Foto incredibili da Roma Tre. L'università dove i Rom spadroneggiano impossessandosi di servizi igienici e spazi comuni

13 giugno 2014






Vi segnalo questa  situazione che ho scoperto sul web e che mi è stata raccontata da studenti che frequentano questo ateneo. Ormai la storia è insostenibile presso la Facoltà di Ingegneria di Roma Tre: sono stati informati il Capo del Governo, il Sindaco Marino e vari quotidiani romani. Risultato? Nessuno. Gruppi di  rom  girano indisturbati dentro e fuori l'ateneo: abbiamo paura che prima o poi succeda qualcosa che possa pregiudicare la sicurezza personale dei nostri figli. E' una vergogna intollerabile ed inaccettabile. Le foto parlano da sole.

Giovanni

*Fermo restando che il comportamento dei romani (magari degli stessi figli di Giovanni o dei loro compagni) è quasi sempre ancor peggiore del comportamento dei Rom stessi, abbiamo pensato di dare visibilità a questo grido d'allarme per un semplice motivo: da nessuna parte d'Europa (Romania compresa, intendiamoci), potrete trovare una facoltà di ingegneria di un importante ateneo abbandonato a razzie e utilizzi impropri da parte di nomadi o similia. Sfidiamo chiunque a trovare scene simili da qualsiasi altra parte del mondo. Qualsiasi. Questa lettera, dunque, è l'ennesimo tassello di un mosaico dove sta scritto che in questo momento Roma è un caso unico a livello mondiale di lassismo, tolleranza pelosa, disapplicazione delle norme. Il paradiso del "noi abbiamo le mani legate".
-RFS

125 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Nelle immagini si vedono persone che si procurano acqua o che si lavano: non ci vuole molto a capire che se potessero farlo dove vivono non si prenderebbero la briga di andare fino all'università. Si parla di "razzie": sarebbe possibile sapere quando sono state compiute e chi le ha denunciate? "Abbiamo paura che prima o poi succeda qualcosa": dunque, finora, non è successo nulla. "I Roma spadroneggiano impossessandosi degli spazi": quindi si afferma che ai non Rom è precluso l'accesso agli spazi? Quest'articolo puzza forte di allarmismo gratuito, tanto per fomentare un po'...

Anonimo ha detto...

L'acqua io la pago come condomino. Quando vado all'università l'ho pagata con le tasse universitarie. Non so tu se la paghi o se semplicemente pensi che non si debba pagare. Poi mi spiegherai anche come si mantengono le tubature e le fogne

Anonimo ha detto...

Ma danno anche gli esami? Che media hanno?
:D

Anonimo ha detto...

Forse vogliono laurearsi anche loro.
In furti sono certamente i più preparati, non li batte nessuno.

@commento n.1: perché non li porti a bere in casa tua?

Anonimo ha detto...

Ma stiamo scherzando? Sono dieci anni che la situazione è questa. Tensioni, furti vari, danneggiamenti e degrado ai danni della facoltà (che si tiene in piedi con i soldi delle nostre tasse pagate da chi lavora duramente) sono FATTI INCONTROVERTIBILI. Chi cerca giustificazioni evidentemente non è mai stato in zona e non sa lo schifo che si prova. Quale cazzo di allarmismo, teneteveli a casa vostra se siete tanto gentili. Roba da pazzi!

Anonimo ha detto...

Falli lavare, mangiare e bivaccare a casa tua!

Anonimo ha detto...

Ormai la questione "zingari", o come li si vuole chiamare, sta assumendo aspetti inquietanti e paradossali. Premesso che ogni etnia si porta dietro una componente di mascalzoni qui ci troviamo invece a che fare con gente che per volontà e tradizione vive di parassitismo, da sempre. E questo è quello che tramandano ai loro figli. Perché si continua a difendere e tutelare oltremisura questa feccia ? E sebbene in Italia questi creino problemi sociali enormi, gli zingari creano problemi in qualsiasi paese si trovino, proprio perché non concepiscono il lavoro e se ne sbattono altamente di tutte le regole. Questi vogliono vivere così ed ogni tentativo di integrazione non può funzionare con gente che ad "integrarsi" non ci pensa proprio. E più gli dai, più si prendono. perché oltretutto hanno anche la presunzione e l'arroganza di sentirsi superiori e quindi tutto gli è dovuto.
E per favore, basta parlare di discriminazione. Questa è gente che delinque volutamente e che, non solo non è perseguita (perché ?) ma viene pure sovvenzionata con le nostre tasse.
Gli zingari in Italia, e Roma è il loro terreno di conquista ideale, commettono milioni di reati al giorno, dai furti nelle case ai borseggi, dai furti d'auto all'usura, dai reati ambientali alle rapine. Non c'è forma di illegalità e criminalità, compresa tra l'accattonaggio e l'omicidio, che gli zingari non ci riservino ogni santo giorno, eppure si continua imperterriti a lasciarli fare ed anzi, a compatirli, ovviamente a livello istituzionale perché la gente normale sa benissimo con che razza di bestie abbiamo a che fare ogni giorno.

Non è possibile che la corte europea, il papa, le istituzioni, i sindaci, continuino a vivere fuori della realtà ed a propinarci la solita tiritera ipocrita della discriminazione e dell'integrazione.
E' mai possibile che per gli zingari le leggi non valgano mai ? Perché si arriva a fermare anche 50 volte una borseggiatrice e la si lascia libera di continuare ? Perché, seppur ben nota l'emergenza ambientale, agli zingari si lascia mano libera nel bruciare sostanze tossiche ed avvelenare ogni zona di terreno dove passano ? Perché un controllore dell'ATAC viene a verificare il mio biglietto e a pochi metri di distanza, sulla banchina della metro, famiglie di zingari bivaccano e pisciano tra gli occhi esterrefatti dei turisti ? Perché si continua a tollerare il furto di acqua e luce nei campi nomadi che poi il comune scarica sui contribuenti ?

Per non parlare poi dei sussidi, delle case popolari, e di quantaltro viene elargito a questa feccia con le nostre tasse da sindaci alla "marino" (è di ieri la notizia di un aumento della tari (per noi) ed un aumento degli stanziamenti (per gli zingari). Ma vi sembra normale ?

Qui è ora di rompere questo timore reverenziale dato dalla parolina magica "razzismo" e di iniziare a dire esattamente le cose come stanno, perché tutti, ma proprio tutti, anche i più "terzomondisti" non ne possono proprio più degli zingari.

Questa è feccia che deve essere allontanata e deve rispondere penalmente di quello che fanno. Non ci possono più essere in città "zone franche" come i campi nomadi dove tutto è consentito e non è più tollerabile foraggiare con i soldi nostri chi vive volutamente di parassitismo e a lavorare non ci pensa proprio.


Ma la gente deve smettere di avere paura. C'è un limite a tutto e questa situazione è insostenibile oltre che profondamente ingiusta e discriminatoria verso gli italiani.
Riempiamo di fax, email e telefonate il comune e le istituzioni:

BASTA ZINGARI !!!

ed è bene che le autorità facciano qualcosa prima che la pazienza della gente si esaurisca del tutto e si passi alle ve di fatto, perché io di gente che vorrebbe "sistemare" gli zingari una volta per tutte ne sento davvero tanta

Anonimo ha detto...

in tutto il resto del mondo, il campus di un'università e' sorvegliato e non puoi entrarci se non sei uno studente, un professore, o un'ospite con permesso.
Non capisco perché a Roma il palazzi di un'università (per cui gli studenti PAGANO) e' aperto a pubblico- che siano Rom o no. In piu, queste persone usano i servizi (acqua, bagni ecc) che vengono pagati dagli altri. E' una follia ed e' poco sicuro.

Anonimo ha detto...

Commento n.1 ... MA VA******LO!!

Gente che ti SPUTA ADDOSSO mentre cammini tranquillamente sulla pista ciclabile non si merita niente, solo un sacco di botte!!

Stefano Arnaldi ha detto...

Commento n1 te lo specifico io che spesso vado (anzi andavo) in quella facoltà a studiare: fanno l'elemosina alle macchine del caffè ed ultimamente se gli studenti osano dimenticarsi un qualcosa di valore da una parte per più di 10 minuti allora succede sempre più spesso che non se la ritrovino più.

Unknown ha detto...

"si procurano acqua", "precluso accesso agli spazi", "allarmismo gratuito"....
Ma di che film sta parlando il primo commentatore?
Ma dove s'e' mai visto che si possa entrare in un ateneo e comportarsi come a casa propria?
Li stiamo autorizzando a fare tutto quello che gli passa per la testa!
Quale sara' la prossima trovata?

Anonimo ha detto...

tutte le macchine danneggiate, i furti dove li mettiamo?

e parliamo solo del "poverini si vogliono abbeverare"



Anonimo ha detto...

ah quindi secondo il primo commento se persone che nemmeno conosce vengono a casa sua e non rubano niente ma si lavano, usano il suo bagno e si accomodano sul suo divano va bene... naturalmente quando vogliono loro mica su appuntamento! Lei lasci la sua porta di casa bella aperta e ci dica dove abita così gliene mandiamo un pò di persone bisognose senza accesso ai servizi igienici!! Perchè ogni cosa pubblica deve sempre essere vista come una cosa di cui non curarsi, come una cosa che non ci appartiene quindi se qualcuno che non paga per mantenerla la usa non ce ne frega niente?? Secondo questo signore un qualsiasi giovane può entrare all' università, seguire le lezioni e fare gli esami senza prima aver pagato una retta?? Le rispondo io no perchè lo cacciano (giustamente) L' università è una scuola non una stazione e chi difende questo degrado non meriterebbe nemmeno l'accesso all' istruzione per se e per i suoi figli perchè non è in grado di capirne l'importanza.

