Finalmente i grillini ne fanno una giusta: parcheggi a pagamento anche per residenti

18 novembre 2018
Anche se il 99% dei romani (d'altro canto la città è nelle condizioni in cui è perché ha la cittadinanza che si ritrova) penserà ad un paradosso, noi non stiamo scherzando affatto. Il provvedimento annunciato nei giorni scorsi sul pagamento della sosta sulle strisce blu anche per i residenti è un provvedimento sacrosanto che va nella direzione giusta e nella direzione da noi auspicata da ormai 10 anni. Tra l'altro un provvedimento - visto il livello infimo della cittadinanza - molto impopolare e dunque coraggioso, che fa onore a chi lo propone.
Un provvedimento che va dunque nella direzione di combattere una delle malattie, forse la principale malattia, della città: l'eccessivo possesso-per-abitante di autovetture private. E l'abuso della loro presenza - quasi sempre stanziale - su suolo pubblico.

Il suolo pubblico - questo vale per tutte le città - non solo è una cosa sacra e preziosa, ma è la principale risorsa, il cespite primario di una città e della sua economia pubblica e condivisa. Il terreno la maggiore fonte di introito per una amministrazione locale che poi, con i denari incassati, può permettersi di erogare i servizi essenziali in special modo a beneficio di chi ne ha più bisogno e dunque alla parte più debole della città. Ogni centimetro di suolo pubblico, dunque, deve essere messo profondamente e oculatamente a reddito e deve fruttare il più possibile all'amministrazione e dunque alla collettività. E i comuni in effetti tendenzialmente lo fanno: dalle insegne ai tavolini dei bar, dai cartelloni pubblicitari alle impalcature temporanee per i lavori su palazzi e facciate passando per cantieri, sviluppi immobiliari e urbanistici. Tutto paga, spesso profumatamente. Non si capisce dunque perché l'unico oggetto appoggiato sul suolo pubblico che non debba pagare sia l'automobile. Una stortura che ha creato tragedie urbanistiche: visto che non costa nulla, molte famiglie hanno comprato seconde o addirittura terze auto completamente inutili, lasciate sul suolo pubblico spesso settimane o mesi senza essere utilizzate. Tanto è gratis. Ecco come si arriva alle 80 vetture per 100 abitanti che si ritrova Roma che sono - sia ben chiaro - solo in parte giustificate dalla penuria di mezzi pubblici e anzi in parte non ne sono l'effetto bensì la causa: i mezzi pubblici di superficie sono lenti e poco puntuali proprio perché restano incagliati tra le auto parcheggiate (è storia di tutti i giorni) e congestionati tra le auto in movimento. E dunque è chiaro che la sosta in superficie non deve e non può essere mai più gratis: finalmente il Comune di Roma, dopo anni di politiche scellerate, sembra averlo capito partendo con una sperimentazione su alcune strade già da Natale.

Ovviamente chi possiede una vettura perché davvero (davvero!) gli occorre e la usa al mattino per andare al lavoro e ritorna la sera neppure si accorgerà della novità visto che le ore di pagamento sono quelle centrali della giornata (8-18). Il provvedimento non c'entra nulla con i "normali" possessori di vetture e non ha nulla a che spartire con l'offerta ottimale o scarsa (purtroppo la seconda che hai detto!) di trasporto pubblico locale. Se ne accorgerà invece chi lascia sul suolo pubblico vita natural durante auto che non usa o usa troppo poco per giustificarne il possesso interpretando il suolo pubblico come proprio garage: queste auto finalmente dovranno anche loro contribuire, risarcire la collettività sulla quale gravano quotidianamente occupando fior di metri quadri h24. È la cosa più normale e corretta del mondo. 

I romani hanno reagito come solo loro sanno fare: "e le macchine dove ce le mettiamo???". Come se il problema della custodia di un elettrodomestico privato fosse da scaricare sulla collettività. Come se una famiglia di quattro persone che vive in 40mq comprasse un grande congelatore a pozzetto o un frigorifero enorme di quelli americani e poi, non potendo metterlo in casa viste le eccessive dimensioni, lo piazzasse sul marciapiede fuori dal portone calando l'alimentazione elettrica dalla finestra. Non funziona così: se non hai spazio forse il mega congelatore non te lo compri o te lo compri molto più piccolo in modo tale che possa entrare nella disponibilità di spazio che possiedi, senza invadere lo spazio di tutti. Stessa cosa per la macchina, se vuoi possederne una devi provvedere a tante cose: l'acquisto della macchina stessa, il carburante, i controlli e i tagliandi, il bollo e l'assicurazione, l'olio, i pneumatici, il carrozziere e l'elettrauto quando occorrono e il luogo dove riporla quando non la usi. Se proprio insisti a lasciarla nello spazio pubblico, nello spazio di tutti, allora per il disturbo devi pagare come pagano TUTTI coloro che occupano lo spazio pubblico. 

Non fa una piega, ma a Roma questo ragionamento genera crisi isteriche surreali a tutti i livelli, nevrosi che accomunano persone di tutti i livelli, tutti i credo politici, tutti i quartieri, che vanno dal "prima dammi alternative" (incuranti delle migliaia di box auto sfitti in città, spesso per la disperazione dei proprietari trasformati in supermercati o palestre) al "ma io già pago le tasse" (come se le tasse di possesso fossero la stessa cosa di ipotetiche tasse di occupazione di suolo pubblico) fino ad arrivare al "per me la macchina è indispensabile, dunque il parcheggio deve essere gratuito" (anche mangiare è indispensabile, ma quando vai a comprare cibo non è affatto gratuito). Insomma provate a chiedere in giro e scoprirete che la gggente di tutti i ceti e i censi la pensa allo stesso modo: far pagare i residenti è una follia, peccato che sia invece un provvedimento inattaccabile e che semmai va reso più ampio e strutturale.

***

Ovviamente questo ragionamento non scagiona il Movimento 5 Stelle e i suoi 30 mesi di profondo malgoverno. Sulla mobilità infatti il Movimento poteva fare e non ha fatto nulla. Anzi sovente ha fatto passi indietro. Vediamo qualche punto. 

- Il provvedimento delle strisce blu a pagamento per i residenti sarà operativo solo in alcune strade. Questo è surreale e non servirà ad altro che a spostare il problema da una strada ad un altra. Il tizio che teneva la sua terza auto ferma un mese su Viale Libia, da domani lo farà aspettando che si liberi un posto in una traversa e occupandola per tutto il tempo che vuole. IL PROVVEDIMENTO DEVE INTERESSARE TUTTE LE STRADE, ALTRIMENTI SARÀ VANO SE NON CONTROPRODUCENTE.

- Le ZTL andavano allargate e ne andava inasprito l'orario (oggi alle 18 entrano cani e soprattutto entrano porci), non si fa per non irritare l'atteggiamento suicida dei commercianti del centro.

