Sulla Tuscolana non si cammina causa bancarelle. Radio Radio fa un servizio e la troupe viene aggredita

9 febbraio 2016

La puntata di oggi di Un Giorno Speciale, mitica trasmissione di RadioRadio by Enrico Silvestrin & Stefano Molinari che è tra i pochi ambiti di dibattito e riflessione sui reali problemi di questa città, è stata particolarmente movimentata: in collegamento con lo studio Stefano Molinari, colpevole solo di aver ripreso il caos del commercio su area pubblica, è stato malamente aggredito. L'occasione, che non ci sorprende neppure un po', è stata motivo di discussione in studio e in collegamento (c'era anche Roma fa Schifo) sul cancro del commercio ambulante che è tra i motivi della morte clinica di Roma.





Quello che ci chiediamo è: dopo aver visto questa documentazione assurda, atroce e allucinante il VII Comando della Polizia Locale ha fatto qualcosa? Il VII Municipio ha fatto qualcosa? Tronca ha pensato di fare qualcosa?


83 commenti | dì la tua:

Morgenstern ha detto...

Facile risposta alle tre domande finali: "no."

Anonimo ha detto...

Bancarelle, abusivi, mafia capitale, e ci metto anche Radio Radio (vedi qualche sentenza e qualche intercettazione saltata fuori. Stessa Merda. Unico denominatore comune: Roma, purtroppo

Anonimo ha detto...

Morti? Feriti?

Anonimo ha detto...

AMMENUMMETTOCCAAAAAAA'
AMMENUMMETTOCCAAAAAAA'
SOMMINOREEE NUMMETOCCAAAA'
NURIPIJAAAAAAA'
mai che questi trogloditi riescano a fare un discorso....

Anonimo ha detto...

che vuoi che faccia quel baciapile effemminato di Tronca, crede ancora di essere a Rho

Andrea Lanini ha detto...

Sono anni che telefono e scrivo a vigili e soprattutto al II municipio per combattere il commercio illegale e a forza di insistere qualche piccolo temporaneo cambiamento può esserci. Ma nel complesso non cambia nulla, le istituzioni "tollerano", è evidente. Meno evidente il perché, ma un perché c'é.

Mauro Scacco ha detto...

scusate ma sono 20 anni che ci sono le bancarelle a via tuscolana e voi ve ne accorgete adesso :-) manco fossimo a ridosso delle elezioni, ooops, che ho detto, appunto 😉

Anonimo ha detto...

Infatti fino a trent'anni fa Roma era un gioiello e veniva paragonata a Parigi. Se oggi Roma Fa Schifo è anche merito di tutti questi ambulanti sciattoni. Questo è il degrado e declino della capitale.

Myollnir ha detto...

RIMANENZI di negozio?

Anonimo ha detto...

Queste "bancarelle" EVADONO alla grande IVA, contributi e tasse di vario genere e questo ha effetti devastanti non solo per la concorrenza sleale che fanno alle attività regolari (migliaia delle quali hanno dovuto abbassare le saracinesche) ma per il fatto che Roma avrà sempre mentre entrate.

Anonimo ha detto...

Dire che "il cancro del commercio ambulante è tra i motivi della morte clinica di Roma" mi sembra un po' riduttivo, poichè ad assassinare il commercio fisso di prossimità ci hanno pensato anche i centri commerciali e i proprietari di negozi dalle pretese esagerate! Di fatto si tratta di una situazione dove i diversi fattori (apertura centri commerciali, proprietari esosi, avvento dei bancarellari) interagiscono tra di loro e si potenziano fino a provocare l'attuale situazione. In una città abbandonata a sè, poi, va da sè che il bancarellaro si adegua subito alla totale mancanza di controllo (da parte di tutti, Polizia Municipale, GdF, Agenzia delle Entrate, Inps, etc.) approfittandone a più non posso, il che aggiunge disordine al disordine. Metteteci infine la crisi e una certa quota di popolazione che sta veramente con le pezze al sedere, e che quindi è praticamente costretta ad acquistare sulla bancarella, ed avrete più o meno un'idea del perchè siamo arrivati a questo punto...

