Tavolini invece del posto disabili. Un altro caso assurdo in centro storico

25 maggio 2017

Dopo quasi un anno di amministrazione a dir poco latitante, il centro storico è ridotto ad una sorta di grande parco divertimenti decadente, anzi decaduto, ad uso e consumo di un turismo di qualità sempre più infima. 

Si ha la netta sensazione che la volontà sia quella di allontanare i pochi residenti che ancora resistono e lasciare il centro nelle mani di gestori di B&B abusivi, ristoranti di mediocrissima qualità, negozi di paccottiglia nei punti più prestigiosi e così via. 


Eppure qualcuno ancora cerca di resistere al degrado oramai "legalizzato" nell'assenza totale di controlli, provando caparbiamente a segnalare piccoli e grandi abusi. Uno degli ultimi in ordine di apparizione riguarda l'attività di ristorazione in Via dei Filippini 4/7 che con grande arroganza e disinvoltura si è incredibilmente appropriata di almeno due posti macchina piazzando i propri tavolini in barba a qualsiasi concessione, autorizzazione e sicurezza per i clienti. Ecco le foto che documentano la situazione. Alle mie rimostranze il gentile e raffinato gestore ha risposto "Ahò .. manco le machine ce ponno parcheggià".
Ilaria


*Onestamente come la pensiamo lo sapete: secondo noi in quel preciso punto i tavolini stanno molto meglio delle macchine. Il punto è che i tavolini devono essere autorizzati (e bisogna essere in grado di darle queste autorizzazioni, anche in deroga al Codice della Strada - che non ha senso per i centri storici - e non di negarle a prescindere o con metodi patetici come i Piani di Massima Occupabilità) e che devono pagare fior di miliardi perché non esiste che tu guadagni come uno sceicco dando in cambio le briciole al Comune che di guadagnare ti ha permesso cedendoti il suo suolo pubblico. 

Il tutto in un contesto di grande trasparenza per cui, come succede a New York, ogni esercente ha un cartello sulla vetrina che indica quanti tavolini può mettere fuori, quante sedie, quando è stata chiesta l'autorizzazione, quando scade e un bel codice QR da cliccare per chi vuole saperne di più o segnalare anomalie. Chi non ha il tagliando e ha tavolini è abusivo e deve schiattà, ma proprio schiattà.


Dovunque in Europa e in Occidente i tavolini all'aperto oltre ad essere un servizio formidabile per cittadini e turisti, oltre ad essere un elemento distintivo di disegno della città (ma a Roma ci piacciono le piazze trasformate in parcheggi, cimiteri di lamiere), oltre a consentire lo sviluppo e la crescita economica e l'aumento dei posti di lavoro, sono un introito cospicuo e irrinunciabile per gli enti pubblici che grazie a quei soldi possono pulire le strade, manutenerle, renderle sicure, illuminate e controllate. 
Tutto questo a Roma non accade. Roma è la patria del compromesso al ribasso: io non ti do' i permessi, tu stai abusivo, io non ti dico nulla, però non esigi da me il fatto che io sia capace, preparato, onesto, aggiornato. Così ci "guadagniamo" tutti: tu hai i tavolini ma non paghi la tassa, io ho il tuo consenso però non devo neppure sbattermi per guadagnarmelo e meritarmelo. Quindi l'imprenditore ha la scelta davanti a se: o la povertà e il fallimento, o l'abusivismo e la connivenza con la pessima politica.
La notizia - queste immagino lo dimostrano - è che non è cambiato nulla dopo un anno di amministrazione di "ragazzi meravigliosi", coraggiosi, rivoluzionari e soprattutto honesti. Ma sapete che vuol dire nulla? Ecco nulla. Tutto come prima. I prepotenti e i paraculati godono, gli imprenditori onesti (quelli senza la acca) portano i loro denari altrove, a Milano o all'estero. 

