Ogni giorno pensi di aver visto cose atroci e il giorno dopo vedi che vengono superati. Tipo a Via Furio Camillo

4 agosto 2013


Prima il limite era le auto parcheggiate sul marciapiede centrale. Ora i nuovi confini della maleducazione ci mostrano un auto in mezzo al marciapiede all'angolo tra Via Furio Camillo e Via Muzio Scevola.
Antonio T.

14 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Il povero tarpano non riusciva a trovare un parcheggio, quando ha adocchiato un curioso scivolo delimitato da strane strisce bianche. Al di là, un ampio spazio dove - finalmente - poter sistemare il suo catorcio. Vuoi che a questo punto nel suo angusto cervellino non si accendesse la lampadina della furbizia volpina? Ma certo che no.

fracatz ha detto...

ma te renni conto
la gloriosissima via furio camillo ove passammo i migliori anni della nostra vita

Anonimo ha detto...

Dovrebbero scrivere una legge che consenta ai cittadini di bucare le gomme alle macchine parcheggiate sui marciapiedi!
Vedi poi come il fenomeno diminuirebbe subito!!

Stefano ha detto...

Io credo che almeno le persone in sedia a rotelle abbiano il dovere morale, in questi casi, di estrarre le chiavi di casa e usarle per incidere peni eretti sulle fiancate di dette automobili.

Anonimo ha detto...

Io, invece, che a Via Furio Camillo ci abito, e, visto che uso anche la macchina, che mi serve per lavoro, quando non trovo posto, mi allungo a via Nocera Umbra, che è notoriamente un po' più libera e faccio due passi, anche a notte fonda ... e se vedo qualcosa che non va, udite udite, non prendo chiavi, coltelli, cacciaviti, pistole o bazooka, ma chiamo i vigili, che così io sono nel piano dei miei diritti e non ledo alcuna libertà. Cosa che, invece, istigate a fare voi. La legge, belli miei, è UGUALE PER TUTTI, che tu sia a piedi, in macchina, in bici, in moto e persino non deambulante.
Qui il problema, semmai, è far sì che le autorità preposte la facciano rispettare. Se tutti quelli che vedessero la stessa macchina della foto, chiamassero TUTTI i vigili, si creerebbe piano piano una un caso, e state tranquilli che arriverebbero (come è già successo quando l'ho fatto io). Poi se volete, vista la solerzia del nostro fotografo (che ovviamente non s'è degnato neanche lontanamente di considerare l'insieme), parliamo dell'infinita quantità dei permessi di parcheggi per disabili che stanno SULLO STESSO LATO DELLA STRADA (e anche dall'altra parte, ovviamente) in cui è stata scattata la fotografia: in 10 anni, avessi visto una volta scendere da una macchina con un permesso per disabile che si mette lì, una persona che abbia qualche disagio evidente. Tutti camminano, tutti sembrano in ordine ... mah, sarà che pure questo è sottovalutato ? In una via molto vicina ( e lo so perchè l'ho visto coi miei stessi occhi), c'è un permesso per disabile che è assegnano a un TAXI. Quello arriva la sera, stacca il fregio con la scritta "taxi" tira fuori il permesso e voilà, parcheggio gratis ! Ma di questo, ovviamente non parla nessuno.

Anonimo ha detto...

Vabbè per dai... ha evitato di mettersi sulle strisce... è stato bravo/a.

Anonimo ha detto...

--> Anonimo 8.13

Sono formalmente daccordo. Chiamiamo i vigili. Io, che abito a 2Km in linea d'aria da li, sia quante volte li ho chiamati? e, sopratutto, sai quante volte sono venuti? Rispettivamente 100 e 0. Ora, sono contrario alla giustizia fai da te, sono della tua stessa opinione che i permessi dei disabili siano una vergogna quando elargiti senza controlli. Il mio messaggio è molto semplice: se non c'è nessuno che faccia rispettare le regole condivise (leggi) ci saranno due conseguenze a breve:

- Quelli pagati per farle rispettare verranno GIUSTAMENTE licenziati

- FAR WEST ognuno si fa giustizia da solo. E peni eretti sulle fiancate saranno il meno che potrà capitare.

Ma, pare, che non ci sia modo di farlo capire questo concetto alla banda di celebrolesi disonesti che ci governa.

Caterpillar ha detto...

I disabili ci sono eccome
http://www.romafaschifo.com/2012/06/meno-foglietti-e-piu-specchietti-e.html

Anonimo ha detto...

