I tifosi romani fermati e processati a Varsavia? Teneteveli, se colpevoli! Nelle galere polacche finché non diventano persone per bene

29 novembre 2013
Plastica differenza tra il fare il deficiente a Roma e il farlo a Varsavia. A Varsavia la Polizia non subisce...

Vi è una lievissima differenza tra il fare i coatti contro le forze dell'ordine in Italia e il farlo in Polonia. La differenza è che in Polonia le forze dell'ordine fanno... le forze dell'ordine! Perseguendo chi crea disordini e illegalità. E indagando tutti coloro che sono nei paraggi. Come è opportuno fare in questi casi..
Ecco perché alle centinaia di tifosi romani di fede biancoceleste (stessa cosa se fossero stati romanisti o di qualsiasi altra squadra italiana: i cafoni non hanno colore o bandiera) che sono stati fermati per violenze dopo una partita di calcio auguriamo davvero con tutto il cuore di passare il Natale, il Capodanno, l'Epifania e anche oltre nelle poco ospitali e scarsamente riscaldate galere prussiane. Chiediamo scusa alla Polonia, per questa masnada di selvaggi cresciuti nell'unico paese occidentale incapace di farsi rispettare dai suoi stessi cittadini. Li abbiamo trasformati in autentici animali: amici polacchi ridateceli solo dopo averli fatti tornare delle persone civili. Quindi processo per direttissima e poi, se colpevoli, carcere per tutto il tempo necessario a redimersi. E non si azzardi il governo o il Ministero degli Esteri a muovere un dito in difesa. Siamo totalmente inabili a far applicare le leggi, alleviamo dei giovani che sono i personaggi più insopportabilmente incivili e antisociali d'Europa e poi facciamo la lagna se i paesi esteri non hanno alcuna intenzione di sopportare le loro follie, le loro violenze, le loro strafottenze? Non osi Letta, non osi la Bonino. Anzi mandino una mail asciutta e breve: teneteveli! Purtroppo invece già l'Ambasciata Italia si è mossa "sollecitando il rilascio". Non si capisce perché energumeni che lanciavano oggetti, sassi e altro alla polizia polacca e indossavano passamontagna (cosa illegale in Polonia) dovrebbero essere rilasciati. Perché? L'ambasciatore italiano a Varsavia dovrebbe sapere che, salvo in Italia, negli altri paesi nel mondo ci sono delle regole e si rispettano. Altrimenti si paga pegno. E se si è colpevoli (o se si stanno subendo accertamenti) non si viene rilasciati affatto. 

In Italia durante le partita di calcio si sospende ogni norma di civile convivenza. Vendere merce abusiva non è reato, smerciare biglietti a bagarinaggio si può fare, posteggiare da banditi è lecito, picchiare altri tifosi fa parte del gioco, aggredire e tirare oggetti alla Polizia è sempre scusato come è scusata la guerriglia urbana, il vandalismo, l'incitazione al razzismo, gli striscioni violenti, le urla beduine contro i calciatori di colore. Tutto si trasforma da illegalità atroce a folklore. Ma questo succede solo in Italia. Tutto ciò ha portato l'inci-viltà dei nostri concittadini ad un livello tale che all'estero non possono fare che una cosa non appena si presentano: arrestarli!

93 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

http://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/lazio_legia_assalto_dei_tifosi_polacchi_al_colosseo_e_al_palatino/notizie/328044.shtml

Invece di quello che hanno fatto i polacchi a settembre al centro di Roma? Ma sparate va..

Anonimo ha detto...

anonimo aquilotto forse non hai capito il senso del post...
la gravità sta proprio nel fatto che ai polacchi è stato permesso di fare quello che hanno fatto e di farla pure franca.
In Polonia, per fare un esempio, le forze dell'ordine si comportano in modo diverso e non ammettono disordini di questo genere.
ti è un po' più chiaro ora il succo della faccenda?
probabilmente ho sprecato il mio tempo a risponderti perché ora arriverà qui a scrivere qualcun altro peggio di te...

Anonimo ha detto...

io vado leggermente offtopic e volevo sottolineare il fatto che la stragrande maggioranza di questi "tifosi" che vanno a fare le trasferte, lo fanno non tanto per la loro "fede calcistica" (sempre che esista) quanto piuttosto per poter "evadere" per un paio di giorni dalle loro famiglie e dai loro legami e poter andare quindi A PUTTANE tranquillamente in giro(a maggior ragione all'estero dove sono ancora più tranquilli).
chi conosce un po' di questi personaggi lo sa bene e sfido qui chiunque "tifosone" a negare questa cosa.

Anonimo ha detto...

Concordo appieno: TENETEVELI!

Anonimo ha detto...

....vi preghiamo di EDUCARLI A DOVERE...grazie Polonia!!!

Anonimo ha detto...

Tutto il mondo fa a gara per chi riesce a mandarci il maggior numero di coatti e delinquenti per riempire le nostre carceri a spese nostre (quando ce li mettono) e per una volta che ci dice bene e riusciamo a sbolognare qualche delinquente a qualche altra nazione interviene pura l'ambasciata per riprenderseli. Mai una dritta, manco per sbaglio

Anonimo ha detto...

Corso intensivo presso i mitici scaricatori di porto polacchi...

Anonimo ha detto...

Ma sparatevi tutti...sti perbenisti del Cazzo!!!....
Se nn sapete bene come sono andati i fatti evitate di scrivere certe boiate di articoli e di rilasciare commenti solo x 'far prendere fiato ai denti'....

Anonimo ha detto...

Sottoscrivo ogni singola parola del Post! TENETEVELI!

Anonimo ha detto...

e dei politici romani (andate a vedere su twitter chi sono) che si stanno stracciando le vesti per proteggere i loro "ragazzi" ne vogliamo parlare?

