Le mostruose verande dei ristoranti vista-Fori a Largo Corrado Ricci erano tutte abusive. Oggi i sequestri

9 marzo 2016










Questa mattina la Polizia Locale di Roma Capitale, gruppo Trevi, è intervenuta in Largo Corrado Ricci, angolo via dei Fori Imperiali, per porre i sigilli ad alcuni chioschi e gazebo abusivi, installati abusivamente davanti alle attività di somministrazione.

Il luogo, cuore archeologico della città antistante al Foro Romano, è soggetto a vincolo paesaggistico, e le concessioni per gli esercenti commerciali autorizzano solo il posizionamento di tavolini e ombrelloni a ridosso delle aiuole del giardino.
In questo caso i responsabili avevano creato progressivamente dei veri e propri ambienti chiusi per centinaia di mq. costruendo sopra il suolo, originariamente giardino con ghiaia, pavimentazione con massetto in cemento, installando poi grandi coperture laterali, impianti elettrici e di riscaldamento non solo con stufe a bombola, ma con un vero impianto a gas, installato anche mediante scavi interrati.
Le strutture, completamente prive di autorizzazioni, sono state poste sotto sequestro dai vigili del gruppo Trevi. I titolari responsabili sono stati denunciati penalmente per occupazione di suolo demaniale e inottemperanza al Codice ai Beni Culturali e Paesaggistici, nonché per invasione di terreni e abuso edilizio: riguardo alla parte amministrativa sono state elevate altre sanzioni per l'ampliamento della superficie di somministrazione, in molti casi superiore a quanto concesse: il Municipio poi deciderà ulteriori sanzioni accessorie in base alla relazione degli agenti, che successivamente notificherà ai responsabili una intimazione del ripristino dello stato dei luoghi.
Il panorama tornerà fruibile ai turisti e ai cittadini, che assieme ai monumenti potranno vedere solo tavoli, sedie e ombrelloni autorizzati in aree delimitate. 
Questo tipo di interventi, voluti dal Commissario Straordinario Francesco Paolo Tronca, continuano per combattere gli abusi e ripristinare il decoro in città. 


*Fin qui il comunicato stampa appena diramato dalla Polizia Locale. E poi dice che i commissari non servono. Tronca è moscio a dir poco ma la sua moscezza è sempre mille volte più volitiva della connivenza di qualsiasi primo cittadino preoccupato di perdere voti, sotto ricatto dai suoi consiglieri comunali, prudente contro i centri di pressione, potere o consenso che magari gli hanno garantito o gli garantiranno in futuro l'elezione. E dunque si vanno a mettere le manine laddove per decenni nessuno le metteva. In tutto questo non si spiega per quale motivo proprio sul mondo dei cartelloni, che vale 100 volte di più quello delle occupazioni di suolo pubblico anche solo banalmente in termini economici, speriamo che Tronca anche li apponga la necessaria e imprescindibile fimetta.
Intanto abbiamo Largo Corrado Ricci, una delle zone simboliche della città, che - pur dotata ancora di ben due benzinai (si, signori, a Roma ci sono due benzinai dentro ai Fori Imperiali, per are rifornimento ammirando le Colonne del Tempio della Pace, la Basilica di Massenzio e l'augusto retro del Foro di Nerva), verrà forse liberata dalla immondizia di cui era stata abusivamente ricoperta. 

Resta importante, ma questa sarà la partita del prossimo sindaco, una riforma globale e seria delle occupazioni di suolo pubblico. Anche per superare le follie ideologiche dell'attuale Giunta al governo nel I Municipio. I tavolini all'aperto ci sono in tutto il mondo e costituiscono una ricchezza per la città e un servizio apprezzatissimo dai turisti. Si tratta di gestirli, di trasformarli da problema in opportunità, di dare regole chiare per tutelare gli imprenditori per bene che fanno qualità e che decidono di rispettare le regole mettendo all'angolo i disonesti e chi somministra schifezze ai turisti. Oggi è esattamente l'inverso: bene che inizi a funzionare la repressione, importante affiancarla allo sviluppo.
-RFS

42 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Ve ne brucio subito un po', di commenti scimmieschi:

