Oltre un'ora bloccata a Via Fermi per la doppia fila. E quando il tipo è uscito mi ha insultata e minacciata. Una storia

18 novembre 2013
Ve lo racconto e mi sfogo qui: ieri sera vado a prendere la mia automobile in Via Enrico Fermi e la trovo bloccata da una Punto bianca in doppia fila. Inizio a suonare il clacson (cosa che detesto) sperando nell'arrivo tempestivo del proprietario: nulla. Avevo una certa fretta, non sapevo più cosa fare; bloccata, impossibilitata a uscire dal parcheggio. 
Inizio a fare la via crucis di tutti i locali sulla strada con la collaborazione di tutti i gestori che hanno chiesto a tutti i loro clienti se avessero un'auto in doppia fila. Quattro o cinque ristoranti. Niente. Ricomincio a suonare. Zero. A quel punto, dopo più di 30 minuti, l'arrabbiatura crescente, il senso di impotenza, il ritardo che stavo accumulando nei miei programmi, chiamo i vigili di zona. Mi rispondono che hanno solo una pattuglia (la solita risposta), impegnata in quel momento chiaramente. Mi dicono di aspettare. Chiedo di poter segnalare intanto la targa, mi dicono che non è possibile. 
Passa un'altra mezz'ora. I passanti mi consigliano di rigare con le chiavi o di fare marcia indietro e spostare di peso la macchina dell'incivile, cose che si sarebbe meritato pienamente, ma che io non ho fatto per troppa educazione. 
Mi viene da piangere ma proprio a quel punto arriva una coppietta di bimbi-minchia, lui il bulletto coatto apre lo sportello come niente fosse e senza neanche chiedere scusa. Io, piuttosto alterata, gli faccio notare che gesto incivile ed incosciente, per nulla rispettoso ed il disagio causatomi, il ritardo fatto per colpa sua, eccetera e lo invito se è una persona per bene di aspettare i vigili e di beccarsi la meritata multa! Mi risponde "fatte i cazzi tua!" (la solita risposta, come sopra per i vigili). Per poco non mi scappa uno schiaffone di rovescio con tutti gli anelli o un calcio al paraurti (non valeva la pena rovinarmi le scarpe). Gli rispondo: "Bella educazione, complimenti!". La ragazzina insorge a sua difesa e le dico: "Ma guarda con che cafoncello esci, ma non ti vergogni, hai poco da parlare". Faccio la foto alla targa e lui di rimando, fa la foto alla targa della mia auto affermando: "Mo vedi che te combino". Pure!!! Alla fine entrano in macchina e se ne vanno indisturbati.
La cosa incredibile è che gli era stato chiesto anche a lui di spostare l'auto, un'ora prima. E aveva detto che non era la sua continuando a mangiare al suo tavolo. 
Se la Municipale fosse arrivata subito io non avrei subito tutto questo ed il cretinetto avrebbe avuto la lezione di una bella multa. Richiamo i vigili e segnalo tutto ed esigo che questo sia registrato pure se mi dicono che è normale in quella strada, che purtroppo è così, che "Roma fa schifo". Povera Italia, povera la mia bella città.

Paola P.



-Paola,

è vero, in quella strada è normale come è normale in tutte le strade umiliate dalla sosta selvaggia, disegnate appositamente per questo. Proprio per debellare questo problema, che si può debellare solo con un corretto arredo urbano e con un disegno delle carreggiate che elimini a monte la stessa possibilità fisica di fermarsi fuori posto, era stato progettato un grande parcheggio interrato lungo tutta l'arteria di Via Fermi. Il parcheggio avrebbe creato posti regolari, sottoterra, e ne avrebbe tolti dalla superficie creando un grande parco lineare laddove, oggi, c'è uno spartitraffico pieno di posti auto abusivi che massacrano gli alberi della strada. Un progetto sacrosanto che un gruppo di ignobili cittadini incivili dell'area è riuscito, con manifestazioni strumentali, terrorismo verso gli anziani e per la voglia che nulla di tutto questo cambi (parcheggiare tutte le quattro-auto-a-famiglia a gratis sotto casa, sebbene in divieto, conviene), a far saltare il progetto. Ecco i risultati. Disagi per le persone oneste e impunità totale per i prepotenti che si fanno forti a causa dell'assenza totale delle forze dell'ordine. La legge la fanno loro.

Siamo convinti che gli 'amici' dei comitati no-parcheggio non sono scesi in piazza durante il tuo calvario di oltre un'ora per darti supporto, contro la costruzione del parcheggio, invece, sono scesi eccome, come al solito strumentalizzando anziani, malati e bambini. Esattamente come fanno a Roma le comunità Rom. Siamo noi gli zingari, altro che parlarne male...
Detto questo speriamo che il sindaco Ignazio Marino faccia ripartire presto e con grande vigore il piano per costruire nuovi parcheggi interrati: ci guadagna il Comune, si creano posti di lavoro, ci guadagna la città.

-RFS

72 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

cara amica se ne hai voglia rivolgiti ad un avvocato, con testimoni al seguito, ed agisci come raccontato in questa notizia di qualche settimana fa.
http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/10/26/news/lascia_l_auto_in_doppia_fila_condannato_a_2_mesi_di_carcere-69457916/

il tipo che lasciò l'auto in doppia fila è stato condannato per violenza privata.

Anonimo ha detto...

Protettorato estero europeo subito!! Via i vigili venga la polizei (ma va benissimo pure la police o policia) a controllare le nostre strade e sopratturro vengano dei forestieri come amministratori del bene pubblico.

Anonimo ha detto...

Ma non ce ne sono già 2 o 3 di parcheggi interrati li intorno? E cosa ti fa pensare che se anche ne fanno uno sotto la via il problema si risolve in superficie? Perché le cose che invochi sempre a partire dall'arredamento urbano si possono fare anche senza parcheggio ma non servono a niente ugualmente (vedi il post di ieri con i parapedonali divelti) se non c'è sorveglianza di vigili e forze dell'ordine.

Stefano ha detto...

Paola, e lo vieni a raccontare a Romafaschifo? Sporgi denuncia! Questo è praticamente sequestro di persona. Hai foto della targa e probabilmente testimoni.

Anonimo ha detto...

