Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?

9 dicembre 2016

Ieri il sindaco di Roma ha inaugurato uno degli alberi-di-Natale-di-Piazza-Venezia più insulsi, spelacchiati e tristi di sempre. Invece di sollecitare spirito festaiolo, la povera conifera - peraltro collocata in una vergognosa rotonda automobilistica: i 5 Stelle dovevano cambiare tutto dunque perché riconfermare la location? - fa venire solo una gran senso di depressione facendo passare la voglia di fare acquisti, compere e istigando a portare i propri soldi altrove. Buio, sciatto, male allestito, senza un'idea o uno spunto creativo, l'abete è comunque motivo d'orgoglio dell'amministrazione (questa foto orrida usata per il confronto non è stata divulgata dai poteri forti ma postata dalla simpatica Virginia Alemanno sul suo profilo). Perché "per realizzarlo abbiamo speso solo 15 mila euro". Già, ma se il risultato che hai è un danno d'immagine, assolutamente controproducente, allora i 15 mila euro sono pure troppo, sono perfino soldi buttati: era meglio non far nulla. L'alternativa non è tra il fare le cose sprecando o il farle risparmiando; l'alternativa è piuttosto tra il fare le cose bene, sperando e auspicando che abbiano un ritorno in termini di immagine e quindi economico, e tra il farle male. Se si devono fare male è meglio non farle affatto; e il nostro albero di Natale è fatto male. Per carità, rispecchia le condizioni della città e in questo è sincero, ma resta comunque la totale inadeguatezza.






Il giorno precedente, tradizionalmente per Sant'Ambrogio, anche a Milano è stato acceso l'albero di Natale principale, in Piazza Duomo (un'isola pedonale, non una rotonda autostradale). L'albero è scintillante e quasi impressionante per dimensioni. È stato inaugurato dopo una grande festa, la piazza gremitissima, spettacoli di teatro e danza, i ragazzi del Coro dell'Antoniano a intonare canzoni natalizie e migliaia di telefonini ad immortalare l'accensione.







Qualcosa come 28 metri di altezza, 54mila luci, 400 palle di Natale, 6km di cavi. Ma quindi il Comune di Milano è più spendaccione di quello di Roma e vuole buttare i soldi di chi paga le tasse in facezie? Fermo restando che queste non sono meramente spese bensì investimenti sull'immagine della città e dunque sulle sue potenzialità di riuscita economica, bisogna comunque dire che no, il Comune di Milano non spende di più. Il Comune di Milano semplicemente fa ogni anno una gara e assegna la realizzazione dell'albero - su sua supervisione, chiaro - ad una grande realtà privata. Quest'anno è Pandora, la multinazionale nordeuropea dei gioielli. Chiaramente queste società portano non solo il beneficio economico di sponsorizzare l'operazione, ma anche tutto un expertise sul mondo degli eventi. Grazie a Pandora insomma l'operazione-albero di Natale girerà moltissimo sui social, diventerà una destinazione, contribuirà a fare branding della città di Milano nel mondo. Ci guadagna il marchio Pandora, ci guadagna il marchio Milano. E dunque tutti i milanesi nessuno escluso.
Naturalmente a Milano questa esperienza non è la sola. L'albero in Galleria - straordinario coi suoi giochi di luce - è pagato da Swarovski, quello a Piazza Gae Aulenti da Esselunga e quello alla Darsena da Vodafone. Tutto a costo zero per l'amministrazione che, al contrario, incassa soldi e campagne pubblicitarie internazionali che mai si sarebbe potuta permettere e che fortificano l'awareness globale della città senza che Palazzo Marino metta un centesimo. Ecco che così i 15mila euro della Raggi, raccontati come virtuosi, diventano viziosi, sciocchi, stupidi. Ridicoli.

Tutta l'operazione Pandora, poi, ha un punto di caduta assolutamente benefico e charity. Pandora punta a far crescere la consapevolezza del pubblico con una campagna che punta a fare attenzione quando e come si consuma. E dove. Un bel lavoro sul concetto di "donare" che gira con un hashtag sulle reti sociali e ha come punti fissi i tanti store Pandora.

Tornando a Roma, qualcuno pensa che potremo persuaderci del fatto che il nostro albero ottempera alle mitologiche leggi delle Tre Erre così bene enunciate dalla nostra sindaca al momento dell'inaugurazione: Riduzione, Riciclo, Riuso. Tutto benissimo, se non ci fosse una quarta R: Ridicoli!

156 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Perche' a Roma abbiamo eletto la sciatteria come unica regola d'arte.

Fuoi tema: morte della povera studentessa cinese. Nessun genitore con sale in zucca farebbe studiare un suo figlio nella Capitale piu' mediocre d'Europa: questo e' quello che puo' avvenire.....

Anonimo ha detto...

E naturalmente il confronto tra Roma e Milano non è affatto condizionato dal tipo di fotografie che scattate, dal soggetto, dall'apertura di campo e dai ritocchi. A Roma fotografate le cose più brutte, in dettaglio, sgranando l'immagine e mettendola a fuoco in modo grossolano; a Milano (e altrove) prendete le fotografie da brochure turistica. E secondo voi sono tutti coglioni come il pubblico ideale a cui pensate di rivolgervi.

Anonimo ha detto...

Nessun genitore con sale in zucca farebbe studiare un suo figlio nella Capitale piu' mediocre d'Europa: questo e' quello che puo' avvenire..

Infatti non ci viene proprio nessuno, a studiare a Roma. Abbiamo solo l'ateneo più affollato d'Europa, il maggior numero di studenti fuori sede in Italia, e il numero maggiore di accademie straniere al mondo (ovvero di gente che viene a studiare arte, lingua e cultura). In cambio, abbiamo tanta gente che ha interiorizzato la mentalità provinciale per cui "nessuno verrebbe a Roma".

Anonimo ha detto...

questo continuo confronto è diventato ridicolo

Anonimo ha detto...

a Roma abbiamo eletto la sciatteria come unica regola d'arte

commenti da sbadiglio... tutti uguali, sempre la stessa solfa...

Anonimo ha detto...

Volete applicare una mentalità "imprenditoriale" ad una mentalità "assistenziale". Roma non è a caso anche la capitale degli impiegati statali

Anonimo ha detto...

@ 11:33

Si, l'Ateneo piu' affollato d'Europa pieno di figli di ricchi indiani, cinesi, russi, americani o tedeschi. Stanno tutti a Roma e non a Londra o New York.

Anonimo ha detto...

Romaniiiiiii!

Anonimo ha detto...

Nell'articolo non ci solo le foto. Ma andate a vederlo. Come fa ad essere costato 15.000 Euro? Soldi buttati. La sciatteria dei romani è senza limiti. Città senza speranza.

Anonimo ha detto...