Anonimo ha detto...

Se penso che c'è dei martiri che devono pagare imu tasi e affitti e hanno la vista bloccata da questi criminali mi sale l'acido.

Chi compra a queste bancarelle deve essere ABBATTUTO. Senza se e senza ma.

Anonimo ha detto...

Comunque Stefano Molinari un grande! Tenere testa a quelle facce di merda non è facile. Hanno fatto pippa perchè gli ha imbruttito.
Se faceva la pecorella l'avevano corcato.
Over the top il figlio del bancarellaro. Sapeva la parte a memoria. "So' un minore e nun me poi tocca'.. ".
Visto come camminava?
Va assolutamente reclutato per qualche film!

Anonimo ha detto...

I bancarellari sono bassa manovalanza della criminalità organizzata.

Anonimo ha detto...


Ma la parolina MAFIA non vi fa venire in mente nulla?

Intimidazioni, mazzette, corruzione, collusione, favoreggiamento, abuso in atti d'ufficio, negligenze ad personam ... etc. etc. ...

Anonimo ha detto...

Accordi migratori con la Libia e l'Iraq, traffici internazionali con la moldavia grazie a finmeccanica, importazione di bestie da soma, coperture per stipare la merce, occupazioni abusive, terrorismo internazionale, rivelazioni sui depositi di scorie radioattive di Leonardo Messina a Borsellino...
Quante cose dietro un burino bancarellaro.

Anonimo ha detto...

Maledetta l'ignoranza....
soprattutto del bimbominchia

Anonimo ha detto...

Meno male che a Roma era giunto il "Prefetto di ferro" siculo-milanese, grazie al subdolo patto Renzi-M5S-Santa Sede che ha spodestato Marino, per riportare la legalità in città non soltanto negli oscuri intrallazzi del "Mondo di Mezzo" di Mafia Capitale, ma anche negli affari della criminalità' minore...TRONCA VATTENE

Anonimo ha detto...

Quello che mi colpisce di più è la più che totale assenza di forze dell'ordine, la mancanza di intervento, la complicità ed il clima di illegalità diffuso.
E' proprio impossibile immaginare da domani un maxi sequestro di tutta quella paccottiglia venduta? Maxi multe ai "commercianti" che non emettono lo scontrino? una bella denuncia per quei 2-3 gorilla senza peli?

Oramai la scusa del lavoro, dei padri di famiglia che devono dar da mangiare ai figli è diventata stucchevole e serve più che altro a dar voce a questi parassiti che non rispettano nesuna regola.

E ribadendo la domanda dell'autore dell'articolo, succederà qualcosa adesso? verranno identificati e controllati i venditori, i loro furgoni, la provenienza della loro mercanzia?

Le forze dell'ordine risponderanno?

Anonimo ha detto...

Alessandra Celentano
Luigi De Magistris
Lillo e Greg
e che dire di daniela ranieri? Rullava mozzarelle fino a che...
Cosa hanno in comune?

Anonimo ha detto...

Dai, non disperiamo.
Metro c ce la siamo levata dalle balle.
Affittopoli si sta rivelando una fogna esplosiva.
Piano piano si arriva pure al bancarellame, che è l'epifenomeno di una nazione in preda ai piani distruttivi del terrorismo arabo, con la connivenza del cialtroname occuparolo.

Anonimo ha detto...

