così. Perchè poi sento i turisti stranieri parlare male di Roma e dell'Italia.
I romani sembra che non abbiano orgoglio di se stessi, non si amano, non si rendono contro che continuando a vivere così si fanno male da soli.
Forse la vera differenza è che a Milano la gente è orgogliosa di essere Milanese, e fa di tutto per far si che la città sia splendida ( pur con tutti i limiti) mentre a Roma i Romani non hanno il minimo senso di Romanità, di orgoglio, o questa è la vera Romanità?
Ve lo chiedo a Voi , datevi una mossa, perché alla fine dalla pozzanghera non si esce solo aspettando, ci si deve dare una mossa

Anonimo ha detto...

Caro Milanese delle 9:28,

ma chi te la fa fare? Ma perche' sprechi tempo e fiato a spiegare ai romani concetti cosi' elementari? Ma non lo hai capito che ai Romani la citta' piace cosi'? Non capisci che non riescono ad immaginare di meglio, e non riescono ad individuare la radice del problema in quanto l'intera collettivita' e' in preda ad un isterico processo di rimozione/proiezione, secondo l'antica e sempre verde polarizzazione del noi/buoni vs loro/cattivi, romani/civili vs meridionali&immigrati/zozzoni?
Dovrebbero sequestrare Roma ai Romani, togliergliela dalle mani come si farebbe con un giocattolo bello e prezioso dato in mano ad un bambino stupido, capiriccioso e forse anche mentalmente ritardato (con tutto il rispetto per i disabili). Andrebbe imposta una gestione di gente che non ha niente a che fare con Roma e che non si da scrupoli nell'intervenire duramente laddove e' necessario. Lacrime e sangue per 5 o 10 anni, e non parlo di aumenti di tasse, parlo di radicali stravolgimenti delle abitudini fin troppo comode e adagiate dei romani, tutte a danno della collettivita'.
Se non ora, quando?

Anonimo ha detto...

Dovrebbero sequestrare Roma ai Romani, togliergliela dalle mani come si farebbe con un giocattolo bello e prezioso dato in mano ad un bambino stupido, capiriccioso e forse anche mentalmente ritardato (con tutto il rispetto per i disabili). Andrebbe imposta una gestione di gente che non ha niente a che fare con Roma e che non si da scrupoli nell'intervenire duramente laddove e' necessario. Lacrime e sangue per 5 o 10 anni, e non parlo di aumenti di tasse, parlo di radicali stravolgimenti delle abitudini fin troppo comode e adagiate dei romani, tutte a danno della collettivita'. 
Se non ora, quando?

Caro 10.51
forse non te ne sei accorto ma hai descritto il profilo di Ignazio Marino.
Parola per parola.

Anonimo ha detto...

Me ne sono accorto eccome, ho descritto la parte salvabile del caro Ignazio. Credo che le stesse caratteristiche possano essere cercate in altri candidati, l'importante e' rivolgersi fuori Roma no?
E a proposito, penso che il M5S con il suo #romaairomani ha toppato alla grandissima! #ToglieteRomaAiRomani!

Torino72 ha detto...

Ciao Andrea,

Mi dispiace, ma da "neutrale" devo rettificare cosa stai dicendo,

1)è vero che Milano è pìù piccola di Roma in termini di abitanti e Kmq, ma è dovuto al fatto che non può più crescere in quanto è "circondata", dai comuni adiacenti, non a caso dei corsi che partono dal centro, attraversano più cittadine satelliti.
Se si usasse la politica tedesca, che un comune più piccolo viene inglobato dal più grande, Milano sarebbe il doppio di Roma.

2)e dove sta scritto che se uno ha una residenza in una città più piccola, fai meno chilometri? Prova dal centro a raggiungere le zone industriali.
A Milano arrivano treni di pendolari dalle tratte Torino/Como/Verona/Bologna ogni trenta minuti

3)La differenza sostanziale, tra le due città, è che mentre il centro di Roma, è perennemente intasato per via della presenza sia dei settori governativi che turistici , Milano ha un distribuzione di "presenze" più "smistata" sulla città, e soprattutto 4/5 linee metropolitane.

