Parcheggiatori abusivi e il trucco infallibile per debellarli dalla città

13 gennaio 2017







Da questa mattina la Polizia di Roma Capitale sta operando per il contrasto delle attività illecite di parcheggiatore abusivo: numerose segnalazioni ricevute dai cittadini riferivano del crescente fenomeno, dove diverse persone chiedono denaro per la custodia delle auto nei parcheggi con alta concentrazione di veicoli.
Dalle 7,30 numerose pattuglie provenienti dal Comando Generale PSO, dai gruppi territoriali e dal GPIT, stanno fermando per identificazione tutti i parcheggiatori abusivi colti a chiedere denaro nei parcheggi degli ospedali Bambin Gesù e Policlinico Umberto I, a Piazzale del Verano, a Piazza Venezia, Piazzale della Radio, e l'area attorno al Comando Generale, Piazza della Consolazione e Piazza Bocca della Verità. .Almeno 10 persone appartenenti a varie nazionalità tra cui italiana, cubana, romena, bengalese e indiana sono stati portati al Comando Generale per identificazione e per elevare i relativi verbali ai sensi dell'art. 7 comma 15 bis del codice della strada, che prevede una sanzione amministrativa pecuniaria di 772.00 Euro e la confisca di tutti i proventi dell'attività illecita.
L'operazione, come spiega il Comandante Generale Diego Porta, "Che verrà ripetuta nei prossimi giorni, si inquadra nell'ambito delle direttive impartite dall'Amministrazione capitolina al Corpo di Polizia Roma Capitale". Sul contrasto al fenomeno dei parcheggiatori abusivi, aggiunge Porta, "si auspica un intervento legislativo finalizzato alla modifica della suddetta norma contenuta nel codice della strada che non consente una efficace azione di contrasto a questo odioso fenomeno".


***

E fin qui il comunicato stampa - sopra le foto - arrivato ieri pomeriggio, dopo una (meritoria, intendiamoci) azione della Polizia Locale di Roma Capitale. Il Comune ha detto "colpite i parcheggiatori" e la Polizia Locale cerca di colpire i parcheggiatori e poi lo fa sapere tramite ufficio stampa.

Tutti sanno ad ogni modo che i personaggi fermati dopo qualche ora torneranno in strada a taglieggiare gli automobilisti. Certo, bisogna cambiare le norme e su questo ha ragione Diego Porta, ma ancor di più bisogna cambiare le strade togliendo lo spazio fisico ove i parcheggiatori operano. Questa dovrebbe essere la visione e la gerarchia delle soluzioni, anche perché le strade le può cambiare il Comune da solo, quanto alle leggi invece vanno cambiate semmai assieme al Parlamento e dunque le cose si fanno parecchio complicate. 

Leggete le strade dove l'azione dei Vigili si è svolta. Guardate l'elenco. Sono tutte strade - davvero tutte - dove prima ancora delle leggi nazionali può agire la programmazione e la pianificazione del Comune. Bambin Gesù? Ma attorno agli ospedali non ci deve essere sosta disponibile, le strade devono essere sgombre e sicure perché sono percorse da persone deboli e in difficoltà che non possono barcamenarsi tra doppie file, auto sul marciapiede o posteggiate davanti alle strisce pedonali. E poi devono arrivare di corsa le autoambulanze, non si scherza. Arrivare in auto? Se è una urgenza si entra dentro al pronto soccorso, se si è in visita si posteggia all'adiacente parcheggio interrato. Punto. Il resto dello spazio va tolto, non ci deve essere lo spazio fisico per fermarsi. E così i parcheggiatori non possono lavorare e il problema si elimina a monte.
Ma andiamo avanti. Policlinico Umberto I? Vale lo stesso identico discorso fatto sopra, peccato che la zona esterna al Policlinico sembri la Birmania. Piazzale del Verano? Il sagrato di un cimitero monumentale di strepitosa bellezza e con potenzialità turistiche infinite trasformato in accampamento e autorimessa a cielo aperto è uno scandalo, lì le auto dovrebbero essere totalmente bandite e si dovrebbe fare un parco vero. E invece è un parcheggio di scambio. Qui il problema non è il parcheggiatore: se crei spazi dell'abbandono e della prepotenza poi ci vanno ad operare i prepotenti e il racket, è assolutamente consequenziale.
Piazza Venezia non ne parliamo neppure. A Piazzale della Radio pende un parcheggio interrato, cosa si aspetta a farlo magari sul modello di Piazza Cavour con un bel giardino sopra? Chi vuole parcheggiare va nel sottosuolo (dove magari la sosta, oltre ad essere legale e più sicura, costa anche meno del parcheggiatore stesso) e sopra la sosta viene eliminata grazie al nuovo arredo urbano.
E si conclude con Piazza della Consolazione e Bocca della Verità, aree di una qualità urbana, paesaggistica, sociale, culturale, architettonica unica al mondo. Dovunque sul pianeta Terra sarebbero aree pedonali, a Roma sono trasformate in mega parcheggi. Qui il reato lo ha fatto chi ha disegnato le strisce a terra laddove dovevano esserci esclusivamente zone rigorosamente pedonali, non il parcheggiatore abusivo. 

Quando la Polizia Locale imparerà a mettere in fila seriamente i problemi definendone una gerarchia e facendosi lei per prima promotrice delle giuste soluzioni presso la politica e l'amministrazione? Nello specifico per eliminare i parcheggiatori il trucco è semplice: togliere i parcheggi che questi "vendono". Finché ci saranno migliaia di posti auto laddove non dovrebbero stare, i parcheggiatori ci saranno sempre. Sopra a tutto la tara culturale solo romana e il rapporto assolutamente malato dei romani con la loro vettura privata (tutti, anche quelli che mai ti aspetteresti, preferiscono pagare 2 euro all'abusivo - magari facendoselo amico - piuttosto che 1 euro al Comune cattivo e usurpatore). Ma cancri come quello della mentalità romana si curano con le opportune terapie, se necessario aggressive, non con l'omeopatia dei blitz a misura di comunicato stampa.

79 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Policlinico Casilino, PS nuovo e moderno, ampio parcheggio interrato a pagamento (solo nei feriali) a 1€ sempre vuoto perché dista quei 35-40 metri da fare a piedi, così tutti preferiscono parcheggiare sul marciapiede davanti all'ingresso e dare 2€ al parcheggiatore abusivo

Anonimo ha detto...

c'è comunque un grosso problema culturale, soprattutto in persone che non te lo aspetteresti.
disposte a buttare soldi su tutto, tranne che sul parcheggio a pagamento dell'ospedale, delimitato e videosorvegliato.