Anonimo ha detto...

ma si prendiamocela con i tifosi,(che sono il male del mondo!!), non avendo conoscenza dei fatti..è come sparare sulla "croce rossa" ..poi APPLE evade milioni di euro spostando i profitti in IRLANDA, ma sonocomunque "cool" perchè fanno belle pubblicità!! Io difendo i tifosi della Lazio (pur essendo politicamente all'estremo opposto), perchè sono per la presunzione di innocenza e non conosco i fatti.

diego ha detto...

beh..stavolta voglio ringraziare il primo anonimo che ha giustamente ricordato le "imprese" dei tifosi polacchi lo scorso settembre a Roma.
Se questo è il modo con cui la Polonia "educa" i propri cittadini possiamo fare a meno delle loro lezioni.
Triste constatare, invece, come quei polacchi abbiano messo a soqquadro mezza Roma senza che nessuno dicasi NESSUNO di loro sia stato arrestato, ammanettato, gettato per terra addosso a un muro coi fucili spianati e condotto agli arresti.
Qesto destino è capitato ai tifosi romani in Polonia per molto meno...(decisamente...)
Per quale motivo abbiamo una polizia cosi' timorosa contro i violenti?? Una polizia che appare spesso imbelle coi devastatori per poi magari fare la faccia feroce contro dei ragazzi disarmati che dormono in una scuola...(la Diaz di Genova...), della serie deboli coi forti e forti coi deboli?
Complimenti, Cuor di Leone.
Una bella trasferta delle forze dell'ordine italiane in Polonia, per imparare dai loro colleghi stranieri come si ammanettano gli energumeni polacchi sarebbe più utile.

Jasmin Pezeshk Fallah ha detto...

Ma che cazzo c'entra Apple? Ma sei idiota? No scusa sei un ignorante CRETINO E BASTA. Apple si è semplicemente spostata in un paese dove la pressione fiscale è più bassa. Non evade un cazzo di nulla caro il mio ignorante poiché le tasse le paga in Irlanda, gli stipendi seguono quelli imposti in Irlanda, e le eventuali pensioni sono regolate secondo le leggi Irlandesi. Non si chiama evasione, informati prima di dire cazzate dettate dall'invidia! (E che tra l'altro sviano dal post!)

Anonimo ha detto...

L' infame che ha fatto l'articolo non ha neanche il coraggio di mettersi il nome. Che uomo di merda!!!

Anonimo ha detto...

no, che poi nei commenti dei tifosi laziali si ha la conferma di quello che è scritto nel post, paro-paro.

Anonimo ha detto...

Per Anonimo 11:08 AM

Eh già, invece tu che sei un Cuor di Leone di nome e cognome fai "Anonimo", vero?
Difendi gente che va in giro col passamontagna e dai dell'infame a chi non firma con nome e cognome un articolo... ma quanto sei ridicolo!!

diego ha detto...

@Jasmin
si è vero che l'Irlanda ha fatto e continua a fare dumping fiscale contro tutto il resto d'Europa...purtroppo pero' quando l'Irlanda va in banca rotta i soldi dobbiamo metterceli noi! 54 miliardi di euro dei cittadini italiani regalati ai paesi europei in default, Irlanda inclusa.

Anonimo ha detto...

i commenti degli ultras laziali a questo post dimostrano che a forza di vivere solo in funzione delle partite di calcio i neuroni del cervello si autodistruggono...ovviamente questo è valido per tutti gli ultras, che siano "daa riomma o daa lazie" non me ne può frega di meno

Anonimo ha detto...

Ricordatevi che se perderete il lavoro (speriamo di no) e giustamente manifesterete incontrerete poliziotti come quelli che ora state osannando. Chiedete ai pastori sardi se non ci credete. E se pensate che le donne e i bambini fermati ieri nel mucchio ora siano più educati, beh ... sputate per aria

Anonimo ha detto...

caro Jasmin Pezeshk Fallah
a parte che sono commercialista da da 20 anni e tributarista da 15 anni, cafone ed ignorante ci sarai tu..informati sull'argomento almeno leggendo il "sole 24 ore" dei giorni scorsi..che poi la riflessione sia off topic ci puo stare , ma si trattava di un'osservazione marginale.
Se poi vuoi una querela per diffamazione a mezzo stampa per gli insulti sarà ben lieta mia moglie che è avvocato; inviami il tuo domicilio per la notifica della querela, please, così
mi eviti la fatica di trovarlo in rete.

Mescal ha detto...

Quando i "bambini" italiani vengono presi a suon di ceffoni all'estero per le loro "marachelle" poi vengono a piangere dalla "mamma" italiana, notoriamente permissiva, comprensiva e nullafacente in termini di corretta educazione della prole.
Quanto sopra è ovviamente una metafora, lo dico per le fragili menti che potrebbero non aver colto il nesso.
Il calcio in Italia è ormai da tempo diventato una scusa per permettere uno "sfogatoio" degli istinti, dei crimini e delle ideologie politiche peggiori. Uno sfogatotio che però all'estero non è così tollerato come in Italia. Punto.
Sottoscrivo in pieno tutto il post, parola per parola, oltre che il commento odierno ore 9:17.

Anonimo ha detto...

pensa che divertimento in famiglia...

Anonimo ha detto...

Se firmi l'articolo ti rispondo e inserisco anche il mio nome e cognome...troppo facile sputare sentenze coprendosi dietro l'anonimato....

Anonimo ha detto...

Vabbè ma di che vi stupite? La Polonia mica è l'itaglia! E' un paese serio!

Anonimo ha detto...

avviso a tutti i benpensanti: una prima testimonianza conferma che prima di scrivere articoli bisognerebbe almeno conoscere i fatti http://www.cittaceleste.it/notizie/notizia/13874-tifoso-laziale-a-varsavia-ieri-ci-hanno-puntato-un-coltello-era-una-caccia-all-uomo

Mescal ha detto...

Leggete l'articolo del Corsera pubblicato da Dagospia.
Si parla di gente che cercava lo scontro il giorno PRIMA della partita e che s'era portata in Polonia ARMI DA TAGLIO.

http://www.dagospia.com/rubrica-29/Cronache/la-polizia-di-varsavia-fa-strage-della-curva-della-lazio-150-fermi-e-17-67472.htm

Poi ci può anche stare che qualche tifoso che non c'entrava nulla sia stato AGGREDITO DOPO la partita, come si legge sul sito cittàceleste.

Ma i 150 arrestati sono stati ARRESTATI PRIMA della partita.

