Non a caso il luogo perfetto dove pianificare un attentato. Ecco cosa succedeva ieri sera a Termini

11 marzo 2016

Prima di snocciolare le mille considerazioni e determinazioni che comunque snoccioleremo fermatevi un istante, guardate questo video come se non conosceste i luoghi e pensate alla tante, tantissime persone per le quali queste immagini sono le prime immagini di Roma. Di più. Le prime immagini d'Italia. Arrivi all'aeroporto da Sydney o da Chicago, prendi il treno, approdi a Termini, esci e ti si para davanti questo.
Una strada buia, il caos più totale, le forze dell'ordine con il fucine spianato che scherzano in capanelli con gruppi allucinanti di tassinari mafiosi appollaiati in divieto ai lati della stazione, autobus bloccati, traffico impazzito, gente che corre da una parte all'altra per spostare la macchina. Immaginatevi un imprenditore straniero che arriva a fare un sopralluogo, che vuole comprare degli alberghi in città, che vuole decidere se aprire qui o invece a Firenze un negozio della sua catena, che vuole  impiantare qui, piuttosto che a Milano, la sede della sua filiale europea. Provate a entrare nelle sensazioni di queste persone. Persone che esistono e sono migliaia. Migliaia ogni giorno. 

Detto ciò guardate che roba. Guardate cosa è successo ieri sera a Via Giolitti. Pensate a quanto servivano, seppur abbandonati negli ultimi giorni, i newjersey bianchi e rossi che fino a qualche giorno fa erano posizionati anche se alla rinfusa su questa strada impedendo alla massa di decerebrati sottosviluppati di fare quel che vedete nelle immagini. Auto in tripla fila, autobus bloccati per minuti e minuti, traffico congestionato all'inverosimile, tassisti abusivi padroni della scena. Uno scenario postatomico con Carbinieri e Esercito lì a guardare. Proprio nei giorni in cui un imam viene arrestato in Molise perché stava pianificando un attentato alla Stazione Termini, la Stazione Termini viene lasciata in questo stato di incredibile abbandono, alla mercé della peggiore cittadinanza che vi sia in Italia, nella totale impossibilità, tra l'altro, di essere servita da mezzi di soccorso, autoambulanze, vigili del fuoco. Pensate se mentre abbiamo girato questo video fosse scoppiato un incendio, o deflagrato un ordigno.

Alla fine di questo video più perché aveva visto qualcuno (noi) che filmava la scena incredibile che per reale convinzione, un Carabiniere si è messo a dirigere il traffico facendo togliere almeno le auto in terza fila. Una roba davvero umiliante per l'Arma: un corpo che dovrebbe occuparsi di cose più serie che cacciare via degli inguaribili coatti così dannatamente sottosviluppati da non capire che a 20 metri da lì la Stazione ha messo a disposizione un gigantesco parcheggio gratuito.

Auguriamoci davvero che le migliorìe sull'arredo urbano arrivino presto e siano risolutive. I romani inizieranno il loro lungo processo verso la normalità, l'evoluzione umana e la civiltà a partire da quel momento in cui si renderanno conto che gli spazi comuni, le aree pubbliche e le parti condivise della città non sono la loro pattumiera e non sono a disposizione delle loro prepotenze senza conseguenze. Quando iniziamo a farglielo capire? Prima di allora qualsiasi progetto sarà impensabile e velleitario.

51 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Al romano medio l'idea dell'imprenditore che viene ad aprire negozi, filiali e alberghi a Roma lo inorridisce, inizia a parlare di speculazione e di sfruttamento... si sa, lui se non c'è lavoro si arrangia subito con i sistemi che ben conosciamo: il minimo sforzo con il massimo vantaggio è la base del sua essenza.

Anonimo ha detto...

al Romano medio gli piace il mercatino della monnezza e del rubato, gli piace il caos generale, la monnezza la butta per strada così come le lavatrici, frigoriferi e altre suppellettili, parcheggia come gli pare, insolente e maleducato....come può cambiare la città diventata oramai una fogna sudicia e puzzolente

Anonimo ha detto...


Se ci sarà un attentato non avverrà ad opera di sedicenti terroristi ma da parte di chi vuole seminare in patria paura e caos, anche se a Roma non ce ne sarebbe davvero bisogno ...

