"Camion bar? Li lascio in centro: danno lavoro". Parla Andrea Coia, capo Commissione Commercio

23 luglio 2016

Da quando le elezioni si sono svolte è successo troppo spesso: avere quel senso come di addormentarsi e ritrovarsi in un incubo. Pensi che i vecchi meccanismi siano dimenticati, sei convinto che le parole d'ordine siano totalmente cambiate, sei certo che gli atteggiamenti, le tiritere, le cantilene, gli antichi refrain ripetuti ossessivamente per coprire inguacchi e magagne non li ascolterai più. E invece avviene il contrario. Non solo tutto come prima, ma tutto peggio di prima.

Ci si poteva aspettare una fase di difficoltà, ma non ci si poteva aspettare scenari di questo tipo. Hai voglia a dire "sono appena arrivati, lasciali lavorare e poi comunque sono meglio di quelli prima che hanno distrutto tutto". Già, ma come si fa a tollerare se chi arriva raccontandosi come 'nuovo' ripete a pappagallo li stessi identici concetti, le stesse identiche assurdità di chi c'era prima e perfino pure peggio?


È la storia di queste prime settimane di governo a Cinque Stelle nella città di Roma. Si fatica, onestamente, a crederci. Le bugie, il politichese, la trasparenza zero, i parenti, gli incontri carbonari, l'assessore che dice che i camion bar servono per dissetarsi, l'assessora che dice che a Roma sono i pedoni indisciplinati a generare la congestione del traffico. E così via. È un incubo da cui vorremmo svegliarci, vorremmo accorgerci che è tutto falso, che in realtà le cose non stanno andando come appare, che in realtà non abbiamo eletto delle persone che si stanno rivelando nella migliore delle ipotesi deludenti e nella peggiore profondamente colluse (a livello di visione politica) con chi c'era prima.


L'ultimo che si aggiunge alla lista è Andrea Coia, del quale, tra i tanti casini di questi giorni, ci era sfuggita la dichiarazione di inizio settimana relativa all'ambulantato e ai camion bar. Per certi versi sono frasi ancora peggiori di quelle di Adriano Meloni: l'assessore al commercio disse che col caldo i camion bar servivano comunque a dissetarsi, una idiozie sesquipedale. Meloni però parlava senza sapere, da gran naif; Andrea Coia conosce invece perfettamente i meccanismi, fa politica da anni in un Municipio difficile come il Settimo e è perfettamente conscio di cosa si parla quando si parla di ambulantato a Roma. E dunque le sue dichiarazioni sono trenta volte più preoccupanti di quelle di Meloni. Coia, inoltre, e il particolare è agghiacciante, ha rilasciato queste dichiarazioni come le prime dichiarazioni nel ruolo di presidente della Commissione Commercio dell'Assemblea Capitolina.


Ma di quali dichiarazioni stiamo parlando? Andiamo a vederle e commentiamole.
"Bisogna preservare il decoro del patrimonio culturale, ma dobbiamo capire che andare a vietare completamente ogni esercizio all'interno del centro città ha un impatto occupazionale che va valutato con attenzione. Preservare decoro e lavoro non è facile ma noi intendiamo farlo". E già qui ti vengono i brividi su per la schiena perché questo è esattamente l'atteggiamento, la scelta terminologica, l'impostazione di ragionamento che hanno avuto tutti i predecessori di Coia, politicamente o finanziariamente venduti al racket degli ambulanti. Ma Coia non si è fermato qui ed è andato avanti. Con la dichiarazione che segue.
"Non è nostra intenzione concedere licenze a pioggia, ne' andare a cancellare tutte, ma fare un riordino, tenendo contro che se dietro una parte dei camion bar ci sono i Tredicine, dietro molti altri c'è spesso una famiglia che lavora".
Magari - come fece Meloni - Coia messo alle strette dai suoi elettori inferociti dirà di essere stato travisato. Ma se per Meloni c'era tanto di video, qui ci sono agenzie stampa ufficiali. Abbiamo chiesto più volte via Twitter a Coia di smentire queste affermazioni. Abbiamo sinceramente sperato che fosse stato equivocato. Così non è. Ci sono termini che fanno raggelare chi segue questa battaglia da anni. "Riordino". Sembrano delle dichiarazioni di Davide Bordoni o di Orlando Corsetti, peccato che vengono da chi si presenta come rappresentante del vento nuovo. 
Gravissimo che si distingua in camion bar di Tredicine e camion bar di altre famiglie. Come se ai Tredicine si debba e si possa fare la guerra e a tutti gli altri no. Il problema non sono i Tredicine (tra l'altro anche loro sono una "famiglia", eccome!) ed è assurdo che un pubblico rappresentante si scagli contro quello o quell'altro imprenditore facendone pure il cognome. Il problema è riformare radicalmente un settore. Una cosa che Coia dimostra di non voler fare. 


Famiglie dietro ai camion bar? Ovviamente non è vero. Si tratta di un business che viene gestito diversamente, chi ha accumulato in passato fior di licenze ora le affitta, e dentro ai furgoni più che lavoro c'è sovente sfruttamento. Se queste famose famiglie campano grazie ai camion bar, dunque, campano di rendita sulle spalle del Comune (che cede suolo pubblico in cambio di spicci) e dunque di tutti noi. Nessuna famiglia bisognosa, dunque, ma holding imprenditoriali che lucrano depauperando il bene comune standosene al confine della legge. Il Movimento Cinque Stelle ha stravinto le elezioni per spazzare via. Ma facciamo il gioco di Coia e facciamo finta che effettivamente un camion bar (quale? Possiamo saperne almeno uno?) dia lavoro ad una famiglia. Bene. Ma per quale motivo quella famiglia deve valere di più delle tante famiglie che a causa di quello stesso camion bar vanno in rovina? Quel camion bar oltre a generare degrado (dunque meno turismo, dunque meno investimenti, dunque meno posti di lavoro), genera concorrenza sleale verso gli esercizi commerciali circostanti. Negli ultimi anni sono decine i negozi che a Roma hanno chiuso a causa della concorrenza e del degrado portato dagli ambulanti che hanno cambiato i connotati di intere strade commerciali (dall'Appia a Cola di Rienzo) rendendole inservibili per lo shopping. A quel lavoro - forse perché regolare e non in nero - però Coia non pensa: si prospettano 5 anni particolari per gli imprenditori onesti in questa città... Anzi per le persone oneste in generale se è vero come è vero che i rappresentanti a Cinque Stelle, da Coia per arrivare al Presidente del V Municipio, fanno a gara a dimostrare vicinanza, solidarietà e tutela a chi sta fuori dalle norme o a chi le ha strumentalizzate: si parte dai camion bar e si arriva ai teppisti occupatori abusivi di palazzine al Pigneto, tanto per stare alle cronache delle ultime ore. Per chi si comporta in maniera disonesta o prepotente, massima tutela e massima attenzione. Per chi sta nelle regole e rispetta il prossimo evitando di prevaricare e fare il furbo, le consuete umiliazioni.


