L'unica cosa che funziona di Atac è il profilo Twitter. Ma troppi utenti sono bloccati. Un appello

14 settembre 2016
C'è una piccola prepotenza che poi tanto piccola non è e che molti utenti di Twitter vivono. Sembrerà una cosa di nicchia e un problema di pochi, ma noi sembra una ingiustizia e vogliamo rivolgerci ad Atac per fargli un appello affinché questa faccenda si possa sanare.

Riavvolgiamo un attimo il nastro: Atac è una azienda al collasso, i disservizi non sono paragonabili a quelli di nessuna altra città del mondo, tuttavia c'è una cosa che in Atac funziona bene, anzi benissimo, perfino meglio di altre aziende di trasporti italiane e europee. Stiamo parlando del profilo Twitter @infoatac. Non sappiamo se affidato ad un service esterno o gestito internamente in azienda, non sappiamo se su iniziativa di Atac o dell'Agenzia della Mobilità (e dunque dell'ente regolatore, dell'autority comunale), il servizio va alla grande. 

Dà notizie, indica i problemi, funziona praticamente h24, dà risposte dirette quando può ai richiedenti ed è su Twitter un punto di riferimento.

Capita molto spesso che il profilo debba scontrarsi con gli utenti più arrabbiati, magari esasperati da un appuntamento perso, un esame universitario andato buca, una riunione o una giornata di lavoro in fumo a causa dei disservizi dell'azienda. 

Capita che molte di queste persone abbiano alzato troppo i toni e per tutta risposta siano state bloccate. Ebbene queste persone da quel momento non solo non hanno avuto più la possibilità di interagire col profilo ufficiale di Atac, ma non hanno avuto neppure più la possibilità di leggere - semplicemente leggere - le informazioni pubbliche e di servizio che diramava. Molti utenti sono rimasti senza un punto di riferimento onestamente insostituibile, altri hanno dovuto aprire nuovi profili Twitter rinunziando ai loro personali. 

Intendiamoci: è giustissimo e comprensibile che gli operatori che gestiscono @infoatac su Twitter non vogliano passare le giornate a farsi coprire di insulti (proprio a loro, tra l'altro, che sono gli unici che lavorano con standard civili), ma la pena per gli utenti maleducati non può essere il blocco. Twitter permette di "togliere voce" (la funzione si chiama proprio così) alle persone che non si vogliono sentire e con le quali non si vuole interagire pur continuando a consentire loro di leggere cosa si scrive. 
Utilizzando questa penalità, piuttosto del blocco, si consente agli utenti Twitter che hanno avuto in passato delle incontinenze di continuare a leggere le irrinunciabili informazioni di servizio del profilo. E si permette allo stesso modo agli operatori Atac di Twitter di lavorare in pace, senza essere disturbati da haters e troll vari. 

Aiutateci a girare questo appello al profilo @infoatac e speriamo di ottenere soddisfazione. Non è pensabile che una istituzione pubblica o una azienda comunale faccia ritorsione contro i suoi utenti (magari gente che paga l'abbonamento). Se qualcuno ingiuria o diffama, lo si persegua con i mezzi canonici. Non con la vendetta del blocco social. Lo stesso identico discorso vale per il profilo Twitter della Polizia Locale.

37 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Beh a me è successa una cosa molto più grave. Sono stato bloccato dall'account twitter della polizia di roma capitale, senza motivo, non li ho mai insultati e non ci ho mai discusso, non ho neppure ricevuto un avvertimento. Mi pare assurdo, ormai è più di un anno.

Anonimo ha detto...

Vabbe', ma che ci fai con quelli?

Anonimo ha detto...

BikeMi, un successo. Pure troppo: impossibile trovare parcheggi per le bici
BikeMi: i grandi numeri del servizio di sharing producono imprevisti effetti collaterali: le rastrelliere in centro non bastano più


Questa qui sopra è una città civile.
Non il pianeta delle scimmie che ha nome Roma.

Anonimo ha detto...

giusto bloccare i trogloditi che usano il web per insultare pubblicamente...non sei in grado di utilizzare twitter, fuori dai coglio.i webete

Anonimo ha detto...