11.33,

che la Sapienza abbia più iscritti degli altri atenei europei (quasi 170.000) non è un merito, ma è un fatto. Che solo a Roma ci siano 54 accademie straniere, in cui la gente viene a studiare, non è un merito, ma un fatto. Significa semplicemente che a studiare a Roma viene tanta gente, e non c'è nessun motivo di dire il contrario; che poi studino bene o male è un altro discorso. Cosa c'neri NY con l'Europa, poi, mi sfugge (e a breve, anche cosa c'entri Londra).

Anonimo ha detto...

Naturalmente, fotografare l'albero di Valentino no, vero? Mi pare chiaro, essendo bello non va fatto vedere (faziosità all'inverso: l'unica, vera, irriducibile specificità di Roma).
Se fosse a Milano, avremmo decine di foto delle luminarie, e il titolone sarebbe: "mentre a Roma sprechiamo soldi pubblici per le decorazioni, a Milano i giganti della moda abbelliscono la città". Ma andate a cagare, buffoni.

Anonimo ha detto...

MA sticazzi dell'albero di natale Tonè.

Anonimo ha detto...

Tonelli: "A ME 'O PRESEPE NUN ME PIACE!"

Nick ha detto...

A Bari! Non a Milano! Hanno un bellissimo albero di Natale e un bel mercatino con casette di legno! Le feste ben vissute sono il sale dell'appartenenza ad una comunità!

Anonimo ha detto...

Un albero, quello di Roma, che da subito l'idea di una città cupa, buia, infelice come e' la Roma di oggi, perfettamente rappresentata da quello schifo di persona quale e' la Raggi che ne e' degna sindaca; viceversa quello di Milano, pur non essendo poi alla fine un granché, in confronto a quello di Roma offre subito un idea di altra città, di una realtà più viva e sicuramente molto più attiva rispetto a quel mortorio di Roma, città che ha voluto, grazie alla stupidità dei suoi abitanti, la via della decrescita, del poraccismo e della decadenza.

Anonimo ha detto...

Okok hai ragione, ora prendi le tue goccine su!così diventa tutto più bello

Anonimo ha detto...

Chiaramente tutti guardano all'alberoe non al ragionamento economico/politico di coinvolgere le forze imprenditoriali o come al solito elargire una mancia politica...

Sulla Sapienza: al di la del fatto che non c'entri un cazzo, la sapienza sara' la piu grande universita singola d'Europa, ma grazie all'immigrazione meridionale. Non alla stimolazione di studenti stranieri. E poi ancora co sta storia che e' grande quindi e' buona/bella. Per le universita e' quasi sempre vero il contrario

Anonimo ha detto...

Nel dicembre 1949 quando iniziò il Giubileo (vero, non quello appena concluso), dei tedeschi volevano donare un piccolo abete al Papa. I giornali dell'epoca scrissero che a Roma l'albero di Natale non piaceva perché era un'abitudine del nord Europa e da noi c'era il presepe.

Anonimo ha detto...

Per quanto riguarda il valore dell'università la Sapienza direi di dare un'occhiata alle classifiche internazionali

http://www.uniroma1.it/archivionotizie/la-sapienza-tra-gli-atenei-top

Strano che sia sempre in testa in Italia, vero? Saranno tutti fessi gli stranieri che fanno le classifiche?

Anonimo ha detto...

12:08 anche il tuo cervello a quanto pare ha scelto la via della decrescita.

Anonimo ha detto...

Una notizia "simpatica" sennò solo depressione

http://newsgo.it/2016/12/multati-venditori-ambulanti-di-fiori-in-zona-vescovio-e-trieste/

Anonimo ha detto...

L'ho visto al mattino. Spelacchiato e mezzo storto....simbolo di una citta' in crisi di identita'...intanto, dopo l'americano a Trastevere, e' stato trovato morto un altro studente...finquando non interverra' il Governo con misure straordinarie ad hoc x Roma (stop clandestini ed esercito in ogni quartiere), credo che la Capitale abbia un destino segnato al degrado

Lanzo ha detto...

Milan l'e' pu' !

Anonimo ha detto...

Adesso dovete rompere le scatole per qualsiasi cosa?
Tanto non ce lo dimentichiamo che in campagna elettorale avete invitato a votare per questa banda di cialtroni.
Il che fa di voi dei super cialtroni.

Lanzo ha detto...

A parte che (e me ne vergogno) mi e' subito venuto in mente il titolo del film di Verdone... C'era un cinese in coma (lo metto per i millenials) di solito i cinesi mandano i figli a studiare in California, dove si parla inglese ed e' anche piu' vicina, magari sara' meglio di Tor Sapienza delle universita' ammeregane non discuto, dove sta' poveretta studiava. Ho l'impressione che che il fattaccio ha troppi punti oscuri, che manco sto ad elencarli. Diciamo che alla versione: mi scippano/rubano la borsa quindi logicamente li inseguo sui binari di una ferrovia, uno scricciolo di ragazza poi.

Anonimo ha detto...

La foto dell'albero spelacchiato l'ha postata la Raggi sul suo profilo FB, nessun GOMBLOTTO, solo una pessima comunicazione per una pessima iniziativa

Anonimo ha detto...

Da una parte le iene e la loro mefiaset attaccano la raggi perché non elargisce tende agli immigrati non regolari, e dall'altra parte lei li fa identificare disincentivandone così l'arrivo. I politici dei partiti, col loro perbenismo, cosa avrebbero fatto al suo posto?

Anonimo ha detto...

@ 12:33 PM No guarda, mi sa che ti sbagli, e' il cervello tuo che ha scelto la via della decrescita "felice", come la maggioranza dei romani che hanno fatto diventare questa città la roccaforte del grillismo, e si sentono come te degnamente rappresentati da un sindaco down quale e' la Raggi, che a te penso piaccia tanto pure perché fate entrambi parte delle cosiddette categorie protette.

Anonimo ha detto...

Quanto alla scelta della Piazza è stata la stessa negli anni precedenti:
cioè Piazza Venezia.Per il resto Roma si è sempre distinta per la scarsa fantasia non solo rispetto a Milano,ma anche alle altre città italiane ed europee, per addobbi natalizi.

Anonimo ha detto...

Quanto alla scelta della Piazza è stata la stessa negli anni precedenti:
cioè Piazza Venezia.Per il resto Roma si è sempre distinta per la scarsa fantasia non solo rispetto a Milano,ma anche alle altre città italiane ed europee, per addobbi natalizi.

Anonimo ha detto...

Guarda,hai ragione! Purtroppo però l'albero a Roma è VERAMENTE uno schifo..peccato che non mi sembra uno scandalo come vorrebbero farlo passare

Anonimo ha detto...

