3 minuti di follia in video. L'inferno delle scippatrici a Barberini

27 dicembre 2018

È il giorno di Santo Stefano. Roma nonostante tutto è piena di turisti. La metro è colma di gente. Barberini, dopo tante peripezie, è finalmente riaperta. Ma visto l'inferno che c'è dentro qualcuno potrebbe pensare che era meglio quand'era chiusa: meno servizi per cittadini e visitatori, per carità, ma per lo meno inferiori opportunità per quella che ormai a tutti gli effetti, per come si comporta e per come si pone, è criminalità organizzata. Ben organizzata non certo grazie alla forza dell'organizzazione criminale (quattro ragazzine indemoniate, probabilmente mezze drogate), ma grazie alla debolezza di chi dovrebbe controllare, sanzionare, tutelare i cittadini.

Dove lo stato scompare, subentra qualsiasi altra cosa. Raramente qualcosa di positivo. Le scippatrici della metro lo sanno benissimo, conoscono le norme, sanno che nessuno può torcere loro un capello, hanno capito alla perfezione come evitare i controlli di guardie e vigilantes e perfino di Polizia e Carabinieri. 


Il video è simile a tanti che abbiamo pubblicato, ma sembra che questi filmati siano mese dopo mese sempre più atroci e inaccettabili. Testimoniano l'autentico inferno che ad ogni minuto e ad ogni ora si ripete uguale a se stesso sottoterra. Roma è piena di spazzatura in superficie ma nel sottosuolo le cose non sembrano andare molto meglio. Il problema è arcinoto alle forze politiche che governano la città, inequivocabili tweet lo testimoniano. Tuttavia nulla è stato fatto, nessuna mobilitazione, nessuna azione neppure simbolica. Onestamente se noi fossimo presidenti di commissione o assessori ai trasporti di una città nella quale le stazioni della metro sono ormai DI PROPRIETÀ di bande di scippatori terremmo proprio laggiù le riunioni e gli incontri, trasferiremmo dentro alle stazioni più colpite i nostri uffici. Per significare la vicinanza della città e far capire ai criminali che sono braccati. Invece un problema che devasta l'immagine della città, che fa piangere ogni giorno centinaia di turisti e che comunica tutto il degrado umano di Roma danneggiando la sua primaria industria e umiliando chi sceglie di spostarsi col mezzo pubblico viene ignorato. 



Nei 3 minuti di filmato, se ci fate caso, potete vedere questa serie di cose:


-tentativo di borseggio subito all'inizo

-quantità industriale di borseggiatrici che sfilano a destra e sinistra senza soluzione di continuità (15? 20?) appartenenti a ben due bande diverse

- "mortacci tua pezzo di me*da" 

- urla demoniache a ripetizione in mezzo ai passeggeri attoniti

- "pedofilo che mi vuole scopa*e" (un classico di queste scippatrici, accusare chi le ferma di violenza sessuale. E tutto si risolve)

- una borseggiatrice che ad un certo punto riprende il cittadino che fa il filmato

- una borseggiatrice che dice e ripete "roma fa schifo", il nome del nostro blog

- una borseggiatrice che minaccia: "guarda che ti spacco il telefono"

- una che dice "vuoi soldi?". Dimostrando quale è probabilmente il rapporto che queste signore hanno con chi deve controllarle. Quanta corruzione c'è per far star fermo chi dovrebbe intervenire? Quanta corruzione c'è per generare una situazione come quella del filmato con intere stazioni prive di qualsiasi controllo e con zero controllo anche dalle telecamere?

- ovviamente la classica scatarrata finale

Un gruppo di pezzenti che vengono messe in fuga e vanno ai pazzi per un cittadino che le riprende. E fior di esercito, vigilantes, forze dell'ordine ci vogliono far credere che siano imbattibili. Il video è stato girato alla stazione metro A Barberini ieri alle ore 18... Comunque adesso va al governo Salvini (magari diventa pure Ministro dell'Interno) e tempo tre mesi risolve!