Anonimo ha detto...

http://www.cittaceleste.it/notizie/notizia/13875-tare-la-polizia-senza-motivo-ha-portato-i-tifosi-al-commissariato

Anonimo ha detto...

brutto coglione vai a cagare!
LIBERI TUTTI E SUBITO

Anonimo ha detto...

Ma sì, sì... è noto che gli ultras che devastano treni e stazioni, tirano oggetti e fumogeni fuori e dentro lo stadio, si accoltellano con i tifosi avversari, rovesciano e incendiano cassonetti, devastano periodicamente le aree intorno allo stadio, sono invenzioni di RFS...
Andate a cuccia, su, ci avete convinti...

Anonimo ha detto...

A infame fracico te venimo a pia a casa

Anonimo ha detto...

anche io sottoscrivo il post, proporrei di inviare a Varsavia anche tutti quelli che hanno imbrattato i muri con lulic ed amenità varie e per non fare torto a nessuno quelli dell'altra sponda che, turbati ed offesi ci hanno ri-scritto sopra

Anonimo ha detto...

tutti in galera e buttate la chiave per favore

alessandro ha detto...

gentile RFS, dispiace constatare la non attinenza dei fatti da voi riportati con la realtà ahimè avvenuta in polonia

una breve summa:
tra mercoledì e giovedi notte alcuni laziali sono stati vittima di agguato da parte dei tifosi polacchi che hanno assalito l'albergo. la polizia ha preso gli italiani presenti e portati al loro commissariato, anche quelli che dormivano e che non si sono difesi. 17 arresti senza motivo, nessun polacco. strano.

il pomeriggio di ieri ha visto la polizia eseguire controlli e perquisizioni preventive con tanto di arresto preventivo senza motivo.

scontri non ce ne sono stati. la fantomatica valigia con armi da taglio è stata regolarmente fatturata da ryan air come bagaglio a mano...

oggi però i giornali polacchi esaltano l'operato della polizia quasi come una risposta alla figura pessima fatta a asettembre in italia .

svegliatevi.

spero non vi debba mai capitare di trovarvi nelle stesse situazioni, di essere sbattutti a terra senza un motivo.

un caro saluto a tutti questi "anonimi" che si augurano il peggio. siete materia organica informe.


ah, di roma fa schifo la giunta comunale che interrompe l'approvazione del bilancio per vedere una partita di calcio.

buffoni


Anonimo ha detto...

Tante chiacchiere ma fatti (nel caso prove) zero. Le armi dove sono? La camionetta assaltata e data alle fiamme? di questi fantomatici incidenti possibile che non ci sta un ferito, un contuso un accoltellato(dicono di aver trovato armi da taglio)? Niente di tutto questo fino ad ora. Il video della camionetta assaltata è ridicolo. si vede un gruppo di persone con un casco bianco, come quello dei poliziotti locali, dare due colpetti ad una camionetta e poi allontanarsi dove? in direzione delle altre camionette.
Mah come si fa a credere a quello che è stato scritto...

Anonimo ha detto...

Mi chiamo Alessandro Corbellini,
Ma che cazzo vi passa per la testa? Fra i 149 fermi c'è un professore universitario, forse non l'unico, ci sono professionisti, gente comune, ma che cazzo dite? Perbenisti da quattro soldi. Teneteveli? immagina se ci fosse stato un amico vostro idioti! 149 fermi e neanche un ferito o una vetrina rotta, ma perchè cazzo sparlate?

Anonimo ha detto...

Non firmare l'articolo e parlare senza conoscerei fatti, oltre che dell'infamia per quello che c'è scritto, mi sembra una provocazione. Provocazione riuscita visto questi sito di merda sta probabilmente avendo un picco di visite.

Anonimo ha detto...

Tra tutti questi arrestati ci sta chi ha tirato bottiglie alla polizia.. Chi ha indossato il passamontagna...
Beh questi tenete lei pure!!!

Flavio

Anonimo ha detto...

Al commercialista-tributarista espertodistocazzista:
Parlaci un momento con tua moglie: qui sei anonimo, non sussiste neanche l'ombra di una querela. Jasmin ha insultato (giustamente) le parole che ha letto, non la tua persona fisica (che è appunto assente)

Riguardo l'articolo, visto che non c'è speranza che l'ambasciata glieli faccia tenere, spero che almeno li fracchino di botte a dovere prima di rimandarceli. Con qualche dente in meno magari si sentono meno coatti.

Roma fa schifo ha detto...

E' evidente che questi articoli servono non in quanto tali, ma piuttosto per analizzare le reazioni che -sempre- generano. I frequentatori di questa pagina alle volte possono illudersi di vivere in una città dove, tutto sommato, c'è tante gente per bene orientata al bene comune impegnata per migliorare.

Ecco perché ogni tanto forziamo la mano sul pallone, così abbiamo modo (basta scorrere i commenti sopra e sotto di questo) di farvi vedere la vera essenza del romano medio. E la sua vera essenza vi fa capire il perché e il percome di tante cose. Se la città è messa così non è per cattiva sorte, ma perché i cittadini che la abitano sono queste personacce qui. Capaci di trasformarsi in guappi di Cosa Nostra, con tanto di avvertimenti di stampo camorristico, non appena gli tocchi il calcio. E' istruttivo, no?

Bat21 ha detto...

Grande RFS ;)

Anonimo ha detto...

Come volevasi dimostrare!

Flavio

Valerio Coltella ha detto...

Mi auguro che all'estensore dell'articolo capiti quello che sta capitando ai miei amici: preso in mezzo al mucchio, fatto spogliare in mezzo alla strada e portato in caserma.
Tra parentesi: ti devi vergognare. Scrivi un articolo senza capo ne coda, senza conoscere i fatti, e neanche hai il coraggio di firmarlo, pensa quanto vali.

Anonimo ha detto...

Io invece dico tenetevi quelli cui sono stati trovati i coltelli ed andavano in giro col passamomntagna a tirare bottigliate. Gli altri devono ricevere scuse ufficiali e rimandati a casa da persone per bene come sono partiti.