Scusate, ma non sono affatto d'accordo con le considerazioni che fa RMS su questa storia che coraggiosamente è raccontata.
I parcheggi ci sono di sabato sera, per chi vuole cercarli, la gente che abita là esce (se la fanno uscire dal parcheggio...)ed anche per chi vuole pagarli: di fronte a pochi metri c'è un grande parcheggio a prezzo buono, vicino l'UCI CINEMA.
NON è TOGLIENDO GLI ALBERI DI VIA ENRICO FERMI l'unico punto verde in un mare di cemento dovuto alla speculazione edilizia degli anni 70, che si risolve.
Lo stronzo che non vuole cacciare un euro, il ragazzino che va a mangiare alla pizzeria al taglio con i tavolini abusivi -forse-, fuori e gli pesa il posteriore, parcheggia in doppia fila davanti alla pizzeria.
E' L'EDUCAZIONE CHE MANCA.
Non prendiamocela con i poveri pochi alberi, unico punto verde in un'area in cui ce ne vorrebbero di più, dobbiamo indebolire la strada e rischiare crolli delle abitazioni? Ho manifestato anche io contro quel parcheggio sotterraneo e lo farò sempre.
Ce ne è un altro costruito e inutilizzato del tutto, nuovo e vuoto, da anni. Chi non vuole pagare non pagherà per parcheggiare, chi non ha rispetto degli altri, continuerà a non averlo.
Il punto è di pregare i gestori dei ristoranti-pub-locali della via e del cinema, a non permettere che si parcheggi in doppia fila, chiudendo l'uscita a chi deve prendere la macchina e non può aspettare ore che i signori finiscano la cena, fare tardi, senza sapere cosa fare, in mezzo alla strada, ore ed ore. Nemmeno l'accortezza di lasciare un biglietto: "La macchina è mia sono qui". L'altro punto è potenziare le pattuglie di municipale, è poter contare su un pronto intervento.
Il vostro commento non per nulla calzante con la storia ed è fuorviante al messaggio che si voleva dare. E non è nemmeno corretto scrivere nome ed iniziale del cognome, oltre a pubblicare la targa. Non sai mai a Roma con chi capiti in una disputa automobilistica, in mezzo alla strada. Denunciare una situazione e parlarne non vuol dire mettere a repentaglio la sicurezza e la privacy di chi si mette a disposizione per raccontarla. Mi spiace, non mi è piaciuto per niente.

Anonimo ha detto...

Cosa aspetti a denunciarlo.......peccato non trovarsi mai al posto giusto nel momento giusto......denuncia per sti coattelli......

Anonimo ha detto...

temo che senza sanzioni per i coatti anche con la costruzione di parcheggi (a pagamento) e con l'arredo urbano, la situazione non cambierebbe. pur di non pagare il parcheggio e pur di parcheggiare davanti alla loro fogna questi tamarri sarebbero capaci di tutto.
dovrebbero creare degli squadroni specializzati di pronto intervento, manganello e pistola è l'unica cosa che capiscono

Anonimo ha detto...

Forse e`il caso di passare ad azioni dirette, visto che i vigili se ne fregano. Si compra uno di quei bei bastoni animati, quelli con la lama dentro, e si tagliano le gomme ... si aspettera`magari un po`di piu`, ma sai che soddisfazione vedere la faccia del tale che arriva e scopre le 4 gomme bucate!!!!

Anonimo ha detto...

Ma davvero pesate che il coattello, in presenza di parcheggio interrato nelle vicinanze, avrebbe parcheggiato lì e non in doppia fila? poveri illusi! ben vengano i pup laddove realmente utili per i residenti. non è possibile però risolvere il problema solo con i parcheggi e l'arredo urbano. in una qualsiasi città normale il veicolo sarebbe stato rimosso con il carro attretti. a roma invece SONO ANNI CHE NON VEDO INTERVENIRE UN CARRO ATTREZZI. anche quando l'idiota di turno blocca interamente la circolazione di auto e mezzi pubblici non mi risulta che le macchine vengano rimosse. almeno, io non li vedo mai, ma proprio mai. e in città giro parecchio. la rimozione dei veicoli sarebbe l'unica sanzione giusta, perché colpisce tutti, anche l'evasore impaccato di soldi che se ne sbatte della eventuale multa e quello che le multe non le paga proprio.

Anonimo ha detto...

L'inciviltà non si combatte con ALTRI percheggi e ALTRO cemento in un quartiere già soffocato. dalla speculazione edilizia.
I parcheggi ci sono (vedi lungotevere) ma la gente incivile non gli va di allungarsi di 100 metri e parcheggiare civilmente. Andate a vedere dietro all'Hotel H10 c'è sempre posto per parcheggiare. E poi ci sono altri parcheggi sotterranei pronti e MAI aperti.
Senza sanzioni e controlli non si risolverà mai nulla.

Francis Drake ha detto...

Cara Paola, hai a disposizione la targa del minorato mentale / pezzente / vigliacco . Testimoni ne troverai a bizzeffe. CORRI a fare un esposto ai Carabinieri, descrivendo tutto nei minimi particolari, minacce comprese.
Non farti scrupolo di questi parassiti senza futuro, e non spaventarti soprattutto. La maggior parte di loro (e di chi li difende o giustifica) sono dei poveri mediocri senza attributi.

Anonimo ha detto...

Le altre storie nel blog non portano NOMI E INIZIALI E TARGHE.
VI PREGO DI RIMUOVERE il mio nome e l'iniziale del mio cognome, soprattutto.
NO allo sradicamento degli alberi, NO assolutamente al parcheggio interrato (per chi vuole cercarlo, il parcheggio c'è. Per chi vuole pagarlo, pure.) NO alle auto in doppia fila, SI' all'ecologia e più verde nel quartiere, SI' all'educazione civica di gestori e avventori dei locali, SI' all'educazione al rispetto degli altri da parte delle famiglie di questi ragazzotti arroganti e incivili, SI' alla polizia municipale che interviene prontamente se viene chiamata, no che rispondono che là è SEMPRE COSI' e che là non ci passano mai.
RIMANERE CIVILI ed educati (che non è fessi) di fronte all' INCIVILTà altrui, perchè se no torniamo alla legge del taglione.
QUESTO è IL PUNTO, questi sono i messaggi che volevo dare.
Che amarezza leggere come è stato da voi reinterpretato e reso nell'articolo il mio racconto.
E togliete per favore riferimenti al nome e all'iniziale del cognome, non è che per farvi fare notizia devo rimetterci in privacy e sicurezza personale. Non devo essere martire ancora, per il mio coraggio. Grazie a tutti gli altri cittadini per la solidarietà ed i consigli.

Anonimo ha detto...

Vorrei sapere in quale zona di Roma è stato costruito un parcheggio sotterraneo risolvendo il problema della sosta selvaggia. Me ne vengono in mente una ventina che hanno lasciato i n superficie esattamente lo stesso schifo che c'era prima. Non capisco perchè a via Fermi dovrebbe essere diverso

Anonimo ha detto...

assolutamente contrario a giustificare la realizzazione dei parcheggi sotterranei in aree pubbliche, le uniche che ci sono rimaste, piazze e strade con i pochi sparuti alberi che ancora resistono. Mi fa specie la presa di posizione di "roma fa schifo" a favore dei parcheggi sotterranei che assolutamente, è ormai dimostratissimo, non risolvono nulla. Di parcheggi ne esistono molti a pagamento sotto gli edifici, chi si prende il lusso di uscire in macchina potrà permettersi il lusso di pagare un parcheggio anche custodito. Piuttosoto il comune dovrebbe vigilare sui prezzi spesso speculativi di questi garage.... Auspico che RFS non continui su questa linea pro parcheggi sotterranei. Basta con la socializzazione delle perdite e la privatizzazione dei profitti. Basta!
Vigilopoli

Emanuele ha detto...