Coia pensa alle famiglie. Pensa al lavoro degli ambulanti, solo al loro. Incurante delle conseguenze. Nonostante, poi, il settore sia in piena fase di riforma e nonostante il prossimo anno grazie alla direttiva Bolkestein tutto potrebbe cambiare. Ma c'è un limite alla ricerca del consenso a tutti i costi? Esiste una opposizione in Consiglio Comunale in grado di contrastare le enormità di un presidente di commissione commercio come questo? Avete capito ora perché l'ostracismo a Marino era così duro, perfino sulle sue cene al ristorante? Perché stava mettendo in riga questi settori, queste anomalie solo romane, che oggi tornano a riprendere in pugno la città.

Chissà quale razza di lavoro di lobbing certi gruppi economici romani devono fare per convincere perfino gli alfieri dell'onestà e della novità. Per convincere perfino gente che pur di tenere salde le questioni di principio è capace di rinunciare a decine di migliaia di posti di lavoro  e investimenti. La faccenda dello Stadio è solo uno tra i mille esempi: lì un eccellente investimento privato genererebbe decine di migliaia di posti di lavoro, ma quei posti possono essere messi in discussione ridicolizzando il progetto senza neppure averlo mai letto, mentre per togliere due bancarelle e liberare il centro dallo schifo bisogna fare una "riflessione". Anche la Camorra e la Mafia danno lavoro e campano famiglie, e questa è la retorica che storicamente è stata utilizzata per legittimarne l'esistenza nel Mezzogiorno d'Italia. Anche il progetto di centro commerciale e spazi residenziali a Palazzo Raggi a Via del Gambero (l'omonimia col sindaco è casuale) avrebbe fatto campare bene tante famiglie oggi disoccupate, però il primo atto della nuova Giunta è stato annullare questo progetto e bocciarlo perché non granché compatibile col Piano Regolatore. Pure portare a Roma da Londra l'Agenzia Europea del Farmaco porterebbe tanti posti di lavoro, molto migliori, ma questa cosa si può trascurare e ignorare, alle bancherelle invece si dedicano i primi pensieri.
Gli ambulanti sono compatibili col Piano Regolatore? Esiste un Piano Regolatore dell'ambulantato? Sono compatibili col Codice della Strada (che, ricordiamolo, è una legge dello stato) e con mille altre norme?

Davvero il Movimento pensa di potere andare avanti a lungo tra queste contraddizioni? Davvero pensa di poter reggere molto basandosi questa fregatura, su questo inganno elettorale? Inganno, sì. Noi stessi abbiamo indicato di votare il Cinque Stelle sulla base di quanto fatto nella consiliatura precedente: negli ultimi 3 anni alla Commissione Commercio, ad esempio, c'era Enrico Stefano che si batteva per una città più europea e civile. Oggi ci troviamo invece come presidente un tizio che parla la stessa lingua dei tempi della Giunta Alemanno e che magari - lo diciamo per mera ipotesi - è stato indottrinato a ripetere certi concetti in qualche riunione carbonara modello Vignaroli-Cerroni. Davvero i pentastellati pensano che la pazienza delle loro centinaia di migliaia di elettori che aspettano una radicale discontinuità col passato sia infinita e che questi inganni non vengano smascherati?

108 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

è una vecchia storia italiana: i governi non sanno come dare lavoro e si affidano, o nel migliore dei casi lasciano fare, ad altre "organizzazioni" che si prendono in carico la patata bollente risolvendo alla spicciola: guadagnando molti soldi a fronte di risibili spese mentre "contengono" la bomba sociale (in questo caso le migliaia di disoccupati soprattutto extracomunitari)

Anonimo ha detto...

Scommettiamo che se la Raggi da una licenza per fare un garage sotterraneo al gruppo Astaldi la pianta di attaccare il M5S con argomenti ridicoli e pretestuosi? Leggete qui chi c'è dietro Massimo Tonelli http://www.dinamopress.it/inchieste/cosa-fa-davvero-schifo-a-roma

Massimo Lazzari ha detto...

Tonelli, dal M5S fatti e non le tue chiacchiere interessate http://www.romatoday.it/cronaca/multe-centurioni-riscio-ordinanze-raggi.html

Anonimo ha detto...

Danno lavoro al 90% a bengalesi x fare ricchi 1 o 2 famiglie di zingari inurbati delle quali tutti conosciamo lo spessore morale.
Bravo Coia, hai iniziato veramente molto bene !!

Anonimo ha detto...

L'ambulantato a Roma da lavoro a circa 12000 famiglie. È un ammortizzatore sociale per immigrati ed extracomunitari che altrimenti ci troveremmo la sera ad aspettarci davanti il portone. È l'unica possibilita' di acquisto di ragazzi e classi sociali più deboli che non possono permettersi il negozio o il centro commerciale. Serve zone molto periferiche. Opera una azione di contenimento dei prezzi e libera concorrenza (osteggiata da blogger e opinionisti assoldati dalla grande distribuzione anche straniera). Non è concorrente sleale del negozio di prossimità perché costoro da decenni pagano la miope politica di grandi

Anonimo ha detto...

Tengono famigghia

Anonimo ha detto...

L'anonimo delle 11:57 rispecchia in pieno la mentalità del 5Stelle a Roma, aspettiamoci questo e molto di peggio

Anonimo ha detto...

Centri commerciali vicini a leader e dirigenti PD. Ed è un settore in grande difficoltà per l'esproprio forzato che subirà a breve per una Direttiva cosiddetta Bolkestein, voluta dai soliti noti,che è solo il primo passo per una Statalizzazione dell'economia privata che non potrà più essere tale. Quanto al Dott. Coia applausi a scena aperta al suo coraggio,alla sua sincerità e alla sua linea di vera difesa dell'occupazione. Altro che la Leonori che in 2 anni ha causato la morte di 150.000 esercizi commerciali e che Romafaschifo si rimpiange e ancora incensa.

Anonimo ha detto...

gombloddo!!11unO!!!

se almeno queste bancarelle vendessero prodotti di qualità, e non bottigliette d acqua a 2.50, panini rinsecchiti con prodotti cinesi a 4 euro, gelati confezionati e scaduti venduti al 200%.

Metteteci lo street food, le gelaterie artigianali, e l'acqua a non più di 80c a bottiglia.

E nei camion bar DEVONO lavorare SOLO i proprietari della licenza.

Anonimo ha detto...

@ 11:57 am

Il numero di posti di lavoro persi dalle famiglie romane a causa della concorrenza sleale e del danno d'immagine mostruoso subito dalla citta' con conseguente fuga di potenziali investitori e' nettamente superiore al numero delle poche famiglie italiane che campano con l'amulantato !!

Anonimo ha detto...