Gabriele

Anonimo ha detto...

quando uscirà fuori la verità, quando arriveranno le prime testimonianze vi dovrete rimangiare tutto

quasi 200 arresti, 200 porca miseria, roba che varsavia dovrebbe essere ridotta a uno schifo con 200 delinquenti liberi a far danni, e invece manco una vetrina rotta c'è

come compatrioti dovremmo essere indignati e qui leggo: "teneteveli" e "buttate le chiavi"

Anonimo ha detto...

Siete voi che scivete ste stronzate che dovete morire in galera

Anonimo ha detto...

Per me è disarmante leggere righe scritte da persone dalla parvenza dotta essere così marce e disoneste intellettualmente. In tutta serenità, che cosa avrebbero fatto i "cafoni romani" per meritarsi questo trattamento?
Lo saprai sicuramente. Ovviamente parlo della verità, non di quello che hanno scritto gli pseudo giornali prezzolati.

mae mae ha detto...

La guerra della "fuffa"! Articolo e commenti di un'inutilità assoluta.

Anonimo ha detto...

Caro il mio amico blogger......di cui non si sa neanche il nome .....io sono un tifoso LAZIALE non ultras.....MI VERGOGNEREI fossi in te di scrivere certe cose di cui forse neanche conosci il significato. Detto questo mi viene da chiederti, da quale giornale hai preso spunto per un articolo cosi' infamante? Saresti da denuncia solo per quello che hai scritto.....ma lo sai che in mezzo a quella gente vi erano dei bambini ma lo sai che non tutte le persone che vanno a fare le trasferte non fanno parte di gruppi ultras?
Ma ti hanno mai preso e legato le mani dietro la schiena e buttato per terra senza motivo e senza tu facessi nulla per cui meritarlo?
Ma sai che parli di una nazione dove la polizia ogni giorno commette soprusi anche con gli stessi abitanti polacchi?
Ma lo sai che tutto quello che e' successo a varsavia......cose di veramente poco conto rispetto a cio' che fanno qui altre tifoserie......era propgrammato perche' volevano far succedere tafferugli tra le due tifoserie?
Ora mi chiedo se tu non sia il tipo di persona che rispecchia il nome del suo blog. SECONDO ME SI. anziche chiamare il tuo blog roma fa schifo prova con tuonome fa schifo. Ti permetti di dare opinioni sul sentito dire e su quello che riportano i mass media. Prima di sparare stupidaggini accertati di quello che scrivi. E sono stato fin troppo gentile perche meriteresti ben altre parole.

Anonimo ha detto...

a sentire sti pseudotifosi esisterebbe un complotto mondiale per mettere in cattiva luce gli ultras: le autoritá che abusano del loro potere, giornalisti che inventano notizie e gli ipocriti benpensanti che sputano sentenze...
Il loro patetico e bambinesco schema di difesa é sempre lo stesso. Loro sono gli unici depositari e testimoni della verità. A proposito... ma sti laziali che scrivono qui sono gli stessi arrestati in Polonia? Stanno scrivendo dal carcere? Come pretendono loro di sapere i fatti? E sopratutto come pretendono di essere attendibili? Proprio loro che hanno passato e passano le domeniche adevastare treni e rapinare autogrill...
O non é vero nemmeno questo?

Anonimo ha detto...

Caro autore di questo illuminante articolo, mi è bastato leggere i contenuti delle tue diffamazioni, il trafiletto a lato col Vs imperativo "Cerchiamo di fare informazione, dal basso, coprendo tutte quelle aree che la stampa volutamente lascia oscure" e, subito sotto, l'area destinata alle donazioni in denaro per il vostro operato, per capire che la crisi abbia fatto danni inestimabili. Trovati un lavoro. E firmati la prossima volta.

Anonimo ha detto...

Caro giornalaio da quattro soldi ti leggo e ti piango.

Anonimo ha detto...

Non c'è niente da fare, ancora una volta guardate il dito invece della luna.
Nessuno vuole entrare nel merito dei fermati di ieri, il succo dell'articolo è che Roma è diventata l'habitat naturale dei teppisti, qui tutto è permesso e s'è visto all'andata quando i polacchi hanno fatto casino ottenendo al massimo delle denunce o dei Daspo, mentre all'estero appena sgarri la polizia non si fa problemi ad intervenire ed a far scattare l'arresto. Oppure possiamo fare l'esempio dei writer stranieri che vengono ad imbrattare qui perché sanno che al 99% la fanno franca.
Siamo un Paese con delle leggi ridicole, questa è la verità e questo è quello che vuole farvi capire l'articolo.

Anonimo ha detto...

Magari qualche poliziotto polacco ha notato tatuaggi alla Di Canio sui tifosi laziali, s'è ricordato del nonno incenerito dagli idoli di parecchi supporter biancocelesti e s'è tolto una piccola soddisfazione...

Domenico De Rosa ha detto...

metti il tuo nome se hai il coraggio, sono state arrestate anche persone che non centravano niente e vengono tenute li ingiustamente. una testimonianza di un tifoso: ".....Io sto partendo ora da Varsavia siamo stati rapiti senza poter far niente. Con la scusa che ci avrebbero scortati fino allo stadio, ci hanno chiusi in un angolo di un vicolo con una luce precaria eravamo tutti super congelati dalle 5.45 alle 7.05. C'hanno portato allo stadio alle 8, nessuno voleva entrare ma ci hanno obbligato ad entrare...A me veniva da piangere x il nervoso perché ho capito cosa significa impotenza e prepotenza. Io voglio che i capi della polizia polacca possano morire bruciati x quello che c'hanno fatto, c'erano donne e anche qualche bambino...C'hanno fatto fare 6 km a piedi eravamo morti. Vi giuro non ho pianto ma ho veramente sofferto tanto ". Non parlare a buffo.

Anonimo ha detto...

se foste un blog serio, modifichereste questo "articolo" chiedendo pure scusa, alla luce di quanto sta cominciando a emergere: ad oggi 3 condannati, 30 persone rilasciate senza nessun capo d accusa, altre arrestate con accusa di "schiamazzi"…altro che teneteveli e buttate la chiave, sono state retate stile stasi e gestapo

Anonimo ha detto...