E' evidente come per l'amministrazione Raggi tutto quello che è critico deve essere messo a tacere, in piena simbiosi con l'anima del grillismo. Tanto basta dire "Dateci tempo, stiamo lavorando, la colpa è delle amministrazioni precedenti" e via discorrendo, si fa fuori chi è scomodo e capace come Rettighieri e vi si piazza uno come Fantasia (nomen omen) che afferma al suo esordio "L'Atac ? Non va poi tanto male)", si rida' pieno potere ai sindacalisti che comandano l'azienda come fosse di loro proprietà (non per niente la Quintavalle e' una militante grillina di ferro), si fanno raccomandazioni minacciose per reintegrare i dipendenti allontanati per incapacità come Chiovelli direttamente tramite dell'assessore Meleo come nella Prima Repubblica. Intanto i trasporti (come tutto il resto della città) sprofondano sempre più nel degrado e nell'inadoperabilita', mentre Raggi, Meleo e compagnia grillina si fanno i comodi propri

Anonimo ha detto...

È successo anche a me e ad altri conoscenti. C'è stato un periodo in cui bannavano qualsiasi utente interagisse con Roma Fa Schifo.

Anonimo ha detto...

GOMBLODDOOOOOOOO!!!!!! Aho', stanno a bbannà l'utenti ch'interaggischeno cor blogge! Aaa mafia de li sindicatiiiii!! Li devono da privatizzà, anagabido?

Anonimo ha detto...

Ma perchè ? Non è un insulto gratuito affermare che siano gli unici a lavorare in maniera civile ? Commento da vergognarsi...nonchè qualunquista. Tantissimi lavoratori sono bravissime persone che lavorano in modo professionalmente ineccepibile, anche in tre quattro lingue. Il servizio offerto è pari al valore civico espresso dalla cittadinanza. Che se fosse appunto più civile, invece di fregarsene limitandosi a insultare (fa molto comodo, come fa comodo a molti che Atac continui ad essere così, cosicchè molta utenza possa permettersi di continuare a fare i propri incivile comodi, da decenni avrebbe fatto in modo di meritarsi un servizio migliore.

Anonimo ha detto...

2:36 PM che hai detto?

Anonimo ha detto...

ma a distanza di quasi 3 mesi, a parte cacciare questo o quello, cosa ha fatto la giunta su Atac ? il servizio resta disastroso, nuove linee tram o bus inesistenti

Anonimo ha detto...

Ah, ma allora non sono solo io a non aver capito!!!

Anonimo ha detto...

Gustatevi questo articoletto:
http://www.nextquotidiano.it/cosa-ce-dietro-blitz-linda-meleo-allatac-portonaccio/

Dario ha detto...

è vero, è un eccellente servizio,
Chi ci lavora ha tutto il diritto di difendersi.
Chi non ha educazione per usare i social in modo corretto va bannato.
Che poi, nella realtà è anche peggio, c'è gente che ha tirato pietre ai macchinisti della Romalido con il rischio di ammazzarli.
Essere esasperati per le disfunzioni di Atac è una cosa, prendersela con chiunque la rappresenti - magari cercando di fare del suo meglio - è follia.

bat21 ha detto...

I cari amici grull...ehm...grillini stanno facendo del loro meglio 10:29 am. http://www.lastampa.it/2016/09/10/italia/politica/loffensiva-ms-su-atac-pressioni-sui-manager-e-soldi-alla-societ-rivale-NBswZlgN9K3FzFVXedAnrI/pagina.html Spero continuino cosi, sarà molto utile a livello nazionale e per il referendum. Un mistero come Rfs abbia endorsato questa gente ma appunto non tutto il male viene per nuocere. Resisti Virginia resisti fai del tuo pegg..ehm..meglio!

Anonimo ha detto...

Magari si valuti l'assurdità anche solo di ventilare una gestione del rapporto cittadinanza - pubblica amministrazione attraverso i dissociat network.
La vita pubblica sta diventando un enorme spottone.
Esemplari i video messaggi pieni di niente della raggi, in stile Edwige Fenech ai tempi d'oro.
Bububadù, pensavate che si stesse facendo il solito grande inciucio, cari cittadini?
E invece, nz nz nz. Qui si lavora. Addirittura a tre mesi dalle elezioni stiamo udite udite scegliendo gli assessori. E non ce li hanno mica tutti consigliati gli inquisiti di mafia capitale. Bububadù.

Anonimo ha detto...

