Olimpiadi. Il logo di Roma 2024 confrontato ai loghi delle altre città. Che ne pensate?

15 dicembre 2015







Eccoli qua sopra alcuni dei loghi delle città candidate a Roma 2024. Ci sono anche i loghi delle città che nel corso dei passati mesi hanno decisi di ritirare la candidatura. E sotto c'è il nostro. Noi lo giudichiamo scontato e banale: la nostra città ha estremo bisogno di affrancarsi da una vulgata che la vede con dei simboli immodificabili da migliaia di anni. Una grande città è tale se è capace di crearsi dei nuovi simboli o comunque di non campare di rendita da quelli che ha. La cosa più curiosa è che leggendo tutti i giornali e tutte le agenzie non risulta da nessuna parte il nome dell'agenzia che si è occupata di realizzare il logo, del costo che il logo ha avuto e il bando che eventualmente è stato pubblicato per scegliere la creatività. Mistero.
Ad onor del vero bisogna dire che questo è il mero logo di candidatura, poi in caso di assegnazione a Roma dei giochi ci sarà il logo ufficiale dell'Olimpiade, che sarà un altro. Speriamo meno banale e scontato.

70 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

mamma mia ma è tutto nero per voi?
ma perchè quello di san francisco che ha di originale?
e quello di LA?sembra un modello di scarpe adidas...

ma dovete per forza dare fiato alle trombe?
a volte fate tenerezza...

Anonimo ha detto...

Il più bello tra quelli da voi mostrati.

Anonimo ha detto...

non c'è dubbio il migliore

Anonimo ha detto...

E' sicuramente il più bello.
Non si può sempre e solo criticare per partito preso.

Anonimo ha detto...

ma a S.Francisco quanto je ne fregava de partecipà?

Anonimo ha detto...

No alle olimpiadi a Romamafiacapitale...
Non vogliamo pagare altre tangenti ai politici ,,, non vogliamo altri sprechi di soldi pubblici ...
Romamafia capitale si deve candidare alle olimpiadi dell'onestà per eliminare i carrozzoni aziendali di atac ama metro ...

che il comitato olimpico abbia pietà del popolo italiano!

Anonimo ha detto...

Concordo è il migliore ! Piuttosto alcuni degli altri mi sembrano veramente impresentabili ! Mah !

Anonimo ha detto...

Ma io dico...ma puoi chiede una cosa del genere ai romani? Ovvio che preferiscono quello più semplice, quello più banale. Quello di Roma è più facile da capire perché è figurativo, non è brutto, è vecchio. Ti aspettavi una rivoluzione?

Anonimo ha detto...

C'è da dire che a parte Washington e Roma tutti gli altri sono fatti alla "toofacevomejoio". Comunque sia Washington che Roma hanno presentato loghi dozzinali, non che sia una novità , basti guardare l'ultimo delle olimpiadi di Londra.

Lorella Small ha detto...

Il nostro è troppo bello! Però concordo con chi ha scritto che la Roma mafia capitale ci sguazzerebbe insieme a tanti politici dirigenti e tanta altra gentaglia.

massimo mamo kane serva ha detto...

Fanno cagare tutti. Nessuno escluso. Anzi, stavolta mi voglio rovinare e oserei dire che il logo di Roma è forse quello più bello. Stiamo sempre a livello di banalità, ma è sicuramente quello più elegante e rappresentativo. Forse quello di Washington potrebbe competere, ma non è tutta sta meraviglia. Parigi e San francisco si contendono l'ultimo posto quanto a peggior logo. Creatività ZERO ASSOLUTO! Scelgo quello di Roma, ma solo perché è graficamente più bello degli altri. Per il resto ZERO a tutti!

Fabio Boncinelli ha detto...

Non trovo il logo brutto trovo orrenda l'idea di ospitare le olimpiadi in Italia.

Anonimo ha detto...

il logo mi piace ma spero che scelgano un'altra città, per la salute fisica e psichica di noi che abitiamo in questa città

Criss ha detto...

Il nostro è il migliore fra quelli, che però nel cercar di sembrare moderni sembrano rimasti aglia nni 90.

Anonimo ha detto...

Il Colosseo che sfuma in una pista di atletica e' magnifico. Sinteticamente perfetto
Vedi Paris.....quello si che e' banale

Anonimo ha detto...


