La Nuvola di Fuksas in mezzo alla strada è un non-problema. Ecco perché

3 maggio 2017
Sta tenendo banco in questi giorni la questione degli oggettivi errori di progettazione della Nuvola di Fuksas, il nuovo centro congressi di Roma all'Eur. 
Innanzitutto occorre sottolineare che si tratta indubbiamente di un errore. Marchiano e vergognoso. Come mille altri errori marchiani e vergognosi che si compiono in una città come Roma dove il valore della sciatteria, del pressappochismo, della nullafacenza superano ogni logica e ogni dignità senza che nessuno riesca ad invertire la china. Una città dove lavorare a catzo di cane è un plus, una cosa che fino, che fa figo. Se lavori bene, in maniera precisa, scrupolosa, attenta. A Roma sei uno sfigato, sei noioso, sei pedante. Qui le persone normali, sono anomale. Pensateci e ci darete ragione.

Quindi l'errore c'è, la Nuvola sta in mezzo alla via e la Lama, ovvero l'albergo, occupa più spazio tanto che per stare nelle proporzioni precedenti bisognerebbe farlo fiancheggiare da un marciapiede troppo stretto. 

Lo stesso Fuksas, seppur amareggiato dall'ennesima assurdità, ha però in un'intervista a Repubblica risposto con serenità: basta pedonalizzare, basta fare un marciapiede più largo, basta cambiare i flussi della strada riducendo lo spazio per le auto (che la umiliano, specie nella parte successiva, regno incontrastato della sosta selvaggia) e riprogettando un minimo Viale Europa.

Dove sta il problema? Ma forse ad alcuni potrebbe far comodo la cagnara sull'errore di progettazione, la retorica sui "soldi buttati". Come se non fossero buttati i soldi che si stanno perdendo perché la Nuvola non ha un programma, non ha uno staff all'altezza, non ha un piano di gestione, non ha un tizio che sappia rispondere in inglese quando i clienti chiamano per prenotare un convegno.

La Nuvola oggi è uno spazio in abbandono, sebbene appena inaugurato. Privo dei servizi previsti in partenza (per misteriosi motivi non si sono realizzati i parcheggi interrati sotto Piazza Marconi, così la zona è uno sconfinato cimitero di ettari e ettari di lamiere in sosta illegale, per la gioia dei parcheggiatori che qui stazionano h24), circondato da mostruosità urbane, da palazzine immonde (andate sul lato posteriore della Nuvola, vedete cosa trovate), da piazzali metafisici, trasformati in parcheggi, dall'abbandonato cantiere dell'Acquario, dall'abbandonato cantiere - per colpa delle follie malate di questa amministrazione - delle Ex Torri delle Finanze. 

L'albergo - ovviamente invenduto e abbandonato anch'esso - della Nuvola sporge di due metri rispetto al progetto originario e questo dovrebbe essere un problema grave rispetto al fatto che affaccia sulla Beirut delle Torri delle Finanze? Certo che è un problema e nessuno lo deve sminuire e chi ha sbagliato deve pagare, ma è un problema ri-sol-vi-bi-le e che, attenzione, anzi può essere girato in maniera positiva recuperando più spazio per la pedonalità e per l'utenza dolce della strada. Tutto il disastro circostante che è l'Eur, invece, appare quanto mai irrisolvibile. Avvinghiato ad un declino e ad una depressione senza scappatoia alcuna. 

39 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

io progettavo impianti di condizionamento per navi, se avessi cannato il dimensionamento di un gruppo frigo e avessi detto "embhè che problema c'è ne prendiamo un altro più grande de un paio de metri, spostammo un po' de robba in sala machine e tutto apposto", adesso al posto del deretano avrei un buco nero che ci passerebbe una stella nana e ci avanzerebbe lo spazio per un paio di pianeti in doppia fila.
Invece se sbaglia l'arch. Fuksas: si allarga il marciapede, ma cosa vuoi che sia, anzi, visto lo schifo che ci sta intorno se poteva allargà deppiù.
ahò basta non sia del mov5s, sennò ye famo er culo!

Anonimo ha detto...