PS. Dopo aver letto un nostro articolo di esattamente un anno fa, la Sindaca in un convegno durante la campagna elettorale promise esattamente di implementare la gestione newyorkese delle OSP. La promessa è rimasta tale e non se n'è parlato più.
-RFS

60 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

A Roma per la questione parcheggi, ci vorrebbe un gruppo di azione sociale tipo quello attivo in Russia, tosti, decisi, educati ed inflessibili, ovviamente da poco messi fuori legge, l'automobilista e' sempre sacro anche quando agisce illegalmente.
Date un occhiata al tubo cercando Stopdouchebag

Anonimo ha detto...

però un momento: nel merito la primissima azione è spazzare via i tavolini sicuramente abusivi.
Anche perché è un parcheggio per persone con difficoltà, se non rispettiamo neppure questo vuol dire che stiamo alla frutta o addirittura alla m***a.
Tra l'altro come giustamente segnalato basta un malore al volante e le frittate le facciamo coi commensali...
Poi: macchine sì, macchine no...roma(r minuscola intenzionalmente) è al collasso, per cui io sognerei strade vietate al traffico privato, mezzi pubblici comodi, sicuri, puntuali e - senza gli sprechi vergognosi - anche economici. Ovviamente via libera alle bici.
Però, nel frattempo, il confronto è impietoso e se fino a 2-3 km vado a piedi (quando mi va e posso) per il resto macchina senza se e senza ma. Ci metto un terzo del tempo, sto comodo, nessuno mi borseggia e spendo meno (a meno di non rinunciarvi completamente, RCA e bollo si pagano comunque).
Cordialità

Anonimo ha detto...

Forse non si è notato che, in quel punto, coesistono tre assurdità.
C'è (ancora?) un cartello di divieto di sosta per riservare il posto ad auto per disabili, con tanto di concessione e numero, e le strisce in terra sono a "spina di pesce";
ci sono però, anche i paletti piantati (il famoso arredo urbano, evviva!!), che rendono impossibile parcheggiare a spina di pesce, e ragionevolmente rendono anche impossibile l'utilizzo ad un portatore di handicap (serve spazio di lato per aprire la porta e usare la carrozzella;
ci sono, ora, anche i tavolini del "sushi bar", parte dei quali sul percorso pedonale che dovrebbe essere protetto dai paletti, e parte sulla strada, al posto delle macchine.

Morale: esiste ancora il parcheggio per disabili associato a quella concessione? Se si, allora perché (e chi) hanno piantato i paletti? Se no, perché c'è ancora il cartello?

Ovvio che i tavoli lì non possono rimanere, ma anche il resto è assurdo.


Anonimo ha detto...

Giusto? Sbagliato? Concessione disabile Valida? Scaduta? Perchè le strisce (sbiadite) e i paletti? E la palina col segnale, è buona o superata? Ma la domanda è pure un'altra: MA CHI CACCHIO CI SI SIEDE A SORSEGGIARE UN PROSECCO IN MEZZO ALLA STRADA???????

Anonimo ha detto...

Conoscendo alla perfezione il punto, come vedete, c'è sempre la fila di macchine e camion in attesa del verde, quindi i dementi che si fermano a prendere qualcosa li, respireranno gas di scarico e puzza. Se notate, in realtà il percorso pedonale è diviso dai paletti, infatti la maggior parte dei tavolini si trova nel lato strada dove c'è il posto dei disabili. L'altro lato è meno occupato dai tavolini, sembra ce ne siano solo due più grossi, questo lato è un percorso pedonale! Quindi i tavolini ingombrano sia il parcheggio disabili, sia il percorso pedonale, ed eventuali carrozzine per disabili o passeggini non passerebbero agevolmente,. Ma del resto, siamo a roma, no, cosa ci vogliamo aspettare. Questi signori devono ringraziare i turisti sprovveduti ed i romani che ci cascano, a respirare oltretutto lo schifo dei gas, se riescono ancora a guadagnare...

Anonimo ha detto...

Comunque quella è una zona che fa schifo, per la prepotenza e l'arroganza sia dei commercianti che dei residenti, ormai non ci vado neanche più a passeggiare in quanto praticamente impossibile.

Anonimo ha detto...

I ristoranti della zona, come di tutto il centro, non sono neanche di mediocrissima qualità, non sono e basta, è cibo di plastica, finto, fatto da cuochi africani e del bangladesh, con camerieri romeni e del bangladesh con ingredienti romeni e prezzi vomitevoli, una carbonara finta a 12 euro, per turisti dementi che non capiscono nulla di cucina italiana e romana. Delle pizze non ne parlo neanche.
Di ristoranti romani li in zona ne saranno rimasti tre, per ora.