A parte quello di Washington che spicca gli altri sono bruttini ... quello di Roma ha un non so che di grafica fascista ... chissà perché?

Anonimo ha detto...

Il logo è solo un mezzo pubblicitario, di rappresentazione, di facciata e niente altro. Dietro il logo c'è il disordine, l'impunità degli indicibili che rubano nella metro, le scritte sui muri, la merda dei cani, la maleducazione, l'inefficienza dei servizi di trasporto, l'inefficienza degli uffici pubblici, le raccomandazioni, le tangenti.... se pensiamo a come è lo stato attuale di Roma allora possiamo dire che questo logo cosi bello è inappropriato. c'è stato un errore grafico, la sola bellezza di una città che il turista non troverà!!!

Giovanni ha detto...

Mi pare una cazzata.
Boston, Amburgo, eccetera sono città che non hanno un cazzo da mostrare, cosa volete che ci mettano? Il monumento ai caduti?
Parigi e San Francisco ci hanno messo infatti la Torre Eiffel (sai che originalità) e il Golden Gate.
A Roma abbiamo simboli magnifici come il Colosseo o il cuppolone, e siccome non sono le olimpiadi vaticane ci hanno messo il primo.
Oltretutto per una volta che non si sono inventati un orrido pupazzo, ringraziamo Dio.

Piuttosto auguriamoci che le Olimpiadi di Roma si fermino al marchio, che se per disgrazia dovessimo vincere, qui sarebbe l'apocalisse del cemento e delle mazzette. Ancora abbiamo le rovine dei Mondiali del 90 (magari nel marchio potevamo metterci quelle...).

Anonimo ha detto...

Quello di Roma è l unico di cui non devi leggere il nome della città per capire qual è.

Anonimo ha detto...

Le olimpiadi sono importanti. Consentono di scremare immediatamente i mafiosi - quelli che le vogliono- dai non mafiosi - quelli che le aborrono, tra i cittadini italiani.
Abbiamo al governo due dementi figli di lestofanti in rapporto con la banca che deteneva i conti di licio gelli e della p2; l'idiota maschio pretende di fare l'aeroporto a firenze per ringraziare i finanziatori della sua campagna elettorale. Se resta ancora al governo farà costruire un albergo sul colosseo per ringraziare caltagirone.
Il quale è detentore della proprietà di acqua marcia spa, una delle aziende dal sospetto fallimento, a cui banca etruria dei boschi ha prestato soldi a ufo, e pagando poi i buffi coi soldi dei poveracci.
Le ergastoliadi possiamo fargli fare, nel 2024, se va bene.

Anonimo ha detto...

Esattamente come dice anonimo delle 9.30, è brutto e vecchio ma immediato e comprensibile nell'immaginario obsoleto di una città che per secoli ha saputo guardare molto in avanti e che non lo fa più da almeno un secolo.

Anonimo ha detto...

Nel frattempo renzi - sentitevi il suo ultimo discorso demenzial - mussoliniano sulla faccenda banca etruria e ditemi se questo grullo può nella vita rivestire un qualunque posto di responsabilità fosse anche tenere la chiave di uno sgabuzzino delle scope (ma ormai la p2 ha passato il metodo x - factor - la nullità lanciata per il gusto del puro arbitrio e della manipolazione - anche in politica. Daltronde le iniziative più rilevanti del "ministro" delle riforme e dei rapporti col parlamento sono quelle relative alla lunghezza delle gonne).
Nel frattempo renzi e maria, si diceva, si evitano ogni grana giudiziaria rinominando tutto il parterre del pantheon ministeriale; e già che ci siamo riprendono i buoni rapporti con la ndrangheta, con lodevoli iniziative come lee olimpiadi e il ponte sullo stretto.
A proposito del quale, vi dò un consiglio: andatevi a studiare un po' la composizione familiare dei meritori progettisti e imprenditori, e approfondite la conoscenza dei figli.
Scoprirete non solo che i suddetti hanno colonizzato le strutture pubbliche, ma che sono personaggi grotteschi, secondo la già enunciata regola.
In particolare la figlia di uno dei progettisti, mi pare, uno che parla spesso in tv, una specie di trans di tor pignattara, e naturalmente funzionario al mibact, che da nastasi in poi è diventato refugium dementiorum per tutta la improbabile prole di questa feccia.

