Ora basta con affitti&mutui! Da domani occupiamo tutti, per chi lo fa una casa in regalo

27 agosto 2017
Nel nostro articolo di analisi dell'altro ieri mattina elogiavamo il Ministro dell'Interno Marco Minniti per il suo piglio risoluto, indispensabile per guidare con dovizia il dicastero posizionato sul colle Viminale; allo stesso tempo biasimavamo tutti i cittadini (e tanti politici tra loro) che si stracciavano le vesti descrivendo una seria e indispensabile operazione di polizia come una mezza specie di deportazione nazista.

Sulla gravità dell'atteggiamento dell'opinione pubblica ci tocca confermare e constatare ora i risultati, sulla fermezza del ministro purtroppo rischiamo di dover immediatamente ritrattare.

Purtroppo infatti l'incontrollata e immatura ondata emotiva che ci aveva convinto a scrivere ha avuto i suoi effetti. I peggiori, i più temuti. Il Ministro dell'Interno, evidentemente impressionato anche lui dai getti degli idranti (peccato che si tratti di una prassi normalissima), starebbe secondo fonti accreditate poi confermate direttamente dal Viminale emanando attraverso circolare a tutti i Prefetti - ma il provvedimento è destinato praticamente solo a Roma - uno stop agli sgomberi ammenoché non vi siano prima degli alloggi alternativi.

Avete capito benissimo: se occupi abusivamente un appartamento non tuo e ti ci stabilisci, invece di mandarti in prigione come accade in tutti i paesi del mondo civilizzato nessuno escluso, lo stato ti premia e toglie alla forza pubblica l'autorizzazione a sgomberarti (a premiarti già ci aveva pensato la Regione, e vi supplichiamo di leggere qui, ma si vede che non era abbastanza): o ti lascia lì in santa pace, oppure - se proprio deve venirti a sgombrare perché il proprietario privato insiste particolarmente (dite pure 'ciao' ai tanti immobili pubblici attualmente occupati, che sono il 90% del totale!) - prima deve trovarti, lui, un'alternativa. Un alloggio dove metterti. "D'ora in avanti non ci saranno più sgomberi senza che ci siano in campo altre soluzioni abitative" dice il senatore Luigi Menconi del PD presidente della Commissione Straordinaria per i Diritti Umani di Palazzo Madama e aggiunge: "è una soluzione di buon senso" facendo seguire questa affermazione (che vedremo quanto sia sbagliata in seguito) da una serie di gravissime sciocchezze in questa intervista a Radio Radicale. Dimostreremo come di buon senso non ve ne sia neppure l'ombra. 

Le cose si erano messe bene per chi immagina un futuro di rispetto, dignità, riscatto per i più deboli e legalità per Roma: uno stabile era stato liberato il 10 agosto (alcuni degli occupanti invece di sfruttare l'occasione per progettare una vita dignitosa, non necessariamente a Roma, seguendo i geniali consigli dei capoclan delle occupazioni si sono asserragliati dentro la chiesa dei Santi Apostoli, con le tende...) e uno stabile poi era stato liberato il 19 agosto (Palazzo Curtatone, appunto). Si era imboccato insomma un ritmo interessante, che grazie al risalto mediatico e all'indignazione facile moltiplicata dai social media ora si interromperà chissà fino a quando. E bisogna dire grazie solo a coloro che, facendo come abbiamo spiegato l'altro ieri il gioco della malavita e di chi sguazza nell'illegalità, hanno raccontato l'azione di Piazza Indipendenza come fosse una specie di nuovo G8 di Genova, come il capitolo secondo dei fatti della Scuola Diaz svoltisi 16 anni fa. Niente di più falso, come abbiamo dettagliato, ma la calunnia è un venticello, tu parla male e qualcosa resterà. E il Viminale ha dovuto prendere atto di una atmosfera poco favorevole alla legalità nell'opinione pubblica e, cosa gravissima, in gran parte del Partito Democratico, ovvero nell'azionista di maggioranza del Governo.