Meno male che c'è renzi, come spiegano dal fatto quotidiano, che, a differenza di tutti gli altri giornali, è un giornale con la schiena dritta!
Meno male che c'è renzi, dicono dal fatto, che tiene buoni i paesi arabi continuando a favorire l'importazione di vagonate di feccia. E già che c'è compra un aereo a ultrasuoni a etihad, essendo il quatar non pago di aver rilevato per due soldi la nostra compagnia di bandiera.
Meno male poi che qualche coglione italiano ogni tanto si accorda con gli islamici per farsi rapire, guadagnando qualcosa, facendo guadagnare qualche mediatore istituzionale, e contribuendo a finanziare il terrorismo petrolifero.
Bravi bravi.

Anonimo ha detto...

Guzzanti, quasi ci stavi. Ma devi spostarti un po' verso il nucleare. E ripartire da pasqualone, dalla moldavia e dall'immigrazione.

Anonimo ha detto...

Una città in mano a ogni sorta di farabutto prepotente . Polizia e affini totalmente assenti per frustrazione o per incompetenza poco importa .
Tronca hai le riprese , punisci uno per dare un esempio .
Oppure vatti a nascondere

Anonimo ha detto...

stai a provocá er popolo...

Anonimo ha detto...

Prendo un commendo a caso. Mauro Sacco: Sei un cretino, cozzone, retrogrado, mi avete stufato, dovete scoprire tutti quelli come te e sono tanti a Roma. Il degrado ha responsabili con nomi e cognomi: tanti responsabili e te sei uno di questi: scopri dalla mia vista, mi son scocciato di dover subire l'idiozia totale di risposte di questo tipo! La merda a Roma c'è sempre stata e quindi è giusto che ci rimanga?!?! ma stacci tu nella merda che ti piace tanto! Altro che elezioni. Deficiente.

Anonimo ha detto...

intendevo commento..

Anonimo ha detto...

Va detto che il l'intervistatore, forse inesperto, ha messo per primo le mani addosso ! ??

mauro scacco ha detto...

C'è sempre stata ma io, che non la vorrei mai, ho imparato a conoscere sulla mia pelle questi improvvisi risvegli della coscienza civile sempre sotto elezioni ed il totale disinteresse della stampa ( come delle istituzioni) durante la stagione ordinaria, quella che non mira a raccogliere voti, quando quella stessa coscienza civile è così ben tranquillamente dormiente : passata la festa gabbato lo santo, cari miei, è sempre stato così, attenti a quelli che manifestano la loro indignazione sempre e solo a 2 mesi dalle elezioni, perché hanno già pronta la soluzione miracolosa da proporvi ...

Anonimo ha detto...

Ma poi che è sempre sto atteggiamento "NUN ME METTE 'E MANI ADDOSSO".... ma io te tocco quanto me pare invece... troglodita subumano capace solo a urlare...

Anonimo ha detto...

BANCARELLE A ROMA = CANCRO DA ESTIRPARE. BASTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

E a chi commenterà (perché ci sarà e se ne vede già l'ombra nel commento delle 4:37) ricordiamo che anche chi porta la pelliccia (e ha 4 case) va alle bancarelle, convinto di fare l'affare! E' vero, a volte si trovano 'le stesse cose dei negozi' sulle bancarelle. E ovviamente costano meno. Il problema è che quella merce non dovrebbe finire in mano a quella gente. Un negoziante è tenuto a fare un minimo di acquisto, ricaricare il prezzo perché riceve regolare fattura. Il ricarico serve a pagare affitto (esorbitante a Roma a prescindere), insegna, faretti, dipendenti, utenze, pubblicità, vetrinista, ecc. ecc. ecc. E il ricarico deve essere tale da poter essere notevolmente scontato in vista dei saldi. Se io una cosa la pago 10 e per farci un minimo di utile (viste anche le tasse ESORBITANTI) devo venderla a 70, non può esserci in giro chi venda la stessa cosa a 15, perché magari l'ha presa senza fattura e può venderla in luoghi dove il costo di gestione è infinitamente minore. Ricordate il caldarrostaro che paga 380 l'anno di concessione? E vende 8 caldarroste a 5 euro. Se lo stesso fosse costretto ad operare in un negozio, con tutti i costi che ne derivano, state pur certi che quelle caldarroste costerebbero come minimo 15 al cartoccio.
Io ho un parrucchiere. Se faccio una piega a 20 euro, con regolare ricevuta, magari pagata con bancomat, ne prendo netti sì e no 7. Dai quali devo togliere i costi delle materie prime: shampoo, crema, corrente, acqua, dipendenti, affitto, insegna, ecc. ecc. ecc. Se non fosse chiaro, i prezzi che uno fa devono tenere conto di TUTTE QUESTE VOCI. Mi devono spiegare come fanno i cinesi (al di là della qualità dei prodotti, che può anche essere accettabile in alcuni casi) ad avere 3/4 dipendenti che lavorano dalle 8 alle 20, dal lunedì alla domenica, e a pagare tutte le spese di gestione di un negozio più le tasse con una piega a 8 euro. O un taglio a 10. Qualcuno me lo sa spiegare?