Anonimo ha detto...

Comunque è un buon equilibrio. I Carabinieri arrestano i mafiosi (ieri altri 36 arresti a Reggio Calabria) e i politici li assistono. Davvero un circolo virtuoso.

Livia ha detto...

A me non sembra brutto, anche se il soggetto è banalissimo e scontatissimo. Dopotutto anche Parigi e San Francisco hanno messo i loro simboli. Però mi inquieta l'idea delle Olimpiadi qui e del magnamagna sottostante.

Anonimo ha detto...

Guarda a Tivoli. Mezzaroma ha la proprietà di tutto il centro storico che coincide con la zona di colsereno e diramazioni. Guarda cosa diventa un paese in mano agli speculatori, per non usare termini più appropriati, guarda che negozi e guarda soprattutto chi c'è dentro ai negozi e nei cantieri.
Poi arrivano ai giornali locali lettere del tipo: "facemo li albrghi de lu piano natanne sinò li turisti scappeno, a sindaco nfame, li famo o no l'albergi"?
Ma quale turista si ferma in una cittadina che è diventata una colata di cemento?
I palazzinari e il loro sistema governano la politica e neanche si riescono ad arginare a Tivuli, figurati un'altra Olimpiade a Roma.
Per il logo promozionale un bel teschio sopra una cazzuola.

Andrea Daniel Gasperoni ha detto...

Sinceramente,
a me piace molto! anche più degli altri.Spesso la banalità è importante anche nel marketing.

per questa volta, a differenza del logo del comune, ben fatto!

Anonimo ha detto...

Quello di Roma mi piace molto. Ma NO alle olimpiadi a ROMA.

Anonimo ha detto...

Prima pagina de Il tempo: Roma verso l'assegnazione?
E' proprio vero che "la ndrangheta va verso la cooperazione internazionale" tramite girotondo di grembiulini. E la faccenda banca etruria, con tanto di solito finto suicidio del vecchio vice direttore a mò di esemplare punizione contro l'unico onesto del gruppo che si era opposto alle programmatiche manovre truffaldine a favore degli amici industriali e a sfavore dei risparmiatori, ne conferma i gangli.
Comitato per il NO, ed esodo dalle banche p2iste quanto prima.
Come diceva Giovanni Falcone, levagli il grano per farli crollare.
E chi resta è un piduista calabrese.

Anonimo ha detto...

Città candidate alle OLIMPIADI 2024 non a Roma 2024 ...

Tutti scontati, almeno è graficamente il migliore

Anonimo ha detto...

Il colosseo tricolore che sfuma in una pista di atletica sarà scontato e banale ma è allo stesso tempo efficace ed il più bello rispetto agli altri. Sarebbe riconoscibile in tutto il mondo anche senza inserire il nome della città. E scusate se è poco.

Anonimo ha detto...

Mi lascia indifferente, onestamente. Oltretutto, le olimpiadi qui saranno il solito magna-magna. Quanto alla scelta del logo, aggiungo solo che in fondo Roma nel mondo è il Colosseo, ma lo è anche nella mente di noi romani, che campiamo di rendita su vestigia del passato che non sappiamo né sfruttare né valorizzare. Con la scusa della storia, poi, non sappiamo integrare il progresso e le novità.

Anonimo ha detto...

Il nostro è il più bello

Anonimo ha detto...

a me roma fa cagare. ma voi di branding non capite un cazzo

Anonimo ha detto...

Scusate eh, ma pure gli altri non è che spicchino di originalità. Di solito condivido quello che dite, ma stavolta criticate solo per il gusto di criticare. Il logo è bello, il problema è un altro. Il problema sono le olimpiadi in se a roma.. Non siamo stati capaci di sistemare un po' roma per il giubileo, figuratevi per eventuali olimpiadi. E poi, ci sarà il solito magna magna alla romana sui fondi che arriveranno. Bisogna prima sanare la città e poi eventualmente pensare alle olimpiadi. Parlate di questo, invece del logo.

Anonimo ha detto...

Incredibilmente quello di Roma non è male, anzi, è uno dei migliori. "Città candidate a Roma 2024" fa troppo ridere. Uno degli "articoli" più penosi di sempre.

Anonimo ha detto...

