Entrare in Ztl contromano non è una novità. La collezione dei nostri video girati in 10 anni

15 marzo 2017
La Polizia Locale ha ritirato 16 patenti di guida e comminato 10mila euro di contravvenzioni per ingressi fraudolenti, in retromarcia e contromano in ztl. Il comunicato era molto enfatico, noi abbiamo provveduto a sgonfiarlo perché - oltre che enfatico - era un po' patetico: un fenomeno che si ripete con cadenza da una-macchina-ogni-minuto sanzionato con 16 multe in ben due settimane, onestamente ci è parsa una presa in giro. Una presa in giro che però è servita a fare due ragionamenti: seppur in maniera omeopatica la Polizia Locale ha messo gli occhi su un problema annoso e isolato; e questa cosa ha destato anche i giornali. Il Corriere della Sera, ad esempio, a valle di quel comunicato si è messo a fare il suo mestiere (uh!) ed è andato a vedere con i propri occhi cosa succede. Ne è emerso che in un solo varco (su 25, anche se i punti di accesso non corrispondono ai soli varchi telecamerizzati ma sono purtroppo molti di più), quello di Via Giulia, entrano auto in maniera truffaldina al ritmo di una ogni 3 minuti. Altro che 16 patenti ritirate in due settimane...

Per la rubrica "noi ve lo avevamo detto" siamo andati a rivederci i nostri filmati sul fenomeno e ci siamo presi un colpo quando ci siamo accorti a che anni risalgono. Abbiamo insistito molto su questo fenomeno in anni passati e poi ci abbiamo rinunciato, se andate sul nostro YouTube trovate documentazione (seppur con firmati girati coi vecchi telefonini dell'epoca) di questo malcostume odioso e pericolosissimo risalente all'epoca preistorica degli Anni Zero del Duemila. 

I primi video risalgono a esatti esatti 9 anni fa: primavera 2009. L'ultimo video è del 2014. Poi ci abbiamo rinunciato. Basterebbe solo un'analisi di questi filmati, disponibili a tutti pubblicamente, per capire che il problema, oltre che per i varchi, riguarda decine di strade che portano dentro alla Ztl contro mano. Dove grazie ad un arredo urbano traballante tutti si sentono in diritto di infilarsi. Da Via del Viminale a Via dell'Oca, da Via Brunetti a Via del Cefalo. Senza dimenticare le Ztl di Testaccio, di San Lorenzo o di Trastevere, staccate rispetto a quella centrale. 

Qui sotto solo una piccola selezione di filmati. Molti altri sul nostro profilo YouTube ormai diventato autentico archivio storico delle malefatte cittadine e della zero volontà politica di sanzionarle e interromperle. 

45 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

vedi che con i pentafessi al potere si fanno rispettare le leggi. è finita la pacchia per i furbi delinquenti del piddì

Anonimo ha detto...

il ritiro della patente mi pare il minimo, gente simile è capacissima di investirti a marcia indietro

Anonimo ha detto...

occorre rivedere la dislocazione dei varchi e l'arredo urbano per impedire simili giochetti. non capisco perché non siano scattate molte più multe, ma funzionano bene quelle telecamere ?

Anonimo ha detto...

occorrono anche ulteriori telecamere interne alla ztl, sia per la sicurezza della circolazione che per fotografare le targhe, in modo che se uno riesce a entrare di straforo una volta viene beccato dalla telecamera 100 metri dopo. Non è che possono andare a marcia indietro per sempre...

Anonimo ha detto...

OTTIMO, MA QUANDO E' CHE DISBOSCHIAMO LA SELVA DEGLI AVENTI DIRITTO ? VIA DEL CORSO - CHE DOVREBBE ESSERE A TRAFFICO LIMITATISSIMO - A VOLTE E' SUPER INTASATA DALLE AUTO.

Anonimo ha detto...