Paola, d'accordissimo sulle tue considerazioni. Non entro nel merito del discorso parcheggio interrato nella zona perchè non la conosco, ma di certo un arredo urbano che impedisca la doppia fila sarebbe auspicabile.

Solo una domanda, scusa: chiedi al sito di rimuovere nome e iniziale, ma perchè allora la storia l'hai postata sulla pagina facebook con nome e cognome visibile?Che senso ha? Sai quante decine di migliaia di persone seguono quel profilo?

Spero che tu non abbia paura e denunciare quel delinquente dal quale hai subito una violenza incredibile (di questo si tratta). Non dobbiamo sempre nasconderci, la città non è loro.

Anonimo ha detto...

Che senso ha denunciare pubblicamente.. e poi chiedere di rimuovere foto e iniziali?
Mi dispiace sig.ra Paola, ma inizio a pensare che questa storia sia una bufala.
E forse è anche meglio così.
Altrimenti avrebbe già sporto denuncia anzichè cercare consigli online.

Anonimo ha detto...

Sigh, la disperazione di chi non trova parcheggio non viene mai compresa... Sob...

Anonimo ha detto...

Questa storia non è una bufala, a chi ha scritto questo auguro un episodio simile se non peggio, non ho certo tempo da perdere a scrivere cavolate, testimoni i gestori dei locali in loco, passanti e miei amici che mi hanno raggiunto, visto che ero impossibilitata a muovermi, purtroppo troppo tardi per dare una lezione al bulletto.
Io ho chiamato la polizia, i carabinieri e la municipale: NESSUNO è venuto in mio soccorso, soprattutto i vigili, nessuno mi ha consigliato di denunciare il tipo per "sequestro di persona" come molti di voi invece mi hanno detto e anche io ho pensato, nessuno mi ha detto per lo stato di agitazione ed impotenza, l'ansia che è normale possa aver seguito un tale danno, di andare al pronto soccorso e col referto e con la targa denunciare a mia volta. NESSUNO. Ho avuto il coraggio di scrivere questa storia per informare e per dare un messaggio sulla situazione e della strada e della sicurezza dei cittadini a Roma, dando pure esempio di comportamento civile e non mi pento di non aver bucato le ruote o dato un pugno in faccia al tipo, pur se se lo meritava.
Sono fiera di essere una persona CIVILE, ma siccome ha preso la mia targa, chi me lo dice che non torni nel quartiere e mi faccia una vigliaccata, alla mia macchina? Ci sarete voi, che tanto parlate, a difendermi? O la municipale? Non credo. Grazie ancora a chi mi dato buoni consigli e solidarietà. Chi vuole criticare, oltre ciò che è subito, può anche permettersi il lusso del silenzio.

Anonimo ha detto...

Scusami, autrice del post, non conosco molto bene la tua zona, anche se so che di verde pubblico in quel quartiere ce n'è veramente poco.
Mi sembra di capire che il tuo punto di vista sia questo:
1) NO ALLO SRADICAMENTO DEGLI ALBERI;
2) NO AI PARCHEGGI INTERRATI:
3) NO ALLE AUTO IN DOPPIA FILA.
Allora, posto che è bello sognare di poter improvvisamente ritrovarsi in una città educata e pulita, tollerante e ben sorvegliata, è invero opportuno, al di là di fantasticherie più o meno condivisivibili, fornire strumenti utilizzabili per raggiungere i risultati auspicati.
Allora, tenuto conto dei suoi NO, l'unica cosa che mi viene in mente sarebbe quella di estendere le zone pedonalizzate in ogni quartiere di Roma, compreso il suo ovviamente. O altrimenti inibire con provvedimenti di non so quale tipo l'uso delle auto private tutti i giorni, magari all'interno dell'anello ferroviario, che è la porzione cittadina più caotica di Roma.
Ma anche lì interverrebbero sicuramente i comemrcianti, contro la pedonalizzazione "selvaggia", lamentando un improvviso calo degli affari del 70%, solo a parlarne, oppure gli automobilisti convinti, che si metterebbero subito di traverso di fronte ad un paventato blocco o limitazione del traffico.
A conti fatti, dunque, che volemo fa ?

Anonimo ha detto...


Ancora una volta per me le parole peggiori devono essere indirizzate alla polizia municipale, che ci siano i prepotenti purtroppo lo sappiamo ma il fatto e' che nei paesi civili i prepotenti vengono contrastati, qui da noi invece per colpa della totale inefficienza dei vigili urbani i prepotenti sono i padroni.

Andrea Rossi

fracatz ha detto...

una volta si usava lasciare la portiera aperta di modo che si potesse spostare a mano l'auto, ma poi ci fu il tracollo della scuola statale tajana ed il trionfo del consumismo elettronico.
Scommetto che il bimbo aveva lo scatolino per aprire l'auto a distanza.

Francis Drake ha detto...

Ribadisco il mio suggerimento. Se temi danneggiamenti della tua auto, magari di notte, da parte del parassita in questione, questa è una ragione in più per presentare un esposto e creare un precedente da spendere nel caso in cui dovessi ritrovare di mattina la tua auto danneggiata. Capisco tutte le tue perplessità e timori e mi dispiace che nessuno sia intervenuto materialmente in tuo soccorso.
Se fosse capitato alla mia compagna, in mia assenza ovviamente, sarei andato io stesso a presentare un esposto ai Carabinieri. FORZA E CORAGGIO

Anonimo ha detto...

che l'unica vera soluzione sia la repressione da parte dei vigili è dimostrato dai pochi parcheggi del car sharing esistenti e sempre disponibili. perchè????
perchè se il coatto di turno si prova a parcheggiare il suo lurido suv nel car sharing intervengono i vigili. credo ci sia una direttiva del comune che li obbliga a intervenire fatto sta che lì nessuno osa parcheggiare anche se intorno c'è il delirio. fateci caso

Caterpillar ha detto...

Hai tutto quel che ti serve al seguente link

Auto in doppia fila: il rifiuto di spostare il veicolo integra il reato di violenza privata
http://www.altalex.com/index.php?idnot=2631

Anonimo ha detto...

c'è il parcheggio di via tirone e quello subito su via fermi inutilizzati. Sono quattro alberelli spelacchiati, ma non è che togliendoli e mettendo un altro parcheggio vuoto si risolve qualcosa.

Anonimo ha detto...