Anonimo ha detto...

Attenzione a tutti coloro che si indignano della qualità e salubrità del posto. Una persona normale non si fermerebbe a bere/mangiare. Tuttavia se la città oggi attrae solo turismo scadente mordi e fuggi allora posti come questo potranno sopravvivere e proliferate con un trend costantemente a ribasso. Sarebbe opportuno una bella visita congiunta: polizia municipale /Asl/Ispettorato del lavoro magari qualche improvvisato esercente ci penserebbe su un paio di volte prima di fare cose del genere.

Anonimo ha detto...

Li vicino c'è la zona di piazza del fico e della pace. C'è una bancarella orrenda, oscena, che da anni e anni vende magliette cinesi e altra schifezza cinese. Accanto, c'è uno dei solito pessimi locali del centro che, di sera, accende una luce che passa da una tonalità rosso acceso forte, ad una tonalità blu forte, una cosa che sembra di stare a San Basilio o fuori ad una discoteca, il tutto al centro di roma. Io non do neanche un centesimo di euro a questi "commercianti", neanche ci vado più, hanno distrutto da almeno quindici anni l'immagine e l'atmosfera del centro di roma. Arrivano col suvvone, parcheggiano in divieto, sempre le stesse macchine allo stesso punto e mai nessuna multa. Comunque, li ormai i romani non ci sono più, ci sono solo pariolini arricchiti e B&B.

Anonimo ha detto...

Io sono di Roma e ho un cognato disabile che vive in Veneto, con una protesi alla gamba, quindi parlo con cognizione di causa. Sarebbe troppo facile sparare a zero e dire che noi romani non abbiamo il benchè minimo rispetto nei confronti di questa categoria di persone e che nel Nord funziona tutto a meraviglia. Purtroppo non è così. Se Roma fa schifo, il Veneto forse fa un pò meno schifo. Certamente l'Italia intera fa schifo, dal punto di vista del senso di appartenenza ad una collettività, di rispetto verso il prossimo e verso la cosa pubblica.

Theresa williams ha detto...

Ciao, sono Theresa Williams. Dopo anni di collaborazione con Anderson, mi ha interrotto, ho fatto tutto il possibile per riportarlo indietro, ma tutto era inutile, lo volevo tornare così a causa dell'amore che ho per lui, Gli ho pregato con tutto, ho fatto promesse ma lui ha rifiutato. Ho spiegato il mio problema al mio amico e lei ha suggerito che dovrei piuttosto contattare un incantesimo che potrebbe aiutarmi a lanciare un incantesimo per riportarlo indietro, ma io sono il tipo che non credo mai in magia, non avevo altra scelta che provarlo, io Inviò il coclea di incantesimi e mi disse che non c'era nessun problema che tutto andrà bene prima di tre giorni, che il mio ex tornerà da me prima di tre giorni, lancia l'incantesimo e, sorprendentemente, nel secondo giorno, era alle 16.00. Il mio ex mi ha chiamato, sono stato così sorpreso, ho risposto alla chiamata e tutto quello che ha detto era che lui era così dispiaciuto per tutto quello che è accaduto che voleva che me ne tornassi, che mi ama tanto. Sono stato così felice e sono andato a lui che è stato come abbiamo iniziato a vivere insieme felicemente di nuovo. Da allora, ho promesso che chiunque conosco che abbia un problema di relazione, sarei d'aiuto a tale persona facendogli riferimento all'unico vero e potente cronometro che mi ha aiutato con il mio problema. Email: drogunduspellcaster@gmail.com potrai inviarlo via email se hai bisogno della sua assistenza nel tuo rapporto o in qualsiasi altro caso.

1) Incantesimi d'amore
2) Incantesimi di amore persi
3) Divorzio Incantesimi
4) Incantesimi di matrimonio
5) Incantesimo legante.
6) Incantesimi di rottura
7) Sfilare un Amore passato
8.) Vuoi essere promosso nel tuo ufficio / Lottery incantesimo
9) vogliono soddisfare il tuo amante
Contattare questo grande uomo se hai problemi per una soluzione duratura
Tramite drogunduspellcaster@gmail.com

Anonimo ha detto...