- AHOO MA STAVENO A LLAVORAAAAA
- AAHOOO MA ALLORA I VIGGILI I DEIFENNETE ADESSO EEEHHH???
- AAHOOO MA QUESTI SO TALIANI, ER POBBLEMA SO I SCINESI E L'EGGIZZIANIII
- AAHOO ADESSO SENZA QUATTRO VERANDE SI CHE LI POBBLEMI DE ROMA SO RISORTI!!!
- AAAHOOO PERCHE NUN PUBBLICHI LI NOMI DE LI LOCALI?
- AAHOOO MA PERCHE' HAI PUBBLICATO LI NOMI DE LI LOCALI? E A PRAIVAASI?
- AAHOO MA NUN DISCEVATE CHE LI TAVOLINI DE LI RISTORANTI ANNAVENO BBENE??
- AAHOO E CHI VE DISCE CHE NUN C'AVEVANO AAA LISCENZA?
- AAHOO MEJO C'HO PPIU SPAZZIO PER PARCHEGGIA O SGUDE!! (AHR AHR AHR)
- A Oslo le verande non ci sono e tutti gli avventori consumano i pasti al freddo (QUESTO NON GRIDA PERCHE' E' RADICAL-DINAMOPRESS-CHIC)

Anonimo ha detto...

Ma nun c'avete niente da fa? Aggente lavoraa
Bene così. Facciamolo a tappeto in tutta la città però

Anonimo ha detto...

Immagino che siano strutture costruite ieri notte, al buio, mentre comune e vigili dormivano. Questa mattina, appena svegli, si sono accorti dell'abuso e sono prontamente intervenuti ...

Anonimo ha detto...

AAHOOOO!!!
ER POBBLEMA NUN SO E VERANDEEE!! ER POBBLEMA SO QUELLI CHE CE MAGNENO!!! IO I METTEREI NGALERA TUTTI QUELLI CHE HANNO MAGNATO DENTRO DE QUELLE VERANDE AHHOOOOO!!!

Anonimo ha detto...


Beh ... che dire? Brillante operazione della Polizia ...
peccato che nell'illegalità ci siano migliaia di esercenti.
Cominciare dai fori mi sembra una buona azione.

Com'è mai però che per decenni nessuno si è accorto di nulla???

Anonimo ha detto...

VIVERE QUI DIVENTA SEMPRE PIU' UMILIANTE E VERGOGNOSO !!!

Anonimo ha detto...

Speriamo che dopo il sequestro, scatti l'abbattimento o la rimozione "spintanea"

urban dreamer ha detto...

Bene ma sulla piaga degli ambulanti abusivi ancora nulla anzi solo passi indietro (vedi San Pietro)

Anonimo ha detto...

Ogni tanto qualche bella notizia non guasta...

Anonimo ha detto...

c'è sempre chi può e chi non può... questi se la sentivano talmente calla da fare addirittura un pavimento abusivo con tanto di impianti, indisturbati per anni, mentre il bar di un mio amico, appena aperto, dopo pochi mesi è stato fatto chiudere perchè sforava di 2 dB nelle emissioni sonore causate dalle voci degli avventori (giuro!).

Anonimo ha detto...

L'edificazione di quelle verande è stata fatta nel cuore di roma, in una situazione di evidenza massima .
Mancavano ovviamente autorizzazioni , ma nessuno bloccò i lavori.
Bene Tronca , hai fatto una cosa buona , te ne do atto , ma ora si persegua chi non ha fatto il proprio dovere .
Se si è potuto edificare nella più completa impunità qualcuno ne avrà pure la responsabilità : che questo qualcuno paghi .

Anonimo ha detto...

Le verande erano mostruose perché non le aveva disegnate Libeskind?

Anonimo ha detto...

"Le verande erano mostruose perché non le aveva disegnate Libeskind?"

Hai dimenticato di citare Oslo.

Anonimo ha detto...

E' verissimo : i tavolini all'aperto ci sono in tutto il mondo e costituiscono una ricchezza per la città e un servizio apprezzatissimo dai turisti.
A Roma sono una rarità i luoghi dove mangiare il gelato seduti e nei grandi parchi scarseggiano le aree ristoro. Città tedesche e austriache, molto più tetre di Roma, risultano più vivaci e giovani proprio perchè tavoli e bar sono più frequenti. Ovviamente va tutto fatto nella legalità. Va invece evitato l'esempio di Via Veneto, diventata, con quei serpentoni di vetro lunghi e chiusi, un triste deserto.

Anonimo ha detto...

Bene l'intervento contro verande abusive, che sono anche brutte da vedere oltre che illegali. Però chissà perché si va sempre a fare il pelo e contropelo a quei pochi che in questa città producono e pagano le tasse. Mai che la polizia vada a rompere i coglioni negli uffici pubblici o agli ambulanti.

Anonimo ha detto...