- Le zone pedonali nuove quasi non esistono salvo poche eccezioni piccolissime, dopo 4 mesi dall'elezione Marino aveva già pedonalizzato i Fori cosa che era oggetto di ridicoli dibattiti da 35 anni.

- L'attuale politica della sosta è ancora vittima delle malsane e tossiche decisioni di Alemanno che introdusse gli abbonamenti giornalieri e mensili rendendo vano il ruolo stesso delle strisce blu. Solo eliminando gli abbonamenti e aumentando il costo delle strisce blu (costano un terzo che del resto d'Italia!!!) si abbatterebbe il traffico in città del 10 per cento. A costo zero. Anzi guadagnandoci, diteci voi! Marino ovviamente fece immediatamente questo provvedimento ma associazioni senza scrupoli procedettero ad un esposto e il Tar con una sentenza assurda ("non si può aumentare il costo del parcheggio perché i romani non sono abituati a usare i mezzi pubblici" scrissero i giudici) bloccò tutto, è sufficiente ripartire da lì, correggere le cose impugnate, e andare avanti. Meleo si è tenuto il provvedimento nel cassetto per un anno.
Oltre a questo l'area con strisce blu va aumentata e di molto, oggi è ridicola e, tra le altre cose, ignora la presenza della Metro C per tacere del fatto che il centro storico, anche dentro la ZTL, è pieno di assurde strisce bianche a profusione: alle 18 si entra si posteggia gratis a pochi passi da Piazza Navona. Una roba simile esiste solo a Roma. Ricordiamoci come abbiamo ampiamente spiegato da anni e anni che la presenza e l'aumento delle strisce blu è un beneficio anche per chi è costretto a pagare. 

- Non si è fatto nulla sulla sicurezza stradale tanto che i morti si apprestano a raddoppiare. Un'autentica carneficina che si potrebbe diminuire (così hanno fatto a Milano) con una politica repressiva intelligente, ad esempio installando autovelox. Zero anche su questo. Se si impongono - come è giusto fare - maggiori regole, poi bisogna valorizzare chi le rispetta sanzionando senza pietà chi le viola.

- Quasi zero anche su preferenziali, fondamentali per rendere più sexy il traporto pubblico rispetto all'auto: pochissime le strade protette dopo 30 anni. Quelle pochissime funzionano benissimo e dunque fa ancora più rabbia che non si sia proceduto in maniera massiva. Un filo meglio sulle ciclabili, ma l'unica novità è la pista leggera sulla Tuscolana.

- Velo pietoso sulle metropolitane. Dopo essere stati a lungo contrari a dopo essere stati sbugiardati dalla democrazia diretta della città (la gente le vuole più di ogni altra cosa), i pentastellati ancora non hanno deciso su Metro C, mettendo a rischio anche parecchi finanziamenti. Idem su Metro D che rimane un'utopia. Sulle nuove tramvie anche nulla di nulla salvo la riproposizione a babbo morto di qualche linea già impostata dal piano di Ignazio Marino. Ma al di là delle metropolitane il velo pietoso andrebbe sparso su tutta la gestione dell'Atac come sappiamo.

- Importanti anche le mancanze sul lato dei controlli e sanzioni. L'arrivo degli honesty al governo della città poteva far presagire un cambio radicale dell'approccio delle forze dell'ordine capitoline all'annoso problema dell'indisciplina diffusa. E invece niente, tolleranza più di prima. Sulla mobilità peggio che mai: parcheggi in doppia fila, in curva, sulle strisce, dentro le rotatorie, sui marciapiedi, nelle isole pedonali e hai una percentuale di farla franca vicina parente del 100%. Coi grillini uno si aspettava una città disseminata di pattuglie con lo Street Control in modo da essere praticamente sicuri di pigliare la contravvenzione posteggiando in mezzo alla strada. Non hanno fatto nulla e la cafonaggine è ulteriormente dilagata. Oggi si chiede a chi si comporta bene di pagare (giusto) ma si tollera chi si comporta male (profondamente sbagliato) di fatto spingendo i cittadini a trasformarsi in pessimi cittadini. Un danno enorme. Oggi con un giusto inasprimento delle strisce blu si dovrebbero avere ausiliari spietati e multe a raffica. E invece il rischio che a pagare anche questi corretti aumenti siano solo coloro che hanno una coscienza.

- Ultima ma non ultima è la mancanza di visione su uno degli elementi più strategici di tutta questa partita: i parcheggi interrati. Tutte le critiche che abbiamo evocato sopra da parte dei romani a qualsiasi cambiamento che punti a modificare la loro città-favela (la favela sarà anche degradata, ma vuoi mettere il gusto di far quel che ti pare h24!?) potrebbero essere rispedite al mittente semplicemente se ci fosse una serie offerta di sosta in struttura. I parcheggi però non si fanno e quando si fanno si fanno male e coinvolgendo società improbabili. Invece realizzare parcheggi interrati è un vantaggio enorme per tutti: si riqualificano strade e piazze (pensate a Piazza Cavour, unica piazza europea della città grazie ad un parcheggio), si tolgono le auto dalla superficie, il Comune incassa milioni e milioni in oneri concessori da reinvestire su arredo urbano e ciclabilità e si possono dare servizi di qualità: car sharing, scooter sharing, in struttura possono essere trasferite le officine che oggi anomalmente occupano fondi commerciali così come i distributori di benzina. Insomma davvero una strategia ampia che oggi è totalmente ferma, dando adito alle sciocche voci di chi "vabbè, ma la macchina ndo a mettemo?".

***

Questa amministrazione, insomma, ha fatto danni economici, sociali e politici che la città pagherà nei prossimi 40 anni. Contro di questi nessun cittadino ha detto nulla. Quando si è trattato di provare a cambiar faccia al trasporto pubblico nessun cittadino si è presentato a votare un referendum. Ora però che si tratta di rinunciare a qualche ingiusto e ipotetico privilegio riguardante la propria maghina sembra che stia per scoppiare una rivoluzione. Una cittadinanza semplicemente raccapricciante che merita il peggio. Il peggio. E che non potrà mai farcela a salvarsi da sola. Veniteci ad aiutare, salvateci da noi stessi. 

65 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Vista la situazione, i romani dovrebbero innanzitutto essere obbligati a usare i box di proprietà o affittati per parcheggiare l'auto, non per usarli come cantine, magazzini o "laboratori", in barba a ogni legge o normativa, anche di sicurezza. E questo dovrebbe essere controllato in primis dalla Polizia Locale, ma mi pare che non si stia facendo nulla. Altrettanti controlli su furgoni e mezzi degli ambulanti, spesso stravecchi e con revisioni passate non si sa come...

Anonimo ha detto...