Mi rivolgo ai tifosi: ragazzi basta per cortesia, avete (abbiamo) regalato ad un fallito, ad uno che per scrivere qualcosa e sentirsi giornalista per un giorno deve crearsi un blog, un post tra "i più letti della settimana".
Leggendo i commenti, è chiaro che non abbiamo a che fare con perbenisti, ma con persone che si sentono superiori alle altre e predicano dal loro pulpito.
Persone che in un quadro accusatorio perlomeno "nebuloso" hanno già emesso il verdetto di colpevolezza, dimenticando che nei paesi "civili" come loro si ritengono vige il principio di non colpevolezza fino a sentenza passata in giudicato. Persone che disprezzano il calcio ma lo usano per acquistare visibilità che diversamente non avrebbero. Persone che, disprezzando il calcio, non hanno mai messo piede in uno stadio ma si ergono a conoscitori implacabili delle sue dimaniche (ma la Diaz, Cucchi, Gabriele, Uva, e tante altre storie, non vi hanno insegnato proprio niente?).
Hanno avuto il loro momento di visibilità. Ora lasciateli tornare nell'oblio di chi mette davanti il pregiudizio alla ragione ..
Un tifoso, non ultras, romanista e di sinistra. Riportateli a casa!
Stefano

Anonimo ha detto...

è stato appena scritto "Persone che disprezzano il calcio ma lo usano per acquistare visibilità che diversamente non avrebbero" (scusami ma questo è universalmente saputo essere esattamente quello che fanno moltissimi ultras...)
e poi "non hanno mai messo piede in uno stadio ma si ergono a conoscitori implacabili delle sue dimaniche" (andare regolarmente allo stadio non è un valore aggiunto. presumere di essere esperti di certe dinamiche non è un valore aggiunto. tientele pure strette le tue conoscenze di certe dinamiche).
paragonare certi altri episodi con questi non c'entra assolutamente nulla.
qui c'è qualcuno che si lamenta del comportamento della polizia polacca (e si augura una loro morte atroce) per il fatto che a un certo punto sono stati costretti ad entrare allo stadio.
con i presupposti degli incidenti dell'andata non si prefigurava certo una partita di ritorno tutta rose e fiori. e si portano dietro pure i ragazzini...

Anonimo ha detto...

questo blog è scritto da povera gente nonchè infame. pietà

Anonimo ha detto...

Quant'è brutta la disinformazione. Informazioni errate, superficiali, grossolane. Prima di commentare con questo moralismo spiccio fatti dei quali è evidente non siate al corrente leggete, documentatevi. Ogni cosa che è stata scritta in questo "articolo" (?!? si fa per dire...) è smentita dai quotidiani, mi chiedo che notizie abbiate letto e dove. IL cancro della società è colui che si riempie la bocca di verità false, con il fare presuntuoso di chi ha anche il coraggio di ricavarne su una morale. Non c'è bisogno che mi metta io a scrivere tramite questo commento, l'effettiva versione dei fatti, perché è reperibile su ogni giornale: suggerisco quindi di aprirli prima di dare al prossimo una propria opinione dei fatti. Sarebbe utile in primo luogo per salvare se stessi dall'ignoranza più becera.
p.s. ci tengo solo a sottolineare una notizia risalente a settembre scorso, dato che se non avete l'accortezza di informarvi sul presente immagino sia piuttosto difficile abbiate il buon gusto di informarvi su fatti meno recenti o di attivare la vostra memoria. Cito Repubblica, 19 settembre 2013: "A poche ore dal fischio d'inizio di Lazio-Legia Varsavia, in città è allarme sicurezza. Sono finora nove i tifosi polacchi fermati dalle forze dell'ordine. Cinque di loro dalla Polaria di Fiumicino. Dopo essere atterrati all'aeroporto con un volo di linea per assistere all'incontro di Europa League, gli uomini, prima di scendere dall'aereo, hanno svitato dagli appositi alloggi alcuni altoparlanti del velivolo e se ne sono appropriati. Il personale di bordo si è accorto del furto e ha avvisato gli agenti di servizio nello scalo. Altri quattro tifosi del Legia Varsavia sono stati invece fermati nel pomeriggio da una pattuglia dei Carabinieri della stazione di Fiano Romano, all'altezza del casello Roma Nord. Durante il controllo dell'autovettura sulla quale viaggiavano gli uomini, i militari hanno trovato un manganello a molla, due cacciaviti e una chiave inglese. Tutti oggetti dei quali i tifosi non hanno saputo giustificare il possesso. Stessa sorte per altri quattro supporter, fermati da una volante del commissariato San Basilio: anche loro avevano armi improprie a bordo dell'auto su cui viaggiavano. La posizione dei fermati è ora al vaglio degli inquirenti. E il questore Della Rocca sta valutando se emettere un Daspo nei confronti di alcuni di loro. Per tutto il pomeriggio, inoltre, gruppi di tifosi polacchi si sono spostati da una parte all'altra della città. Alcuni supporter, ubriachi, hanno tentato di varcare con la forza i cancelli dell'Altare della Patria a Piazza Venezia. Anche in questo caso, è stato necessario l'intervento degli agenti. Molte strade del centro sono ora sotto il costante controllo delle forze dell'ordine, mentre un elicottero ha monitorato dall'alto gli spostamenti dei tifosi dall'alto".

Anonimo ha detto...

ma non vi vergognate a scrivere certe cose???
vi state augurando il carcere per ragazzi ITALIANI che sono andati a vedere una partita di pallone e che sono stati trattati come cani dalla polizia polacca in stile kgb.
ragionate un po co quel cervello che vi ritrovate o siete al 100% lobotomizzati dai media "ufficiali"?
il g8 non v'ha insegnato nulla eh?

ma secondo voi è normale che sono stati arrestati piu di 140 ragazzi e non c'è stato nemmeno un ferito?? qualcosa non torna, che dite?

ovviamente qulche criminale con i coltelli ci stava, come sempre in irrisoria minoranza rispetto alla gente che voleva vedere la partita. ma cosa li ha portati ad arrestare 140 persone facendogli passare la notte in questura, così, per PREVENZIONE??
è vergognoso...
e voi esaltate un sitema di polizia del genere?
potreste esser stati presi voi al posto di quei ragazzi innocenti...
invece voi solo per la nomea che passa dai media dei laziali violenti credete alle notizie senza nemmeno rifletterci sopra, e con un intelletto in stile mercato dela frutta domenicale inveite dicendo BUTTATELI DENTRO!!!