Anonimo ha detto...

al commento n.1 :
vaffanculo a te, a marino e agli zingari

dove arriva sta feccia immonda, arriva il degrado della peggior specie

e sono pure arroganti, perché si sentono protetti sti bastardi

eppure ha da venì quel giorno...

Anonimo ha detto...

Mi associo totalmente ai vaffanculo indirizzati al commento n. 1, totalmente. BASTA ZINGARI DI MERDA, BASTA!!

Anonimo ha detto...

DA IERI
PIU' TASSE PER I ROMANI
PIU' SUSSIDI PER GLI ZINGARI

UN SENTITO GRAZIE A CHI HA VOTATO PER QUESTO SINDACO TRADITORE E VENDUTO, CHE INVECE DI TUTELARE I ROMANI ELARGISCE SOLDI (NOSTRI) A QUESTE BESTIE IMMONDE

MARINO, FAI SCHIFO

Anonimo ha detto...

Primo commentatore anonimo delle 08:45 ti immagino seduto sul cesso mentre partorisci la prima cacata della tua giornata scrivendo il tuo commento. Stai zitto che è meglio, idiota.

Anonimo ha detto...

quanti sono gli zingari a roma ? 10.000 ? 20.000 ?

quanti siamo noi ?
4 milioni ?
di questi quanti hanno le palle piene degli zingari ?
sempre 4 milioni.

la soluzione è nei numeri

basta volerlo...

Anonimo ha detto...

referendum cittadino subito !

VIA GLI ZINGARI DA ROMA !!!

C'è qualche politico con le palle che se la sente di farlo ?

se domani si presentasse alle elezioni anche il ku klux klan, io li voto

perché ci siamo rotti il cazzo della feccia e di chi li protegge

Matteo ha detto...

fermo restando che non è una bella situazione per noi studenti, penso che i problemi da risolvere siano ben altri per noi studenti (numero di appelli, strutture carenti, biblioteche strapiene e aule mai disponibili per studiare) poi sistemiamo pure questa. Quando c'è da lamentarsi per un problema razziale tutti a darsi da fare, quando c'è da lottare per il diritto allo studio invece no! Vi farei notare che l'università è pubblica, così come il suolo su cui giace perciò quelle persone possono stare là così come voi o chiunque altro, anche se ritengo io in prima persona che i comportamenti che tengono non siano a volte tollerabili

Anonimo ha detto...

L'universita` e` un luogo pubblico, come tutti possono servirsene e anche seguire leggittimamente le lezioni (ma non dare esami, per quello devi essere iscritto).
Quello che succede in quelle foto non e` nulla di illegale.

I danneggiamenti e i furti sono altra cosa, sono reati e vanno puniti in quanto crimini commessi da criminali.
Io sono un ex studente di ingegneria a Roma Tre, la situazione e` sempre stata cosi`, ma devo dire che il tasso di furti e danneggiamenti all'universita` e a ai beni privati degli studenti non era piu` alta de la sapienza o Tor Vergata, si ho frequentato tutte e tre le universita` di Roma per periodi comparabili di tempo (con successo).
Quindi evitate falsi sensazionalismi e se ci sono foto di danneggiamenti mostrate quelle e non gente ripresa illegalmente in un luogo pubblico, credo che l'illecito lo abbiate compiuto voi stavolta.

Anonimo ha detto...

ci sono furti continui. ogni giorno vengono rubati motorini, caschi, spaccate macchine, rubati cerchioni di auto. uno studente è stato aggredito e malmenato.
i bagni ormai sono devastati, spaccati, con un olezzo da terzo mondo ogni volta che passano loro. i lavandini sono otturati e pieni di peli loro visto che si rasano e depilano li.

Anonimo ha detto...

Ho studiato in quell'università e purtroppo non posso che confermare questa situazione. Miglioramenti ce ne sono stati quando hanno delocalizzato il campo rom in prossimità dell'argine del Tevere, dove oggi sorge la piscina che era destinata ai mondiali.
Purtroppo qualcuno è rimasto occupando abusivamente un vecchio stabile vicino al parcheggio.
Non è questione di razzismo o altro ne tanto meno allarmismo gratuito. Ricordo giorni in cui i furti nelle auto posteggiate erano all'ordine del giorno, zingari che entravano nel bagno delle donne (una volta uno si masturbò nel bagno delle donne)e nessuno che poteva far nulla perchè se in quel momento facevi gruppo poi tanto dovevi uscire dall'università e ti ritrovavi solo e spesso anche con il buio. Quindi a che serviva la denuncia?
Sicuramente la delocalizzazione ha aiutato a migliorare le cose però purtroppo non a risolverle del tutto. Certe cose, a prescindere da chi le fa, non devono essere tollerate.

Anonimo ha detto...

Sono studente a Roma Tre e ho molti amici ad ingegneria con cui ho parlato di questo. La situazione non è così tragica come la descrivono i giornali; hanno visto una volta sola una persona lavarsi in un bagno ed è scoppiato il putiferio. Questa invasione di Rom non è da nessuna parte. I furti ci sono da sempre e sono opera anche di altri studenti. Nonostante ci sia un servizio di vigilanza interno; abbiamo le guardie giurate. Ormai sembra che alimentare l'odio faccia sempre notizia. Nessuno è autorizzato usare il bagno di un'universitá per lavarsi, è vero. Ma è fuori luogo che per questo sia considerato un delinquente o addirittura "feccia". Dite pure che sono buonista, ma la situazione la conosco abbastanza da vicino.

Anonimo ha detto...

@ anonimo 10.02
Che non ci sia nulla di illegale nelle foto sono d'accordo. Che invece sia accettabile che gruppi di persone usino sistematicamente dei beni pubblici per cui non pagano i costi di gestione invece non lo accetto. Tra prendere un bus senza biglietto e usare ogni giorno dei bagni senza pagare le rette per la loro manutenzione non c'è alcuna differenza!

Anonimo ha detto...

ahò ma quello estrema destra fissato con mare nostrum e che aveva sparato quelle fantomatiche notizie sui fantomatici 600 migranti portati e abbandonati scalzi nelle stazioni di milano non si fa più vedere?
si è reso conto?
o forse scrive "in incognito" ormai per non farsi riconoscere?
prima scriveva sempre in maiuscolo...
ora sembra che non scriva più in maiuscolo ma certi commenti sembrano sempre più o meno i suoi.
senza più mare nostrum, o ebrei, o banche, o europa ecc... ma sempre lui è.

Anonimo ha detto...

notizia di oggi, i romani pagano 5000 euro l'anno per ogni rom afferente ai campi autorizzati.
figuriamoci per gli altri...
nella prima foto mi sembra che ci siano gli estremi della incriminazione per furto.
ma continuiamo così, facciamoci del male

Giovanni Mosiello ha detto...

Sono rappresentante degli studenti a Ingegneria.

Cercherò di dare un quadro generale (anche per rispondere ad alcune fesserie che ho letto):
-Nonostante sulla carta esista un servizio di vigilanza, ad Ingegneria non si è MAI vista alcuna guardia giurata, inoltre il contratto è stato anche ridimensionato, ergo avremo ancora meno possibilità di vedere un sorvegliante.
-I rom si recano OGNI giorno in facoltà per riempire bidoni di acqua (con cui alimentano le roulotte), farsi la barba, lavare i bambini e chiedere elemosine (a volte con molta insistenza fino ad arrivare a manomettere le macchinette per trattenere il resto)
-Inoltre capita spesso che i bagni siano lasciati in condizioni pessime dopo queste "visite", ancora più di quanto non facciano certi miei colleghi scarsamente educati
-I furti si verificano ai danni delle autovetture degli studenti parcheggiate su via della vasca navale e, guarda caso, si concentrano nelle vie di passaggio dei nomadi. Inoltre vi è anche un senzatetto che settimanalmente entra nella facoltà e si reca nella zona degli armadietti, i giorni in cui viene si trova sempre un nuovo armadietto forzato e vuotato. Altri tipi di furti (come ad esempio il caso di un pc portatile) sono stati opera di studenti (di cui uno preso in fragranza da me) e non ho mai mancato di denunciarlo.
-è vero che ci sono anche altri problemi, ma la mia filosofia di vita mi porta ad affrontarli TUTTI senza preferenze di comodo.

È vero che l'università è pubblica e a libro accesso, ma l'accesso libero è quello alla cultura ed alla formazione, NON ai bagni, soprattutto se vengono usati come rifornimento di acqua (parliamo di centinaia di litri)

Spero di aver chiarito ogni dubbio... Prego i fantomatici "esperti" e "informati" della situazione di identificarsi (l'anonimato spesso nasconde ideologie e malafede) e a verificare le proprie informazioni...

Anonimo ha detto...

Caro Giovanni, meno male che sei nientemeno che "Rappresentande degli studenti a Ingegneria"!!! Come hai fatto ad essere ammesso? Ti sei diplomato all'Istituto Tecnico Pico de Paperis? Sai, uno che coglie i ladri "IN FRAGRANZA" qualche dubbio lo fa venire anche a chi ha, come dire, poco naso...