L'analisi mi sembra un po' viziata...
innanzitutto la contestazione riguarda la motivazione paventata: incentivare il ricambio delle auto nelle zone dello shopping; già, se ci fate caso si sono scelte solo alcune strade, quelle guarda caso meglio servite dalle metro (libia, bologna, appia)... questo vuol dire dare l'ennesimo schiaffo all'incentivo dell'uso dei mezzi pubblici... se davvero vale il principio di pagare l'occupazione del suolo allora facciamolo per l'intero perimetro di roma....da Morena alla Tomba di Nerone
Poi fatemi capire: se io uso l'auto per andare a lavorare sono giustificato dal possederla, se invece la uso in determinate occasioni dove non posso farne a meno e quindi vado a lavorare coi mezzi (e inquino meno) devo essere colpevolizzato e pagare il parcheggio???

Unknown ha detto...

Con tutti i soldi che gia' pago tra tasse e accise comunali non ci penso proprio a pagare anche il parcheggio residenti sellallero e' impugnabile!!!

Unknown ha detto...

Visto che mi rompono il culo con la pressione fiscale tra le piu alte del.mondo., mi.sento.in diritto di parcheggiare dove mi pare e come mi pare...senza pagare un caxxo..

alfredo casella ha detto...

Roma Fa Schifo, in fondo, e mi spiace molto constatarlo, è grillino inside. Parte da un'idea, da un'ideologia, bellissima, giusta come tutte le ideologie, e pretende di imporla a tutti, alla faccia del principio di realtà, della logica e del buon senso. In questo caso il Male è l'automobile (e poco conta se uno la compra per necessità, per sicurezza, per aver modo di assistere i genitori anziani, di farsi una gita ogni tanto, di usarla perché è stata inventata per essere usata). Non paghi del fatto che i cittadini oggetto del provvedimento in questione siano proprio coloro che la usano il meno possibile, ecco che proprio il prendere il mezzo pubblico la mattina diventa una ragione per essere penalizzati, tartassati. Questa è la logica grillina: procedere (quando fanno qualcosa) in un'unica direzione, quella ideologica. Sordi a ogni logica, come il "Reddito", ad esempio. Anche l'aria è di tutti: quando la tasseranno?

Anonimo ha detto...

Cercate "BICYCLE DUTCH" su YouTube e capirete come funziona il mondo civilizzato.

Anonimo ha detto...

condivido pienamente il post di Alfredo casella, anche perché ho genitori molto anziani che non riescono a salire sui bus e tanto meno ad andare in bicicletta. io mi reco al lavoro o con i mezzi pubblici o usufruendo di passaggi con i miei colleghi. se passase questa idea scellerata, prenderò la macchina contribuendo all aumento del traffico e dell inquinamento...

Anonimo ha detto...

al di là di tutte le considerazioni, mi piacerebbe sapere come si farà a monitorare i vari parcheggi: ci saranno grillini zelanti che prenderanno tutte le targhe delle macchine parcheggiate e verificarne l orario di sosta?

Anonimo ha detto...

Anch'io vedo positivamente l'idea di far pagare la sosta ai residenti in alcune strade. Se fosse per me pedonalizzerei tutto.
Solo un'obiezione: i residenti del centro già pagano un ticket salato (250 euro l'anno per un'auto e via a crescere per più veicoli), fu Marino ad aumentarlo di molto. Non mi pare giusto far pagare anche la sosta...

Myollnir ha detto...

Sì, ok, giustissimo, però se i vigili non multano le auto parcheggiate nelle zone pedonali, cosa vi fa pensare che multeranno quelle sulle strisce blu?

Anonimo ha detto...

Quindi io che vado al lavoro con i mezzi pubblici e lascio la macchina parcheggiata per prenderla al bisogno sono un bieco sfruttatore della comunità? Allora geni incompresi (o idioti patentati) per voi andrà meglio se da gennaio non rinnoverò l'abbonamento annuale Metrebus e ricomincerò TUTTI I GIORNI a prendere la macchina contribuendo nel mio piccolo all'inquinamento atmosferico? Che banda di imbecilli, uguali ai 5zecche.

Anonimo ha detto...

vorrei spiegare al decerebrato che ha scritto questo delirante articolo alcune cose... per esempio che quando in una famiglia si compra ADDIRITTURA una seconda vettura non è perché la stessa persona ne usa ben due, ma perché nella famiglia ci sono due persone che si devono muovere probabilmente non insieme né per la stessa destinazione. Naturalmente questo può avvenire anche per ben TRE persone in una famiglia, che potrebbero comprare quindi l'iperbolica cifra di BEN TRE automobili. Non c'è niente di inumano in questo, a parte la latenza di neuroni in chi gestisce il sito che pubblica questi sproloqui.
Aggiungerei che NESSUNO, davvero nessuno a meno che non si tratti di un collezionista molto ricco, acquista una macchina INUTILE. Perché comprare una macchina oggi come oggi significa innestare il tubo di una idrovora direttamente nel proprio portafoglio e collegarlo all'agenzia delle entrate: IVA, tasse di proprietà, tasse sul carburante, parcheggi, autostrade, la macchina è una fonte inesauribile e generosissima di introiti per stato regioni e comuni. Se chi scrive l'articolo pensa che si comprino le macchine INUTILI probabilmente dei due neuroni rimasti uno è molto malato, facesse qualcosa per quello.
Per quanto riguarda i migliaia di box sfitti... uhm... quando questo genio articolista tornerà su questa terra forse qualcuno gli spiegherà che i garage sono pieni, e i box non sono poi così sfitti... non so lui, io sono a Corso Trieste dal 2004 e dal primo giorno ho lasciato a tutte le agenzie immobiliari di zona la mia richiesta per un posto auto in zona: ne ho trovato uno nel 2008. Se questo significa gran disponibilità allora sono io che sono stato proprio proprio sfigato. Ma ho vicini di casa che ancora lo cercano e sperano. Beati voi lì in redazione che vivete sulla montagna del sapone, dove ci sono parcheggi e box dappertutto, e soprattutto beati voi che alla fine quei 300 eurini al mese di garage o di mutuo non vi pesano affatto.
Siete patetici

Anonimo ha detto...

le strisce blu per i residenti sono una cavolata. limitassero il numero di macchine per famiglia max 1 o 2 e non una per ogni figlio o filgia arrivando anche a 5 macchine per famiglia. E soprattuto limitassero il tipo di macchina, niente suv o macchinoni.

Steffius ha detto...

E questi sono appunto i cittadini di una capitale giunta all’87 posto nella classifica delle città italiane come qualità della vita.

fracatz ha detto...