Con la storia delle "famigghie" siete pietosi. Siete stucchevoli. Avete sempre questo ridicolo ritornello. Incensate la grande distribuzione e le grandi firme che in pochi decenni hanno fatto di Roma una città tra le più care d'Italia. Siete asserviti agli stranieri che vi pagano il blog. Magari con pubblicità di dubbia provenienza. Romafaschifo non è libera opinione...è solo odio. E di odio non ne abbiamo bisogno grazie!

Anonimo ha detto...

Il tizio delle 11:57 è un troll o un ambulante. Come si fa a sostenere che i camion bar sono l'unico posto dove persone povere possono mangiare? Gli unici clienti di questi signori sono turisti ignari che pagano 5 euro un panino che è stato tutta la mattina sotto al sole.

Anonimo ha detto...

A Tone', te volevo da' na' dritta. Lo sai che, in base all'ultima sentenza della Cassazione, si possino fornire i nomi dei segnalatori di Iosegnalo? Ti faccio un esempio: i vigili intervengono per un Iosegnalo,se dopo aver sanzionato i veicoli indicati arriva uno dei proprietari dei veicoli in questione e chiede agli agenti chi ha fatto la segnalazione, glielo debbono dite. Ahahah, so' cazzi vostri mo'.

Anonimo ha detto...

Adesso che abbiamo imparato vi tempesteremo i post di informazione "corretta" e dovrete indirizzare le vostre violenze verbali e scritte ad altre categorie. Perché gli Ambulanti da oggi smaschereranno la vostra politica di Street FOOD (inaugurata da Ignazio Marino) che cela tutte le Coop e la grande distribuzione del Nord Italia. Avete il naso lungo come Pinocchio.
Viva Coia e viva il Movimento 5 Stelle che non si fa manovrare come quella "poverina" di Marta Leonori.

Anonimo ha detto...

Gli ambulanti sulla strada (fuori dai mercati) che vedo a Roma non li ho mai visti in nessuna citta' che ho visitato. Ma cosa cavolo ci vuole a spostarli nei mercati? E perche' i negozianti non ne chiedono la rimozione? Il comunista De Magistriis (e io sono di destra) dopo la vergognosa amministrazione Iervolino ha liberato da bancarelle di famiglie ben piu agguerrite dei mansueti bengalesi, ha pedonalizzato e riqualificato molte aree anche difficili e degradate (es. zona stazione). Ha pedonalizzato (nel senso di p e d o n a l i z z a t o) la parte piu pregiata del lumgomare, smantellando qualche chiosco di tarallari. Nessuno era daccordo. Poi e' per incanto scoppiato un autentico boom di turisti. 4 famiglie di ambulanti ci hanno rimesso le penne, e la.cosa spiace a tutti, ma il bene comune deve sempre.prevalere. Ma ora decine di nuove pizzerie e ristoranti danno lavoro ad alcune centinaia (c e n t i n a i a) di famiglie. Questo deve fare la sindaca che abbiamo.votato

Abruptum ha detto...

Tengo famiglia è un'espressione icastica che ricorre in numerosi contesti comunicativi, incluso quello del giornalismo politico e di costume, o in ambiti sociologici e saggistici.

Si tratta di una espressione d'autore attribuita a Leo Longanesi, divenuta proverbiale per indicare una categoria sociologica dell'ethos italiano: è infatti utilizzata, anche come "frase a effetto", per indicare la giustificazione in base alla quale l'ethos di un individuo, di un'intera società, o di un suo sottoinsieme, è un alibi in grado di neutralizzare, giustificare o accettare alcuni comportamenti (azioni, ma anche omissioni) che sarebbero altrimenti moralmente disdicevoli, o ignobili, o perfino fortemente devianti . La frase considerata emblematica di una sorta di "vizio morale" che prospera in Italia (ma anche altrove) che comporta lo scendere a patti con la propria coscienza, l'indulgere al fatalismo della "compromissione" morale (e non di un altrimenti legittimo "compromesso"[1]), in ossequio a "ipotetiche istanze superiori"[1].
https://it.wikipedia.org/wiki/Tengo_famiglia

Loooop ha detto...

Li avete sostenuti in campagna elettorale. Adesso teneteveli.

Anonimo ha detto...

Credo che la mossa di RFS nel sostenere la Raggi sia stata una mezza furbata: sostenere la candidatura di un sindaco che poi verra' distrutto sistematicamente. Al berciare dei peppisti si rispondera' calando la carta "ma guarda che noi per primi abbiamo dato indicazioni di voto per la Raggi" mandandoli in dissonanza cognitiva. Fa parte del gomblotto contro i grillini, quello denunciato dalla Taverna in uno dei suoi pochi sprazzi di lucidita'.
Farli vincere a Roma per bruciarli definitivamente prima delle prossime politiche, che poi non sono cosi' lontane. E sarei pure d'accordo, se non fosse che alla fine a rimetterci sono sempre i Romani.

Anonimo ha detto...

Anonimo luglio 23, 2016 11:36 AM

hai colto nel sengo se rilasciano lincenze ad Astaldi la musica cambia.

https://it.wikipedia.org/wiki/Paolo_Cuccia

Anonimo ha detto...

bene tonelli ,bene Romafashifo avanti così

Anonimo ha detto...

Tu parli cosi perché dietro di te ci sono lobbie fortissime. Dai fino a ieri pubblicizzavi le apette riconducibili ai vertici di Confcommercio. Un decoro e una qualità molto soggettiva dove sei in conflitto d'interesse!

Anonimo ha detto...

Avviso ai naviganti: vi ho votato per avere ordine e pulizia, oltre all'onestà. Per spazzare via il disordine della mafia delle bancarelle che non mi permette di andare LIBERAMENTE con il passeggino a spasso con mia figlia. Beh, se non li eliminate, trovandogli un'altra sistemazione, beh giuro che vengo a prendervi a calci nel culo al banchetto di Piazza Anco Marzio!!!

Anonimo ha detto...

E LA SOLITA STORIA CHE SI RIPETE,QUANDO SI DICE NO AI GRANDI MOLOSSI DEGLI AFFARI, CHI DEVE PAGARE LE CONSEGUENZE, SONO I PICCOLI AUTONOMI "REGOLARI" CHE CERCANO ONESTAMENTE DI FAR PARTE DEL TESSUTO COMMERCIALE DELLA CITTA'. ANCHE AL PIU' INGENUO DEI LETTORI, UN ATTACCO COSI' VIOLENTO RABBERCIATO E CONFUSIONARIO SCAGLIATO CONTRO QUESTI OPERATORI, NASCONDE LA FEROCIA DI CHI NON RIESCE A OTTENERE CIO' CHE VORREBBE.

Anonimo ha detto...

Scusate forse il mondo non lo avete girato , se si va al Centro di Parigi, Barcellona, Madrid, Monaco, Vienna, Londra, Zurigo ecc.. ecc.. un panino o una una baghet se lo fanno pagare dai €5,00 ai €7,00 e una bottiglietta d'acqua dalle €2,50 alle €4,00 e non vedo niente di male se i camion bar o le bancarelle hanno prezzi da Centro Storico e vi premetto che i famosi nascono ( fontanelle ) alle altre città Mondiali non esistono , se vuoi bere devi pagare , e poi sulla crisi dei negozi prendetevela con la Mafia dei Costruttori che continuano ad aprire CENTRI COMMERCIALI DISTRUGGENDO IL PICCOLO , mi dispiace dirlo ma Roma Fa Schifo e manipolato da qualche persona che si guarda i propri interessi perché su questo sito non date informazioni GIUSTE .