Bene, porgo una domanda all'autore del post: ti sei chiesto come mai c'è tutta questa discrepanza di cifre tra le sanzioni elevate 10.000 euro e le 16 patenti ritirate? No eh? te lo spiego. Entrando contromano nel varco si va a percorrere un tratto di strada che in quel punto diventa a carreggiate separate (vista la presenza dello spartitraffico), per questa violazione è prevista la sospensione della patente. C'è un però, le telecamere inquadrano la targa, inviano la multa e, insieme a quest'ultima, viene inviato il modello per la dichiarazione dei dati su chi era alla guida (art. 126 bis del CDS). Ora, il proprietario ha due possibilità: dichiarare chi era alla guida (quest ultimo si dovrà recare presso la Prefettura con la patente per farsela sospendere...mi viene da ridere solo a pensarci) oppure non dichiarare nulla e, aspettare la nuova sanzione di 280 euro che salva capra e cavoli. Puoi mettere quante telecamere vuoi, ma il vulnus è insito nel codice della strada. Hanno ritirato solo 16 patenti perchè sono quelli "materialmente" colti sul fatto da una qualche pattuglia.

Anonimo ha detto...

Resta il fatto che una situazione nota "da sempre" (per la serie fatta la legge ...) NON ha mai trovato una soluzione. Per altro semplicissima: basta montare piu' telecamere. Provvedimento che si autoripagherebbe in pochi giorni. Sarebbe pero' interessante sapere quali auto e con che targhe (italiche o estere) violano le legge. Perché poi va a finire che "l'esterotargato" (magari anche italico) fa come gli pare, tanto le multe quando le paga ?

Anonimo ha detto...

È vero, Via del Corso è imbarazzante per quantità di camion, auto nere, auto bianche, veicoli di servizio e quant'altro, la mattina alle 8,30 non sembra nemmeno pedonale.

Anonimo ha detto...

la spiegazione tecnica sulla discrepanza tra numero di multe elevate e numero di patenti ritirate mi pare convincente. Credo anche che l'infrazione di per se' non sempre comporti revoca del titolo di guida.
Ma vorrei cogliere l'occasione per porre un quesito : di tutte le contravvenzioni elevate dai vigili di roma quante poi sono effettivamente pagate ? in quale percentuale si arriva all'incasso ?
Idem vale per le multe inflitte dai rari contgrollori sui bus. Alla fine quanto si incassa davvero rispetto alle sanzioni comminate ?

Anonimo ha detto...

e le telecamere messe nella fascia verde dell'anello ferroviario ? a me pare che camion, persino tir e pullmann violino i confini. Sono attive ?

Anonimo ha detto...

in passato il comune di roma iscriveva a bilancio incassi per quasi il 50% superiori a quello delle somme reamente incassate, adesso non saprei

Anonimo ha detto...

per non parlare dei falsi invalidi, o meglio di coloro che usano il tagliando azzurro per entrare in centro quando in auto non c'è la persona disabile avente diritto o i casi in cui la persona è scomparsa e per anni - senza controlli - i parenti ne usano il permesso anziché resituirlo.

Anonimo ha detto...

c'è anche un problema di controllo anagrafici carenti : risultano residenti in centro - ed avere il permesso ZTL - persone che vi abitavano anni fa e si sono poi trasferite in altri quartieri, ma usano ancora il permesso. Servirebbero controlli a campione, basta incrociare i dati esistenti !

Anonimo ha detto...

qualcuno chiedeva delle contravvenzioni dei controllori Atac sanzioni: poco tempo fa l'azienda aveva comunicato che si facevano 5 multe al giorno per ciascun controllore e che sul oltre 125mila multe solo 25mila erano state pagate entro i cinque giorni dalla contestazione, per un incasso annuo di soli 1,3 milioni di euro, almeno secondo quanto riportato dalla stampa.