è un problema ri-sol-vi-bi-le

assolutamente si. la polemica sembra fatta apposta per appoggiare la retorica contro le opere innovative e l'architettura moderna. la retorica del poraccismo, del lasciare tutto come sta, del non fare niente. I giornali fanno molto male a dare fiato alle trombe dell'errore perché pare tutto sommato marginale ed è assolutamete possibile correggerlo, tenendo conto del fatto che quel tratto di viale europa è il meno trafficato (diversamente da quello verso la scalinata con in cima la grande chiesa bianca). Piuttosto, perchè anzichè lamentarsi di mezzo metro tolto alle macchine non fanno un tram o un filobus dal palazzetto dello sport fino a porta metronia ?

Anonimo ha detto...

fuffas è il responsabile, fuffas è un pidiota ergo è tutta colpa di renzi che ha cacciato marino che era del piddiì

Anonimo ha detto...

Grandissimo...

Stefano ha detto...

Scusate, ma la responsabilità è delle imprese che hanno costruito, non rispettando vincoli e misure imposte dal progetto.

Anonimo ha detto...

Pochi metri più avanti decine di esercizi commerciali, vecchi e con cibo di dubbia qualità, fanno il cazzo che gli pare, costruendo orribili gabbie in mezzo ai marciapiedi o occupando ulteriore spazio pubblico senza freni e paura..perché tanto chi controlla , una volta l'anno, è connivente. E quindi se la prende con chi magari Espone una lavagna... assurdo.

Anonimo ha detto...

Risposta da scolpire nella pietra. Grazie.

Anonimo ha detto...

A me non interessa difendere gli architetti quando sbagliano perché altrimenti si offre il fianco a chi non vuole grandi opere. Piuttosto che venga individuato il colpevole, anche fosse lo stesso Fuksas. Il rispetto dei contratti va sempre garantito in qualsiasi circostanza senza tatticismi.

Anonimo ha detto...

roma è abitata al 70% da nullità e quindi gestita di conseguenza (gli amministratori sono espressione dell'elettorato)
se volete vedere lavori pubblici fatti bene cambiate aria:

http://www.romafaschifo.com/2013/03/gli-incroci-madrid-sono-cosi-hanno.html

http://www.romafaschifo.com/2013/04/in-un-qualsivoglia-parco-di-madrid.html

http://www.romafaschifo.com/2012/04/valorizzare-una-strada-ci-vorrebbe.html

Anonimo ha detto...

Hai proprio ragione, i veri problemi non sono i soldi che rapinano ai cittadini per pagare questi catafalchi mal disegnati, ma le foto stupide degli assessori su facebook.
Siccome per questo ridicolo progetto della nuvola si sono spesi centinaia di milioni di euro, e siccome l'architetto riceve l'incarico apposta per produrre esattissimi calcoli preventivi, e siccome fuksas è strapagato, magari lo sforzo di produrre dei dati attendibili è proprio il minimo che deve garantire.
Poi ci chiediamo perché crollano i ponti e cadono i cancelli.
In seconda media a educazione tecnica ti danno 4 per molto meno, e un geometra viene arrestato per molto meno.
Diciamo che le "archistar" sono la foglia di fico per giustificare progetti inutili, dispendiosi e distruttivi delle aree storicizzate, come l'Eur.
Purtroppo i banditi in giacca e cravatta non vengono percepiti come banditi, ma quali dandy che non si perdono in quisquilie come il sistema metrico decimale e il vil denaro (pubblico).
Quelli che tu definisci problemi circostanti, come le torri, sono il risultato di analoghi s-progetti civetta, inutili, sanguisuga e coperti da archistar.
Quelli che sui social network ci vanno per fare i pretini, poi vi fottono le tasse per strapagare architetti che nemmeno sanno usare autocad.

Anonimo ha detto...

Il progetto di fuksas è orrendo e senza capo né coda, ma lui ha fatto la progettazione. La direzione lavori era appaltata alla ditta costruttrice che ha scelto un altro tecnico.

Anonimo ha detto...

La cosa più inquietante è che parlano tutti con gli stessi giri di frase. Oggi in parlamento uno di forza Italia sembrava Tonelli, "non avete un progetto, non avete prospettiva, non avete sguardo...", ossia, ripassava in padella il nulla fritto.
D'altronde senti "grandi opere" e un brivido corre dietro la schiena, non c'è alcun bisogno di dire qualcosa di più concreto.
E corri subito a comprarti un poster di matteo renzi e di delrio.

