Per le nuove norme sugli artisti di strada lui se ne deve andare, mentre i clan mafiosi che gestiscono i camion bar, le baracche del natale e i vu cumprà (fanno tutto le stesse famiglie) posso rimanerci, a Piazza Navona

28 aprile 2012
A quanto riporta la cronaca di Palermo di Repubblica con una toccante intervista oggi si è tenuto l'ultimo spettacolo per Marcel, artista e mimo palermitano da vent'anni attivo nelle Capitale e famoso in tutto il mondo. Le norme-fantoccio che fan finta di tutelare le piazze storiche colpiscono dovunque non ci sia il governo di una famiglia di quella che ormai, a Roma, è stata chiamata Quinta Mafia.
I mimi, gli artisti di strada, i giocolieri, i centurioni. Tutte cose da regolare, intendiamoci, ma tutte cose forse un pelino meno gravi della sottrazione di ettari e ettari di suolo pubblico da parte di una decina di migliaia di baracche, camion-bar e bancarelle appartenenti a poche famiglie criminali. Da parte di una vera e propria mafia. E allora ciao Marcel (qui il suo profilo Facebook), artista colpevole solo di non essere affiliato alla 'ndrangheta che si sta divorando la capitale del paese.

11 commenti | dì la tua:

Alessandro ha detto...

Non sono tanto d'accordo stavolta.
E' solo una questione di priorità e problemi giuridici, perché anche gli artisti non è che siano dei santarelli. Anche lì temo ci sia un giro malavitoso per le postazioni. Magari non sarà il caso del burattinaio palermitano, ma la maggior parte di questi artisti sono anche pacchiani. Topolini, statue della libertà, sfingi, etc. sono pugni in un occhio. E non pagano un euro di tasse.

Alessandro ha detto...

Per il resto i camionbar, bancarellari, etc. devono sparire prima di subito.

Francesca Maggi ha detto...

Ho appena scritto un blog sul Blitz contro i Centurioni al Colosseo, ma passando per Piazza Navona, tutti i vu cumpra' e musicisti oramai han preso controllo della zona, formando uno scudo umano intorno alla fontana; nessuna turista puo' fotografarsi piu' davanti all'opera di Bernini.

E questi continuano a dire che è per il decoro???!!!

Francesca Maggi
Burnt by the Tuscan Sun

http://burntbythetuscansun.blogspot.it/2012/04/fall-of-romes-centurions.html

Anonimo ha detto...

E anche qui, il virus del benaltrismo ha preso piede...evviva!
Valerio84

Giò ha detto...

L'arte di strada è una ricchezza che in Italia è sempre stata vietata. E come tutte le cose che vengono vietate lasciano il posto alle mafie e mafiette (vedi sfingi, ecc). Ci sono artisti di livello altissimo che non vedrete mai al Sistina di Roma o allo Zelig di Milano ma che valgono spesso 1000 volte più di chi ha l'accesso a questi circuiti (con tutto il diritto a farlo per carità). E' un'altra cosa e non di meno valore. Va regolata, ma in Italia regola corrisponde quasi sempre solo a DIVIETO e mai a organizzazione, programmazione, spazi. A me piacerebbe tantissimo torvare ad ogni stazione della mettro un bravo musicista o un attore che ti accoglie o ti saluta. Che sia bravo, iscritto a qualche 'registro' e con il diritto a far del belloa favore di quanti passano da lì. grazie
Giordano

Anonimo ha detto...

Sarà pure bello il musicista, farà molto riommanesco o napulè, ma...nella metro esisterà pure il diritto a farsi un viaggetto in santa pace senza la fisarmonica nelle orecchie?

Valerio84

sampei78 ha detto...

credo ci sia artista e ARTISTA! un conto è il rompiscatole di turno con tanto di amplificatore ke suona sulla metro, oppure il kissàdadoveca**oviene ke si trincera dietro un lenzuolo per fare la sfinge e niente dà all'arte, altro conto può essere la statua umana completamente truccata, addobbata e immobile tanto da farci cascare qualke turista fino ad arrivare al Marcel di turno, dove fà della fantasia il suo talento.
Poi tutto stà al solito punto, effettuare dei controlli, imporre un censimento e verificare ke non ci siano mafie e mafiette dietro.
I centurioni erano stati inquadrati molti anni fa, dovendo rilasciare ricevuta x l'introito dovuto a fronte della foto scattata, poi com'è andata a finire? come l'ordinanza per i lavavetri, tutti al solito posto senza controllo...

ALEMANNO BANCARELLARO!!!

Ironix ha detto...

