Un pezzo di Roma che pare Europa. Guardate quant'è bello Largo Vercelli e scoprite il perché

13 gennaio 2016














Ma quanto è bella la piazza in Largo Vercelli (San Giovanni)?Simbolo di cura e civiltà. I parapedonali ed un marciapiede non infestato da bancarelle,mi hanno fatto sentire, per un secondo,in una capitale europea nordica, di quelle giuste e pulite. Sono contenta che nella mia città sia stato realizzato un progetto simile,nel rispetto di tutti i cittadini. Abbiamo ancora la possibilità di essere la città più bella del mondo anche grazie a questi piccoli dettagli...
Ludovica

 *Da una parte la gioia di vedere un piccolo pezzettino di territorio dotato di standard per lo meno decenti (non siamo alla perfezione, ma alla decenza assolutamente sì ed è cosa rarissima), dall'altro la tristezza di accorgersi che ogni volta che si trova una situazione minimamente normale (non straordinaria, normale!) si sia portati ad esclamare come tu fai, Ludovica, "non sembra Roma". 
Ma è la verità: se siete rimasti alla storia che l'unica piazza lievemente (lievemente!) civile della città è Piazza Cavour dovrete ricredervi e aggiungere anche Largo Vercelli. Sembra impossibile perché tutto intorno pare di stare in Romania negli anni Sessanta: Piazza dei Re di Roma è vomitevole, l'Appia fa impressione, la Tuscolana sembra un set di Cinecittà su un film del Bronx trent'anni fa... E invece...
Il punto, che la nostra lettrice non menziona, è il perché. Cosa hanno in comune queste due piazze? I nostri lettori più avveduto hanno già capito alla perfezione: sono due aree dove si è costruito un parcheggio interrato, si è tolta (buona parte del)la sosta esterna, lo sviluppo immobiliare del parcheggio ha generato risorse - totalmente private - per riarredare l'area in superficie e conferirle una parvenza di qualità e sempre il concessionario del parcheggio - come in Piazza Cavour - provvede alla manutenzione essendo tra l'altro in prima persona interessato a mantenere il decoro dell'area sulla quale poi deve fare un business (vendita o affitto di posti auto). 
E' l'uovo di colombo. E' così che città come Vienna, Parigi, Madrid hanno riqualificato enormi percentuali di suolo pubblico: valorizzando il sottosuolo. Vincono tutti: lavora gli operai, lavorano i professionisti, la strada è più sicura per chi transita, i pedoni camminano meglio, le case si rivalutano, le strade si riqualificano e il Comune? Il Comune incassa (incassa!!!) i soldi degli oneri di concessione. Sì, avete capito bene: strade e piazze riqualificate e invece di spendere, si incassa. 

 Qualcuno riesce a spiegarci perché a Roma non parte un piano urbano di parcheggi serio? Tra l'altro questi parcheggi sono una formidabile arma contro l'abuso del possesso di auto: a Roma si posseggono tantissime auto che non servono, ma che vengono comunque detenute dalle famiglie perché tanto un posto gratuito dove metterle sotto casa lo si trova sempre. Con i parcheggi interrati questa cosa salta: i posti auto gratuiti vengono eliminati o ridotti e restano i posti auto a pagamento, se davvero (ma davvero!) l'auto ti occorre allora paghi un posto auto, ma se la possiedi soltanto così a buffo, fai a meno. E l'assurda percentuale di 80 auto ogni 100 abitanti magari si avvicina alle cifre (la metà!) delle altre città occidentali.
-RFS

44 commenti | dì la tua:

Bisco ha detto...

Tra i tanti progetti di mega parcheggi, uno dei più realizzabili potrebbe essere questo:

https://www.youtube.com/watch?v=aVDmfsV_PJw

Bisco ha detto...

Questo è il video progetto:
https://www.youtube.com/watch?v=hKUgHLsAkZA

Anonimo ha detto...

Ho letto da qualche parte che il 30% della superficie di Roma e' ricoperto da automobili. Si vede che ai Romani piace cosi'.

Anonimo ha detto...

Ma il privato è brutto e cattivo, lo sanno tutti in Italia.