Anonimo ha detto...

Facciamo così dato che a romafaschifo non va bene nemmeno questa soluzione, chiudiamo Roma a tutte le auto private, solo mezzi pubblici così il problema non c'è

Anonimo ha detto...

"Quando la Polizia Locale imparerà a mettere in fila seriamente i problemi definendone una gerarchia e facendosi lei per prima promotrice delle giuste soluzioni presso la politica e l'amministrazione? Nello specifico per eliminare i parcheggiatori il trucco è semplice: togliere i parcheggi che questi "vendono".

Secondo te la Polizia Locale può fare ciò?

Anonimo ha detto...

Fantastico...
Tipo il tizio che per far dispetto alla moglie si taglia l'uccello.
La logica tonelliana è anni avanti al Tafazzi-pensiero, visto che non si possono dare due calci in culo agli abusivi, a questo punto rinunciamo ai parcheggi.
Anzi, pure alle auto.
Facciamo così, non usciamo proprio più di casa così li facciamo morire di fame. Geniale, no?

Anonimo ha detto...

Alla faccia!

Praticamente tutti i gruppi ed i comandi della Polizia di Roma Capitale "Dalle 7,30 numerose pattuglie provenienti dal Comando Generale PSO, dai gruppi territoriali e dal GPIT, stanno fermando per identificazione tutti i parcheggiatori abusivi" hanno operato nella repressione del fenomeno...

In una operazione che sembra chiaro essere straordinaria ne hanno presi 10 mentre solo nella'area di Piazza Venezia/ Bocca delle Verità ce ne sono almeno 30.

Complimenti per l'efficenza!

La prossima "operazione interforze coordinata dal Centro etc etc" indirizzata al contrasto delle deiezioni canine lasciate sui marciapiedi (oltre 1.500.000 al giorno) porterà sicuramente ad elevare almeno un 50ina di verbali a fronte delle 11 (undici) elevate nell'anno 2014 e delle 2 (due) nel 2015.

Anonimo ha detto...

E non e' assolutamente contemplata tutta la zona intorno a Trastevere/Campo de' Fiori che e' costellata sia di parcheggiatori abusivi, che di gente che parcheggia su marciapiedi, zone pedonali e quant'altro.

Anonimo ha detto...

9:53 AM Bravo, chiudere il centro alle auto sarebbe un ottima soluzione, insieme ai parcheggi di scambio e all'uso dei mezzi pubblici. E al bike e car sharing (con macchine elettriche ovviamente). Dai che tra 100 anni Roma ci arriverà, forse.

Anonimo ha detto...

Tanto pe capisse

Se sei extracomunitario senza permesso di soggiorno e chiedi pizzo altrimenti te sfonno la maghena---------------> Torni a casa tua

Se sei extracomunitario con permesso di soggiorno e chiedi pizzo altrimenti te sfonno la maghena---------------> non ti rinnovo permesso di soggiorno e torni a casa tua

Se sei comunitario e chiedi pizzo altrimenti te sfonno la maghena---------------> torni a casa tua

Se sei italiano e chiedi pizzo altrimenti te sfonno la maghena---------------> paghi multone o senno' vai ar gabbio.

SIC ET SIMPLICITER........

Anonimo ha detto...

Ma quelli sbagliati siamo noi romani. Ci lamentiamo e continuiamo a perseverare nelle nostre negligenze.

Anonimo ha detto...

Come già detto il problema è soprattutto culturale, il romano non accetta di pagare il parcheggio al comune magnone, preferisce dare gli spicci all'abusivo facendoselo pure amico, con l'implicito ricattino che l'auto (a Roma bene più prezioso delle proprie palle) può essere danneggiata in sua assenza. E la stragrande maggior parte dei romani accetta questo come normale. Io sono per la sosta a pagamento di tutti gli stalli autorizzati e la regolamentazione dei posti rendendo fisicamente impossibile parcheggiare laddove è proibito, lo si fa con l'arredo urbano non ci vuole un ingegnere nucleare; sono probelmai che tutte le città del mondo evoluto hanno affrontato e risolto. Provate a fare un giro a Barcellona anche con street view e non troverete un cm quadrato libero per una sosta a cazzo di cane, e i mariuoli ci stanno pure li, nelle ramblas.

Anonimo ha detto...

C'è un problema di prezzi però, tanto per fare un esempio, proprio con piazza Cavour, la sosta nel parcheggio interrato costa molto di più che quella in superficie, dovrebbe essere il contrario.

Dario ha detto...

Mi pare sia passato inosservato il dettaglio che finora i parcheggiatori abusivi operavano indisturbati pure sotto il naso del comando della municipale. Certi comunicati stampa sono armi a doppio taglio...

Anonimo ha detto...

Tonelli "si le cose nun le sai... salle". Per quanto riguarda l'organizzazione dell'assetto viario (marciapiedi, modifica sensi di marcia, attraversamenti pedonali,corsie preferenziali) se ne occupa il 7° Dipartimento con personale amministrativo dotato di propri dirigenti che non è alle dipendenze della Polizia Locale, ma che ragiona autonomamente il più delle volte senza neanche prendere in considerazione i rilievi degli Uffici Traffico della polizia locale.

Anonimo ha detto...

Basta minacciarli ai parcheggiatori abusivi ed ecco che si risolve tutto. Mi è capitato ad ostiense, dove un parcheggiatore mi chiedeva dei soldi. Ho pagato il parcheggio AL COMUNE come si dovrebbe fare e ho salutato il parcheggiatore con un "se trovo anche solo na riga te sfonno er culo". Et voilà, macchina intatta e nessun soldo al parcheggiatore.

Anonimo ha detto...