Bello parlare senza argomentare ciò che si dice. Che vuol dire "artisti pacchiani", "pugno in un occhio"?.E a te che te ne frega se non pagano un euro di tasse? Secondo te un artista di strada ha la pensione?No non ce l'ha proprio perché non le paga, quindi che ti lamenti a fare? Ancora pensi che chi paga le tasse è il bravo cittadino e uno solo perché ti suona due canzoni e prende una manciata di euro è il problema dell'Italia? PERCHE' MONTI NON UTILIZZA I SOLDI DEI BENI CONFISCATI ALLA MAFIA?PERCHE' NESSUNO ORDINA UNA RETATA DI ARRESTI AGLI AFFILIATI DI MAFIA, CAMORRA, NDRANGHETA E QUANTALTRO CHE FANNO IL COMODO LORO SU EDILIZIA, RIFIUTI, ESTORSIONI, ECC. PERCHE' NON LA SMETTONO DI FARE I FINTI BENPENSANTI E LEGALIZZANO DROGA E PROSTITUZIONE??QUANTI SOLDI E QUANTA SICUREZZA IN PIU' SI AVREBBE?E LASCEREBBERO LA MAFIA SENZA CAPITALE. DOVE VA LA MAFIA SENZA I SOLDI DEI GIRI DI DROGA, DI PROSTITUZIONE?? Forse il problema dell'Italia è più grande di uno travestito da statua della libertà.
E a te che problema ti crea "sopportare" per 5 minuti un tizio che suona in stazione?L'intolleranza a questi livelli è un problema mentale che hai tu, credimi.
Poi qui abbiamo un bel critico d'arte secondo il quale la sfinge non è arte (non si sa perché) e non è una forma artistica nemmeno suonare sotto la stazione con l'amplificatore perché"rompe le palle". Profonda come ragione, argomentazione inconfutabile...io dico una cosa: chi sei tu per decidere quale è arte e quale no e CHE COS'E' L'ARTE se te lo sei mai chiesto. L'arte è espressione di emozioni, sentimenti, sensazioni, pensieri e tutto ciò che proviene dall'interiorità umana e dà modo allo spettatore anche di condividere questo messaggio di cui si fa veicolo. Se la sfinge che a te non dà nulla fa sorridere anche per 2 minuti un bambino è arte.
Il regolamento arte di strada 2012 di Roma è costituito da persone a caso che nulla sanno di arte né di chi dell'arte di strada fa il suo mestiere né delle sensazioni che certi spettacoli danno alle persone. Chi ha proposto e votato questo provvedimento è stato guidato dalla becera ignoranza di cacciare quelli che "rompono le palle", fomentati da commercianti del centro storico che, a dirla tutta, bisogna vedere come sono arrivati a possedere un'attività in questi posti ove la clientela è assicurata e possono decidere di far pagare uno sputo di pasta 8 euro senza essere ostacolati. Un esercizio di ristorazione al centro è una miniera d'oro e possederla richiede una somma di altrettanto valore e bisogna vedere chi se la può permettere, chi aveva l'attività tramandata da generazioni e chi ha avuto facilitazioni di stampo mafioso.
L'arte di strada è un diritto, per chi la produce e per chi la riceve. Chi non la capisce non è obbligato a restare lì a criticare, può andarsene quando vuole o se costretto a rimanere(ristorante, ecc) comunicarlo all'artista. Spesso per non comunicare si creano queste leggi stupide e crudeli

ciccio ha detto...

"E a te che problema ti crea "sopportare" per 5 minuti un tizio che suona in stazione?"

5 minuti per ogni piazza e stazione, dentro i treni e fuori, varie volte al giorno, tutti i fottuti giorni, vorrai dire. Non è che sono tutti in vacanza, qualcuno ci vive e ci lavora anche nelle città.

"solo perché ti suona due canzoni e prende una manciata di euro è il problema dell'Italia"

Basta cambiare le parole ed ecco che pagamenti in nero e mancato rilascio della ricevuta fiscale diventano positivi. Per me, senza patentino di regolamentazione sei un barbone che pratica accattonaggio.

"se costretto a rimanere(ristorante, ecc) comunicarlo all'artista"

Se non sei grosso o non hai un bel tatuaggio in vista, il nostro caro "artista" non ti darà ascolto.

Anonimo ha detto...

L'arte di strada in italia NON è VIETATA.
esiste un "regolamento sull'arte di strada" che predispone una lista nella quale gli artisti devono registrarsi, e elenca luoghi ( quasi tutte le piazze) ed orari appropriati per esercitare l'arte di strada.
Qualunque artista che non rispetti tale regolamento è un ABUSIVO per la legge ed un ACCATTONE SCOCCIATORE per me

Anonimo ha detto...

senza contare che un suonatore ABUSIVO guadagna tra i 50 e i 150 euro al giorno X 30 gg fanno minimo 1500 euro al mese TAX FREE!!!!!!!

ShareThis