Anonimo ha detto...

sembrerebbe che ci sia "qualche" coglione che ancora non ha capito che a p.zza dei Cinquecento c'è un immenso parcheggio GRATIS per i primi 15 min. pensato apposta per accompagnare la gente alla stazione...

Anonimo ha detto...

Dimenticati i taxisti abusivi che ti accolgono ( anche a Fiumicino) con: taxi, taxi..neanche in Burundi......

Anonimo ha detto...

Ahò ma che fastidio te da' si lascio er suvve scingue minutini ntripla pe pijamme ngaffè? Che mo nun sce sta più er diritto aaaa colazzione? E poi nun do fassidio a nisuno! Si l'auti se bloccheno vordì che er autista nu è capasce, perché sce passa aahooo!
Piuttosto penza che pe fa sso video hai attraverzato dove nun sce staveno e strisce, per cui er blogghe è illegale e o devi da chiude ahò!
E ricordete che i cordoli so pericolosi, na vorta mi cuggino pe sorpassa ncontromano a 110 su o sgude stava pe fini su ncordolo. Per fortuna che nun c'aveva er casco così s'è accorto subbito der pericolo e ha potuto evità quella stronza de vecchia che attraverzava su eeee strisce! I cordoli so criminoggeni ahò!
Comunque tu cacate nmano, datte na pizza, ammazzate e fatte na sgobada.
E ricordate che i pobblemi nun zo questi! I POBBLEMI SO ARTRI!

Anonimo ha detto...

L'altro giorno hanno arrestato in Molise un imam che stava pianificando un attentato a Termini...ma quanto poteva essere cojone questo? Termini e' talmente degradata e senza controllo che qualsiasi malintenzionato puo' andare li e fare una strage senza bisogno di pianificare niente, si confonde nella folla di musulmani totalmente incontrollati che affollano la stazione (dentro e fuori) e via...

Anonimo ha detto...

Ormai a termini basta dire "BUUMMM" a voce alta, il resto lo farà il solito caos

Marco1963

Anonimo ha detto...

la soluzione è rasare al suolo la mentalità di un intera città....e iniziare ad educare i nuovi feti cagati dalle baldracche romane

Mara ha detto...

non sappiamo a quale regione italiana o etnia straniera appartenga chi contribuisce al degrado. Dire che sono i romani a crearlo è falso e riduttivo, aiuta solo chi ha voglia di fare sterile polemica. Spero che almeno si diverta a storpiare il dialetto di Trilussa dato che i contenuti sono luoghi comuni di bassissimo profilo e soprattutto di utilità nulla.
I capannelli di chiacchiere di chi dovrebbe vigilare sono veri purtroppo, io ci passo tutti i giorni due volte al giorno. Il caos del video è nulla rispetto a quello delle 8 o delle 18.
Troppa zona commerciale, troppo poco transitabile, nella folla accalcata è più facile il furto. Esistono bancarelle e negozi che sono centri di convergenza "critici". Occorre sfoltire ed eliminare il motivo di convergenza. Ci sono troppe competenze diverse che intervengono in quella zona, sembra manchi una autorità di coordinamento. Dico sembra, non sono informata
Grazie

Anonimo ha detto...

Un kamikaze dell'ISIS alla vista della stazione Termini direbbe "eh no regà, così è troppo facile, non c'è proprio gusto".
E andrebbe a farsi esplodere a Oslo.

Anonimo ha detto...

nell'attesa del treno mi dono fatto un giro fuori dalla stazione e mi chiedevo se mi trovavop in Italia!!! Inutile commentare la pattuglia di vigili al calduccio della propria macchina mentre fuori il caos è totale... !!! ROMA FA SCHIFO PERCHE' A MOLTI FA COMODO COSI' !!!

Anonimo ha detto...

AHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!!
AAHOOO E' ARRIVATA ANCHE LA SCIMMIA MARA!!!!
BENVENUTA MARA!!!

C'ha pure portato elementi originali di discussione! Roba da think tank internazionale!

"non sappiamo a quale regione italiana o etnia straniera appartenga chi contribuisce al degrado"
AAHOOO ER DEGRADO O PORTENO ZINGHERI E TURISTI!!!