Anonimo ha detto...

Ah sì? Una scusa identica è stata tirata fuori da renzo piano per i tre bacherozzi del Flaminio, che hanno lasciato tutti molto perplessi. La ditta non avrebbe rispettato l'elenco dei materiali indicati dall'esimio per il capolavoro.
Ma si presume che l'architetto, pure se star, non si limiti a schizzare un bozzetto sdraiato su un sofa tra racemi e pampini con un praticante che suona la cetra, bensì che supervisioni i lavori verificandone l'aderenza al progetto, visto che se ne assume anche la responsabilità statica.

Anonimo ha detto...

Si se è lui a dirigerli ma è una cosa che in Italia col vecchio codice appalti non capitava quasi mai. Era legale pagare il vincitore del bando per il progetto e poi farlo costruire a qualcun altro (magari non proprio a caso). Ora chi presenta il progetto deve fare quello esecutivo (quello dettagliato che indichi tu) che prima non era obbligatorio ed ha automaticamente anche i lavori effettivi in mano.

Anonimo ha detto...

Ridicoli. Pedonalizziamo perché chi ha preso milioni di euro ha sbagliato. Veramente dei geni siete.

Anonimo ha detto...

....e pure quel Colosseo costruito così in cemtro, in mezzo a Via dei Fori Imperiali, mica mi convince tanto eh!

Fabio ha detto...

Non sono d'accordo. E' un errore grossolano e sarebbe dovuto essere scoperto e corretto molto tempo fa.
Rovina la geometria del quartiere e della strada principale. Non è ammissibile che in un cantiere di tale grandezza e complessità venga compiuto un errore del genere.
Che poi ci siano molti altri problemi correlati alla nuvola e alla gestione del quartiere da parte di Eur s.p.a., ciò non fa altro che aggravare la situazione.

Anonimo ha detto...

questa è la roma governata dal movimento 5 stelle, ovvero una città con tanti progetti di sviluppo e riqualificazione (che avrebbero potuto portare l'urbe a un livello EUROPEO) buttati al cesso, e la lasciata marcire neanche fosse una zona di guerra.

Roma sta cambiando ragazzi! (cit. Virginia raggi nel 2016)

PS: non tirate fuori la storia che prima c'era la mafia, i progetti di riqualificazione erano tutti totalmente trasparenti e legali, e la raggi stessa se ne sarebbe potuta fregiare come vero cambiamento rispetto alla vecchia gestione.

Anonimo ha detto...

L'articolo non è un granché ma certi commenti sono veramente pietosi.
Fucsas non sarà una persona molto simpatica, le sue opere potranno non piacere, ma è un architetto importante che ha presentato il progetto vincitore per il nuovo centro congressi.
E' evidente che un conto è il progetto, bel altro la realizzazione, specie se affidata ad altri soggetti.
Quando si progetta qualcosa del genere viene prima di tutto fatto un rilievo della zona per individuare il contorno del lotto in cui inserire la nuova costruzione.
La topografia è scienza abbastanza esatta per poter contenere gli errori nell'ambito dei centimetri, non certo dei metri.
Quando si apre il cantiere, sulla base del rilievo fatto, viene delimitato il perimetro con dei picchetti e vengono fissate le sagome dei fabbricati, controllando gli allineamenti con gli edifici esistenti e ci si accerta che gli assi viari siano rispettati.
Se pure il progetto iniziale fosse stato realizzato sulla base di un rilievo sbagliato, se ne sarebbero dovuti accorgere subito, prima ancora mettere la prima pietra.
Appare evidente che la responsabilità di tutto ciò è della ditta costruttrice e, in particolare, del direttore dei lavori, che, nel caso NON era Fucsas.
Ora sembra per alcuni che Fucsas sarebbe dovuto passare a controllare (a che titolo?) e magari prendere un metro a fettuccia e misurarsi la distanza tra la "lama" e Viale Europa.
Ma per piacere!

Anonimo ha detto...

