Video. Invasione taxisti abusivi. Ecco come accalappiano i turisti e dove li portano

9 ottobre 2016
Scoccati i 100 giorni di governo per una nuova amministrazione arrivano i primi esami da passare o meno. E' poco tempo, ma è normale. Perché in oltre tre mesi, per di più con tutto il consenso popolare a favore, i giornali attendisti e la classica luna di miele coi cittadini, di certo non puoi risolvere problemi strutturali ma cambiare la direzione di intervento sì. E senz'altro puoi risolvere i problemi che strutturali non sono ma che sono dovuti soltanto a incapacità, collusione, scarsa organizzazione, priorità sbagliate.

Tra questi problemi uno dei più fastidiosi e odiosi è la piaga degli abusivi a Fiumicino e a Ciampino. Le immagini di oggi riguardano il principale aeroporto della città. Cosa è successo dopo 100 giorni di cambio radicale di governo in città? Le cose sono, finalmente, radicalmente cambiate? Si è compreso e condiviso il danno enorme di una situazione che vede i turisti vittime di una continua mattanza che non ha eguali in nessun aeroscalo al mondo?


Le immagini parlano chiaro. Sabato pomeriggio, ore 14.45 circa, Terminal 3, arrivi internazionali. Tralasciamo le immagini interne al terminal, c'è talmente tanto caos che neppure è possibile distinguere gli sciami di sciacalli abusivi dal resto dei passeggeri. Al minuto 0.24 gente addirittura stravaccata sui muretti, giusto per dire "qui è zona nostra". Portiamoci all'uscita del terminal, laddove c'è la fila dei taxi. Prima dell'uscita il varco è presidiato da un gruppo di abusivi. Seguite il ragazzo con il piumino nero, appare al minuto 0.45. Non vi fate distrarre dai tanti altri abusivi che gli ronzano intorno e che cercano di togliere corse dalla fila di persone che regolarmente attendono di salire sul taxi con l'obbiettivo di accaparrarsele. Il ragazzo ad un certo abborda una coppia di turiste con i loro grandi valigioni. In un modo o nell'altro le convince. Attraversano la strada, salgono sulla rampa. L'ultimo fotogramma del video è lui che entra trasportando le due valigione nel grande parking silo numero D. Dove diavolo le starà portando? Dove diavolo sarà questa famigerata macchina che lui chiama "taxi"? Se è un taxi autorizzato e regolare perché sta parcheggiato nel parcheggio delle auto private? E soprattutto: come diamine possono pensare queste due signore di avere a che fare con una situazione normale? A quest'ultima domanda è facile però dare una risposta che in buona parte scagiona le povere vittime: non succede nulla del genere da nessuna altra parte al mondo, dunque ci può essere abituata a viaggiare, gente non abituata a viaggiare, ma senz'altro non ci sarà mai gente abituata a ritrovarsi in un contesto romano di tale assurda illegalità.


Dopo 100 giorni il nuovo governo della città, nominato per cambiare questi problemi annosi e per porre mano a questioni incancrenite da decenni non ha fatto nulla. Neppure ne ha parlato. C'è un fior di assessore al turismo che non sembra interessato al problema. E, si badi bene, non stiamo parlando di un problema strutturato, che necessita anni per essere risolto (i cartelloni, le bancarelle, i tavolini, i mercati rionali), no: stiamo parlando di un problema di abusivismo puro. Ovvero basta accordarsi con il ministero degli interni, piazzare due poliziotti a turno a presidiare l'area e via. Magari evitando, come è successo in passato, che le forze dell'ordine si facciano corrompere dai ras dell'abusivismo e inizio a chiudere non uno ma due occhi.
Il Movimento 5 Stelle qui dimostra anche l'incapacità politica di tutelare le proprie lobbies elettorali, che infatti si stanno decisamente inalberando. Questa situazione è un danno diretto alla categoria dei tassisti i quali, dopo aver votato in massa per la Raggi, forse si aspettavano un'attenzione diversa.

Ma la chiave di volta di questa storia la potete capire ascoltando il ragionamento che il ragazzo col piumino fa all'inizio del video. Nelle prime inquadrature. Ascoltate con attenzione. Si sta lamentando animatamente perché un gruppo di persone non si è limitata a rifiutare la sua corsa abusiva dicendogli solo un garbato "no" come pretenderebbe lui, ma gli ha risposto male, gli ha risposto come chiediamo a tutti i cittadini di rispondere agli abusivi: "sparisci, non prendiamo passaggi da chi sta nell'illegalità!".

Sentite come è arrabbiato, offeso, impermalito. "Io mica dico che me devi di de sì, però nun me risponne male no. A prossima volta ncarcionculo. Dimme de no e basta...". Si sente padrone del territorio e non concepisce neppure che qualcuno metta in discussione il suo ruolo. Dei cittadini che, con una battuta o una rispostaccia, almeno si ribellano nel loro piccolo all'invasione di abusivismo e illegalità sono solo "una manica de str...".