Ce vuole pazienza, me ariccomanno portate pazienza. D'altronde roma non fu mai rasa al suolo durante le 2 guerre come successe a londra che fu ricostruita con concetti moderni e strade e piazze cosi' larghe che per attraversarle occorre prendere la metro che li' arriva ovunque. Ma se qui da nojos non si fanno nemmeno i cunicoli sotto le strade ove passare tubi e cavi senza ogni volta sfasciare tutto, come pensate si possa risolvere un minimo di decenza? Che poi i cunicoli ce li hai a costo zero basta affidarli al privato che si fa pagare l'affitto a chi vuole stendere cavi o tubi

Anonimo ha detto...

argomentare contro questa cosa è cosa buona e giusta. Se non altro perché col dibattito possono nascere nuove idee.
Però dietro tutto questo ragionamento dell'articolo mi pare ci sia un progetto, quello di scoraggiare ferocemente il ricorso alla macchina di proprietà. Anzi, quasi al suo acquisto tout court. Il che ci può anche stare, ma dall'altra parte ci deve essere un'ottima offerta di mezzi pubblici.
Se regolarmente per andare da A a B in auto, comodi, sicuri etc ci si mette mezz'ora con variazioni minime mentre coi mezzi, pieni di borseggiatori/molestatori, gente che non paga, a rischio incendi, ci si mette almeno un'ora arrivando anche a un'ora e mezza, parte per il percorso parte per le attese beckettiane è chiaro che ogni provvedimento che scoraggia la mobilità privata è visibile solo come una vessazione.
E a proposito di vessazione, riprendo una obiezione delle tante a questo provvedimento che paradossalmente va contro questo progetto, un tipico autogol del m5s, anzi DOPPIO autogol (ma nell'articolo lo si celebra):
1) così facendo si costringono i residenti a usare l'auto perché se il parcheggio deve diventare un costo fisso, almeno si risparmiano la via crucis quotidiana dei mezzi.
2) così si attraggono le persone che vogliono fare shopping perché trovano più facilmente parcheggio. Magari i negozianti sono contenti, ma il traffico non diminuisce di certo.
Quindi progetto in teoria giusto, ma sbagliato nei modi e in più sbugiardato dalle applicazioni singole.
Dopo "c'è un complotto per farci vincere" non potevamo aspettarci niente di diverso, però questa fa meno ridere.
Cordialità

Romeo ha detto...

Metteremo le nostre macchine al posto dele bancarelle ci sarà posto per tutti, i baranchellari se ne ritornano al loro paese,così va bene

Anonimo ha detto...

io dico che chi non e residente e va co la maghina al centro il parcheggio deve essere aumentato cosi magari ci viene di meno o con i mezzi che e meglio, poi visto che vogliono fare questa cosa prima migliorano il sistema mezzi pubblici e poi possono anche combattere a maghina. senno me dici de sali sur carro bestiame a me mica so na bestia o un caprone anche
se nel mezzo pubblico ce uno e l altro.
poi se ho un anziano in famiglia che deve andare a fare la spesa o dal medico o dove diavolo vuole posso sempre farmi portare la spesa a casa e pagare un supplemento chiamare un ambulanza privata e portarla dal doc oppure un elicottero cosi e meglio ma i sordi ?????
perche il governo non migliora il codice della strada e permette agli hoverboard ai segway
e compagnia bella di poter circolare in strada e scambiarsi con i mezzi sarebbe un idea noooo???

Anonimo ha detto...

Articolo DELIRANTE!!!

Se vivessimo in una grande metropoli come Londra o Parigi che hanno 10, 15 linee della metro molta gente l'auto non la comprerebbe proprio! Inoltre se mettono la sosta a pagamento a viale Libia che è "ben collegata" (SEEEEEE!!!!) chi vive lì parcheggierà l'auto nelle zone limitrofe - e a cascata verrebbero impattati anche coloro che non abitano affatto in zone collegate.

Anonimo ha detto...

Concorderò con voi quando:

1. Dopo aver pagato la sosta, potrò riprendermi la macchina perché nessuno avrà parcheggiato in seconda fila accanto alla mia bloccandola;
2. Se, dopo aver pagato la sosta, dovessi trovare la macchina bloccata da quella del solito imbecille che si crede furbo, potrò chiamare le guardie e farla rimuovere in meno di 10';
3. Se, dopo aver pagato la sosta e avendo trovato la macchina bloccata da quella del solito imbecille che si crede furbo, le guardie intervenute prontamente l'avranno prima adeguatamente multata e, successivamente, ne sarà disposto il blocco amministrativo;
4. Gli esercizi di ristorazione pagheranno il dovuto per l'occupazione di suolo pubblico, senza recintare, tanto meno abusivamente (v. Coronari) alcuno spazio.

Siccome sono tutte cose già previste e sempre rimaste lettera morta, faccio sommessamente notare che questa delle strisce azzurre ovunque è una disposizione illegale essendocene una dello Stato che impone di lasciare almeno un 20% "libero". Peraltro questa ennesima sciocchezza, che arriva dopo due anni di malgoverno (eufemismo), è solo un plateale quanto patetico tentativo di recuperare un po' di dignità. Peccato che, al solito, lo si faccia a danno di cittadini già gravati di balzelli (gli automobilisti) per lo più ineludibili e non di coloro che ogni giorno meritano una medaglia (si fa per dire) dell'inciviltà e dell'arroganza.

Andate a pascolare le pecore.

Anonimo ha detto...

Niente paura. Come accaduto per le i disegni di legge sull'abolizione del reato di immigrazione clandestina, e sullo jus soli, interverrà Grillo e bloccherà tutto; con l'ovvia motivazione che se un provvedimento del genere portasse la firma del movimento, i voti ai 5 stelle scenderebbero a livello di prefisso telefonico.
Quanto ai permessi per i disgraziati residenti in ZTL, sono la prova provata che il PD era ormai diventato il partito dei ricchi. Sono previsti sconti che azzerano la tariffa ai proprietari di auto con 1.900 di cilindrata in su, se uno dei componenti del nucleo famigliare è possessore di abbonamento metrebus. In casa di abbonamenti annuali ne abbiamo tre, ma siccome la nostra auto non è di lusso, paghiamo anche gli ulteriori 250 euro. Ovviamente la giunta Raggi non ha rimosso questa evidente sperequazione. Non so se per ignoranza o per continuare ad incentivare l'uso dei SUV in centro, come aveva fatto Marino.

Anonimo ha detto...

D'accordo! Non si può pretendere un romano modello svedese e poi amministrazione comunale tipo Nairobi!

Anonimo ha detto...

Già pago il bollo per occupazione di suolo pubblico, ma niente...sembra che basta pagare e si risolve tutto. Questo sito inoltre spara sempre a zero sui romani. Ok quando si scherza ma mi pare un atteggiamento quantomeno da ignoranti. Generalizzare così mi sembra veramente da stupidi. Tutti sembrano avere la soluzione in tasca...il problema dei trasporti si risolve potenziando la mobilità pubblica, basta dare colpe ai cittadini che da sempre pagano le conseguenze dei loro amministratori. Dopo tutto ciò no, sono i romani che sono una razza bastarda....vabbè...si vede che pure voi non siete cosi civili come volete sembrare.

Anonimo ha detto...