Grazie Francis Drake e agli altri che hanno compreso la questione perfettamente e fatto discorsi utili e costruttivi, mentre le polemiche sterili tanto per parlare fondate sul niente, non mi interessano.
Vi dico anche che la vigilessa di turno sabato sera nel distretto di zona con la quale ho parlato al telefono, mi ha anche scoraggiato ad andare personalmente dai Carabinieri (visto che gli stessi mi hanno passato la municipale, giustamente) oltre al fatto che la municipale non è intervenuta in nessun modo, una sola pattuglia, già impegnata, non si sa per quanto, nessuna tempistica e frasi così "tanto a bulli così anche se facciamo la multa non la pagano"
(E certo, solo noi fessi cittadini per bene le dobbiamo pagare, pure se mettiamo un mm di ruota sulle strisce) "tanto in quella strada è sempre così, neanche ci passiamo mai". Repressione dei vigili, vero intervento, invito perentorio ai ristoranti e locali nella strada a non permettere parcheggio in doppia fila dei clienti, in bocca all'entrata del locale, creando disagio e alla viabilità e ai residenti o chi ha parcheggiato regolarmente. RIPETO: per chi vuole, il parcheggio c'è, gratis e a pagamento. Perché viene permesso questo? E perché non si può contare sull'intervento di chi è di competenza? Cosa c'è sotto? Il messaggio quindi qual è, che chi non si fa giustizia da solo con altrettanta inciviltà e violenza, è scemo?
Io rimango persona civile e ho vissuto in altre città italiane e all'Estero e mi dispiace dirlo, perchè sono romana, ma queste cose non succedono!!! Il punto è che siamo abbandonati a noi stessi,
che c'è tanta maleducazione impunita, troppa inciviltà.
Peccato che in quel momento fossi sola, perchè se ci fosse stato il mio uomo accanto a me, forse il piccolo teppista non si sarebbe permesso. E se vogliamo parlare pure di sicurezza per noi donne, apriamo un altro immenso discorso.
LA COSA CHE NON MI PIACE AFFATTO è PERCHE' RFS abbia associato IL MIO RACCONTO di testimonianza ed utilità pubblica, come spunto di confronto e denuncia, all'orribile progetto del parcheggio interrato (un altro ancora?!) e a far fuori gli ALBERI, ma cosa c'entra?!
Lasciamo in pace gli alberi, che sono già pochi. Il coattello che va a mangiare al tavolino abusivo della pizzeria al taglio non spenderà i soldi del parcheggio, lo stesso che sa di parcheggiare in doppia fila senza essere punito perchè tanto la multa non la paga ed i vigili sa che non verranno, perchè come dicono loro stessi pure "là è così,non ci passiamo".
E mi invitano a subire e stare zitta, ad accettare inerme, mi lasciano sola con la mia arrabbiatura giusta (e credetemi che il casino l'ho fatto eccome, non è che me ne sono stata ferma) che tanto pure una denuncia è inutile. Ed i passanti, che tanto parlano ma nessuno si è offerto di spostarmi di peso la macchina dell'abusante? Tutti a dirmi rigala, staccagli lo specchietto, ma nessuno lo ha fatto ed io nemmeno, perché volevo un intervento GIUSTO, il minimo di diritto per un cittadino italiano e romano. Quanto stress ancora?
E perchè?
QUESTO è SCANDALOSO, QUESTO è IL PUNTO.

Anonimo ha detto...

ripeto, servono i carri attrezzi, come in ogni città civile. provate a bloccare una strada o un autobus a new york o a londra: tempo 5 minuti e la macchina è stata rimossa. perché a roma questo non succede?

Anonimo ha detto...

più di 10 anni fa, quando vivevo a san francisco, una notte ho dimenticato di spostare la macchina nel giorno di pulizia della strada. l'auto è stata subito rimossa col carro attrezzi. a roma invece, nel 2013, si disegnano le strisce pedonali a chiazze pur di non rimuovere le auto parcheggiate sugli attraversamenti pedonali.

Anonimo ha detto...

Bisogna fare le cose semplici. Strisce blu a pagamento con una tariffa seria e disincentivante (aleno 1,5 euro l'ora, non 4 euro al giorno!). I residenti il permesso per la sosta lo devono pagare 2-300 euro l'anno, così capiscono che la pubblica via non è la loro autorimessa privata. In questo modo qualcuno comincia a farsi 2 conti e alla fine magari rinuncia alla macchina. Quelli che decidono di tenerla pagano per il disagio che arrecano alla collettività contribuendo con il pagamento della sosta al TPL e alla manutenzione delle strade. Nel giro di qualche anno le macchine comincerebbero a diminuire seriamente. Non bisogna inventarsi nulla di strano. I PUP invece non hanno liberato neanche un metro di strada dalle auto. FWC.

Anonimo ha detto...

Attenzione gente, dietro a Roma fa schifo c'è qualcuno che spinge (chissà perchè, forse ha qualcosa da guadagnarci?) che spinge per costruire i parcheggi interrati, chiamati PUP, non per creare parcheggi, ma per vendere box a privati. Tutto questo a danno dei cittadini che vedrebbero tagliati gli alberi, oltrechè diminuire i posti auto in superfice, nel caso di via Fermi taglierebbero 50 alberi. Ricordo a tutti che a 100 metri da via fermi c'è un parcheggio costruito e abbandonato e i parcheggi a pagamento sono mezzi vuoti, quindi costruire un Pup è sia dannosa sia una pura speculazione. Articolo quantomeno subdolo se non addirittura falso. Chi fa schifo ?

Anonimo ha detto...

In caso tu voglia vedere l'intestatario dell'auto...
https://servizi.aci.it/VisureInternet/welcome.do

Anonimo ha detto...

Guarda se i PUP riducessero i posti auto in superficie farebbero almeno una cosa utile. La verità è che non tolgono i posti in superificie e ne aggiungono altri sottoterra. Dopo cantieri decennali il risultato è più auto di prima. Io l'automobile non ce l'ho e sono stanco di pagare una barca di tasse vivere in un'autorimessa a cielo aperto. I PUP sono la finta soluzione, per non mettere in discussione la religione delle auto-vacche sacre che esiste solo a Roma. La città non è un parcheggio. La sosta in superificie deve essere cara e a pagamento per tutti.Fatto questo vedrete come cominceranno a sparire le auto dei fenomeni che non dicevano di non poter vivere senza. Altro che PUP.

Anonimo ha detto...

una bella visura del proprietario e relativa denuncia all'intestatario io la farei...

Anonimo ha detto...