10,03 e 10.33 mi sembrano commenti piu' che sensati.
Intanto partiamo dagli "operatori". Chi sono i parcheggiatori abusivi ? Extracomunitari, nomadi stanziali, o professionisti del ramo, a volte parte di una vera e propria organizzazione criminale (sono gli italici dall'accento "esotico").
Perché lo fanno ? Per campare. Fanno parte di quella massa di disperati, incapienti, nullatenenti, altrimenti italici, graditi ospiti, etc che fanno un "lavoro" quasi "onesto" per campare (ma se NON vuoi sottostare ai loro ricatti puoi farlo benissimo: rischi i danni all'auto, li riempi di botte, parcheggi altrove, oppure NON usi l'auto - come auspicato dal sito).
Altrimenti o li elimini fisicamente (anche solo cacciandoli dal paese) o li mantiene lo stato (minuscolo).
Ma l'autore - che probabilmente NON ha mai frequentato un ospedale - dovrebbe sapere che quelli che ci vanno non sono TUTTI giovani e forti, ma sono anziani, disabili, comunque malati o convalescenti, hanno bambini piccoli e carrozzine. Anche quelli che vanno "solo" a trovare un malato ricoverato spesso sono anziani o "poco abili" e hanno spesso bagagli vari (perché quando stai ricoverato in ospedale servono un sacco di cose, dai pannolini al cibo, all'acqua, vestiti, magari anche un televisore) .Parcheggiare, per es., nel parking del Gianicolo e farsi quel relativamente breve pezzo di salita per arrivare al Bambino Gesu', magari sotto la pioggia, NON e' agevolissimo per tutti.
Ma torniamo agli operatori. Li puoi multare anche per miliardi, ma la multa quando la pagano ?
O li sbatti in galera fino a saldo del debito (in italia ? giammai, poi ci vorrebbe un'isola come l'Elba per farci un carcere adeguato come dimensioni)
O se ne fregano. E domani sono di nuovo li.
Certo, se hai uomini e mezzi, tutti i giorni puoi ripetere le stessa storia (fermo, sequestro, etc) e magari si stancano (ma poi torniamo al punto iniziale: e poi di che campano ?)
Oppure si potrebbero sottoporre ad una punizione "amministrativa", chesso' prendedoli a frustate: magari dopo un paio di trattamenti scompaiono. Ma chi lo farebbe mai in italia ?

Anonimo ha detto...

No mi dispiace qui hai torto. I verbali fatti non verranno pagati in quanto i parcheggiatori nullatenenti e senza residenza e beni intestati non hanno nulla da perdere. Se stranieri non essendo previsto un'espulsione dal territorio in quanto persona non gradita al massimo rischia un foglio di via. Bisogna eliminare la sosta selvaggia.

Anonimo ha detto...

L'estorsione prevede l'arresto. Visto che non li arrestano, e che l'abusivismo è rigidamente lottizzato, e che se ti ci metti tu a fare il parcheggiatore, o ti accoltellano o ti multano, fatte la solita domanda, e datte la solita risposta.
E' TUTTO così. TUTTO.

Quando sono entrato in Cosa Nostra nel 1961, ci ho trovato la crema della società siciliana: ne facevano parte i migliori avvocati, primari, professori universitari, nobili di antichi casati, direttori di banca e banchieri, per non parlare dei politici, alcuni dei quali diventati ministro. Ma anche successivamente alla mia affiliazione, in tanti, diciamo dell’alta borghesia, sono entrati Cosa Nostra. Senza considerare quelli che sostavano in anticamera con la speranza di poterne far parte. Mi vanto di essere stato affiliato a Cosa Nostra per la mia moralità e onorabilità.

Vorrei sommessamente sottolineare che quella Cosa Nostra significa anche corleonesi, ma andiamo avanti. Capaci 92: da cosa derivava la convinzione che dopo l'omicidio di Ignazio Salvo e lo strano suicidio di Nino Gioè, il prossimo della lista sarebbe stato lei?
Spiegare questa mia convinzione sarebbe troppo lungo, è necessario che lei aspetti di leggere il libro.

Lei ha inventato il controspionaggio all'interno di Cosa Nostra, ci può spiegare?
Ho inventato il controspionaggio perché Riina prendesse il potere o per organizzare un colpo di Stato all’interno di Cosa Nostra? Non è così difficile da capire, considerata la mia frequentazione con molti ufficiali dei servizi e uomini delle istituzioni. Come ho organizzato quello che lei definisce controspionaggio lo spiego nel libro. Aggiungo però che oggi provo grande rammarico per come sono andate le cose e di essere stato l’artefice della scalata al potere dei corleonesi di Riina e Provenzano.


Anonimo ha detto...

L'espulsione è prevista, e il vagabondaggio è proibito, quindi se si volesse si potrebbe rivendicare l'espulsione già sulla base della mancanza di lavoro e di stabile dimora. Se si volesse col cumulo dei reati reiterati non si farebbero uscire più di galera.
Non si volesse.

Anonimo ha detto...

La notizia fornita dal Blog, al pari della grande maggioranza dei commenti, difetta di una elementare conoscenza delle norme.
L'attività di "parcheggiatore abusivo" può (e deve) essere repressa non solo ai sensi del Codice della strada, ma soprattutto ai sensi del Codice penale, perché integra praticamente sempre il reato di estorsione (art. 629 c.p.)
http://www.brocardi.it/codice-penale/libro-secondo/titolo-xiii/capo-i/art629.html

Per procedere in tal senso, ovviamente, la Polizia (inclusi i "vigili") deve poter raccogliere la prova della minaccia, e per fare questo sarebbe necessaria una elementare azione di polizia (agente che opera nelle vesti del comune cittadino che prova a parcheggiare e viene minacciato; intercettazione ambientale; riprese video ecc.).
Questa procedura, elementare perché messa in atto contro malavitosi di bassissimo livello, può condurre all'incriminazione e alla condanna da 5 a 10 anni di reclusione. Nelle more del processo, il giudice può comunque disporre il "divieto di dimora" nel Comune (art. 283 c.p.p.), ed interrompere comunque per tale via la condotta criminale.

Perché tutto ciò non accade?
Perché la cosiddetta "Polizia di Roma Capitale", pur avendone tutte le qualifiche giuridiche, non assomiglia nemmeno lontanamente ad un vero Corpo di Polizia, e opera quindi (poco e svogliatamente) solo in termini prettamente amministrativi.
Le vie sono allora due:
o si prende atto della situazione e si torna ad affidare i compiti di questo genere alla Polizia di Stato e ai Carabinieri (oggi, se chiami il loro centralino per una faccenda di questo genere, ti passano automaticamente i Vigili, e dopo 200 squilli la linea cade...), oppure si riforma radicalmente la "Polizia di Roma Capitale", ricostruendola da testa a piedi.

Io sono per la prima soluzione, che è in mano al Prefetto, in caso di inerzia del Sindaco. Servirebbe di certo un rafforzamento degli organici, ma ne vale la pena.


Anonimo ha detto...