Ma dove stiamo arrivando? ma vi rendete conto di cosa è scritto in questo articolo specialmente sulla prima parte? Sta diventando una colpa possedere una macchina e per di più sta diventando una colpa lasciarla posteggiata , utilizzando i mezzi pubblici! Veramente un assurdo quello che è scritto e si sta attuando. Invece di togliere a tutti il parcheggio a pagamento perché l'auto non è più un lusso ma un mezzo di movimento ed aumentare magari la benzina o il bollo per tutti e per tutti è compreso anche chi la lascia fissa posteggiata per giorni sotto casa!!!!!!!
Con questi aumenti ci fai più mezzi pubblici e scoraggi l'uso dell'auto ma non mi si può chiedere di pagare il posteggio della mia auto sotto casa per liberare posti. A roma già da porta maggiore in poi non si trova un posto senza striscie blu a pagamento e non mi sembra che sia un modo di vivere in libertà. L'auto è un mezzo di libertà e i posteggi devono essere liberi, così come il transito altrimenti fate una campagna pubblicitaria di non comperare più automobili in quanto siamo saturi e torniamo tutti a piedi come 60 anni fa!

Anonimo ha detto...

Ma scusate, se usi poco l'auto la puoi vendere e col risparmio sulle spese annue (benzina, assicurazione, bollo, manutenzione, parcheggi, multe ecc.) sai quanti taxi può prendere in un anno? Tantissimi!

Anonimo ha detto...

Il posto auto gratis in strada non è un diritto universale dell'uomo, né è sancito dalla Costituzione!
Vuoi posteggiare sotto casa? Paga. La strada non è tua, è di tutti. Altrimenti venditi l'auto e vai a piedi, in taxi, col car sharing, in bicicletta, con i mezzi...

-peppe

Anonimo ha detto...

Roma è piena di auto-catorci buttate in strada e che imbruttiscono la città. Perché la strada dove abito, casa mia, il mio panorama, dev'essere imbruttito dalla tua fetente Fiat Tipo del 1991, scassata e sporchissima, abbandonata in strada, che usi una volta al mese?
Sia benedetto questo provvedimento, almeno così sarai incentivato a nascondere il tuo bidone altrove, oppure a rottamarlo.





Anonimo ha detto...

Inutile agitarsi: TAR TAR TAR TAR TAR

Anonimo ha detto...

ROMANIIIIII!

ESTINGUETEVI!

Anonimo ha detto...

Consiglio a chi ha scritto l'articolo di prendersi una camomilla. Vivo a Roma da 9 anni, faceva schifissimo anche prima. Il problema più grande di tutti è la mentalità parassita e sfruttatrice dell'80% della popolazione Romana.

Anonimo ha detto...

tranquilli: parcheggiate e portatevi via le targhe, tanto non ve la rimuoveranno mai.
Poi, quando vi serve, riattaccate le targhe e via.....

Fabrizio Mereu ha detto...

Fammi capire:
tu ritieni veramente che costringere la gente a vendersi tutte le auto che possiede abbia tutte ste ripercussioni positive?
Credi che acquistare o affittare un garage sia una cosa così abbordabile, in una città come Roma?
Io uso l'auto solo nel weekend, ma a questo punto non la potrò usare mai più perchè avere un'auto già costa uno sproposito di balzelli obbligatori (come ad esempio il bollo che io pago per l'utilizzo della rete stradale italiana).
Io userei volentieri il car sharing in via esclusiva, anzichè sporadicamente come faccio ora, ma non posso perchè non tutte le zone di roma sono nell'area di utilizzo a causa sia di scelte commerciali che di opportunità (atti vandalici).
Userei molto volentieri i mezzi pubblici su gomma, se la rete fosse studiata bene e se passassero spesso ma soprattutto sempre. Secondo te posso essere prigioniero di un autobus che passa una volta ogni 45 minuti e magari pure strapieno costringendomi a prendere il successivo, sempre che ci riesca?
Userei ancora più volentieri la metropolitana, se non ci fossero solo 3 misere linee malamente interconnesse tra di loro e con orari e frequenze ridicoli, tipo che alle 23.30 chiudono e che durante le festività le corse sono ridotte, per non parlare di scioperi, guasti eccetera.
Non parliamo del costo abominevole dei taxi.
Se proprio vuoi limitare il possesso delle seconde e terze auto, perchè non intervieni su chi chiede permessi per le seconde e terze auto, attraverso l'istituzione di una "anagrafe automobilistica"?
Se a me l'auto servisse per fare una gita fuori porta una volta al mese, che magari avrò pieno diritto di fare e che vorrei fare anche più spesso, perchè devo spendere cinquanta euro al giorno di noleggio oltre ai soldi del carburante?
E secondo te, questo provvedimento scoraggerà chi ha più denaro a disposizione o chi ne ha di meno?
E credi che il denaro che riuscirai a raccogliere tramite questo taglieggiamento servirà veramente a quello che necessita per una vera mobilità sostenibile, ad esempio:
- vere piste ciclabili protette e interconnesse, non percorsi ciclopedonali farlocchi da 300 metri;
- integrazione completa delle ciclabili con la mobilità pubblica;
- percorsi protetti per le preferenziali, e non "apriamo le preferenziali a tutti quelli che non vogliono fare le file" tipo i soliti politicanti o imprenditori che sono disposti a pagare migliaia di multe eccetera;
- vera realizzazione di un GRAB e non proclami ai quattro venti per una cosa che non si mai vista e non si vedrà mai.
- promozione attraverso sistemi di geolocalizzazione e contributi fiscali alle imprese dello smart commuting con biciclette o a piedi.
E ne avrei anche altre, ma ho finito il tempo. Rifletteteci.

Anonimo ha detto...

nel codice della strada, non da oggi ma penso da almeno 30 anni, c'è un articolo, andatevelo a cercare, dove è scritto che la SOSTA gratuita non può durare oltre 24 ore.
ovviamente nessuno vigila, ma la legge impone di spostare l'auto entro le 24 ore. altrimenti è un'occupazione abusiva di suolo pubblico.

poi visto che ormai la gente ha fatto sua la mentalità degli zingari e dei napoletani è ovvio lasciare il bidone dove capita per due mesi magari senza assicurazione tanto il bando rimozioni ancora non l'hanno fatto.

il problema è che i romani in maggioranza non sono zingari e napoletani altrimenti dopo due giorni quell'auto o sarebbe bruciata o ce trovi er torsolo su 4 mattoni senza manco le lampadine dei fari.

Anonimo ha detto...