Possiame fare tutti i discorsi che vogliamo, ma finche non si fanno almeno 5 linee metrepolitane, Roma sarà sempre una delle città più trafficate al mondo (e non per colpa dei Romani)
http://www.quattroruote.it/news/viabilita/2014/06/04/tomtom_traffic_index_2014_palermo_e_roma_tra_le_citta_piu_congestionate_al_mondo.html

Mara ha detto...

mi scuso, non ho letto i commenti precedenti
Ero a milano venerdì e sono ripartita sabato sotto una pioggia torrenziale di quelle che bloccano roma.
Ho trovato una città vivibile anche fuori e dentro la stazione ferroviaria, pulizia, cestini per le cicche ogni 30 metri, marciapiedi transitabili, isole pedonali, taxi rapidi, commercianti gentili. Non parliamo dell'albergo, con la stessa CIFRA A ROMA TI FANNO PULIRE IL BAGNO. Effetto Pisapia? conseguenze expo? civiltà innata?
Non lo so, le differenze sono così abissali che una sola cosa non può bastare a spiegare le differenze. Si, in stazione c'era qualcuno che ti si avvicinava ma non aveva 7 anni e subito si ritraeva. Pochi, pochissimi, comunque.
E non ho visto l'esercito schierato come a Roma, forse si nascondono?
Odio il disfattismo, dico solo quello che ho visto

Mara ha detto...

non so se qualcuno leggerà, a parte i soliti provocatori che si divertono come possono anche su questo sito e non danno alcun contributo aggiuntivo di tipo informativo o cognitivo.
Dico solo che si può andare e tornare da milano in 3 ore con pochi euro.
Se non avessi visto con i miei occhi non sarei intervenuta
Grazie

Anonimo ha detto...

Me ne sono accorto eccome, ho descritto la parte salvabile del caro Ignazio. Credo che le stesse caratteristiche possano essere cercate in altri candidati, l'importante e' rivolgersi fuori Roma no?
E a proposito, penso che il M5S con il suo #romaairomani ha toppato alla grandissima! #ToglieteRomaAiRomani!


Esatto.
Ma solo una persona ceh usa il cervello (il che non vuol dire necessariamente un genio ndr) può arrivare a queste conclusioni...

I miei concittadni romani sono al livello delle scimmie che per delimitare il proprio territorio o semplicemente comunicare si tirano a vicenda le proprie feci..

Anonimo ha detto...

anonimo 1:58 PM grazie, mi sono reso conto di avere un cervello e di essere in grado di usarlo quando ho preso le mie tasse, i miei redditi, le mie due lauree e le cinque lingue che parlo e ho portato tutto nel Regno Unito.
Scimmie dici? Mi ricordo quando ero bambino e mio nonno mi portava a vedere le scimmie a Villa Borghese intente a scannarsi per un secchio di frutta e a tirarsi vicendevolmente le feci, ma ora che mi ci fai pensare non e' che fuori dal giardino zoologico sia tanto diverso: verbalita' gutturale, non verbalita' tutta improntata sulla simulata aggressione e sempre tesa ad intimidire l'interlocutore, la cornice culturale e' prettamente di stampo familistico amorale tutta tesa a massimizzare l'utilita' dei propri parenti-amici a discapito della collettivita'.
Ultimamente alcuni scimpanze' sono stati osservati reiterare comportamenti assimilabili a cerimonie rituali, a riconferma della assoluta sovrapponibilita' dei primati con i romanari.
cordiali saluti,

Anonimo ha detto...

Molti commenti fondati, Milano è minuscola e comunque ha dei mezzi molto efficienti.
Ma la differenza la fa la natura della popolazione.
A Milano c'è gente che sa dove deve andare quando esce di casa.
A Roma è pieno di turisti, studenti e vagabondi appesi all'abbeveratoio sociale.
Ossia è piena di gente che circola senza una meta.
Come si fa sennò a intasare il Lungotevere alle 11 di mattina?