"Dire che sono i romani a crearlo è falso e riduttivo"
AHAHAHAHAHAAHAAHAH AAAHOOO!!!! LI ROMANI VERI NUN SCE STANNO PPIUUU AAHOOOO!!! SO TUTTI CALABBRESI E NAPOLETANI AHOO!!!!

" storpiare il dialetto di Trilussa "
AAHOOO LI ROMANI NUN PARLENO COSI AAHOOOO!!! VABBE AMMERDA FINO AR COLLO, MA NUN DEVI DA STORPIA ER DIALETTO ANAGABIDO???

"Troppa zona commerciale.Esistono bancarelle e negozi che sono centri di convergenza "critici". Occorre sfoltire ed eliminare il motivo di convergenza."
AHAAHAHAAHAHAAHAAH AAAHOOOOO!!! ER POBBLEMA LI SO I NEGOZZI ANAGABIDO??? A DOPPIA FILA COR PARCHEGGIO GRATISE A 10 MT E NORMALE, ER POBBLEMA SO I NEGOZZI SOTTO TERMINI CHE FANNO A CONVERGENZA AAAHOOOOO!!!!

" non sono informata"
Se non sei informata statte zitta, scimmia, che hai sparato le solite cazzate da romanara cerebrolesa.



Anonimo ha detto...

"non sappiamo a quale regione italiana o etnia straniera appartenga chi contribuisce al degrado. Dire che sono i romani a crearlo è falso e riduttivo"

eh signora mia, il problema di Roma è che NON CE STANNO PIU' I ROMANI!
Sai chi la diceva questa cosa? Un caratterista in "Roma" il film di Fellini (1971)... era falso allora, com'è falso oggi.

Anonimo ha detto...

gli autisti (di Atac e di Ama) devono essere equiparati ai vigili urbani nel poter rilevare infrazioni al codice e poterle sanzionare.
E a chi blocca l'autobus o il compattatore, una bella denuncia PENALE per interruzione di pubblico servizio.
Ce semo proprio rotti er cazzo de ste merde

Anonimo ha detto...

Io vorrei anzitutto capire cosa c'entra il terrorismo, o magari la minaccia di una bomba, con la sosta e la fermata irregolare.
Chi volesse fare un attentato potrebbe scegliere migliaia di obiettivi dove ci sono tantissime persone in pochi metri: un treno della metropolitana, un cinema, la fila in una biglietteria ecc. ecc. Questo è quanto avvenuto a Parigi, e la doppia fila delle macchine non c'entra nulla.
E allora sembra proprio che si voglia portare argomenti a sostegno di una tesi preconfezionata, sulla quale evidentemente si sta investendo molta della propria capacità di persuasione.

No, i cordoli di marmo che tanto piacciono NON sono arredo urbano. Sono parte integrante della segnaletica stradale e devono perciò essere realizzati secondo il Codice della strada. Quelli in via di realizzazione a Via Giolitti sono tecnicamente fuori legge.

No, non possono sostituire l'azione dei Vigili, o delle Forze di polizia in genere. Il cafone che si ferma, con le doppie frecce, per aspettare il parente che arriverà col treno, in assenza di una sanzione certa continuerà a farlo. L'idea che siano gli altri automobilisti, rimasti bloccati, a doversi fare giustizia da sé è primordiale.

E, infine, no, non si può affrontare il caos totale della zona della Termini pensando a micro interventi settoriali. Voglio ricordare che fino a poco tempo fa c'erano gli ambulanti fissi sulle banchine degli autobus. Altro che "arredo urbano", solo un'azione repressiva forte e costante della Polizia, ovviamente preceduta da ordinanze sindacali, può combattere il degrado.
E se servono i Carabinieri, usiamo anche quelli, perché il controllo del traffico lo fanno in tutta Italia, e non per questo ne sono sminuiti nel prestigio.

Anonimo ha detto...

Infatti nella civilissima Parigi non sono riusciti gli attentati...

Anonimo ha detto...

"Infatti nella civilissima Parigi non sono riusciti gli attentati..."