No guarda, racconto per la decima volta cosa è capitato a me.
Denuncio il danneggiamento della mia macchina, a cui è stato divelto parzialmente lo sportello conducente, da parte di un parcheggiatore abusivo. Non vado in un comando di vigili.
I pubblici ufficiali interpellati, aqquartierati a venti metri dal luogo del reato, si sono rifiutati di trascrivere quanto avvenuto, mi hanno velatamente intimidito e alla fine hanno finto di scrivere ciò che volevo, ossia che il danneggiamento era seguito alla minaccia di un parcheggiatore abusivo, in un vicolo coperto da telecamere pubbliche e private.
Vado per leggere la denuncia, firmata sulla fiducia, e lor signori hanno scritto che il danneggiamento è stato compiuto da ignoti, senza far parola del parcheggiatore abusivo.
Non erano vigili. Non erano vigili. Non erano vigili.
I migliori corpi di polizia sono infiltrati dai mafiosi, che agiscono subdolamente in rete per sostituire le nobili forze d'eccellenza dei reparti, boicottate in modo sistematico.


Anonimo ha detto...

citerei piazzale clodio...cosa imbarazzante perchè proprio davanti al tribunale

Anonimo ha detto...

vero, il lungoTevere, da un lato e l'altro di ponte sisto è assaltato la sera (venerdì e sabato in particolare) da questa gente che estorce denaro e lo fanno davanti a tutti, mica di nascosto !!!

Anonimo ha detto...

realizzando i parcheggi, eliminando la sosta e con buoni arredi urbani questi profittatori sparirebbero.
comunque ha ragione chi dice che c'è un racket perchè i posti milgliori sono lottizzati, come per i mendicanti di professione. ci sono vere catene criminali dietro, non dei poveracci che sbarcano il lunario

Anonimo ha detto...

vero, nessuno pagherà le multa. bisogna impedirgli fisicamente di stare li o di tornarci e il loro business crollerà, come i ladruncoli alle biglietterie della stazione termini !
e la gente deve smettere di dargli i soldi....

Anonimo ha detto...

poi ci sono quei geni di alcuni abitanti del centro che protestano ad esempio per il parcheggio a via giulia ma non si sentono colpiti dallo schifo dei parcheggiatori abusivi che spadroneggiano sotto casa loro rendendo quelle zone meravigliose una fogna

Anonimo ha detto...

per eliminare i parcheggiatori il trucco è semplice: togliere i parcheggi che questi "vendono". Finché ci saranno migliaia di posti auto laddove non dovrebbero stare, i parcheggiatori ci saranno sempre

GRANDISSIMA ED INOPPUGNABILE VERITA', DEVE SPARIRE LA SOSTA SU STRADA E ROMA RINASCERA'

Anonimo ha detto...

Fino a che non si enucleano i modi acrobatici e psicotici con cui la mafia fa fuori i difensori dello Stato e inserisce uomini suoi nelle istituzioni, avremo sempre front office delle forze dell'ordine infestati di criminali.
Con l'aggravante del fatto che se si prova a denunziare certi meccanismi, si può esser certi che a farla franca saranno proprio coloro che hanno complicità illecite, mentre le tegole cadranno in testa alle persone nobili, specchiate, professionalmente eccellenti, abili, precise, generose e coraggiose.
Come è stato dei due Poliziotti che per primo denunciarono la mafia a Ostia.
Per questo miscuglio di bene e male, risulta quasi impossibile denunziare cosa succede, a rischio di ledere proprio chi meriterebbe solo encomi.

Anonimo ha detto...

io non me la prenderei coi vigili, una volta che fanno le cose per bene!
e nel comunicato c'è scritto che i parcheggiatori stavano sotto casa loro, il "Comando generale". pensa un po'....

Anonimo ha detto...

e intanto tramite Manuel Fantasia, amministratore di Atac subentrato a Rettighieri, il M5S distribuisce ai dirigenti di Atac (che l'hanno affossata....) PREMI di PRODUZIONE (produzione di buchi contabili evidentemente....) e ARRETRATI (si, arretrati come il servizio che offre Atac).
Prosegue il leccaculismo di M5S verso tutti quelli che contribuiscono a rendere questa città una merda.
Tranquilli Grillo, Di Maio, Di Battista e Taverna sisters: ce ne ricorderemo

Matteo ha detto...

Ok, ma il problema romano è di portata talmente ampia che la sola eliminazione dei grandi parcheggi a cielo aperto non sarebbe comunque sufficiente. Spesso i parcheggiatori abusivi operano anche in corrispondenza di ordinari parcheggi a pagamento (strisce blu). A me ad esempio capita di incontrarli su Via Ostiense, dove spesso mi reco a cena con gli amici e dove, dopo aver pagato il parcheggio al comune, mi tocca anche versare il pizzo all'abusivo di turno. Con questi soggetti come la mettiamo? Chiudiamo la Via Ostiense per impedirgli di lavorare? Io mi chiedo, ma negli altri paesi come fanno? Ma le forze dell'ordine che reprimono con fermezza reati di questo genere dove accidenti sono?

Anonimo ha detto...

I parcheggiatori su una piaga che c'è in tutta Italia seppur con intensità diverse.
Per lavoro giro gli ospedali del nord Italia, soprattutto piemontesi e lombardi, e purtroppo i parcheggi sono quasi tutti monopolizzati da parcheggiatori extracomunitari. L'unica differenza è che questi non sono antipatici, scortesi e prepotenti come quelli che operano a Roma.

Anonimo ha detto...

#anonimo 3.28

Se Lei ha firmato una denuncia senza leggerla, è dalla parte del torto.
A me è successa una cosa simile: richiesta di denaro, rottura dello specchietto, denuncia in Commissariato P.S. Lì hanno fatto "resistenza", volendo semplicemente agire burocraticamente (leggi: raccolta della denuncia e amen). Ho preteso di vedere il Dirigente di turno, spiegato l'accaduto e dichiarato che il responsabile era ancora lì. Sono tornato sul posto accompagnato da una Volante, ho identificato il soggetto, il quale è stato fermato e portato in Commissariato.
Identificato, è risultato essere minore di 14 anni, quindi non imputabile.
Malgrado ciò, ho avviato azione legale contro il tutore per colpa in vigilando (art. 2048 c.c.).

Anonimo ha detto...

