Vi racconto come (non) funziona la nuova raccolta differenziata a Torre Gaia

20 novembre 2018


Qui da noi a Torre Gaia è partita da quasi tre mesi la raccolta differenziata. Dopo 10 settimane abbondanti ho pensato di mandarvi un report dal mio punto di vista. A riprova che anche le cose giuste (la raccolta differenziata spinta porta a porta, appunto) possono essere vanificate se fatte con poca organizzazione, poca precisione, troppa tolleranza per furbi e paraculetti. Importante discuterne dopo le vostre discussioni sul nuovo porta a porta per le utenze non domestiche
Sostanzialmente le modifiche principali della nuova raccolta sono due:
1. la sostituzione  dei vecchi cassonetti, ora sono uguali a prima solo che all'interno dovrebbero avere un chip con tecnologia RFID la quale permette, avvicinando il cassonetto al camioncino Ama, di identificare sia di chi è quel cassonetto sia l'avvenuto passaggio dell'operatore Ama. Ed ora ogni cassonetto (mastello) è associato ad un proprietario per condomini sotto alle 7 unità immobiliari, per condomini sopra le 7 unità immobiliare il bidoncino è associato all'amministratore di condominio.
Addirittura in caso dovessero rubare il mio mastello privato, dovrei denunciare il furto ai carabinieri per richiederne uno nuovo.

2. il calendario di raccolta è cambiato, prima prendevano carta, plastica, e indifferenziato 2 volte a settimana, ora la prendono 1 volta a settimana. E l'umido 3 volte a settimana che è rimasto come prima. Quindi se non passano a prendere la plastica 1 volta, bisogna mettere dentro casa (i più civili, altri lasciano in strada) il bidoncino pieno di plastica pregando che vengano la settimana dopo.
Il 7/7/2018, sono passati da tutti i residenti un operatore con tesserino Ama e due persone che lavoravano per una ditta appaltatrice per la consegna dei kit, queste persone avevano un'elenco con le persone che risultano nei tabulati Ama perché pagano la tassa e dovevano segnalare chi non risultava. 
Ad esempio nel mio palazzo di 5 condomini, risultavo io e solo io. Il mio vicino, appena trasferitosi, si è autodenunciato evitando delle multe più pesanti. Gli altri hanno fatto finta di niente: continueranno a non pagare.

A settembre è partita la nuova raccolta con i nuovi orari di ritiro. Dove, secondo locandine consegnateci, i mastelli devono essere esposti tra le ore 19 e le ore 21 e ritirati dopo l'avvenuto svuotamento, entro e non oltre le ore 9 del mattino del giorno successivo.

Da settembre fino a due settimane fa, almeno da me hanno sempre ritirato la mondezza salvo 5 volte in 2 mesi circa. Quindi visto il servizio medio a Roma, non mi posso lamentare. Salvo nell'ultima settimana dove è la 4 volta che non passano a prendere solo l'umido in tutta la zona, io personalmente non so più dove metterlo, per fortuna ho un garage... Ho fatto costantemente segnalazioni tramite portale Ama, ma niente.

La cosa che mi lascia perplesso è che gli operatori non avvicinano i mastelli al camioncino Ama, quando passano a ritirare, bensì lasciano i mastelli a terra, li aprono, prendono i sacchi con i rifiuti e li tirano dentro al camioncino. La mia domanda allora è: funziona questo chip RFID? Avranno i primi dati di raccolta? Misurano davvero?
Dalle foto si vede che sono presenti molti sacchi a terra senza bidoncino, quella è la mondezza delle persone che non pagano la tariffa e la gettano a terra lontano da casa perché sprovvisti di bidoncini. Semplicemente, in ossequio alla Teoria delle Finestre Rotte, gettano sporcizia dove è già sporco. Perché ancora non sono state multate le persone scovate dagli operatori che sono passati a censirci porta per porta?