45 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Per i 5S è il masso dello sviluppo economico concepibile. Mimmo

Anonimo ha detto...

Ma cosa vuoi commentare? Poi saltano su i buonisti, perché queste feccie rubano a chi va a lavorare non ai sinistri che le difendono. Il rimedio c'e. Uno potrebbe essere espellerli dall'Italia, tanto a loro piace girare.

Anonimo ha detto...

Ma cosa vuoi commentare? Poi saltano su i buonisti, perché queste feccie rubano a chi va a lavorare non ai sinistri che le difendono. Il rimedio c'e. Uno potrebbe essere espellerli dall'Italia, tanto a loro piace girare.

Anonimo ha detto...

Queste fanno parte di un'etnia culturalmente predisposta a delinquere per la quale è impossibile pensare ad una qualsiasi forma di recupero od integrazione. Punto. Con buona pace di tutti gli imbecilli di turno che pensano il contrario.

marù ha detto...

Senti anonimo, ma ti rendi conto delle cazzate che stai dicendo? Noi buonisti di sinistra NON difendiamo nessun delinquente, se uno è delinquente lo è a prescindere dal colore della pelle, al contrario di voi razzisti che ritenete che extracomunitario sia un sinonimo di delinquente. Per voi cattivisti chi ruba può essere solo uno straniero, lo si evince dal tuo commento che da per scontato che le borseggiatrici siano straniere. Io non so la loro nazionalità e neppure mi interessa. Piuttosto mi interesserebbe finissero subito in galera. saluti

Anonimo ha detto...

Come volevasi dimostrare, ecco che salta fuori il buonista incapace perfino di leggere correttamente i commenti, o meglio, capace solo di capirli solo secondo la sua deviata prospettiva: dove si sostiene sopra che chi ruba è solo straniero? Qui si commenta un caso specifico, fatto di comportamenti reiterati e propri di una specifica etnia, più volte denunciati e sotto gli occhi di tutti. E' innegabile che l'integrazione per questi soggetti sia un'utopia, dato che il delinquere fa parte della loro cultura, senza scomodare analisi sociologiche radical schic che mascherano l'evidenza col razzismo. Dal punto di vista di questi rifiuti umani, siamo noi gli stranieri da disprezzare che si meritano di essere derubati, così come Buzzi e Carminati definivano falliti e polli da spennare tutti quelli non appartenenti al loro cerchio magico di delinquenti.
Ma impara a leggere!

Anonimo ha detto...

io se potessi le ucciderei, ed ucciderei i buonisti che risponderanno a queto post, me ne strafrego

vinno ha detto...

Il governo gialloverde non ha la bacchetta magica.
Se i zingari sono italiani ce li dobbiamo tenere.
L'unica cosa da fare é togliere immediatamente questi dai loro genitori zingari e affidarli a case famiglie.
Andrebbe fatta una legge ad uso solo per i zingari che se tu fai più di un figlio devi dimostrare che lo puoi mantenere altrimenti te lo portano via perché si sa che cosa farà questo.
Queste scippatrici vengono sempre riconsegnate ai loro genitori rom dopo che le portano in caserma,mentre agli italiani non succede anzi ti tolgono i figli anche solo perché ti separi dal partner e i servizi sociali vedendo che non navighi nell'oro ti tolgono i figli ai zingari questo non avviene.
Perché maledetti bastardi ai zingari lo ridate i figli e agli italiani no?
Non dite che non è vero perché io sono un uomo che causa divorzio con una donna un po' pazza i figli il giudice li ha dati a me salvo poi conaegnarli ai servizi sociali visto il mio basso stipendio

Anonimo ha detto...

Embè, cari signori, questo è il risultato di essere governati da cialtroni quaqquaraqua: ora abbiamo il Gatto e la Volpe (rispettivamente il bamboccione campano ed il bullo padano) che cambieranno l'Italia...lo vediamo come la stanno cambiando. A chiacchiere. Il pacchetto sicurezza, cancelleremo mafia camorra e 'ndrangheta dalla faccia della terra...tutte balle.
Finchè non apparirà, in metropolitana, qualcuno che acchiapperà un AK-47 e comincerà a sparare come un matto...forse poi qualcosa potrebbe cambiare.