AGGIORNAMENTO SCIMMIE DA FACEBOOK
=================================

Scusate l'ora tarda ragazzi ma non sono riuscito a resistere!
RFS posta uno scontrino di due turisti spagnoli che hanno pagato 2 cappucci e 2 cornetti SEDICI EURO in un bar di merda vicino alla stazione Termini.

Un normodotato ovviamente capirebbe subito che si tratta della classica truffa ai turisti, perché un romano col cazzo che avrebbe pagato quella cifra.

Bene... CI FOSSE UNA SCIMMIA che abbia fatto questo ragionamento!!!

NOOOOOOO! AAAHOOO MA I PREZZI SO ESPOSTI, ER LIBBERO COMMERSCIO, ER SCONTRINO FISCALE, TUTTO REGOLARE SE PO FA, AO SEI STRONZO TE CHE VAI LI NO? AAHO IO SO STATO A AMSMERDAMME E SCE STAVENO LI PANINI A 30 EURI AAHOOOOOOO!!!!

Perché per le scimmiette TRUFFARE E' NORMALE! Al massimo è da biasimare la vittima che cade nel tranello. Ma biasimare chi fa sti prezzi da ladro ASSOLUTAMENTE NO!

Poi mi fanno ridere tantissimo quelli che dicon "Ahò so ssato allontra e ncaffè ho pagato 3 euri". COME SE IL CAFFE ESPRESSO FOSSE LA NORMALE COLAZIONE DI UN LONDINESE come lo è per un italiano! Cioè sti provinciali demmerda vanno all'estero, non vogliono rinunciare al loro espresso del cazzo, pagano 3 pound e stanno pure zitti!! Con 5 pound ci fai un breakfast che ti dura fino alle 6 del pomeriggio E STI COJONI PAGANO 3 POUND UN ESPRESSO!!!

Ma quanto QUANTO possono esse scimmie? :D


Anonimo ha detto...

I silos per il grano, le discariche e le piscine olimpioniche sono in tutto il mondo, non per questo li piazzano in mezzo agli champs elysée o davanti alla Sagrada Familia.
"In tutto il mondo" è un argomento da scimmie di facebook.
Roma ha il record sia dei tavolini in mezzo alla strada che delle verande.
Nella strada principale di barcellona, quella che parte dalla stazione, non esistono tavolini sui marciapiedi e soprattutto le verande, che sono un'invenzione tipicamente italica, anzi, precisiamo, calabrese.
Anzi, lo si può definire un sintomo.
E qui mi fermo.
Ma se vi fate un giro per Lazio, Umbria, Marche, tra i sintomi di infiltrazioni di ndrangheta ci sono i seguenti: pannelli solari in mezzo ai campi, impianti edili e industriali sui corsi d'acqua, espansione edilizia a valle dei centri montani, incendi, invasione migranti e soprattutto, le mefitiche verande davanti ai locali dei borghi storici.
Del tutto fuori legge, di un cattivo gusto tipicamente cosentino, eppure, misteriosamente, approvati.

Anonimo ha detto...

Ma perché, dal punto di vista della "produttività" quale sarebbe la differenza tra il negoziante, l'ambulante e l'impiegato della circoscrizione che ti fa il certificato di morte?
Così, per far luce sulle caditoie mentali del pensiero unico.

Anonimo ha detto...

Ore 15.17, genio.
Ma vedi che tanto poi li hanno sparati tutti in fila i commenti scimmieschi, fanno finta di niente.
Sperano che i ragionevoli cadano tutti al suolo prima di loro.

Anonimo ha detto...

"Beh ... che dire? Brillante operazione della Polizia ...
peccato che nell'illegalità ci siano migliaia di esercenti."
La parola "esercenti" (sono negozianti, perdinci!)viene usata come equivalente di "santi martiri" o "medaglie al valore", che non vanno toccati nemmeno se intendono cementificare il tevere.
Idea che qualcuno potrebbe prendere in considerazione, perché crea er lavoro, a produttività, er pille.

Anonimo ha detto...

Descrivi i calabresi come fossero dei massoni potentissimi, ma quelli che ho incontrato io non sapevano nemmeno parlare in italiano. Bravi a usare le mani e ad entrare subito in escandescenza, ma col cervello poco fine.

Anonimo ha detto...

Fa ridere che usi il romanesco per parlare di produttività e prodotto interno lordo. Sembra come se il romano medio fosse interessato a queste questioni e non aspettasse la pagnotta dallo Stato.

Anonimo ha detto...