Caro Caterpillar,
Sicuro che qualcuno c'è ! Sotto casa mia, c'è un parcheggio che è in concessione a una signora che abita nel mio palazzo, che ha una disabilità che ho potuto constatare personalmente. Ma è l'unica che si vede di tutte le concessioni. Io, ripeto, CI ABITO lì, è chiaro il concetto ??? Ci sto da 10 anni e la signora è l'unica che abbia mai visto. E la cosa belle è che nelle vie limitrofe è la stessa indetica cosa ! Permessi e parcheggi per disabili in ogni dove, e del disabile manco l'ombra ! Cazzo, in 10 anni avessi visto qualcosa che spiegasse un minimo ! Qui le cose sono due: o c'è una tabella di disabilità veramente molto larga, oppure qualcuno (la stragrande maggioranza, sembrerebbe) ci marcia in allegria ! Ripeto, ho visto un TASSISTA con il permesso in CONCESSIONE, rientrare la notte e smontare il fregio con la sritta TAXI !!!! Ma si può !??!?!
E poi, le foto che riporti tu, sono dell'ostruzione di un passaggio e non di un parcheggio AUTORIZZATO, qui l'argomento è diverso !!! Che devo fare io, quando vedo che un parcheggio per disabili è assegnato a uno che poi se va a fa una corsetta, per dire ? Je spezzo le gambe, così almeno può dire di meritarsi la concessione ?

Anonimo ha detto...

potrebbe chiamare i vigili, visto che lo consigla a destra e a manca.
denunci il taxista.
visto che sembra lei si vanti d'una superiorita' che la porta solerte e civile a chiamare i vigili ad ogni sosta vietata del suo quartire,
a maggior ragione per un taxista che , a quanto tu scivi , sfrutta un pass disabili in modo truffaldino ; cosa piu' odiosa d'un semplice divieto di sosta.
orsu' che attende? ci dia aggiornamenti, gliene saremo grati.

Pupone

Caterpillar ha detto...

Relax, io ho solo voluto dire che i disabili non sono una "specie in via d'estinzione", ma che sono presenti, e se non li si vede in giro è perchè come dice Tonelli, non possono girare visto che non possono neanche scendere dal marciapiede davanti casa loro.
Per il resto, è innegabile che buona parte dei permessi per disabili sono intestati a finti invalidi. Anzi se mi suggerite un modo serio per denunciarli mi fate un favore, che avrei da dire alle autorità qualcosa in merito.

Anonimo ha detto...

Ci ho provato, caro il mio aulicone che a quanto pare sa usar di penna ma non di concetto.
Stavano in una camionetta vicino a far non so bene cosa (forse c'era stato un incidente ed erano rimasti lì a compilare verbali, non lo so proprio): mi hanno detto che se usa la macchina per scopi privati fuori dall'orario di lavoro del taxi, può avere il permesso per disabili. Alle volte, immagino, basta avere un anziano in casa (o che abbia solo la residenza), per cui ti viene dato il permesso per disabili in quanto sei tu che dovresti provvedere alla sua deambulazione (credo che funzioni così, ma non ne sono certo). Io non mi vanto di nessuna superiorità, ma visto che ti piace fare quello che fa partire i j'accuse senza nessuna apparente motivazione, mi sa che conosci i concetti che frullano per la quella testa da abbacchio che ti ritrovi, ma sai che vuol dire "Law abiding citizen" ? E' un concetto americano (sì, pare che funzioni melgio da loro, con tutte le pecche, la legge) che nella summa vuol dire "cittadino rispettoso della legge" (ma più peculiarmente significa proprio "Cittadino che si sottopone alla legge", come se la legge fosse una entità suprema che giudica equamente tutti): ecco, se tutti facessero il loro dovere civico, non staremmo qui nemmeno a scrivere di spaccare specchietti e rigare macchine (voi, io manco me lo sogno) o di chiamare autorità più o meno preposte (io). Il dovere civico di tutti è far rispettare la legge, usufruendo dei canali che la legge ci offre. E questo è un concetto che sfugge tanto da queste parti: ci hanno fatto un film (Jamie Foxx e Gerald Butler), in cui, dato che i diritti di una persona sembrano calpestati, per cui lui si improvvisa giustiziere. Bè dopo aver fatto una strage, il finale è che il giustiziere muore.

Antonio Tesla ha detto...

@anonimo che parcheggia a via nocera Umbra.

il solerte fotografo sono io, e si.. ovviamente mi sono degnato di considerare l'insieme. Lavoro su via furio camillo.. combatto una battaglia che dura da un paio d'anni.. ho chiamato i vigili decine di volte.. qualche capatina al mese la fanno.. ma non è abbastanza a combattere il fenomeno.


Anonimo ha detto...

allora che cita a fare un taxista che ha , a detta dei vigili , il permesso di usare il pass? che' se a lei non sta bene e' fuorilegge?

le righe io non le traccio sulle macchine e rispetto la legge almeno quanto lei.
rispetti le osservazioni degli altri altrimenti chiami , si ,i vigili e denunci il suo , tutto particolare , senso della giustizia.
io concetto almeno quanto lei , non offenda.

aulicone sara' lei .

Pupone.

ShareThis