Anonimo ha detto...

...E naturalmente, le varie associazioni per i diritti degli utenti (AssoUtenti, AssoConsumatori, AssoPigliaTutto, CODACONS, CAZZOCONS, CULACONS), che dovrebbero fare una denuncia al secondo...che fanno? Un benemerito cazzo.

Anonimo ha detto...

Purtroppo è anche un problema di massa, lo abbiamo qui detto e ridetto. Se ad ogni tentativo di scippo la gente reagisse in massa e le gentili donzelle del video, anzichè guadagnare il bottino, guadagnassero puntualmente, ogni volta, una scarica di schiaffoni, a due a due finchè non diventano dispari, dopo pochi giorni si leverebbero il vizio. Ma il fatto è che qui manca la cultura di incazzarsi in massa di brutto. Ormai la massa è un branco di pecore.

Anonimo ha detto...

Ci mandassero un po' di guardie tedesche armate di questo:

https://it.wikipedia.org/wiki/AK-47

Tutto si risolverebbe in poco tempo.

Anonimo ha detto...

Il problema è alla radice...alla mancanza di uno Stato che abbia a cuore gli interessi della propria capitale....invece ora che sono al Governo ovunque si dimostrano per quanto valgono veramente....0 zero 0

Anonimo ha detto...

La soluzione sarebbe semplicissima: chi nasce da una pregiudicata con almeno tre precedenti dovrebbe essere portato via alla famiglia criminogena sin dalla nascita. Questo, sia chiaro, dovrebbe valere per tutte le criminali recidive che sgravano, indipendentemente dall'appartenenza etnica o dalla cittadinanza. Ci guadagnerebbero tutti. Il sistema delle case famiglie, quello che rende praticamente impossibili le adozioni in Italia, avrebbe un incremento del giro di affari e, forse, qualcosa concederebbe a quelle brave persone che -oggi- sono costrette a ricorrere alle adozioni internazionali. D'altra parte i neonati sarebbero sottratti sin dalla nascita ad ambienti familiari che considerano i bambini degli strumenti per agevolare le proprie attività criminali. Forse quei bambini e quelle bambine, una volta maggiorenni, non diventeranno fisici nucleari, ma almeno avranno la possibilità di accedere al mondo del lavoro, invece di -come accade oggi- avere prenotato un posto in carcere.

Anonimo ha detto...

Art. 403 c.c. con applicazione in età neonatale.

Anonimo ha detto...

@dicembre 27, 2018 8:46 PM
spietato ma temo giusto. Non so se sia esente da problemi, però al volo direi interessante.

Più in generale, ammetto un certo fascino e interesse verso il mondo rom. Al di là della loro visione di sé stessi
"rom, uomini liberi (donne meno, aggiungerei io)..." e se qualcuno obbietta che fanno danni "è la nostra cultura" come se questo ponesse fine al dibattito
dicevo al di là di questo, intanto - fosse vero che questa cultura è millenaria - ci vedo anche una sorta di saggezza (o furbizia)...il vivere liberi dai NOSTRI schemi (perché a quanto mi risulta li hanno eccome anche loro) sacrifica parzialmente la sicurezza del benessere, anche se poi per la nostra costituzione e per la dichiarazione universale dei diritti dell'uomo TUTTI hanno i loro diritti ad essere assistiti, però d'altra parte li rende liberi dagli obblighi che abbiamo noi gaggi (a Roma gaggio vuol dire uno che si crede furbo invece è un fesso...sarà un caso). Liberi dagli obblighi e dallo stress. Per loro, sembra, la lotta per la sopravvivenza è senza regole. Noi le abbiamo e questo ci "lega le mani". Quindi faticosa, ma con un piccolo o grande vantaggio. Una vita più vicina a quella naturale. Ammesso che ne esista una.
Ma a volte mi viene il sospetto che il loro comportamento è semplicemente quello di un popolo emarginato da tutti, disprezzato, e sostanzialmente povero, che appunto, di quel vantaggio fa una garanzia di sopravvivenza esattamente come faremmo noi se fossimo poveri e NON INCASELLATI come invece siamo in un sistema burocratico che ci prende nelle sue spire prima ancora di nascere.