Un po' come i siciliani, dici, che mangiano polpi crudi come i piranas e non riescono a leggere un documento contabile?
http://livesicilia.it/2016/03/09/mafia-scatta-maxi-confisca_724747/
E' difficile che si applichino su riciclaggio speculazione edilizia, e mazzette gli ettore Majorana e i dante alighieri.
Ci si organizzano le mediocrità, dalla notte dei tempi.
D'altronde la massoneria si basa sullo stesso principio, l'articolazione delle nullità.

Anonimo ha detto...

Il segreto è che fanno tutti come se niente fosse.
Salta metro c per sovraccarico di reati?
E' già pronta la d, con lo stesso consorzio!
Si scopre la manipolazione migratoria a fini bellici?
Sguainiamo le bandiere, armatevi e partite!
Multano i verandieri?
Le verande resteranno là fino allo sfinimento dei controllori.
Sgomberano scup?
Eppure su Viale Castrense c'è un via vai di strani soggetti che entrano ed escono dal cancello, aperto, e che vanno piazzando amache, cucce per cani, lamiere...
Togli di qua, metti di là, vince sempre il più ottuso, quello che non ha altro da fare nella vita che tentare di fregare la legge.

Anonimo ha detto...

Mah, la pagnotta dallo Stato a Roma la prendono un po' tutti quelli che si muovono in ambito mafio-imprenditoriale, romani, emiliani, abruzzesi, francesi e bengalesi, chi più ne ha più ne metta.
Non ne farei una questione regionale, sono grandi brand di stampo meridionale immediatamente acquisiti all'estero.

Anonimo ha detto...

Beh, sarà come dici, ma lo spirito imprenditoriale e capitalistico a Roma francamente non l'ho mai visto. Chi produce di solito è visto male e in città domina la mentalità statalista.

Anonimo ha detto...

Col TROLL che si domanda, si argomenta e si risponde da solo direi che siamo al top.

Anonimo ha detto...

Ti rivelo un segreto: il tizio che parla di mafia e massoneria, elogiando carabinieri e destra sociale, non è un troll e ci crede sul serio.

Anonimo ha detto...

Ucciso un Vigile urbano a Napoli dalla camorra.

Gentile Sap, per evitare che quelli a modo che non ammazzano si suicidino, perché non organizzate una petizione pro Tonelli e per il rispetto della Polizia di Stato da parte dello Stato?

Anonimo ha detto...

Dici, altro me stesso delle 23.00? Ma chi è che "produce ?
Metro c produce?
Se lo Stato ti regala 300 milioni di euro anche tu puoi rifarci Roma ex novo.

Anonimo ha detto...

Però, siccome sono sempre io, chissà se mi risponderò.
Drogatoni di casa, a quest'ora di solito già dormono.

Anonimo ha detto...

Metro C è un'opera pubblica. Mi riferisco alla libera impresa, a chi produce denaro e non lo riceve dallo Stato. Sei al corrente che quei 300 milioni di cui parli, lo Stato li ha presi da qualcuno e non li ha creati con la bacchetta magica?

Anonimo ha detto...

No no, i Carabinieri, la Finanza e la Polizia combinano solo guai.
http://www.gonews.it/2016/03/09/maxi-confisca-alla-ndrangheta-ci-sarebbero-anche-immobili-di-cerreto-guidi-e-montecatini-terme/

Ci vuole un movimento di condivisione partecipativa che escluda una visuale fascio repressiva che cassi l'esuberanza delle minoranze afrocubane e delle pugliesi selvatiche.
Anzi, tutti insieme, domani occupy la Questura.

Anonimo ha detto...

Un esempio di libera impresa, fuori Roma?

Anonimo ha detto...

Perché, esiste qualcuno a cui non piacciano i Carabinieri? E' strano se a qualcuno piacciono gli avvocati. I Carabinieri piacciono a tutti.
Quella è produttività, pagata (poco) dallo Stato.
Domani, mi raccomando, l'esatta collocazione del concetto di libera impresa.

Anonimo ha detto...

Scusate, ma OSLO lo hanno gia' detto?

Anonimo ha detto...

