Video. La grande sicurezza della Stazione Termini dopo l'arrivo dei varchi: basta passare dal supermercato e si entra liberamente

1 ottobre 2015

Fatta la legge trovato l'imbroglio. Come al solito. E così è stato piuttosto facile dimostrare, lo abbiamo fatto con una semplice passeggiata, che i varchi a termini sono poco più che una formalità: è sufficiente entrare lateralmente, dal supermercatino Coop, e si esce in tutta tranquillità sui binari. L'Isis e i terroristi sono davvero terrorizzati dai nostri sistemi di sicurezza. Non sanno come fare per penetrare nella trama che protegge le nostre vite. Siamo al sicuro!

19 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

La superficialita' e' il grande cancro di Roma.

Anonimo ha detto...

ma questo genio l'avete visto? http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/09/29/foto/trasforma_l_auto_in_barca_e_naviga_sul_tevere-123902527/1/#1

Anonimo ha detto...

Attenzione il link sopraindicato non rimanda al sito dell'argomento. Andrebbe rimosso. Chi controlla questo sito? E poi si parla dell'Isis quando qui si possono fare più danni qui che alla Stazione Termini.

Anonimo ha detto...

Svegliatevi il link indicato da @4.16 va rimosso!!!!!

Anonimo ha detto...

Le porte dal Supermercato lato marciapiede sono state chiuse, o almeno sabato scorso lo erano...!

Anonimo ha detto...

Secondo me è una tattica concepita dai servizi segreti. L'attentatore dell'isis approfitta di questa apparente falla del sistema di sicurezza, attraversa il sidis coi mitra nel carrello, approfitta del passaggio in gastronomia per imboscarsi un paio di prosciutti e due fiaschi di barolo, ed esce in stazione alticcio e imbracciando un San Daniele.
E' una metafora militare, l'Italia trasforma anche un cocainomane col turbante in una comparsa dei film di Totò e Peppino.
Scurdammec'o passato, mohamed, tiè, questa è irina, per due ore è tutta tua, un calcio in culo e via su un cargo battente bandiera liberiana. Anche gli espedienti americani per rinfocolare il traffico di armi qui finiscono a tarallucci e vino.

Anonimo ha detto...

Con questo brillante laisser faire, di brevetto italico, "sembra che ti stiamo aiutando a invadere l'Italia, ma ti tengo d'occhio alì babà", si crea una strategia della contro-tensione: "Entro? O non entro? Una fetta di capocollo nella vita me la voglio concedere prima di farmi esplodere? ma saranno così scemi davvero sti Crociati, o c'è il trucco?"
E pensa che ti ripensa ahmid entra nel circolo vizioso della nevrosi europea.
A quel punto arriva il sindaco con la fascia e fa gli onori di casa.
Non capite niente voi altri di sicurezza, sempre a polemizzare.

Anonimo ha detto...

Il pressapochimo, la sciatteria e come qualcun'altro ha gia' scritto la superficialita' sono il piu' grande cancro di Roma.

Da sempre.

ste ha detto...

non ci posso crdere....è allucinante...come siamo finiti così????

Anonimo ha detto...

Che centra l isis con i varchi anti furbi messi dalle ferrovie ? Ma si droga questo ?

Anonimo ha detto...

Sicurezza alla romana.

Anonimo ha detto...

ma non avete capito gnente... così so' sicuri d'andove so' passati. :-)

Anonimo ha detto...

@4.16 E IL LINK E' ANCORA LI'. NON LI SCRIVETE GLI ARTICOLI SULLA SICUREZZA SE POI I PRIMI A NON CONTROLLARE I CONTENUTI SIETE VOI!!!!!!
MA QUESTO SITO LO CONTROLLA QUALCUNO?

Anonimo ha detto...

Ma tu ti controlli mai? Due valium tre volte al dì, prima dei pasti.
L'isis è una fesseria governativa, se vorranno fare l'attentato lo faranno anche se blindi l'universo, ma sarà strumentale a pilotare qualche iniziativa politica, per esempio la costruzione di altre 87000 moschee dentro le principali basiliche italiane, per finire di distruggere il cattolicesimo.

Anonimo ha detto...

Complimenti per aver individuato questa falla, vediamo quanto tempo ci mettono a provvedere

Anonimo ha detto...

Ma ... i servizi preventivi di sicurezza degli obiettivi sensibili sinceramente fanno lettralmente pena. Secondo le noatre polizie basta mettere un agente o carabinieri con u mitra davanti ad un obiettivo e la sicurezza è assicurata, ma visto che non sono stati capaci di proteggere se stessi a Nassyria, non credo che lo siano in Italia. Devo dire però che questi servizi secondo me servono solo a prendere in giro i cittadini comuni come noi, mentre ci saranno sicuramente dei servizi informativi di stato che lavorano sottobanco per impedire eventuali attacchi. Per gli altri rischi non si può fare nulla... abbiamo zingari di ogni etnia e disadattati sociali che faranno sempre quello che vogliono perché la legge purtroppo non è sufficientemente severa e certa

Vittorio Cirillo ha detto...

Avete sentito ieri Sabella che ha detto che Termini sembra Stoccolma?

Anonimo ha detto...

sì, quella di Rino Gaetano. Sto colma, di spacciatori, drogati, immigrati al soldo del crimine, tassisti e venditori abusivi al soldo della mafia, effettivamente pe'sta colma sta colma.

Anonimo ha detto...

La cosa più bella e che se chiuderanno l'accesso al supermercato ci sarà in successione:
1) ricorso al TAR del gestore per la chiusura dell' accesso suddetto
2) causa del gestore contro il proprietario dell'immobile (FS?), (sicuramente nel contratto d'affitto ci sarà stato scritto dell'apertura del negozio sui 2 lati).
3) minaccia di licenziamenti del gestore per diminuita clientela.
4) blocco stradale di via Marsala per manifestazione (vedi punto 3)

Che Bel Paese...

ShareThis