Li vicino c'è la zona di piazza del fico e della pace. C'è una bancarella orrenda, oscena, che da anni e anni vende magliette cinesi e altra schifezza cinese. Accanto, c'è uno dei solito pessimi locali del centro che, di sera, accende una luce che passa da una tonalità rosso acceso forte, ad una tonalità blu forte, una cosa che sembra di stare a San Basilio o fuori ad una discoteca, il tutto al centro di roma. Io non do neanche un centesimo di euro a questi "commercianti", neanche ci vado più, hanno distrutto da almeno quindici anni l'immagine e l'atmosfera del centro di roma. Arrivano col suvvone, parcheggiano in divieto, sempre le stesse macchine allo stesso punto e mai nessuna multa. Comunque, li ormai i romani non ci sono più, ci sono solo pariolini arricchiti e B&B
giusto per togliere lo spam

Anonimo ha detto...

Dato che ti piace la Russia, dipingiti una balena blu sul braccio e buttati dal palazzo che con ste cazzate che spari ci fai un favore.

Anonimo ha detto...

Veramente la foto mostra uno dei possibili effetti degli arredi urbani invocati da tanti. Li PRIMA c'era una serie di parcheggi a spina di pesce cui corrispondevano i posti disabili. Poi hanno installato i paletti che delimitano un passaggio pedonale (su cui passano in pochi). Ma avendo fatto sciattamente il lavoro NON hanno rimosso il cartello con i posti disabili. O forse i geni hanno pensato che dato che comunque c'e' chi parcheggia parallelamente ai paletti (sic) sempre li avrebbero parcheggiato i disabili. Il ristoratore ha risolto la questione occupando un po' di spazio con i tavolinetti probabilmente per evitare che una fila di auto parcheggiate gli chiudesse l'accesso al locale. roma. italia

Anonimo ha detto...

Bel muro da pezzi. Ho due tre idee nella bibbia. Spray e COLORE su tutto il centro storico... a bestia

Forza Virginia

Anonimo ha detto...

Forse l unico che possa arrabbiarsi è il disabile. I tavolini non credo siano questo grande problema. Perché dovrebbe pagare il ristorante? Cosa da in cambio il comune? Transenne? Luci? Controllo? Nulla. Una autorizzazione. Carta. Allora perché deve pagare solo per non avere nulla? Fa bene. Stesso discorso delle strisce blu. Inutili e dannose.

Giovanni ha detto...

L'amico col bar in centro conferma che paga 8000 euro l'anno per l'occupazione del suolo pubblico (25 metri quadri, eh, mica il circo massimo), che è una bella cifra; sarebbe disposto a pagare anche di più, ma si verifica un curioso fenomeno: che i proprietari delle mura, siccome c'è "er permesso der suolo pubblico", esigono ogni mese ben 15mila euro di affitto, quasi 200mila l'anno.

Dice il mio amico che sarebbe felicissimo di dare 200mila euro al Comune e 8mila al nobile decaduto nullafacente che possiede le mura per virtù ereditaria. Purtroppo ciò non sarà possibile: e quindi, qualora il Comune dovesse aumentare di molto la tassa, sarà costretto a chiudere (sì, guadagna molto bene... d'estate. Però d'inverno ci rimette). Col risultato che non vedranno più un euro né lui, né il nobilastro, né tantomeno il Comune.

Vedete voi se conviene.

Anonimo ha detto...

Roma incassa un milione e mezzo l’anno per un numero di postazioni di commercio ambulante non inferiore alle 11 mila unità. Il che significa 136 euro in media a carico di ognuna: 50 centesimi per ogni giorno (lavorativo, s’intende).

Estratto dell'articolo di Sergio Rizzo

https://www.google.it/amp/roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_maggio_21/ambulanti-grande-inganno-nuovo-regolamento-41c51734-3e6d-11e7-b817-1edf273dd83b_amp.html

Cioè, il mutandaro spende in media 136 euro all'anno per rompere il cazzo ad ogni angolo o tatto di marciapiede. Ho capito bene?

Anonimo ha detto...

Poi magari si lamenteranno se al posto dei tavolini ci saranno le calamite di qualche negozio gestito da cinesi o quanto altro...

Anonimo ha detto...