Gentile Mereu,

le faccio il mio esempio.
In famiglia siamo in 4 (due adulti e due bambini piccoli) e non abbiamo né auto né motorini. Viviamo a Ostiense, quartiere abbastanza ben servito dal trasporto pubblico. Ci muoviamo il più possibile a piedi e in bicicletta (con i bimbi nei seggilini). Quando non è possibile, con i mezzi e in taxi. Usiamo anche i comodissimi car sharing Enjoy e Car2Go (ottime le nuove Smart Forfour a cinque porte).
Quando il fine settimana facciamo una gita fuori porta o d'estate andiamo al mare, noleggiamo un'auto alla stazione Termini (su Rentalcars.com una Clio costa pochissimo - circa 30 euro per due giorni), oppure prendiamo il treno.
Insomma, salvo esigenze lavorative o abitative particolari, è oggi possibilissimo vivere a Roma senz'essere proprietari di un'auto!
saluti,

-PP

Anonimo ha detto...

io pure ho vissuto 3 anni senza auto a roma, tra bollo assicurazione manutenzione benzina, eventuali multe e stress traffico parcheggio avevo calcolato che potevo permettermi circa 50 euro al mese di taxi (non c'era ancora il car sharing, parlo del periodo 2010-2013) oltre a qualche biglietto di metro e bus.
ho diversi box e auto sportive che non uso quasi mai, ma non le lascio per strada, perchè non sono bidoni. e pure il "bidone" che uso per la spesa e altre amenità, lo metto in box, perchè 1 il parcheggio non c'è, 2 mi dispiace toglierlo ad altri che ne hanno bisogno, anche se sarebbe corretto che pagassero il rimessaggio come faccio io e tutte le persone decenti.

sa cosa mancano? i ladruncoli tossicodipendenti che ti spaccavano il finestrino per rovistare in auto. magari ce ne fossero di più, e la gente li spenderebbe 100euro al mese per il box.

Anonimo ha detto...

Per anonimo delle 4,37. Non ho verificato quanto asserito, relativamente al codice della strada, ma lo prendo per buono. Quindi se così fosse bisognerebbe far pagare tutte le macchine parcheggiate oltre le 24 h e non solo quelle in sosta sulle strisce blu...sai che caroselli di macchine in giro per Roma!!!

Fabrizio Mereu ha detto...

Anonimo, tu probabilmente li spenderai 1200 euro all'anno per un box auto (che poi dipende, eh.. difficile trovarlo a questa cifra) Con questa cifra, di auto te ne prendi un'altra ogni tre anni. A meno che tu non giri con una Enzo, nel cui caso probabilmente sarebbe più sensato comprarti un garage interrato a via del tritone.

Fabrizio Mereu ha detto...

Caro Anonimo ostiense, io pure vivo a ostiense. Lei probabilmente non esce mai dopo le 20.30, ma se lo facesse, si renderebbe conto che dovunque vada, o torna entro due ore, o le tocca prendere una macchina. Se trova quella del car sharing, abbia cura di non andare mai oltre l'area di servizio, nel cui caso dovrà parcheggiarla nel limite e proseguire in taxi, per poi tornare nello stesso modo. Non le auguro di avere la necessità di andare in posti dove necessita di un qualsiasi bagagliaio, perchè le auto del car sharing in italia (non in germania, dove si può scegliere) sono tutte piccole piccole con bagagliai striminziti. Dimenticavo: se lei ritiene che le auto noleggiate su rentalcars costino 30 euro per due giorni, o si affida a un operatore ben poco serio, o gioca al rischio che qualcuno le righi la macchina o gliela sfondi, nel cui caso l'operatore non vedrà l'ora di addebitarle danni mostruosi anche per un semplice graffietto con la chiave o per uno specchietto rigato.
Vivere a Roma senza auto si può, se non si esce mai dal centro o se si ha a disposizione un bel po' di soldi da buttare in noleggi di auto quando si esce.

Anonimo ha detto...

Io sono uno dei pochi ,purtroppo,romani che usa la bici per andare a lavorare.
Però non tutti possono prendere la bici o solo i mezzi per andare a lavorare molti sono costretti ad usare la macchina e li devi poter mettere in condizione di lasciar l'auto tipo Roma sud ha la Pontina perché non fare un enorme parcheggio ad altezza Euroma2 in cui mettere le auto e chi va oltre farli pagare il pedaggio per entrare in città?
Poi il lavoro dovrebbe essere dato in base a dove abiti tipo perché proprietari di negozi non vedono dove abitano i propri dipendenti ed il base a ciò darli il lavoro sotto casa ho esempi di persone che lavorano all eurospin e si fanno almeno 20km al giorno mentre se li scambiano si farebbero solo 5-6km ognuno, stesso discorso per tutti o settori

luca ha detto...

Primo la storia del la macchina la uso per andare a lavorare non regge perché non ci sono punti di Roma non serviti da autobus solo che con i mezzi ci arrivi in 2 ore con l'auto con 40minuti ci arrivi ma vale per chi fa grandi distanze fuori dal raccordo non chi lo fa dentro il Raccordo.
Se non usi la macchina tutti i giorni sei visto male perché occupi un posto che potrebbe servire a decine di clienti che vorrebbero raggiungere li vicino negozi o ristoranti dove spendere denaro e far girare l'economia e se te lasci impunito perché residente la tua auto questi clienti non trovano posto e si rivolgono ad altri posti come i grandi centri commerciali e i piccoli commercianti pagano questo non vendendo e l'economia va giù questo solo perché tu occupi quel posto gratis se almeno paghi che so 8€ al giorno allora va bene perché il comune quei soldi ci fa delle opere

il grillino esaltato ha detto...

Magari mi assumessero come addetto alle multe passerei otto ore a non fare nulla e a far guadagnare il comune.
Se poi mi pagassero in base al numero di verbali fatti poi sarebbe perfetto

Anonimo ha detto...

E che sono 250€ un box ne costa al mese così tanto.
Allora facciamo cosi il ticket non ve lo faccio pagare ma la sosta 5€ all'ora ti piace?

Anonimo ha detto...

ah non ci sono punti non serviti da autobus? mai sentito parlare di via della pisana? un bus che passa ogni tanto con corse soppresse. io vengo dalla tuscolana è un disastro, ho provato a fare l'abbonamento annuale atac ma è stato un disastro dovevo partire 3 ore prima. prima di parlare informati. ci sono tante zone mal servite.

Anonimo ha detto...

Gentile Mereu,
sì effettivamente le poche volte che usciamo dopo le 20.30 tendiamo a restare nelle zone centrali della città, anche perché non abbiamo esigenze di andare in luoghi remoti. E ci muoviamo quindi con i mezzi, in car sharing o in taxi (o anche in bici se dobbiamo andare in centro di sera senza bimbi).
Per il noleggio, le compagnie più economiche sono: Interrent (marchio low cost del gruppo Europcar), Budget (gruppo Avis), l'eccellente SicilyByCar e Locauto. Assicurazioni extra non ne prendo mai, anche perché se l'auto fosse mia l'eventuale riparazione dello specchietto rotto sarebbe a mie spese. E sinceramente in 7 anni non ho mai avuto danni, tranne un faro rotto da me stessi facendo retromarcia. Noleggiare non è buttare soldi, pago per un servizio. Per me è più buttare soldi dalla finestra pagare per un'auto di proprietà che langue ferma in strada la maggior parte del tempo.
Provi anche lei!
saluti.