Signori tanto di cappello a un così eclatante esempio di analfabetismo funzionale!
Tu gli spieghi che evitare il caos per strada serve ANCHE a prevenire eventuali azioni terroristiche.
Lui capisce che se non c'è la doppia file ALLORA SICURAMENTE non ci saranno attentati. E ti risponde "e allora appariggi? la è scivile ma ce so stati l'attentati!".

La conclusione quindi è che la doppia fila va bene.

Scimmia!

Anonimo ha detto...

Un particolare tra i tanti voglio evidenziare del filmato : il buio. Il buio pesto che avvolge Roma. I monumenti sono quasi tutti nelle tenebre, salvo alcuni fortunati casi. Le vie dove abitano i cittadini immerse nell'oscurità. Hanno depredato le casse e poi ci parlano di rismarmio energetico. L'immondizia è ovunque e ci parlano di inquinamento luminoso. Luce , invece, è sicurezza - per le donne e gli anziani soprattutto - oltre che segno di vitalità e di attività economica. Serve una campagna per far risplendere questa città, riacciuffandola dalle tenebre in cui l'hanno piombata quei sapientoni che ci hanno governato.

Anonimo ha detto...

Buongiorno anche al TROLL EX PULOTTO, che stamattina deve esse caduto su un cordolo de marmo perché lo aveva scambiato per segnaletica orizzontale!

"Io vorrei anzitutto capire cosa c'entra il terrorismo, o magari la minaccia di una bomba, con la sosta e la fermata irregolare."

Ma non so... tipo puta caso uno riempie un furgone di tritolo. Poi lo parcheggia n'attimino ndoppia davanti a Termini, che tanto nun da fassidio a nisuno... Se sa che può farlo indisturbato magari lo fa... però non so è solo una ipotesi eh? Troll del cazzo.

Anonimo ha detto...

"evitare il caos per strada serve ANCHE a prevenire eventuali azioni terroristiche"

Ma cosa c'entra il caos per strada col terrorismo?
Terribili attentati ci sono stati nella ordinata Oslo, a Parigi, a Londra, nella metro di Tokyo, in tante città degli Stati Uniti.
E ci sono stati nelle caotiche Damasco, Beirut, Il Cairo.
Le due cose sono del tutto scollegate.

Parliamo di traffico e di sosta abusiva, ma non tiriamo in ballo il terrorismo, per favore, che serve solo a confondere le idee.

Anonimo ha detto...

"nella ordinata Oslo"

AHR AHR AHR OSLO! AHR AHR AHR
Crepa, troll!

Anonimo ha detto...

Gli attentati dello pseudo terrorismo sono strumenti congegnati dai governi per dare avvio alle guerre, dall'inizio del Novecento a oggi. Così come gli orrori perpetrati ai danni delle vittime vengono scientificamente studiati e poi manipolati in funzione economica e di spartizione.
Vox populi bancarii vuole che per un domani non si sa quanto lontano sia programmata una guerra in Italia.
Se in questo domani non si sa quanto lontano un imam, su imput della petrol family, darà l'avvio alla guerra "santa" contro i Cattolici infedeli (...), e tutti i musulmani apparentente inoffensivi d'Europa si rivolteranno a sorpresa contro i paesi ospitanti, bè, te saluto core. Ecco perché i ragazzini arabi fanno discorsi di conquista agli spaesati coetanei italiani.
Se si volesse, anche il sindaco di Frescacciaro al Monte sarebbe in grado di riordinare la viabilità di termini.
Ma "si volesse" il casino.
Da questo punto di vista è molto più realistico il quarto segreto di Fatima che le correnti interpretazioni socio-politiche dei disordini romani.

Anonimo ha detto...

Il pobblema sono gli scci kimiki del NWO!
KIVIPAAAAKAAAAAA!!1!!!1!

Anonimo ha detto...

E questo disordine trova addirittura teorizzazione giuridica nella cosiddetta teoria ordinamentale.
Cito senza menzionare l' autorevole autore, per clemenza verso l'idiozia umana: "...non più statualità del diritto, come nella dommatica e nella mitologia della modernità, ma semplicemente socialità, sua schietta socialità."
"...un diritto vivente germinato nella esperienza quotidiana della vita sociale, magari gremito di fattualità nella spontaneità della sua genesi sociale, senza dubbio non autoritario, però... " ecc. ecc.
Senza mai dimenticare lo scappellamento a destra.
Altro che cordoli, kefie e girotondi, possibilmente fattuali.

