Una giornata importante. Partono i lavori, quelli veri, a Via Giolitti e Via Marsala. Massima attenzione!

25 febbraio 2016

Solo i nostri lettori più affezionati sanno quanti servizi, video, foto, lanci Facebook, Tweet accorati abbiamo lanciato sulla questione delle strade circostanti alla stazione. Eravamo tutti un po' rassegnati fino a che il Comandante Raffaele Clemente se n'è uscito con l'uovo di colombo: l'arredo urbano. Come per magia, dopo decenni di caos, a Via Giolitti regnò per qualche tempo la legalità e l'ordine. Il traffico diventò qualcosa di civile e non una guerra fratricida del cittadino contro il cittadino. Gli autobus aumentarono la loro velocità commerciale. Poi venne il cantiere del Giubileo che (non) riqualificò la strada e poi finì la giunta Marino. Il progetto, che doveva interessare anche Via Marsala, cadde nel cono d'ombra e i divisori in plastica vennero sparpagliati per la città lasciando liberi i cafoni di tornare a fermarsi in mezzo alla strada per prendere o scaricare parenti in stazione pur in presenza di uno spazio ampio e gratuito a pochi metri dove farlo in maniera regolamentare.

Oggi a quanto ci notizia l'Agenzia per la Mobilità si cambia e finalmente la sperimentazione, ampiamente di successo per lo meno quando era presidiata e curata, diventa stabile e fissa. E un brivido di paura ci percorre la schiena perché se nella sperimentazione tutto è modificabile, ora che si costruiscono cordoli in muratura diventa fondamentale non sbagliare. 10 centimetri in più di spazio o 10 metri in meno di lunghezza cambierebbero completamente l'efficacia di un progetto che (guardate cosa ci tocca dire) ha portata storica per la città. Altre città fanno cose storiche cambiando la prospettiva su come si guarda il mondo, noialtri facciamo cose storiche quando riusciamo a togliere l'incrostazione della sosta selvaggia che cinge d'assedio la stazione centrale. Ad ognuno la propria dimensione e prospettiva. Ma entriamo nel merito. 

1. lunghezza
Su via Marsala è importantissima, ma su Via Giolitti ancora di più e ce ne siamo accorti durante la sperimentazione. La disciplina a corsie separate deve essere attiva lungo tutto (tutto!) l'intervallo tra Via Gioberti (per la quale si parla di una corsia preferenziale, benissimo, ma sarà protetta? Altrimenti è totalmente inutile!) e Via Cavour. In mancanza di questo grappoli e metastasi di auto in sosta selvaggia si affastelleranno agli estremi della disciplina vanificandone l'intero effetto positivo. Il progetto tiene conto di questo? Non lo sappiamo.

2. larghezza
Attenzione alla larghezza, specie della corsia preferenziale adiacente alla stazione. Bastano pochi centimetri in più per lasciare spazio alla sosta. Ogni vettura in sosta dentro le corsie deve bloccare le vetture dietro, solo così si eviterà che quella vettura sosti. L'esempio negativo ce l'abbiamo avuto a Via Labicana: quando c'era la disciplina provvisoria (ex lavori di pedonalizzazione Fori, per intenderci) con i jersey in plastica le dimensioni della carreggiata erano corrette, quando sono arrivati a fare i muretti in muratura hanno allargato la carreggiata di quel pelo che è bastato per far tornare le auto a parcheggiare. Così oggi quella corsia è scomoda, pericolosa, una trappola per bici e motorini. Tutto a causa di 10 centimetri in più che ne hanno cambiato ruolo e connotati.

3. illuminazione
Un problema gigantesco che sembra non interessare nessuno. Se si vuole incrementare il livello di sicurezza di un'area bisogna senza dubbio agire in primis sulla lotta senza quartiere alla sosta selvaggia, prima causa di caos e conseguenze, ma subito dopo bisogna illuminare l'area. Qui siamo in un contesto invece lugubre. Appena si esce dalla stazione Termini prende il groppo alla gola, una sensazione cui i romani purtroppo si sono abituati. Turisti, pellegrini e ospiti no...

4. videosorveglianza
Se non c'è più caos e confusione è più facile, ma molto più facile, controllare. E allora perché non dotare questa disciplina di videosorveglianza in modo da controllare ad esempio gli accessi in preferenziale via telecamera e non lasciando sul posto dei vigili urbani come è accaduto nei mesi passati? Vedere dei vigili che controllano una corsia preferenziale non è solo umiliante per loro e per noi che li paghiamo, è dannoso: è dannoso perché quando vedi che non ci sono sai che puoi fare come ti pare. Una telecamera è sempre lì.

5. il resto dell'area
Come verrà controllata? Un esempio? La parte "bassa" di Via Giolitti, quella da Via Gioberti in giù, verso "la buca", verso Via Rattazzi ecc. Come si fa ad evitare che si crei il caos lì considerando che i lavori del Giubileo non hanno migliorato di un centimetro la situazione? Qui, da quando è partita la sperimentazione, è aumentato il caos e sono arrivati i parcheggiatori abusivi. Come gestire la cosa? I lavori riguarderanno anche quest'area? Si rischia, insomma, che il problema si sposti un po' invece di risolverlo e occorre prestare massima attenzione a questo. 