Mi dispiace ma questa volta non concordo con voi. Tra tutti i loghi mostrati quello di Roma se non il migliore è sicuramente il meno peggio! Dite che usiamo sempre lo stesso simbolo, ma perché Parigi che cosa ha messo??? La solita Torre Eiffel. E San Francisco?? il solito Golden Gate. Non parliamo poi di Amburgo e Boston (quest'ultimo è atroce). Evito il commento su Los Angeles. Insomma non è che bisogna fare polemica per forza. Quello di Roma non sarà originalissimo, ma rispetto agli altri....

Anonimo ha detto...

Bè, non è un caso che si tratti di banche foraggiatrici delle speculazioni nei nuovi territori di investimento della ndrangheta. Marche, Toscana, Lazio ma soprattutto l'Umbria.
Le Marche sono un caso particolare, la mafia ha attecchito nel settore edile, soprattutto nel maceratese e nell'ascolano, dove i cavatori stanno devastando l'Appennino (un passaggio sulla super strada dall'Abruzzo ad Ascoli per trasecolare di orrore), e sono stati compiuti attentati bombaroli con minacce ai proprietari che provavano a negare la vendita di terreni ai cavatori e ai palazzinari, nel silenzio totale della stampa.
Poi c'è il settore trendy della ndrangheta, gli inutili pannelli solari, che hanno devastato al campagna.
Ecco, a tutto questo si lega la truffa bancaria, la chiesa con lo scandalo caritas, il cambio di cda di certe radio di territorio, le indagini del Ros sui rapporti tra mafia e banche.
Che volete fare, le Ndranghempiadi? A sto punto facciamole a Narni, o a Rignano sull'Arno. O, perché no, al Vaticano.

Anonimo ha detto...

Quello che manca agli italiani a questo punto è il senso del ridicolo, altra risposta non trovo all'idea di candidare una città disgraziata come roma alle prossime olimpiadi.

Anonimo ha detto...

Secondo me se davanti al Colosseo ci mettevano un centurione che comprava un panino dal camion bar veniva più bello.

Anonimo ha detto...

Io avrei messo una pizza giallo-rossa tagliata a fette con scritto
"Roma 2024. Prendi la tua fetta anche tu!"

Anonimo ha detto...

Mi piace

Anonimo ha detto...

sinceramente tra tutti, quello di Roma non è nemmeno il più brutto. Anzi lo metto al secondo posto dopo quello di Washington

Cmq i loghi delle candidature di solito non sono indimenticabili, e non dimentichiamo che anche i loghi ufficiali spesso fanno pena (vedi londra 2012)

Anonimo ha detto...

ahaah tutta fuffa....uno più brutto dell'altro....e cmq Roma non vincerà MAI

Anonimo ha detto...

Per favore, vi prego in ginocchio, ritirate la candidatura di Roma. Preparatevi, come al momento 70 % dei romani sono contrari ai giochi, ci faranno subire mesi di propaganda martellante a favore della candidatura: non fatevi cojonà. Non hanno già abbastanza soldi i Caltagirone, i Tredicine e altra bella gente?

Anonimo ha detto...

Ecco un dialogo trafugato alla riunione dove si decideva il logo.

"Ahò mortashi sbrigamose che so le 11 de mercoledì e io fra poco stacco per uicchènd!"
"Sì sì damose da fà che me aspetta Debborah che l'ho prenotata co na settimana de antishipo!"
"Che dovemo da fa oggi?"
"Ce sta da sceje er logo pe oooolimpiadi"
"Oooolimpiadi? E che dovemo fa pure er logo? Nun basta che se magnamo tutto?"
"E' na cosa de facciata, ce pensa Franco, er cuggino der Catena, fa l'elettricista ma pare che è ndrago co Paint!"
"Je fatturamo la matina e se famo ridà er 95% a sera giusto?"
"E' regolare!"
"Mbè che scejemo pe sta stronzata?"
"Ce vorrebbe na cosa che nun faccia ncazza troppo 'e scimmie votanti!"
"E allora annamo sur sicuro: ER COLOSSEO ahò!"
"Dici che piacerà?"
"Ma li romani basta che je fai vedè er colosseo se sentono orgojosi! Er colosseo sce l'avemo solo noi ahòòò!"
"Ciai raggione ciaira!"
"Capo me permetterebbi na parola, ha appena chiamato Franco, dice che ha già trovato mpaio de arternative de colossei su Gugre Immaggini, chiede er colore..."
"Er colore? Ma noi semo a maggica capitale de li colori giallorossi no??"
"Mbè si..."
"Allora dije questo: a coso, c'hai UN SOLO COMPITO, sce devi fa ncolosseo giallo e rosso, mo vattene e nun cacà er cazzo"
"Allora annata per colosseo giallorosso, se vedemo che so già e 11.05 e m'è scattato er giorno de straordinario!"
"Ciao Giorda' ciao, a buon rendere, comarsolito!"