Anonimo ha detto...


LA GRANDE DISTRIBUZIONE E' IN MANO ALLA MALAVITA ORGANIZZATA.
LA PICCOLA ... PURE!

Lo sanno tutti, tranne qualche ingenuo commentatore e lettore di RFS.

Anonimo ha detto...

perché il videomnon é piú online ?

Er romanaro che stà uscí da sti cancelli. ha detto...

Siete solo spazzatura.
IN GUERRA DOVETE ESSER PRONTI A MORIRE.
Toccate Er popolo continuate , che Er popolo Quanno c'avrà fame , ve se magnerà .
TONELLI PRESTO O TARDI LE DOVRAI PAGÀ TUTTE.
W ROMA NOSTRA BELLA.

Anonimo ha detto...

Sì, sai i calci in culo che prendi, tutti quelli che non t'hanno dato a casa.

Tornasi a dire che dietro i piccoli ceffi ci sono gli interessi anche dei grandi.
Facciamo un esempio.
I movimenti per la casa (i criminali delle occupazioni abusive) minacciano di fare un casino in caso di sgomberi.
Mh, interessante.
Che succede in un paese normale?
Tu occupi un immobile. Io ti sgombero e ti prendo per il collo appena dici A. Se provi a rispondere dritto in cella.
Qui no.
Qui bisogna avere paura che si arrabbino.
Minacciano. "Qui qualcuno è pronto a darsi fuoco". Mh. E sti cazzi non ce lo metti?
Esiste il principio di responsabilità. Infrangi la legge? Conosci le conseguenze. Ti dai fuoco? Libero. Li si lasci fare, sicuro che dell'autocombusto non ci saranno emulatori.
A qualcuno servirà che sta spazzatura debba costituire uno spauracchio sociale. Ed è lì, da quel qualcuno, che bisogna cercare il fondamento anche della strafottenza dei bancarellari.

Anonimo ha detto...

Altro che vigili urbani, ormai hanno resa talmente estrema la situazione che ci vogliono gli incursori del IX Col Moschin e quelli del COMSUBIN per far tornare a rispettare le regole a Roma....

Anonimo ha detto...

Risposta per il parrucchiere con le mani nei capelli.
I negozianti cinesi vengono da un paese ricchissimo in un paese in presunta crisi in schiere, per compiere la colonizzazione mafiosa.
I negozi vengono acquistati in contanti per riciclare denaro; i negozi sono coperture di traffici illeciti. Gli stipendi arrivano direttamente dalla mafia.
La mafia passa anche per lo stato italiano che concede anomali sgravi fiscali ai commercianti stranieri, e non interviene sulle irregolarità.
Ciò vale anche per buona parte del commercio non cinese.

Anonimo ha detto...

A casa di un occupante abusivo di Tor bella monaca, un kalashnikov (non una beretta, signori, un kalashnikov) e mezzo chilo di cocaina.
Pensate cosa nascondono nelle occupazioni di massa.
E quindi a chi servono.
Così le bancarelle messe a caso ovunque.