Un babbeo cicciottello. ha detto...

Qualcuno può spiegarmi dove stavano i 600 vigili utilizzati oggi per lo sgombero delle 8 ville quando queste venivano costruite?

Anonimo ha detto...

E bravo, però quando muovi la macchina che usi tutti i giorni (visto che qui l'esempio di virtù non è chi prende il mezzo pubblico così come è, cioè in ritardo, strapieno e poco efficiente, ma chi usa la macchina quotidianamente o anche, come fanno molti, al posto delle gambe per fare poche centinaia di metri) inquina molto più di chi la prende saltuariamente

Eppure, per fare un discorso simile al suo, l'aria è di tutti, non puoi considerarla come la tua fogna.


Mi dispiace, qui non ci siamo. Questo è un provvedimento che, essendo partito su zone commerciali, vuole forse far contente alcune categorie di cittadini, a scapito di altre.
Il solito giochetto. Niente di nuovo.

Anonimo ha detto...

Sulla pisana ci passa il numero 808 e ogni 15minuti passa per raggiungerlo devi prendere la metro fino a Cornelia scendi e prendi il numero 889 che passa ogni 20minuti circa ti fai 8 o 9 fermate e prendi il numero 808.
Ovviamente se devi andare con i mezzi ad esempio alla regione Lazio ci metterai 35-40 minuti di metro e almeno altri 60 minuti tra coincidenze e tempi di spostamento con i mezzi.
Altre zone poco servite sono anche l'Acquafredda e molte altre zone ma gli autobus ci sono solo che per motivi economici non possono mettere un autobus per farlo prendere a 4-5 persone.
Su questi problemi nessuno ci si sofferma mai ma avere autobus vuoti porta a perdite,perché ad esempio non mettere più autobus piccoli a 15-20 posti per queste linee periferiche che consumano poco e aumentare le corse.
Lei amico mio che viene da Tuscolana e va sulla pisana ci mette
Minimo 1 ora con la macchina se va negli orari di punta
Con i mezzi minimo 1 ora e quaranta

Anonimo ha detto...

no con i mezzi anche di piu perche a valle aurelia prendo il 906 per via del pescaccio esattamente dove sta la metro e passa solo quello. e molto spesso arrivi al capolinea di valle aurelia che viene soppresso e devi prendere un ora di permesso non mi pare il massimo caro mio.

barney ha detto...

Ho pieno rispetto e ammirazione per l'autore del blog, ma quando dice cazzate bisogna dirglielo. Purtroppo il fanatismo, quello che prescinde dalla realtà, può essere addirittura più dannoso dell'inciviltà dei cittadini di cui parla spesso.

LucianaCrochet ha detto...

Brava !! Perché non tassare anche l acqua dei nasoni? ? Ah già non si può. ...l acqua scorre a spreco.

Anonimo ha detto...

ciao, come mai non scrivi più, hai visto per caso il 906?

Anonimo ha detto...

Io sotto casa reale ho avuto l’invasione Dei politici cinque stelle sotto casa,la strada era privata dove abito io e privata, non credo loro hanno dire alla gente imporre lecose completamente sbagliato dove la strada è privata i politici non hanno diritto di multarli per via in questione è privata dove abito io la via è privata drovrebbero essere chiusa con una sbarra però non c’è , drovrebbero metterlo il proprietario dell’edificio,
Poi dove abito io ci sono auto di non residenti , ma fare pagare residenti è cattiveria bella buona ,primo. ,non si impongono le cose , 2 sono citttadini e residenti di decedire cosa fare ,dove andare , cosa usare e mezzo quale usare ,non costringe la gente cosa fare soprattutto cosa mangiare saranno pure cazzi suoi

Unknown ha detto...

Mi sembra che qui molti la fanno troppo facile (non i riferisco solo al post ma a tutto il discorso auto da bannare a Roma a prescindere).
Rinunciare all'auto a Roma? Auspicabile e fattibile in alcuni casi, ma non a prescindere come la si vuole far passare.
Concordo che è assurdo usare la macchina per spostamenti che si potrebbe fare benissimo con i mezzi in tempi più o meno uguali, e ciò è segno di inciviltà. Ma non si può estendere questo ragionamento ai milioni di abitanti di Roma.
Chi lavora fuori Roma, come me, che dovrebbe fare?
Trasferirsi? Magari, se potessi me ne andrei anche domani. Con i mezzi ci ho provato, ma si va dai 90 ai 120m a seconda delle coincidenze, mentre con la macchina la metà del tempo (il tutto da moltiplicare per andata e ritorno).
E lo stesso vale per chi lavora in aree di Roma ma poco servite.
Obbligare un cittadino a fare questo equivale a murarlo a casa-lavoro od ad andarsene. Chissenefreca direbbe qualcuno, vattene od adattati, stai a Roma. Ma occhio, entrambi i casi portano ad un impoverimento della città sul lungo periodo: così chi lavora e produce ricchezza o non la spende perché sta sempre in giro o la spende altrove perché (beato lui) se ne è andato. E queste sono le persone che con le loro tasse ed il loro stipendio danno i soldi a tutta la città.
Poi quando la gente che lavora e vive a Roma sarà diminuita e/o non spende si farà cassa con cosa?
Prima di obbligare dell'togliere la macchina, o penalizzarla facendola diventare troppo costosa per lo stipendio medio, bisognerebbe renderla non necessaria:
Più mezzi (poche storie, il trasporto di Roma è carente in alcune aree e centralizzato per molte cose a termini che diventa un enorme collo di bottiglia)
Più postazioni di ricarica per le auto elettriche (anche a lavoro) per risolvere l'inquinamento
Spingere pubblico e privati ad incentivare forme di telelavoro (ad esempio alcune ditte di Milano invitano i propri dipendenti a lavorare da casa nei giorni di sciopero), una cosa sulla quale Roma è paurosamente indietro e che le risolverebbe molti problemi.
Senza un ragionamento di questo tipo, un'idea come questa diventa la solita, ennesima sparata fine a se stessa. Magari ha un seguito o magari no, ma in entrambi i casi non porta a nulla, e nella peggiore delle ipotesi fra qualche anno ci si accorge che ha fatto solo danni.
E non può essere adattata da altre città senza un minimo di contesto o di premesse adatte come la si mette qua... mi sembra di vedere quelli che copiano i compiti a scuola dagli altri senza avere ma minima idea di cosa stanno scrivendo, e poi ci prendono 2 perché hanno scritto qualche cavolata che non hanno capito.

Unknown ha detto...