Uhmmm... ora è tutto chiaro, cari Roma Fa Schifo, il perchè di questo vostro demagogico spingere sui PUP andando off topic dai punti mossi dalla persona che ha avuto il coraggio di scrivere questa sua disavventura, mettendo in luce i punti veri della questione. "Detto questo speriamo che il sindaco Ignazio Marino faccia ripartire presto e con grande vigore il piano per costruire nuovi parcheggi interrati: ci guadagna il Comune, si creano posti di lavoro, ci guadagna la città." E ci guadagnate pure voi evidentemente. Mi cancello subito dalla vostra pagina. Strano pure che non firmiate mai i vostri post nel sito con vostro nome e non si sa da chi è composta la "redazione".
Però a fare notizia con i nomi degli altri siete bravi, alla fine la soluzione a tutto ciò che mostrare nella pagina Facebook e la rabbia che fate salire al romano medio onesto è costruire -parcheggi interrati, vero?
Ah giusto, come non pensarci prima. Capito.
Adieu

Bat21 ha detto...

Premettemdo che anche io come la redazione di RFS sono difensore dei PUP considerandola lotta dei residenti di retroguardia e chiaramente improntato alla più becera sindrome NIMBY, devo però difendere la Sig.Ra Paola che ha subito un gravissimo sopruso che prescinde dall'esistenza o dalla discussione della bontà della realizzazione dei PUP.
Purtroppo sappiamo tutti che questa gentaglia immonda avrebbe parcheggiato comunque in modo tale da impedire la fruizione dell'auto della signora. Purtroppo non so darle delle indicazioni migliori rispetto a quelle che le hanno dato gli altri ma colgo l'occasione per esprimere la mia tristezza relativamente a questa ennesima manifestazione di inciviltà estrema non sanzionata da nessuno. Roma ormai è diventata una immensa "no man's land" temo che a lei seguiranno altre parti di Italia in un orgia di decadenza e degrado progressivo. Come siamo caduti in basso!

Antonio ha detto...

Vigili del cazzo. Sono extraterrestri non essere umani!!!

Bat21 ha detto...

Non sono extraterrestri, non sono nè Klingon nè Romulani, sono semplicemente dipendenti pubblici romani...

Anonimo ha detto...

Scusi sig.ra Paola, immagino che la foto della targa l'abbia inviata lei a RFS... e ora si scandalizza perché è stata pubblicata? Cosa l'ha inviata a fare se non voleva renderla pubblica? Scusi ma il suo comportamento è decisamente bizzarro...

Anonimo ha detto...

Che RFS fosse "stranamente appassionato del PUP di Via Fermi..." be', non è una novità (questo vale per Pro-pup, Tonelli di Degrado Esquilino e tutti i nuovi "Furio Colombo" del web...compresi gli studi di architettura e vari...).
Lo si vide da subito, quando c'era ancora la storia di questo parcheggio (quanto tempo sarà? un annetto buono? Due?).
E' sospetto perché se uno il parcheggio già ce l'ha (Via Blaserna?) e se ha la possibilità di parcheggiare fino all'8° piano gratuitamente (Lungotevere Pietra di Papa, che non si è mai schioppato nessuno...)se tu insisti per un parcheggio sotterraneo a Via fermi è chiaro che stai giocando in casa con qualche amico....
Vorrei dire ai vari "bloggers" vuvvuvvù duepuntozzèro che la grettezza tipica della nostra gente non permetterebbe di spendere neanche un cent per il parcheggio, perché un popolo di pezzenti, tale rimane. Ne potrete costruire 800 di parcheggi, resteranno tutti vuoti (Del tipo Arco di Travertino?).
L'ho detto e lo ripeto: è il potere "daa maaghina de 'sta Roma mia" senza il quale questa nazione sarebbe finita (Automobile= unica tassa certa nel regno dell'evasione fiscale), quindi mettiamoci l'anima in pace, compresa lei, Cara Amica. Respireremo aria pura e gli alberi saranno tantissimi quando la benzina questo paese la paghera 50 volte di più...


Tramvinicyus
Rivoluzione di binari dappertutto.

Anonimo ha detto...

Dimmelo a me "fatte li cazzi tua" e poi vedi. Meglio un bel processo di un bel funerale!

Patrizio ha detto...

Purtroppo non siete abituati a leggere i post nella loro interezza (compreso Tonelli devo dire), Roma fa Schifo ha sottolineato che l'unico modo per impedire quello che è successo a PAola è ridisegnare completamente la strada in modo che non ci sia spazio fisico per la doppia fila, più un arredo urbano robusto per proteggere tali spazi. La domanda è: CON QUASI DIAVOLO DI SOLDI si possono fare questi interventi? La risposta che propone Roma fa schifo è il parcheggio interrato. VOI COSA PROPONETE? Na colletta?

Detto questo Tonelli ti ha detto proprio male, temo che Paola sia una di quelle persone che è scesa in piazza contro il parcheggio.

Riprendiamoci Roma ha detto...

C'è una pattuglia fissa all'incrocio con Via Grimaldi, proprio DAVANTI a Via Enrico Fermi! E all'incrocio tra Via Grimaldi e Via Oderisi da Gubbio, più o meno 400 metri più avanti, c'è il casotto dei pizzardoni.

Anonimo ha detto...

Quel tipo è purtroppo lo specchio della nostra Roma della nostra Italia più ignorante. È e rimarrà per sempre un coatto, un borgataro (e lo dice una nata e vissuta in borgata), di quelli che rimarranno persone che non valgono nulla per tutta la vita.

Roma fa schifo ha detto...

Caro Patrizio,

non ha detto male a noi, in tutta evidenza ha detto male a lei. E' lei che è rimasta bloccata. La cosa curiosa è che lei è stata non la vittima, ma il carnefice di se stessa.

Via Fermi è una fogna informe di lamiere che si può riqualificare soltanto con una grande operazione di arredo urbano. Per la quale non ci saranno mai i soldi. I soldi si possono trovare mettendo a reddito il sottosuolo della strada mediante un parcheggio. Ecco tutto. Senza parcheggio, impensabile la riqualificazione. E ci possono essere pure cento parcheggi già realizzati attorno, ma per riqualificare questa strada occorre farne un altro (anche se, per assurdo, fosse inutile), perché grazie a quest'altro possiamo ricavare le risorse per intervenire.

I residenti di Via Fermi lo stanno benissimo, ecco perché hanno tutti questo atteggiamento aggressivo. Sanno perfettamente che, con la loro battaglia, hanno fatto del male alla loro città. E la mala fede porta aggressività. Come quella della nostra amica qui che prima scrive, con nome e cognome in bella vista, sulla nostra pagina Facebook (che ha molte più visite di qui), poi gli chiediamo ulteriori dettagli e ce li invia, gli chiediamo la foto della targa e ce la invia, ci premuriamo di pubblicare sul sito oscurando il suo cognome che invece di là era in chiaro e cosa ci sentiamo dire? Che usiamo il suo nome (ma di Paole ce ne sono centomila a Roma) per far notizia... Cattiva fede, punto!

Anonimo ha detto...