EPPURE TUTTI SANNO CHE LE OCCUPAZIONI SONO MALAVITA
Nonostante l'ottimo lavoro di analisi giornalistica emersa ieri e oggi in tutti e tre i quotidiani più letti in città (Repubblica, Messaggero e Corriere; il Tempo su questi temi aveva fatto invero ottimi approfondimenti già in passato) nei quali finalmente è emersa in ogni titolo la parola "racket" associata alle occupazioni, il Viminale riflette su un ammorbidimento degli sgomberi. Un ammorbidimento che ti fatto rischia di essere un autentico stop, una calata di braghe totale di fronte alla camorra delle occupazioni.

Perché parliamo di uno "stop". Perché con le nuove norme che il Viminale promulgherà domani stesso, basterà poco per bloccare qualsiasi sgombro, basterà ad esempio non predisporre alternative. Non bisogna fare nulla, è sufficiente stare immobili come fa il Comune di Roma e come ha fatto in questo ultimo anno. Se la circolare fosse stata in vigore già da qualche settimana, Palazzo Curtatone a Piazza Indipendenza non sarebbe mai stato sgomberato e riconsegnato ai legittimi proprietari. Ma a stare alle anticipazioni di stampa potrà succedere qualcosa di ancora più grave se questa circostanza si appaleserà: in presenza di Comuni reticenti, infatti, verrà dato al Prefetto il potere di requisire immobili pubblici inutilizzati per la bisogna. Insomma l'enorme patrimonio pubblico italiano finché si sono presentati investitori, società, fondi disposti a portare tanto denaro e a trasformare il degrado in alberghi, dimore, commerci, nuove architetture e occasioni di crescita, sviluppo e lavoro ha trovato la burocrazia e le Soprintendenze a bloccare tutto. Quando invece si deve regalare casa a chi ha deciso di vivere nell'illegalità si passa davanti a tutto per via prefettizia, ipotecando anche per il futuro qualsivoglia sfruttamento sano di immobili pregiatissimi che, da soli, potrebbero aggredire e risolvere il problema del debito pubblico e della crisi occupazionale ed economica. 

Si bloccherà quindi lo sgombero dei 16 edifici sui 74 censiti messi ormai da tempo (delibera 50 del 2016) in cima alla lista per pericolosità e urgenza. Magari in attesa che ci sia qualche altro morto misterioso a Via Carlo Felice (stabile di proprietà di Banca d'Italia peraltro pericolante, dove si rischia una strage), o qualche altro morto misterioso a Via di Santa Croce in Gerusalemme (enorme stabile di proprietà Inps) o qualche altro incendio devastante o qualche clamorosa esplosione chissà dove viste le condizioni di vita inaccettabili in strutture dove non ci sono per legge le possibilità di fare allacci del gas e dove dunque (tra le opacità che racconteremo presto) si procede come ormai sappiamo bene con le bombole del gas e tutti i rischi annessi e connessi.

INCENTIVO ALL'ILLEGALITÀ E PIÙ FORZA AI RACKET
Come avrete facilmente capito una circolare impostata come pare che la imposterà il ministro Minniti non avrà altro effetto che un devastante naturale incentivo alla illegalità. Invece di diminuire i reati e di combattere i racket come sarebbe nel suo ruolo, così facendo indirettamente il Viminale li incentiverà. Qualcuno potrebbe eccepire: guarda che poi le case le daranno solo a chi ne ha davvero titolo eh, mica a tutti quelli che trovano dentro le occupazioni. Anche se fosse vero (e non potrà esserlo perché di fatto chi aspetta regolarmente una casa da anni si potrà vedere facilmente passato avanti), già si parla di alloggi predisposti anche per chi è in graduatoria per una casa popolare. Che significa questo? Molto semplicemente significa che se stai aspettando una casa popolare e lo fai stando nella legalità, aspetti e speri, se invece stai aspettando a pieno titolo una casa popolare e lo fai infilandoti in un'occupazione abusiva nel momento in cui ti sgomberano passi avanti a tutti. Facile immaginare l'impatto che questo autentico sprone a mettersi fuori legge potrà avere. Ri ripete la situazione dell'accordo criminale del 2012, anni di Alemanno, scoperto poi dall'Unione Inquilini e raccontato dal procuratore Pignatone. Di fatto i capoclan delle occupazioni diventano quelli che indicano all'amministrazione a chi assegnare o non assegnare le case popolari. I racket, che si dice a parole di combattere, in realtà si trovano in mano un potere insperato. 