Anonimo ha detto...

mi pare che Roma ha messo in bilancio (l'ultimo bilancio) un aumento di una ventina di milioni di euro di incassi da multe per il 2017

Anonimo ha detto...

nessuna scusante per gli incivili che violano le regole, ma la ztl a roma è una farsa : dentro al centro gira una quantità enorme di automobili, cui si aggiungono gli autobus iper-inquinanti. Di ambientale non c'è niente, il rumore in Corso Vittorio e via del Corso è assordante, l'inquinamento evidentissimo a chiunque abbia bocca e naso per respirare. In centro c'è solo 1 tram, l'8, e per un tratto brevissimo (Arenula-Venezia). Le stazioni della metro tanto attese (fori imperiali, Venezia, Chiesa Nuova) restano nel limbo. Le piazzette pedonali sono invase dalle automobili e nessuno le multa (o comunque molto raramente). In altre parole : ma di che parliamo ? Nell'incuria i furbi pensano sempre di prosperare. Ma non sono furbi, sono solo stupidi, perché come automobilisti la fanno franca ma come cittadini romani abbassano ancora il loro livello qualitativo di vita e lavoro.

Anonimo ha detto...

Invece delle telecamere e delle contravvenzioni che possono essere ignorate da diverse categorie, se si vogliono impedire gli accessi contromano basta installare dissuasori mobili o, ancora più semplice, dispositivi che tagliano le gomme se ci si passa sopra nel senso sbagliato.

Anonimo ha detto...

in alcuni varchi alcuni automobilisti (scemi) entrano a marcia indietro.
in altri varchi ztl ci sono quelli (criminali) che vanno direttamente contromano.
a questi viene ritirata la patente, ma soprattutto non gli andrebbe più restituita.

Anonimo ha detto...

l'articolo indica precisamente i luoghi e i rimedi, l'arredo urbano. Lo stesso accade per la sosta in doppia fila (sappiamo bene quali sono i punti dove la sosta selvaggia crea ingorgo) e persino per gli spartitraffico di cui si sono impadroniti i parcheggiatori abusivi in zona tribunale. serve solo la volontà di intervenire

Anonimo ha detto...

Penso che per risolvere il problema basterebbero telecamere più sofisticate che "leggano" queste situazioni poi un intervento sanzionatorio anche random ma pesante disencentiverebbe questa pratica. Ma il vero problema è quello solito culturale del rispetto delle regole che nella mentalità comune è inesistente perfino in coloro che dovrebbero imporle.

Anonimo ha detto...

nell'articolo si parla di via giulia. si tratta di un caso clamoroso che chiunque può osservare. quel varco va cambiato perchè è vero che la gente che commette infrazioni prende le multe, ma entrando contromano si è in presenza di un pericolo cosatante. serve forse che accada qualcosa per far mettere un senso unico in quello stretto tratto di strada ?
...e poi, visto che qualcuno parlava di parcheggiatori abusivi, proprio a due passi da via giulia, sul lungotevere, le sere delo venerdì e del sabato e della domenica, la zona è in mano ai parcheggiatori abusivi. Ci vorrebbe una pattuglia di vigili

Anonimo ha detto...

vero ! a cento metri da lì, in Piazza Farnese, che pure per motivi di sicurezza (c'è una importante ambasciata) è piena di telecamere, si parcheggia a raggiera intorno alle fontane rinascimentali. perchè non si chiude fisicamente l'accesso alla zona pedonale ?

Anonimo ha detto...

la mobilità di roma va tutta rivista, è assurdo continuare a voler entrare e parcheggiare in centro con l'auto privata ! va pedonalizzato ! il che lo renderebbe più bello, più vivibile e anche più vivace commercialmente ed economicamente.
se fosse vietato l'accesso in centro con un mezzo non pubblico non assisteremmo a queste scene e ai tentativi di svuotare il mare col cucchiaio che sono rappresentati dalle poche patenti ritirate

Anonimo ha detto...

gli automobilisti che compiono le manovre riprese nei filmati per evitare il varco elettronico sono dei veri dementi ! tipica mentalità di chi non mollerebbe mai la macchina, parcheggerebbe sulle strisce pedonali, sugli scivoli dei disabili, in seconda o terza fila. autentici selvaggi...
sono d'accordo con chi dice che l'unica soluzione moderna è chiudere il centro al traffico privato ma a condizione che siano comprese le auto blu di lorsignori, che nel centro di roma spadroneggiano e danno il cattivo esempio da sempre (mentre all'estero importantissimi politici vanno a palazzo in autobus!)