Anonimo ha detto...

Vanno rimossi, presidente di circoscrizione, comandante dei vigili, della finanza, e quanti altri responsabili di questo scempio. Vedi che poi i successori prima di accettare l'incarico ci pensano 2 volte.

Anonimo ha detto...

Io vedo solo qualcuno che provoca chi sta lavorando.E vedo solo qualcuno che cerca di scatenare una rissa coi soliti luoghi comuni.Tutto questo fa solo danni.

Anonimo ha detto...

Esiste qualcosa di legale a Roma?

Anonimo ha detto...

Non stanno lavorando. Stanno usurpando il diritto dei cittadini di avere una Roma decente, coperti dalla camorra.
Di legale a Roma c'è l'illegalità, ordinata come una falange armata.
Al mercato di Campo de'fiori ho visto discutere una signora col marocchino di uno dei banchi, e il titolare italiano sfoderare una specie di stiletto e rincorrere con gli occhi di fuori la signoram che si è rifugiata in un negozio e non ha chiamato neanche la polizia per il terrore.
Sta gente ma da dove viene?

Anonimo ha detto...

Comunque il Tuscolano è diventato un quartiere ectoplasma, può succedere di tutto e non vede mai niente nessuno non esiste controllo, mai. Felice di essermene andato quando gli appartamenti ancora valevano qualcosa, oggi stanno alla metà....er popolo...mavaffanculovà!

Anonimo ha detto...

Vedendo simili video non vi lamentate se a Bozen dicono "Selbstbestimmung: Südtirol zu Österreich". Illegalità ormai consolidata nella capitale italiana!

Anonimo ha detto...

Dal '68 la banda armata dei comunisti ha cominciato a occupare tutti gli spazi delle professioni.
Attraverso la mediazione dei sindacati hanno piazzato i compagni nelle pubbliche amministrazioni e nei maggiori cda, eludendo le leggi ordinarie e costituzionali.
L'Italia è in mano a perfetti animali incompetenti a causa del legame fra brigatisti, comunisti e simpatizzanti, cominciato allora. La mafia ça va sans dire, è lo sfondo. Da criminali si sono venduti come elite.
Ma la leva del disordine e dell'elusione delle regole, per perpetuare le posizioni di controllo del capitale e dello stato, deve adeguarsi ai tempi.
Il bancarellame e l'immigrazione sono il nuovo proletariato pronto a marciare al soldo dei "compagni", a braccetto di banche, mafia e poteri imprenditoriali.
Il terrorismo è lo spauracchio che viene agitato contro chi si oppone.



Anonimo ha detto...

la "Polizia Locale" ahahahahahhahahahahahahahahaahahahah
E lei che ha educato tutti i coatti balordi di Roma a fare come vogliono.
La polizia locale non solo non fa il suo lavoro, ma aggredisce chi segnala

Anonimo ha detto...

Madonna che città di merda!
Dev'essere veramente umiliante dover vivere come decidono 4 bancarellari semi-analfabeti.

Anonimo ha detto...

Spettacolo sto video, me so ammazzato dalle risate!
Ho però da fare una domanda: cosa diavolo sono le calamite morbidone? Le trovo anche a Roma sud?

Anonimo ha detto...

evidentmente se i romani preferiscono le bancarelle rispetto al decoro ed alla legalità vuol dire che ci guadagnano più che qualcosa.
se sta bene a loro vivere in quella merda... contenti loro contenti tutti

e non ditemi che non è vero, sennò qualcuno avrebbe fatto qualcosa a parte piangersi addosso in anonimo in internet

Anonimo ha detto...

“Si può fare terrorismo non soltanto sparando nelle piazze ma anche minando il sistema economico di un Paese, attaccando la moneta e il lavoro”.

Luigi Ciampoli

Anonimo ha detto...