Anonimo ha detto...

adesso basta,

SE SI PARLA DI TRAFFICO ED I FLUSSI DI TRAFFICO, QUALSIASI CERVELLO DOTATO DI QUALCHE NEURONE PRENDE IN CONSIDERAZIONE TUTTA L'AREA URBANO-METROPOLITANA DI UNA CITTà, GIUSTO?
IL COMUNE DI PARIGI FINISCE COLLA PERIFERIQUE (PRIMO ANELLO DI TANGENZIALE), MA NESSUNO MENTECATTO DIREBBE CHE SAINT-DENIS NON SIA PARIGI...
STESSA COSA PER MILANO: IL COMUNE DI MILANO FINISCE IN FONDO A VIALE MONZA, MA NESSUNO ROMANO IGNORANTE PUO' DIRE CHE SESTO SAN GIOVANNI (100.000 ABITANTI), MONZA (120.000 ABITANTI) O COLOGNO MONZESE (50.000 ABITANTI) ED ALTRI MILLE COMUNI E CITTà (ED ANCHE PROVINCE) SATELLITI NON RIENTRANO NELLA CITTà METROPOLITANA DI MILANO.... ALCUNI STUDI FANNO RIENTRARE NELLA MEDESIMA ANCHE PARTI DEL CANTON TICINO CHE SONO A TUTTI GLI EFFETTI PARTE DI MILANO ORMAI!!!

ROMANI:L'AREA METROPOLITANA DI MILANO è LA PRIMA IN ASSOLUTO IN ITALIA E ROMA NON è NEMMENO SECONDA , MA TERZA DOPO NAPOLI.

SEMPLICEMENTE IL TERRITORIO COMUNALE ROMANO è VASTO, MA L'AREA METROPOLITANA DI ROMA COINCIDE PRATICAMENTE COL SUO COMUNE, MENTRE QUELLA DI MILANO (ED ANCHE NAPOLI) SI SPINGE BEN OLTRE I SUOI CONFINI... VE LO VOLETE FICCARE IN TESTA O NO????

QUINDI, AREA METROPOLITANA DI MILANO è ALMENO IL DOPPIO SE NN DI PIU' DI QUELLA ROMANA.

SICCOME NON DICO CAZZATE, ANDATE A VEDERE DATI OCSE (PRIMA ORGANIZZAZIONE ITERNAZIONALE PER COOPERAZIONE E SVILUPPO, SEMRE PER GLI IGNORANTI ROMANI...)

https://it.wikipedia.org/wiki/Aree_urbane_pi%C3%B9_popolose_dell'Unione_europea

ORA, SE ALLE 930 DEL MATTINO DI LUNEDì IL TRAFFICO IN CORSO BUENOS AIRES, CHE è UN'ARTERIA IMPRESCINDIBILE PER ENTRARE IN CITTà DAL QUADRANTE DI NORDEST (DA VENEZIA PER I CAFONI-IGNORANTI ROMANI) è QUELLO CHE VEDETE, è PERCHè A MILANO I MEZZI PUBBLICI SONO OVUNQUE E TUTTI LI PRENDONO E LI USANO.

CHIARO???????

MILANO, I LOVE YOU


Anonimo ha detto...

la superficie del comune di Parigi è di 105 kmq molto meno di quella di Milano... come la mettiamo ora romanacci del menga?

Anonimo ha detto...

è inutile insistere con questi discorsi, finchè si propone Milano come esempio, i romani tirano fuori tutte le scuse perchè si sentono sempre in competizione!

Se tu gli fai un discorso del genere:

PARIGI: 2 229 621 abitanti, area metropolitana: 12 000 000 abitanti
ROMA: 2 867 143 abitanti, area metropolitana: 4 336 251 abitanti

Il romano ti dirà sempre che Parigi è più grande di Roma,

MILANO: 1 344 906 abitanti, area metropolitana: 7 528 000

Il romano ti dirà che Milano è più efficiente perchè è grande come un quartiere di Roma, sono fatti così è inutile insistere!

Neanche se gli dici che la Metro 2 di Milano è lunga 42 KM e la Metro B di Roma è lunga 23,5 KM, riescono a capire!

nave conterosso ha detto...

Vediamo se così gli amici romani capiscono: a Roma l'Atac serve un territorio di 1000 km2 con 2,7 milioni di residenti. A Milano l'Atm serve un territorio...di 1000 km2 (identico) con 2,95 mln di abitanti. Fuori dallì'area Atac ci sono delle bellissime aree verdi e collinari, ma disabitate. Fuori dall'area Atm ci sono...altre case, aziende, industrie, scuole, uffici.
Ora capite che gestire una grande città è possibile? Nessuno indica in Milano l'esempio mondiale da seguire. Ma ritengo che Roma - e i suoi residenti - possano seguirne l'esempio iniziando dal rispetto per le piccole cose

Anonimo ha detto...