Continuate a fare video (grazie al lettore Patrizio per averci inviato questo) e continuate a rispondere male. In attesa che qualcuno si decida di governare questa città è l'unica cosa che possiamo fare. 

34 commenti | dì la tua:

marco_pascucci ha detto...

Per essere onesti ci sarebbe da dire che l'aeroporto di Fiumicino non è nel territorio del Comune di Roma, o meglio, di "Roma Capitale". Però esiste anche questa nuova entità che ha preso il posto della Provincia di Roma, ovvero la "Città metropolitana di Roma Capitale". E, ricordiamocelo, la nostra Virginia è anche "Sindaco metropolitano". Ecco qua:

http://www.cittametropolitanaroma.gov.it/il-sindaco-metropolitano

Ora, io non sono ben informato sulle esatte competenze della Città metropolitana in quanto istituzione amministrativa. Però un occhio a quello che succede nel nostro aeroporto principale la cara Virginia forse lo potrebbe anche buttare...

Anonimo ha detto...

Questi signori sono tutti NCC di fuori Roma, molti senza neanche più i requisiti previsti in origine.
Il modus operandi è semplice, entrano all'interno del terminal contravvenendo il regolamento comunale che vieta esplicitamente a tassisti e noleggi con conducente di procacciarsi clienti.

Altra cosa importante, avendo loro licenze NCC di piccolissimi centri abitati calabresi, abruzzesi o molisani, pagano imposte al fisco davvero basse.
Perché? Semplice, per lo stato italiano e di conseguenza per il fisco loro esercitano la professione nelle località in cui è stata concessa la licenza, quasi sempre paesi con al massimo meno di 100 persone residenti e di conseguenza non devono pagare imposte dello stesso tenore di un taxi o ncc di Roma...peccato lavorino a Roma 365 giorni l'anno.

Un noleggiatore di Roma.

Anonimo ha detto...

È mai possibile che per la polizia municipale di Roma li presente è facile fare multe agli automobilisti e non è facile trovare questi balordi?
Suvvia è logico perché....

Anonimo ha detto...

Ma i tassisti regolari, che ogni volta che cade una foglia scatenano l'inferno sotto al Campidoglio, cosa dicono? Non possono fare qualcosa di tassistico? Un esposto?

Anonimo ha detto...

È logico quanto il fatto che tu sia un ignorante(ovvero che ignori la legge)...La polizia di Roma Capitale non può operare nel territorio di un altro comune...FIUMICINO.

Anonimo ha detto...

È un po' come con de Magistris che libera Scampia dallo spaccio, e se la prendono ancora con lui se lo spaccio stesso si è spostato nelle aree periferiche non di sua competenza. Ridicoli anche a pretendere che in 100 giorni risolvano tutti i danni da loro combinati in decenni! È dettando pure la loro scaletta per operare! Vergognarevi! Suor Gina.

Anonimo ha detto...

Fiumicino ha un altro Sindaco e un altra Polizia Municipale nonché un altro regolamento degli autoservizi pubblici non di linea. Certa gente parla solo per far prendere aria alle tonsille.

Anonimo ha detto...

Rubano ai tassisti, AHAHAHAHAHAHAHAHAHHA.

Anonimo ha detto...

Gli conviene comunque prendere il trasporto direttamente dall'aeroporto, perchè se malaguratamente prendono il treno per termini, oltre che dai tassisti/ncc vengono derubati pure dagli zingari.

Anonimo ha detto...

L'unico aeroporto del mondo dove uscendo non cè un poliziotto/carabiniere/vigile/finanza o qualsiasi altra forma di presenza dello stato

Anonimo ha detto...

Condivido la sostanza dell'articolo, ma mi sfugge una cosa: Fiumicino non ha un sindaco?

Anonimo ha detto...

si fiumicino ha un sindaco a parte, che come al solito deve pensare a fare favori "all'elettorato" invece che avere una visione d'insieme di progresso a lungo termine.

Anonimo ha detto...

Bei geniacci, il comune è di fiumicino ma questi finti tassisti operano su Roma. Quindi la competenza è del comune di Roma una volta che varcano il "confine". E poi comunque c'è la città metropolitana, ci sono le relazioni istituzionali con i comuni limitrofi (virgiuniuzza bedda è sindaca metropolitana, quindi una giurisdizione se non altro POLITICA ce l'ha), etc etc. Certo, poi, l'illegalità va combattuta sempre e comunque, ma la nemesi sui tassisti romani deve abbattersi, e tutto sommato l'abusivismo gli sta bene. loro se lo meritano. i turisti no. Lorenzo

Anonimo ha detto...

Quindi ti ci metti tu al confine per controllarli? Troppi film americani amico mio.

Anonimo ha detto...

Grande Lorenzo, eroe dei nostri tempi. Basta poco, che ce vo'?

Ma ammazzate.

Anonimo ha detto...

vabbé...con gli analfabeti non si ragiona. buona serata

Anonimo ha detto...