Inoltre, per l'indifferenziato che viene ritirato 1 volta a settimana, è previsto per chi ha bambini piccoli - quindi deve buttare più indifferenziato - un modulo da inviare per mail, per avere dei sacchi dove gettare i pannollini. 
Io ho inviato il modulo 2 volte da settembre, ma nessuno mi ha mai risposto. Sono passato anche al centro Ama di zona a chiedere info e mi hanno detto che finché non mi chiamano non possono darmi le buste per gettare i pannolini. Kafka.
Ultimo elemento di caos che umilia l'approccio civico - che pure ci sarebbe - di molti cittadini. Qui da noi al parcheggio di Grotte Celoni, sulla Casilina organizzano 1 volta al mese o forse più l'isola ecologica mobile, c'è gente che va per buttare le cose ma deve attendere code di auto che attendono il proprio turno, so di persone che perdono pazienza e chissà dove vanno a buttare...

Conclusione: con una azienda organizzata la raccolta differenziata dei romani schizzerebbe al 75% (questo non vuol dire che si potrebbe stare senza termovalorizzatore, intendiamoci!) perché l'approccio delle persone è buono e collaborativo e i pochi cafoni tendono ad adeguarsi alla massa. Però abbiamo Ama...
LETTERA FIRMATA

18 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Condivisibile al 100%. La differenziata a Roma non decolla semplicemente perché AMA non è capace. Da me (Monteverde)ormai i cassonetti della carta sono sempre pieni perché lo svuotamento e' discontinuo. Risultato la carta va a finire nell'indifferenziata. Per far crescere la differenziata basterebbe svuotare di più i cassonetti di plastica e carta.

Anonimo ha detto...

Il romano medio si crede uno strafico della Madonna anche se fa l'operatore ecologico. Puo' uno strafico della Madonna con Ray-Ban e Rolex falso al polso gestire monnezza e cassonetti e lavorare con criterio?
Ovvio che no........

Anonimo ha detto...

per assurdo, quando ti trasferisci, con regolare contratto d'affitto, con intestazione delle bollette acqua luce gas e telefono, la bolletta ama non arriva.

dovresti essere tu a segnalare ad ama il trasloco, ovvio che in pochi lo fanno, e quindi per circa 4 anni non ti arriva nulla. poi (dato che c'è la prescrizione in 5 anni mi pare) il mega saldo con multa interessi etc.
in tanti non la sanno sta cosa, in tanti che hanno provato hanno trovato un iter contorto.. e giustamente se tu i soldi non me li vieni a chiedere, non è che io ti vengo a bussare a casa per darteli..

io purtroppo la ricevo ma sono dell'idea di non pagarla più per le condizioni ignobili del quartiere (aurelio metro cornelia) dove addirittura la monnezza sta davanti a un hotel, e immagino che avranno protestato mille volte.
pagherò le sanzioni quando vedrò un buon servizio, e così dovrebbero fare tutti.

se non trovano i fondi licenziassero qualche scaldapoltrone ama.

Anonimo ha detto...

Niente chip creano solo problemi ma invece é facile bisogna dare delle buste a tutti e con quelle si fa la differenziata.
Ovviamente umido 3volte a settimana e carta plastica vetro metallo bastano anche solo una volta a settimana.
Multe al condominio che non rispetta le regole non mi importa se Tizio é corretto e Caio no pagano entrambi,se poi ognuno mette telecamere per vedere chi sbaglia sono pratiche che deve sbrigare il condominio ma punire il condominio é fattibile.
La differenziata poi non dovrebbe mai saltare e nel caso salta dovrebbero il giorno dopo impegnarsi di prendere anche quella del giorno prima.
La differenziata porta a porta a me non piace perché porta problemi e devo sottostare a degli orari quindi finche ho possibilità andrò nei cassonetti vicini a scaricare

Anonimo ha detto...

che CACATOIO di città.

Rocco Pitasi ha detto...