Invece volevo segnalare una zona che mi ha sorpreso con pub e ristoranti e tavolini all'aperto, ma sembra di stare in Europa e non in questa latrina abitata prevalentemente da trogloditi: via Pacinotti, scendendo subito dopo il ponte di ferro di fronte alla Croce Rossa. Vediamo ogni tanto anche quei pochi esempi virtuosi che ci sono concessi please.

Master Evo ha detto...

Per non parlare della manichetta dei vigili del fuoco, davanti alla quale non mi pare che si possa parcheggiare nemmeno qui in Italia (vabbe')

Master Evo ha detto...

Deve pagare perche` quello spazio NON E` SUO, ma NOSTRO, cioe` di tutti...

Anonimo ha detto...

SÌ AVETE RAGIONE MA SE POI TUTTO VIENE VANIFICATO DAL TAR DEL LAZIO COME È AVVENUTO PER I GLADIATORI ABUSIVI, COSÌ COME STA AVVENENDO PER LA NOMINA DEI DIRETTORI DEI MUSEI.QUESTO È UN PAESE STRANO,MOLTO STRANO.

Anonimo ha detto...

sì è molto strano, pare che la Costituzione vada rispettata, eppure non usa da tanto tempo, in ossequio ai diktat delle cricche europeiste bancarie

Anonimo ha detto...

TU VUO' FA' L'AMERICANO...OVVERO, DEL PERCHE' UN MINISTRO DEVE CAPIRE LA MATERIA DI CUI SI OCCUPA, E CONOSCERE LE LEGGI, ALTRIMENTI E' SOLO UN SERVO SCIOCCO:

Su IlSole24ore di oggi è stato pubblicato un articolo che riprende due sentenze del TAR Lazio – Roma (nn. 6170/2017 e 6171/2017) le quali assestano il colpo di grazia all’impianto “europeista” (si fa per dire) della riforma Franceschini, ovvero la provincialissima usanza di nominare a tutti i costi dirigenti stranieri per far finta di omologarci a quanto accadrebbe nel resto del mondo.
Le due sentenze stabiliscono fondamentalmente l’illegittimità della decisione di collocare cittadini stranieri (che nemmeno in specie erano illustri esperti e studiosi di fama internazionale, come il ministro si illudeva che avrebbero affollato il concorso) al vertice di quasi tutti i primi musei autonomi – con l’eccezione della Galleria Borghese, per la quale fu prescelta la funzionaria del Mibact già direttrice di quel museo quando ancora era sede pertinenziale del Polo Museale Romano. Il TAR ha anche bocciato l’ opaca e approssimativa procedura dell’esame orale del ‘concorso’, svoltosi a porte chiuse, senza assegnare un preciso punteggio a ciascun candidato e ha considerato ‘assorbita’ da tale pronuncia in quanto sufficiente a invalidare il concorso (ma non infondata), la censura sull’arbitrarietà della scelta del ministro in una terna ‘individuata’ dalla commissione, del tutto al di fuori della prassi del concorso pubblico ordinario.

Anonimo ha detto...

DEL PERCHE' NON BASTA FARSI CRESCERE LA BARBA ALLA HEGEL E SPOSARE UN'ARCHEOLOGA PER ESSERE MENO PIRLA:

Noi, però, lo avevamo detto forte e chiaro nel gennaio 2015 (!!), facendo anche un esposto in merito alla Corte dei conti: per dirigere un museo italiano la legge esige la cittadinanza italiana, come stabilisce l’art. 38 del D. Lgs. 165/2001 – lo stesso Testo Unico del Pubblico Impiego che la nostra Amministrazione conosce benissimo quando si tratta di interpretare in senso restrittivo le prerogative dei lavoratori – quando l’incarico comporta «l’esercizio diretto o indiretto di pubblici poteri», e il DPCM 174/94 ha chiarito che tale è il caso di tutti gli incarichi dirigenziali delle amministrazioni dello Stato, e tanto più lo à dei Musei autonomi dichiarati dallo stesso decreto istitutivo “di rilevanza nazionale”.