I D I O T I

vi meritate la gestapo


Anonimo ha detto...

Per sgombrare il campo da equivoci: sono della Roma, non sono fascista e, per motivi personali, sono più di nove anni che non vado più allo stadio. Detto ciò, questo articolo è vergognoso, non sapete quello che è successo in Polonia e massacrate gente che è finita nel mucchio per caso (c'erano anche donne, ragazze, DISABILI tra i fermati). Avete visto il filmato della polizia polacca che "criminalizza" queste persone? Penso di no, altrimenti non scrivereste certe idiozie. Filmato della POLIZIA POLACCA, badate bene, non di lazio.qualcosa... Se qualcuno ha fatto qualcosa di sbagliato, è giusto che paghi, ovvio. Voi intanto vergognatevi per questo articolo, indegni.

Enrico

Anonimo ha detto...

Altro che polizia. Gli é andata di lusso. La cavalleria con le sciabole dovevano liberare.

Avete rotto er cazzo co' 'sto pallone de merda. Mo vo' buco!

Anonimo ha detto...

te che hai fatto il tuo bello articoletto sui tifosi della Lazio a Varsavia..ma te ci sei stato? sai cosa è successo esattamente? eri li presente? Se hai risposto no a tutte le domande..sei pregato di non fare articoli del genere ne tanto meno sparare commenti se non sai come sono andate esattamente le cose. Ciao romanista rosicone :)

Bat21 ha detto...

Chi si è offeso non ha colto il punto della questione. Il punto della questione è che non se ne può più del penoso ciarpame ultras che ammorba ogni domenica (e non solo) questa arretrata città. RFS non è il corsera o il sole ma un blog che combatte il degrado. E quelli che vivono per la RIOMMA e la LANZIE molto spesso alimentano e ingrossano il degrado della città.
Come ha detto chi ha scritto l'articolo è stato un intelligente specchietto per l'allodola biancoceleste...

Anonimo ha detto...

CHI FESTEGGIA PER UN ARRESTO A ROMA SI CHIAMA INFAME...! E TU CARO INFANGATORE CHE SCRIVI PER SENTITO DIRE SEMPLICEMENTE UN INFAME SEI...!DOVRESTI CHIEDERE SCUSA ORA CHE STANNO USCENDO LE VERITA SU QUESTO AUTENTICO SCANDALO PERPETRATO AI DANNI DEI TUOI CONCITTADINI...!MA SINCERAMENTE PARLANDO TI DISPREZZO ALTAMENTE COME CONCITTADINO...NON TI VORREI NEMMENO COME VICINO DI FORNETTO...!

Anonimo ha detto...

Per non restare anonimo, mi chiamo Alessandro Corbellini.

"Una vergogna senza spiegazione. Fermati al centro di Varsavia mentre si dirigevano allo stadio per seguire la Lazio, costretti a passare l’intera notte sul pavimento di un commissariato e presi in giro dai poliziotti, poi sbattuti in carcere fino al processo-farsa nel quale «un interprete ci ha consigliato di dichiararci colpevoli per evitare ulteriori guai», come raccontano Luca e Francesco, tifosi biancocelesti appena riemersi dall’incubo.
Doveva essere una piacevole trasferta al fianco della Lazio, ma per duecento tifosi si è presto trasformata in un viaggio dell’orrore. Ad oltre 48 ore dai fatti, una ventina di sostenitori biancocelesti sono ancora bloccati in Polonia, in attesa di conoscere il proprio destino, come confermato dal ministro degli Esteri Emma Bonino. «I tifosi laziali ancora sotto fermo sono in queste ore sotto processo per direttissima da parte delle autorità giudiziarie polacche. Ho incaricato l’ambasciatore di adoperarsi affinché chi non ha responsabilità penali venga immediatamente rilasciato». Il lavoro dell’ambasciatore, però, non ha evitato storie vergognose come quelle raccontate a Il Tempo da Luca e Francesco. «Sono arrivato a Varsavia giovedì mattina – spiega Luca – alle 15 ci siamo ritrovati davanti all’Hard Rock Cafe per raggiungere lo stadio insieme agli altri tifosi. Eravamo in fondo al gruppo, circa 300 persone, quando diverse camionette della polizia ci hanno raggiunto e superato. Abbiamo imboccato un vicolo, abbiamo trovato alcuni agenti che ci hanno urlato contro, ci hanno accerchiato e fatto stendere per terra. Dopo tre ore ci hanno fatto salite sulle camionette e ci hanno trasportato nei commissariati». A questo punto l’incubo entra nel vivo. «Quando sono arrivato – prosegue Luca – ho trovato 18 ragazzi in manette stesi per terra in una stanza piena di poliziotti. Dovevano identificarci, l’hanno fatto soltanto alle otto del mattino dopo maltrattamenti e prese in giro. Un agente ha preso di mira un ragazzo minorenne seduto vicino a me: “Hai paura? Ora facciamo bunga bunga come Berlusconi e poi finisci in galera”, gli diceva in inglese. Era impossibile anche dormire perché facevano rumore per tenerci svegli. E poi mi hanno sbattuto in isolamento».
Il resto della storia, simile in molti punti, ce lo racconta Francesco. «Sono stato fermato in piazza alle 15.30 e portato in commissariato alle otto di sera. Mi hanno trattenuto fino alle 5 del mattino, poi mi hanno trasferito in un carcere a trenta chilometri da Varsavia, mi hanno chiuso in una stanza con due panche, mi hanno dato una coperta e un cuscino. Quando sono uscito erano le 15, mi hanno messo le manette e portato in tribunale, dove sono stato processato senza un avvocato. C’era solo l’interprete con un consiglio: “Se ti dichiari colpevole puoi andar via senza pagare nulla perché hai passato la notte in stato di fermo”. E così ho fatto: colpevole di schiamazzo notturno, anche se io non ho fatto proprio niente». Francesco, Luca e tanti altri sfortunati tifosi laziali finiti nell’incubo di Varsavia. Ad alcuni è andata anche peggio. C’è chi ha dovuto pagare una multa (dai 100 ai 500 euro) e chi, per ora dodici tifosi biancocelesti (ma il bilancio è provvisorio), sarà sottoposto solo domani a processo dopo la conferma del fermo.Questi tifosi, colpevoli secondo le autorità polacche di oltraggio a pubblico ufficiale e uso del passamontagna, rischiano dure sanzioni. Per gli altri, invece, l’incubo per fortuna è finito."