Direi complimenti per l'impegno. Funziona in tutto il mondo, solo qui ogni cosa è difficile. Deve sottostare agli orari? Si chiamano regole che vanno rispettate... a lavoro non rispetta gli orari? I suoi figli ci pensa che futuro avranno avvelenati da rifiuti? Però quando ci sta la Roma o la Lazio come vi impegnate a correre e rispettare gli orari... fatela finita, dopo ventidue anni che vivo a Roma mi vergogno che non abbiamo attributi per farci.invidiare. per me che vengo dal Sud, vivere a Roma lo considero un privilegio, voi Romani no ( ovviamente non tutti)... fate pena

Anonimo ha detto...

Ama é in via di fallimento.

Con il fallimento di ama forse avrete una azienda dei rifiuti sana ed efficiente.

Intanto denunciate i vostri vicini che non pagano la tariffa sui rifiuti e che vi buttano la loro monnezza in faccia.

Non é che può fare sempre e solo tutto lo stato!
Un po di coscienza civica e i vicini smetteranno di cagarvi in faccia!

Anonimo ha detto...

intanto denunciate i vicni.... mi indichi lei come si fa. ho provato in tutti i modi, ma le assicuro che è impossibile.
Dicono che soltanto la guardia di Finanza può segnalare tale inadepienze....

Anonimo ha detto...

"Ad esempio nel mio palazzo di 5 condomini, risultavo io e solo io. Il mio vicino, appena trasferitosi, si è autodenunciato evitando delle multe più pesanti. Gli altri hanno fatto finta di niente: continueranno a non pagare."


LOL l'80% del palazzo non paga le tasse e butta i rifiuti a cazzo in strada... e avete pure il coraggio di lamentarvi che il servizio non funziona a dovere e la strada è sporca? Ma andate a scuola...



Anonimo ha detto...

"e giustamente se tu i soldi non me li vieni a chiedere, non è che io ti vengo a bussare a casa per darteli"

interessante questo approccio... quindi tu la dichiarazione dei redditi non la fai per principio?

e magari rompi pure er cazzo che la città è sporca?

E' proprio questa mentalità malata che uccide la città e rende imbarazzante il confronto con le altre.

mario ha detto...

Io sono un impresario e per me gli orari non esistono a volte esco di casa alle 5 altre volte esco alle 11 poi per affari la mia vita si svolge un po a Roma e un po' a Milano,se mettete questa raccolta differenziata mi rovinate a me dovrei pagare un/una domestica che si occupa solo della mondezza e questo per me si tradurrebbe in uno spreco di denaro visto che mi piace cucinare e non ho problemi a rifarmi il letto da solo e a pulire una volta a settimana la casa.
Poi se a uno non piace la raccolta porta a porta é perché si spreca un sacco di risorse in termini di operai,in una città civile esistono i cassonetti dellindifferenziato della carta,della plastica e metallo e la campana del vetro ed io su questo mi considero un cittadino modello in quanto ad esempio le bottiglie in vetro della passata di pomodori le lavo e se riesco strappo anche l'etichetta,stessa cosa per le lattine di tonno che prima di buttare gli do una sciacquata.

mario ha detto...

Per i miei figli vorrei una città in cui sia vietato l'uso incontrollato delle auto come succede qui a Roma ma guai a toccarvi le auto a voi romani,come squadre di calcio mi fanno solo rabbia vedere 20 uomini che danno du calci al pallone e per questo vengono pagati milioni,come sport preferisco quelli individuali in cui c'è il connubio tra uomo e macchina come i rally o le gare enduro sia con moto o bici.
Poi per il futuro dei miei figli spero che non pensino ancora di bruciare i rifiuti perché se bruci la plastica filtri o non filtri fa male lo stesso oppure pensiamo alla favoletta che i filtri funzionano in laboratorio ma poi nella vita reale vediamo che funzionano solo il primo mese poi Man mano é come se non ci sono più.
Ultima nota lei che é del sud poi lasci stare che l'unica volta in vita mia che sono andato a Napoli mi é sembrato di vedere una città degli anni 30 panno stesi ovunque,auto che i semafori non li rispettano,scooter con 3-4 ragazzi sopra regolarmente senza caschi cioè il delirio altro che Roma

Anonimo ha detto...