Inutile sottolineare che la giurisprudenza (Consiglio di Stato, TAR) ha confermato la permanenza del requisito della cittadinanza italiana o comunitaria per l’accesso a posti del Pubblico Impiego anche dopo le recenti leggi sull’immigrazione e la condizione dello straniero. Inutile dire che il Dipartimento della Funzione Pubblica, nel suo parere n. 196/2004, aveva formalizzato l’orientamento che la scrivente Segreteria ha segnalato, sempre inutilmente, nel 2015 al vertice politico della nostra Amministrazione.

Inutile, appunto, perché non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Il ministro e i suoi consiglieri (rigorosamente esterni al Mibact, per carità) in questi tre anni hanno proceduto a tappe forzate, incuranti dei pareri qualificati e disinteressati che la parte sindacale ha offerto con il debito anticipo per modificare impianti legislativi e organizzativi privi di fondamento, di buon senso e di rispetto nei confronti del Paese, dei lavoratori e dei dirigenti italiani.

Anonimo ha detto...

IN ATTESA CHE QUESTO PARTITO DI MANIGOLDI CHE E' IL PD PONGA A CAPO DELL'ESERCITO ITALIANO UN GHANESE, SAREBBE OPPORTUNO CHE I SINDACATI, COSI' PRECISI NEL RIVENDICARE LA COSTITUZIONE QUANDO SI TRATTA DI TUTELARE GLI INTERESSI DEI PROPRI ISCRITTI PRIVILEGIATI, LO SONO MENO QUANDO SI TRATTI DI ESERCITARE ABUSI A LORO UTILI, PER ESEMPIO CON L'INFORNATA DI NEONOMINATI SENZA CONCORSO DEGLI ANNI '80, OSSIA UNA MASSA DI ZERO TITULI MESSI A FARE I FUNZIONARI GRAZIE A UNA CIRCOLARE, E POI A UN DECRETO.
MA INTANTO, SE PERMETTETE, A FARE I DIRETTORI DEI MUSEI CI VADANO SPECIALISTI ITALIANI SELEZIONATI IN MODO PUBBLICO, NON CLIENTES DELLA MERKEL O DI HOLLANDE SENZA ARTE NE' PARTE, CHE DI CLIENTELE CE NE ABBIAMO GIA' TROPPE NOSTRANE.

Anonimo ha detto...

E' la Costituzione a esigere la cittadinanza italiana e il concorso pubblico invece del "bando", altro che il dgl de tu sorella.
In che mani.

Anonimo ha detto...

Non è che c'è tanto da fare il dibattito.
Per gli esercenti che occupano il parcheggio riservato alle persone disabili - cosa di una meschinità inaudita - ci vorrebbe l'arresto immediato, e possibilmente tanti calci in culo, se questo fosse un paese civile.

Anonimo ha detto...

9:07 AM Commento idiota e xenofobo. Segnalato per la rimozione.

Anonimo ha detto...

> Fa bene. Stesso discorso delle strisce blu. Inutili e dannose.

Esatto. Io voglio avere il cazzo di diritto di parcheggiare l'auto (le auto, visto che ne ho 2) in centro a ogni ora. Roma é fatta per le auto. Non cagate il cazzo coi disabili e le varie minchiate ecologiste.

Anonimo ha detto...

>Tuttavia se la città oggi attrae solo turismo scadente mordi e fuggi allora posti
>come questo potranno sopravvivere e proliferate con un trend costantemente a ribasso.

Questa é Roma. Un miliardo di turisti cinesi stanno per arrivare, con grande gioia di ristoratori. Il piano é trasformare Roma in un museo a cielo aperto. Chi vorrá andrá fuori: gli altri si accontenteranno. Spiace dirlo ma é cosí. Che voi vi indignate o meno fa poca differenza. In fondo, finché portano i soldi... per me possono anche usare le strade come latrine. Contano solo i soldi a questo mondo. E giustamente. Senza soldi non gira niente.

Anonimo ha detto...

Non cagate il cazzo coi disabili ecc.

Beh, non disperare, c'è sempre tempo per entrare a far parte della categoria.

Anonimo ha detto...

Non mi piace la Russia, mi son piaciuti i video di questo gruppetto di giovani che non hanno le balene tatuare.
Comunque io sono arrivato al livello 53...😱

Anonimo ha detto...

per me possono anche usare le strade come latrine.

Ah, quindi il piano consiste nel trasformare Roma in una latrina a cielo aperto. Adesso ho capito. Vuoi sentirti come a casa tua insomma.