Roma fa schifo è un agglomerato di merda.

Anonimo ha detto...

teneteveli!!!!

Aldo ha detto...

Sono laziale, pur non condividendo in parte l'articolo mi vergogno per i commenti minacciosi che sono stati lasciati. Non si addicono per niente allo stile Lazio ed hanno eliminato la possibilità di avere un contraddittorio in questo articolo che meritava una discussione, come al solito è stata buttata in caciara.

Anonimo ha detto...

occhio che qui ti stanno minacciando veramente….

Anonimo ha detto...

Qui la gente crepa o rischia di farlo per alberi che cadono con un po' più di vento, e dovremmo starci a preoccupare di quattro stronzi che vengono arrestati in Polonia perché vanno a fare casino per una partita di calcio?

Ma andate a fare in culo, voi è quei quattro stronzi milionari con le loro zoccole al seguito (ivi inclusa la iena Ilary Blasi… la più troia di tutte).

Negri di merda che dovrebbero lavorare nei campi di cotone, inneggiati ad idoli e pagati milioni di euro all'anno per giocare a palla. Coatti di merda, figli di macellai, altrettanto pagati milioni di euro per giocare a palla invece di scaricare quarti di bue a vita. Brutte merde! Avete rovinato una Nazione Gloriosa come l'Italia con questo calcio di merda. Pure la figlia di un mignottaro, invece di andarsi a prostituire, ora fa la presidente di una squadra di calcio. E va negli spogliatoi a succhiare cazzi mentre la madre fa la moralista dei miei coglioni.
Ci vorrebbe un Lupi ed un Gasparri per rimettervi in riga maledetti merdoso decadenti di merda.

Anonimo ha detto...

Scusa eh, hai fatto un discorso che manco Togliatti ai tempi d'oro, e lo chiudi dicendo che ci vogliono due piddiellini per farci rigare dritto?
Ci vorrebbe Berlinguer, quelli sì che erano bei tempi!

Anonimo ha detto...

Ma che cazzo vuoi? Zitto che ti puzzano i piedi. Merdoso. Lupi e Gasparri sono quanto di meglio abbia prodotto questo Paese di merda negli ultimi 50 anni. Hanno capito tutto.
Ora torna a sognare col Gabibbo e con quei quattro culattoni raccomandati delle iene. Vai, stronzo.

Valerio Coltella ha detto...

http://video.repubblica.it/sport/laziali-fermati-a-varsavia-la-testimone-due-giorni-in-carcere-senz-acqua/148657/147165?ref=HREC1-11

Questi sono i fatti.
Ora dimostrate la vostra intelligenza (sempre ammesso che ne siate in possesso) e cancellate questo schifo di articolo.

Valerio Coltella ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Roma fa schifo ha detto...

Forse dovresti leggerlo l'articolo, prima di cialtroneggiare. L'articolo dice "teneteveli, se sono colpevoli". Se invece risulteranno innocenti, meglio così. Dove sta il problema? Addirittura arriva il Minculpop (so che non sai di cosa si tratti, ma insomma...) e chiede la censura di un articolo. Che figata...

Te lo diciamo noi dove sta il problema: rapporto malato col pallone. Se ti avessero stuprato tua sorella saresti stato più tranquillo e pacato. Calmati, su su, un respirone...

Anonimo ha detto...

auguro a tutti coloro che auspicano a delle persone innocenti, fino a prova contraria, di retare in galera tutto il male possibile, poiche una persona con un minimo di stile ed intelligenza non puo arrivare a scrivere cattiverie gratuite soprattutto davanti alla non conoscenza dei fatti

Anonimo ha detto...

Secondo me i commenti più merdosi vengono dai romanisti.
Mentre gli altri deliranti da perbenisti comunistoidi cui non pare vero sapere che venga usata bieca repressione nazicomunista contro chi ancora ha cuore e passione per un ideale sportivo. Che bel paese, che bei cittadini...

Anonimo ha detto...

Grande RFS... mai così tanti commenti scatenati, indignati e furiosi per un articolo... eccoli lì, tutti ad abboccare come allodole al riflesso di uno specchietto i "tifosi" (stavolta della Lazio, ma fosse stata la Roma sarebbe stata la stessa cosa).
Grazie commentatori ultras (i tifosi veri non si permetterebbero certi toni) per aver dimostrato con i vostri commenti mafiosi, minacciosi, volgari e violenti l'essenza del tifo in questa città disgraziata: gente che farebbe la rivoluzione solo se gli abolissero il campionato, che ogni domenica costringe migliaia di forze dell'ordine a presidiare le aree intorno alla stadio per il rischio di accoltellamenti, danneggiamenti, scontri fisici... e che scommetto la prossima volta in Polonia ci penserà molto bene prima di alzare anche solo un dito o dire una parola davanti alle forze dell'ordine polacche, mentre qui in Italia continuerà indisturbata a lanciare sassi o fumogeni alla polizia o al pullman della squadra avversaria o a devastare qualche stazione dei treni...
Grazie per averci dimostrato di capire solo un linguaggio, quello della violenza. La polizia polacca l'ha capito bene, solo qui da noi si continua a consentirvi di sentirvi padroni della città ogni domenica invece di farvi sentire solo dei poveri disgraziati ossessionati da un pallone e 22 giocatori. E lo dice uno che il gioco del calcio lo ama, ma non quando diventa il pretesto per dei violenti di manifestare impunemente le proprie pulsioni antisociali.

Anonimo ha detto...