Torino72 ha detto...

L'unico modo per fare sparire gli zingari, è portargli via i figli e darli in adozione.
In fondo verrebbe solo applicata la legge in quanto, se una famiglia italiana, non lavora, invece di mandare i figli a scuola li mette per strada a fare reati, non ha la cura igienica, i servizi sociali gli tolgono immediatamente i figli!
Fidatevi se gli togliamo la prole ,o si adeguano al sistema, oppure devono cambiare paese! Ma in italia non si pò fare perchè bisogna mantenere tutti i parassiti della chiesa e del governo!

Giovanni Mosiello ha detto...

Grazie anonimo (ma non mi dire) delle 11:45 per aver obiettato alle mie 19 righe di commento con un'osservazione su un errore ortografico (colpa del correttore, ma sei liberissimo di non crederci, tanto non sarai comunque considerato 😉 ).

Hai reso molto più facile il giudizio sulla tua risposta.

Anonimo ha detto...

Sapete, il tedesco con i baffetti bruciava 2 categorie di persone.

1) Gli Ebrei dei quali celebriamo la giornata della memoria e ripetiamo incessantemente gli orrori dei campi di concentramento.
2) Gli zingari.

Ecco, che bruciava gli zingari non ci viene detto, altrimenti avremmo gia avuto l'uomo con i baffetti 2.0 per acclamazione popolare.

Federico ha detto...

Vorrei dire una cosa a tutti gli anonimi che hanno risposto snobbando la questione, a cominciare dal primo.
Innanzi tutto tu ci sei mai stato a RomaTre o vai alla Luiss? Perché quando dici che non è successo nulla ti farei parlare con quel ragazzo al quale hanno spaccato il naso per rubargli il cellulare. Oppure ti vorrei portare ai distributori intorno alle 17 dove i bambini rom prendono la rincorsa dalla parete opposta e prendono a calci il vetro, oppure mettono la carta dentro il condotto del resto per rubarsi le monete.
Allora visto che l'acqua è di tutti perché non li inviti a casa tua a riempire i bidoni e a lavarsi le ascelle?
Chi è quell'altro idiota che ha detto che abbiamo un contratto con la guardia giurata? Tu l'hai mai visto?
"Un mio amico mi ha detto che non è cosí grave".. quanto ci vive questo tuo amico all'università? Perché non fate una bella cosa e non venite per tre giorni di seguito a studiare in ds3a e vi diventerete antisemiti pure voi.

Vi odio tutti, gli zingari e i loro soci italiani scoperti su questo forum

Anonimo ha detto...

Se il problema era solo il costo dell'acqua non capisco perché vedo tutte le mattine intere famiglie di rom fare colazione al bar su viale Marconi , cosa che non tutti si possono permettere.

Anonimo ha detto...

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/14_giugno_13/noi-studenti-ingegneria-vittime-nomadi-che-invadono-facolta-a47d97c0-f2cb-11e3-9109-f9f25fcc02f9.shtml

Gabriele C. ha detto...

La magior parte dei lettori invece di rispondere all'impulso di categorizzarsi come Pro-Rom o Contro-Rom, spostando il discorso da una questione di civiltà, rispetto delle regole e dell'istituzione universitaria a una questione di razzismo e politica, ha letto anche le ultime righe dell'articolo?:

"Fermo restando che il comportamento dei romani [...]è quasi sempre ancor peggiore del comportamento dei Rom stessi, abbiamo pensato di dare visibilità a questo grido d'allarme per un semplice motivo: da nessuna parte d'Europa (Romania compresa, intendiamoci), potrete trovare una facoltà di ingegneria di un importante ateneo abbandonato a razzie e utilizzi impropri da parte di nomadi o similia. Sfidiamo chiunque a trovare scene simili da qualsiasi altra parte del mondo. Qualsiasi. Questa lettera, dunque, è l'ennesimo tassello di un mosaico dove sta scritto che in questo momento Roma è un caso unico a livello mondiale di lassismo, tolleranza pelosa, disapplicazione delle norme. Il paradiso del "noi abbiamo le mani legate".
-RFS -

Per quello che mi riguarda il mio commento vuole essere attinente al problema. La situazione vergognosa in cui si trova la facoltà di ingegneria rispecchia l'attenzione nulla data dalle istituzioni all'istruzione pubblica. Anzi ciò è collegabile alla triste situazione di qualsiasi servizio pubblico... ma il fatto della facoltà di Roma Tre è quanto di più triste possa esistere perchè l'istruzione è l'unica strada nella quale affidare le speranze per un futuro migliore e questa viene lasciata nell'incuria, nella disattenzione e nella totale scarsità di mezzi

Anonimo ha detto...

"Fermo restando che il comportamento dei romani (magari degli stessi figli di Giovanni o dei loro compagni) è quasi sempre ancor peggiore del comportamento dei Rom stessi..."

Mi sembra che tu abbia insultato Giovanni in questa frase, ipotizzando che i suoi figli possano essere peggio dei Rom.

Non è carino...

Sandro

Anonimo ha detto...

sono convinto che non è la miseria a causare gli atteggiamenti ma sono gli atteggiamenti che causano la miseria

altrimenti nel dopoguerra gli italiani non si sarebbero mai rialzati, ed invece c'era la voglia di sudare ed uscire dalla fame

e questo vale per tutte le popolazioni

quindi non mi si venga a dire che gli zingari sono "così" perché poveri (o presunti tali)

piuttosto sono straccioni parassiti e criminali perché questo è il loro atteggiamento verso il mondo e verso la società, e lo dimostra il fatto che, a differenza di altre etnie, loro sono rimasti quelli che erano secoli fa, con la stessa arroganza, la stessa violenza, la stessa concezione della loro superiorità e quindi del loro diritto di vivere alle spalle degli altri

e questo è un fatto incontrovertibile anche se tanti buonisti (cretini o che ci mangiano sopra o entrambe le cose) vogliono convincerci del contrario e continuano a sbandierare la teoria della discriminazione per spiegare la malvagità di questa feccia

perché anche nell'illegalità e nella criminalità, questa gente si dimostra gratuitamente violenta e cattiva come ha modo di vedere la gente normale ogni qualvolta ha la disgrazia di avere a che fare con gli zingari

rimango quindi convinto che una soluzione "normale" con questa gente non sia possibile e che l'unico modo per non avere problemi sia quello di allontanarli o metterli in condizione di non nuocere, perché questi non verranno mai a patti con la gente civile e con un sistema di regole che non sia il loro

fosse per me li sterilizzerei, almeno nel giro di una generazione ce li siamo tolti dai coglioni

nazismo ? razzismo ? No. Buon senso. Ad un certo punto ci si dovrà pur tutelare da queste bestie. E sono sicuro che la stragrande maggioranza della gente condivide questa posizione.

Anonimo ha detto...

condivido quanto detto sopra

in effetti colpisce in questa gente l'assoluta mancanza di "umanità", anche nel delinquere

se possono sono sempre pronti ad insultarti, sputarti o comunque danneggiarti. E' nella loro indole, ecco perché sono odiati in tutto il mondo, e questa non è discriminazione, sono loro che rifiutano ogni compromesso

a qualche radical-chic suonerà come uno scandalo ma sono gli zingari i più razzisti e intolleranti di tutti, e di certo qui i discriminati sono gli italiani perché per noi le regole devono valere e per loro no

Anonimo ha detto...

gli zingari sono comparabili ad un cancro dell'umanità, concepiscono solo distruzione e sfruttamento di ciò che li circonda, ad iniziare dal territorio

hanno qualcosa nel loro dna che li rende così e non cambieranno mai, prova ne sia che sono l'unica razza in europa che non si è evoluta in qualche modo ed il loro disprezzo verso il mondo esterno li rende davvero come elementi distruttivi della società, proprio come cellule tumorali

una specie parassita che vive nell'immondizia e prolifera copiosamente, proprio come i topi di fogna

Anonimo ha detto...

la cosa che mi fa ribollire il sangue è che parte delle mie tasse vanno a questi maledetti

ma con quale diritto questo sindaco immondo si permette di sovvenzionare questi criminali parassiti coi soldi nostri, quando il 99% della gente di sicuro non vorrebbe ?

porca mignotta, che si aspetta a cacciare via sindaco e zingari ?

vogliamo o no fare casino contro questo stato di cose ???

SOLDI AGLI ZINGARI ? NON CON LE MIE TASSE !!! MARINO, VERGOGNATI !!!

Anonimo ha detto...

Commento n.1 scommetto che sei un fan di Marino (il nostro caro sindaco, anche noto come l'amico degli zinghi).. prendili a stare a casa tua se ti fanno così tanta pena! Vivere alle spalle dei cittadini e dei contribuenti che pagano le tasse per quanto mi riguarda vuol dire vivere come dei parassiti, i quali meritano solo di essere estirpati.. noi vogliamo un città pulita e decorosa, è indegno lasciar correre e vivere in mezzo a questo schifo!

Matteo Cavicchioli ha detto...