Anonimo ha detto...

Toppato stavolta Tonè...

Anonimo ha detto...

i tre colori italiani sul colosseo sanno di maccheronico

Rolando ha detto...

Non sono d'accordo sulla candidatura di questa infelice città ad organizzare qualunque grande manifestazione di respiro mondiale... Meglio lasciarlo fare a chi è in grado di farlo senza fare figure di merda.
Detto questo, il logo presentato è decisamente il migliore tra tutti quelli che avete mostrato. Ennesima dimostrazione che con il solo Colosseo battiamo chiunque 10 a zero.

Anonimo ha detto...

ma invece der colosseo ....
un bel piatto de pasta no?

sai come li sfonnamo a tutti?
semo o non semo la capitale dell'impero?

Anonimo ha detto...

SIETE LA CAPITALE DELLO SCHIFO E DELL'INCIVILTA' !!!
Vivete di rendita e non lo meritate !!!!
ROMANI DOVRESTE SOLO CHE VERGOGNARVI !!!!

Anonimo ha detto...

Perchè Boston invece ha optato per il varco interdimensionale alla Stargate?

Anonimo ha detto...

Siete arrivati anche a co.tare i peli del c.u.l.o. diquesta cittá, riprendetevi rasentate il ridicolo spesso oramai

Anonimo ha detto...

Per me il più bello è quello di Parigi... semplice, diretto, minimale... il nostro sembra lo stemma di un partito di destra

Anonimo ha detto...

Quello di Los Angeles sembra la sigla di un telefilm.

Anonimo ha detto...

Vabbe’ e’ inutile dai, che chiediamo un giudizio estetico ai romani. Che ne puo’ capire di design e di branding una popolazione che quando si parlava delle scritte fasciste sull’ascensore di Furio Camillo ti diceva “embe’ e’ solo un font”.

Come ha detto qualcuno sopra non e’ che il logo e’ particolarmente brutto, e’ che e’ vecchio. Continuiamo a vendere l’idea che roma=colosseo, poi grazie che nelle statistiche siamo una delle citta’ in cui i turisti non ritornano. Quante volte te lo devi vedere sto colosseo?

Diego ha detto...

sicuramente il logo più bello

Anonimo ha detto...

Ma pensa se pocopoco l'autore del logo l'avesse fatto come quello di Los Angeles, coi colori do Roma che si intrecciano sulla scritta RMfreccetta24...sto blog sarebbe esploso.

Anonimo ha detto...

In generale la qualità media non è alta e la pochezza del logo di Roma, banale e superato, normale espressione del ritardo cronico della nostra città nella grafica e dintorni, non salta troppo all'occhio. Tornando ai loghi direi che quelli di Parigi e San Francisco sono una spanna sopra gli altri, riprendono il tema un po' vintage dell'illustrazione, ma stiamo parlando di città all'avanguardia soprattutto dal punto di vista "culturale". Roma è così indietro che neppure vede la scia.

Anonimo ha detto...

cosa c'entra il tricolore con un evento mondiale che caratterizza l'ospitalità di una città piuttosto che una nazione!
per il resto è un logo mediocre. studio del tema scarso, progetto scarso.

mi chiedo quale agenzia/studio lo abbia realizzato, magari Malagò potrebbe renderlo noto o forse non lo fa perché affidato privatamente come sempre.

Anonimo ha detto...