"Nummetoccà"? "Nummeripijà"? Ma porca puttana te faccio saltà in aria a te, tu fijo tu moje e l'anima de li mortacci tua e de tutti i bancarellari come te.

Anonimo ha detto...

Questo tipo che scrive col nome di anonimo.perché Non si qualifica.è facile scrivere in anonimato.io lavoro a via nubilione con regolare licenza.e per la cronaca,sono quello che vende le calamite morbidone.se non sapete nemmeno cosa sono,siete rimasti un Po indietro col tempo.comunque per qualsiasi chiarimento,il signore anonimo può venire a trovarmi.

Anonimo ha detto...

NO, COMUNQUE HA RAGIONE L'ANONIMO QUI SOPRA, NON SAPETE NEANCHE COSA SONO LE CALAMITE MORBIDONE, E' PER QUESTO CHE ROMA E' RIMASTA AL MEDIOEVO, CONVERTITEVI ALLE CALAMITE MORBIDONE E ALLE BANCARELLE E FATE CONVERTIRE TUTTI I PAESI RETROGRADI COME LA GERMANIA, LA FRANCIA, LA DANIMARCA E TUTTI GLI ALTRI. LO SCHIFO E' BELLO E SOPRATTUTTO FACILE E COMODO.

Anonimo ha detto...

che poi stanno sotto ai palazzi. dovrebbero stà attenti che nun je tirano dai balconi le secchiate de merda sulle bancarelle.

Anonimo ha detto...

il problema è anche tutta la massa di pezzentoni che compra quelle cianfrusaglie...a me farebbe ribrezzo portare anche vicino casa uno di quei 'prodotti'...

Anonimo ha detto...

Maxi-operazione antimafia dei carabinieri di Catania: militari dell'Arma hanno eseguito una serie di ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 109 indagati. Gli arresti sono scattati non solo in Italia ma anche all'estero. Al centro delle indagini, coordinate dalla Dda della Procura, lo storico clan Laudani.

Anonimo ha detto...

comunque dovevate oscurare il volto delle persone, specie se ci sono dei minori !

francesco schietroma ha detto...

ragazzi, premetto che anche a me fa orrore il suk permamente che sta permeando roma da tempo, e vedere queste immagini mi riporta alla mente 'brutti sporchi e cattivi', ovvero la riflessione che ettore scola faceva, ben 40 anni fa, sull'imbarbarimento del 'popolo' (parola usata a sproposito proprio da uno degli ambulanti) ma... ma... vi arrabbiate se vi dico che comprendo le anoimosità di questi ambulanti? oh, dico 'comprendo', non 'giustifico'! la loro, a mio parere, è l'esasperazione di chi conosce bene la condizione reale e generale in cui versiamo. mi spiego: c'è nessuno, tra i presenti, che abbia mai intrapreso negli ultimi anni la ricerca di un lavoro (un vero posto di lavoro, regolare e retribuito) a roma? un' odissea, che può durare anni e anni, e non produrre alcun esito! a roma il lavoro non c'è, anzi non c'è più, perchè fino a qualce anno fa erano migliaia i fuori sede che, specie dal meridione, venivano qui a cercare fortuna. oggi la situazione economica e lavorativa è giunta a un punto morto e, ovviamente, in molti si arrangiano. e lo fanno colla rabbiosità di chi, spesso e volentieri, le ha davvero provate tutte nella vita, vedendosi negare pressochè tutto, fino ad approdare all'ultimissima spiaggia: il commercio in strada. ma anche per il commerico in strada l'odissea prevede il suo iter: credte sia semplice avere i permessi per regolarizzarsi? beati a voi! occorrono anni e anni, fatica e burocrazia. quindi, tra quei pochi che ,caparbiamente, riescono a ottenere il sospirato pezzo di carta, concesso da un comune disastrato e colle casse semi vuote, disposto a venirti in contro solo per la disperata esigenza di lucrare su di te e fare cassa - in barba alla decenza dei cittadini e al decoro delle strade - vi stupite di leggere nel volto tanta animosità di fronte a un cronista che , implicitamente, gli fa intendere che neppure li dovrebeb stare? temo che la questione sia assai ben più complicata di come la ritraiamo. abbiamo un comune indebitato, che fa cassa per mantenere in piedi almeno i servizi essenziali, una crisi nera tutt'ora in corso, e migliaia di cittadini che chiedono di lavorare: la tempesta perfetta.