Beh, ora un errore grossolano (...ma tanto st'orrore è costato poco, quindi per caso si poteva pretendere qualcosa di meglio? ...Noooo!)diventa improvvisamente accettabile perché "basta pedonalizzare". E l'idea arriva niente meno che da Fuffas, che immagino conosca bene la realtà del trasporto pubblico romano, così efficiente da rendere l'auto inutile, dannosa e superata. Complimenti.

Dai Tonelli, potremmo pedonalizzare tutta Roma. Macchine (anzi, "maghine", come le chiami tu) brutte brutte cattive cattive cacca cacca uffa uffa.

Ri-di-co-li.

bat21 ha detto...

maggio 04, 2017 8:26 AM infatti. Ed è possibile che il dipartimento dei lavori pubblici della capitale non si sia accorto di nulla?

Anonimo ha detto...

si risolve facile.....
quel tratto di viale europa può rimanere senza marciappiede, basta aprire ai pedoni lo spazio tra la nuvola e la lama, cosi tutti potranno ammirare gli obrobri da vicino.

Anonimo ha detto...

... si potrebbe anche tirare giù quello schifo di lama, ovviamente a costo di coloro che hanno sbagliato a costruire e a controllare.

Simone Nicoletti ha detto...

Prima parlate di come a Roma si lavori con pressapochismo "alla catzo di cane", per citarvi, POI appoggiate il pressappochismo di Fuffas in una risposta dai toni riduttivi e faciloni. Questo giusto per farvi notare l'incoerenza.
Se poi vogliamo parlare del progetto iniziale e del realizzato, troviamo un abisso: la "nuvola" e' sparita dentro a quella che hanno ribattezzato "teca" per addolcire un po' quel casino di travi che i poveri ingegneri hanno dovuto inventarsi per reggere una visione facilona della struttura.
Inoltre esistono tipologie di vetro veramente trasparenti e piu' adatti allo scopo iniziale che potevano recuperare parte dell'originaria "visione".
Inoltre parliamo della "lama", che toglie quel po' di visibilita' alla "teca" con "nuvola" di cui aveva bisogno per avere senso.
BAH!

Simone Nicoletti ha detto...

Vorrei aggiungere che il progetto e' stato approvato sotto rutelli e la costruzione cominciata circa 10 anni fa, quindi parlare di pd, destra generica o m5s e' un discorso un po' del cavolo.

Anonimo ha detto...

La Raggi non c'entra quindi va bene così,è un piccolo problema risolvibilissimo

Anonimo ha detto...

roma è abitata al 70% da nullità e quindi gestita di conseguenza (gli amministratori sono espressione dell'elettorato)

ma che vuol dire ?

Anonimo ha detto...

Quelli che avrebbero dovuto accorgersene prima erano evidentemente troppo impegnati a intascarsi milioni e milioni....altro che Fuksas e Fuksas....

Anonimo ha detto...

Ahhhhhh che bello il doppiopesismo!

Un assessore posta una foto di una bicicletta con dietro un murale? ORRORE!!! DISGUSTO!!! AL ROGO!!!

Un costruttore costruisce nel posto sbagliato? Eh vabbè che volete che sia! Non fa niente, è un NON PROBLEMA!!!

Roma fa schifo soprattutto per questo atteggiamento ipocrita.

Carlo Pagliai ha detto...

Non è mica tanto semplice risolvere con "pedonalizzazione" o soluzioni simili. Abbiamo un enorme problema di natura urbanistico e amministrativo.
L'opera risulta non conforme ai progetti, alla disciplina urbanistica e alla strumentazione urbanistica comunale.
E non mi sembra che esistano vie praticabili per sanare/condonare l'abuso, ne parlo in questo articolo:
https://www.studiotecnicopagliai.it/nuvola-di-fuksas-traslata/

Anonimo ha detto...

Certo, se l’architetto di zagarolo ti disegna la villetta al mare, e poi ti accorgi che si è sbagliato di qualche metro per cui la facciata coincide col piano cancello e tu non hai più il giardino, poi ti dice: “va bè signò basta che vai ar comune e di cui je chiedi de spostà li margiabiede”, tu sorridi e gli rispondi: “Bene, mi sembra un problema risolvibilissimo”.