5. replicabilità e scalabilità
La faccenda più figa qui è che la soluzione è replicabile e scalabile su enne situazioni. Passa il concetto dopo secoli di insistenza (da parte nostra e solo nostra, diciamolo) che la sosta selvaggia non si combatte con altri mezzi che non siano un corretto arredo urbano che impedisce fisicamente alle auto di fermarsi. Questo significa che non ci dovranno essere dubbi, ad esempio, sulla soluzione da adottare a Via Albalonga (leggete con attenzione qui e partecipate alla manifestazione della prossima settimana) e che questa soluzione è replicabile a scalare in maniera diffusa e massiva su un numero imprecisato di strade della città. Vengono meno tutte le sciocche obiezioni, insomma. Abbiamo analizzato, abbiamo capito, abbiamo sperimentato, ha funzionato, abbiamo implementato. Ora scaliamo su tutta Roma. Così si fa quando si fanno le cose serie. 

13 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Un giorno anche a Roma ci sara' qualcuno con mentalita' non provinciale che decidera' per la citta', lo aspettiamo tutti da decenni. Dio, fa che arrivi presto !!

Anonimo ha detto...

scommetto tutto quello che ho su quei 10 cm in più di larghezza

Anonimo ha detto...

Chiamate un Comitato scientifico di tedeschi che supervisionino i lavori!!!!

Simone ha detto...

Perfettamente ragione: solo l'impossibilità fisica impedisce di parcheggiare, le multe o non vengono fatte o non vengono pagate

Anonimo ha detto...

Visto che per mantenere costante la portata di un flusso al restringersi della sezione andrebbe aumentata la velocità e questo purtroppo non è possibile realizzarlo nel traffico....
REGOLARIZZIAMO LA DOPPIA FILA!!!
sosta in prima fila tempo illimitato e tariffa come oggi.
Sosta in doppia fila: 1,5 euro ogni 10 minuti per un massimo di 20 minuti.

tanto se la strada è stretta perchè c'è l'arredo urbano o una macchina in doppia fila l'impatto sul rtaffico non cambia.

Anonimo ha detto...

Eeeeh!!!! ma scherzi vero? La doppia fila non esiste come regolare perché altrimenti si chiamerebbe parcheggio. Se regolarizzi quelli nel parcheggio interno come escono? Mio Dio, solo averla pensata questa cosa...hai vinto il premio cazzata del millennio

Anonimo ha detto...


Traversa di Via Marsala: ieri sera.
Un signore dalla pelle scura e dal marcato accento indiano (o giù di li) mi chiedeva con insistenza di dargli qualche spicciolo per avermi consentito parcheggiare dove era lecito.
Il losco figuro aveva messo un pezzo di travertino (divelto da un marciapiede) in mezzo alla strada onde non permettere il parcheggio a chicchessia ...

ergo: non basta tirare a lucido una strada se in quella accanto vige la legge della jungla!

Ad ogni lavoro ben fatto occorre aggiungere una stretta vigilanza diretta (poliziotti di ronda) ed indiretta (telecamere) e poi sanzioni, sanzioni e sanzioni!

Ciao, bella ...

Anonimo ha detto...

la sosta selvaggia o in doppia fila è un diritto. via marsala o via giolitti è uguale. quanto pensi che si ferma un cristiano? 5-10 minuti al massimo. il tempo di scaricare le valigie o di aspettare chi arriva alla stazione. sti cazzi del cordolo o del muretto. ce salgo sopra cor SUV. senza pensarci un secondo. la fuori è pieno di immigrati, ubriachi, tossici, gente che si è "integrata", parcheggiatori abusivi, molestatori, bancarelle e tassinari abusivi e regolari che poi è la stessa cosa... e io mi dovrei preoccupare della corsia col cordolo??? non piu larga de quei dieci SCentimetri che fanno la differenza??? ahahahaahha. ma de che.

Anonimo ha detto...

Basterebbe una mini ztl intorno alla stazione, come a Fiumicino aereoporto, entri e hai 15 minuti dopodichè o paghi o becchi una multa!

Anonimo ha detto...

Bene é già iniziato e si comincia già a percepire il grande cambiamento derivante dal sindaco grillino sponsorizzato da RFS
Dai così

Anonimo ha detto...

La faranno male sicuro.
Invece via Labicana che fanno la sistemano o no?

Anonimo ha detto...

Qualcuno mi può spiegare perchè su via Labicana i new jersey barriers sono stati sostituiti dai cordoli mentre su viale Manzoni (continuazione di via Labicana) i new jersey barriers sono ancora li.

Anonimo ha detto...

"a quanto ci notizia l'Agenzia per la Mobilità"? esiste un verbo notiziare? e per di più transitivo? questo sì che fa veramente schifo!
"La faccenda più figa qui ..." a Roma (e anche in Italiano) si dice fica e non figa, please, Nanni Moretti docet (e anche Dante Alighieri). Figa è dialettale e settentrionale.
Peraltro la sostanza del thread la condivido.
Claudio B

ShareThis