Anonimo ha detto...

@maggio 26, 2017 11:25 AM

"Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza" (O. Wilde)
Cordialità

Anonimo ha detto...

9.07 è un commento xenofobo?
Ma in che dizionario lo hai letto il significato di xenofobo, nel Tavernello italiano, italiano - Tavernello?
Mi dirai piuttosto che quello era un bando eversivo.

Anonimo ha detto...

>1:57 PM no resti una persona di estrema destra, quindi ti segnalo per la rimozione del commento. "ci metterá un ghanese"... ma vergognati!

Anonimo ha detto...

>Beh, non disperare, c'è sempre tempo per entrare a far parte della categoria.

non esagerare.

Anonimo ha detto...

Più che esagerare volevo tranquillizzarti, la speranza è sempre l'ultima a morire.

Anonimo ha detto...

Bevi di meno.
E soprattutto, poiché secondo te dire scimmia equivale ad africano, e ghanese non è equivalente a dire straniero qualunque come tedesco, probabilmente sei tu che vai segnalato a uno psichiatra come cripto razzista. Si chiamano lapsus, e quando sono ricorrenti è il caso di trarne delle conclusioni.
Se uno ruba una mela va a processo e lo condannano, se dei deficienti del pd fanno propaganda eversiva, disinformazione ("gli intossicatori di pozzi"), e un MINISTRO DEI BENI CULTURALI INFRANGE LA COSTITUZIONE E LE LEGGI, nessuno solleva la questione di incostituzionalità dei provvedimenti, e di incompetenza del ministro.
E se un tribunale ha il buon senso di intervenire finalmente contro questa deriva, non c'è un giornale che faccia presente che il tribunale ha semplicemente messo in esecuzione la Legge.
E questo conferma l'infimo livello dei media italiani, e il loro stand up a ogni chiamata della cricca.

Anonimo ha detto...

2:15 PM Hai detto ghanese in modo palesamente razzista. E visto che continui ad offendere, beh ti ho preso di punta e segnaleró ogni tuo messaggio. Ed evita il maiuscolo. Lo usano solo gli idioti e gli afferenti al movimento5stelle.

cordialitá

Anonimo ha detto...

2:09 Non esagerare.

Anonimo ha detto...

Chi semina vento raccoglie tempesta. Coglione

Anonimo ha detto...

Segnaleró ogni tuo messaggio. Fino alla..........VITTORIA FINALE E SUBLIME

Dajelo

Anonimo ha detto...

@2:15

Tre i nodi fondamentali che hanno convinto i giudici: "Il bando della selezione non poteva ammettere la partecipazione al concorso di cittadini non italiani in quanto nessuna norma derogatoria consentiva di reclutare dirigenti pubblici fuori dalle indicazioni tassative espresse dall'articolo 38. Se infatti il legislatore avesse voluto estendere la platea di aspiranti alla posizione dirigenziale ricomprendendo cittadini non italiani lo avrebbe detto chiaramente".

http://www.repubblica.it/cronaca/2017/05/25/news/_non_potevano_partecipare_stranieri_il_tar_lazio_boccia_nomine_franceschini_per_i_musei-166340039/

e quindi, caro C. (nel senso di capretta), quelli che leggono un giornale e non si informano solo sul blog del tuo amico Beppe Grillo sapevano come stavano le cose anche prima che arrivassi tu con il tuo MAJUSCOLONE da depensante.

Ora, amico mio, tu fai una cosa. No dai meglio di no.

E #ciaone

Anonimo ha detto...

4 anni non vi passeranno mai.....

Anonimo ha detto...

Appena Grillo/Casaleggio staccano l'auricolare, la giunta cade

Anonimo ha detto...

Allora aspetta che lo stacchino. Intanto fai servizi AGGHIACCIANTI sugli orologi non sincronizzati di piazza dei 500..
Ma per favore...

Anonimo ha detto...

Bah lo sanno tutti. La Raggi ha provato ad essere autonoma ma la stavano mandando via.

Anonimo ha detto...