Solidarietà a Paola per l'assurda violenza subita ed invito pressante a sporgere denuncia ai carabinieri, sottolineando di essere già stata minacciata dal cretino di possibili ritorsioni. Purtroppo questa feccia è ormai convinta di poter fare il proprio comodo impunemente ed una mancata denuncia non potrà che confortarlo nella sua assurda convinzione. Se Roma fa così schifo è anche perché i 'buoni' sono troppo pavidi. Capisco bene i tuoi timori, Paola, ma reagire a soprusi del genere è un dovere civico.
Personalmente avrei pazientato 10-15 minuti e quindi proceduto a sgonfiare gli pneumatici del tarpano, tutti e quattro. Non si configura come un danneggiamento ma gli avrebbe richiesto lo stesso un carro attrezzi.

Bat21 ha detto...

Mi dispiace ma io non credo nel ruolo salvifico dell'arredo urbano. Se non c'è repressione dei comportamenti scorretti i cafoni di Roma parcheggieranno sempre in modo da creare estremo disagio. Detto questo consiglio RFS di non essere troppo duro con la sig.ra, indubbiamente vittima della sindrome NIMBY che caratterizza buona parte della popolazione italica,dato che, benchè in disaccordo con le sue convinzioni, la sua denuncia è un esempio dell' inciviltà estrema degli abitanti dell'urbe e non si può che esprimerle una incondizionata solidarietà.

Anonimo ha detto...

MI SPIACE! MA LA COSA PIU' ALLARMANTE; E' CHE LA MAGGIORANZA DELLA GENTE IN ITALIA STIA DIVENTANDO SEMPRE DI PIU' MALEDUCATA ED EGOISTA!

Anonimo ha detto...

Guardate il post di oggi su Riprendiamociroma, da un lato della strada c'è il parapedonale , dall'altro no e tirate le conseguenze. Finchè non ci sarà un arredo corretto che impedisca di parcheggiare come capita i pup saranno sempre vuoti. Ci possiamo raccontare quello ci in tutta europa, paesi con qualità della vita impensabili per noi, le strade sono zeppe di parapedonali e le auto vanno sottoterra.

Anonimo ha detto...

pagina FB e sito riprendiamociroma
pagina FB e sito cartellopoli
pagina fb e sito Pro-Pup-Roma
pagina fb e sito Roma fa schifo

e poi probabilmente anche
pagina FB malaroma, quanto sei sporca roma e chissà quanti altri…
Guardateli bene questi siti e queste pagine: il degrado e l'inciviltà di noi romani sono strumentalizzati dalle poche persone (direi anche una sola) che sono dietro questi siti.
Amici di speculatori e palazzinari che denunciano questi episodi solo per incentivare la costruzione e la cementificazione.
Analizzate qual'è la loro soluzione e poi riflettete con la vostra testa e traete le vostre conclusioni.
Fanno leva sull'inciviltà solo per portare acqua al loro mulino.
Basta speculare ancora su Roma, andate a vedere come stanno i cantieri aperti e mai finiti per il PUP, andate a vedere come sono le superfici (che dovrebbero contrastare il degrado e che invece lo incentivano!) di quelli già costruiti! Informatevi!
Solo con il controllo e le sanzioni si combatte l'inciviltà, non con altro cemento.

Francis Drake ha detto...

@anonimo
"Solo con il controllo e le sanzioni si combatte l'inciviltà, non con altro cemento".

Su questo sono d'accordissimo con te, mentre sul resto del tuo commento assolutamente no.
La teoria del complotto, proprio no, dai, non riproponiamola. Vedere riflessa dietro RFS l'ombra di palazzinari e speculatori mi sembra francamente esagerato.
Non entro nel merito del discorso PUP, sul qual comunque mi trovo un po' più vicino alle idee espresse da RFS che a quelle di chi non vuole neanche parlarne, magari per partito preso.
D'altra parte il problema parcheggi prima o poi dovrà essere affrontato seriamente, e non credo che basterà una "feroce" politica sanzionatoria, come quasi tutti noi credo auspichiamo ma che tarda ad arrivare. Serviranno anche spazi dove materialmente parcheggiare le auto, a meno che non pedonalizziamo quasi tutto il pedonalizzabile e... chiusi i giochi.

Anonimo ha detto...

e basta con 'sta storia dei parcheggi interrati, dell'arredo urbano eccetera.
OGGI la signora ha diritto di parcheggiare sulla pubblica via e OGGI ha diritto di non trovare nessuno in doppia fila dietro la propria auto.
Se questi comportamenti fossero sanzionati come a norma di legge, si potrebbero pagare ai vigili tutte le auto che servono.
Rita

Anonimo ha detto...

Mettiamola in termini facili: non guardare le pagine dei blog ma farsi un giro fuori dal raccordo (meglio ancora dall'italia) e vedere come questi problemi, che solo roma esistono ancora, sono stati risolti. Risolti dappertutto e dappertutto con gli stessi sistemi. Con rayan o easyjet con 50 euro visiti una capitale europea, sfrutta l'occasione e facci sapere. Però se vuoi puoi insistere a sostenere la tesi del complotto, anzi mettici pure che i blog sono foraggiati dalle compagnie aeree. Lo dico per te , per la figura che ci fai.

Francis Drake ha detto...

Qui non si sta mettendo in discussione il sacrosanto diritto della signora in questione, e di noi tutti, di parcheggiare sulla pubblica via senza scoprirsi sequestrati dal'auto del coatto parassita di turno.
Si sta ragionando sul dove parcheggiare. Anche perché se a Roma la stima è quella di 70 auto ogni 100 residenti e togliamo buona parte degli anziani ultraottantenni, bambini, adulti non patentati e indigenti, ogni nucleo familiare di 4 persone possiede mediamente tre auto.
Allora il punto è:
DOVE MINCHIA HANNO "DIRITTO" DI PARCHEGGIARE QUESTE PERSONE SE ABITANO IN UNA ZONA CENTRALE, SEMICENTRALE O DELLA PRIMA PERIFERIA DI ROMA, DOVE GLI IMMOBILI SONO QUASI TUTTI SENZA POSTI AUTO O BOX DI PERTINENZA ? Se suggerisci loro di usare il garage, apriti cielo ! E chi ce l'ha 150 auro al mese da "regalare al garagista", sussurra il "povero" proprietario del SUVVE.... Oppure, al consiglio di rinunciare ad almeno una delle tre macchine di famiglia, riapriti cielo: CHI RINUNCIA ? Il figlio "costretto" ad andare a piedi in palestra, oppure la mamma o il papà, "costretti" ad utilizzare un pochino di più i detestati mezzi pubblici ?
Quindi, contestualmente alla speranza, che ci accomuna, di una maggiore durezza dei vigili nei confronti di tutti questi incivili, sarebbe a mio avviso opportuno riflettere anche su come limitare la circolazione di tutti questi cavolo di veicoli circolanti, ovvero su come aumentare il numero di parcheggi a disposizione.

Anonimo ha detto...