Il concetto di "grande architetto" rientra ampiamente nell'opinabile talora nel clientelare, a meno che non si parli di Borromini o di figure storicamente vagliate, e comunque non esula le eminenze così designate dal rispetto della legge.
Ora, la differenza tra la costruzione fantasmagorica di un architetto e quella di Paolino dell'asilo nido di Via Pontremoli, è che l'architetto disegna ragionando in termini di statica e di possibilità di realizzazione all'interno di un contesto, donde gliene deriva la responsabilità legale, mentre Paolino butta sul foglio a vanvera ciò che la fantasia gli detta.
Per questo l'architetto lo si paga mentre Paolino non viene pagato, anche quando disegna una cosa straordinariamente apprezzabile.
Se fucsas ha inventato questo gomitolo di ferraglia senza garantire un'efficiente leggibilità progettuale – come pare, visti i tempi di realizzazione e le varianti in corso d’opera - o l'inserimento congruente all'interno dello spazio urbano, la prossima volta chiamate Paolino, che non costa nulla, inventa cose ben più straordinarie della Nuvola, e poi lasciate a caltagirone la briga di renderlo esecutivo.
Tra parentesi. I "grandi architetti" non si sa perché, non devono partecipare ai bandi come tutti i comuni mortali.

Paolo Porreca ha detto...

sequela di cose senza senso, basta uno strumento urbanistico comunale che ridisegni viale Europa inglobando quel parcheggio e la situazione è sanata perché prevale l'interesse pubblico al nuovo ass Tor del suolo pubblico che ovviamente comprende il marciapiede. Alternativamente si può restringere il marciapiede lato strada e allargarlo lato Lama, con passarella nel secondo tratto perché c'è un dislivello su cui non si può incidere per ragioni strutturali, di questa soluzione che escluderebbe ogni tema dava atto anche Repubblica. Critiche sì ma enfatizzare gettando fango nel ventilatore è degrado anch'esso

Anonimo ha detto...

4500 anni fa costruivano le piramidi con errori di calcolo praticamente nulli.
Oggi si sbaglia di 2 metri la posizione di un fabbricato che dovrebbe rappresentare l'avanguardia architettonica.
Che vuol dire? che io non lo so di chi è la colpa e perchè sia successo, ma una cosa è certa: come razza ci siamo involuti e meritiamo di tornare nelle caverne. Magari non progettate da Fuksas. Grazie

Anonimo ha detto...

Che straordinario ottimismo, che invidiabile acume, che ammirevole capacità di analisi, che perle di saggezza:


"Lo stesso Fuksas, seppur amareggiato dall'ennesima assurdità, ha però in un'intervista a Repubblica risposto con serenità: basta pedonalizzare, basta fare un marciapiede più largo, basta cambiare i flussi della strada riducendo lo spazio per le auto (che la umiliano, specie nella parte successiva, regno incontrastato della sosta selvaggia) e riprogettando un minimo Viale Europa.
Dove sta il problema?"

"...ma è un problema ri-sol-vi-bi-le e che, attenzione, anzi può essere girato in maniera positiva"


Facciamo così, caro Tonelli: tagliamoci tutti il braccio destro!
Dove sta il problema? E' ri-sol-vi-bi-le! Capito, bambini? RI-SOL-VI-BI-LE! Mirabile dictu!!!
E, anzi, può essere girato in maniera positiva: potremo, finalmente, imparare a scrivere con la mano sinistra!!!



cristiano ha detto...

Nell'articolo scrivi "Dove sta il problema?". Il problema e' che tutti gli assi prospettici dell'eur sono stati rigorosamente progettati dal grandissimo Raffaele De Vico e quello in questione (viale Europa) e' caratterizzato da un doppio muro di tigli, la cui geometria e rigore sono stati alterati vergognosamente.
Per quanto riguarda le PALAZZINE IMMONDE, ma dove vivi? Ti ricordo che sono splendidi esempi di palazzine romane anni 50 progettate a completamento degli isolati per l'esposizione del 53. Sono organizzate simmetricamente a formare dei propilei davanti all'archivio dello stato e organizzano le visuale prospettiva di viale Europa. MA COME FAI A SCRIVERE UNA COSA DEL GENERE????? Poi parli di pressapochismo ma qui ho e' ignoranza la tua o paraculaggine, per aver un click in piu'.