Si chiama BOLLO AUTO, la onerosa tassa per occupare il suolo pubblico. Il problema sono le auto sulle strisce, senza un minimo di coscienza da parte dei cari cittadini ai quali auguro la carrozzella a vita. Ma pagare il parcheggio in strada..E' una rapina.
P.S. Chi la autorizza a lei a parlare come se tutti aspettassero questo provvedimento? Non so se la pagano e non mi interessa, ma come cronista e' scarso. Cambi hobby, abbia modestia.

Fabrizio ha detto...

Il tuo stile di narrazione è abbastanza scarso. Pare che l'unico accorgimento per alleviare la morsa delle auto di questa città, sia perseguitare gli automobilisti, quindi ben venga colpirli in tutti i modi possibili.
Io vado al lavoro e anche altrove in bici perchè penso che nemmeno i mezzi pubblici possano essere più rapidi delle mie gambe, in più è un mezzo a impatto zero e che rende benefici anche a chi lo utilizza (fisici).
Le macchine sono l'incubo di noi ciclisti e sarei il primo ad essere contento se roma si potesse trasformare in una novella amsterdam.
Ma se l'uovo di colombo fosse quello di aumentare il prezzo dei parcheggi, non credi che ci avrebbe pensato qualunque idiota con la terza media? Le cose, nel mondo reale, sono molto più complesse.
I mezzi, come è stato ampiamente evidenziato, non solo non passano dappertutto, ma se passano o sono stracolmi, o passano con ritardi biblici, e non sono causati tutti dal grande flusso veicolare o dai soliti incivili in sosta selvaggia. Quando parlo di sosta selvaggia, peraltro, non intendo quelli che sostano nelle strisce blu gratis perchè ivi residenti, ma quegli idioti che ritengono che parcheggiare "solo cinque minuti" dove crea disagio sia lecito, in questa città dove la legalità e il rispetto delle regole sono solo un lontano ricordo.
Invece di inasprire le regole a chi parcheggia in modo regolare, perchè non rendi più punitivo il parcheggiare dove non si può? ad esempio disponendo una sorta di daspo per le auto pizzicate in doppia fila, sulle strisce, sulle preferenziali o posti per disabili?
Parlando delle metropolitane esse sono soggette a scioperi, malori dei passeggeri, guasti, ammanchi di corrente, scarsità di mezzi, di macchinisti, di direttori di movimento, di pezzi di ricambio, e se l'aumento dei prezzi dei parcheggi potesse miracolosamente risolvere tutto questo in un colpo solo, c'è sempre il fatto che di linee di metro ce ne sono solo due e mezzo (la linea c ha pochissime fermate e già considerarla a metà è un regalo) con tutto quello che ne consegue.
Non credo che l'aumento dei prezzi dei parcheggi ti fornirà il mezzo miliardo di euro a chilometro che costa realizzare nuovi tronconi della metro.
I mezzi su gomma sono una alternativa a dir poco scandalosa.
Gli investimenti vanno fatti sul medio e lungo termine, e non con quei pochi spiccioli che ritieni si possano raccogliere a breve termine dall'aumento delle tariffe dei parcheggi.
Tanto per dire, il Comune di Roma guadagna ben di più dalle multe agli automobilisti, che dalle tariffe dei parcheggi: costringendo ogni utente a vendersi la macchina o a comprare il garage, gli leveresti in un colpo solo tutte le entrate di entrambi, non credo che ne avresti chissà quale beneficio. Informati prima di parlare a sproposito e a nome di chiunque.

Anonimo ha detto...

Solo per fare chiarezza il bollo auto è una tassa di possesso.

Anonimo ha detto...

Per chi obietta con l'argomento "pago già le tasse ecc."... Basterebbe solo inviare vigili e applicare le sanzioni per i vari divieti di sosta e fermata nonché divieti davanti alle fermate ATAC per scatenare l'ira funesta dei tanti possessori di autoveicoli romani. Provate a farvi un giro a Monteverde la sera... per vedere come e dove sono posteggiate... Il principio di questi Signori è: "io voglio la maghina e poi mi devono trovare spazio per posteggiarla".. Sveglia!

Anonimo ha detto...

il bollino blu era una tassa di circolazione per roma.

Unknown ha detto...

condivido ogni parola. Ho vissuto 4 anni a Richmond in Inghilterra dove questa tassa esiste da tantissimi anni. Costa £104 all'anno per la prima auto e £164 per la seconda

cara menggugurkan hamil ha detto...

just information we only provide information for those who need it
A. obat telat datang bulan
B. posisi berhubungan agar cepat hamil
C. makanan dan minuman agar cepat hamil
D. panduan agar cepat hamil
E. cara agar cepat hamil
F. cara agar cepat hamil setelah selesai haid
G. cara alami untuk segera mendapat kehamilan

Anonimo ha detto...

Non puoi neanche lontanamente immaginare lo spreco d'acqua che c'è sotto terra si parla di una rete che perde circa il 60% contro in consentito di solo il 15-20%, infine ti voglio ricordare che i nasoni sono solo 0.5-1% di tutte le perdite ipotizzate a Roma.
Chiudere i nasoni é solo per far contento il popolo ignorante visto che sottoterra lo spreco é almeno dieci volte tanto.
Si sa occhio che non vede cuor che non duole.
Poi in una rete idrica servono scarichi e sfiati e i nasoni nel caso nessuno apra il rubinetto servono a sfiatare per non far scoppiare i tubi

Anonimo ha detto...

Sbagli
Sbagli
Sbagli
Sbagli
Fai come ti ho detto io e vedrai ci metti di meno

ajeje ha detto...

a tutti quei c.... che dicono " SI è GIUSTO PAGARE IL SUOLO PUBBLICO " si è GIUSTO INFATTI IO GIA PAGO IL BOLLO!!! AVETE CAPITO???

Anonimo ha detto...

Quando inizieranno a pagare la sosta, come i normali onesti cittadini, i "furgonari dei traslochi" che si sono appropriati, sotto gli occhi di tutti, dei parcheggi di Via Cipro, (angolo Via della Meloria) che occupano anche posizionando ostacoli (sedie, motorini, scale, scatole di cartone...) per impedire di posteggiare, ai residenti e a chi pagherebbe il ticket ???
Quante multe sono state fatte a questi signori che stazionano giorno e notte 365 gg all'anno GRATIS ?
Perchè non pagano e perchè gli è permesso ? ? . . DI CHI E' LA RESPONSABILITA'? Fate pagare (e poi licenziateli in tronco)agli ausiliari del traffico il mancato incasso...!! 70 euro al mese x ciascun motocarro x 12 mesi = 840 x 5 autocarri = 4200 euro all'anno CHI HA PERMESSO QUESTA VERGOGNA ? ? La Sindaca lo sa ???

Anonimo ha detto...

iniziassero a eliminare le strisce bianche di alemagno e a efficentare il trasporto pubblico con controlli sui biglietti e corsie protette.
come si fa in tutte le città normali. basta andare a firenze…….pentafessi

ShareThis