20, 2018 6:37 PM Hai perfettamente ragione.

Dopo il trasloco ho dovuto aspettare quattro anni per avere la bolletta ama. Per un paio d'anni ho pagato quella che continuava ad arrivare nella vecchia casa, poi più nulla nonostante i miei solleciti. Mi veniva regolarmente risposto: "ma lei ha chiesto un ricalcolo"! Come se non esistessero i computer. Ora un conguaglio con mille dati incomprensibili in cui mi hanno chiesto 3000 euro divise in quattro "comode" rate mensili. Perché devo pagare sanzioni a causa di un ritardo che non è dipeso dalla mia volontà?

E la raccolta porta a porta non funziona. Noi condomini ormai andiamo a portare i sacchetti nelle piazzole di raccolta, senza dichiarare che abbiamo i secchioni nel portone, altrimenti non la prendono. Il vetro infatti viene ritirato dal cassonetto nel portone una volta ogni due mesi, l'umido quando si ricordano. E la piazzola, molto spesso non sorvegliata, trabocca di sacchetti misti accatastati a ogni ora del giorno e della notte. Che tristezza...

Anonimo ha detto...

ecco intendevo questo, è una trafila di rimbalzi tra uffici e sportelli, magari vai all'ama e manca il foglio del catasto, o l'agibilità, o lo stato di famiglia o qualcos altro che dimostra incontrovertibilmente quanti metri quadri hai e quanti vivono lì, e ci perdi le giornate, quando potrebbero fare loro stessi, società del comune, incrociando i dati.

per chi ha fatto l'esempio "allora tu per principio non fai la dichiarazione dei redditi"..

a parte che non devo farla perchè sono già tassato alla fonte, al massimo allego gli scontrini della farmacia.. ma se un anno mi dimenticassi sta sicuro che l'agenzia entrate mi scrive subito per ricordarmi di pagare, ama invece se ne frega. idem se non pago le bollette o il condominio mi avvisano subito che sto in difetto. per ama non esisti, eppure per ad ogni utenza, ad ogni affitto, deve corrispondere la tassa per rifiuti anche se l'appartamento è sfitto perchè si paga finchè c'è almeno un'utenza elettrica.

Anonimo ha detto...

ROMANI!

SOCCOMBETE NELLA VOSTRA IMMONDIZIA!

CHE LA PESTE VI COLGA! (e manca poco ad un'epidemia, visto il degrado)

Rocco Pitasi ha detto...

Caro sig.Mario, sono contento che partecipa in modo attivo alla pulizia della città dando un.contributo.... Come lei vorrei una città vivibile e proiettata al futuro. La mia provenienza dal Sud ( Calabria ) è stata citata solo per dire che bisogna essere orgogliosi della propria città e soprattutto bisogna difenderla perché ne va della vita propria, dei figli ecc.... Io come lei Amo Roma, ma purtroppo vedo che molta gente non la pensa così. La mia provocazione vuole essere una goccia nel mare per dire che tutto parte da noi, non dal politicante o dal sindaco di turno.... tutto qui

Anonimo ha detto...

non vedo cosa ci sia da amare in questa città, che sporca lo è sempre stata, gli incivili non sono mai mancati, ma l'andazzo degli ultimi due anni è quello che vede a bordo strada.
ama sta per fallire, come atac. ovviamente sarà colpa del natale se saremo pieni di rifiuti.

ma gli anni precedenti non era così. era meglio malagrotta? a sto punto non lo so..

Unknown ha detto...

Salve.
Siamo un gruppo finanziario privato. Concediamo prestiti che vanno da 2.000€ a 200.000 €. Offerta disponibile a tutti per rompere con le difficolta di soldi. Se siete interessato a un prestito facci sapere di cosa hai bisogno e vi aiuteremo a realizzarlo.
Contattaci via e-mail per maggiori informazioni: ambrosinigisele@gmail.com
Cordiali saluti.

ShareThis