Anonimo ha detto...

Chi compra da questi abusivi è egli stesso/a abusivo e contribuisce al proseguimento dello schifo.
Se non c'è domanda l'offerta muore...punto.

Anonimo ha detto...

Più schifo di gente come te non esiste.fidati.

Anonimo ha detto...

Rispondo a Francesco Schietroma

A parte che il fatto che VV.UU., CC., etc. non gli dicano niente ti dovrebbe far pensare che questi non sono i disperati maltrattati dalla vita e dal mercato del lavoro che descrivi tu, ma piuttosto un gregge di criminali ammanicati con il cielo solo sa chi.

A parte che la licenza va esposta e se anche sei regolare non è che vai dove caspio ti pare, ti dice il comune dove devi stare.

A parte che l'elenco di motivi per il quale sta cosa è comunque sbagliata è lunghissimo. Ad esempio: crea concorrenza sleale, svilisce l'immagine di Roma agli occhi dei turisti, istruisce all'illegalità i bambini che vi assistono, immette prodotti che potrebbero essere anche tossici, danneggia l'erario, crea un ambiente ideale per altri crimini - spaccio, furti - anche violenti, regioni di sicurezza spicciola (se qualcuno butta una sigaretta accesa male son dolori) ma anche nazionale (luogo ideale per stragi), etc.

A parte che sia i disoccupati sia gli abbienti stanno in tutto il mondo ma un simile schifo solo in Italia.

Ma tu davvero pensi che sia dignitoso per un essere umano di un paese civile campare sulla prepotenza e l'aggressività che neppure dei trogloditi preistorici probabilmente avevano visto che vivevano in comunità?


Anonimo ha detto...

Non sara' che VVUU, CC ecc. non gli dicono niente perche' non sono abusivi? Non vi sfiora questo pensiero? Possono essere brutto a guardarsi ma di abusivo non hanno nulla.

Anonimo ha detto...

Allora, ho fatto delle ricerche: ho trovato le "calamite morbidone smile", nella fattispecie con occhioni dolci, e le "squishy calamite morbidone", più accurate ed in vendita all'ingrosso. Devo dire che le prime sono più adatte ad una clientela composta di adolescenti e giovani in generale, mentre le seconde, seppure forse un tantino pacchiane, risultano ben fatte e adatte un po' a tutti.
Cercando invece "calamite morbide" o "magneti morbidi" si apre un mondo...
P.S.: quelle a forma di ciambelle americane le comprerei subito, anche se me le vendesse un rappresentante dello Stato Islamico.

Anonimo ha detto...

La colpa, ovviamente, non è di chi lavora alle bancarelle e che magari lavora da quando aveva 10 anni e manco è andato a scuola perché non poteva. L'ignoranza forzata non è una colpa. La responsabilità, ovviamente, è di chi li mette in questa condizione illegale e a danno della intera città, compreso il lavoratore bancarellaro. La colpa è di chi prende tangenti per le concessioni, per non vedere, non controllare e questa gente a scuola ci è andata eccome, abita in bei appartamenti e accompagna i figli a scuola col suv da 80mila euro comprato a tangenti. Purtroppo però queste merde non sono a vendere alle bancarelle e l'unico modo per stanarli e sollevare il caso, con meritorie inchieste come questa e come quelle di Roma fa schifo.

Anonimo ha detto...