Gentile Bat21, grazie per l'ossequioso "signora", ma non sono così vecchia. Inoltre non sono affatto malata di sindrome NIMBY, se di sindrome si può parlare, non usiamo neologismi ed acronimi così a sproposito tanto per darci un tono, miriamo a contenuti pertinenti. Tra l'altro io sono per studi ed esperienze e mentalità una cittadina del mondo ed amante dell'innovazione e dei miglioramenti, se non dell'estetica in ogni sua forma a partire dal decoro urbano, MA ATTENZIONE...
gli interventi riqualificanti e le migliorie che vanno apportate al quartiere Marconi e alla zona Fermi nel dettaglio, sono ben altre e prioritarie, prima del PUP. Inoltre, io ho messo in evidenza ben altri punti, raccontando ciò che mi è successo ed il discorso parcheggio box a pagamento per i residenti, interrato, in questo CONTESTO, è del tutto fuori luogo e chi ancora come te ne parla, evidentemente è stato facile preda di chi voleva sviare e manipolare la questione altrove.
(sta a vedere ora che la colpa è mia perché non ho l'auto nel pup e quindi mi sono "meritata" l'arroganza e il gesto incivile del coattello di turno?!?! Dai)
I punti di sdegno sono (e la maggior parte dei lettori vedo che li hanno capiti E non hanno interessi a sviare il discorso attuale verso quello del PUP)
- Maleducazione crescente, che io non ho riscontrato così in nessun'altra città da Roma in su e all'Estero. Mi spiace dirlo perchè sono fiera di essere romana.
- COMPLETO disinteresse ed inefficacia ed inazione delle forze dell'ordine, nessuna pattuglia, nessun carro attrezzi, nessuna tempistica; e scandaloso invito da parte loro a lasciar perdere, nessuna soluzione alternativa (denuncia per sequestro di persona, querela per insulti, referto del pronto soccorso per stato di ansia e disagio conseguente)
- Non sono stata debole, ho fatto tutto ciò che un cittadino CIVILE poteva fare, Affrontando anche da sola l'abusante, i passanti che fino ad allora avevano fatto folla invitandomi a staccare lo specchietto e rigare la macchina, all'arrivo del tipo si erano dileguati. HO DATO ESEMPIO DI EDUCAZIONE CIVICA, rispondendo all'inciviltà con la CIVILTA', è preoccupante entrare nella mentalità della giustizia sommaria fai-da-te e alla legge del taglione, siamo a Roma, capitale europea, metropoli, non a Caracas non a Calcutta, mi rifiuto di diventare a mia volta una teppista, una delinquente, come chi mi è toccato incontrare quella sera.
- E' permesso a ristoranti e pizzerie al taglio, bar e localetti vari di fare estensioni più o meno abusive nei marciapiedi pubblici, intralciando il passaggio dei pedoni, deturpando l'arredo urbano, permettendo il bivacco di avventori più o meno decorosi e consentendo indisturbati la sosta in doppia fila dei loro clienti (che vengono da fuori in macchina) in bocca alla porta del locale.
E' NORMALE? NO, VA IMPEDITO, VANNO MULTATI e loro e i clienti.
- Noi donne dobbiamo essere libere di sentirci sicure nella nostra città, no di venire insultate se non si è in quel momento accompagnate dal palestrato armadio di turno o di poter contare sulle forze dell'ordine se ci troviamo di fronte un problema e telefoniamo, così invece, come possiamo sentirci sicure, se subiamo un danno pratico e morale, insultate pure, oltretutto?!
E nessuno interviene.
VOLETE PARLARE DI PUP?
Fatelo scrivendo un altro post, non manipolate l'episodio che ho raccontato perchè poco c'entra.
Grazie a tutti,
Paola

Anonimo ha detto...


Al posto suo poteva esserci qualsiasi altra persona non residente, che aveva speso qualche minuto per cercare parcheggio, rispetto a quello che arriva arrogante e si piazza direttamente davanti alla pizzeria, in doppia fila, fregandosene completamente di chi deve uscire e anzi più volte alla domanda se era sua la macchina risponde pure no, davanti ad un tipo così che fai, o lo massacri di cazzotti e gli insegni con le maniere forti l'educazione che in 20 anni il padre e la madre non gli hanno dato, oppure speri nell'intervento delle forze dell'ordine, che sono pagate per agire, non per prendere in giro e lasciare in una situazione di disagio ed impotenza chi si rivolge a loro. E una bella multa pure al "pizzettaro" che permette tutto questo per fare i suoi soldi a discapito del decoro del quartiere e del rispetto degli abitanti, non sarebbe male.

Anonimo ha detto...

Mi piacerebbe vedere un post-articolo scritto da qualcuno di RFS
di denuncia di una situazione di degrado e firmato con nome e cognome dal redattore-blogger di RFS.
Troppa fatica forse?
Poco coraggio? Qualcosa di strano dietro a chi fa notizia con il nome altrui, solo perché racconta a titolo informativo per la pubblica utilità dei suoi concittadini un episodio scandaloso subìto?
Neanche la professionalità di rielaborare il racconto, scrivere un articolo, mettere tra virgolette magari anche un pezzo del testo della utente, scrivere "lettera firmata", come fanno tutti i settimanali-quotidiani-etc. e firmare articolo scritto da... da... ?!?! Chi?!
E poi magari fare pure considerazioni sensate, in base ai punti chiave della questione, non fare demagogia spicciola a pro di qualche altro fine e criticando pure la persona lesa.
Poteva capitare a qualunque di voi E ci sareste scontrati con le stesse problematiche, certo a parte la soddisfazione di slogarvi il polso a staccare lo specchietto, becera e mediocre consolazione. La giustizia è un'altra cosa.
E anche la signora ha il diritto di raccontare, di esporre e di chiedere che non vengano scritti i suoi dati personali, a che pro scusate, che vi cambia dire "lettera firmata".
Poi sarà lei si ritrova l'auto bruciata o le gomme spaccate, mica voi. Qui bisogna davvero stare attenti a chi si incontra per strada. Avere il coraggio di parlare, ma anche il diritto di essere difesi e di essere tutelati e rispettati.

Francis Drake ha detto...

SIAMO UN POPOLO DI DEBOSCIATI, LO VOLETE CAPIRE O NO ? SE NE SONO ACCORTI TUTTI ALL'ESTERO. MA VI RICORDATE LA STORIA DEI MARO' IN INDIA ? E DEGLI ITALIANI MORTI MISTERIOSAMENTE NELLE CARCERI ESTERE ? SIAMO TANTI "SCHETTINI" IN MINIATURA, PRONTI A DISSOTTERRARE L'ASCIA DI GUERRA SOLO QUANDO IL RISCHIO E' INESISTENTE.
E NON PARLO SOLO DEI ROMANI, OVVIAMENTE. IN UN PAESE NORMALE IL COATTELLO DI TURNO SAREBBE STATO RICOPERTO DI INSULTI NON DIRETTAMENTE DA PAOLA, MA DA TUTTA QUELLA GENTE INUTILE CHE HA ASSISTITO A QUESTA SPIACEVOLE VICENDA E CHE, A MIO AVVISO, IN MANIERA VILE, NON HA AIUTATO UNA DONNA CHE IN QUEL MOMENTO AVEVA BISOGNO DI UN SOSTEGNO, MAGARI ANCHE VERBALE, QUANDO IL TIZIO E' ARRIVATO.
DE CHE VOGLIAMO PARLARE ?