Ho scorso un pò i commenti, ed il punto di vista di chi è dall'altro lato della vicenda penso possa essere costruttivo. Chi ha sbagliato PAGHERA' di questo ne sono certo, ma pensate davvero che il sequestro penale (e sottolineo penale) sia un provvedimento congruo al "reato" commesso? Senza falsi moralismi e banali giustificazioni, vi assicuro che la concorrenza alla quale sono sottoposti gli esercizi commerciali nel centro storico di Roma è tutto fuorchè leale, la città è colma di venditori ambulanti, di esercizi senza licenze per l'erogazione di beni alimentari e sempre più crescenti sono i "minimarket" che vendono alcolici oltre l'orario concesso e battono scontrini fiscali con IVA al 4%... non si costruisce senza permessi, lo sottolineo, e chi lo ha fatto PAGHERA'...ma un'operazione di questo tipo è chiaramente volta a fare solo ed esclusivamente scalpore mediatico, colpire volutamente pochi esercizi, solo perchè tra i più in vista NON HA SENSO! Ed il senso è ancor meno chiaro se si legge i verbali dei sequestri in cui si parla di "deturpo paesaggistico" (anche il titolo dell'articolo sopra non scherza "mostruose verande")...beh il senso dell'estetica non è chiaramente oggettivo, io a mio avviso trovo MOLTO più squallidi degli ombrelloni che si ingialliscono al primo sole con appese lateralmente delle tende in plastica (Si, le tende in plastica sono LEGALI e CONCESSE dal Comune), senza considerare che negare la possibilità di inserire delle strutture chiuse che si armonizzino con l'ambiente circostante significa solo negare ad un turista di fermarsi in quella zona per pranzo, in quanto nella stragrande maggioranza vista la posizione si tratta di piccoli locali commerciali, che non hanno spazio interno.

ah... consiglio a tutti vivamente di farsi un giro in via dei Fori Imperiali oggi o nei prossimi giorni...constaterete di persona come il decoro urbano sia stato ripristinato...di verande mostruose non ce ne saranno più a breve, ma al momento a godere dello straordinario intervento di pulizia sono solo ed escludivamente degli splendidi e armoniosi caravan posizionati su tutta la via...

Anonimo ha detto...

incredibile...
non era facile accorgersi di tali abusivismi in una zona così poco frequentata e così nascosta anche all'occhio più indiscreto.
i locali sono di fronte al monumento più visitato del pianeta, ad un incrocio con tanto di gabbiotto fisso dei vigili urbani, interessato alla quasi totalità degli eventi culturali, di sicurezza, sportivi, civici o musicali da decenni e decenni nella città.
ma tutto questo non ha impedito alle autorità comunali di scovare tali fraudolenze.
complimenti vivissimi!

Anonimo ha detto...

Condivido Anonimo delle 3:29 PM ed il successivo 4:49PM
Aggiungerei a quello che ha scritto riguardo al decoro urbano deturpato sempre in via dei Fori Imperiali e non solo, ebbene tutte quelle "orchestrine" che con i loro"suoni" deturpano l'ambiente ed il godimento di quanto circonda il visitatore.
Ma perchè questo modo di deturpare non viene perseguito?

Anonimo ha detto...

La veranda è un espediente per ampliare abusivamente gli spazi del locale.
E' una trovata tutta italiana, a Parigi non verrebbe in mente a nessuno di edificare un gabbiotto vitreo su una via qualunque.
A prescindere dalle surreali graduatorie sull'orrore - "e se c'è quello perché quell'altro no?" - una cosa è concedere l'impianto di un elemento rimovibile, una cosa è concedere l'impianto di una struttura stabile.
Se sul terrazzo condominiale o in spiaggia mettete il vostro schifoso ombrellone nessuno vi multa, se montate una veranda senza autorizzazione è un abuso edilizio.

Anonimo ha detto...

Anonimo 12:05

è molto diverso l'utilizzo ad uso personale (ombrellone in spiaggia) e quello ad uso "pubblico" (passatemi il termine), Roma è una città che potrebbe tranquillamente vivere solo ed esclusivamente di proventi da turismo e penso quindi sia un dovere di tutti assicurare a chi porta soldi il massimo dei servizi.

Smettiamola inoltre di fare insensati paragoni...Parigi,Londra,Berlino... non sono Roma! smettiamo di pensare che gli altri siano sempre migliori e che le scelte prese in contesti completamente differenti possano essere facilmente replicate in una città complessa come Roma! tra l'altro senza fare stupide polemiche la tanto osannata Parigi, nelle zone più battute dal turismo vende 1/2 litro di acqua Evian a 5€!

Ultimo appunto sulle "graduatorie": non sono SURREALI, il presupposto fondante alla base di una buona gestione economico/sociale è definire delle PRIORITA' di intervento!

Anonimo ha detto...

perché RFS si deve abbassare a fare la pubblicità al CANCRO di Roma ?
perché RFS considera la propaganda altrui o la stampa ufficiale migliore dell'informazione che lei produce ?

ShareThis