Anonimo ha detto...

Anche gli NCC spadroneggiano, spesso sono in numero spropositato.

Anonimo ha detto...

Nessuna pietà per i maschi che compiono queste infrazioni. Bene che gli si ritiri la patente.

Anonimo ha detto...

Pedonalizzazione completa del centro come unica soluzione. Sarebbe la rinascita.

Anonimo ha detto...

esatto ! naturalmente con un sistema di trasporti degno di una capitale europea, non con quei rottami inquinanti degli autobus (pochi) che abbiamo

Anonimo ha detto...

Certo che il sistema di trasporto va decisamente migliorato, ma nel frattempo si potrebbe cominciare con bus navetta elettrici a passaggio continuo che potrebbero fare la spola tra piazza venezia corso tritone barberini, chiudere il corso , oggi autentica camera a gas, a tutte le auto di qualsiasi colore e portare avanti la vera pedonalizzazione di tutti i vicoli adiacenti .Dopo le prime inevitabili proteste tutti si accorgerebbero che ci sarebbe solo da guadagnare in termini di salute , di estetica, di vivibilita e di portafoglio per i negozianti dato che risulta molto piacevole fare compere in un salotto urbano piuttosto che nel mezzo di un ambiente brutto, sciatto e puzzolente.




Diego ha detto...

Quella dei trasporti che non ci sono è la solita scusa che sento ripetere da 30 anni e che serve proprio a lasciare tutto com'è. Gli autobus i tram e le metro per arrivare in centro ci sono eccome. Basta alzare il culo e uscire di casa 20 minuti prima.
La pedonalizzazione del centro deve essere immediata e TOTALE.
Discorso chiuso.

Anonimo ha detto...

Concordo completamente.

Anonimo ha detto...

Ma scusate, vi risulta che a Roma esista una polizia locale degna di tanto nome?! Che sarebbe quella che, ad esempio, se la chiami per segnalare un gruppo di punkabestia che sporca una via, pregandoli di venire a controllare e multarli, ti rispondono: "...e mica potemo fa i fascisti, queste cose si facevano nel ventennio..." (successo ad un mio amico). Ma mi faccia il piacere, direbbe il grande Totò. Ma che sono polizie, queste?!
Le Landespolizei tedesche, quelle sono polizie locali serie, porco cazzo.

Anonimo ha detto...

Alcuni sindaci, in passato, volevano seriamente ristrutturare la polizia locale di qua: non ci sono mai riusciti, chissà perchè...

Anonimo ha detto...

Anche l'abitudine di molto ciclisti di andare contromano, che ricordo è permesso solo dove esiste segnaletica, è diventata pratica pericolosa, come quella di non rispettare il rosso, le precedenze e in genere tutti i regolamenti del C.d.s.

Anonimo ha detto...

Esatto, concordo. I ciclisti sono un'altra categoria che qui a Roma non rispettano assolutamente niente. Ovviamente, senza che nessuno mai li multi.
Tanto per fare un paragone, mio padre, molti anni fa in Francia, mentre era in bicicletta venne fermato dalla gendarmeria francese e si prese ben tre multe (e guidava comunque meglio dei ciclisti romani), perchè là in bicicletta ci si va rispettando il codice della strada alla lettera, come in qualsiasi altro paese degno di tanto nome.

Anonimo ha detto...

Dipende dai. Non generalizzerei. La bici è come il pedone. Libera.

Anonimo ha detto...

No, attenzione, non è così. La bicicletta è a tutti gli effetti un veicolo, anche se non a motore, e come tale è soggetta, nel codice della strada, nella normativa disciplinante la circolazione dei veicoli. Quindi deve srispettare , ad esempio, i sensi unici, non deve circolare sui marciapiedi salvo diversa segnalazione, di sera ha l'obbligo di avere le luci funzioanti, non deve transitare dove esiste il segnale "transito vietato a tutti i veicoli", a meno che non sia specificato "escluse biciclette", ecc. Esiste pure una normativa disciplinante, ad esempio, lo skateboard, che non essendo un veicolo non deve circolare sulle strade ordinarie, ma nemmeno sui marciapiedi non essendo l'utilizzatore un pedone. Quindi può circolare solo negli appositi spazi (piste, ecc.).