Non capisco perché questa mancanza di rispetto e astio verso chi ha un'opinione diversa...chi difende i Rom non sta difendendo il degrado o le delinquenze. A mio avviso tutto questo disprezzo sicuramente non porterà ad una soluzione del problema. Conosco la cultura e lo stile di vita dei Rom perché li incontro settimanalmente, adulti e bambini, con cui faccio il doposcuola, stando a contatto con loro e pensando che prendendosene cura possano cambiare vita. Per tanti così è stato, visto che hanno continuato a studiare e si sono integrati bene. E poi molti sono bravissime persone costrette a vivere in condizioni umanamente ai limiti dell'accettabilità, che non si sognerebbero mai di educare i propri figli a rubare o vandalizzare edifici pubblici. Siete liberi di crederci o meno, ma così è. Leggo commenti agghiaccianti. E questo astio generalizzato dovrebbe essere più preoccupante del "caos" nell'università, perché le due cose sono più collegate di quanto si creda.

Anonimo ha detto...

Mi spiace ragazzi ma la vostra esperienza non conta e mai conterà su questioni del genere.

Ci vogliono i fatti, statistiche, prove alla mano.

Il "miocugginismo" deve smettere perché porta solo a stereotipi e false accuse.

E' facile postare una foto e allegarci frasi allarmatorie.

Mi spiace perché è proprio grazie al vostro comportamento che poi molti delinquenti la passano liscia.

La colpa di tutto quanto è solo vostra e del vostro blog.

Anonimo ha detto...

io spero che marino legga questi commenti o che comunque gli vengano riportati

MARINO, LA GENTE TI ODIA !!!
SEI UN INETTO !!
SEI UN VENDUTO AGLI ZINGARI !!!
VATTENE !!!

Anonimo ha detto...

Quello che l'Italia (Roma ) non vuole capire, e che negli alti paesi invece li costringono ad andare via. Nei campi Rom, se fate ben caso ci sono una miriade di auto con targa straniera (Francia, Germania, Austria, Olanda....), ciò significa che prima stavano da un'altra parte e pio sono stati costretti ad andare via e venire qui.
Non ci sono leggi speciali ma semplicemente le leggi applicate.
Es perché non introdurre la norma che non è uno studente non può entrare all'università basterebbe un portiere tanto con tutti i dipendenti pubblici che abbiamo. Stessa cosa alla stazione, devi partire hai il biglietto e allora non puoi entrare, idem per la metro. Rubi le auto, vai senza assicurazione e patente? La polizia si apposta appena fuori il campo e controlla tutto. Così è all'estero, non si tratta di discriminazione, se stai in un paese valgono le regole di quel paese prendere o lasciare.







Anonimo ha detto...

commenti agghiaccianti sugli zingari ?

qui di agghiacciante c'è quello che combina questa feccia ogni santo giorno

e ancor più agghiacciante è che nessuna autorità interviene, anzi, gli diamo pure i soldi

con tutti i disoccupati e i pensionati poveri che ci ritroviamo, ma come si fa a dare soldi a immigrati e zingari ?

mare nostrum, accoglienza, rifugiati, bla, bla, bla...

ma agli italiani chi ci pensa ?

che schifo, che politici di merda traditori

altro che alba dorata, voterò per chiunque ributta a mare questi selvaggi invasori

razzista ? dite quello che vi pare, non me ne frega un cazzo del vostro buonismo ipocrita. Io voglio che gli italiani vengano prima degli altri perché sono soldi nostri e questa è casa nostra

chi ci tiene tanto a vivere come in bangladesh o in africa se ne vada pure a vivere da quelle parti e a mantenere i selvaggi a spese sue

Anonimo ha detto...

Invece di parlare degli zingari, spiega ai tuoi amichetti di Roma Tre che è meglio presentare la dichiarazione dei redditi vera. Così l'università avrà i soldi per pagare le guardie alle porte.

Anonimo ha detto...

Ma di cosa parli?

Anonimo ha detto...

Della storia della dichiarazione ISEE: a Roma Tre c'era il record di quelle false!
E parlate degli zingari? Ma fatemi il piacere...

Anonimo ha detto...

Della notizia ha dato lettura anche il sig. Casciani, tramite la sua trasmissione "Giorno per giorno" sull'emittente radiofonica "RTR99". A Roma i signori nomadi hanno licenza di comportamento, secondo le loro preferenze. Finché la pazienza dei residenti non porterà ad una rivolta violenta. Ma prima che ciò accadrà, trascorreranno ancora tanti e tanti anni.

Anonimo ha detto...

Sapete che i Rom non centrano proprio nulla con la Romania? Vi confondete con i Romeni...

Anonimo ha detto...

il lassismo sull'abusivismo ha portato al proliferare di gruppi di associazioni a delinquere pericolose.
ora cominciano a massacrarsi in strada pur di poter vendere l'acqua ai quei fessi di turisti che ancora vengono in questo posto...
http://roma.repubblica.it/dettaglio-news/-/29276

stefano ha detto...

Il ridicolo è che vengono spesi ogni anno 24 MILIONI DI UERO per mantenere i campi e integrare i rom. Questi sono i risultati...

Daje che al peggio non c'è mai fine....

http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/campi_rom_comune_roma_associazione_21_luglio_nomadi_soldi/notizie/742950.shtml

Anonimo ha detto...

...i probbblemi so artri......

Anonimo ha detto...

Mi fanno spisciare quelli del "ma dalle foto non ci sono comportamenti criminali".
Embè?
Perché, vivere nel degrado è accettabile?
Essere costantemente circondati da ragazzini nudi che vogliono soldi è accettabile?
Avere paura per la ragazza che resta fino a sera all'università è accettabile?
Essere costantemente a contatto con gente che puzza come la merda è accettabile?

E vi invito a visitare la zona il sabato e domenica quando l'università è chiusa. C'è la merda. Perché quella è MERDA.

All'anonimo delle 9.20: prendi il tuo commento e fanne un manifesto di lista civica, io la voto.

Anonimo ha detto...

Sono uno studente di ingegneria e confermo questo schifo, gli zingari importunano noi studenti e abusano dei servizi pubblici, chi li difende se li portasse a casa propria io le tasse le pago per gli studenti non per gli accattoni e i delinquenti.

Anonimo ha detto...

io la gente che cerca di tutelare questa feccia della società la condannerei più degli zingari stessi. Invece di stare a leggere i blog dal vostro computer andate a portare cibo e acqua al campo nomadi. visto che ci siete dategli pure il computer. Socialisti dell'ultima ora che scrivono dal loro mac da 1500 euro. Ritardati del cazzo

Anonimo ha detto...

24 MILIONI L'ANNO (DI TASSE NOSTRE) ELARGITI AGLI ZINGARI DA QUESTO IMMONDO SINDACO CHE IERI PERO' HA PENSATO BENE DI AUMENTARE LA TASSA SUI RIFIUTI AI ROMANI !!!

MARINO, A ROMA SI DICE :
L'ANIMA DE LI MORTACCI TUA, A TE E CHI NUN TE LO DICE !!!

Anonimo ha detto...

pochi mesi orsono i carabinieri (o forse era la finanza) ha scoperto che in un campo nomadi a roma c'erano intestatari di conti milionari, e che famiglie di rom gestiscono l'usura a roma e con i proventi comprano case in romania. Inoltre i figli di queste bestie si spacciano per minorenni anche quando non lo sono e si beccano il sussidio comunale mensile

e gli diamo pure 24 milioni l'anno ?

questo è una vergogna ed il sindaco dovrebbe rispondere davanti ai cittadini di questa rapina ai danni dei romani

marino, infame, scendi in strada a parlare con la gente, specialmente vicino ai campi nomadi, e vedrai cosa pensano di te i romani

Anonimo ha detto...

marino è diventato sindaco con il 20% dei voti reali (e molti si sono amaramente pentiti) grazie ad un forte astensionismo. Oggi credo che nemmeno 1 romano su 10 lo voterebbe (giusto i soliti irriducibili comunistoidi terzomondisti)

alemanno è stato un occasione mancata perché poi è dovuto venire a patti con la parte "democristiana" della sua giunta e non ha fatto quello che forse in cuor suo voleva fare (e comunque il numero di zingari si era ridotto). Ma anche lui si è adattato al "politically correct" così di moda

un consiglio a chi vuole diventare sindaco di roma. Dire apertamente (e con questi termini) quanto segue:

nel mio programma intendo spaccare il culo a zingari, immigrati, tossici e vandali. Distruggere bancarelle e cartelloni. Sfondare il cranio a chi sporca, distrugge e bivacca. Far lavorare i fancazzisti delle municipalizzate sennò si licenziano in tronco.

sono sicuro che gli daranno del fascista, del razzista, etc, etc, ma prenderà almeno l'80% dei voti

Anonimo ha detto...

quoto alla grande... RIGORE E DISCIPLINA TOLLERANZA ZERO

STUDENTE ha detto...

DA STUDENTE IN INGEGNERIA INFORMATICA PRESSO ROMA3 penso di avere un grande diritto di parola per fare chiarezza ad un articolo che, condiviso così, non ha proprio senso di esistere. Un buon giornalista dovrebbe informarsi prima e non scrivere due cavolate dopo una segnalazione senza approfondire. Detto ciò, a succedere è già successo qualcosa, come ad esempio furti continui, vetri delle macchine rotte et similia, ma nessuno ha la prova siano stati gli zingari... tranne un ragazzo a cui è stato rotto il naso a pugni perchè non voleva dare il suo cellulare a 4 nomadi. E parliamo di una facoltà dove 3/4 delle persone vanno armate di portatili. Ragazzini piazzati davanti alle macchinette, macchinette spesso e volentieri, ma anche qui nessuno ha mai visto uno zingaro aprirla di persona.. Quello che però abbiamo visto tutti è l'arroganza con cui vogliono estorcere i soldi (resto o offerte vere e proprie) agli studenti. Io, a fine lezioni alle ore 19.00, accompagno una mia amica alla macchina perchè ogni volta che ci va da sola e incontra un gruppo di nomadi deve subire mosse e frasi poco gentili. Mi spiegate perchè dovrebbe avere paura?