Le vostre considerazioni su Milano sono giuste,tuttavia dovete avere l'onestà intellettuale di ammettere che questa intelligente operazioni della giunte milanesi a Roma non è mai avvenuto con nessun sindaco.

Anonimo ha detto...

All'anonimo delle 11.32 "condizionato dal tipo di fotografie che scattate, dal soggetto, dall'apertura di campo e dai ritocchi".

Ok hai ragione fatti un giro qui:
https://www.skylinewebcams.com/it/webcam/italia/lombardia/milano/duomo-milano.html

e poi guarda questo:
https://www.skylinewebcams.com/it/webcam/italia/lazio/roma/piazza-venezia.html

Tutti ritocchi? Apertura di campo? (nemmeno sai di cosa scrivi). Informarsi prima di parlare? Mai, per carità!

Anonimo ha detto...

3.37,

mi sono perso dei passaggi, ma passo metà della settimana a Milano.
E quindi (informarsi prima di parlare) so che in piazza del Duomo ci sono anche i barboni che dormono sotto il colonnato (verso San Babila), i tunisini che truffano i turisti con il trucco delle fotografie con i piccioni, gli immigrati che vendono braccialetti lungo corso Vittorio Emanuele, eccetera. Inquadrarli o meno è una scelta precisa. Intorno al perimetro del Duomo ci sono otto camion bar: uno (ma sicuramente lo sa, visto che ne parli) è proprio a ridosso della parete del Duomo, sul lato della Galleria (dove cadono pezzi di cornicione 3-4 volte l'anno: ma saprai anche questo). Ci vorrebbe poco a piazzarsi dietro il camion bar e riprenderlo in primo piano, con il monumento sullo sfondo. Tra fare una foto così e una ripresa dall'alto, c'è una differenza ovvia.

Anonimo ha detto...

Giunta scrausa albero scrauso

Anonimo ha detto...

perchè l'albero di roma è HONESTOH!!!1!

Anonimo ha detto...

che amarezza

Anonimo ha detto...

Si OK è davvero osceno, ma avete notato che a Milano è stato completamente sponsorizzato da pandora e qua a Roma è stato completamente schifato da tutti?

Anonimo ha detto...

fanno schifo anche questi?
http://roma.corriere.it/foto-gallery/cronaca/16_dicembre_09/san-pietro-si-accende-albero-natale-d4d7c066-be35-11e6-b49e-d6d34448037e.shtml
http://www.grazia.it/moda/news-moda/valentino-roma-albero-natale

come al solito, un pacco di cazzate pretestuose.

Anonimo ha detto...

Vabbe', contenti voi. Qualcuno (i miei amici milanesi di Porta Romana, per dire) potrebbe rispondervi che da quella che deve essere la città del design ci si aspettano scelte più sofisticate, e non l'albero convenzionale, come se fossimo negli anni '80. E peraltro nessuno di loro va in piazza del Duomo, che è buona giusto per i russi e le scolaresche. Se volete prendere ad esempio Milano, e per alcune cose avrebbe senso, almeno fatelo a ragion veduta, e non con queste idiozie.

Anonimo ha detto...

Ammazza oh, quello del condominio mio è moooolto meglio.
Più che grillina, direi Sparagnina ;-)
Però una cosa c'è da dirla: se non ci facevate vedere le foto di Milano, NESSUNO se le sarebbe andate a cercare e NESSUNO ci sarebbe rimasto male.
Una specie di Matrix alla vaccinara: chiusi nel nostro Raccordo Anulare tutto ci sembrerebbe "belizzimo", poi arriva Morfeus/Tonellus che ci da la pillolina rossa e ci fa svegliare ;-))

Anonimo ha detto...

A me sorprende tutto questo stupore da parte di RFS circa la differenza dell'albero di natale tra Roma e Milano.Ma questa è una vecchia storia,basterebbe visitare in questo periodo pre natalizio le diverse città italiane per rendersi conto delle marcate diversità che si hanno in merito alle luminarie. Purtroppo Roma è da sempre poco sensibile a promuovere e sponsorizzare una città attraverso questo strumento.E diciamo la verità,almeno questa volta la Raggi non ha alcuna responsabilità.

Anonimo ha detto...

8:02, io ho visto l'albero di Piazza Mignanelli e quello al Duomo (eh sì, oltre il GRA), e non c'è confronto. Molto meglio il primo, per quello che vale.

Anonimo ha detto...

8:02, ci starai tu chiuso nel tuo "raccordo anulare", in una "matrix alla vaccinara" dove tutto è "bellizimo". Io parlo e scrivo in italiano, non so nemmeno cosa significhino le parole che usi tu.

Anonimo ha detto...

Organizziamo un flashmob: io e mio cugggino portiamo la gru e insieme a qualche volenteroso se 'nguattamo nottetempo l'albero di Piazza Mignanelli e, taaaac, glielo piazzamo proprio sotto al balcone di "quandoceraluicarolei".
E l'abetone scrauso da 15000 pippi lo facciamo compostare alla Muraro hi hi hi hi

Anonimo ha detto...

8:14
ma fattela una risata ogni tanto

Anonimo ha detto...

Si te piace così tanto Milano, trasferiscete. Tutti i giorni vai a guarda' l'alberello, te compri un po' de roba de Pandora ar centro commerciale che te piace tanto e la smetti de attacca' pretestuosamente tutti i giorni chi ha trovato una città co' le pezze e sta a cerca' de fa' qualcosa. Dopo una settimana avevi già cominciato a spara' idiozie (Virginia alemanno è davvero epiteto degno di un Gasparri qualsiasi) sostenuti dalla mandria di troll piddini e ffascioleghisti che vi hanno sempre fatto da pubblico. Milan l'è semper un gran Milan!

Anonimo ha detto...

il nostro fa schifo perche' e' rapportato al govrno di roma

Anonimo ha detto...

Tonelli fatti na canna che ti rilassi...

Ziu Zirconi ha detto...

Ragazzi non è questione di foto, anzi dalle foto sembra pure più bello di quello che è. Ed è pure sbilenco. Gli addobbi natalizi di Buggerru sono più belli

Anonimo ha detto...

Se c'è qualcosa che fa pietà, siete voi. Con tutti i miliardi di debito che ha Roma , grasso che cola che c'è almeno quello di albero

Ziu Zirconi ha detto...

Signor "Milardi di debito", ma i 15000 euro per quel "pollo alla piastra di Elisabetta Canalis" in versione albero di Natale chi li ha spesi? Babbo Natale?

Enrico Gori ha detto...

L'avete sostenuta e votata, cari gestori del sito: tenetevela :)

Anonimo ha detto...

quoto

fracatz ha detto...

quant'è pacchiano quell'albero meneghino

Anonimo ha detto...

Va beh, ma non c'è altro di cui parlare.

Anonimo ha detto...