Anonimo ha detto...

Non mi riesce proprio di capire per quale motivo debba esistere l'ambulantato sparso per le vie di una città. Non ci sono già i negozi? A Roma per chi vuole l'alternativa c'è via Sannio, Porta Portese e piccoli mercatini che fanno capolino nei giorni di fine mese e poi sbaraccano. Non è ammissibile che questa categoria debba tenere sotto scacco un'intera città determinando concorrenza sleale, intralcio al traffico e ai pedoni e degrado di tante vie e piazze (per non parlare dei rifiuti abbandonati in prossimità dei cassonetti ad ogni fine giornata). Che li riorganizzino tutti in mercati specifici e si liberi Roma una volta per tutte. Questo è ciò che PRETENDO dai 5S, ordine e rispetto per Roma e i suoi cittadini.

Anonimo ha detto...

E pensare che avete invitato a votare il M5S. Pure un macaco avrebbe capito che era una pessima idea.
La vostra stupidità non ha confini.

archimed ha detto...

il tema dell'ambulantato come ammortizzatore sociale fa acqua da tutte le parti e cosa molto grave va contro i principi ed i progetti che sono stati i cavalli di battaglia storici del movimento. Non a caso l'invocazione del reddito di cittadinanza si fonda sulla incontrovertibile constatazione che nessun cittadino debba essere costretto alla fame ed all'imbocco conseguente di percorsi ed espedienti che nuocciano all'interesse collettivo. Tutti gli attivisti 5 stelle sanno che la gestione di tali percorsi, ovvero delle concessioni ad personam di licenze e permessi spesso ufficiosi, al pari delle location della prostituzione, sono gestiti dal potere mafioso descritto dall'inchiesta Mafia capitale.
Ma che casini combinano questi portavoce? E come mai Grillo non si fa sentire in veste di garante? Dopo aver sbagliato a mandare allo sbaraglio un esercito di portavoce impreparati e smidollati sembra aver capito che ormai la frittata è fatta, e non ha lo straccio di un piano B, per evitare che la incombente disfatta di Roma cancelli dalla storia il M5S proprio come quello Tsunami che nei suoi sogni avrebbe dovuto spazzare via la vecchia classe dirigente?
Quanta amarezza nell'animo di quelli che ci avevano creduto e quanta gongolante soddisfazione in coloro che hanno votato M5S per poterlo sconfiggere in poche mosse.
E dov'è Davide Casaleggio, che dicono essere grande scacchista?
Sarà lui a ribaltare le sorti di una partita che pare già compromessa?
Da fedele attivista aspetto un segnale forte che dia speranza a chi non ci sta a mollare !!

Anonimo ha detto...

Io credo che dietro quel fascio di Tonelli ci sia Satana, e ne ho le prove. Questo spiega il suo interessamento (insieme ai suoi amichetti Ansaldi, Astaldi, Cuccia, Maometto e il figlio di Saddam Hussein) per gli scavi della metro C. È perchè vuole trovare la porta dell'Inferno! Svegliaaaaaaaa!!!!!!!!!! Chiedete a quelli di Dinamopress, loro sanno!

Anonimo ha detto...

"Quel fascio di Tonelli"...sembri uscito da un film di Verdone. Fai il comico per caso?

Anonimo ha detto...

L'idiozia degli amministratori pubblici grillini è gravissima e preoccupante, ma anche chi li ha votati non mi sembra messo benissimo. Non era una situazione sfumata, si capiva che la Raggi era un'oca manovrata e manovrata molto male.

Anonimo ha detto...

Oca manovrata sarà tua sorella. Fastidioso vero? Ecco, cerca di esprimere un concetto la prossima volta.

Diego ha detto...

Certo il pistolotto sulle "famiglie" che devono mangiare se lo poteva risparmiare ma il problema non puo' essere ridotto ad una alternativa secca, camion bar si o camion bar no.
I camion bar possono esistere tranquillamente, anche nel centro di Roma, certo non di fronte al Colosseo, non di fronte a monumenti o alle rovine antiche, vi sono degli spazi in città, lontani da bar e ristoranti dove la presenza dello street food non ha nulla di scandaloso. E d'altra parte queste forme di commercio esistono in tutte le città del mondo, dunque l'idea di un divieto talebano tout court è un'idea sbagliata.
Il punto non è vietare ma dare regole giuste per tutti, lo street food deve rispondere a criteri qualitativi estetici e naturalmente chi staziona nel centro storico deve pagare una cifra congrua per l'occupazione del suolo. Ci vuole un bando trasparente senza che nessuno creda di poter beneficiare di rendite di posizione.
Legalità, regole chiare, trasparenti e tutti ne trarranno vantaggio.

Anonimo ha detto...

Tutto giusto, il problema è che vogliono stare proprio davanti il Colosseo.

Anonimo ha detto...

Please NO Roman administrator in the city council, they turn into clowns overnight!

Anonimo ha detto...

ahahahahhaha fino al 23 giugno erano TUTTI, ma proprio TUTTI contro i camion, da oggi invece aiutano LE FAMIGLIE ahahhahaahahahahh fate ride, siete solo dei truffatori

Anonimo ha detto...

e così con questa testata, fino al 23 giugno andava bene perchè criticava e buttava fango su Marino ogni respito che facesse, da adesso non va bene più se tocca la raggi e i suoi tirapiedi, ahahhahahahahahah ci sarebbe da morire dalle risate se non ci fosse da piangere, ridicoli truffatori!

Anonimo ha detto...

A me fa piu' accapponare la pelle l'idea che un amministratore pubblico possa solo aver pensato a limiti di velocita' di 5 km /h, come dice Il Messaggero.
Ma un'auto la hanno mai guidata ?
Pensano che le auto si spingano a mano o si tirano con un cavallo ?
E' vero che ci sono momenti in cui il traffico non permette una velocita' media di molto superiore, ma a 5 km/h per attraversare un incrocio ci metti 2 minuti .
Ammesso che il motore non si sia spento.
O forse sperano in milioni e milioni di multe con cui ripianare i bilanci ?
Ma se questi che abbiamo visto sono i presupposti, questa gente arriverà a mangiare il panettone ?
Forse non arriva neanche al cocomero di Ferragosto

Anonimo ha detto...

la nuova amministrazione 5 stelle non sta mantenendo le sue promesse La partenza è stata pessima e la sensazione che si navighi a vista cresce giorno dopo giorno.
Eppure esistevano chiare linee guida cui ispirarsi , quelle stesse seguite dai parlamentari all'opposizione e peraltro sancite nel programma. Si capiva da sempre che governare Roma sarebbe stata dura ma se qualcuno piega le gambe al primo impatto, assecondando ogni volta le categorie dei deturpatori e dei furboni che vi sono dietro, non ci possiamo proprio stare qualcosa che non va, aspettiamo segnali di coraggio, onestà e trasparenza, non dico altro.

