Tre città europee prima e dopo il tram. Ecco perché questo trasporto antico è oggi così moderno

8 novembre 2015

Per un lavoro di tesi ho raccolto delle immagini che mostrano il Prima e il Dopo la realizzazione di una linea tranviaria in alcune strade di Brest, Tours e Saragozza. 
Quelle strade potrebbero essere Viale Marconi, Corso Vittorio Emanuele, Via del Corso, Via Nazionale... 
E' incredibile la trasformazione urbana che sono riusciti a realizzare con una nuova linea tranviaria.
Lettera Firmata

*
Il tram, insomma, è un mezzo di trasporto pubblico che non va giudicato soltanto per il suo potenziale trasportistico, ma anche e soprattutto per le capacità che ha di riqualificare le aree in cui passa. Fatta esclusione naturalmente per Roma dove abbiamo tram che si arrendono al traffico e che passano in mezzo alle strada senza minimamente cambiarle: si pensi a Via Aldrovandi, si pensi a Via Emanuele Filiberto, strade nel cuore della città dove storiche tranvie sono costituite semplicemente da due binari piantati in mezzo al catrame e basta. Manco una preferenziale, manco un cordolo.
-RFS


SARAGOZZA











TOURS










BREST





32 commenti | dì la tua:

Bat21 ha detto...

Pensare che Roma aveva una ottima rete tranviaria...

Anonimo ha detto...

Molto interessante. Ho qualche perplessità per via del Corso, a causa della larghezza disponibile tra i palazzi... ma viale Libia, viale Marconi, via Cola di Rienzo - per dire - potrebbero certamente migliorare.

Anonimo ha detto...

Pensate invece a un bel tram che colleghi piazza pio XI all'Eur, passando per Villa Pamphli e i colli portuensi, ad esempio. È bello sognare...

Anonimo ha detto...


Invece una linea di TRAM tra Piazza del Popolo e Piazza Venezia, no stop giorno e notte sarebbe una salvezza per tutto il centro storico.
Più spazio per i pedoni e più sicurezza per tutti (oltre che meno inquinamento perché il tram è ELETTRICO!).
Un sogno?
E' vero, Roma aveva molti tram che sono stati soppressi.
Occorre ricordare come il ritorno al TRAM è stata un'iniziativa di Rutelli, il miglior sindaco di Roma del dopoguerra.
Ciao

Anonimo ha detto...

che triste realtà

Ezio ha detto...

Ma pensa pure a viale Trastevere!

L'8, spacciato per clamoroso progresso regalatoci dalle giunte del modello Roma, è sicuramente meglio di quello che c'era prima.
Ma il viale è rimasto in balia della sosta selvaggia, con mozziconi d'asfalto al posto dei marciapiedi, strisce pedonali cancellate...

Si poteva rifare la strada come nelle foto? Ma certo che no, e le maghine???
Giustamente si costruisce un'infrastruttura da milioni di euro e la si lascia nello schifo. C'avemo er tranve ner garage ahò!
Questo il modello Roma che fino a quando Veltroni era sindaco era esaltato dai giornali.

Anonimo ha detto...

Ce n'era anche uno che passava vicino il Pantheon, figurati...
Certo bisogna anche vedere che in alcuni punti vedi viale trastevere, la strada intorno al tram è rimasta uno schifo. Il che vuol dire che non basta dire tram, ma si deve anche utilizzarlo per riqualificare, riprogettare la zona intorno a dove passa. Purtroppo però ci vorrebbero ingegneri, urbanisti e tecnici abbastanza evoluti e intelligenti, che non so perché sembrano stare sempre lontani dalle opere pubbliche....

Anonimo ha detto...

bellissimo il tram,
ma continuo a chiedermi perchè c'è sempre così poca gente per strada nelle altre città fotografate....

Anonimo ha detto...


Perché il furgoncino di Google passa quando c'è poca gente ...

Anonimo ha detto...

Tonelli ti sei bevuto il cervello ancora nel XXI sec parliamo di trasporti in superficie? Roma non é Zurigo non si può tagliare la cittá bisogna fare gallerie e strade a scorrimento sotterraneo vedi Parigi.

antonio ha detto...

Anonimo delle 2:05.

Tu, invece, non hai nulla da bere, suppongo.