Anonimo ha detto...

In questa temperie neomedievalista e anti-statuale, in cui ciascuno si vuol scavare in pace la nicchietta di affaracci suoi,
per carità, guai a chi fa rispettare le regole.
Si rischia di "ridurre drasticamente la complessità" dando vita a "uno pseudo-ordinamento di indole poliziesca".
Onde evitare questa deprecabile deriva "statalista-poliziesca", macchina minimo in terza fila, mi raccomando.
E' proprio vero che la storia è la storia degli imbecilli.

Anonimo ha detto...

Come quasi sempre, i ragionamenti proposti su questo sito sono sbagliati. Un imprenditore straniero che arriva a Termini, capisce immediatamente che Roma è una città perfetta per fare affari: zero regole, zero controlli e quindi sarà invogliato ad investire adattando il suo business alle condizioni ambientali. Provate in Corea del Nord ad avere lavoratori in nero o a non dichiarare qualche spicciolo di profitti: se va bene vi processano e vi fucilano nel giro di una settimana, se va male finite in un bel campo di lavoro e vi rieducano per tot anni. Questo è un Paese libero e, a Roma, la libertà è ad uno stadio particolarmente avanzato, scevro da lacci e lacciuoli che tanto piacciono ai comunistoidi.

Anonimo ha detto...

"Ma non so... tipo puta caso uno riempie un furgone di tritolo. Poi lo parcheggia n'attimino ndoppia davanti a Termini, che tanto nun da fassidio a nisuno... Se sa che può farlo indisturbato magari lo fa... però non so è solo una ipotesi eh? Troll del cazzo."

Quindi il terrorista che vuole uccidere centinaia di persone, e magari crepare pure lui, rinuncia a fare l'attentato perché se lascia il furgone in doppia fila gli fanno la multa?
Chi gliela fa, se abbiamo deciso che i vigili tanto non ci sono?
Oppure il terrorista di spaventa perché ci sono i cordoli e gli automobilisti in coda che gli suonano?

Ma che vi dovete inventare per giustificare questa cretinata?

Ma non si può semplicemente dare un appalto a una società privata e far rimuovere le auto, prevedendo un lauto guadagno su ogni intervento?
Non si può adibire una quindicina di posti del parcheggio di Piazza dei Cinquecento a deposito delle auto rimosse, in modo che con solo un carro attrezzi si possa fare un intervento ogni dieci minuti?
Non si può mettere uno Street Control permanente, presidiato da una coppia di vigili che non devono neppure uscire dalla garitta per fare le multe?

Anonimo ha detto...

Ma ogni volta è la solita cantilena : immaginate uno che vuole venire a investire a roma....
Se a uno che vuole investire gli sta bene così ci adattiamo a vivere in un caos del genere ?
Le esigenze dei normali cittadini che vorrebbero vivere in una città normale non contano nulla ?
alcuni di rfs sono sempre li a sperare di poter supportare affari o investimenti , ma una città in primis dovrebbe essere un posto dove ci si possa vivere decentemente , e non essere SOLO un opportunità per pochi di fare quattrini.

Anonimo ha detto...

"Quindi il terrorista che vuole uccidere centinaia di persone, e magari crepare pure lui, rinuncia a fare l'attentato perché se lascia il furgone in doppia fila gli fanno la multa?"

MWUAHAHAHAHAHA maledetto TROLL del cazzo :D
Crepa!

Anonimo ha detto...

A scemo ancora non hai capito? La macchina per fare un attentato deve stare ferma!
Se il traffico deve scorrere perché se te fermi lo blocchi l'attentato - almeno fuori da Termini - non lo puoi fare. Certo potresti mettere una macchina in un posto regolare. Ma riducendo le macchine perché non c'è la doppia fila è più facile controllare le situazioni sospette. Tipo "toh guarda quel furgone ha la targa nella lista dei veicoli rubati". Capito!?

