SfidaCapitale a Piazza Pulita. Il dibattito di ieri sera ci lascia due riflessioni, queste

14 maggio 2013
Dal dibattito di ieri su La7 tra i principali 4 candidati al Comune di Roma rimangono due cose, la prima è la convinzione che, chiunque vincerà (ovviamente auguriamoci che il sindaco comunque cambi, stante il livello ignobile dell'attuale inquilino del Campidoglio) il lavoro di questo blog dovrà durare almeno altri 5 ulteriori lunghissimi anni. E noi che pensavamo di aver esaurito la nostra azione...
La seconda convinzione è sul livello epico del servizio di Gaetano Pecoraro sulla mobilità romana. Il giornalista in 6 minuti è riuscito a dire molte cose, anche quelle che non ha detto. Noi le abbiamo analizzate su Pro Pup Roma: leggetele qui e riguardatevi il video.

17 commenti | dì la tua:

mnz ha detto...

Chiaramente per nessuno dei candidati è minimamente importante la disastrosa immagine di Roma e quindi NON ne hanno propio parlato. Tutto è OK!! Forse per loro era troppo indignitoso di parlarne!
Che viviamo nella capitale più invivibile d'europa NON fa proprio notizia..........povera Roma!

Stefano ha detto...

Non vorrei sembrasse che stia difendendo Marino a spada tratta, però dato che ieri ci ha fatto la grazia di caricare il suo programma integrale ufficiale sul suo sito, io me lo sono letto, e ci sono pagine e pagine sulla mobilità e sul decoro urbano (i trasporti sono addirittura il primo punto!).
Il fatto che ieri l'argomento non sia stato toccato non vuol dire che non gli interessi.

Comunque mi aspetto da questo blog, nei prossimi giorni, una bella pagella sui programmi elettorali dei candidati, come già fatto durante le primarie del centrosinistra.

Caterpillar ha detto...

Tra qualche anno ci sapremo ridire quanti morti per tumore ai polmoni ci saranno, dopo questi anni di smog selvaggio, durante il quale bastava uscire fuori dal palazzo per assaporare l'odore acre del gasolio.

Fino ha detto...

chiedo a chi ha guardato la trasmissione: COME hanno reagito sindaco e candidati al filmato in cui i vigili denunciano il giornalista che chiede perchè non multano chi parcheggia in divieto o sulle strisce?

Caterpillar ha detto...

Hanno denunciato un giornalista? E per cosa, manifesta curiosità e spirito civico?

Anonimo ha detto...

Vanno denunciati i Vigili per "rifiuto e omissione d'atti d'ufficio"articolo 328 del codice penale - Il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni -

Fino ha detto...

Sì, il giornalista è andato da una coppia di vigili sul lungotevere. Accanto c'era il solito panorama di auto parcheggiate sui marciapiedi e sulle strisce.

Il giornalista ha chiesto perchè non le multassero. Alla seconda domanda è partita la richiesta di documenti e poi la minaccia di denuncia. Dopo un po' è arrivato un altro vigile e la denuncia è stata fatta.

Secondo me anche Roma fa schifo dovrebbe evidenziare di più questo fatto: è gravissimo che chi chiede il rispetto delle regole sia minacciato e scoraggiato da chi queste regole dovrebbe far rispettare, e in più prende lo stipendio da noi.

Nessuno ha visto la puntata intera e sa come hanno reagito sindaco e candidati?

Anonimo ha detto...

Resto dell'idea che PD e PDL si sono steccati Regione e Comune, Zingaretti avrebbe vinto col 60% le Comunali e invece l'hanno dirottato alla Regione (dove qualunque piddino avrebbe vinto dopo gli scandali) per non rovinare l'Alemagno-bis.
Inoltre in 5 anni Alemagno non ha torto un capello a nessuno pur di non perdere mezzo voto ed è anche per questo che prenderà valanghe di voti di coatti, maghinari, scuteronisti e chi più ne ha più ne metta.

Anonimo ha detto...

Qui c'è la puntata intera, il dibattito su Roma è nella seconda parte del video.

https://www.youtube.com/watch?v=_2doT9F2bO8

Caterpillar ha detto...

Sarà stata tutta scena, me lo voglio immaginare il giudice/magistrato di fornte a una ipotetica denuncia del genere.

Ecco il filmato
http://www.la7.it/piazzapulita/pvideo-stream?id=i706284

E sta gente ha pure la pistola? Roba da matti

Caterpillar ha detto...

la signorina che non vuole essere ripresa neanche conosce la legge. Le forze dell'ordine in servizio possono essere riprese eccome, e le immagini diffuse liberamente

http://www.leggioggi.it/2012/06/13/garante-privacy-lecito-filmare-pubblici-ufficiali-e-forze-dellordine/

donata ha detto...

Ottimo il servizio del giornalista di Piazza Pulita. In pochi minuti ha raccontato lo sfacelo della mobilità romana e l'ignavia del corpo di Polizia Roma Capitale ( capitale de che ?)