LA FUGA DEGLI INVESTIMENTI
A parte qualche pazzo (o carrozzato di doppi fini, o animato da utopistici propositi da mecenate) nessuno verrà più a investire a Roma nel settore dell'immobiliare. Peccato che se parliamo di real estate parliamo della prima industria di tutte le grandi metropoli, Londra non sarebbe Londra senza investimenti immobiliari, fondi, costruttori, immobiliaristi; New York non sarebbe New York e così via. È una industria decisiva e cruciale, che merita attenzione. A Roma, a causa di uno sviluppo edilizio da quarto mondo, si pensa che la costruzione della città sia roba da palazzinari, in realtà è la cosa più nobile e straordinaria che l'uomo moderno può fare. In realtà, inoltre, è l'industria che più di ogni altra dà lavoro proprio a quelle fasce deboli che attendono risposte: impiantisti, imbianchini, operai, muratori, maestranze. Oggi a Roma tutti fermi perché quel settore non si muove. Ma se a tenerlo bloccato sono le politiche forsennate e criminali del Comune (si pensi a cosa è successo sul progetto del nuovo Stadio della Roma, sulle Ex Torri dell'Eur, sulla Ex Fiera, sugli Ex Mercati Generali...), ora ci mette il carico da undici anche lo Stato. Quale fondo verrà ad investire comprando un edificio abbandonato o in disuso a Roma magari per trasformarlo in residenze, alberghi, commerci o uffici sapendo che il giorno dopo dell'acquisto gli potrà succedere quel che è successo alla Idea Fimit in Piazza Indipendenza? Il fondo immobiliare aveva comprato il Palazzo Curtatone, dopo poco tempo è stato occupato e liberato solo una settimana fa, dopo quasi quattro anni: un danno economico immenso che nessuno rimborserà alla proprietà.
Massacrare la già massacrata economia della città è un crimine sociale imperdonabile. 

E LA SICUREZZA? 
Il problema della sicurezza non è trascurabile. Nell'edificio affacciato su Piazza Indipendenza recentemente sgomberato a Via Curtatone erano, solo nell'ultimo anno, stati arrestati nuclei di persone poi rimpatriate e legate al terrorismo, erano stati individuati degli scafisti e così via. Si tratta di ricoveri naturali per chi ha qualcosa da nascondere, non ci vuole molto a capirlo. Rallentare gli sgomberi significa solo aumentare inutilmente il rischio a cui tutti i cittadini e i turisti sono sottoposti.

L'enorme rischio che si assume il Viminale è quello di invogliare nuove persone a infilarsi nelle occupazioni. Il rischio che si creino nuove occupazioni dal nulla, proprio in palazzi pubblici che sono quelli che si configurano come intoccabili. Il rischio di far apparire di grande appeal la scorciatoia dell'illegalità rispetto alla strada del rispetto del prossimo e della legalità. Al netto di gravi conseguenze sull'economia della città e sulla sua sicurezza, si tratta di un messaggio culturale e civile semplicemente devastante. 

VA BENE, MA QUINDI? COME FARE? Ma dunque cosa vuole fare Roma fa Schifo, continuare con gli sgomberi senza pianificare nulla? Senza prepararli? Senza allertare strutture e ospedali? Senza dare alternative a chi ne ha titolo? Assolutamente no, ma appunto: a chi ne ha titolo. 
Come si fa? Semplice: una delegazione (prefettura + comune + regione) si reca nella simpatica occupazione, parla con i ras del palazzo, spiega che nel giro di 60 giorni - senza sorprese e blitz alle 6 del mattino - si sgombera e invita ad organizzarsi e possibilmente far trovare il palazzo vuoto entro tale data, nel mentre si fa un accuratissimo censimento di chi occupa. Si scoprirà che solo una piccolissima percentuale degli inquilini ha davvero titolo e si lavora, a questo punto agilmente, su questi piccoli numeri. Allo scadere dei due mesi si prende possesso dell'edificio. Sarà vuoto, perché nel sopralluogo si sarà spiegato agli inquilini che chi si farà trovare dentro oltre il termine stabilito sarà posto in arresto. In caso contrario l'utilizzo delle forze dell'ordine per procedere non sarà  di certo individuabile come un abuso. Lo stesso, con una time line incessante, per tutte le occupazioni. Fino all'ultima. Vincono i proprietari degli immobili, vincono i più deboli finalmente seguiti dallo stato e non schiavi dei movimenti, vince soprattutto l'economia della città che proprio a quelle persone deboli e senza reddito potrà un domani dare una decisiva opportunità di futuro. Perdono solo i banditi, che però spostano tanti tanti voti e gestiscono tanti tanti soldi. L'alternativa? Questa...