"Secondo me i commenti più merdosi vengono dai romanisti"

Ah ah, eccola la dimostrazione di come nel cervello del tifoso ultras tutto ruota intorno alla riomma e alla lanzie! il resto è un delirio confuso tra "perbenisti comunistoidi" (??) e "repressione nazicomunista" (??)...
continuate a scrivere dai che vi rendete sempre più ridicoli!
vi conviene limitarvi ai concetti di gol e fuorigioco che vi sono più congeniali, appena uscite dal vostro seminato mostrate di non sapere nemmeno di cosa parlate dai... e state tranquilli che domenica c'è la partita su, state buoni, abbiamo capito la vostra condizione e vi stiamo compatendo già abbastanza... prendetevi un valium che va tutto bene.

Anonimo ha detto...

Tutto bene.
Se hanno fatto nefandezze teneteli ed educateli.
E se non avessero fatto nulla come sta emergendo?
Se fossero i vostri figli ad essere reclusi senza motivo?

Anonimo ha detto...

Meno male che Letta c'è.

Anonimo ha detto...

Dunque dai fatti di varsavia posso dedurre una cosa :Il governo letta cadra l 11 dicembre.Difatti il verdetto dei giudci polacchi e gia stato fatto,ma come al solito i 4 buffoni che si sono recati a varsavia ...danno false speranze ai familiari dei detenuti.Le pene sono gia state decise senza sconti e ovviamente i poltici stanno zitti dando false o vere speranze..La fortuna potrebbe aiutrae i politici italiani che fanno a gara ad accaparrarsi il merito di far liberare dei delinquenti ,e riconsegnarli a le famiglie prima di natale ,in un quadretto grottesco ma di sicuro impatto ,di una stroia struggente di natale andata a lieto fine( magari con la banda miltirae ad accoglierli quando scendono dall aereo ).Perche se il giudcie polacco fissa una cauzione che puo arrivare fino a 70.000 euro per ogni testa di cazzo da liberare,ebbene tranquilli che i nostri politici ,troveranno i soldi ( rubandoli dalle tasche e dalle tasse dei cittadini onesti ) per pagarla e cosi si faranno una bella pubblicita elettorale.

Anonimo ha detto...

PS Le fonti informative sono dirette dalla Polonia ,non le vcagate che scrivono qua sui giornali dove si fanno passare per inncoenti.

Anonimo ha detto...

VOLEVO SOLO RICORDARVI CHE GLI ITALIANI FERMATI ERANO 200 ED ACCUSATI DI SCHIAMAZZI. SE NON SAPETE LE COSE STATEVI ZITTI...IGNORANTI!

Anonimo ha detto...

mi dispiace, ma qui avete esagerato e generalizzato. le centinaia di tifosi arrestati erano anche genitori con bambini e persone innocenti messe dentro solo perché si trovavano li. ad alcuni sono stati fatti firmare fogli interamente in polacco che, in realtà, erano confessioni scritte. avete parlato della Polonia come di una grande paese quando stanno andando contro le basi della democrazia.
ah, son tifoso romanista

Anonimo ha detto...

Poveri imbecilli. Un sito di imbecilli, redatto da imbecilli, visitato e commentato da un esercito interminabile di imbecilli.

Dei tifosi fermati a Varsavia solo 20 sono stati poi trattenuti in vista di un processo per reati più o meno gravi (danneggiamenti, aggressione e resistenza a pubblico ufficiale).

Per il resto, 150 persone sono state illegalmente trattenute in carcere per 48 ore per il semplice fatto di essere li, senza per questo aver commesso nulla.

Stiamo parlando, tra gli altri, di ragazzini, ragazze, donne, anziani e anche qualche bambino. Gente che per 48 ore è stata privata di libertà e diritti umani, per aver commesso NULLA.

A Varsavia si è verificato un episodio di una gravità inaudita, e a voi che esultate di tutto ciò, auguro un trattamento analogo per motivi analoghi (cioè NULLA) in un qualsiasi paese dell'Europa dell'Est.

Ciao imbecilli.

Anonimo ha detto...

ora che la giustizia quasi concluso i processi viene da dire che abbiano ragione i polacchi,,nesun bambino ,diversamente abile ,anziano e satato trattenuto 48 ore ,,invenzioni di giornalisti romani,,perche lunione europea non interviene??? perche inocenti tifosi anno torto, i fatti bisognia leggere in tutte lingue per capire

Giorgio Theodorou ha detto...

LAVATEVI LA BOCCA IMBECILLI!
VOLEVO VEDERE SE Lì IN MEZZO SI TROVAVA UN VOSTRO FIGLIO, NIPOTE O PARENTE QUALSIASI...
VERGOGNA PER CHI SPALLEGGIA QUESTO SCHIFO DI COMPORTAMENTO A DANNO DI CITTADINI ITALIANI.
Un ultras della Roma.

Anonimo ha detto...

Sono dei BANDITI ,violenti incapaci

Alex Di Marcantonio ha detto...

Roma fa schifo anche per gente come voi, giudicare banditi oltre 200 persone (tra cui miei amici che sono tutto tranne che banditi e mi hanno raccontato tirannie subite e gente presa a caso senza prove del chi fosse realmente un "crminiale" e chi meno), commenti disumani come teneteveli e buttate le chiavi quando i banditi veri sono gente che poi passa ad esempio come eroi di Stato (vedi in India i marò o alcuni preti presenti anche nel conclave o molti politici o forze dell'ordine che abusano di potere)..Roma farà anche schifo ma è anche grazie a gente schifosa come voi..ah e io il nome Alex ce lo metto non come Massimiliano Tonelli che si firma in anonimo!

Lunatica ha detto...

Sei veramente sgradevole... I tuoi commenti sono tristi e privi di buon senso... Forse è il caso che tu taccia!

Anonimo ha detto...

La roma non. Ha ultras!!!! Fidati .....
By Catania..

Anonimo ha detto...

Ma li mortacci vostra! Di tutti quelli che hanno appoggiato quest'articolo scritto senza sapere nulla dell'accaduto! Ho un amico che è stato dentro ingiustamente e vi assicuro che le cose non stanno come ha scritto questo coglione! Che tutti i tuoi cari marciscano in cella Tonelli!
Tonelli uomo di merda!

ShareThis