Anonimo ha detto...

Sembra una banale questione di arredo urbano o poco più. Invece è una questione molto complessa, che chiama in causa la "Costituzione materiale" che governa la città, la forma mentis dei cittadini e degli amministratori.
Primo, è stata superata la demagogia pauperista che ci opprime, affermando chiaramente il principio che chi ha il reddito adeguato per pagare un parcheggio può possedere un'auto in quella zona; gli altri o rinunciano all'auto o se ne vanno. E' quello che, in altro post, ho chiamato "espulsione economica" del proletariato come presupposto per servizi di qualità, e che ha destato tante reazioni incredule.
Secondo, è stata superata l'opposizione alla logica capitalista, riconoscendo nell'investimento a scopo di profitto (la speculazione!!!) lo stimolo fondamentale per migliorare la qualità dell'offerta.
E' una goccia nel mare, e non mi meraviglierei se, abbassata la guardia, la marea di accattoni, abusivi, prepotenti e ciarlatani decidesse di occupare anche questo spicchio di civiltà, ovviamente con le spalle coperte da mille associazioni e diecimila teorici della misericordia e del collettivismo.
Speriamo che duri!

Anonimo ha detto...

articolo PERFETTO, da incorniciare!
Sono socio di una cooperativa che 15 anni fa ha affrontato le forche caudine della burocrazia romana per dar luogo ad un garage sotterraneo in zona Balduina. Un ammasso di rovi e rifiuti è diventato oggi un giardino curato dove portare a spasso il cane e ritrovarsi la sera d'estate, l'erba viene tagliata ogni 7 giorni, gli alberi di alto fusto tenuti sotto rigoroso controllo, e i lampioni danno luce e sicurezza a tutta l'area. Ci sono 25 auto in meno abbandonate in strada, e per 12 mesi abbiamo dato un buon lavoro a varie imprese edili della zona.

La parte più difficile è stato spiegare alle varie teste calde di zona che le loro case non sarebbero crollate, e che non stavamo costruendo un mcdonald's... ora il problema più grande lo abbiamo col vandalismo: scritte sui muri, arredi divelti, irrigatori rubati con grande regolarità... siamo sempre a Roma ahimè.

Anonimo ha detto...

guardate bene le foto... che (romafa)schifo quelle scritte sui muri dei palazzi di largo vercelli ...
PER I GRAFFITTARI INVECE DEI PARCHEGGI SOTTERRANEI, LE PRIGIONI SOTTERRANEE.

Anonimo ha detto...

Bello si, ma prima o poi verrà vandalizzato o qualcosa del genere, e allora Renzi dovrà fornire delle spiegazioni.

Anonimo ha detto...

Perche' ci hanno talmente abituato alla merda che se ce la vogliono togliere ci suona strano e protestiamo....

Diego ha detto...

IL privato è inutile e dannoso e costoso se si tratta di gestire servizi pubblici già esistenti in regime di monopolio... per contro il privato è buono anzi è ottimo se si tratta di produrre NUOVI SERVIZI che prima non c'erano. In questo caso l'iniziativa privata è utile e sacrosanta.
Come al solito in Italia le cose vengono dipinte sempre in maniera caricaturale, o è tutto bianco o è tutto nero: i privati sono tutti cattivi, oppure il privato è sempre bello privatizziamo tutto.

Anonimo ha detto...

2 anni di reclusione con penali severe per chi imbratta i muri oltre ad un obbligo di ridisegnameto del pezzo e vedrete che roma improvvisamente non sarà piu vittima di queste sconcerie che ci indirizzano nel chiamarla: sciattown!!! Complimenti all'articolo, ho il mio dentista li;)

Anonimo ha detto...

Peccato solo per le orribili scritte sui muri dei palazzi

Anonimo ha detto...