Aggggggghiaciante

Anonimo ha detto...

h. 2.51 segnala quello che ti pare, non è che ce ne stanno pochi di matti, ti ho fatto solo notare che ti rendi ridicolo da bravo servo paranoide. Per di più leggi Repubblica, il giornale del pluriomicida all'amianto, nonché lustrascarpe di renzi, altro esemplare del grande zoo del pd.
Se ammette una verità serve solo a veicolare 2576 bugie.

http://lnx.unsabeniculturali.it/it/wp-content/uploads/2017/05/BENI-CULTURALI-LO-STATO-PRIVATIZZATO-DALLA-SOCIETA-ALES.pdf

Pasquale ha detto...

Milano dirige Roma!

Anonimo ha detto...

Domanda sciocca: sono stato al portico di Ottavia a cena e logicamente la gente come me ha chiesto il tavolo fuori che è stato messo..insieme a
Da altri 10 minimo oltre quelli già presenti. A me è andata benissimo, mi piace mangiare fuori e sempre lo richiedo, mettere tavolino in più non credo sia questo grande problema. Avete voi un servizio sui ristoranti della zona? Se si postatelo altrimenti perché alcuni si è altri no?
P.s. ben vengano, a me piace mangiare fuori. Se hai o meno le autorizzazioni poco serve.

bat21 ha detto...

A Milano è ancora presto per mangiare fuori!

Anonimo ha detto...

E sti caxxi!

Luciano Bigliardi ha detto...

Un'opportunità di finanziamento per quelli che hanno progetti o altri bisogni di finanziamento personali, potete ora ottenere un prestito per risolvere le vostre difficoltà finanziarie. avete bisogno denaro? avete bisogno di finanziare un progetto? necessità di rilanciare le attività della vostra impresa?Molte soluzioni si offrono a voi con condizioni che facilitano la vita.Email: aiuto1531@gmail.com

Theresa williams ha detto...

Ciao, sono Theresa Williams. Dopo anni di rapporti con Anderson, mi ha interrotto, ho fatto tutto il possibile per riportarlo indietro, ma tutto era inutile, lo volevo tornare così a causa dell'amore che ho per lui, Gli ho pregato con tutto, ho fatto promesse ma lui ha rifiutato. Ho spiegato il mio problema al mio amico e lei ha suggerito che dovrei piuttosto contattare un incantesimo che potrebbe aiutarmi a lanciare un incantesimo per riportarlo indietro, ma io sono il tipo che non credo mai in magia, non avevo altra scelta che provarlo, io Inviò il coclea di incantesimi e mi disse che non c'era nessun problema che tutto andrà bene prima di tre giorni, che il mio ex tornerà da me prima di tre giorni, lancia l'incantesimo e, sorprendentemente, nel secondo giorno, era alle 16.00. Il mio ex mi ha chiamato, sono stato così sorpreso, ho risposto alla chiamata e tutto quello che ha detto era che lui era così dispiaciuto per tutto quello che è accaduto che voleva che me ne tornassi, che mi ama tanto. Sono stato così felice e sono andato a lui che è stato come abbiamo iniziato a vivere insieme felicemente di nuovo. Da allora, ho promesso che chiunque conosco che abbia un problema di relazione, sarei d'aiuto a tale persona facendogli riferimento all'unico vero e potente cronometro che mi ha aiutato con il mio problema. Email: drogunduspellcaster@gmail.com potrai inviarlo via email se hai bisogno della sua assistenza nel tuo rapporto o in qualsiasi altro caso.

1) Incantesimi d'amore
2) Incantesimi di amore persi
3) Divorzio Incantesimi
4) Incantesimi di matrimonio
5) Incantesimo legante.
6) Incantesimi di rottura
7) Sfilare un Amore passato
8.) Vuoi essere promosso nel tuo ufficio / Lottery incantesimo
9) desidera soddisfare il tuo amante
Contattare questo grande uomo se hai problemi per una soluzione duratura
Tramite drogunduspellcaster@gmail.com

happy 123 ha detto...

pandora bracelet
pandora jewelry
adidas stan smith
longchamp handbags
longchamp outlet
air max 2016
yeezy boost 350
yeezy shoes
yeezy boost 350
retro jordans

ninest123 ha detto...

pandora outlet
kd 9 shoes
pandora charms
louis vuitton outlet
ray ban sunglasses
longchamp outlet
nike shoes for men
coach factory outlet
oakley sunglasses
christian louboutin shoes
mt0726

ShareThis