Tonelli invece di stare qua a fare il figlio di casa cupiello alza le chiappe e vai ad addobbarlo ahahahahah

Anonimo ha detto...

Sobrietà Tonelli, sobrietà perdincibacco!
Quello di Milano è una pacchianata!

Consuelo Polimeno ha detto...

Più bello di quello di Milano quello del Rockefeller Center New York. ...cmq vero...quello di Roma fa vagare davvero 😨😱😱😱

Anonimo ha detto...

Co' 15000 euri i cinesi de facevano albero con presepe di un ettaro e cascata artificiale che partiva dal vittoriano

Anonimo ha detto...

aho ma fattela na sgobada, anacapito.
riomani, questo vi meritate, basta vedere come guidate,
comunque, sei mesi di NULLA TOTALE, manco una carta raccolta, in periferia.
Il m5s una delle piu grandi fregature politiche degli ultimi venti anni.
So per certo che, almeno 5 persone, non voteranno piu i 5 stelle.

FATTELA NA SGOBADA, AHO. FORZA RIOMA. TOTTIGOL.

Anonimo ha detto...

Piazza San Pietro è territorio straniero.

Anonimo ha detto...

Mo vabbè mettese aammirà Milano pure pell'arbero de Natale...che palle...che trip inutile....invidiamo Milano per il TPL e per un verde che c'è invece di avere l'spetto del verde di Aleppo ora o di Sarajevo nel '94 come il nostro, è un verde curato..eppure rubbano pure loro eh?

E' che loro rubbano intelligentemente...noi che se volemo rubbà? ee galline, ciartroni come semo...


Tramvinicyus

Anonimo ha detto...

ma fattela una risata ogni tanto

Spesso, quando qualcuno dice qualcosa di divertente. Il che esclude le tue sciocchezze.

Anonimo ha detto...

1:04, quindi San Pietro è a Roma solo quando ci rompono i coglioni con gli eventi di uno Stato straniero che paralizza la città? Facciamo così, una volta per tutte è territorio straniero: si riprendano l'albero, ma anche tutto il resto, e inizino a pagare IMU, Tari, e tutte le tasse che non pagano.

Martina ha detto...

Quando ho visto questo post quello che scrivevi brutto pensavo fosse quello di destra in foto..così pieno di luci da essere kitsch, però per un giudizio finale mi riservo di vedere quello romano dal vivo. Comunque sta cosa di sponsorizzare tutto non mi piace molto..vedi che succede ai vari palazzi storici romani? La città è incartata di pubblicità e nessuno lavora dentro le impalcature. Mah..

Anonimo ha detto...

Blogger Ziu Zirconi ha detto...
Signor "Milardi di debito", ma i 15000 euro per quel "pollo alla piastra di Elisabetta Canalis" in versione albero di Natale chi li ha spesi? Babbo Natale?

dicembre 09, 2016 10:11 PM

Le sembrano tanti? E le precedenti amministrazioni tra appalti e sub-appalti , quanto spendevano?

Cip ha detto...

Articolo-marchetta per la multinazionale.

Anonimo ha detto...

La poraccitudine al potere.

Anonimo ha detto...

Senza dubbio la multinazionale porta qualità, il pubblico sciatteria. Era così anche quando non avevamo il debito che abbiamo ora, figuriamoci adesso che le casse sono vuote.

Anonimo ha detto...

Guarda che a noi a Milano i camion bar non danno nessun fastidio, le caldarroste ci fanno solo piacere, se poi danno fastidio a te sarà un tuo problema non nostro. Puoi anche andare da un'altra parte se non ti piace qui.

Tiziana Curti ha detto...

l'albero di Roma è terribilmente brutto da qualsiasi angolazione lo si guardi , non ci sono state feste ne' musiche il Natale più triste che Roma ricordi, e questo è davanti agli occhi di tutti

Anonimo ha detto...

Fatti aiutare da uno specialista. Ne hai davvero bisogno.

maurizio ha detto...

Tutti uguali ma così veri! La mediocrità al potere.

Anonimo ha detto...

Anonimo 11.32: quindi tu, di tutto l'articolo, hai capito solo che l'albero di Milano è bello e quello di Roma è brutto...e contesti la fondatezza di questo FATTO. Dei soldi spesi, dell'investimento e dell'indotto, del ritorno d'immagine, non hai capito nulla, pare. Fammi indovinare: voti 5 Stelle? O magari SEI in giunta a 5 Stelle?

Anonimo ha detto...

15 mila euro un albero di natale? Ossia un abete che al rivenditore non costa praticamente niente, e quattro casse di addobbi cinesi?
Meno male che è Natale solo una volta all'anno, sennò le decorazioni natalizie sarebbero il nuovo business della mafia, e ci sarebbe un albero di Natale a ogni crocicchio, insieme ai castagnari a ferragosto.
Comunque quello di Milano è una burinata tremenda, sembra l'albero di Natale della Rinascente.
Quello di Roma è un tantinello asfittico (ovviamente la ditta avrà fatto la cresta a modo suo), ma è di concezione molto più elegante.
Non parliamo poi del pannellaggio rosa shocking sotto l'albero di Milano, e delle sbandieratrici in stile mediaset.

Anonimo ha detto...

Se avesse speso 100 mila euro per un mega bagolaro di Natale con il tesoro degli Sterbini pendente a ogni frasca e sotto quattro cartelloni pubblicitari, sarebbe scattata la gogna per lo sperpero, con l'aggravante dei futili motivi, e l'indignazione per la cartellopoli al centro di una piazza monumentale.
Milano invece va bene per queste cose.
Perché Milano non ha più niente di bello. Deve avere i negozi, deve avere i cocktail bar, deve avere i mezzi pubblici che spaccano il secondo, deve pur avere una ragione di esistenza urbana.
Come scriveva Zola, "Roma è una falsa capitale".
La capitale di una nazione dovrebbe essere un brutto e lercio posto dove si possono fare programmi industriali e affari, e mettere in piazza tutto il circo della promozione commerciale.

Anonimo ha detto...

A Piazza di Spagna ce n'è uno splendido, ieri c'erano anche suonatori di trombone.
Credo sia di Valentino però!

Anonimo ha detto...

Come quello di Milano e' di Pandora, ma Tonelli si guarda bene dal rivelare queste cose.

Anonimo ha detto...

Articolo che centra il punto. Indiscutibilmente. Il resto sono veramente chiacchiare. Bravi, continuate così, siate di pungolo e di vera e propria proposta. Ho votato M5S ma è veramente giunta l'ora che si diano una bella svegliata.

Anonimo ha detto...

a sto punto trasferisciti a milano!

Anonimo ha detto...