Altra buona news: http://roma.repubblica.it/cronaca/2016/01/13/news/musei_nel_lazio_record_di_incassi_al_colosseo_la_medaglia_d_oro-131161086/

Anonimo ha detto...

fateme capì uno c'ha una macchina, fa di tutto per non usarla, si muove sempre coi mezzi, ma se la tiene ferma parcheggiata sotto la casa di residenza non va bene?? deve pagà per parcheggiare? cioè pago l'ira di dio di tasse sulla casa e nemmeno un cazzo de parcheggio per me residente?? ma voi siete pazzi al soldo della lobby dei palazzinari che se arricchiscono su sti parcheggi, non avete capito che la gente si è stufata di farsi fregare i soldi da tutte le parti e appena può non paga

Diego ha detto...

Se non hai i soldi per permetterti i costi di un automobile ( parcheggio incluso) vendila e usa altri mezzi di trasporto.

Anonimo ha detto...

Marciapiedi larghi (per altro deserti, mica è New York ...) vuol dire spazio disponibile per bancarellari e venditori abusivi vari. Strade ristrette vuol dire ulteriore congestione del traffico. Ma di che parliamo ?

Anonimo ha detto...

Ma sotto non scorreva "er terzo fiume de Roma"?
Ma non dovevano crollare tutti i palazzi?

Anonimo ha detto...

E' bello vedere reportage del genere. Direi che contemporaneamente al brutto sarebbe da mettere in evidenza il bello anche se poco e talvolta ridicolo: tutto fa brodo per risvegliare le coscienze!
E sarebbe sempre da sottolineare che le denunce del brutto non sono contro Roma in sé e per sé, anzi. Dal tono della maggioranza dei commenti, sembra sempre che uno ce l'abbia con Roma per denigrarla. A me sembra invece -anzi ne sono sicuro- che ogni bruttura evidenziata sia solo ed esclusivamente intesa per denunciare l'incuria e lo schifo che ci sono dietro. Fin troppa gente 'prende d'acido' senza motivo, convinto che dietro al blog ci sia -che ne so- un milanese invidioso che ci vuole smerdare a prescindere. Roma E' bellissima. E' chi la gestisce a cazzo che la rovina. Siamo noi che assistiamo inermi e anestetizzati a rovinarla. Non capisco perché sia così difficile da capire. Al limite, mi aspetterei consigli, soluzioni alternative, proposte. Non i soliti "e allora vattene, checcestaiaffà?", ecc.

Anonimo ha detto...

La macchina parcheggiata usa spazio al pari di una bancarella. Come dovrebbero pagare i bancarellari (che dallo spazio ricavano un profitto), dovresti pagare pure tu (che dallo spazio ricavi una comodita’).

Se no, portando il tuo argomento alle logiche conseguenze, uno che non vuole la macchina dovrebbe avere il diritto di parcheggiarsi un bel container fisso sotto casa per tenerci il cambio di stagione, gli sci e il baule con i cimeli del nonno.

Anonimo ha detto...

E' bella perchè pare morta come tutte le altre città che fotografate!!!

Anonimo ha detto...

Sono felice di vedere che finalmente in qualche zona di Roma sembri di stare in una città del nord europa, sarebbe bellissimo (e in quel caso saremmo veramente in una capitale europea) se potessimo evitare di avere una macchina, parcheggiarla in strada e creando il caos in giro, ma ahimè per poter far ciò dovremmo avere un servizio di autobus, metro e treni VERO! Comunque, tranne per qualche errore di battitura l'articolo è perfetto... ;)

Anonimo ha detto...

Peccato , peccato che Via Albalonga non sia stata riqualificata con un parcheggio, . Le auto fuori sosta ci fanno sempre rischiare l'incidente .IVbiettidSono un pericolo soprattutto per i pedoni . I comitati no-pup sono la disgrazia di Roma questo lo abbiamo capito per questo ci auguriamo che una volta per tutte s'é ne vadano al diavolo coloro che sfruttano lil tema parcheggi per i loro sporchi obiettivi.

Anonimo ha detto...

Comunque già adesso le aiuole sono invase dalle ortiche di 50 cm...date tempo al tempo..d'Estate, senza annaffiatura, le aiuole si seccheranno e moriranno tutte le piante. In Estate resistono solo gli alberi.
quanto alle panchine sono sicuro che i giovani daranno il loro "importante" ed immancabile contributo alla "manutenzione" delle stesse.