Anonimo ha detto...

I tigli sarebbe meglio sfoltirli perché non si vede nemmeno che negozi ci sono. Cercavo un operatore internet l'altro giorno non lo trovavo. Dico ma che problemi avete con sto verde.
I pentascemi andrebbero messi in galera perche stanno distruggendo tutto. Sembrano degli invasati figli dei fiori senza arte ne parte. Una cosa è esatta che l'eur fa schifo al cazzo e ricordatevi che quella è la zona business di una capitale e voi pensate solo ai tigli. Io butterei giù pure la nuvola che a poco serve in una città dove si fanno congressi ovunque ma almeno è una bella costruzione in mezzo a palazzi degli anni 50.
Dateve a svegliata state fori fori di brutto. Mettete i pentaminchie in galera perché con loro morirete di fame. Forse ancora non v'è chiaro.
Roma fa schifo e nessuno se ne vergogna.

Anonimo ha detto...

Meno pippe e stronzate più lavoro. Costruire gente non bloccare. Siete pazzi

Anonimo ha detto...



E' tutta colpa dei penta....! Boh. C'è da rabbrividire per la pretestuosità di certe MINCHIATE assolute. E forse "clientelari" dei partiti succhia-sangue tipici di questo sporco Paese.

Costruite, costruite, cementificate a tutto spiano.... Così dopo ci respiriamo il cemento anzichè l'ossigeno prodotto SOLO con l'ausilio del verde e degli alberi, secondo le leggi della NATURA!!!

Io direi un'altra cosa invece a 'sti rimbambiti cementisti (dei due post sopra): LASCIATE STARE LA DROGA, INVASATI ASSASSINI DELL'UMANITA'!
O quanto meno cambiate spacciatore: quello attuale (il PD?, Alemanno? la Sboldrina? ...o chiunque sia) ve la dà tagliate male, avvelenata di IDIOZIA incommensurabile, di lobotomizzazione dei vostri cervelli già abbastanza annacquati e NON-PENSANTI.


Kristina Juhas ha detto...

Sono così eccitato che mio marito è tornato dopo che mi ha lasciato per un'altra donna. Mio marito e io siamo sposati da circa 7 anni. Siamo felicemente sposati con due figli, un ragazzo e una ragazza. 3 mesi fa ho cominciato a notare qualche comportamento strano da lui e qualche settimana dopo ho scoperto che mio marito sta vedendo qualcuno. Ha cominciato a tornare a casa tardi dal lavoro, difficilmente si preoccupa di me o dei bambini, a volte esce e non torna a casa per circa 2-3 giorni. Ho fatto tutto quello che potevo per risolvere questo problema, ma tutto senza alcun risultato. Sono diventato molto preoccupato e ho avuto bisogno di aiuto. Mentre stavo navigando in Internet un giorno, mi sono imbattuto in un sito web che ha suggerito che il dottor OGUNDU può aiutare a risolvere i problemi coniugali, ripristinare le relazioni rotte e così via. Quindi, ho sentito che dovrei darlo un processo. L'ho contattato e gli ho detto i miei problemi e mi ha detto cosa fare e lo ho fatto e ha fatto un incantesimo per me. 24 ore dopo, mio ​​marito è venuto da me e si è scusato per i suoi errori e ha promesso di non farlo più. Da allora, tutto è tornato alla normalità. Io e la mia famiglia vivono insieme felicemente di nuovo. Tutto grazie al dottor OGUNDU. Se hai qualche problema, contattalo e ti assicuro che ti aiuterà. Non ti deluderà. Mandalo via email a: drogunduspellcaster@gmail.com
1. Porta il tuo ragazzo indietro
2. Portate indietro il tuo marito
3. Porta la moglie indietro
4. Porta la tua ragazza indietro
5. Vinci la lotteria
6. promozione negli uffici
7. ti aiuti a rimanere incinta, se stai cercando il frutto del ventre materno
8. Cura completa di qualsiasi tipo di malattia
9. impegno matrimoniale e tanti altri.

ShareThis