La triste storia di (Alessando) Cochi senza Renato...

28 marzo 2013

8 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

e mandiamo un sentito vaffanculo pure a 'sto campione di Cochi.
festa finita anche per lui e sempre grazie a grillo per questo.

Anonimo ha detto...

Il bello è che nel servizio hanno mostrato solo i manifesti sulle plance ma la maggior parte, affissi ovunque, non li hanno mostrati. Che schifo ragazzi!

Anonimo ha detto...

Sentite questa che e' davvero da barzelletta, Alemanno nelle sue cene con l'amministratore delegato di finmeccanica, una delle piu' grandi aziende d'Italia, non parlava di affari ma del decoro di Roma. Che buffone, sarebbe stato piu' credibile se avesse parlato di mazzette.

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=261377&sez=PRIMOPIANO&ssez=CRONACA

Anonimo ha detto...

Io me la prendo di più con queste televisioni e questi giornalisti che invece di inchiodare certi personaggi davanti alle loro schifezze compiute ai danni della città, gli danno pure voce e visibilità.
Vergogna.

Anonimo ha detto...

In effetti non ne è uscito affatto male, anzi ha fatto pure la morale a cartellopoli che deve essere più onesto con gli schieramenti. Però qui la responsabilità è stata del giornalista.

Anonimo ha detto...

Si, perchè hanno riportato soltanto i manifesti affissi sulle plance elettorali, omettendo di far vedere quelli affissi sui muri, cabine etc.

Alessandro ha detto...

Ma i cartelloni abusivi li usa anche Alemanno, cosa volete sperare voi rappresentanti del Comune?

Anonimo ha detto...

Ma chi cazzo è questo?

ShareThis