Anonimo ha detto...

5:01 PM
i parcheggi a pagamento dovrebbero essere destinati alla rotazione della sosta.
in tutte le città civili c'è una quota di parcheggi riservata ai residenti e un'altra a pagamento per chi va in giro con la macchina anzichè coi mezzi.
per quanto riguarda il pagare per avere una macchina (una non dieci) si strapagano tasse di ogni tipo compresa la tasi che è una tassa sui servizi urbani che il comune mette a disposizione dei residenti. tra questi servizi rientra il parcheggio di una vettura.
se l'obiettivo è di scoraggiare l'uso dell'auto, ben vengano i parcheggi a pagamento, se invece si vuole realizzare la favoletta della sparizione / liberazione delle strade dalle auto allora fate il gioco degli speculatori palazzinari della peggior specie che sono quelli che realizzano sti garage e li rivendono a peso d'oro.
6:45 PM
se uno non vuole la macchina è una sua scelta, perchè dovrebbe avere ugualmente il diritto di occupare lo spazio del parcheggio?? siete peggio dei fanatici
capre

Anonimo ha detto...

io abito lì.
premetto che sono contrario ai parcheggi sotterranei.
ovviamente sono favorevole alle riqualificazioni intelligenti, e per farle non serve per forza il cantiere di un parcheggio.
il cantiere, previsto di 2 anni, è durato invece più di 2 anni e mezzo. inoltre il parcheggio non credo sia ancora operativo, quindi i tempi sono da considerare ancora più ampi.
le note dolenti è che il quadrante è oramai sotto assedio dalla movida, una delle più bastarde di Roma.
Piazza Re di Roma è tutte le notti terra di nessuno e al mattino è ricolma di immondizia e bottiglie di vetro. Non è inusuale vedere le panchine della piazza divelte e spostate dove fa più comodo ai balordi ragazzotti romani.
il quadrante è disseminato di attività che vengono alcool fino a tarda notte.
Proprio su Largo Vercelli è possibile vedere le pareti dei palazzi, pali, lampioni, cabine ricoperte degli adesivi pubblicitari gialli di un certo locale di alcolici.
gli avventori, molto educatamente, evidentemente si procurano questi adesivi e poi li attaccano e disseminano ovunque nel municipio, compreso nei corridoi della metro.
le panchine nuove appena messe sono già scarabocchiate delle pennarellate insulse di questi idioti teste vuote che bivaccano bevendo birra da pomeriggio a notte.
tutta l'area fotografata nel post a breve verrà ricoperta dagli spray di questi deficienti, comprese le rampe e i vari accessi di servizio del nuovo parcheggio.
l'aiuola con i 4 cespuglietti già mesi fa ha subito il furto di una delle piante sane (e rimessa di recente), ma intanto già un'altra si è seccata.
insomma senza controllo del territorio e lasciando che profilerano come funghi i negozietti di alcolici, questa città non ha speranze.
su piazza re di roma c'era una agenzia di viaggi. è rimasta la metà, in quanto l'altra metà dei locali dell'agenzia di viaggio è diventata un minimarket gestito dai soliti noti. e il bello è che le vetrine sono rimaste con gli adesivi coi nomi dell'agenzia, mentre dentro ci vengono ora affissi i cartelli con le offerte sulle bottiglie di vino e birra.
una roba demenziale e paradossale.
ma l'assessore al commercio che dice vedendo migliaia di negozi di alcolici che hanno invaso roma, a decine in ogni rione?

Anonimo ha detto...

p.s.
dicendo che il cantiere è durato circa un terzo di più del tempo previsto (e il parcheggio deve ancora diventare operativo) volevo intendere che per tutto questo tempo ci hanno sfracassato con i rumori e la circolazione modificata in zona, con grandi smadonnamenti per più di 2 anni.
molti di quei graffiti che vedete sono stati favoriti dalle transenne del cantiere, che per anni hanno offerto nascondiglio ai bimbiminkia che nascosti dalle transenne hanno potuto fare liberamente carne di porco di tutte le facciate dei palazzi sullo spiazzo.
a fine cantiere hanno dato qualche passata di vernice per coprirne alcuni, ma evidentemente devono aver finito la vernice perché non si capisce come mai certi palazzi siano stati lasciati sporchi e vandalizzati.
naturalmente delle squadre di decoro del comune di roma non se ne vede ombra.
forse paghiamo troppe poche tasse.