Aggiungo che i campi sono abusivi, se non hanno l'acqua è un problema certo, ma questo non autorizza NESSUNO ad occupare i bagni di una facoltà e metterli sottosopra (e questo è PROVATO) visto che NOI paghiamo le tasse per quei bagni e non loro. Se li avessero usati senza creare problemi o disagi sarebbe stato diverso, tant'è che i nomadi vagano per la facoltà da diversi anni, ma la situazione è diventata incontrollabile da un anno circa a questa parte.

Anonimo ha detto...

In questo caso la soluzione è semplice: basta trasferire lì le varie facoltà di Sociologia,. Scienze politiche, Scienza della Comunicazioni e vari altri laureifici di radical chic benpensanti mantenuti da Papi che poi finiranno sui giornali (di Papi) a scrivere pallosissimi articoli su come è bello il multiculturalismo, oppure diventeranno mediatori culturali, faranno ricerche sul rasssssismo, o andranno a lavorare a UNAR, 21 luglio o Nazioni Unite.

Così potranno fare anche un po' di esperienza pratica della fogna a cui portano le loro teorie dementi sul buonismo!

Anonimo ha detto...

Se qualche studente di Roma Tre è stato a fare Erasmus in Ungheria (dove governa L'ESTREMA DESTRA di Orban), spero abbia apprezzato la differenza.

Anonimo ha detto...

Se a Roma stazionano qualcosa come 85.000 "zingari" (tale pare sia il numero stimato di "zingari" a Roma) evidentemente ci devono essere una serie di buoni motivi, tra i quali elencherei la mancanza di regole adeguate per il controllo degli stranieri (nel caso non si tratti ovviamente di "zingari" italiani), il lassismo delle nostre autorità, le tante e buone occasioni che trovano a Roma per vivere o sopravvivere (dal ravanare nell'immondizia al furto in appartamenti e via dicendo), la tolleranza della popolazione (Roma in questo è eccezionale in positivo e in negativo, assorbe praticamente tutto...) e così via.
Detto questo, venire a capo di questo problema la vedo dura ma da qualche si dovrà pur cominciare, perchè abbiamo già sforato abbondantemente ogni limite di sopportazione e di decenza.

Anonimo ha detto...

Purtroppo non votare non è la soluzione, a meno che l'astensione non sia totale. Di cosa lamentarsi, quindi? Che da solo salga al potere chi vogliamo noi? Almeno per il sindaco, non possiamo che dare la colpa noi stessi. Votanti e non.

Anonimo ha detto...

In Ungheria quelli come le merde naziste che infestano questo sito rischiano di brutto: è di pochi mesi fa la notizia di tre ergastoli e una condanna a 13 anni di carcere comminati dal tribunale di Budapest nei confronti di quattro uomini accusati di aver ucciso sei persone appartenenti all’etnia rom. I quattro, legati ad ambienti neonazisti, sono stati riconosciuti colpevoli di una serie di omicidi a sfondo razzista nei villaggi del nord-est dell’Ungheria fra il 2008 e il 2009. In uno degli attacchi più violenti, un uomo e il figlio di cinque anni furono uccisi mentre tentavano di fuggire dalla loro casa in fiamme. Il tutto senza una motivazione, se non quella di appartenere all’etnia rom. Un verdetto importante per un paese dove la minoranza etnica rom rappresenta l’otto per cento della popolazione ed è ancora molto stigmatizzata e dove il partito di estrema destra raccoglie il 20 per cento dei voti. E, comunque, in Italia la feccia nazista prende lo zerovirgola, mentre il partito di Marino, alle ultime elezioni, ha fatto un bel successo. Topi neri, MUUUUTIIIIIIII!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Ogni giorno vengo su questo sito e leggo sempre di persone stufe di questa situazione, che sono stanche,che vogliono che QUALCUNO faccia qualcosa, non leggo mai di persone che si mettono in condizione di fare qualcosa loro stesse e non valgono la richiesta di referendum e mandare lettere all'amministrazione che tanto nessuno mai vi calcolerà, io lo so, voi lo sapete e lo sanno anche loro, schifosa feccia dell'Italia e d'Europa, che è solo una sola la soluzione e sappiate che la storia è ciclica, si ripete e quel giorno sarà troppo tardi per una soluzione pacifica e mi dispiace per questo perchè dopo quasi 80 anni non si riesce a trovare una soluzione diversa, non si tratta di razzismo, xenofobia o violenza gratuita, qui si parla di lotta per lo spazio vitale che ci spetta e che si sta ogni giorno restringendo e poi toccherà ai politici traditori e voltagabbana della patria...

Anonimo ha detto...

- Errata corrige al mio msg del 13 giugno 5:51 PM -

Ho erroneamente indicato in 85.000 il numero di "zingari" presenti a Roma, in realtà si tratterebbe di 7/8.000 soggetti, per il resto valgono le considerazioni che avevo fatto nel msg.

Anonimo ha detto...

L'acqua, l'elettricità, i soldi, i pezzi delle macchine e dei motorini, i caschi, e tutto quello che prendono li pagano gli studenti universitari di tasca loro. NON vogliono roulotte con i servizi perché non lo considerano igienico. Oltretutto non mi sembra una novità che gli zingari abbiano soldi: non farti imbambolare da fatto che non si lavano e sono vestiti male; probabilmente sono più ricchi di te e di me messi insieme!

Anonimo ha detto...

Tempo fa avevo letto sulla pagina facebook di Roma fa Schifo che la redazione del blog si scusava per i contenuti volgari giustificandosi perche' il poco personale non riusciva a controllare tutti i post. Ritenevo che quanto affermato era strano ma non ne capivo il motivo del mea culpa ( mi era sembrata una buona scusa per pagarsi il popo', a parte tutto bello stuzzicare gli sprovveduti e poi lavarsi le mani ) in ogni caso continuo a leggere su ogni social di RfS contenuti volgari offensivi e di istigazione. A raga che commentate fate attenzione che se succedesse qualche inconveniente questi di RfS probabilmente vi lasciano in brache e poi sono fatti vostri.

Nero ha detto...

Sono davvero amareggiato...ma nessuno pensa anche agli allarmi sanitari derivanti da questa situazione ? nessuno si rende conto di quale bomba può innescare questa situazione promiscua ? e non parliamo ovviamente di pidocchi....sono riapparse malattie che in Italia avevamo DEBELLATO tanto tempo fa.....Ovviamente Marino sta superando di gran lunga Alemanno nella classifica del gradimento all'incontrario....Dai Marino, facci vedere la differenza tra un Sindaco che governa ed uno spettatore addormentato al cinema.....

Anonimo ha detto...

'Fermo restando che il comportamento dei romani (magari degli stessi figli di Giovanni o dei loro compagni) è quasi sempre ancor peggiore del comportamento dei Rom stessi...' mi sembra un commento assolutamente fuori luogo e falso. Io ho studiato 6 anni in quella facoltà e non ho mai e dico mai assistito ad episodi sopra le righe di qualsiasi genere di cui si sono resi protagonisti ragazzi italiani. Gli italiani si comportano peggio???? Ma che cavolo dite!

Anonimo ha detto...

Stiamo parlando dell'università cioè del luogo di formazione delle prossime classi dirigenziali di questo Paese?
Sicuro che sia ancora un'università?
Qui sono saltate tutte le regole.
Da stamattina dentro la metro girano bambini e bambine con la fisarmonica che in due non arrivano a 15 anni.
Ma i genitori dove sono? Ed i servizi sociali? ed i controlli?
I giornali Metro e Leggo, gratuiti, vengono accaparrati da mendicanti e venduti per strada!
Ma questa città in mano a chi è?


Anonimo ha detto...

Stazione Cavour: le zingare puntavano il dito medio a chi li ha affrontati per impedire uno scippo.
Fortunatamente la metro è ripartita subito.
Ormai sono diventati i padroni di Roma.
Grazie a tutti coloro che ci dovrebbero tutelare.

Romamia ha detto...

Commentatore n.1 sei veramente penoso.Questa etnia è una piaga sociale. Vive "volutamente" di parassitismo, di illeciti e nell'ignoranza. Ci manca pure che si infiltrino nelle università. Se ti senti tanto buonista e non "allarmato" vai pure di persona nei campi rom ed inizia tra loro una campagna di integrazione su scuola, lavoro, tasse,rispetto dei beni comuni, igiene e ambiente.

Anonimo ha detto...

Grande Anonimo! ha ragione lui!

Anonimo ha detto...

Premetto dicendo che prima non ero razzista, ma dopo 3 anni che continuo a vederli ogni giorno, ammetto di esserlo diventato.. gli zingari sono il cancro della società, non ci può essere convivenza.

Anonimo ha detto...