Anonimo ha detto...

Divieto totale per i camion bar. Per niente igienici, truffaldini e inquinanti in tutti i sensi

Oscar Poesia ha detto...

Ti sta bene, hai voluto 'sta minestra? Mò buttate dalla finestra

Anonimo ha detto...

Vorrei gentilmente chiedere al sindaco Raggi di utilizzare canali ufficiali (ormai li ha a disposizione) per comunicare ciò che fa e intende fare.
Non capisco perché dobbiamo per forza consultare i social per sapere cosa si è deciso nella prima riunione della giunta.
Non mi piace essere oggetto di profilazione commerciale e dunque non mi iscrivo a social.
No alla saturazione informatica
No alla proliferazione pettegola di commenti e polemiche inconsistenti
Sì alla pubblicazione di atti chiari e spiegati in linguaggio accessibile che non lascino spazio a interpretazioni fuorvianti

Anonimo ha detto...

Dispiace, perché ho molto apprezzato questo blog, in passato.
Mi sembra evidente che il consiglio di votare la sora Virginia, ossia la Casaleggio & associati che la ha nominata candidato sindaco controllando i voti della "rete", sia derivato da un evidente equivoco. Pensare che il M5S fosse scollegato con la realtà romana e che solo DOPO le elezioni, avrebbe apparecchiato la tavola per affettare la torta.
I fatti dimostrano che i pentastellati le fette di torta le avevano vendute qualche mese prima delle elezioni. Risultato: RFS a bocca asciutta.

Anonimo ha detto...

Ricordatevi che i 5S non possono giocherellare più di tanto, pena la sparizione dal mondo politico. Se sbagliano Roma spariscono.

Anonimo ha detto...

la coerenza di rfs

http://www.linkiesta.it/it/article/2015/07/28/marino-non-centra-roma-fa-schifo-da-almeno-trentanni/26845/

Anonimo ha detto...

Questi del M5S non hanno capito che Roma gli è stata praticamente tirata dietro candidando un semisconosciuto senza carisma come Giachetti. Dopo i risultati terrificanti di Pomezia, Bagheria, Livorno, Assemini, Quarto, Civitavecchia, si sapeva che questi poveri idioti a Roma si bruciavano. Non hanno nemmeno idea di quanti dem hanno riso vedendoli festeggiare la "vittoria". E io fra questi.

Anonimo ha detto...

Caro, ride bene chi ride ultimo.

Anonimo ha detto...

Ancora un articolo fuffa dove si leggono decine di sospetti e accuse a cura di chi lo ha scritto e zero contenuti reali.
Dire, piuttosto, che Andrea Coia abbia fatto affermazioni più che condivisibili, e lo dico da romano.
Quello che invece emerge sempre più evidente è la guerra che "Roma Fa Schifo" ha deciso di fare all'attuale giunta capitolina, una guerra che crea molti sospetti sulla lealtà del blog, come già emerso da alcune indagini-
Forse sono gli attriti tra Raggi e Metro C che scuotono certi interessi, chissà...
http://www.dinamopress.it/inchieste/cosa-fa-davvero-schifo-a-roma

Anonimo ha detto...

Forse dovresti informarti su chi c'è dietro le licenze, come vengono gestite e con che metodi.
Nessuno vuole togliere lavoro a chi lo vuol fare regolarmente. Nella zona colosseo fori imperiali c'è un giro losco da far spavento.

Anonimo ha detto...

Giachetti non era un volto opaco per far vincere facile i cinquestelle. È' riuscito ad andare al ballottaggio quando non era per niente scontato che il PD ce la facesse e la giunta che aveva proposto era ben scelta.
Invito i cinquestelle a frequentare altri blog se non sono abbastanza maturi e democratici da accettare e confutare gli articoli di rfs con argomenti e non con accuse non pertinenti.
Tutti hanno preso da questo blog calci sui denti a non finire e li hanno accettati, ora tocca a voi e dovete imparare a reagire con stile.
Non accetto come risposta a una contestazione un'accusa non pertinente. Se la giunta vuol dare spazio agli ambulanti dovete argomentare nel merito e non rispondere con controaccuse.
Del resto lo fate dappertutto.
A chi vi contesta una mossa, rispondete con accuse agli altri, e a furia di ripetere illazioni prive di fondamento tentate di far credere che le malignità siano vere.
Vi invito a un confronto CIVILE.
Per favore, per il bene dell'Italia e della nostra meravigliosa città, cambiate registro

Anonimo ha detto...

Ma l'imbecille che da giorni continua a postare l'articolo di Dinamopress (sito di informazione comunista), come se avesse scoperto l'acqua calda, ha mai letto qui?

http://www.romafaschifo.com/2015/03/dinamopress-diffama-calunnia-e-denigra.html

Anonimo ha detto...

@ Anonimo 10:04 PM Nella recente tornata elettorale Roberto Giachetti e' riuscito perfettamente a compiere la sua missione, ossia portare il centrosinistra al ballottaggio, visto che in pratica si giocava soltanto per il secondo posto poiche' tutti sapevano che dopo la caduta di Marino a Roma avrebbe vinto senza se e senza ma il M5S, candidando a sindaco chiunque, anche un personaggio cosi' improbabile come la Raggi; per cui Renzi Roma la ha consegnata chiavi in mano ai grillini il giorno della defenestrazione di Marino, e non con l'investitura di Giachetti, che anzi il suo lavoro lo ha compiuto egregiamente, riuscendo anche a portare un PD romano in macerie al 17%, percentuale che nessuno all'inizio si aspettava potesse raggiungere. Se non fosse capitata questa situazione particolare di questo giro elettorale ed il M5S non avesse avuto i voti delle destre e di tutte le caste ed i poteri forti romani (proprio quelli che il M5S si vantava di combattere in nome dell'"onesta'"), Giachetti sarebbe probabilmente stato eletto sindaco. Per cui non credo proprio che a lui si possa imputare alcuna colpa per il risultato finale delle elezioni; inoltre penso che Giachetti sia tuttaltro che un personaggio privo di carisma e personalita'; fai un paragone tra lui e la ridicola bambolina Raggi, e giudica un po'.

Anonimo ha detto...

Ormai sto blog se lo commentano gli autori stessi. Ma diteci perché mai dovremmo essere contro i 5stelle solo perché sta studiando meglio la situazione senza creare traumi alla città?!
Le cose si fanno una alla volta e in maniera strutturale partendo dalla creazione di opportunità prima di depennare alcune cose.
Intanto mi sembra che la giunta raggi vada alla grandissima:individuate ben 70 milioni (70 milioni!!!) di spese fantasma, queste sì depennate!!!

Anonimo ha detto...