Mica si può pensare che per ogni autobus o in ritardo si possa emanare un twit o uno scambio di impressioni. Una cosa è una segnalazione, che deve seguire le formalità, e una cosa è non sapere come diavolo perdere tempo.
Si presume che i dirigenti di un'azienda di trasporti, coadiuvati dall'assessorato, sappiano che molti dei conducenti, assunti per via clientelare, sono degli scimmioni, e che scimmioni sono i programmatori delle tratte. Sapranno anche che in atac si ruba a più non posso, visto che a essere inquisiti per le consulenze d'oro sono proprio loro.
Non è che glielo fate capire voi che c'è qualcosa che non va, segnalando che l'85 ha saltato una fermata, e che siete arrivati tardi al cinema. Un'idea ce l'avranno.

Anonimo ha detto...

Una donna di 31 anni si è uccisa per colpa dei malati di mente che a cavallo di un i-phone fanno gli squadristi in conto terzi.
Questi strumenti industriali di valorizzazione degli schizoidi on line vanno arginati, innanzitutto riconoscendo che sono meccanismi identitari per spostati, e che cercano di imporre l'idiozia come se fosse un elemento di carisma.
E poi, con una pronta indagine per associazione a delinquere, si evitano le indagini successive per istigazione al suicidio.
Invece di passare il tempo su twitter coi cocopro atac, fatevi una partita a tennis. Vi evita l'egolatria, e anche il tumore al polpastrello.

Tramvinicyus ha detto...

@ Dario 7.26 pm

E' un eccellente servizio lo smanettamento internèt? E dai...ma l'Azienda non dovrebbe fare TPL? E' un'azienda di bus & tram o è un'nazienda di intrattenimento telematico...
Poracci che séte...v'hanno dato ere giocherello e ve va bene così...

Anonimo ha detto...

Ma visto come passa il tempo Stefàno? A twittare perle come la seguente: i danni che fa la sosta selvaggia. Ce li devi dire lui.
Se tacessero di più e impegnassero il tempo a fare quello per cui sono pagati, invece che a girare filmini per darsi un'aria di gioventù e dinamismo fittizio, lasciando i trastulli ai pargoli, probabilmente avrebbero la giunta completa da un pezzo.

Anonimo ha detto...

ma dillo alle persone anziane sotto al sole 35 gradi 45 minuti di attesa per un cazzo di autobus per fare un filo di spesa. dillo a loro dell'account twitter di atac. poi dite che i problemi so artri. veramente non trovo piu parole per definire questo blog e i suoi articoli.

Anonimo ha detto...

Bè,è una manovra diversiva. L'autobus non passa ma l'utente (il nemico!) viene distratto. L'autobus non passa ma twitter funziona.
Bo.

Anonimo ha detto...

Ad azione corrisponde reazione uguale e contraria. E' il terzo principio della dinamica enunciato da Newton che si rispecchia anche nella realtà e nelle interazioni tra individui che si possono denominare tali. Se ti comporti male, se manchi di rispetto non c'è una seconda opportunità, non esiste il perdono. Il perdono è di Dio, gli uomini si comportino "da uomini" e se vogliono essere rispettati comincino a rispettare. Quelli che non rispettano gli altri sono cafoni e non meritano il rispetto che chiedono, quelli che non si fanno rispettare sono dei pupazzi e con i pupazzi si gioca e li si manovra.

bat21 ha detto...

Bello questo articoletto io rilancio con questo http://www.lastampa.it/2016/09/10/italia/politica/loffensiva-ms-su-atac-pressioni-sui-manager-e-soldi-alla-societ-rivale-NBswZlgN9K3FzFVXedAnrI/pagina.html sulla stampa nazionale. Ma evidentemente meglio parlare di Twitter che di queste cosucce.

Anonimo ha detto...

bat21 ma se già ne parla "La Stampa" perché dovrebbe parlarne anche il blog che proprio si propone di parlare di quelle cose che i media main stream tendono ad ignorare? Te lo immagini un servizio al tg nazionale che parla della monnezza al Plincio? Immagino di no, non ci riesco neppure io. RFS si è espressa più volte a favore della pulizia tra la dirigenza dell'atac. Tanto basta per avere un "chi tace acconsente" ovvero se non vedi post contro "la stampa" allora RFS approva.

Anonimo ha detto...