Anonimo ha detto...

Per maggiore precisione, ecco cosa dice esattamente, della bicicletta, il Codice della Strada, in questo link:

http://www.polizialocale.com/2013/05/16/5101/

Anonimo ha detto...

Meglio ancora qui:

http://limeta.it.gg/CODICE-DELLA-STRADA-PER-VELOCIPEDI.htm

Anonimo ha detto...

Sí conosco il codice della strada. Lo usassero gli amici automobilisti nelle loro bare semoventi. Perchè con tutto rispetto io sulla bici sono vento: trasformo la strada nel mio circo di libbertà

Ivano ha detto...

Roma fa schifo per chi la abita, ci potete mettere pure il padre eterno a sindaco ma non potrebbe nulla...

Theresa williams ha detto...

Ciao sono Theresa Williams Dopo essere stato in rapporto con Anderson per anni, ha rotto con me, ho fatto tutto il possibile per riportarlo indietro, ma tutto è stato vano, lo volevo tornare tanto per l'amore che ho per lui, lo pregai con tutto, ho fatto promesse, ma ha rifiutato. Ho spiegato il mio problema al mio amico e ha suggerito che dovrei piuttosto contattare un mago che potrebbe aiutare me un incantesimo per riportarlo indietro, ma io sono il tipo che non ha mai creduto in magia, non avevo altra scelta che tentare, io mail il mago, e mi ha detto che c'era un problema che tutto andrà bene prima di tre giorni, che il mio ex tornerà a me prima di tre giorni, ha gettato l'incantesimo e sorprendentemente nel secondo giorno, era intorno 16:00. Il mio ex mi ha chiamato, ero così sorpreso, ho risposto alla chiamata e tutto quello che disse era che lui era così dispiaciuto per tutto quello che è successo che voleva me tornare a lui, che mi ama così tanto. Ero così felice e sono andato a lui che era così che abbiamo iniziato a vivere insieme felicemente di nuovo. Da allora, ho fatto promessa che qualcuno so che hanno un problema di rapporto, mi sarebbe di aiuto a tale persona da lui o lei si riferisce all'unico mago reale e potente che mi ha aiutato con il mio problema. e-mail: drogunduspellcaster@gmail.com lo si può e-mail se avete bisogno la sua assistenza nel vostro rapporto o di altri casi.

1) incantesimi d'amore
2) Incantesimi amore perduto
3) Incantesimi Divorzio
4) Incantesimi di matrimonio
5) incantesimo.
6) Incantesimi Breakup
7) Bandire un amante passato
8.) Si vuole essere promosso nel vostro ufficio / incantesimo lotteria
9) vogliono soddisfare il vostro amante
Contatta questo grande uomo, se si hanno alcun problema per una soluzione duratura
attraverso drogunduspellcaster@gmail.com

Anonimo ha detto...

Per lo meno hanno cominciato a multare un'infrazione che comunque non è così frequente come dite, esasperando come al solito, ma ogni tanto qualcuno ci prova.
Ad ogni modo mi pare eccessivo il ritiro della patente. Basterebbe la multa doppia per l'entrata contromano e la violaizone della ZTL.

Anonimo ha detto...

PS: Ma invece di creare questi inutili scandali, non farebbero prima ad installare le telecamere anche sulla corsia in uscita?

Anonimo ha detto...

Ma vi siete mai fatti un giro a Trastevere il ven e il sab sera? tutti entrano contromano in scioltezza ed a volte con l'aiuto dei parcheggiatori abusivi stanziati li da anni.
Segnalati al comune, ai vigili, alla polizia, niente, non è servito nulla di tutto questo.
Comandano loro e se fai notare al coatto di turno che sta camminando contromano ti becchi un bel: fatte li cazzi tua .

ShareThis