E' ovvio che se neppure vicino a piazzale Clodio si riesce a debellare il fenomeno, il proliferare di parcheggiatori abusivi non può essere un fenomeno spontaneo, bensì un fenomeno organizzato attraverso la lottizzazione urbana, legato alla sorveglianza stradale coperta da quella parte dei servizi che struttura i traffici illeciti.
Se nessun avvocato o agente o magistrato si mette di punta contro lo scempio a vista di tutti, è perché sanno benissimo che le luride forze che animano lo pseudo poverame teatrante (opera nomadi, caritas, e porcate varie) sono in grado di avviare una guerra, contro chi si metta di traverso al loro potere.
Potere fatto appunto di situazioni border line non accessibili ai normali controlli, in quanto tutelate dalle cosiddette strutture solidali.

Anonimo ha detto...

Se io ho firmato una denuncia senza leggerla dopo un'ora di discussione, perché parto, anzi, partivo, dal presupposto che con una certa divisa addosso si sia necessariamente Robin Hood, non sono "in torto", ho peccato di candore.
"In torto" è chi si serve della divisa che indossa per il favoreggiamento.
Inoltre, con una serie di persone armate che ti guardano di traverso, ti parlano a un palmo di naso e cercano di intimarti a NON fare una cosa giusta, si può andare in confusione e sentire istintivamente il pericolo in cui si incorre a impuntarsi.

Anonimo ha detto...

tutti, anche quelli che mai ti aspetteresti, preferiscono pagare 2 euro all'abusivo - magari facendoselo amico - piuttosto che 1 euro al Comune

tutti proprio NO ! io no... solo che se stai 3 ore tra aperitivo, cene e dopcena con le tariffe del centro l'abusivo ti costa meno. la gente si fa i conti e sceglie la via più stupida e comoda. Basterebbe che gli ausiliari facessero le multe e gli automobilisti si stancherebbero di pagare due volte, mandando, giustamente, a quel paese gli abusivi.

Anonimo ha detto...

Basterebbe ripristinare la gogna: ti becco a fare il parcheggiatore abusivo? Una settimana di gogna. Ti ci becco di nuovo? Altra settimana di gogna. Tempo un paio di settimane e il fenomeno verrebbe debellato...

Anonimo ha detto...

io penso che quando ci sarà un trasporto pubblico degno della capitale con bikesharing e scootersharing a prezzi accettabili,(potrebbero inserire segway e compagnia bella, ma oggi non si puo perchè è un mistero...)molte macchine spariranno dalla circolazione perchè sarà molto più igienico e rilassante salire sui mezzi,ma per seguire il blog ho deciso di spostarmi per roma a cavallo cosi esso non stona davanti al verano o alla bocca della verità anzi lo arricchisce e le deiezioni che fa le raccolgo con un pannolino e la sera le trasformo in biogas. non male tornare al medioevo..

Anonimo ha detto...

Vogliamo parlare del parcheggio antistante il Palalottomatica? L'ultima volta ho contato 8 (otto) parcheggiatori abusivi, che svolgono il loro "lavoro" indisturbati durante ogni concerto/evento, con volanti della municipale che gli girano davanti senza fare N U L L A

Anonimo ha detto...

Non è che solo lo preferiscono, è che la maggior parte della gente ha trovato lavoro o ignominiosa carriera grazie allo stesso sistema che usa e protegge i parcheggiatori abusivi.
Quindi dare l'euro e strizzar l'occhio, è complicità, supporto al sistema per evitare che cada e anche paura di chi c'è dietro.

Anonimo ha detto...

Come dice un certo pretastro radiofonico "Vai in chiesa, RENDITI DISPONIBILE, e vedrai che il Signore ti fa trovare lavoro".
Che va letto così, vai in parrocchia, prestati a fare il delinquente e vedrai che la mafia di nostro signore vaticano ti trova una collocazione remunerativa, magari all'interno della caritas o al quadrante 4A della lottizzazione abusiva.

Anonimo ha detto...

Ma perché insistono con quegli orrendi fratini gialli, non si sa.
Il look Thomas Milian ha fatto più danni del '68.
Casomai fatevi tagliare meglio le divise, su certe panze ci vuole la forbice di Valentino per conferire un minimo di marzialità.

Anonimo ha detto...

Beh, per questi personaggi incapienti, nullatenenti (circa) che campano di questo (ed altro) un'idea ci sarebbe: ti becco, mi devi dare 700 euro, non ce li hai e per averceli non puoi fare altro che fare queste cose?
Bene, me li restituisci lavorando per me.
C'è tanto da sistemare in città che se prendi i parcheggiatori abusivi, dai loro 50 euro al giorno x 8 ore (sarebbero 70-80, ma vengono scalati 20-30 dal debito delle multe) te la rimetti a nuovo con poca spesa.
Ci vorrebbe la volontà politica di farlo, e l'opinione pubblica (esclusi ladri e mentecatti) sarebbe favorevolissima.

Anonimo ha detto...

Esclusi ladri e mentecatti hai svuotato i giornali, le radio, le televisioni, i negozi, gli ospedali e gli uffici pubblici.

Anonimo ha detto...

h. 3.48

Fai conto di lavorare con due persone, A e B. A gestisce dati secretati. B gestisce le chiavi di accesso. Risulta una fuga di notizie. B ogni giorno ti viene vicino sogghignando e ti sussurra il contenuto di parte dei file secretati, che il giorno dopo risultano sistematicamente divulgati.
Cosa succede se tu vai a denunciare B di accesso fraudolento al sistema e rivelazione di segreto d'ufficio?
Succede che la colpa della divulgazione verrà imputata a te, che dimostri di conoscere in anticipo i dati che non dovresti conoscere, o ad A, che quei dati li gestisce.
Nessuno crederà mai che B, dopo aver compiuto un reato, te lo venga a comunicare in anteprima. Quindi B ti induce a un atto che lungi dall'incriminarlo, toglierà a te credibilità.

Ecco, questa modalità paradossale è la sintesi di come funzionano i depistaggi, e del perché sono di solito impossibili da denunciare.

Rachele ha detto...

La raggi li ha persino elogiati per il prezioso ed impeccabile servizio che rendono: hai da vede'! Giustamente li ha anche convocati per discutere degli enormi problemi che li affliggono e delle criticità del servizio. Immagino si sentirà rispondere che il problema era il badge o i tentativi di prolungamento dei turni più brevi del mondo terracqueo, certamente potra rincuoratli rivendicando di aver revocato qursti vigliacchi tentativi di normalizzazione.
Se fosse una personalità politica seria, per trattare delle falle del servizio, avrebbe convocato una delegazione di abbonati Atac, noi poveri clienti che veniamo quotidianamente umiliati e truffati.