A Milano vanno a imparare cos'è la solidarietà dalle...multinazionali!
Le multinazionali che chiedono agli europei di solidarizzare con le loro vittime equatoriali, acquistando i servizi sussidiari che le medesime multinazionali forniscono ai paesi devastati, anche in forma di onlus.
Bello, no? Pensano proprio a tutto.
E poi si fanno pubblicità pirla con eventi pirla che sovreccitano un popolo ormai del tutto pirla, che riempie piazza del Duomo per vedere l'alberone di Natale di pandora.
Notare la faccia sciroccata dell'addetto pandora.

Anonimo ha detto...

Ed è subito hashtag.
Grazie Virginia per averci risparmiato roba del genere, però l'albero di Roma è moribondo e le decorazioni sono state disposte con un unico lancio a parabola, forse per 15 mila euro ci hanno un po' fregato. Ma non troppo.

Lanzo ha detto...

Gli zampognari ci sono ancora ? Magari in versione bengalese ?

Anonimo ha detto...

Fa pietà perchè semplicemente non è un albero ma un razzo, con cui la Raggi abbandonerà Roma quando la decrescita felice sarà irreversibile.
Lo sapete no che un tunnel segreto collega campidoglio palazzo venezia e razzo a forma di albero.

Anonimo ha detto...

Buon Natale e Felice Decrescita Roma!

Anonimo ha detto...

I Comuni sono senza fondi. Un amministratore deve amministrare i servizi senza soldi. il che è impossibile. Invece di fare politica deve fare fund rising, il che vuol dire cercare finanziatori (e da dove vengono i soldi, quando lo Stato latita?) per favorire l'imprenditoria privata.
Evidentemente questa è un'anomalia, voluta, perché lo spazio pubblico, Natale compreso, diventi ostaggio di pandora e affini.
E meno male che questa mentalità meneghina non si è ancora imposta a Roma, perché qui abbiamo renzo piano e fuffas, non gae aulenti.
Già me lo vedo, l'albero di Natale a bacherozzi multilivello, o quello nuvola.
Per carità.
Sobri, un po' scalcagnati, e senza prostituzione, almeno a Natale.

Eliana Bonaguro ha detto...

Ma andiamo, siete patetici! Guardate come bella e' la piazza con le luci e le decorazioni! Venite a NY dove nn ci sono nemmeno le decorazion e nussuna lucei! Non sapete come siete fortunati a vivere in una citta' come Roma. Non sara' perfetta, ma forse dovreste uscire da Roma e dallItalia un po' ed essere meno provinciali per rendervi conto di quanto siate fortunati!

Anonimo ha detto...

A DIRLA TUTTA, E 'STI 8==D 8==D 8==D DELL'ALBERO DI NATALE A ROMA!!!

Anonimo ha detto...

Egregio Tonelli, ormai sta perdendo quella poco credibilità che le era rimasta. Vero, l'albero di Natale in Piazza Venezia fa pena ma come facevano pena tutti quelli degli anni precedenti, mi saprebbe indicare la differenze? Di sera un po' si veniva ingannati dalle luci ma di giorno era una vera schifezza, come era una schifezza quello davanti al Colosseo. Roma non è una città elegante, non ha mai avuto luminarie raffinate durante il Natale, fatta eccezione per qualche zona del centro storico. Inutile che prenda come esempio l'albero di Milano, un vero trionfo del cattivo gusto più adatto al capodanno cinese che ad una città della moda come Milano. Sono altri gli esempi a cui Roma dovrebbe guardare. Non basta essere 'straaddobbati' per essere eleganti, belli e raffinati.

Anonimo ha detto...

io l'avevo già lasciato un commento ma non so perchè non è stato pubblicato...comunque avevo detto che l'albero di natale sponsorizzato era stato fatto per la prima volta dalla giunta moratti ed era stato criticatissimo li si accusava di voler commercializzare e rendere l'albero un simbolo di consumismo e commercializzazione... poi adesso si inneggia a questa scelta come una cosa esemplare economica e razionale

Anonimo ha detto...

La signora sindaco, durante il dibattito finale contro Giachetti, disse che, dal bilancio di Roma, si possono risparmiare 1,2 miliardi di euro!!! Ha iniziato con l'albero. Tra qualche milione di anni il bilancio di Roma sarà risanato. Incommentabile.

Anonimo ha detto...

Zio Paperone ha fatto il suo primo bilione raccogliendo spilli, non essere disfattista.

Anonimo ha detto...

La capitale va spostata a Milano, dove non c'è più storia, dove c'è solo pazzia, bruttezza e commercio, dove c'è l'albero di pandora coi milanesi acclamanti agli sghei, e eros ramazzotti che parla come berlusconi. Così Roma la lasciano finalmente in pace.
"Nessuno investe a Roma, chi lo ha fatto è stato preso dalla crisi, così non viene più nessuno". Il prozio di Tonelli, nel 1894. Fosse vero.
Forse all'epoca c'era una maledizione sugli investitori, e sugli alberi di Natale delle multinazionali, chissà.

Anonimo ha detto...

A'nfatti!

Anonimo ha detto...

Tonelli versione casa Cupiello: "a mme 'o presepe nun me piace!"

Anonimo ha detto...

Ahahahahah simpatico sto troll che si autoquota! :D

Anonimo ha detto...

Con tutto quello che sta succedendo in questi giorni parliamo dell'albero di Natale. Quanto sta scadendo questo blog?

Anonimo ha detto...

L'albero romano è felicemente decrescente: tre palle e sei cavetti made in China.
L'albero ambrosiano è felicemente pacchiano 100 palle e seicento cavetti made in China.
Entrambi sono oggetti non necessari.
Quanto ai fuori sede alla Sapienza. Ma chi volete prendere in giro? Gli italiani (ossia i cittadini italiani da Latina a Lampedusa, visto che quelli da Viterbo in su Roma la schifano) vengono a "studiare" a Roma per spassarsela a spese di mamma e papà.
Gli stranieri vanno alla John Cabot, dove si beve, si beve e ,se avanza tempo, si beve ancor di più.

Anonimo ha detto...

Che sta succedendo?

Vanpiras ha detto...

Roma è piena di debiti lasciati dalle precedenti amministrazioni, e mi sembra giusto non fare inutili sprechi. Quello che conta è il simbolo natalizio. Evidentemenete i romani che avrebbero preferito un albero di Natale in stile Las Vegas sono per un Natività all'insegna del consumismo. Brava Virginia Raggi, io avrei fatto la stessa cosa che hai fatto tu. Agli amanti degli addobbi sfarzosi, invece di intestardirsi con le critiche al sindaco Raggi, consiglio di pensare a tutte quelle persone che a causa del malgoverni di Matteo Renzi, di Monti, di Berlusconi, di Prodi e compagnia brutta, pieni di incompetenti, e in certi casi pure di disonesti, sono costrette a vivere in povertà. Gli individui con la critica facile dovrebbero in primo luogo preoccuparsi di questi malgoverni di Sinistra, di Centro e di Destra che con le loro politiche antipopolari hanno ridotto l'Italia quasi ad un paese del Terzo mondo, sia economicamente e sia per quanto riguarda la democrazia.