IL PRINCIPIO DI REALTA'
Mentre i principi della fisica vengono progressivamente superati, quello che non deve venire mai meno è il principio di realtà.
Esiste una gerarchia nelle cose, e va accettata. Se tu sei un individuo di qualità inferiore a un altro, devi assumere la tua condizione.
E' inutile tentare di scardinare il principio di realtà.
Associarsi via internet cercando di creare una società parallela in cui tenti di appropriarti in modo coercitivo di ciò che ti è stato negato per natura dà luogo a una parodia.
Se sei psicotico, se ti hanno scartato al corso ufficiali di marina, se sei stato bocciato quattro volte in prima elementare, se sei un lacché, se sei un occupante abusivo, in una parola, se sei una scimmia, non diventi meno scimmia se ti metti in associazione con altri 10 milioni di lesi dalla vita come te.
Il principio di twitter e di facebook è questo. "Ora vi faccio vedere io". E' un principio di mafia.
"Ora vi faccio vedere io".
Ma al principio di realtà è inutile opporre il principio di frustrazione.




Anonimo ha detto...

E' inutile mettere la scimmia sul piedistallo.
Si vede ancora di più che è una scimmia.
I centri sociali sono organizzati, come la camorra, in modo militare, da militari.
Ma un soldato che compie il suo dovere è una figura carismatica, uno sfigato che lancia molotov durante le manifestazioni, è una macchietta rivoltante.
Renzi messo ai vertici dello stato resta evidentemente un pagliaccio. Travaglio messo a fare l'imitazione di un giustiziere resta evidentemente un servo.
Nastasi messo a fare l'uomo di potere resta evidentemente un disadattato.
La giunta scittarelli di cassino sotto inchiesta per tangenti dopo aver fatto rimuovere tutte le notizie sul caso resta una giunta disonorata.
E' il principio di realtà, hai voglia a manipolare.

Anonimo ha detto...

"QUOD NON POSSUMUS ESSE VOLUMUS, QUOD SUMUS ESSE NON VOLUMUS".

Di qui le mafie, i facebook, le massonerie.

Anonimo ha detto...

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/16_settembre_15/sciopero-tpl-adesione-fino-70percento-raggi-un-altra-mobilita-possibile-3117cd36-7b37-11e6-ae27-bc43cc35ec72.shtml

Cioè, fatemi capire! Oggi, 15 settembre 2016, fin dal mattino tratto di Metro A bloccata per ore, mezzi di superficie ridotti ovunque (per poi scoprire che certe zone VIP sono state meno penalizzate di altre), sciopero Tpl fino al 70% di adesioni, la prospettiva di un altro sciopero la settimana prossima, e il trio Raggi/Meleo/Stefàno propongono UN'ALTRA MOBILITA'???
Leggete, leggete pure le soluzioni miracolistiche che ci stanno propinando questi geni della mobilità! E la Meleo che ha anche il coraggio di dire con chi cerca (disperatamente) di usare i mezzi pubblici: "Tenete duro?".
Lo ripeterà anche quando verrà aumentato il costo del biglietto/abbonamento? Perchè arriveremo anche a quello, vedrete!

Anonimo ha detto...

4:07 non hai capito. questi vogliono sostituire progressivamente i bus con le ciclabili. Solo che questa cosa non si farà in due giorni. Intanto cercano di tenere sella corda Atac (soldi col contagocce) così in modo che riduca progressivamente i servizi. Alla fine vorrebbero che ci sia la metro (perché oramai c'è già), le ciclabili e i taxi (elettrici) in giro per Roma (ovviamente nessun mezzo privato a motore).

bat21 ha detto...

9:38 Am il blog ha erroneamente fatto endorsing a questi soggettoni quindi ha un po' di coda di paglia...per questo secondo me non vuole affondare il coltello come fanno i media mainstream. Consentimi che parlare di twitter in mezzo a questo disastro e' surreale. Comunque rinnovo il mio invito a resistere il più possibile alla Raggi, più resiste meglio e' per tutta la nazione...

Anonimo ha detto...

@4:52 PM Ho molti dubbi sul fatto che possa essere questa reale la strategia. Innanzitutto c'è la chiara intenzione di mantenere ATAC e mantenerla pubblica. La ragione è ovvia: in questo modo i sindacati (i veri poteri forti) mantengono i loro privilegi, continuando così a gestire i consensi elettorali di chi si assoggetta a loro. Privatizzare ATAC non se ne parla, ci sarebbe un'insurrezione sindacale di massa.
Il servizio Metro è insufficiente e, visto lo stato di avanzamento lavori, lo rimarrà per moltissimi anni ancora. L'incentivo all'uso della bicicletta è una mera utopia. Per carità, tutto il rispetto per chi la usa quotidianamente, ma a Roma non la si può considerare una concreta risorsa di mobilità alternativa. Ovviamente ci sono varie associazioni che premono in questo senso, e che, sempre per ottenere consensi, bisogna in un qualche modo gratificare (o ammansire). Obbligare i taxi (tutti) ad usare auto elettriche credo rientri anche questo in una ipotesi irrealizzabile. Verrebbero accampate ragioni di maggiori costi che poi i tassisti riverserebbero sulle tariffe: anche qui, ci sarebbero le proteste della categoria che, come ben sappiamo, è un'altra tra le "protette" dal Sindaco in campagna elettorale. Personalmente, per la conformazione di Roma, piuttosto che la Metro, vedrei molto meglio il trasporto pubblico su tram. Un sogno? Vedremo gli ulteriori sviluppi.