Anonimo ha detto...

Bisogna che governino i 5stelle per avere leggi serie per noi cittadini invece che per lobbies e banche.

Anonimo ha detto...

Io uso i mezzi da quando ci sono gli abusivi, lì non si paga niente

Anonimo ha detto...

Ma siete matti! La solita campagna che non coglie la causa del problema. Al romano i parcheggiatori abusivi piacciono. Il romano vuole sostenerli. Il romano fraternizza con i parcheggiatori abusivi. Il parcheggiatore abusivo piace proprio perché è abusivo. In quanto abusivo è spesso collegato al parcheggio in zone improponibili. Consente di evitare la fatica immane di fare 50 metri a piedi per parcheggiare in modo civile. E poi non sono i 50 metri a piedi che danno fastidio al romano; è proprio parcheggiare in modo civile che è insopportabile.

Anonimo ha detto...

Tonelli tu non hai figli e probabilmente neanche una donna, visto che stai tutti i giorni a scrivere stronzate invece di farti una vita. Nel qual caso un giorno lo spirito santo ti regali un figlio mi auguro che questi non stia mai male da necessitare un ricovero lungo all'ospedale Bambino Gesù, uno dei pochi ospedali che salva vite nel centro sud. Da quando hanno fatto la piazzetta antistante l'ospedale l'unico posto in cui trovi gli abusivi è la prima curva dopo l'ospedale per andare al gianicolo, divieto di fermata perché in curva e dove parcheggiano i genitori dei ricoverati. Tu hai ragione su tutto, lì non ci devono stare, ma ti si stringe il cuore a vedere gente che viene dalla basilicata, dormire dentro la macchina in attesa di poter stare con il proprio figlio o di parlare con il dottore e se pagano un euro anziche 8 al giorno, per loro va bene, visto che devono mangiare e dormire all'addiaccio. Nelle mie passeggiate al gianicolo la mattina ne ho viste tante, ti invito a rimanerci un po' al Bambino Gesù per constatare la realtà che è un ospedale per bambini, dei genitori zombie, che ci gravitano intorno e non fare come fai sempre il tuo veloce e svogliato passaggio.

Anonimo ha detto...

Ci sono stato un mese e dieci giorni e mi venivano a trovare in autobus senza farla tanto lunga.
Mentre ero degente un padre si è portato via in braccio una figlia leucemica ridotta dalle "cure" al lumicino, fino al parcheggio regolare.
Vediamo di non fare lagne all'italiana per giustificare ogni infrazione, reato o porcata varia, servendoci pure della malattia dei bambini, proprio come gli avvoltoi.

Anonimo ha detto...

ROBERTO DI LEGAMI CAPO DELLA POLIZIA, SUBITO
Leggete l'articolo che segue, esemplare reperto della macchina del fango messa in moto contro le persone di valore.
L'inchiesta sul cyberspionaggio, che coinvolge nella fittizia e temporanea maschera di "vittime" i peggiori schifosi d'Italia, l'avvocato di scajola, renzi, monti, draghi, finmeccanica, verdini, sta facendo inalberare tutti i lacchè del regno: ma come, non ci hai avvertiti per avvisare i nostri di stare attenti?
Non si capisce perché nel corso di un'indagine uno dovrebbe avvertire tutte le presunte vittime della presunta "minaccia al corpo dello Stato" (le mail di renzi, te poi immaginà), facendo così saltare la vera tutela dello Stato, ossia la individuazione dei responsabili ma soprattutto delle finalità dello spionaggio.
Ed ecco come viene descritto da sua servitù di la7 il glorioso Poliziotto grazie al cui onorevole silenzio le indagini sono state portate a compimento.
VERGOGNATEVI, SERVI.

Anonimo ha detto...

http://www.booxnews.com/news_677059/cyberspionaggio-il-superpoliziotto-rimosso-per-i-suoi-silenzi-ho-sottovalutato-i-rischi.html

Ecco come dai delinquenti leccanatiche di Repubblica un'inchiesta risolutiva viene deformata in un fallimento, un Poliziotto impeccabile con trascorsi nei reparti più complessi del corpo, viene descritto come uno che non aveva le competenze, e come il comportamento valoroso venga trasformato in un pretesto per la pubblica gogna.
Intanto fateci sapere quali sarebbero le competenze del sor gabrielli, per occupare la poltrona che impegna, tranne un inappuntabile servilismo al potere.
E a quale titolo gente che si sderena per indagini mastodontiche deve farsele sfasciare da cosiddetti vertici senza alcun titolo di merito.

http://www.booxnews.com/news_677059/cyberspionaggio-il-superpoliziotto-rimosso-per-i-suoi-silenzi-ho-sottovalutato-i-rischi.html

Ed ecco le "vittime":
http://www.booxnews.com/news_677142/nel-mirino-vip-e-politici-e-spunta-finmeccanica.html

Anonimo ha detto...

Dalle parti dei quotidiani, e specialmente di repubblica, adesso c'è tanta strizza, e sperano di chiuderla con l'arresto dei due occhionero.
Ecco un estratto delle pore creature che qualche ufo avrebbe scandagliato a loro insaputa:
Le multinazionali italiane, studi legali, di commercialisti, di architetti, l'Università di Napoli, la Regione Lazio, la Cgil, società di costruzioni, del settore sanitario, delle assicurazioni e dei trasporti.
EP4tciù. Salute.

Anonimo ha detto...

LA POLIZIA LOCALE DOVREMMO ADOPERARLA PER PULIRE LE STRADE, PORTARE VIA LA MONDEZZA OPPURE LICENZIARE TUTTI NON SERVONO

Secutor ha detto...

Polizia locale non serve a un kaxxo Roma in preda a migranti borseggiatori vandali writers che continuano a sfregiare devastare vandalizzare ......Ma a cosa servono i vigili.....Andassero a casa che magari il comune risparmia anche !

Anonimo ha detto...

Intanto il comandante in persona, oggi su Repubblica, ci dice dove non parcheggiare per evitare lo street-control:
"Le pattuglie dello street control poi hanno circuiti definiti da monitorare. In Prati il primo circuito comprende piazza del Tribunale, via Triboniano, piazza Adriana, via Crescenzio, via Cola di Rienzo, via Lucrezio Caro, via Ulpiano. Fanno parte del secondo circuito piazza della Libertà, via dei Gracchi, piazza dell'Unità, via Caio Mario, viale Giulio Cesare, via Virginio Orsini".
Bel modo di scoraggiare la sosta selvaggia

Anonimo ha detto...