36 commenti | dì la tua:

Bat21 ha detto...

Bravi. Siete gli unici che ragionano ormai. Scandaloso Minniti, scandalosa buona parte dell' opinione pubblica. Beato chi è emigrato da questo paese di folli

Anonimo ha detto...

A gennaio mi trasferiró definitivamente in Canada, dove ho trovato lavoro(pagato circa 5 volte quello che guadagno qui) e casa

Anonimo ha detto...

Che schifo! Qualche mese fa un terremotato fu multato perchè abitava in tenda vicino alla sua casa non agibile, mentre questi occupano edifici senza nessun titolo e magari ci sono anche condizioni ugualmente pericolose, ma gli basta fare un pò di manfrine in tv e tutti zitti. Ma perchè è così difficile applicare il fatto che la legge è uguale per tutti? Guardate che ai veri rifugiati gli alloggi, il cibo e le cure mediche le danno...Basta dormire svegliatevi!

Anonimo ha detto...

Sacrosante e ragionevoli parole del deputato PD.
Sul "giornalismo" alla RFS: se hai i nomi dei capiclan prego denuncia, se non li prego fare attenzione: bene che ti vada alimenterai un dibattito nel modo sbagliato, male che vada ti becchi una bella querela per diffamazione e buonanotte.

E questo è quanto.

Mirko Stella.

Anonimo ha detto...

In questo articolo si banalizza un concetto fondamentale che è al centro di delicati e complessi dibattiti, definire "chi ne ha titolo". Per il becero pensiero leghista e sempre più spesso del M5S, chi ne ha titolo è il rifugiato onu, cioè il 10% scarso dei richiedenti, gli altri possono essere tenuti fuori da qualsiasi diritto mantenendo la coscienza pulita. Si dimentica sempre che c'è un 40% circa che ottiene una protezione umanitaria, che non da gli stessi diritti dello status di rifugiato ma è legalmente riconosciuta. In più, ci sono i migranti economici, termine che viene quasi sempre stigmatizzato negativamente grazie all'incessante lavorio della classe politica a caccia di consensi facili. Aggiungiamo poi il concetto di nucleo familiare: all'interno di una famiglia qualcuno può "avere diritto" altri no. (ci sono delle famiglie lì dentro che hanno rischiato la vita per arrivare lì e i loro figli non solo adolescenti viziati che vogliono vivere in centro o erotomani che fanno sesso in piazza come incessantemente ricordato). Le famiglie che occupano abusivamente hanno impiegato anni a trovare un mezzo di sostentamento, il parroco che aiuta quando può, un lavoretto sottopagato in nero, il circuito assistenziale romano laico e religioso che fa un lavoro enorme per aiutare il più possibile. sbatterli a 100 km, se non è una deportazione ci assomiglia parecchio, perchè quel mondo invisibile di assistenza romano, nella piana reatina non esiste più. Roma ha un patrimonio immobiliare immenso che nemmeno gli amministratori conoscono con esattezza, questo è lo scandalo vero. Ci sono milioni di metri quadri in disuso e dimenticati (o usati come merce di scambio) che potrebbero essere utilizzati per l'emergenza abitativa, degli italiani e degli stranieri. Questo rende drammaticamente ridicolo il concetto di "lista di attesa" con relativa competizione tra italiani e non. Le case ci sono,e chi non può pagare potrebbe per un certo periodo lavorare facendo lavori utili (e ne avremmo estremo bisogno viste le condizioni pietose in cui versa Roma: si celebra l'assunsione di 30 giardinieri quando ne servirebbero 3000). Il racket va contrastato con ogni mezzo, quello si è che è sicuramente odioso e illegale, ma non si può fare di tutta l'erba un fascio, è banale e pericoloso proprio come demonizzare le ong che salvano le vite in mare dicendo che sono "colluse con gli scafisti e che fanno i taxi del mare". Chi va perseguitato è chi gestisce con dolo da decenni questo scempio delle case popolari "fantasma", patrimonio immenso che renderebbe ridicolo il problema di alloggiare qualche decina di famiglie in difficoltà. Ricordo che la stragrande maggioranza degli stranieri che versano alle casse dello stato otto miliardi di contributi l'anno, non rientrava in quel 10% e all'inizio non "aveva diritto" a rimanere qui.