Inutile lamentarsi, il paese è morto, tra 10 anni ci sarà la guerra civile in Europa, in ogni stato aumentano i disoccupati e tutti questi finti disperati che invece di cercare di vivere onestamente rubano e minacciano sicuri che nella bella Europa il sistema giudiziario li lascerà impuniti " le carceri costanoo" leggete.... Ogni paese è esasperato, alla fine qualcuno inizierà a sporcarsi le mani e sarà la fine, noi italiani da bravi cagasotto saremo gli ultimi, ma accadrà e ci si dovrà sporcare le mani anche noi, ma veramente pensate ancora di cambiare un paese con un voto??? Chi sta al potere ha fatto il 68 e si è preso con la forza il suo posto, quindi secondo voi un paese cosi ridotto uscirà dal tunnel con le cazzate che vespa Santoro grillo gabanelli presa diretta etc.... Sono li da 20 30 anni sono tutti belli ricchi e felici a ripetere le stesse cazzate, cambiare significa epurare mandare via tutti quindi basta vedere i vecchi politici sindacalisti che non smuovono il culo dalle loro caste e vi rispondete da soli... Siete fottuti usate gli ultimi spiccioli per un corso di inglese ed emigrate, ci sentirete male ma poi una volta che avrete un lavoro una casa lontano dal bel paese capirete quanto cazzo di tempo avere perso li, io me ne sono andato e quando...come oggi..leggo su Roma leggo solo merda, e ogni volta che atterro vedo queste scene pietose a Fiumicino con i tassisti abusivi che picchiano minacciano e i cari cittadini dell est intenti a rubare mentre i cari agenti al bar si trastullano al cellulare. Che dire Roma fa schifo adesso, prima negli anni 90 era ancora un posto tollerabile non la riconosco più Bangladesh ovunque abusivi che orrore e pensare che ci si sverzava sui vu gumbrà una volta. Un saluto a tutti.

Anonimo ha detto...

Questo articolo non ha senso

Anonimo ha detto...

Caro anonimo per cominciare ti dico che c'e gente ( io ho già dato) che PAGA per frequentare ed anche una bella cifra per servizi di cui godono ALTRI ( rom bianchi cinesi non mi interessa) .
Se si devono lavare, se devono mangiare o altro ci sono ALTRI posti dove farlo e ti assicuro sono tanti.
Mi disgusta, non sono un estremista ma se proprio.vuoi continuare così vai ad insaponare la schiena si quel tipo tutto tatuato per "dargli assistenza " e visto che ci sei porta pure tanta vaselina che ti servirà..

Anonimo ha detto...

Bene, ottime parole! Splendide intenzioni, ma che aspettiamo? Ormai iniziamo ad essere tanti. E diciamo sempre le stesse cose: chiediamo una cosa sola: rispetto delle regole! Passando alle questioni burocratiche, perché non ci rechiamo da un notaio, depositiamo legalmente attraverso un atto notarile il nome del nuovo movimento (Roma Fa Schifo) insieme al suo obiettivo politico e ad un logo personale che in qualità di “marchio” - inutile dirlo - dovrà essere assolutamente originale. Per fare ciò basta essere in tre (e noi siamo molti, molti, ma molti di più), per rappresentare le cariche istituzionali previste dalle legge italiana: quelle di Presidente, Segretario Politico e Tesoriere. Fatto ciò si apre una regolare partita IVA e si chiede l'iscrizione alla Prefettura, indispensabile se si vuole partecipare alle elezioni. Tutto ciò affinché le nostre parole possano assumere valore trasformandosi in fatti

Valerio ha detto...

Macchina parcheggiata davanti al cancello di ingegneria in via vasca navale. Mi hanno rubato la radio da 50 euro e per farlo hanno tagliato la lamiera della macchina sotto la serratura per non far rumore a spaccare il vetro (o per sport non so). M'è costato 5 piotte di carrozziere. Oltre che ladri pure stronzi!

Anonimo ha detto...

ogni tanto li fuori alla casa degli zingari si vede un l'audi r8 ... fate voi -.-'

Anonimo ha detto...

Il commentatore numero uno è, secondo me, la ragione principale per la quale la città si trova in quest pietose condizioni. E proprio la sua mentalità di menofreghismo verso la nostra ormai calpestata cultura e valori che mi preoccupa.
Come hanno già suggerito altri, anch'io dico che dovrebbe invitarli a casa sua, e quintiplicare le tasse per affrontare le spese che infliggono.

Bat21 ha detto...

Solo a Roma si possono vedere scene simili. Manco al politecnico di dar er Salaam o di Kinshasa si può vedere uno schifo simile. Ma avete scritto al rettore e ai giornali principali: una cattiva pubblicità dell ateneo penso che gli faccia muovere il sedere. Io mi sono laureato ad ingegneria della sapienza li il problema erano i profughi curdi nei giardinetti di colle oppio ma non entravano negli edifici!

Anonimo ha detto...

Solo a Roma di fronte alle foto di gente che usa i bagni universitari per lavarsi le ASCELLE e che RUBA boccioni dell'acqua può esserci qualcuno che non trova nulla di strano in tutto questo.
Al netto delle informazioni aggiuntive fornite da molti commentatori circa i furti, le macchine aperte, i peli nei lavandini dei bagni, gli assalti alle macchinette, le minacce agli studenti, già solo quel poco che si vede in foto sarebbe inconcepibile in qualunque università europea.
Ma qui c'è gente che addirittura si spaccia per studente o cita il famoso amico dell'amico per negare l'evidenza!!
Ma chi siete, gente che campa sul business dell'assistenza ai rom o semplicemente scemi? Perché solo queste due categorie di persone possono avere il coraggio a Roma di negare il problema rom.
Non frequento romatre ma mi basta vedere ogni giorno frotte di zingari iperorganizzati razziare la stazione metro colosseo e derubare i turisti su via dei fori imperiali per credere senza alcun problema sia a queste foto che ai racconti dei VERI studenti di RomaTre.

Anonimo ha detto...

Anch'io mi sono laureata a ingegneria alla sapienza e confermo che la situazione dei giardini di colle oppio è sempre stata vergognosa e sta anche peggiorando, bivacchi continui, gente accampata e stesa sulle panchine (lì vicino manco a dirlo c'è un centro della Caritas, ecco perché stanno tutti lì) manon è MAI successo di ritrovarli nei bagni o a rubare le bocce dell'acqua o dalle macchinette. Ogni tanto trovavi solo un barbone che chiedeva l'elemosina al Chiostro ma veniva sempre prontamente allontanato dal guardiano.

Penso anch'io che gli studenti dovrebbero cominciare a subissare le redazioni dei giornali di testimonianze e foto di questa situazione denunciando il lassismo del Comune e dell'università nell'impedire questo scempio, facendo pessima pubblicità all'ateneo. Potrebbe servire... io per esempio non avevo idea che fosse questa la situazione, ora che lo so sconsiglierei fortemente a chiunque di laurearsi in ingegneria a romatre.

Bat21 ha detto...

At 8:25 am attenzione che il blog e' infestato di troll sabotatori che cercano in ogni modo di dare fastidio ribadendo ogni volta che questo degrado estremo e' normale o che vengono dette bugie. Comunque non è improbabile che ci siano Romani che trovano normale avere una università dove campeggiano i Rom....
At 8:37 io mi sono laureato una dozzina di anni fa, ho letto che la situazione da allora è peggiorata ma già a quei tempi appariva indecente!

Anonimo ha detto...

Mi chiamo Michele è sono un prete della comunità Emmaus, mi rivolgo a voi serenamente per chiedervi di riflettere su quanto state pubblicando. Questo allarmismo su delle persone che già quotidinamente sono costrette a sopportare una segregazione terribile non fa che alimentare il razzismo nei loro confronti e tutti i commenti che sono seguiti ne sono la prova. In fondo che cosa hanno fatto di male fin'ora? Nelle foto si vedono solo bambini che giocano e un poveretto che cerca di lavarsi. Ma voi lo sapete in che condizioni sono costretti a vivivere queste persone? In quei sudici agglomerati di container dove li costringono relegati con 3 ore giornaliere di acqua non potabile al giorno in mezzo ai ratti e alle angherie di bande di delinquenti. Fratelli, Cristo è al loro fianco e vi chiedo col cuore di tendere una mano agli ultimi di questa terra se rimane in noi ancora un barlume di umanità.

Anonimo ha detto...

Secondo me questo qua sopra è un fake, non puoi dire sul serio? In che condizioni vivono? Se passi da lontano davanti qualsiasi campo nomadi vedrai televisori al plasma e quant'altro. Ti giuro non riesco nemmeno a risponderti

Anonimo ha detto...

Ora vi racconto questa bella cosa accaduta nei bagni di Roma 3, facoltà di fisica. La settimana scorsa mi sono trovato una giovane zingara che ha aperto la porta del bagno in cui stavo urinando e mi ha proposto sesso orale in cambio di 10 euro. Io l'ho cacciata in malo modo e quando sono uscito dal bagno insieme alla zingara c'erano tre micro zingari di 11/12 anni circa che mi hanno iniziato a dire che se non davo loro i soldi mi denunciavano per violenza sessuale! Sono rimasto come un deficiente di fronte a queste richieste e nonostante la paura ho reagito mollando sberle in faccia a uno dei tre. Sono scappati tutti in meno di un secondo minacciandomi di morte (hanno mimato di tagliarmi la gola). Ora sinceramente non sono tranquillo quando vado in facoltà...

Anonimo ha detto...