Anonimo ha detto...

I PUP non offrono nessuna soluzione, ma solo parcheggi per i residenti peraltro pagati a caro prezzo per tenere ferma la "maghina" e stipare l'olio e il vino del paesello. I supercafoni vengono da fuori, da altri quartieri, altre zone, e si fermano per prendere il gelato, il giornale e fare qualsiasi altro porco comodo e mai usufruiranno dei PUP. Il parking per essere fruibile e funzionale deve essere di scambio, orario e a prezzi ragionevoli.

Anonimo ha detto...

"le migliorie che vanno apportate al quartiere Marconi sono ben altre e prioritarie". E allora se la mettiamo su questo piano i probblemi de roma so artri e ci stanno ben altre priorità (la crisi , la mafia, la speculazzione e la fame ecc) rispetto a una macchina che rimane bloccata per un'ora. Questo blog è stato da sempre favorevole ai pup, mica è una verità calata dall'alto ma è la linea del blog. Se non piace esistono dei siti NO-pup forse converrebbe scrivere a quelli, così si è pure sicuri che il blogger non sfrutta gli articoli altrui con l'anonimato.
Meglio ancora un sito che non dia la possibilità di commenti così si è sicuri che nessuno manipoli "l'episodio che ho raccontato perchè poco c'entra."

Bat21 ha detto...

Cara Paola non so perchè si sia sfogata contro di me con violenza. Io ho detto di attenersi al fatto, di solidarizzare con lei e di tralasciare polemiche sui PUP ed in cambio da parte sua mi becco dell'inopportuno perchè l'ho chiamata signora e della persona che si trincera dietro "paroloni" non esprimendo contenuti.
Va bene...

Bat21 ha detto...

@ anonimo 11.30AM

Nooo la dietrologia sul blog evitiamola vi prego.
Chi scrive evidentemente difende i PUP. Perchè da questo si dovrebbe dedurre che sia legato a palazzinari/speculatori?
Questo paese va male anche per questa dannata forma mentis....

Anonimo ha detto...

A Drake ma che cazzo c'entrano quei due stronzi assassini giustamente arrestati dei maró con un cojone che parcheggia in doppia fila?

Ti chiedo scusa per averti mandato a fare in culo in passato, hai solo urgente bisogno di un TSO.

All'estero i passanti si sarebbero fatto i cazzi propri forse anche più di qui. Però magari la pattuglia e la rimozione sarebbero arrivate in 5 minuti netti.

fabio fedele ha detto...

Io mi sono organizzato da tempo .Coltello per le gomme e punteruolo per la carrozzeria . Non ci sono alternative!!!!!!

Francis Drake ha detto...

Anonimo ha detto...
"A Drake ma che cazzo c'entrano quei due stronzi assassini giustamente arrestati dei maró con un cojone che parcheggia in doppia fila?
Ti chiedo scusa per averti mandato a fare in culo in passato, hai solo urgente bisogno di un TSO.
All'estero i passanti si sarebbero fatto i cazzi propri forse anche più di qui. Però magari la pattuglia e la rimozione sarebbero arrivate in 5 minuti netti."

Accetto le tue scuse, bravo.
D'altra parte, però, mi corre l'obbligo rilevare che una persona, anche di mediocre intelligenza, avrebbe capito che il paragone non era certo fra il coattello ed i due marò, che tu molto imprudentemente definisci assassini prima ancora di conoscere l'esito del giudizio definitivo nei loro confronti. Il mio era solo un modo per evidenziare la cialtroneria e la dappocaggine del popolo italico, che, nel caso di specie, suggeriva a Paola di compiere atti di danneggiamento nei confronti del coattello parassita, e nei fatti, invece, si allontanava in maniera vile senza fornire alcun aiuto a questa signora quando il coglioncello è arrivato.
Dai, sforzati, ce la puoi fare a comprendere ...

Anonimo ha detto...

Effettivamente c'era un progetto di un grande parcheggio che incredibilmente un pugno di cittadini, non si sa bene per quale motivo, sono risuciti a bloccare. Una vergona spaventosa. Non c'è niente da fare, l'immobilismo è il male più brutto della nostra città ma anche dell'intera Italia.

Anonimo ha detto...

siamo vicini al giorno di ordinaria follia, ve lo ricordate il film con michael douglas??

Anonimo ha detto...

Se non sai bene perché un "pugno" di cittadini ha bloccato il parcheggio allora come fai a dire che una vergogna? Dovresti informarti prima. Potresti cominciare leggendo i commenti di questo articolo che spiegano che parcheggi già ci sono e non li usano perché senza la sorveglianza, senza le multe, senza le rimozioni continueranno a fare doppie e triple file.
Puoi avere 10.000 posti sotto la strada ma se sopra non ci sono i vigili a multare non li usano.

Bat21 ha detto...

Scusate ma a questo punto per curiosità ci raccontate in cosa consistevano queste problematiche per la sicurezza?
Erano mal dimensionate le opere di sostegno (immagino paratie di pali)?

Anonimo ha detto...

"Bat21 ha detto...
Cara Paola non so perchè si sia sfogata contro di me con violenza."
Con cosa.. "violenza" ?! Evidentemente questo Bat21 ha proprio di suo di usare parole a sproposito, una demagogia da due soldi come chi completamente fregandosene delle questioni venuti fuori da questo racconto... parla solo di PUP. A voi del fatto che una donna non possa girare sicura e non possa contare sull'intervento delle forze dell'ordine, che nessuno per strada la aiuta a parte curiosare e commentare e al dunque nulla e della maleducazione inciviltà dilaganti etc. etc. Non ve ne può fregare di meno proprio. Ma pensate che siamo tutti scemi?
Bat21, privo di contenuti e di sostanza, per favore taci. Grazie.

Bat21 ha detto...

Va bene questo post per me è chiuso. Se proprio vuoi scagliarti contro di me fallo pure (sai che me ne può fregare) ma non mi pare certo che tu stia dando prova di grande equilibrio. Saluti.

Anonimo ha detto...

E' evidente che la polizia municipale è carente. Occorrerebbe cominciare a fare denunce (ad esempio concorso in violenza privata)

Anonimo ha detto...

Certi problemi devono essere risolti. Se lo Stato, il Comune non interviene deve essere data la possibilità al cittadino di difendersi da solo. Ad esempio una bella legge che consente al cittadino, in questi casi documentati da filmato, di bucare le gomme della macchina od altro.

ShareThis