Emilio Cavaterra, "Intervista a Sforza Ruspoli. Contro il nuovo ordine mondiale", che aveva anticipato quanto sta accadendo ora, Edizioni Settimo sigillo 1993, in vendita nel sottopasso di Galleria Colonna a 1 euro e 49 centesimi: "Dovremmo conoscere tutti la posizione debitoria verso le banche dello Stato di questi "signori", del "Salotto Buono", onde evitare di svegliarsi una mattina e di dover ripagare quel conto che tante volte in passato gli italiani hanno pagato. I conti Sindona, Rovelli, Ursini, Calvi, e via dicendo. i primi sette gruppi italiani, in totale, sono indebitati con le banche a breve e medio termine per oltre centosettantamila miliardi, ottenuti a tassi di eccezionale favore. Non si conoscono i ben più ingenti debiti a lungo termine".

cesare ottaviano augusto ha detto...

Cosa avresti preferito: una nuvola alla Fuksas o una scritta a mó di zecca?

Anonimo ha detto...

Un carlino che abbaia, perché sia chiaro che a comandare a Roma sono quei cani.

Anonimo ha detto...

A me personalmente, non dispiace.
Banale e scontato, e perché? Secondo me l'idea è azzeccata invece, prendere il monumento più rappresentativo di Roma e colorarlo con la bandiera italiana perché si, siamo italiani! Niente di scontato e banale, a mio avviso.
Si può sicuramente migliorare rimuovendo le ombre che danno l'effetto 3D ormai superato da anni, e aggiornarlo seguendo il flat design, magari aggiungendo qualche dettaglio nelle linee che lo compongono.
Aggiungerei, come ha fatto Parigi, l'hashtag #Roma24 (anche se Twitter non so che fine potrà aver fatto nel 2024) cambiando ovviamente il font.
In fin dei conti parliamo di un logo, e considerando che i trend attuali puntano al minimal (vedi microsoft, google etc), non vedo che male c'è in quel lavoro.
Per quanto riguarda gli altri, non so che pensare... Personalmente non li trovo più creativi o "belli" del nostro, solo alcuni forse più aggiornati.

Anonimo ha detto...

Anonimo 6:26 però devi farti meno canne, dai.

Anonimo ha detto...

non è che il nostro sia più brutto, semplicemente è anni 90...per niente moderno e accattivante. Il problema è che magari i consulenti chiamati a disegnarlo avranno anche fornito dei loghi belli e attuali, ma poi avrà deciso il vecchio di turno che ha puntato sul classico, tipo "facciamo vedere che sappiamo fare le immagini in 3d" quando ormai è così scontato che nessuno usa più loghi 3d...parigi e san francisco al passo con i tempi, noi nel 2024 ci presentiamo con un logo del 1994

Anonimo ha detto...

WASHINGTON: sembra il marchio di una compaignia di assiurazioni, non si capisce neanche subito che sia una W.
BOSTON: bel colore, bella la scelta di affiancare logo e scritta anziché metterla una sopra l'altra, sembra comunque che non si siano sforzati molto.
AMBURGO: potrebbe andare bene per un'Olimpiade invernale, sicuramente non all'altezza per un'edizione estiva.
PARIGI: molto semplice (troppo), bellissimi colori e stile anni 20, peccato per la presenza del cancelletto.
SAN FRANCISCO: triste, probabilmente il peggiore, comunque fuori dal tempo, lo stile contemporaneo (dall'abbigliamento all'oggettistica) impone l'uso variegato di colori vivaci, quasi pastello. Se il rosso era ovviamente obbligatorio, lo sfondo sarebbe stato meglio azzurro-cielo.
LOS ANGELES: il 24 invece dell'intero 2024 non funziona, sembra indicare un negozio aperto anche di notte. Lo stile e la scelta dei colori sono buoni e tradizionali della città, anche se sembrano l'insegna di un locale gay.
ROMA: non male lo stile scelto per rappresentare il Colosseo, molto "giovane" come grafica, distante anni luce dall'obrobrio di Italia90. Totalmente fuori luogo l'uso del tricolore, non essendo l'Olimpiade una manifestazione che si svolge su territorio nazionale. Con buona pace dei tifosi di fede laziale, i colori della città sono il giallo ed il rosso. Non è comunque obbligatorio usare i colori della città.

Anonimo ha detto...

Mi piace assai!

Anonimo ha detto...

il Logo è bellissimo! L'ennesimo post di attacco sul NULLA!

Anonimo ha detto...

in confronto alle altre città non mi pare niente male,
anzi meglio di alcune

Anonimo ha detto...

si pero ,, na domanda me viene da fa,, ma se po sape chi lo ha fatto sto logo de roma 2024?

ShareThis