Avete proprio rotto il cazzo con questo perbenismo...noi ogni mattina ci presentiamo alle 8 in aula studio e dobbiamo trovarci zingari davanti che entrano e escono dai bagni a lavarsi come fosse casa loro...stateci voi tutti i giorni in una situazione del genere...stateci voi nel posto di lavoro in cui al bagno si vengono a lavare gli zingari con chissà quali malattie...perbenisti del cazzo!

Anonimo ha detto...

Caro michele della comunita emmaus, non diciamo cazzate, non dire cazzate e smettila, la gente sa benissimo che un profugo di un paese in guerra ha diritto ad una mano ed infatti i veri profughi etc.. Sono persone bisognose anche di aiuto psicologico e lo meritano, qui si parla di gente che fotte il sistema e ti minaccia pure, io ho subito un furto in casa ad opera di minirenni rom, e ne ho preso uno e sono anche andato al processo mentre se la rideva ed i suoi parenti mi minacciavano davanti il tribunale dei minori a lungotevere, non ha subito nessuna pena ed io non ho recuperato nulla ed ho dovuto indebitarmi x pagare la porta di casa e vari giorni a raccogliere tutto visto che mi hanno distrutto casa. Sei un prete e quindi visto che io dai preti ci ho studiato ti dico, ricorda che anche dio è dalla parte degli ultimi e poveri e non dalla parte dei carnefici, io aiuto sempre il prossimo, vedi un povero ragazzo che prova a fare l ambulante è una vittima del sistema ma chi ti deruba non lo è, e ti ricordo che ruba non per fame, non esistono in Italia poveri denutriti come la povera gente che sta in sudan eritrea etc... Stai qui a fare la morale..... E sbagli, fatti delle domande invece di ripetere delle filastrocche, la chiesa non gode di buona salute anche per colpa tua, i preti che sbagliano non vengono denunciati e perseguiti in terra come giusto che sia, il perdono è un compito del signore non vostro, comincia da qui, io perdono gli zingari x il danno e dolore e sofferenza subita, ma voglio che vadano in galera ed è giusto, ed anche i preti che abusano devono andare in galera. Rifletti

Anonimo ha detto...

Quanti anni hai vissuto a New York oltre essere stato oggetto di furto? Dai su, dacci anche tu il tuo appiattito, falso e monotono cliche', ne abbiamo bisogno.

claudio ha detto...

rassegnatevi...
servite solo per le tasse..servite per il voto...e buoni con le mani altrimenti siete razzisti...quindi convivete dato che avete votato un partito di zecche ....LORO hanno diritto voi zitti e pagate il dovuto..e non provate a fare i poveri con le tasse universitarie altrimenti vi multano e perdete l'anno....
Vogliono le regole ma solo per gli italiani tartassati e sottomessi...un paese di merda che puzza ogni giorno di piu..diventato letamaio dell'europa grazie a questa classe politica corrotta e ingorda...basta che fanno appalti per ciuccia re soldi a loro che gli frega...adesso il bravo marino da brava zecca parassita gli farà un'altro campo nomadi attrezzato spendendo altri milioni di euro a nostre spese..per poi vederlo distrutto e depredato dopo 1 mese...
Qui a roma ci vuole un sindaco di destra con pieni poteri ...ma non la destra di alemagno ...voglio la destra di una volta quella destra sociale che non c'è piu ,quella che invece di dare soldi a questi ladri parassiti ci costruiva le case popolari

stfano romanzi ha detto...

http://www.world-screen.com/italia-zingari-si-fingono-poveri-ma-entriamo-in-casa-e-guardate-cosa-troviamo/

Anonimo ha detto...

Il prete di emmaus non ha la percezione della realtà. Ormai i veri ghettizzati sono i cittadini capaci solo a pagare le tasse e i cui diritti vengono sopraffatti dai diritti di queste etnie.. Se non si interviene in tempo saremo espropriati dai territori comuni e pubblici e ci dovremo chiudere nelle nostre case sperando solo che non vengano svaligiate.
Questo pietismo religioso è insopportabile. La chiesa ed i preti invece di predicare andassero di persona nei loro campi soprattutto ad "educarli". Il papa poi, l'altro giorno, ha superato il limite bacchettando il popolo in difesa dei rom che delinquono. Sei ti rechi in vaticano ti controllano da testa ai piedi e devi lasciare il documento di identità. Perchè non ne accolgono un pò lì, invece di predicare, o in qualche bel convento ordinato e circondato dal verde? bla bla bla

bat21 ha detto...

Padre Michele non può esistere. Deve essere necessariamente un fake!
Detto questo cari futuri colleghi di RomaIII fate casino sulla stampa e vedrete che il rettore dovrà prendere provvedimenti!

(Ps ma un povero sfigato che dall'estero viene a fare l'Erasmus lì e si trova un rom che gli spacca il naso per rubargli il cellulare cosa dirà poi in patria di Roma e dei Romani?).

Anonimo ha detto...

Anche io pensavo che tu fossi un fake. Uno non puo' essere cosi' coglione da scrivere quello che scrivi tu.

bat21 ha detto...

Dai penoso trollone puoi fare di più impegnati....

Anonimo ha detto...

Aho, sò arivato adesso regà....nullò letti tutti ma Padre Erasmus lì, Padre Michele, Padrechiccazzo era?...Era proprio 'na stronzata...mo 'mprete che scrive qua maddaje....



Trammy

Anonimo ha detto...

Salve, mi chiamo Troll e sono un software buonista/animabella programmato dalle lobby zingare per sabotare I vostri argomenti fascistoidi. Il dissenzo al pensiero unico è sempre diffuso da noi subdoli Troll creati da hacker rom con lo scopo segreto di impadronirsi del pianeta e rubare I vostri bambini.

andrea Di folca ha detto...

Tutti dicono via gli zingari nessuno fa proposte concrete e realizzabili (il genocidio direi che è fuori discussione) Qualcuno ha in mente qualcosa?
Io studio ingegneria informatica all'Università Di Roma Tre, mi sono recentemente laureato alla triennale, e ho ben presente questa problematica. La soluzione dell'università è consistita nell'aumentare i controlli sulle persone entranti. Più di una volta ho visto ragazzini cacciati e adulti allontanati dai custodi. Le presenze sono diminuite drasticamente da un anno fa, credo che a rubare non siano solo gli zingari ma anche degli abitanti delle roulette che vivono lungo il fiume. Ho visto personalmente alcuni signori anziani pisciare sul muro della scuola a fianco, mentre i nipoti gli giravano intorno. La situazione di questa gente in particolare è critica.

Anonimo ha detto...

Aho, io so n'fake de Roma Est, nej annisettanta ero n'baraccato (c'iavete presente?) artro che li zingheri! Ce schifaveno tutti. Poi so arivate le politiche de integrazione, le case popolari. So annato persino a scola (pe la verità nun c'ho capito na mazza). Fatto sta che le baracche indove abitevamo nun ce stanno più. Mica se po' fa la stessa cosa co li zingheri. So zingheri no? Pure se tanti so nati quà sempre zingheri so! E' mejo spenne 2 milioni de euro pe faje i campi de concentramento fori Roma come stanno a fa oggi. Io risparmierebbe pure quelli, le taniche de benzina e li bastoni costano meno.

Bat21 ha detto...

At 2:52 lo sapevo che eri un BOT troll con l'intelligenza che emerge dai tuoi commenti non supereresti la prova di turing. A proposito migliorate il modulo ortografico di questo robot dissen(z)iente.

Anonimo ha detto...

Più rum meno rom!!!

Anonimo ha detto...

Nel mio "piccolo" (sono 1,90 e peso oltre il quintale) qualcosa ho fatto: ne ho cacciati un po' dai bagni di fisica e ho minacciato di mangiar loro gli occhi!! La prossima volta che li vedo mi sa che lo faccio davvero.
Pisellino il fisico

Anonimo ha detto...

interessante davvero tutte queste osservazioni e come e' piccolo il mondo anche sul web! conosco una ragazza a cui hanno rubato il motorino, se l'e' andato a riprendere e glielo hanno ridato dopo che gli ha spiegato che non era una figlia di papa'. D'accordo, non e' giusto che la gente si senta minacciata di furti, questo e' l'unico motivo per cui poi la gente non li vuole nemmeno se gli passano accanto: la paura... la paura di venire derubati, danneggiati, messi in pericolo. Purtoppo si parla di un problema piu' grande e l'universita' c'entra poco, nel senso che il problema e' a monte. Se entrasse una persona qualunque a darsi una rinfrescata a pochi interesserebbe che costui non ha pagato le tasse universitarie, o sbaglio? io mi sento di difendere parzialmente chi ha messo il commento numero 1, per il semplice motivo che il problema non e' il consumo, ma la categoria indesiderata e non per un pregiudizio, ma per una cultura fin troppo radicata di loro che costretti o no, pero' alla fine rubano! rubano perche' in Italia non trova un lavoro nemmeno l'italiano medio con le laure...figuriamoci uno zingaro! Con la corruzione che c'e' poi! Iniziate a vedere quanti poliziotti entrano in un campo rom se fai esplicitamente una denuncia...e allora? pensate che la polizia difenda i cittadini? pero' il poliziotto viene pagato dalle tasse dei cittadini! e allora perche' nel campo rom non ci va nemmeno se uno gli dice che e' sicuro che un suo bene si trova all'interno di uno specifico campo rom? qui si tratta di cultura...DNA...quello degli italiani: le cose fanno schifo perche' non siamo capaci a farle funzionare! La corruzione e' un frutto o un effetto, qual si voglia chiamarlo o definirlo, di una causa:quanti di quelli che si lamentano hanno mai fatto qualcosa di concreto per cambiare una virgola in questo paese? Scusate, ma non e' Roma a far schifo, ma la mentalita' degli Italiani...lasciatevo dire da qualcuno che se n'e' andato via dall'Italia e riesce a vedere tutto adesso con piu' lucidita'! I Rumeni in altre citta' lavorano e stanno in regola e il portafogli che ti cade in terra, te lo restituiscono, che vi piaccia o no questa realta' ...e' cosi! Ogni seme da un frutto diverso a seconda del terreno in cui viene piantato...si fa presto a scagliare pietre, difficile e' guardare oltre le superfici...

bat21 ha detto...