Anonimo ha detto...

eh si, pare proprio l'Europa. ero convinto di avere sbagliato sito.

Diego ha detto...

Ottimo esempio di come la città puo' migliorare, è evidente del resto che per avere un servizio di mezzi pubblici decente occorre prendere il toro per le corna e rendere il più difficoltoso possibile l'uso del veicolo privato: strisce blu, lotta senza tregua alla sosta selvaggia, dissuasori sui marciapiedi, ztl e aree pedonali.
Bisogna PRIMA costringere i romani ad alzare il culo dall'auto e soltanto DOPO avremo qualche speranza di migliorare il servizio pubblico e renderlo più rapido ed efficiente con strade libere dal traffico.
Il solito ritornello "prima dateme li mezzi poi forse li prenno" si sente da 40 anni, non ha funzionato, non funziona e non funzionerà mai.

Anonimo ha detto...

Non è come dici tu "nelle città civili". A Londra il permesso per il parcheggio da residenti si paga. Addirittura nelle zone centrali ai palazzi di nuova costruzione i permessi non vengono proprio dati. Chi non ha il parcheggio condominiale (e sono tanti) se lo deve pagare privatamente, e ti partono come niente 200 euro al mese. Già mi aspetto la risposta che i mezzi pubblici a Londra sarebbero un piacere, e a prezzi popolari...

Anonimo ha detto...

>Il solito ritornello "prima dateme li mezzi poi forse li prenno" si sente da 40 anni, non ha funzionato, non funziona e non funzionerà mai.

Anche perché non è mai stato fatto. Roma non ha mai avuto un servizio di trasporto pubblico al pari della civiltà europea. Il tuo ragionamento è anche un'assoluzione dell'amministrazione che ha sempre ignorato lo sviluppo di un trasporto alternativo all'auto privata. La cosa più intelligente da fare, che è stata fatta in ogni capitale europea negli scorsi decenni, è sostituire gli stradoni all'interno delle città con corsie preferenziali, ciclabili, percorsi pedonali attraversati da tram e stazioni metro. Togli spazio alle maghine e lo sfrutti per i servizi alternativi. Fare solo una delle due cose è semplicemente stupido e poco lungimirante.

Anonimo ha detto...

Ma cosa c'è di bello in qualche metro di lastroni di cemento su un marciapiede e manco un albero? Sembra una piazzola di cantiere.
Voi il bello non sapete manco dove sta di casa.

mario giuli ha detto...

Ringraziate che ancora Non stanno a fa i lavori e che ora chi e propietario di belle macchine ha sicurezza per il suo mezzo e comodità a seguito. (COSA PIU IMPORTANTE ) nonche piazza san Giovanni e ancora sfigurata dal cantiere di via la spezia . E anche vero che la festa del quartiere andrebbe fatta a lgo Vercelli e non piu a piazza Asti , o magari un piccolo mercatino dell ortofrutticola.. Calcolando che prima nn c era niente. Gia che c eravamo potevamo mettere anche la metro c!!!

mario giuli ha detto...

Ce stanno pure le piante

Anonimo ha detto...

Se venissero le imprese nordeuropee a scavare i parcheggi interrati, glieli farei fare anche sotto al Colosseo.
Ma voi vi fidate cosi' tanto dei palazzinari romani? In un contesto geologico problematico come è il sottosuolo di Roma, fareste scavare sotto casa vostra a degli ex pecorari che non si fanno scrupoli a comprarsi le autorizzazioni un tanto al chilo?

Anonimo ha detto...