Senza tirare in ballo,flussi trasportistici, e confronto prezzo/prestazioni che, credo,siano troppo per te,mi limito a farti notare che i due mezzi (metro e tram) non sono in competizione ma sono complementari.

Aggiungo, sempre che tu non ti sia stancato, che l'articolo provava a dimostrare la tesi --> DOVE PASSA IL TRAM si QUALIFICA il TERRITORIO.

CAPRA!

Anonimo ha detto...

E' triste doverlo pensare ma c'e' una precisa volontà di mantenere questo stato di cose. E' inutile discutere non si andrà da nessuna parte. Lo dimostra il fatto che anche le cose piu semplici diventano impossibili (vedi il tram sulla Palmiro Togliatti o su via Tiburtina dove già c'è lo spazio per mettere i binari con un costo davvero molto contenuto, oppure realizzare parcheggi a rotazione senza interventi eccessivamente invasivi). Ci siamo ormai imbarbariti ad un punto tale che il caos in cui viviamo ci sembra una cosa naturale. Ci sentiamo evoluti e moderni quando viaggiamo e andiamo all'estero ma non appena rimettiamo piede a casa nostra riprendiamo tutte le nostre "insane" abitudini. Che tristezza .... perche potremmo vivere molto ma molto meglio di tante altre Nazioni

Anonimo ha detto...

Ma mordasggi Vosdri, ah no vabbè, co l'x6 bozzo zembre bazzha naa gorsia der dramme!!!!!

Anonimo ha detto...

Tonelli non s'é bevuto il cervello dopo Parigi in cui hanno ritirato fuori i tram nonostante le tante lineee di metro e rer, in tutte le città francesi hanno messo linee nuove di tram di superficie.

Sergio der Trullo ha detto...

se vabbè ancora cor tranvetto... ner 2015? ahahahaahhahahahah. quello je lo lasciamo a Tramvinicius e agli amici sua!
Allora ancora nun avete capito che a Roma ce piace sta cor culo dentro a na maghina, possibilmente un ber SUVVE come je piace alle coatte e alle trucide sinnò poi pensano che sei un poraccio. poi cor SUVVE manco le senti le buche e er posto me lo invento sopra ar marciapiede. e posso pure mette er braccio de fora.
er tranvetto fa solo rumore e poi ce stanno solo ri vecchi e li sfigati. e li binari so pure pericolosi d'estate quanno piove che vai in giro cor tmaxxe e l'infraditi.

Anonimo ha detto...

Notare che

li tram all'estero ha i binari a filo con lo spazio pedonale non protetto né separato dallo spazio circostante.
È proprio questa caratteristica che rende bellissimo lo spazio riqualificato.

Però questo per Roma presuppone un corpo di sorveglianza che possa proteggere la corsa del tram che non sia corrotto nin come nelle città dove si legge di personaggi che prendono e intimidano mazette ai vari commercianti in giro.

Quindi se non si riforma o crea ex novo un corpo del genere questo sarà un danno e un impedimento a tutto il trasporto pubblico.
Volevate quantificare i danni della corruzione sulla vita dei cittadini romani.
Eccone un esempio concreto.
L'impossibilità e l'impotenza di fare cose che all'estero fanno tranquillamente.

Anonimo ha detto...

Chiedono mazzetta al fruttivendolo
due vigili urbani finiscono in manetteArrestati in un bar mentre intascavano dalla vittima delle vessazioni parte della tangente per chiudere un occhio su ipotetici problemi con la Asl

Anonimo ha detto...

Tram certamente si!!!!
Ma su linee protette, per farli diventere delle metro di superficie.
Pensando ad esempio alla linea 8 che deve "subire" il traffico e viene continuamente rallentato e/o fermato, mentre invece dovrebbe trovare i semafori sempre verdi.
Forse studiando ed applicandosi la soluzione si può trovare:

Anonimo ha detto...