Anonimo ha detto...

dopo aver visto questo video (tra l'altro, cose che i romani sanno e conoscono benisssimo, FIGURIAMOCI il sindaco ed i vigili)...roma è finita, una città senza futuro, con disoccupazione in crescita costante, con qualsiasi criminalità di ogni parte d'italia, ma poi, se invece di difendere i cittadini i vigili chiedono i documenti e denunciano chi chiede il rispetto della legge e delle regole...è finita, c'è solo da andarsene e lasciare rioma in mano alla mafia...come già ci sta del resto. Piena di trogloditi incivili, rozzi, gentaccia che pensa solo alla rioma, alla lazie, a tottigolle, ar tmaxxe, all'ifone.
Kristian

Anonimo ha detto...

Non me ne capacito; sbigottito allibito esterrefatto sgomento.
"Vigile, c' è una macchina in sosta sulle strisce".
"Favorisca i documenti che la denuncio".
Ommioddio. Ma dove viviamo? Viviamo capovolti, allora. Hanno ragione gli strafottenti e arroganti che parcheggiano da criminali e irridono chi glielo fa notare. È la fine, è vero. Hanno ragione loro. Sono loro dalla parte giusta. Che sgomento!

Anonimo ha detto...

ma guardatela la puntata, eludono completamente la questione più grave ,in particolare viene chiesto ad alemanno dei vigili, che astutamente inizia a parlare di tutt'altro fuorchè dei vigili (con un trucco invero assai banale, studiato in chissà quale corso, parlare di altro per sviare l'attenzione), poi la ciliegina sulla torta del colosseo, per saltare la fila si paga di più...ma turisti, scappate da questa cappetale corrotta, caotica, puzzolente di smog, piena di criminalità, senza alcun scontrino fiscale, l'italia non è rioma, andatevene almeno in toscana e li respirerete qualcosa del VERO spirito italiano e della vera ospitalità, non la gabidale d'itaglia.
Kristian

Anonimo ha detto...

Quando succedono queste cose, davanti al vigile strafottente di turno che chiede i documenti, esigere PRIMA il suo nome e il numero di matricola e, in caso di rifiuto, chiamare il 112 chiedendo l'intervento di una pattuglia di carabinieri, avvisando il vigile che con il suo comportamento sta contravvenendo all'art.328 del codice penale (spesso neanche lo sanno). Facciamo valere i nostri diritti, paghiamo i loro stipendi, devono rispettarci.

pizzardone ha detto...

Svegliamoci.
Ma qual è l'unica nazione europea in cui almeno per metà stato e "forze dell'ordine" non controllano proprio nulla? L'unica.
"Mancano i soldi"? le forze dell'ordine sono ***oltre*** la mafia, sono l'inefficienza totale, l'incompetenza assurta a dovere, l'omertà, la violenza, i reati, le nefandezze peggiori. All'interno delle forze dell'ordine finché non ammazzi qualcuno davanti alle telecamere nessuno ti rompe le scatole; e lo fai sei venerato, ammirato, e ci sarà chi manifesta per te davanti al comune dove lavora la madre di chi hanno ucciso (Aldovrandi). E nessun sindaco o ministri prenderà mai nessun agente a calci nel culo: si chiama "omertà" che non c'entra niente con lo spirito di corpo. Si chiama "omertà, collusione, associazione a delinquere".
Scrivi "Roma fa schifo dovrebbe evidenziare di più questo fatto: è gravissimo che chi chiede il rispetto delle regole sia minacciato e scoraggiato da chi queste regole dovrebbe far rispettare, e in più prende lo stipendio da noi." nel blog che ho fatto da 1 anno c'è la registrazione di una irruzione punitiva ad opera del vigile 6346 e altri, ingresso in casa altrui senza permesso del magistrato, omissione di prendere in carico il ben presumibile reato penale di minaccia ***in flagranza***, rifiuto del verbale scritto. Lo sanno tutti (nel blog ci sono le ricevute) ed è pubblico: è una prova. Lo sanno tutti, da Di Maggio a Napolitano. La prima colpa è di sindaco e ministro dell'interno, omertosi al massimo; se un qualsiasi venditore o facchino avesse fatto quello che hanno fatto quei vigili il loro capo li avrebbe presi a calci: in una qualunque pizzeria anche "alla parolaccia" anche in borgata, dagli zingari, la peggiore, se fai lo scemo con i clienti hai chiuso: Alemanno invece a Di Maggio (il capo di quei cialtroni) lo ha promosso. Ripeto: la colpa à di sindaco, ministro interno, e pure Napolitano si dovrebbe vergognare ad avere nella Capitale stronzi schifosi merdosi del genere, invece dorme oppure il 31 dicembre ci fa il discorso retorico sulla patria: la patria dei vigili urbani che compiono reati? dei poliziotti che saltano sopra le persone uccidendole? dei cc che gridano "frocio comunista"? Napolitano è un gran dormiglione ma soprattutto c'è una legge della comunicazione: chi tace acconsente.

ShareThis