Poi il cordolo è de cemento perché quelli di plastica incivili come sono i romani li spaccano in tre settimana a forza di cercare di scavalcarli lo stesso. Perché quelli che dici tu ti aiutano a stare nella carreggiata ma li puoi superare. Che caspio li mettiamo a fare di plastica?

Poi il parcheggio lo devi pagare. Non che stai in doppia fila. Perché quei soldi servono anche far pagare cose tipo gli stipendi ai vigili e a rifare l'asfalto.

Che poi i vigili comodi nel gabbiotto non li vogliamo, perché altro che a fare le multe. Quelli si guardano la partita belli al caldo e pure pagati. Li vogliamo a camminare nelle strade attorno, non solo a Giolitti o Marsala a fare multe senza pietà a tutti. Capito!?

Anonimo ha detto...

ao fermi tutti stanno pe fa l'addendadoooooo

Anonimo ha detto...

Ma cosa s'inventa mai?
La macchina deve stare ferma per fare l'attentato? Dove, quando? Le auto-bomba sono quasi sempre in movimento, e più velocità hanno, più effetti producono.

E poi, se ti fermi e blocchi il traffico, dov'è il problema? Ti fischiano? ti suonano? e allora? Stai per farti esplodere, che t'importa se ti suonano! Anzi, se ti fermi e blocchi il traffico ci saranno molte più auto nello stesso spazio e quindi molti più morti.

Ma dove sono i cordoli, nelle strade davanti agli obiettivi sensibili? Perché non ci sono davanti all'ambasciata americana a Via Veneto? O davanti ai Ministeri? O ai tribunali? Se davvero fossero utili, com'è che non ci sono altrove?

E ancora, avete idea di cosa accadrà al primo, semplicissimo incidente? Non serve il morto, solo un leggero tamponamento e i due automobilisti che si fermano a discutere.
E dietro decine di auto in coda, bloccate dentro la corsia invalicabile grazie al cordolo. E cosa si fa allora? Decine di auto a fare retromarcia, su Via Giolitti?
E se in coda ci fosse anche un solo pullman? Anche lui a fare retromarcia per 100 metri, dentro una corsia di tre metri?

Per questo semplice motivo il Codice OBBLIGA ad adottare cordoli "sormontabili".
Se si vuole impedire sosta e fermata, ci sono mille altri sistemi, legali ed efficaci.

Anonimo ha detto...

d'accordo con la prima parte , per quanto riguarda l'incidente , sai cosa succederà ?
Si bloccherà tutto , esattamente come succede oggi ma senza incidente ...

il discorso dei cordoli sormontabili : come funzionino lo abbiamo visto con le borchie alemanno . Guarda in viale libia come viene impedita la sosta illegale ...fosse per me metterei le bande chiodate

Anonimo ha detto...

CORDOLI IN CEMENTO E PARAPEDONALI IN TUTTA ROMA! IN TUTTA ROMA!!!

Anonimo ha detto...

In Germania il traffico è sempre stato ordinatissimo, eppure c'è stato l'olocausto. Come la mettiamo?

Anonimo ha detto...

In Germania il traffico è sempre stato ordinatissimo, eppure c'è stato l'olocausto. Come la mettiamo?

Il primo è un riferimento ad oggi, l'altro un evento di 50 anni fa.
Inoltre qui nessuno sta dicendo che l'ordine sistema tutti i mali.
Immagino che tutt'oggi a NY ci siano borseggi, rapine, truffe e omicidi esattamente come a Roma. Ma almeno aiuta a impedirne un po'. Se un posto è bello ci si dovrebbe sentire più invogliati a conservarlo. Se stai in un posto dove senti in continuazione clacson che suonano, botti d'incidenti, gente che grida e non ti puoi distrarre neanche un attimo che qualcuno ti fruga nella borsa credo che concorderai sia meno accogliente almeno. Ho descritto le strade fuori Termini sia chiaro

Diego ha detto...

beh diciamo a più di 70 anni fa, almeno sull'aritmetica evitiamo la solita superficialità all'italiana.

Anonimo ha detto...

50 anni sono pochini negli anni 60 non ci sono stati olocausti in germania ....