Anonimo ha detto...

Ho dovuto lavorare nel deserto per quasi 20 anni per avere il mio piccolo appartamento, mentre questi arrivano da qualsiasi parte del mondo, e grazie ai servizi sociali, credono di avere diritto {non so se ridere, piangere, o abbandonare questo paese} di avere una casa gratis e lavoro.......ma in quale altro paese del mondo viene tollerata una idea simile? DA NESSUNA PARTE DEL MONDO. Chiudere i centri sociali!!!

Anonimo ha detto...

1:58 PM ma chi ha una casa gratis e lavoro? ma dove sta scritto. porta esempi PORCAMADONNA prima di parlare di disgrazie in modo così becero. tu hai casa giusto? bravo, non rompere i coglioni a chi non ha potuto permetterselo, perchè stai sicuro che se qualcuno occupa una merdosissima casa in coabitazione con altri disperati come lui non lo fa certo per divertimento, ma magari perchè ha avuto delle difficoltà nella vità. Ne abbiamo le palle piene di intolleranti come te in questo paese. Via dall'Italia!

Anonimo ha detto...

https://video.repubblica.it/dossier/immigrati-2015/saviano-smonto-10-bufale-sui-migranti/283341/283956?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P5-S1.8-T1

questo devi spararti in testa, non le cagate che leggi aggiro. barbaro!

Bat21 ha detto...

Bravo. Così dovrebbero fare tutte le persone decenti e produttive: votare con i piedi

Anonimo ha detto...

Sparati anche questo
https://www.loccidentale.it/articoli/145946/migranti-e-malattie-infettive-il-legame-ce-ma-dirlo-e-tabu
Ed è solo uno dei punti e comunque sei fuori tema, qui si parla di assegnazione case a gente che occupava illegalmente, non cominciamo a divagare e cambiare argomento, vedremo cosa verrà fuori nei prossimi giorni

Anonimo ha detto...

Cazzate. Merda intelluale. Un giornale pessimo l'Occidentale. Del resto, che ci si aspetta da un lettore di Tonelli? Una fonte autorevole?

https://www.unhcr.it/risorse/carta-di-roma/fact-checking/rifugiati-salute-dalla-tbc-alla-scabbia-dati-smentiscono-gli-allarmi-infondati

http://www.saluteinternazionale.info/2015/09/malattie-infettive-e-immigrazione-facciamo-chiarezza/

NO, l'Occidentale, un giornale destrorso de sta ceppa. Se ti fa piacere, codesta MERDA è riportata anche su altri ottimi giornali come Il giornale e Imola Today. Merda.


Tieni, leggi anche questo bel giornale del cazzo, che però stranamente confuta la tua tesi di merda

http://www.liberoquotidiano.it/news/salute-e-benessere/839151/salute-tbc-e-malattie-immigrati-sani-ma-arrivati-in-italia-aumenta-rischio.html

Ma perchè sto parlando con un razzista come te? Perchè parlo con chi dovrebbe andare a spalare la merda in uno di quei paesi e poi tornare chiedendo scusa?

Anonimo ha detto...

Che bello, bravo minniti!!! Aumenta la forbice sociale!

Cosi avremo le solite famiglie di miliardarie e svariati milioni di schiavi! la classe media azzerata e schiacciata da una massa di poveracci ignoranti e incarogniti!