Buona serata anche a te Lorenzo.
Pero', fai l'uomo almeno una volta e non il leone da tastiera...a ma sto sul blog.di.Tonelli...quindi e' inutile parlare di.uomimi.

Anonimo ha detto...

P.s. seguendo il vostro ragionamento, i taxi che fanno Roma-Fiumicino dovrebbero sottostare entrambi ai regolamenti sui trasporti dei rispettivi comuni. Ma non vi è venuto in mente che magari c'è di mezzo anche la società ADR, che per quanto riguarda le stazioni dei taxi in aeroporto ci sono accordi e protocolli che intercorrono tra il Comune di Roma, ADR e il comune di Fiumicino, e che il sindaco della capitale ha un peso politico se non amministrativo diretto? No. Voi (che avreste detto peste e corna sul Pd sul caso dell'abusivismo) ora dite che è un mero problema di giurisdizione. Poracci.

Anonimo ha detto...

Ma Livia Astolfi l'ha piu' trovato uno che se la scopa?

Anonimo ha detto...

;-)

Anonimo ha detto...

la soluzione è una sola: UBER.

Anonimo ha detto...

roma delenda est

Anonimo ha detto...

È giusto rispettare la legalità, ma i tassisti sono quelli che quando il comune ha provato ad aumentare le licenze, per portare il numero di taxi al livello delle altre città europee (dato che fate sempre il confronto, fatelo pure stavolta no?), hanno fatto le barricate. Quindi ben gli sta, già sono pochi e spremono i clienti come limoni, poi spesso si approfittano dei turisti stranieri per fregarli. Il fatto che siano una lobby che ha votato la Virgy appunto la dice lunga sui 5 stelle.

Anonimo ha detto...

Il problema si potrebbe risolvere come hanno fatto all'areoporto di Bangkok, una volta piena di abusivi (20 anni fa). Hanno isituito una serie di gabbiotti dove ci si deve rivolgere per prenotare un taxi. Gli addetti, che parlano anche inglese, ti spiegano la tariffa e, se sei d'accordo, ti chiamano il tassista al quale consegnano un voucher con su scritto l'ammontare della corsa. Arrivato a destinazione paghi il pattuito e se vuoi una mancia, Mai avuto mezzo problema.

Anonimo ha detto...

dare a Enjoy, Car2Go e co. un parcheggio dedicato a Fiumicino e Ciampino

Anonimo ha detto...

Ma quanno scrivi ste cazzate colleghi il cervello alla lingua parli di abusivismo e di altre città europea ma conosci qualcuna di queste città guarda che ovunque io sia stato ce questo tipo di servizio solo che a Roma non te lo fanno fare non fanno scegliere al cliente impongono la loro lobby i tassisti quindi non parlare di pubblica concorrenza che non esiste

Anonimo ha detto...

C.T.P e concora te lui dimentichi? Rubano ogni giorno più di mille servizi ai tassisti e tutti gli organi di polizia locale sanno.

Anonimo ha detto...

ed orio al serio?
e palese?
e punta raisi?
non c'è neanche un vigile di roma...
complotto!

Anonimo ha detto...

Ma la privacy dove sta che si vedono tutti i volti?
Non sarebbe reato perseguibile secondo la legge?
E io di tutto ciò non vedo abusivismo o procacciamento...
Il ragazzo sta parlando con un collega, ma non fa riferimento a turisti (potrebbe parlare di chiunque) e le turiste fuori ci parlano tranquillamente.....e tranquillamente lo seguono nel parcheggio NCC.
Siete sicuri delle accuse mosse? E se fossero clienti abituali?

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo su tutto, ma c'è un piccolo problema: Fiumicino e Ciampino non fanno parte del Comune di Roma (o, più esattamente, di Roma Capitale, come ora si chiama). Quindi, la giunta comunale romana non ha giurisdizione in altri comuni, pertanto non spetta a lei intervenire (anche se, tanto, non lo farebbe comunque...).

Anonimo ha detto...

(Proseguo dal commento precedente): Ah già, ma ora esiste la Città Metropolitana di Roma Capitale, che sostituisce la Provincia di Roma, di cui il nostro adorato sindaco in gonna e tacchi alti è anche "sindaco metropolitano"...pensa che roba...

Francesco Grieco ha detto...

Cazzo si!

Anonimo ha detto...

Questa situazione è paradossale. Io spesso son li per riprendere alcuni parenti. Gli abusivi chiedono ai turisti "taxi?" con accanto Guardia di Finanza de Forze dell'ordine. Se non fa rispettare la legalità chi è pagato per farlo, secondo voi c'è qualche speranza?

Anonimo ha detto...

Parigi...aeroporto Charles de Gaulle....appena fuori dal nastro bagagli un omino con giubotto giallo e la scritta taxi ci attende...lui e solo lui....ci accompagna alla zena taxi vuota e chiama il taxi al cellulare....costo del servizio...zero



ShareThis