A fare in modo che persone intelligenti come te abbiamo uno scopo..sparare cavolate

Anonimo ha detto...

Allora tu saresti il primo ad essere portato via..

Anonimo ha detto...

Come le volanti di polizia di stato,carabinieri e guardia di finanza....

Anonimo ha detto...

Ma quando si prevede di mandare i nostri eroi dianzi citati (uuuhhh ah ah...va avanti tu che a me me viè da ride...) a contrastare il fenomeno dei borseggiatori/trici in metropolitana? E mandarli a coadiuvare i controllori sugli autobus su linee calde no, eh? E mandarli la notte a contrastare il fenomeno del vandalismo grafico sui treni della metropolitana no, eh? E mandarli a sanzionare chi passa col rosso, chi passa con le moto sui marciapiedi, chi non si ferma sulle strisce pedonali no, eh?

Anonimo ha detto...

Il concetto non ancora abbastanza chiaro è che contro certi fenomeni (parcheggiatori abusivi, commercio abusivo, evasione tariffaria mezzi pubblici, abbandono di rifiuti, vandalizzazione - cioè tag e graffiti - di beni pubblici e privati, etc.) le sanzioni amministrative (la cosiddetta "multa") è TOTALMENTE INEFFICACE nei confronti di nullatenenti, peggio ancora se extracomunitari e senza fissa dimora.
E' il "legislatore", ovvero la politica, che dovrebbe darsi una mossa per modificare le norme e rendere le sanzioni più efficaci, altrimenti in questa povera città tutto continuerà ad essere com'è, ovvero uno schifo maledetto.

Anonimo ha detto...

Ma se il Finanziere che ha indagato sulle slot machine della camorra è stato destituito, il Comandante Clemente che stava rimettendo a posto la Polizia di Roma Capitale è stato massacrato, il Col. Di Caprio per aver sfiorato renzi è stato privato del ruolo operativo, e ora anche Di Legami viene inquisito per aver svolto un'indagine che - involontariamente oltretutto - lambisce i soliti poteri finanziari-mafiosi del pd.
Vogliamo ricordare la persecuzione delle cagne di Stato contro Pm come Woodcock?
E allora, gente come Gabrielli sta dove sta proprio per impedire che si indaghi sul marciume politico.
Il politico ti mette dove neppure ti sognavi di poter stare, e a quel punto diventi il nemico dello Stato e la guardia armata del gruppo di potere che ti ha sponsorizzato il miracolo.
E ciò è possibile grazie a una legislazione mafiosa, contro cui non ha protestato nessuno, né i giornalari sempre lacrimanti contro i presunti bavagli, né i 5 stelle.

Anonimo ha detto...

Il bello è che nemmeno si vergognano, "e che cazzo, Di Legami, se me lo diceva subito potevo avvertire renzi per tempo, mi ci ha messo apposta a fare il capo, porco giuda".
E questo vi serva a capire chi è renzi, e da chi è supportato, dietro quell'aria da deficiente.

Anonimo ha detto...

Nel suo fumoso curriculum, in cui risulta essere stato ovunque senza che si capisca mai cosa abbia fatto di preciso, spicca il ruolo di CAPO DEL SISDE, donde gli viene la confusione tra cosa siano lo Stato e la Legge, e cosa invece renzi e il pd.

"Dal 1º maggio 2009 al 31 gennaio 2010 è stato vice commissario vicario dell'Emergenza Abruzzo, al fianco del Commissario Guido Bertolaso."
Un altro che si è sempre distinto.

" Dopo le vicende legate agli appalti della Protezione Civile della gestione Bertolaso, Gabrielli ha sottoscritto un accordo con la Consip, la centrale acquisti nazionale, per facilitare - sotto la guida strategica della Protezione Civile - gli approvvigionamenti di gestione delle emergenze, secondo i migliori standard internazionali del cosiddetto emergency procurement."
Lo sta dimostrando la Procura di Napoli, qual è lo standard di consip.

"Il 7 giugno 2013, il Presidente del Consiglio Enrico Letta lo ha confermato nell'incarico di Capo del Dipartimento della Protezione Civile. Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, il 9 aprile 2014, lo ha confermato nell'incarico."
Letta. Basta la pppparola.

"Il 2 aprile 2015 il Governo Renzi lo nomina prefetto di Roma.[8] Il 27 agosto 2015, in vista del Giubileo lo stesso Renzi gli ha affidato inoltre "il compito [...] di realizzare il necessario “raccordo operativo” tra le varie Istituzioni interessate"."

Insomma, gliela dovrà pure un po' di gratitudine a sto pd.

Anonimo ha detto...

I parcheggi e i parcheggiatori abusivi sono legati alla motorizzazione privata e la loro presenza si sviluppa in misura inversamente proporzionale all'efficienza di un trasporto pubblico, queste sono ovvie banalità continuamente ripetute come anche che Roma è una città con uno dei più alti tassi di motorizzazione, paralizzata dal traffico. Ma l'eccessiva motorizzazione conduce comunque all'ospedale, non da visitatori ma da ammalati. L'inquinamento atmosferico da traffico veicolare è causa di centinaia di migliaia di morti l'anno nel mondo, dati facilmente reperibili nel Web oltre ad essere una delle principali cause del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici. Il solito trombone mi si dirà ma questa è la tragica realtà.
Da parte mia l'auto l'ho venduta senza rimpianti perché motivato come uno che smette di fumare e uso esclusivamente i mezzi pubblici. Mi rendo però realisticamente conto di chi accompagna bambini al Bambino Gesù e addirittura dell'auto ne fa una seconda casa per assistere i figli ricoverati, di chi poi trasporta oggetti più o meno ingombranti come visitatore negli ospedali. Ci sono poi molte mamme che accompagnano con l'auto i figli a scuola o li riprendono, fanno la spesa.
Si possono risolvere questi problemi senza far uso dell'auto privata? Si possono immaginare città senza auto? Senza indebitarsi con le banche per pagare Marchionne e l'industria automobilistica che come abbiamo visto in diversi casi è accusata di truccare i dati delle emissioni inquinanti? (Ogni quanti minuti la pubblicità in tv ci propone l'acquisto di un'auto?).
Queste sono le sfide e le responsabilità che abbiamo di fronte, tutto il resto, dai parcheggi ai parcheggiatori abusivi è noia, un aggirare il problema senza affrontarlo nella centralità.
Certamente tra questo pur necessario sogno dell'utopia e la realtà attuale di Roma fatta di anarchia, illegalità e corruzione, una buona amministrazione con un minimo di progetto può fare la differenza.