Anonimo ha detto...

Ma sticazzi delle case popolari, Qui manca il lavoro.

Se c'è un edificio vuoto deve diventare qualcosa di produttivo, in maniera che i CONTRIBUENTI (gli unici in grado di far progredire una società) possano pagarsi la propria casa. Benvenga l'hotel di via curtatone, benvengano tutti gli investimenti.

Le case popolari non servono a un cazzo se non a creare degrado, a distruggere la vita di persone che vengono considerate solo mera carne da macello elettorale.

Anonimo ha detto...

Vi ricordo che Minniti è comunista.

Anonimo ha detto...

"Avete capito benissimo: se occupi abusivamente un appartamento non tuo e ti ci stabilisci, invece di mandarti in prigione come accade in tutti i paesi del mondo civilizzato nessuno escluso, lo stato ti premia"

ma cosa stai dicendo? in altri paesi europei esistono palazzi e strade occupati, la polizia interviene con sgomberi (ma che arresta? chi ti arresta?) in genere dopo che la municipalità ha già disposto alloggi alternativi (generalmente in zone più periferiche).

tonè ti piacerebbe che la gente venisse presa ed arrestata così! "avete capito benissimo" ahah ma tua nonna!

che pena sto blog, stronzo io che ci scrivo - mai più - ha ragione zerocalcare, siete voi la peggiore espressione di questa città

Anonimo ha detto...

Non è giusto lasciare queste persone in strada oppure relegarle in laide periferie. Non è che uno fa tutta quella strada, correndo rischi inauditi, per se e per i propri cari, per poi andare a abitare a Boccea o a Torre Angela. Bisogna dargli una sistemazione decorosa come hanno i radical chic romani!!

Anonimo ha detto...

Bat21 i conti facciamoli alla fine. Questo decreto ammazza completamente gli affitti. Tu affitteresti con un inquilino che se diventa moroso non lo puoi sloggiare? Sai quanti si incazzano? E le banche che hanno in pancia gli immobili in sofferenza non diranno niente? Un po' di ottimismo, se la gente è cretina vuol dire che finirà male nel tempo. I buoni vincono alla fine. GTFI

Unknown ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ignazio Leotta ha detto...

Mi spiace ma avete toppato. Il ministro Minniti ha spiegato chiaramente che gli alloggi saranno assegnati agli sgomberati che ne hanno diritto, quindi profughi riconosciuti in attesa di riconoscimento ma anche assegnatari di case popolari che non l'hanno mai ricevuta, a Roma sono tanti, non c'è niente di strano, mi sembra anche giusto e le leggi in tal proposito ci sono da anni, l'unica differenza è che saranno dati più poteri ai prefetti questo per aggirare i sindaci inerti ed imbambolati. Quindi è il contrario, il ministro sta cercando di imporre gli sgomberi che almeno a Roma non sono mai stati veramente fatti.

Anonimo ha detto...

Con questo decreto / ordine ai prefetti voglio vedere chi affitta casa a qualcuno. Quindi i prezzi delle case scenderanno ancora e le banche saranno ancora di più in sofferenza con gli immobili che hanno a carico. Qui qualcuno più forte di questi parassiti interviene e riporta l'ordine. Mi tocca sperare di farmi difendere dalle banche. Prossimo giro alle elezioni si ride, cari radical chic. GTFI

Anonimo ha detto...

Questo decreto è una merda totale, voglio proprio vedere se a zurigo, a monaco di baviera, a londra , ad amsterdam o a sidney esistono zone grigie del genere.

Eppure queste città sono quelle dove i nostri giovani (e meno giovani) vanno a trovare lavoro perchè li è possibile investire, senza politiche cattocomuniste in mezzo ai coglioni.

Bat21 ha detto...

1922 pm i buoni vincono alla fine perché vanno a vivere in Canada o in paesi civili simili come l amico di cui sopra. Per gli altri rimane un paese destinato sempre di più al fallimento e vedrai che andando così ci arriveremo abbastanza velocemente. I buoni vincono se possono condizionare la politica del paese, qui sono in clamorosa minoranza.

Bat21 ha detto...