Anonimo ha detto...

Mh, già. mi hai tolto le parole dai tasti. E pensiamo anche che queste aziende così generose sono la prima causa della povertà, perché delocalizzano e perché stringono accordi vessatori coi governi, contro i lavoratori.

Anonimo ha detto...

Trump. Dazio del 35 % sulle delocalizzazioni. Eccolo un bell'albero di Natale.

Anonimo ha detto...

Triste sicuramente, è anche vero che non è esattamente il problema principale ed essendo il comune in dissesto finanziario ci può anche stare. Magari ci si poteva inventare qualcosa spendendo leggermente di più, per renderlo meno triste? Attenzione comunque a Milano, ci sono stato recentemente, pieno di barboni che dormono sotto il colonnato, strapieno di accattoni che "aiutano" i turisti e non solo alle macchinette dei biglietti in stazione (almeno la sera tardi) e di immigrati in "gruppo" (ne avrò contati 15 solo fuori dalla stazione) che vendono selfie stick e altre cianfrusaglie. I camion bar ci sono ma sembrano più piccoli e meglio posizionati. Sicuramente più pulita, meno caotica, mezzi più funzionanti di Roma ... ma non credo sia purtroppo al livello delle più civili città Europee, è sempre "Italia" e si vede.

Marco Quaresima ha detto...

a Roma la foto sembra scattata con una polaroid, a Milano la foto è così tanto sovraesposta che brilla anche il cielo notturno, ma per favore

Anonimo ha detto...

15000 euro per questa cosa è una vera e propria inculata!

Anonimo ha detto...

L'Italia è bella perché è varia. Un albero di Natale discreto, cadente e con tanto di truffa inclusa nei confronti del Comune è una tipologia caratteristica del folklore romano. Anzi anzi che non ci hanno rifilato un banano.
Bisogna tener conto della paura di sbagliare, che fa fare cose indecifrabili. Il leit motif dei 5 stelle è "onesti, non come loro", e Virginia Raggi, che non è esattamente onesta ma ha il candore di chi non se ne rende conto, fa delle cose esagerate, dimostrative e iperbolicamente opposte a quelle in cui teme di incappare.
Va in giro con la muraro - la muraro! - a fare i blitz dietro i cassonetti della differenziata, per far vedere che lei è partecipativa e fa il sindaco dal basso. E poi acquista, peraltro prendendo una sòla, un albero di Natale decadente che ha pure il suo fascino, ma che deve dimostrare proprio con la sua decadenza che il sindaco ha speso poco. O almeno così crede.
Se l'albero fosse stato smagliante, le sarebbe sembrato di aver speso molto di più.
Così è tutto molto Natale di Dickens.


Anonimo ha detto...

E' la mentalità dell'avvocato, che è abituato a inscenare la verità.
La mestizia dell'albero costituisce la prova del risparmio, signori della giuria.

Anonimo ha detto...

Confronto ridicolo è come paragonare l'albero di Roma con quello di New York.
Ma questo blog sa cosa è successo a Roma, sa che c'è stata Mafia Capitale che ha spolpato le casse del comune, sa che siamo alla banca rotta, sa che la corruzione è così dilagante che anche comprare un albero, si deve stare attenti a non finire in qualche guaio di corruzione?????
Rivedremo Roma grande solo tra dieci anni se tutto va bene, mettetevelo in testa, la regola d'oro è NON RUBATE SE VOLETE CHE ROMA TORNI CAPUT MUNDI!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Perchè il vero spirito del Natale non è nello sfarzo e nella ricchezza, ma nel calore dei cuori!
Tonelli convertiti, avido e laido peccatore!

Anonimo ha detto...

un albero 5 palle.

Anonimo ha detto...

ma imitare quello che si e fatto a milano con un albero sponsorizzato da Pandora Vodafone e altri marchi? e quei 15.000€ usarli per sistemare anche le strade di roma?

Anonimo ha detto...

La Raggi e stata votata ? ed ora che sta facendo danni tenetevela.

Anonimo ha detto...

Quali danni? L'albero senza luminarie?

Mauro Dall'Osto ha detto...

Danni per un albero senza essere servi di nessuna multinazionale ??? 😂😂😂😂

Anonimo ha detto...

11:22 am
Assolutamente d'accordo

Anonimo ha detto...

la cosa più idiota è comunque averlo collocato sulla strada di passaggio pedonale della rotonda!!!

Anonimo ha detto...

Vanpiras ogniddove si parla male della Raggi ci sei te che commenti con la stessa manfrina:che sei parente?
Oppure un addetto all'immagine della sindaca?

Anonimo ha detto...

Milano è una città che ha sempre funzionato meglio di Roma, per tutta una serie di ragioni, sia storiche che di altro tipo. Certo, anche a Milano non è tutto perfetto, e magari non è comunque una città a livello di Londra o Parigi, ma comunque è sempre meglio di Roma, come efficienza. Basta vedere anche solo il trasporto pubblico: l'ATM di Milano ha i conti a posto, se non in leggero attivo, mentre la romana ATAC è piena di debiti.

Anonimo ha detto...

questi poveri abeti massacrati , perchè a p venezia non lo piantano direttamente invece di farlo soffrire in un vaso
a già i cerebrolesi della soprintendenza

Anonimo ha detto...

Alberi a parte, la cosa più bella di Milano rimane sempre la stessa: il treno per Roma.

Anonimo ha detto...

Utilizzare foto storte è davvero una questione di stile.
E' non avere altro da fare che una polemica sterile sull'albero di Natale.
Se dopo quasi 3 anni di legislatura abbiamo da fare queste critiche di spessore e pure con grosse difficoltà perchè avete omesso il fatto che gli alberi dei privati si trovano in altri punti della città... Allora chi ha votato 5 stelle, secondo me può ritenersi più che soddisfatto.
Grazie
Lilly

Anonimo ha detto...

Purtroppo è l'unico albero che è riuscita a comprarvi con quei pochi spicci rimasti nelle casse del Comune.
Roma è una fogna a cielo aperto per colpa dei romani non del sindaco arrivato l'altro ieri.
Sveglia burini.
Cobra.

Anonimo ha detto...

SIETE VERAMENTE DEGLI SCHIFOSI! NON SAPETE PIÙ NEMMENO A CHE ATTACCARVI. ANCHE SE RESPIRA, VIRGINIA RAGGI LO FARA' IN UN MODO CHE SUSCITERÀ' LE VOSTRE SCHIFOSE CRITICHE! SIETE VERAMENTE SCHIFOSI. PARLARE COSI NON E DEMOCRAZIA. PARLARE COSI E UN MODO DELINQUENZIALE DI AGIRE PER CONTO DI QUALCUNO CHE VI HA ASSOLDATO. FATE SCHIFO VERAMENTE!