Un minore ? ma non dovrebbe essere a scuola ?
Non c'e' che dire : una bella famigliola .......

Anonimo ha detto...

Roma, le case del Comune
gratis agli ex vigili urbani

Anonimo ha detto...

Magari, almeno verrebbero usate. Poi leggi l'articolo e ti tendi conto che estensore e titolista vicino su due pianeti diversi.

Anonimo ha detto...

Ma la domanda è: "una licenza, è per sempre?".
Non c'è modo di revocarle?
Non c'è modo di imporre "da domani non si fa più commercio sui marciapiedi, ma solo nei mercati rionali" ?
Non c'è modo di sequestrare la mercanzia e restituirla solo a multa pagata?
Domando eh.....

Anonimo ha detto...

multe salatissime a chi compra... questa sarebbe l'unica soluzione... questi "venditori" sono avanzi di galera e lo si vede dalle facce, non gli cambierebbe nulla tornarci per un paio di mesi... rovinate invece chi compra... e vedi come queste bancarelle del rubato cadrebbero a picco in un paio di settimane

Anonimo ha detto...

Tonelli sei un grande.

Anonimo ha detto...

Io devo dire la verità da quando seguo questo blog ho smesso di acquistare quel poco che compravo presso le bancarelle. Non c'è altro rimedio che impedire il commercio per un certo periodo, una sospensione della licenza per i regolari che si allargano o che non sono effettivamente ambulanti stazionando nei soliti posti e la revoca della licenza in caso di infrazioni multiple, come per la patente di guida. Per quanto riguarda gli abusivi dovrebbe essere più semplice. Il problema è che sono veramente tantissimi e la Polizia Locale si concentra sulle zone di "prestigio".
Ce la possiamo fare

Anonimo ha detto...

Ma quale mafia haahaa e solo gente che si guadagna da vivere

Anonimo ha detto...

I veri ladri sono i politici e i negozianti si lamentano ...la colpa e dello stato stop .vogliono metterci uno contro l'altro è un loro gioco

Anonimo ha detto...

Se venite a fare i bancarellari a Roma da tutte le parti d'Italia e del globo è perché qui c'è un sistema mafioso che col bivacco commerciale copre riciclaggio, spaccio e mazzette.
Come diceva sordi degli immigrati a Roma, "ma nce l'hai na casa"?

Anonimo ha detto...

Bancarellari EBREI!

Anonimo ha detto...

Quello che sbagliate è dire che ci siamo abituati e lo riteniamo normale.
Abitiamo da sempre a Roma e ci ricordiamo bene che prima queste cose non c'erano. A maggior ragione su strade di gran pregio come via Cola Di Rienzo, ove l'impatto di queste schifose bancarelle è ben maggiore.
Il problema è che la città è già molto caotica e mal gestita per cui al casino si aggiunge altro casino.
Probabilmente questi approfittano di licenze concesse a cavolo per poi espandersi, certi che nessuno li sanzionerà.
Poi, a leggere su internet, sono tutti scandalizzati dalla cosa ma poi qualcuno che compra ce lo trovi sempre. Chissà perché.

Anonimo ha detto...

Si sono andati a riscuote er pizzo .... a napoli li chiamano camorristi a roma vigili urbani.

Anonimo ha detto...

Vigili che prendono il pizzo, Carabinieri che vendono la droga provento di sequestri, Poliziotti che stuprano prostitute, non ci facciamo mancare nulla.

Anonimo ha detto...

Che super eroe che 6

Anonimo ha detto...

Tu devi essere abbattuto brutto idiota pezzo di merda Tu vai da Gucci a vestirsi haahaa rikkioneee

Anonimo ha detto...

Vedrai che fine un giorno a l'altro lui

Anonimo ha detto...

Ma scusate questi delle bancarelle spesso e volentieri non parlano neanche l'italiano ma come fanno?? Deve esserci maggior controllo. ..

ShareThis