Anonimo ha detto...

dove sta il gigantesco parcheggio gratuito?
grazie

Anonimo ha detto...

http://www.romatermini.com/it/servizi/dettaglio/parcheggio-roma-termini-piazza-dei-cinquecento
l parcheggio di Roma Termini accessibile da Piazza dei Cinquecento dispone di 150 posti auto videosorvegliati. Aperto tutti i giorni dalle 6 alle 24, può essere utilizzato gratuitamente per 15 minuti come servizio Kiss&Ride. Successivamente viene applicata una tariffa oraria o giornaliera, così strutturata:

Dalla 1a alla 3a ora: 2,20 € per ora o frazione

Dalla 4a alla 9a ora: 1,70 € per ora o frazione

Dalla 10a ora tariffa giornaliera da 18 €.

Anonimo ha detto...

Ma dai, un parcheggio gratuito a 20 metri, 20 metri son tanti, non mi va, voglio poter parcheggiare direttamente sotto le pensiline.

Anonimo ha detto...

Forse si fa riferimento al parcheggio di Piazza dei Cinquecento. Solo che dista alcune centinaia di metri dall'atrio della stazione, e per raggiungerlo bisogna attraversare a piedi prima le corsie dei taxi e poi una parte del parcheggio dei bus.
Per una persona giovane è una passeggiata di 5 minuti, ma se c'è un bambino o una persona anziana, o magari una valigia, diventano almeno 8.
Sono pochi, comunque, ma come si fa ad andare e tornare in 15 minuti?
Inoltre, da mezzogiorno alle cinque circa non c'è personale sul posto. Solo una cassa automatica, assediata da una banda di rom, più volte denunciati ma sempre lì.
La sera, per il buio quasi totale, è luogo di spaccio e di prostituzione.

Poi c'è un parcheggio più piccolo su via Marsala. Questo è vicino, ma ancora peggiore in termini di sicurezza dato che "vivono" sul marciapiede che ad esso conduce decine di sbandati e ubriachi, oltre alle centinaia di vagabondi che vanno al ricovero della Caritas, astutamente collocato lì.

Meglio di niente, ovviamente, ma molto molto poco per qualunque città civile e moderna.

Anonimo ha detto...

questa è la visione dall'alto:

https://www.google.it/maps/@41.9023584,12.5006169,384m/data=!3m1!1e3?hl=it

La distanza, come si vede è di circa duecentometri dall'interno della stazione, ovvero almeno trecento dai binari.
E non direi proprio che sia "enorme", se si pensa che Termini è la seconda stazione d'Europa per traffico.

Anonimo ha detto...

Se un terrorista facesse esplodere una bomba a Termini... rischierebbe de mette apposto!

Anonimo ha detto...

Ma se un terorrista infilasse un cordolo di marmo nell'ano del TROLL?

La smetteremmo di parlare di autobomba sotto un post che parla di sosta selvaggia?

Anonimo ha detto...

Non ti rendi proprio conto di essere tu la scimmia su questo blog? Sei l'unico che sbraita e si agita, mentre intorno la gente discute civilmente. E ora avanti col tuo teatrino scimmiesco.

Anonimo ha detto...

Cazzarola, Romafaschifo con 'sto video mi farà risparmiare 'na barca de sordi! Per le prossime ferie infatti stavo giusto pensando ad un viaggio in India, ma a questo punto mi basta spendere un Euro e mezzo per andare a Termini, e respirare così le stesse atmosfere di Calcutta o Nuova Delhi! Peccato non ci siano le vacche sacre in mezzo alla strada, ma chissà, magari tra non molto ci saranno anche queste! Ahahahahahah!!!!

Anonimo ha detto...

Mi pare condivisibile la teoria secondo cui nessuna autobomba potrebbe far peggio.
Per il resto, quando si lascia tutto volutamente alla ventura, centinaia di sbaraccati sotto le tettoie di via Giolitti, i parcheggiatori abusivi, gli ubriachi con le bottiglie davanti alla Chiesa, vien da pensare che pure la macchina in doppia fila faccia parte di un'auspicata scenografia pre apocalittica, in cui eventuali attentati vengono di molto agevolati.

Anonimo ha detto...

E niente TROLL, t'hanno lasciato da solo a parla' di autobombe.

Anonimo ha detto...

Finalmente un commento intelligente.

ShareThis