Anonimo ha detto...

Mah, veramente tra la muraro e marra e gli aumenti di stipendio qualcosa di concreto a cui attaccarsi ci sarebbe, insieme alla stranissima questione de dominicis, però siccome muraro e marra fanno gli interessi di tutto il network (...), ecco qua che l'albero senza palle diventa l'ordine del giorno.
Milano è la città più spaventosa del globo, dopo stoccarda e barcellona, fate il favore.

Anonimo ha detto...

h. 6.32
Gli avvocati, come i sociologi, gli economisti e altre disoneste specie professionali, sono abituati a essere declaratori, ossia a creare delle catene di conseguenzialità fittizie ma rispondenti alle aspettative della logica comune, che ovviamente non si applica alla realtà, che è sempre intrecciata di multiple implicazioni.
E così la Raggi va in giro con una sanguisuga dei conti pubblici teatralizzando in duo il contatto diretto coi cittadini e una semplicità naif nella gestione dei rifiuti, che dovrebbe far metabolizzare sanguisuga e socia nell'immaginario fiabesco della collettività.
La rozzezza comunicativa da prefica, monolitica e persuasiva in quanto prevedibile, muove la politica, che infatti è fatta per lo più da avvocati.
La comunicazione mediata è veritiera nelle persone o categorie sincere e ipocrita nelle persone o categorie bugiarde. Viceversa, la comunicazione istintiva è rivelatrice nelle persone o categorie bugiarde, ed è ingannevole in quelle sincere.
Nel caso dell'albero però, l'eccesso dimostrativo viene dal fatto che la Raggi si sente costantemente sotto esame. E perciò anche nelle iniziative innocenti, tende a giustificarsi, persino con l'alberello che non contraddice la dichiarata intenzione di fare economia.

Anonimo ha detto...

Che poi la contraddice di fatto, perché l'economia si vede dal rapporto qualità prezzo.
Ma nessuno deve poter contestare che l'acquisto sia stato fatto in spirito di honestà.

Anonimo ha detto...

O magari si è accorta che l'albero pencola, e si è sbrigata a far presente che comunque l'ha pagato poco.
Chissà, la mente umana è un universo, anche se si tratta di un esponente dei 5 stelle.

Anonimo ha detto...

Per carità. Albero magnifico, sindaca sempre fotogenica e speriamo presto m5 stelle o monarchia sarda al governo.

Anonimo ha detto...

a me sinceramente fa cagare pure l'albero di Milano, un monumento alla volgarità. Con tutte quelle luci spero vada a fuoco.

Anonimo ha detto...

Per quanto riguardano le ciffre della classifica della Sapienza, vi posso dire con l'esperienza che le ciffre non sono mai affidabili. Lavoro per il comune di Parigi e spesso si ingigantiscono le ciffre. Anzi si inventano delle ciffre per far piacere alla gerarchia che ne vuole assolutamente. E di moda dare delle ciffre per tutto ma non si sa affatto quanto costano gli alberi di Natale nella città...
http://www.paris.fr/actualites/celebrer-noel-a-paris-4319

Anonimo ha detto...

le ciFFre...

Anonimo ha detto...

c'è poco da fare, un immagine squallida, triste e scialba. Inutile dire... eh ma le inquadrature, eh ma quello... eh ma quell'altro, si prenda atto della misera figura, meglio non fare nulla piuttosto che vantarsi di aver speso solo 15 milioni di euro. Se si spendono solo 15 milioni di euro ma si ha un risultato bellissimo allora ha un senso, se invece il risultato è questo, bisognerebbe evitare anche di dirlo che di aver speso 15 milioni di euro, perché sono stati soldi buttati. Del resto non solo quest'anno, ma a natale Roma non ha mai brillato come luci, è sempre stata misera, basta guardare i filmati delle feste natalizie e quelle della fine dell'anno nelle altre città del mondo. A Roma sembra sempre una festa di paese nel peggior significato però, davvero squallido.

Anonimo ha detto...

Da romano dico che Milano è l'unica città italiana di respiro europeo degna di rappresentarci all'estero. Se non ci fosse Milano non avremmo possibilità alcuna di presentarci in Europa. Viaggiate per l'Europa invece di criticare, toglietevi il prosciutto dagli occhi anzi la porchetta e forse lo capirete anche voi.
Roma la vorrei come un grande museo, come Firenze. L'errore più grande è stato farla capitale d'Italia quando di capitale non ha nulla. Non avere qui i ministeri ed il governo sarebbe un sogno.

Anonimo ha detto...

provate a dare un'occhiata intorno e vi accorgete che a Roma non c'è bisogno dell'albero di Natale.
Lo lasciamo agli altri a chi deve creare attrattive.
D'altronde l'albero di Natale altro non è che il simbolo del vuoto consumismo.
Buon albero a tutti.

Anonimo ha detto...

Perchè a Roma il degrado è la normalità. A Milano ci si indigna

Luca Allegrone ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Esatto! Provate a darvi un'occhiata intorno: immondizia e coatti.

Anonimo ha detto...

Perché a Milano l'ha fornito e pagato Pandora gioielli, altrimenti a Milano nemmeno ce lo avrebbero messo !!! Idem dicasi per quello in galleria che lo ha fornito e pagato Swarovsky !!!

Anonimo ha detto...

Roma è un museo, non potrà mai competere con Milano, Parigi, Londra, Berlino. Senza agitarsi tanto è sufficiente solo prendere coscienza di ciò e stare tranquilli nella propria provincialità.

Anonimo ha detto...

Roma fa schifo perché i romani fanno schifo

Anonimo ha detto...

Che dire: non c'è confronto.

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/16_dicembre_13/coraggio-milano-feltrinelli-che-manca-roma-2dfd66be-c17e-11e6-ba45-25063c27d0aa.shtml?cmpid=SF020103COR

Anonimo ha detto...

perche fare un albero piu bello??, per i romani?. Roma e sicuramente la citta piu bella al mondo, il problema sono i romani, sporchi, menefreghisti, maleducati, e no, non voglio fare di tutta lérba un fascio.

Anonimo ha detto...

ma che stai a di zozzo, sicuro sei di milano ,a merdaa

Lanzo ha detto...

x Anonimo delle 11.33 - 09/12/16
Vengono alla "sapienza" che ossimoro - solo perche' accettano tutti e per pochi spiccioli pure. Col cazzo che le varie etnie che hai menzionato verrebbero accettate in una qualsiasi universita' seria. Magari quella dove si e' laureato il figlio di Bossi, forse si.
Poi per la cinese:
An Iraqi refugee has been arrested in Germany over suspicion that he abused and raped two Chinese students near a university in Bochum. The suspect has been living nearby with his wife and two children since last year.
Police officials said on Tuesday that they have detained a 31-year-old Iraqi man living at a refugee hostel suspected of sexually assaulting Chinese students who reported being attacked near Ruhr-Bochum University in recent months, Die Welt reported.
Purtroppo la cinesina e' proprio morta e non in coma (Verdone...)