"In un contesto geologico problematico come è il sottosuolo di Roma, fareste scavare sotto casa vostra"

di problematico ci sono solo le ditte mafiose legate al comune che rubano su tutto e lavorano a cazzo. Per un'impresa edile seria che costruisce in zone sismiche o a rischio idrogeologico, costruire a Roma è una passeggiata di salute.
E comunque sì: la mia cooperativa ha fatto scavare proprio davanti al nostro condominio, la zona dello scavo è stata circondata da una palizzata di cemento armato piantata per 20m nel terreno con le trivelle molto prima di scavare, e infatti non c'è stato alcun problema, eccetto il rumore delle macchine per qualche mese... e ora i benefici se li godranno i figli dei nostri figli, anche chi non ha comprato il box ora ci trova sopra un giardino curato a spese nostre per sempre, e 30 posti auto liberi e gratis in strada.

Anonimo ha detto...

rispondendo al primo messaggio, volevo segnalare che a Roma un parcheggio con una tecnologia simile, per non dire uguale, c'è ma è stato chiuso praticamente subito.
Si tratta del parcheggio di scambio della metro Cornelia a boccea chiuso perchè i costi di gestione erano alti....così dicevano.
Era comodimissimo perchè potevi lasciare la macchina e prendere la metro oppure per andare a fare due passi a via boccea (in quel punto è pieno di negozi) e non perdere tempo a trovare posto per la macchina o parcheggiarla a km di distanza.
Meglio creare traffico e lasciare le auto in doppia fila rallentando in una maniera pietosa il flusso (chi conosce la zona so di cosa parlo! provate a passare di lì alle 18 della sera...)

Anonimo ha detto...

Piazza Re di Roma è uno schifo, e lo sa chi ci abita. Ma siccome è terra di tripodi e gallace, che hanno piazzato i loro ignobili cantieri eterni ovunque, e i loro nipoti ritardati in ogni pizzeria, troverete sempre qualche tripodofilo o gallacino che si estasia di fronte a du'lastre de cemento in croce come se fosse la pietà di Michelangelo.

Anonimo ha detto...

L'unico problema di Largo Vercelli sono i clienti del beershop all'uscita della metropolitana.

Anonimo ha detto...

Certo, lo hanno appena aperto. Rifate le foto tra qualche mese e ne riparliamo.

Maurizio ha detto...

Beh..se proprio ti serve la macchina allora paga il posto auto mi sembra esagerato. C'è chi ha la macchina per estrema necessità e che la tiene facendo grossi sacrifici economici e che la usa per i figli piccoli..per portarli a scuola evitando lunghe camminate tra il freddo e delle volte la pioggia. Quindi o stai a fette o hai hai la macchina ma ti devi pagare il parcheggio è troppo. Concordo per chi ha più di una macchina..allora si.

Anonimo ha detto...

Il freddo rinforza e fa crescere bambini sani. Pensa a chi vive in Svezia. Al contrario stare seduti in maghina fa crescere il culone e ti impigrisce. Un figlio che va a scuola a piedi o in bicicletta sarà un uomo bello e sano.

Anonimo ha detto...

quindi una macchina razionata ma non due, ma se la nonna non guida più allora posso due macchine e se mio figlio è minorenne mica guida allora tre posso ma quella ne ha quattro perché ha messo la residenza a roma della cugina di arezzo, ma non vale pago il bollo e la benzina cara datemi il parcheggio se no te la lascio sull'aiola.

Anonimo ha detto...

D'accordo con la prima parte dell'articolo, dovrebbero rendere così tutte le strade di Roma, ma c'è assoluto bisogno (e su questo penso sia d'accordo chiunque) di un notevole miglioramento del trasporto pubblico. Il resto mi sembrano chiacchiere.
Riguardo al possesso dell'auto, sì qualcuno forse ne possiede troppe, ma non credo sia sempre a buffo. Con quello che costano, se l'auto non serve a niente, non te la compri, indipendentemente dal parcheggio.
Ora sta al Comune progettare una mobilità alternativa.

Commercialista Di Roma ha detto...

Commercialista Di Roma

http://commercialistadiroma.com/

Consulenza e Assistenza Societaria, Fiscale, Tributaria e Amministrativa - Su Commercialistadiroma.com troverai tutti gli ultimi aggiornamenti in materia normativi fiscale tributaria e legale per ogni attività da svolgere.

ShareThis