I suoi ordini sono precisi, e dopo 90 anni, dal 31 dicembre 1925, quelle parole riecheggiano ancora negli uffici tecnici e nelle stanze del Governatorato e quelle della Sovraintendenza, che vede fili e binari come fumo negli occhi: "Voi toglierete la stolta contaminazione tranviaria che ingombra le strade di Roma, ma darete nuovi mezzi di comunicazione alle nuove città che sorgeranno in anello intorno alle città antiche". In sostanza, il GRA e il delirio di borgate centri commerciali e capannoni.
Anche per questo Marino e' stato fatto fuori dal nuovo nominatore di Governatori. Voleva investire sul tram a Roma. Di fatto, non e' riuscito a far posare un metro di nuovi binari. Da vedere quanto per incapacita' sua e quanto per boicottaggio di governo e dirigenti e funzionari capitolini toccati nel loro orticello di magna magna. Perche' su appalti di strade e autobus, essendo lavori generici, c'e' il sottobosco della corruzione, su quelli tranviari, essendo molto specializzati, molto molto meno.

Anonimo ha detto...

Correvano a suon di mazzette i soccorsi sugli incidenti dell'autostrada Torino-Milano, nel tratto di competenza della Polstrada di Novara Est. A questa conclusione è giunta l'inchiesta che ha portato a una dozzina di misure cautelari, 6 delle quali rivolte agli agenti.
Ma forse non sono agenti polstrada ma VIGGGGGILIIII

Anonimo ha detto...


BARI – Sono almeno quattro gli episodi "sospetti" nei confronti dei due carabinieri del reparto Radiomobile di Modugno arrestati sabato per concussione, su cui indaga la Procura di Bari. I due militari, Vincenzo Ninivaggi di Altamura e Erasmo Di Pietro del Casertano, sono accusati di aver preteso il pagamento di 800 euro (di cui cento effettivamente consegnati e gli altri 700 promessi) da due ragazzi fermati per un controllo sulla Statale 96 tra Toritto e Palo del Colle il 16 agosto scorso. Il denaro serviva per evitare una denuncia per sfruttamento della prostituzione.
ME SA CHE SO I VIGGGGILI DE PRIMA

Anonimo ha detto...

Prendevano soldi per chiudere un occhio durante i controlli patrimoniali e fiscali. Due ispettori del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Latina, Tarcisio Dell'Aversana e Ciro Pirone, sono stati sospesi dal servizio e posti agli arresti domiciliari per il reato di concussione, su mandato del Gip Laura Matilde Campoli. Sequestrato anche un patrimonio da un milione di euro.
STI CAZZO DE VIGGGILI C'HANNO UN SACCO DE DIVISE.......

Anonimo ha detto...

e poi cioè, uno lavora tutta la vita per comprarsi na macchina decente e voi state sempre a rompe co sti mezzi pubblici.

Anonimo ha detto...

Magari rivedendo anche un po' la circolazione, non è accettabile il tempo che impiega un tram ad esempio per fare il giro di portamaggiore, e a percorrere poi la via prenestina con la corsia preferenziale piena di taxi, forze dell'ordine (senza sirena), auto blu e quant'altro, ad intasare. Per non parlare poi degli incrovi che bloccano il tram.

Anonimo ha detto...

Il Tram è solo un effetto, tra i tanti. Si tratta di cittadini rispettosi della loro città. A Roma, con i romani, non è possibile.

Anonimo ha detto...

le macchine si levano di mezzo dalla ciroclazione e dalla sosta e la gente non si è incazzata e ha bloccato tutto il progetto con l'aiuto di un consigliere comunale? ah già non è a roma, è in europa.

Anonimo ha detto...

Bellissimo esempio, poi c'è da notare che togliere il nero asfalto ridona luminosità alle strade.

Tramvinicyus due ha detto...

Sergio der Trullo TI AMO

TUO PER SEMPRE TIVVU' TIBBI'


Tramvinicyus

Anonimo ha detto...

Chissà perchè il negraccio di merda con bancarella puzzolente in foto non viene...non è che gli avranno detto "Negro spostati cazzo fai schifo....""

ville-nouvelle.net ha detto...

e chi ha detto che a roma non si può fare?

2008: https://goo.gl/maps/BKFwmgZ8Fc52
2014: https://goo.gl/maps/6GCc5Cqmdj92

Anonimo ha detto...

Qualcuno ha notizie aggiornate riguardo al progetto del 2014 di costruire 7 nuove linee tram?

Tonio ha detto...

Però, da spagnolo devo dire una cosa: non si può vedere Zaragoza scritto "Saragozza".
Senza offesa. Cmq, grazie per aver messa questa bellissima (e spesso snobbata) città in luce! ¡Gracias!

ShareThis