Nel trasporto pubblico romano secondo me sono stati fatti errori di progettazione che penalizzano i pendolari: se io arrivo alle stazioni Flaminio, nomentana, tuscolana e ostiense perché per prendere la metro devo camminare un chilometro? Sarebbe poi necessaria una linea circolare: se mi trovo a battistini e devo andare a laurentina o da rebibbia alla anagnina non è pensabile ripassare ogni volta da termini intasando i treni e facendo 40 fermate più

Anonimo ha detto...

In realtà è vero il contrario. Ovvero il trasporto romano è stato pensato proprio per i pendolari. Ovvero quelli che venivano fuori Roma. Bisogna sempre ricordarsi che fino agli anni '60 la maggior parte degli uffici era collocata al centro. Mentre attorno c'erano i quartieri residenziali e periferici. Certi quartieri di oggi erano campagna.
Quindi era pensato per la gente che da fuori veniva a lavorare a Roma, e la sera faceva il percorso inverso. Nella stessa ottica era pensata piazza del Cinquecento, con i pullman ovviamente.
Il problema è che poi tutto è cambiato. Le aree centrali sono diventate più residenziali. Gli uffici per risparmiare si sono portati attorno al raccordo. Vedi esempio lampante delle Tiburtina che contiene in pratica la crema di Finmeccanica in quel di Rebibbia o l'Eur che non vi devo spiegare la gran quantità di uffici che c'è. Però il sistema pubblico è rimasto centro-centrico e settato con l'uscita dagli uffici alle cinque e trenta come i ministeriali degli anni '50 e '60 (quando il vero casino ora comincia dopo le sei).
A scatenare tutto questo la diffusione dell'auto privata, che permetteva sempre di più il raggiungimento da parte del dipendente anche zone - diciamo - un po' fuori mano.
A Roma servirebbe più coesione tra i quartieri periferici e più capacità di chi viene da fuori di spostarsi "girando attorno" al centro e non facendo dentro fuori come uno yo-yo (Che sia la vera ispirazione del trasporto pubblico romano? Coincidenza che andassero di moda in quegli anni? io non credo).
Tra l'altro "svuotando" un po' sarebbe anche più facile per i turisti.

AriAriAriA ha detto...

La vostra visione idilliaca di Milano mi fa quasi sorridere, da ex pendolare Varesotta (50 km ogni giorno, giusto per alimentare la polemica dell'estensione dell'area metropolitana milanese). Da sempre, ma ancor più da quando esiste Area C (cioè da quando il comune ha detto che chi vuole entrare deve pagare), Milano è congestionata all'esterno del centro-città. Chiunque si metta in tangenziale alle 7 del mattino sa cosa vuol dire. Poi arrivi in periferia, lasci la macchina in uno dei parcheggi di interscambio e prendi la metropolitana, ecco perché a Milano ci sono meno macchine. Se invece sei un pendolare che usa i mezzi pubblici, ogni 20 minuti hai un treno che ti porta a Milano.

Ciò detto, il trasporto funziona meglio che a Roma (attenzione, non è perfetto! Anche i pendolari lombardi cristano per i treni soppressi, per le porte rotte e perché metà dei passeggeri non possono sedersi), ma da qui a dire che a Milano non ci sono doppie file, che i commercianti milanesi sono simpatici e che a Parco Sempione non c'è una carta a terra...

chenlina ha detto...

chenlina20160421
ugg outlet
michael kors outlet clearance
ray ban sunglasses
louis vuitton outlet
louis vuitton
coach outlet clearance
coach outlet store online
louis vuitton
jordan 11 concord
michael kors handbags
coach outlet store online
ghd hair straighteners
coach factorty outlet online
michael kors outlet store
louis vuitton handbags
replica rolex watches
coach factory outlet
michael kors uk
jordan retro 3
air jordan 13
michael kors outlet
michael kors outlet clearance
jordan 4
air jordans
beats solo
cheap oakley sunglasses
gucci outlet
michael kors
kobe 10
ray ban sunglasses
louboutin pas cher
cheap oakley sunglasses
cheap jordans
kate spade
cheap oakley sunglasses
michael kors outlet online
oakley sunglasses
fitflops sale clearance
cheap oakleys
cheap jordan shoes
as

Jian Zhuo ha detto...

ugg
oakley sunglasses cheap
hugo boss suits
canada goose
armani exchange outlet
louboutin outlet
adidas superstar
converse uk
ugg canada sale
michael kors
20161121

ShareThis