Anonimo ha detto...

Anonimo 2:02.
Il Clemente e' stato giudicato colpevole in primo e secondo grado per falsa testimonianza nell'ambito del sequestro Soffiantini. Sta aspettando la cassazione. Quello doveva rimettere a posto i vigili?

Anonimo ha detto...

I vigili qui li rimetti a posto commissariando prima di tutto il comune per 5 anni, con un commissario straordinario con pieni poteri decisionali e carta bianca, onesto, duro e deciso al tempo stesso. A quel punto, si scioglie il corpo e si ricrea ricominciando tutto daccapo, licenziando tutte le mele bacate e mettendoci gente ben selezionata e ben formata, da chi dirige fino al grado più basso. E lo stesso va fatto per l'ATAC e l'AMA, se vuoi trasformarle in aziende serie ed efficienti. Non esiste altro modo, almeno a parer mio.

Anonimo ha detto...

Sì, poi qui c'è un altro discorso da fare. Se si vuole rimettere a posto questa città, si deve anche cominciare a far rispettare alla lettera tutte le leggi, regolamenti e quant'altro inerenti la pubblica sicurezza, ma tutte, dalla A alla Z. E' perfettamente inutile fare questi blitz solo contro certe infrazioni, tra l'altro una volta ogni morte di Papa, vantarsene con questi stupidi comunicati stampa da esporre come fossero trofei di guerra, e poi non intervenire minimamente, ad esempio, contro il vandalismo grafico sui treni della metropolitana, contro chi non paga il biglietto sull'autobus o zompa i tornelli del metrò, contro chi passa col rosso o sfreccia con le moto sui marciapiedi, contro le bande di borseggiatori in metropolitana, ecc. Se tu Comune decidi che "da oggi in poi non passa manco una mosca", deve essere vero che "non passa manco una mosca", ma deve essere così per tutte le infrazioni, nessuna esclusa, e lo devi fare costantemente e per un tempo sufficientemente lungo (Giuliani docet).

Anonimo ha detto...

Ma infatti è lo stesso discorso dei controllori messi su alcune linee di autobus: quanto sono durati? Pochissimi giorni, e che hanno risolto? Nulla. Ma tu Comune, porco demonio, comincia ad acchiappare tutti i controllori che hai, e inizia su alcune linee a fare controlli a sorpresa ed a tappeto, facendo coadiuvare i controllori proprio dai vigili urbani, come si fa in alcune altre città italiane: ma cazzo, che ci vuole a farlo?!

Anonimo ha detto...

h. 20.14
Secondo te finché tonelli era condannato in primo grado il reato sussisteva, poi si è magicamente dissolto con l'assoluzione in appello? Il tuo giudizio sul fatto dipendeva dalla sentenza, quindi eventualmente da una sentenza ingiusta?
Recentemente un tribunale ha rilasciato 14 delinquenti accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso, dichiarando che la camorra non esiste (sic).
Caltagirone è stato assolto per lo scandalo italcasse, nonché dall'accusa di traffico d'armi, e infine dalla complicità con carminati nell'omicidio pecorelli.
Altresì assolti per l'omicidio Calvi, Flavio Carbone i suoi.
Nel contempo condannati il generale Ganzer e il maresciallo Giuseppe Del Vecchio per aver arrestato narcotrafficanti, onore rivoltato in onta per un cavillo linguistico.
Quindi condannate più forze dell'ordine per eccesso di zelo che massoni assassini.
Non facciamo che una sentenza di tribunale invece che la sede di un'auspicabile Giustizia, diventi il lavacro purificatore per la spazzatura.
La verità processuale è una cosa, poi ci sono le evidenze.

Anonimo ha detto...

"Dove finiscono i Serpico migliori? In galera."
http://www.cristianolovatelliravarinonews.com/archivio/articoli/decristofaro.htm
Ci vuole molto poco a far sembrare una cosa per un'altra, specialmente quando si è tutti d'accordo.

Anonimo ha detto...

Un nota politica italiana, di cui ovviamente non faccio il nome, tempo fa disse più o meno così: "Uno dei problemi del nostro paese è la scarsa credibilità del sistema giudiziario".

Anonimo ha detto...

Il sistema giudiziario e' bravo quando fa condannare chi diciamo noi. E' questo il punto.

Anonimo ha detto...

Ma che stai a dì.
In questo video c'è la presa per il culo di una persona a cui hanno sterminato la famiglia, per far "lavorare" uno degli "artisti" in scena.
Il responsabile è militare, è potente, è vivo, commette crimini d'ogni tipo ed è fuori di galera. Secondo il tuo criterio è innocente.

https://www.youtube.com/watch?v=QIEvVIYysUA

Anonimo ha detto...

H. 19.48
C'è chi è puro e giudica rettamente, e chi difende il proprio terrazzino.
Entrambe le categorie vedono bene che l'assoluzione di certi potenti non è sintomo di innocenza, ma solo di cordate occulte.
Sentire i vari ferrara e sallusti e di leo dichiarare che certi personaggi sono "innocenti" perché l'hanno svangata alla sbarra, fa un po' ridere, e anche un molto piangere.
Mentre è chiaro che mandare in galera tanti signori nessuno, per questioni di lana caprina, è un modo di usare il potere in forma ritorsiva e intimidatoria.

Anonimo ha detto...

venite a vedere a colle oppio è diventato invivibile, tutti i coatti romanari che vanno in centro vengono a parcheggiare lì, marciapiedi, aiuole, passi carrabili, portoni, cabine telefoniche, fontanelle, strisce pedonali, che je frega del parcheggiatore.
il romanaro pensa: si vado caa metro devo da pagà 1,50 x 4 persone, al parcheggiatore je dò un euro, tutta la vita la maghina

Stefano ha detto...

purtroppo il parcheggio di piazza Cavour è veramente caro. L'ultima volta che ci ho parcheggiato, per un pomeriggio di shopping, gli ho dovuto lasciare 13E...

Anonimo ha detto...

Non è stato risolto nulla. Ogni sabato e domenica e questo fino allo scorso week end di fine aprile una quindicina di parcheggiatori abusivi sparpagliati tra via delle tre fontane e viale dell'industria con arroganza ti vengono incontro minacciosi. Far west. Non ci sono parole.

ShareThis