In più si fa sempre più chiaro ai lettori il conflitto di interessi del blog, che personalmente prima di oggi ignoravo. Leggasi Astaldi

Anonimo ha detto...

Ripeto in un italiano più corretto:

Ormai i commenti ai post del blog soni presumibilmente riconducibili quasi interamente agli autori stessi.

Ma diteci perché mai dovremmo essere contro i 5stelle solo perché si stanno studiando meglio determinate situazioni e non si esordisce con interventi traumatici cheora come ora andrebbero a creare traumi alla città?!

Molti interventi seri vanno effettuati gradualmente nell'ottica del cambiamento strutturale, e in questo caso è più saggio puntare alla creazione preliminare di opportunità prima di depennare tutto ignorando determinate conseguenze.

Anonimo ha detto...

Dimenticavo:

Intanto mi sembra che la giunta Raggi vada alla grandissima:individuate ben 70 milioni (70 milioni!!!) di spese fantasma, queste sì depennate!!!

Anonimo ha detto...

Vabbe a quest'ora mi sa che all'italiano ci rinuncio.. Cmq si è capito tutto. Buonanotte! È domani astaldi in borsa meno 10% tie'

Anonimo ha detto...

Ma che dici? L'ambulantato essendoci sempre stato non ha potuto produrre nessun danno al commercio, casomai a creare danni è stato il sonno (diciamo così) delle precedenti amministrazioni che ha permesso di fare affari a certi personaggi!
E casomai il commercio è stato danneggiato dal degrado creato sempre dall'incompetenza (diciamo così) delle precedenti amministrazioni, che ha ridotto il turismo ai minimi storici

Anonimo ha detto...

Astaldi può sparire per sempre da Roma, tanto chi se li fila con le loro caldane sono diventati patetici in questo blog

Anonimo ha detto...

Dai prendi la tua pillolina e non pensarci più!

Anonimo ha detto...

Bravo piangi! Rosica e piangi, che tanto PD mi sa che a Roma non lo vota più nessuno. Farete la stessa fine che de magistris ha fatto fare ai partiti del malaffare a Napoli: sparirete per sempre! ;)

Anonimo ha detto...

Ti piacerebbe eh? Francamente mi preferirei pure spingere a mano la macchina che far ritornare il PD and company! Vedrai che tutti si adatteranno a qualche sacrificio pur di non rivedervi mai più al Campidoglio!

Anonimo ha detto...

Scusi Tonelli, che senso avrebbe questa puntualizzazione quando fai un post al giorno per ribadire il pensiero (chiamiamolo così)? Pensi che scrivendolo a manetta diventi più credibile? Secondo me diventi solo più ridicolo

Anonimo ha detto...

Hanno una grossa responsabilità a Roma, questo è vero! Come è vero che sono stati favoriti praticamente da tutti per fare in modo che di farli cadere al momento buono con la conseguenza di indebolirli alle future politiche.
Ma io sono sicuro che si sia fatto un grosso autogol, perché nessuno sano di mente oramai tornerebbe a quelli di prima: quelli che fin'ora non votavano i 5stelle erano per lo più vecchi che temevano sarebbe crollata la città con gente presunta incompetente, ma quando vedranno che i veri incompetenti erano proprio gli altri ci penseranno bene a non farli tornare più

Anonimo ha detto...

Intanto bisogna precisare che gli anziani, che non sono andati a votare 5stelle, non sono andati per lo più a votare nemmeno gli altri, e quindi in un futuro o voteranno 5stelle o male che vada continueranno a non votare!

Anonimo ha detto...

A me più che una guerra mi sembra che gli rode un bel pò il culo! Consiglio proctolyn pomata!

Anonimo ha detto...

Denuncialo se reputi che vi calunni ;)

Anonimo ha detto...

Di vede allora che siamo passati dall'homo rutellicus a questa specie più recente del processo evolutivo

Ornella Donat ha detto...

Non capisco perché vi lamentate; questa non è che la conseguenza delle vs scelte e delle vs indicazioni di voto....la prox volta che di vota, scegliete in base alle possibili conseguenze, non per dare una lezione a qualcuno.

Anonimo ha detto...

Ornella Donat prima di ritornare nel cilindro da cui è sbucata, può dirci gentilmente per chi vota lei? così prenderemo ispirazione dalla sua saggezza

Ornella Donat ha detto...

Se mi dice il suo nome volentieri , il mio lo trova in rete

Anonimo ha detto...

Contrariamente a quello che scrive l'anonimo 5:07, le persone pentite di aver votato M5S a Roma sono già tante e in crescita esponenziale. Abbiamo già visto ritardi, intrighi di palazzo, parentopoli, guerricciole fra fazioni, prese di posizione contrarie alle promesse elettorali. Il PD ha visto giusto: incompetenti velleitari che hanno già affossato diversi comuni piccoli e che, vincendo a Roma, avrebbero rivelato la loro pochezza disgustosa e praticamente infinita.

Anonimo ha detto...

Articolo da APPLAUSI. Sante parole. Vediamo le prossime mosse del M5S al quale ho dato il mio voto e del quale rimarrei profondamente deluso se continuassero in questa politica da ACCATTONI con questi camion bar "tengo famija" etc. BASTA.

DECORO! ONESTA'!

Anonimo ha detto...

La mafia a Roma da lavoro a circa 120000 famiglie. È un ammortizzatore sociale per immigrati ed extracomunitari che altrimenti ci troveremmo la sera ad aspettarci davanti il portone. È l'unica possibilita' di acquisto di ragazzi e classi sociali più deboli che non possono permettersi la massoneria o il terrorismo d'alto bordo. Serve zone molto periferiche. Opera una azione di contenimento dei prezzi e libera concorrenza (osteggiata da blogger e opinionisti assoldati dalla grande distribuzione anche straniera). Non è concorrente sleale del negozio di prossimità perché costoro da decenni pagano la miope politica di grandi

Anonimo ha detto...

I 5 stelle sono fuoriusciti del pd, un po' meno sfacciati, ripuliti, e passati al casting di maria de filippi.
Abbiamo fatto bene a votarli, perché almeno adesso possiamo essere certi che non andavano votati.
Gli indizi c'erano tutti: l'approvazione dello ius soli, il silenzio elettorale sulle occupazioni abusive, virginia raggi a braccetto con le cricche di mafia capitale, il sostegno dei giornaloni e dei giornaletti.
E' mancato solo l'applauso di tripodi e jovine.
Ovvìa.

Anonimo ha detto...

Comunque è vero che l'ambulantato mafioso crea tanto lavoro, e più precisamente imbastisce una rete di clientele che manco lo spaccio interno ai ministeri...
Anche il traffico d'organi crea lavoro. Non parliamo poi della tratta della prostituzione minorile.
Io propongo un sistema risolutivo per creare lavoro: gli immigrati tornino tutti a casa propria, e i meridionali senza lavoro vadano a fare impresa e bancarella nelle terre d'origine.
Vedrete quanto lavoro legale e degno di una società civile salta fuori, quando elimini le maestranze del crimine dalla Capitale.