Sono parzialmente d'accordo con l'intervento precedente. Parzialmente perchè, sebbene sia vero che tutti gli italiani hanno tratti in comune, in realtà l'Italia non ha una società i cui comportamenti e la cui mentalità è la stessa a prescindere dalla latitudine.
Esiste l'Italia meridionale (in cui ormai accludo a pieno titolo Roma) e il resto del centro ed il settentrione diversi perchè la gente non ha un concetto di rapina diffuso della cosa pubblica e/o non vive comportandosi eliminando ogni vincolo che la collettività gli impone perchè al privato non conviene. Nel caso specifico vi immaginate un invasione Rom al politecnico di Milano o di Torino tanto per fare un esempio? E' addirittura inimmaginabile ma a Roma succede.

Anonimo ha detto...

Molti Rom in Italia sono fuggirono la guerra dei Balcani. Avevano un passaporto jugoslavo, siccome questo paese e sparito non hanno più nazione. Non capisco vostra rabbia. Che dovrebbero fare loro? Così almeno possono lavarsi e bere, sono ancora umani, no?

Anonimo ha detto...

Di più sarebbe meglio di rivolgersi a un'associazione tipo http://www.21luglio.org/ e anche a Roma Tre archi c'è un prof. che si occupa dei roms. Sono discriminati e anche la società e i citadini sono risponsabile di trovare soluzioni, come loro... Che si occupa della loro educazione quando sono spostati, espulsi con bambini, etc. non è cosi semplice... anche ho assistito a una conferenza in Svizzera da una sociologa che ci ha spiegato come in Africa le poplazioni erana caciate, e poi, si, arrivano a Lampedusa, però sono state cacciate dai loro villagi da multinazionali per esempio. Non so, dovremmo saperlo, noi che siamo andati a scuola. Mi fa paura a volte nostra aggressività, anche se riconosco che ci sono problemi.
Non conoscevo bene l'Italia, ho vissuto 6 mesi a Roma e sto leggendo sugli vari scandali di expo2015 o Venezia e il Mose... Problemi sono dapertutto...
Ciao..

Anonimo ha detto...

ma la portineria ? esiste ? cè ? perche nn esiste un ontrollo hai varchi ?

Anonimo ha detto...

BELLA DEERIO

Anonimo ha detto...

Caro anonimo. Sinceramente mi fai schifo, vomitare, ed incazzare proprio. Ma dove cazzo vivi? Spero che vengano a rubare in casa tua e che magari ti facciano pure del male. È per colpa di gente come te che questi fanno quello che ne hanno voglia in casa nostra.

valeria ha detto...

Appena laureata a roma tre, mentre facevo la fila in segreteria in via ostiense mi ha raccontato una ragazza che in una delle facoltà dei dintorni(non ho caito bene quale, io ho studiato in piazza della repubblica e non sono mai stata li in sede in via ostiense se non per consegnare la domanda di laurea) un ragazzo camminava tranquillo ed è stato RAPINATO da dei ragazzi giovanissimi all'apparenza rom che gli hanno intimato di farsi dare cell portafogli ecc non so se erano armati o no ma sono rimasta di sasso che si possa venire rapinati cosi, e non si possa stare tranquilli nemmeno all'università.

Claudio ha detto...

Ho appena letto di quel simpaticone che parla dell'uomo con i baffetti 2.0. Ma perché ogi volta che un cittadino onesto e di buonsenso chiede che certe persone non si approfittino più del nostro Paese e chiede solo che in una nazione veramente civile debba essere garantita CIVILTA RISPETTO PER GLI ALTRI CITTADINI E PER IL BENE PUBBLICO MA SOPRATTUTTO SICUREZZA PER I NOSTRI FIGLI deve sempre sentirsi chiamare in causa Hitler? ??? MA CHI SE LO CAGA HITLER SCUSA, NOI VOGLIAMO SICUREZZA GIUSTIZIA CIVILTA , TU TUA FIGLIA CARO ANONIMO CE LA MANDERSTI A PARCHEGGIARE LA MACCHINA ALL'UNIVERSITà PER CUI PAGHI 2000 EURO DI TESSE L'ANNO SAPENDO CHE CON IL BUIO LA ASPETTANO "AL VARCO" FORSE PER VIOLENTARLA? SARESTI HITLER SE VOLESSI SOLO CHE TUA FIGLIA PAGASSE E STESSE TRANQUILLA COME IN OGNI UNIVERSITà DEL MONDO?

Anonimo ha detto...

Stai zitto perbenista del cazzo!...zingari feccia della civiltà!!!

Anonimo ha detto...

che articolo sterile preferisco vedere le facce dei bimbi zingari delle facce da cazzo dei rappresentanti degli studenti che hanno pure bloccato un aula per proiettare queste foto, se volevate fa qualcosa la facevate prima ma come i cojoni arrivate sempre a scoppio ritardato... ora ve lamentate dei bambini che giocano o cazzeggiano in giro. ciao merde ! marco ingegnere

Anonimo ha detto...

Andate a vedere a ponte Marconi dietro l'università, il santo mattina. Mercato dei Zingari e carabinieri o polizia Municipale a vedere senza che le dicono nulla. Ragazzi questa e l'Italia. I giovani se possono scappata da questa Nazione, se così si può chiamare

Anonimo ha detto...

Nemmeno gli altri immigrati apprezzano gli zingari questo perché mentre molti di loro si fanno un sedere cosi tra pulizia, carico merce e altri lavori pesanti gli zingari invece gironzolano di qua e di la e rompono le scatole.

Sporcano, scippano, occupano..... in realtà la stessa situazione accade anche alla Sapienza, magari sei seduto a leggere o mangiare e viene qualche zingaro a rompere e se non li dai niente ti minacciano o ti sputtano.

Io credo che l'immigrazione debba essere controllata anche per il bene degli immigrati stessi perché se e quando le persone si incazzano/incazzeranno non vorranno sapere se un determinato straniero è di buona indole oppure no.

Anonimo ha detto...

Il problema non sono gli zingari.... ma noi che guardiamo loro che rubano e non facciamo nulla, noi che paghiamo le tasse per loro, noi che abbiamo votato questo sindaco e noi che ancora non li cacciamo via da Roma. Comunque gli zingari fanno comodo a molti, pensate alle associazioni pro ROM che li difendono prendendo soldi. Il problema non sono loro.

Anonimo ha detto...

Guarda, Io di centro-sinistra, e assolutamente MAI razzista, non odio Rom o altre etnie, ma questa situazione e assolutamente intollerabile. Si deve anche pensare per cittadini della nostra città, che supportano la presenza, per non dire occupazione, da un gruppo di persone con usanze insolite e non compatibili con il resto della popolazione. Ovviamente la soluzione sta al governo di trovare una maniera in cui i Rom possono integrarsi e conformare alle esigenze della società civile, mentre allo stesso tempo e permesso a loro di mantenere le loro usanze... nelle loro case. Amo l'umanità, ma debbo vivere anch'Io, e non voglio vedere i parchi e giardini usati in un modo non inteso e abusivo, il mio quartiere sembra una fogna aperta. Facciamo un po di ordine per cortesia.

jean555 ha detto...

Ciao Mr / Mrs
Io francisco ristorante promotore in Italia
E 'con profonda gratitudine che desidero darvi la mia testimonianza qui, voi che stanno cercando di prestare denaro, non so come esprimere la mia gioia perché essendo io stesso alla ricerca di prestito Mi sono imbattuto in un uomo di nome Jean Baker di me un uomo affaires.Il concesso un prestito di € 100.000 in contanti a titolo gratuito in anticipo, con la possibilità di incontro a un tasso del 2% e ho parlato con molti colleghi che hanno anche ricevuto prestiti da questo signore in Francia senza preoccupazioni. Soprattutto per me, ho ricevuto la mia domanda di credito tramite bonifico bancario in un periodo di 72 ore senza protocollo e sono abbastanza soddisfatto. Il motivo che mi spinge a pubblicare questo annuncio è per terminare tutti coloro che sono strappato senza alcuna soddisfazione che quest'uomo continua a fare meraviglie per le persone che sono veramente nel bisogno. Così ho deciso di condividere questa opportunità con voi che non hanno il vantaggio di banche o aveva avuto a che fare con i prestatori disonesti che non stava infrangendo la personalità degli altri; hai un progetto o di avere bisogno di un finanziamento, è possibile scrivere a lui e spiegare la situazione; aiuterà se è convinto della sua onestà
la sua e-mail: jeanboulanger65@gmail.com

ShareThis