Anonimo ha detto...

E' vero, il primo, vero, grande e direi unico problema di Roma sono i romani. Ho 50 anni e sono nato a Roma e quando ero piccolo e poi ragazzo non c'erano immigrati, rumeni ed extracomunitari. La città faceva schifo come e più di ora: sporca, macchine parcheggiate dappertutto, disordine e coatti cialtroni e cagasotto ovunque.
La piaga di Roma sono i romani. Immaginate per un attimo se fosse abitata esclusivamente da svizzeri o giapponesi o tedeschi: beh sono sicuro che ogni suo angolo sarebbe valorizzato come merita e farebbe invidia a tutto il mondo. Ma purtroppo non è così e si trova ed essere "una cagna in mezzo ai maiali" come cantava il romanissimo Francesco de Gregori. E' come dare le perle ai porci: non le capiscono.

Theresa williams ha detto...

Ciao sono Theresa Williams Dopo essere stato in rapporto con Anderson per anni, ha rotto con me, ho fatto tutto il possibile per riportarlo indietro, ma tutto è stato vano, lo volevo tornare tanto per l'amore che ho per lui, lo pregai con tutto, ho fatto promesse, ma ha rifiutato. Ho spiegato il mio problema al mio amico e ha suggerito che dovrei piuttosto contattare un mago che potrebbe aiutare me un incantesimo per riportarlo indietro, ma io sono il tipo che non ha mai creduto in magia, non avevo altra scelta che tentare, io mail il mago, e mi ha detto che c'era un problema che tutto andrà bene prima di tre giorni, che il mio ex tornerà a me prima di tre giorni, ha gettato l'incantesimo e sorprendentemente nel secondo giorno, era intorno a 4:00. Il mio ex mi ha chiamato, ero così sorpreso, ho risposto alla chiamata e tutto quello che disse era che lui era così dispiaciuto per tutto quello che è successo che voleva me tornare a lui, che mi ama così tanto. Ero così felice e sono andato a lui che era così che abbiamo iniziato a vivere insieme felicemente di nuovo. Da allora, ho fatto promessa che qualcuno so che hanno un problema di rapporto, mi sarebbe di aiuto a tale persona da lui o lei si riferisce all'unico mago reale e potente che mi ha aiutato con il mio problema. e-mail: drogunduspellcaster@gmail.com lo si può e-mail se avete bisogno la sua assistenza nel vostro rapporto o di altri casi.

1) incantesimi d'amore
2) Incantesimi amore perduto
3) Incantesimi Divorzio
4) Incantesimi di matrimonio
5) incantesimo.
6) Incantesimi Breakup
7) Bandire un amante passato
8.) Si vuole essere promosso nel vostro ufficio / incantesimo lotteria
9) vogliono soddisfare il vostro amante
Contatta questo grande uomo, se si hanno alcun problema per una soluzione duratura
attraverso drogunduspellcaster@gmail.com

Luca Cimarelli ha detto...

Ha ha ha,tropo forte

Davide ha detto...

Leggo tutte cazzate. Ce ne fosse uno che avesse fatto qualche accenno all'albero di Napoli, il più alto e grande del mondo, tirato su a costo zero grazie agli sponsor e che verrà rismontato a marzo, terrazze panoramiche, ristoranti e negozi. Invece di prendere ad esempio l'albero di Milano che è davverocafone, guardatevi quello partenopeo, si chiama Nalbero.

Anonimo ha detto...

Hai ragione. Io sono milanese e dico che sia Milano che Roma hanno le sue belle e brutte cose

Anonimo ha detto...

Il motivo per cui l'Italia è piena di cose belle e il resto del mondo è pieno di metropolitane, è che gli italiani hanno tutelato le proprie antichità, i paesi per voi civili come Giappone, Francia, Svizzera, ecc. ecc. hanno demolito tutto e adesso vengono a visitare questo paese tanto bistrattato.
E Milano è una di quelle città "internazionali", che ha buttato giù a colpi di piccone tutta la propria storia, tranne due chiese e un paio di musei.
Così adesso si ritrova libera di costruire tutti i capannoni commerciali che vuole.

Anna Lu ha detto...

E' più bello l'albero mio o è più bello l'albero tuo?
Nella Milano da bere, sono ormai troppo ubriachi per ragionare lucidamente. Fatevi un giro nelle periferie a vedere come festeggiano il Natale .... Tutti baronetti dei miei stivali, a perdersi dietro un albero, perdendo di vista le cose davvero importanti. Il salame mangiatelo nel panino.

Anonimo ha detto...

Il discorso non è se Milano è più presentabile, organizzata e civile come in effetti è. Potrebbe essere Torino, Firenze, Venezia, Mantova non importa. Il punto è che Roma è notoriamente una città mediocre, con abitanti mediocri che non hanno a cuore la propria città e che anzi partecipano attivamente a deturparla sia nel paesaggio sia negli atteggiamenti. E' una città mediocre, che non si è mai modernizzata blindando la parte storica e rilanciando modernamente tutto il resto della città. E' una città mediocre che si vorrebbe affiancare ad altre metropoli europee con le quali non può competere. Le periferie poi sono piene di coatti rissosi e donne sgradevoli che come aprono bocca escono solo parolacce ed improperi. Non sarà mai una città elegante perché già la calata romanesca è sgradevole ed è all'opposto della raffinatezza. Quindi c'è poco da fare purtroppo.

Anonimo ha detto...

.....nella folla della strada avreste incrociato ricche matrone
nelle lettighe, medici greci, ufficiali di cavalleria galli, senatori
italici, marinai spagnoli, sacerdoti egizi, prostitute cipriote, mercanti
mediorientali, schiavi germani...

Italo Impalato ha detto...

15 miliardi non vi bastano per stare zitti? Il comune ha dei problemi così importanti come quello di non far fallire la città. E non è una ipotesi. Pensate, cari romani, sarete commissariati da quelli che vi hanno ridotto in mutande. Decidete voi quello che dovete fare. Auguri per la città.

Anonimo ha detto...

Ma che cazzo c'entra mica c'è solo quello di albero che tra l'altro è stato anche migliorato ma c'è anche l'albero a Piazza di Spagna dell'azienda (romana) Valentino che è molto più bello oppure quello al Vaticano, siete pregati cari deficienti di Roma fa schifo di far vedere anche il bello non solo il brutto! Buone feste

ShareThis