Anonimo ha detto...

Conferenza stampa di oggi sulla mobilità della Raggi, in bella compagnia con Meleo e Stefano : solo la ripetizione delle solite coglionate che sin dalla campagna elettorale ci tocca sentire sulle preferenziali, i percorsi per il bike sharing, il biglietto elettronico (che poi cosa sarebbe ?), l'aumento delle colonnine per la ricarica delle macchine elettorale, solita storia dei 18 milioni di € gia' dati all'Atac (e smentiti da Rettighieri), promessa di immissioni di nuovi fondi sempre per l'Atac, miglioreremo il servizio ma per adesso arrangiatevi,e via così. Intanto la linea A nuovamente bloccata dopo un paio di giorni tra Battistini e Ottaviano, sciopero con adesione al 70% dei bus di Roma TPL, e la Raggi che fugge come una bambina dell'asilo dopo il solito monologo senza rispondere ai giornalisti. Buone prospettive con questa giunta.

Anonimo ha detto...

Errata corrige : " l'aumento delle colonnine per le macchine elettriche".

Anonimo ha detto...

@6:33 PM Ma come "cosa sarebbe il biglietto elettronico"? Ma naturalmente un'APP del tuo telefonino super-mega-ultra di ultima generazione, che avvicini ad un dispositivo al momento di salire e che deduce il valore della corsa dal tuo credito che, ovviamente, puoi comodamente ricaricare con l'home-banking. E io già me la immagino la sora Amelia, carica di buste della spesa, inviperita per aver aspettato un autobus che non arriva da 45-50 minuti, magari sotto la pioggia, utilizzare queste perle della tecnologia moderna! Sai quanti "Vaff..." si prende (indirettamente, e poi non tanto...) la Meleo, la Sindaca e l'ATAC tutta?

Secutor ha detto...

Il corpo delle guardie private affermano solennemente e giuridicamente plausibile 'NOI TUTELIAMO I BENI MATERIALI DELL'AZIENDA' ma allora come MAI (qualcuno per favore commenti o risponda) TUTTE TUTTE TUTTE le notti bande di writhers frequentano i depositi e devastano, sfregiano, deturpano, danneggiano stazioni e rotabili in un crescendo di cinico vandalismo....abituale e progressivo che hanno ridotto la città un 'orrendo luogo di degrado e inciviltà unico esempio al MONDO. Allora questo corpo di guardia a che MINKIA SERVE visto lo stato drammatico in cui versano le metropolitane romane.......QUALCUNO MI SA RISPONDERE ????

Anonimo ha detto...

I sindacati sono forti ovunque, nel privato basti pensare alla fiat, e sono sempre contro il lavoratore, usato solo come leva per un braccio di ferro.
Atac non è un ente pubblico, ma un'azienda privata con partecipazione in quota pubblica.
Il biglietto elettronico vuol dire un altro appalto e altri soldi sperperati.
I writer servono a garantire appalti per le pulizie straordinarie.
I vigilantes fanno parte di ditte sotto inchiesta da anni, e per capi di imputazione gravissimi. Vedi il beato Zingaretti, il San Camillo e piazza esedra.

Anonimo ha detto...

L'amministrazione si dovrebbe occupare con serietà della metro: mai visto un servizio più ributtante e schifoso. Basta un'occhiata alle carrozze per capire che si è sbagliata città e che il turismo è meglio farlo altrove che a Roma. Scemi con lo spray impuniti dentro i depositi della metro: ma siamo pazzi, di questi tempi? Se invece dei ritardati mentali che imbrattano impunemente, nei depositi entrassero jihadisti a minare un intero convoglio per farlo saltare in servizio, quando è stracolmo di gente, che si fa?

ShareThis