Anonimo ha detto...

Comunque c'è una regola universale: nulla di ciò che viene consigliato da marco travaglio può essere considerato né legale né salutare.
Stiamo parlando non solo del favoreggiatore smascherato, ma anche dell'uomo che ha sdoganato fedez (fe-de-z) nella speranza che a forza di assist una casa discografica qualunque si carichi pure il figlio.
La storia d'Italia è una storia di mafia e terrorismo, e la storia di mafia e terrorismo è una storia di figli tarati da collocare.

Anonimo ha detto...

Tranquillo marchetta, renzi governa, barbarossa conduce, fedez canta, selvaggia lucarelli scrive, e tu saresti il faro etico, figurati se non trovano una nicchia del paradosso pure per trava dj.

Anonimo ha detto...

E lazio mmerdaaaa e lazio mmerdaaaaaa!!!
Avanti 5 stelle o con noi o contro di noi

Anonimo ha detto...

L'ambulantato a Roma da lavoro a circa 12000 famiglie. È un ammortizzatore sociale per immigrati ed extracomunitari che altrimenti ci troveremmo la sera ad aspettarci davanti il portone.

cosa ? ma da quando lo sfruttamento è un ammortizzatore sociale ?

Anonimo ha detto...


http://www.huffingtonpost.it/2016/07/24/virginia-raggi-consulenze_n_11162298.html?utm_hp_ref=italy

Consulenze Asl, Virginia Raggi "indotta in errore" dai moduli. Il Pm scrive all'Anac dopo aver sentito il sindaco

Virginia Raggi fu "indotta in errore" dai moduli nella vicenda delle consulenze presso la Asl di Civitavecchia

A portare l'accusa nei confronti della Raggi verso l'archiviazione, prosegue il quotidiano romano, è anche la mancanza di dolo specifico nella sua condotta, quasi impossibile da dimostrare, tanto più in questa confusione. Da chiarire resta a questo punto solo il comportamento della Asl di Civitavecchia,

Anonimo ha detto...

L'ambulantato a Roma ... Serve zone molto periferiche.

come no, guarda le periferie a via cola di Rienzo , alla stazione di piazzale flaminio, i camion bar nei migliori posti del centro. hai le allucinazioni ?

Anonimo ha detto...

L'ambulantato a Roma ... Opera una azione di contenimento dei prezzi e libera concorrenza (osteggiata da blogger e opinionisti assoldati dalla grande distribuzione anche straniera). Non è concorrente sleale del negozio di prossimità

perdona, ma forse se rileggessi quel che scrivi ti renderesti conto delle assurdità contenute in così poche righe. Ognuno ha le sue opinioni ma venirci a prendere in giro in un modo così arrogante è eccessivo. L'ambulantato come "libera concorrenza2 !!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Ma diteci perché mai dovremmo essere contro i 5stelle solo perché si stanno studiando meglio determinate situazioni

stanno studiando come perdere le prossime elezioni e sono già a buon punto

Anonimo ha detto...

Roma fa schifo è un blog di luridi marchettari... Informatevi chi spinge realmente per gli spostamenti dei mercati a Roma... Quelli si che sono lobbisti... Che per i propri profitti non esisterebbero a rovinare migliaia di famiglie e per vostra informazione quando dite che le bancarelle hanno rovinato il commercio in sede fissa cioè i negozi dite una falsità come è falso che non paghiamo le tasse...le BANCARELLE hanno gli stessi costi di gestione di un negozio anzi su di noi influisce molto il costo del mezzo e l'occupazione del suolo pubblico la quale è aumentata del 70per cento nell'ultimo anno
.. come non sapete che ora per fare una gestione di un banco cioè per affittare ci vuole un atto notarile che come spesa si aggira intorno ai 700 euro a fronte di incassi che sono da fame, infatti siamo in enorme difficoltà , non i 4,5mila euro al mese di profitti di cui si parla sono tutte cazzate...chi ha rovinato l'italia e il commercio è gente asservita come voi...gli undici che ce l'hanno con il commercio su aree pubbliche siete voi di questo blog di merda e la famiglia Caltagirone...con il messaggero.. la gente come voi che non sa le cose e se la prende con i deboli quella si che fa schifo... Leggo di gente che minaccia roghi botte ruspe...siete vergognosi..per finire su Roma gli ambulanti regolari sono solo 1000 e le nostre merci non sono di dubbia provenienza,ci sono merci italiane e cinesi come quelle che comprate da zara o oviesse...questi grandi gruppi si che le tasse non lo pagano..e loro hanno veramente rovinato i negozianti..ma l'inventore di questo blog con loro non se la prende...perché gli farebbero il culo...sei solo un vile che per i tuoi interessi te la prendi con i più deboli non so come cazzo ti chiami ma tu si che fai SCHIFO

Anonimo ha detto...

Centri commerciali vicini a leader e dirigenti PD. Ed è un settore in grande difficoltà per l'esproprio forzato che subirà a breve per una Direttiva cosiddetta Bolkestein, voluta dai soliti noti,che è solo il primo passo per una Statalizzazione dell'economia privata che non potrà più essere tale


ambulanti come baluardo del liberismo antistatalista, siamo alla provocazione se non fosse una comica. domani mi metto a vendere acqua accanto al camion bar di trinità dei monti, così vediamo se hanno questo spirito di libero mercato e vinca il migliore. Ma che dici ????

Anonimo ha detto...

le BANCARELLE hanno gli stessi costi di gestione di un negozio anzi su di noi influisce molto il costo del mezzo e l'occupazione del suolo pubblico

ah si ? gli stessi ? sicuro sicuro ?

Anonimo ha detto...

...sei solo un vile che per i tuoi interessi te la prendi con i più deboli

i più deboli sono quelli che gestiscono l'ambulantato ?

Anonimo ha detto...

i 5S non possono giocherellare più di tanto, pena la sparizione dal mondo politico. Se sbagliano Roma spariscono.

infatti stanno sbagliando : con AMA, ATAC, occupanti di immobili pubblici, commercio ambulante. Stanno sbagliando tutto

Anonimo ha detto...

su Roma gli ambulanti regolari sono solo 1000 e le nostre merci non sono di dubbia provenienza,ci sono merci italiane e cinesi come quelle che comprate da zara o Oviesse

infatti non tutti gli ambulanti sono uguali. prima lo capirete meglio sarete visti dai cittadini. tu che sei una persona onesta non dovresti difendere chi scempia la città no ? anche nel tuo stesso interesse di commerciante

Anonimo ha detto...

Intanto mi sembra che la giunta Raggi vada alla grandissima

alla grandissima, si verso il baratro. inefficienza totale per ora. rifiuti e autobus restano lo schifo che erano, il resto solo chiacchiere

Anonimo ha detto...

Più vi leggo e più penso che vi siete montati la testa
Inoltre siete troppo di parte
Probabilmente una critica meno feroce è più costruttiva vi porterebbe più credibilità nonchè lettori...e vi assicuro che è un pensiero condiviso

Anonimo ha detto...