Ecco http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-07-06/oltre-250000-italiani-emigrano-all-estero-erano-300000-dopoguerra-094053?fn=srchFd&id=SEARCH%2FNEWS24%2FAEuX6nsB&refresh_ce=1

Anonimo ha detto...

Accorciate gli articoli

Anonimo ha detto...

Articolo ineccepibile! Si centrano in pieno le responsabilità, che sono tutte del nostro governo abusivo benedetto da zio Silvio. Il primo articolo dopo un anno in cui mi ritrovo pienamente, e che non addossa tutti i mali alla Raggi, a Grillo e Casaleggio! Anzi dopo le parole di Di Maio bisogna iniziare a pensare seriamente di votare 5stelle e sperare spariscano per sempre certi personaggi

Anonimo ha detto...

Fare un post così attizza animi basandosi solo su un si dice, senza aver letto il decreto è da stronzi.
Gli stessi che osannarono la Raggi e crocefissero Marino e che ora crocefiggono la Raggi e osannano Marino.
Siete merda

Anonimo ha detto...

Invece io penso che devi andare via te e i tuoi amici maroccaglia. La casa ve la pagate, se non vi sta bene andate a Cuba. Se occupi casa mia o ci pensa la polizia o entro con la doppietta. GTFI

Anonimo ha detto...

Invece io penso che devi andare via te e i tuoi amici maroccaglia. La casa ve la pagate, se non vi sta bene andate a Cuba. Se occupi casa mia o ci pensa la polizia o entro con la doppietta. GTFI

Anonimo ha detto...

Tutte seghe. La proprietà privata va tutelata. Punto. Senza se, senza ma, senza giustificazioni che non ci interessano. Al 99,99% della popolazione residente e che PAGA le tasse sta bene così. Se non ti sta bene vai a Cuba. Se uno occupa si sgombera, altrimenti se lo stato non mi aiuta
si torna al FAR WEST e se uno mi toglie una cosa mia, mi invade, mi fa guerra e io lo accoppo e la riprendo.
GTFI

Anonimo ha detto...

Chi va via non è più italiano. I suoi figli parleranno lingue diverse, non saranno italiani. Sposeranno stranieri, diventeranno altro. Nulla di male. Ma non saranno più italiani. Comunque Grillo è un imbecille, ma una cosa intelligente l'ha detta. Se non ti sta bene nessun partito devi fare politica tu. Presenti le tue idee, fai una lista civica, proponi e vai avanti. E noi dobbiamo smettere di votare il meno peggio perché la sinistra rispetta l'ambiente e ruba coi migranti e destabilizza con sti immigrati, la destra rispetta l'ordine pubblico ma crea giungle di cemento, M5S sono degli inetti. Votiamo liste civiche di quartiere, gente che s'impegna e con proposte che vogliamo. GTFI

Anonimo ha detto...

ho 25 Anni di MUTUO e nello sesso mio stabile abitano famiglie ospitate dal comune che non paga il condominio... andiamo avanti con decreti ingiuntivi e anticipando gli ammanchi... situazione insopportabile anche perchè vi assicuro che le famiglie che il comune ospita non se la passano niente male...!!!
Ho avuto anche io la possibilità di occupare ma la mia coscienza me lo ha impedito ed oggi mene pento amaramante.

Anonimo ha detto...

Però tu hai il privilegio di avere un lavoro e loro no!

Anonimo ha detto...

Il lavoro è un diritto e non un privilegio.

Anonimo ha detto...

il lavoro se ti dai da fare lo trovi.
Ovviamente per avere lavoro devono esserci investimenti, che difficilmente vedremo in futuro se prepariamo una situazione degna di mogadiscio nel 93...

Anonimo ha detto...

DOMANI VADO ANCHE IO AD OCCUPARE UNA CASA, MANDO VIA I MAROCCHINI CHE STANNO GIA' DENTRO E CI VADO IO E I MOVIMENTI PER LA CASA INSORGERANNO PERCHE' IO SONO ITALIANA ED HO DIRITTO DI PRENDERMI CASA PRIMA DELLE SCIMMIE

Anonimo ha detto...

CONTINUATE A VOTARE PD,VI TOGLIERANNO PURE LA CASA...

ShareThis