Ahahah porca Madonna

Anonimo ha detto...

Ora che hanno il potere, uno non vale più uno.

Paola Caruso ha detto...


Prova di prestito

Buongiorno cari amici,

Vorrei condividere una gioia con voi, non credevo al prestito di denaro tra privati, ma un giorno un'amica mi ha consigliato una prestatrice particolare, ho avuto la buona persona una prestatrice onesta particolare che cercavo da anni.
Ho ottenuto il mio prestito che lo permette di bene vivere attualmente. Pago regolarmente le mie mensilità,
Potete contattare se siete nella necessità di un prestito per diverse ragioni, due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti senza alcuna difficoltà.
Ecco il suo e-mail carinabaur1@gmail.com

Per tutti i vostri soldi ha bisogno di contatto: carinabaur1@gmail.com

Francesco ha detto...

Roma fa schifo anche per colpa dei romani compresi quelli che votano fivestars

Anonimo ha detto...

Pure gli spot degli strozzini mo'?!

Anonimo ha detto...

Sono Genoveffa detta Gegé! Con tutti i virus che mi sono arrivati su questo telefonino ancora non avete trovato il mio nome? ;)
È comunque non capisco il nesso tra la mia identità e un'indicazione di voto! Vuole farmi un bonifico perché crede sia l'unica argomentazione persuasiva?

Anonimo ha detto...

Rocco e i suoi fratelli

Anonimo ha detto...

Il campionamento del tuo sondaggio è stato fatto alla sede del gambero rosso?

Anonimo ha detto...

La cantante?

Anonimo ha detto...

No quelli erano i tuoi amici di prima. Fai un po' di confusione.

Anonimo ha detto...

Grazie per il commento anonimo 11.31: oltre a smascherare gli autori del blog hai fatto capire cose che molti come me ignoravano. Alla fine noto che con la loro cattiveria e falsità sono sulla strada giusta per danneggiare se stessi.

Anonimo ha detto...

Grazie a RfS per il Coraggio solitario un pò kamikaze di denunciare in un mare di IGNAVI e qualche connivente veramente lo SCHIFO di come è ridotta la città, anche per l'invadenza del commercio ambulante nei luoghi più importanti del centro, patrimonio e ricchezza di tutti noi , non di pochi prepotenti organizzati.

Anonimo ha detto...

Grande sintesi ripresa da altro post di altro autore che ringrazio profondamente e che merita di essere imparata a memoria:


"La storia dell'ambulantato a Roma si ripete da quarant'anni; tutte le attività lucrative, su area pubblica, hanno avuto inizio da un gruppo di fantasiosi individui che hanno individuato spazi e modi per occupare lo spazio di tutti e farne una rendita propria. Fu così per le "rotazioni", per i cocomeri, per i librai, per gli urtisti, per i "pittori". Tutti puntualmente regolarizzati, previo ovviamente "censimento" (a carico nostro) trasformando interi pezzi di città in corti dei miracoli, come nessun altro luogo al mondo. Il rilascio di autorizzazioni ha due risultati immediati: crea un titolo di rendita (a spese della collettività che deve rinunciare al marciapiede, alla strada, a fare una fotografia al monumento perché coperto dai venditori della qualsiasi); e impedisce ad altri di usare i medesimi spazi per altre iniziative. Tutte le autorizzazioni, poi, sono concentrate nella mani di poche famiglie per categoria di attività. Le quali affittano le loro licenze, senza esercitare, ammesso abbiano mai esercitato direttamente (questo per rispondere a chi parla di padridefamija); i veri titolari si passano la giornata negli uffici commercio e OSP dei vari municipi e dipartimenti, per ottenere sempre di più e sempre il massimo dai loro pezzi di carta. Una lobby imbattibile, che ottiene sempre tutto ciò che vuole: ad esempio i trasferimenti di azienda, solo nel loro caso, sono ufficialmente esentati dalla stipula di atto pubblico registrato, caso unico tra le cessioni di attività. Il tutto è condito dal lassismo della polizia locale che non riesce ad alzare mai la voce per il furgone parcheggiato a un metro dal ciglio del marciapiede per l'intera giornata, per i semafori trasformati in manichini per le mutande, per i gruppi elettrogeni dei camion bar, per gli ombrelloni che coprono una superfice doppia o tripla di quella indicata sulla licenza. Mi aspetto rassegnato il rilascio di queste ulteriori autorizzazioni a centurioni e risciò, che considero UN FURTO ai danni del patrimonio comune della area pubblica"

GRANDE .
Lo SCHIFO ha nome e cognome

Anonimo ha detto...

E pensare che un blog molto seguito ha persino invitato i romani a votare per questa gente!
Che fenomeni, eh?
E pensate che il fondatore del blog si crede stocazzo, mentre non perde occasione di dimostrare i suoi evidenti limiti mentali.
Che roba, eh?
Meno male che voi non c'entrate e non avete invitato a votare il M5S. Sennò sai che figura di cavolo che avreste fatto!

Anonimo ha detto...

grande Coja, grandissimo...non ho parolacce.

Anonimo ha detto...

I primi 30 giorni in Campidoglio. In pochi minuti abbiamo provato a riassumere i passi compiuti sino ad ora: dall'insediamento a Palazzo Senatorio fino ai blitz al tmd di Rocca Cencia, passando per la pulizia straordinari avviata in città e i richiami ai vertici delle partecipate. Poi la prima riunione di giunta, allargata ai consiglieri, e i 70 milioni di euro di spese fantasma individuate. E ancora: la pista ciclabile restituita ai ragazzi di Tor Bella Monaca, il lungo Tevere ripulito, la chiusura delle prime baraccopoli e le prime operazioni per risolvere il caso Affittopoli. L'incontro con Papa Francesco e la voce della Roma dimenticata

Allegra Canetto ha detto...

Ciao signore/signora,
Io sono la signora Canetto cerco prestito di denaro dal
diversi mesi sono stato 6 volte vittime della truffa con loro devono essere
finanziatori che hanno mi runa, j hanno fatto un suicidio tentare di causare
di loro. Perché ho avuto debiti e bollette da pagare. Ho pensato
Fosse finita per me che n ho il senso della vita. Ma
Fortunatamente ho visto testimonianze fatte da molte persone
Sig. ra Nelix POTEL, questo è come ho contattato lui per mio
pronto a pagare i miei debiti e il mio progetto. C è con Mrs.
Nelix POTEL come la vita, il mio sorriso di nuovo è un signor del cuore
semplice e molto comprensivo. Attenzione i creditori, ci sono
Infatti i creditori al dettaglio. Se avete bisogno di
finanziamenti; prestito di denaro o qualsiasi progetto it
realizzare questa signora vi aiuterà a realizzare e sostenervi
finanziariamente
Contatti: nelixpotel@gmail.com
Grazie e che Dio vi benedica nelle mani dei truffatori

ShareThis