Mi piacerebbe conoscerli meglio. Per capire se "sono tutti così" e se la loro cultura è millenaria o frutto delle più recenti circostanze. A me pare - e questo deporrebbe a favore della seconda ipotesi - che negli ultimi anni si siano "ingaggiati" :-D anche loro. Ovviamente prendendo il peggio (mi ricorda un po' il discorso sul sottoproletariato urbano di Pasolini negli anni '60). Droga, prostituzione, spaccio, su piccola scala sono cose che qualche decennio fa erano impensabili. Ma d'altronde con questo sistema economico o ne fai parte legittimamente, o ne rappresenti il lato oscuro, tertium non datur (vedi Captain fantastic con Viggo Mortensen).
E questi nel sistema legittimamente non ce li vuole nessuno: niente casa, niente lavoro etc. purtroppo con timori pure fondati. Ma ahinoi diventa un circolo vizioso....
Parlo naturalmente di quelli venuti dall'est dal '90 in poi. Quelli integrati da generazioni credo siano persone normalissime (la maggior parte), o veri delinquenti su base clan. Come gli italiani...e in effetti sono italiani pure loro.

Ennesimo intervento che lascia il tempo che trova, d'altronde non ho le competenze. Idee sparse.
Cordialità

Unknown ha detto...

Ma i vigilantes. Qual è il loro ruolo? Li paghiamo per far cosa?

Anonimo ha detto...

Lo abbiamo detto tante colte. I vigilantes non hanno poteri di polizia, in quanto sono incaricati di pubblico servizio, al massimo. Possono certamente fare qualcosa, ma semplicemente chiamare le forze dell'ordine, le quali magari vengono, le portano al commissariato ma poi, stante la presenza di leggi blande, non applicabili ai minorenni al di sotto di una certa età, nonchè di un sistema giudiziario tra i peggiori al mondo (182 posto, peggio pure di certi stati africani...) vengono rimesse in libertà. Purtroppo non è un problema di facile soluzione, anche perchè chi le gonfiasse come zampogne passerebbe comunque nel torto, stante anche un imperante falso buonismo dovuto a certe culture di centro-sinistra (ma non è che la destra sia meglio, basta vedere quello che NON sta facendo il bullo padano...). Che fare? Organizzare delle ronde o spedizioni punitive contro questa gentaglia e farsi giustizia da soli? Anche quello non lo si deve fare, perchè è proibito dalla legge, quindi non lo so. Occorrerebbero nuove e più severe leggi contro questi fenomeni, nonchè una revisione totale del sistema giudiziario italiano, tutte cose che si sperava facesse l'attuale governo, che si sta semplicemente rivelando una banda di cialtroni e di incapaci totali.
Se però la gente almeno si rivoltasse in massa, ed a queste che derubano venissero puntualmente rifilati una buona dose di schiaffoni (ma deve essere un intero treno a rivoltarsi, non tre o quattro con gli altri che guardano con facce da ebeti), forse passerebbe loro il vizio, ma qui la gente, a torto od a ragione che sia, non si impiccia, purtroppo.

Anonimo ha detto...

Non so se qualcuno di voi lo ricordi, ma diversi anni fa (credo anni novanta) ci fu il caso, sempre qui a Roma, di una zingara alla quale, nel difendersi da un tentativo di scippo di quest'ultima, le vennero spezzati entrambi i polsi dalla vittima, la quale poi non fu mai trovata. Apriti cielo, successe un bordello: la povera zingara, "vittima" di così tanta ingiusta ferocia, venne invitata perfino ad una trasmissione televisiva, nella quale il conduttore le fece addirittura gli auguri di pronta guarigione, invece magari di dirle anche semplicemente qualcosa tipo: "Cara signora, è ora che impari che nella società ci sono delle leggi che dicono che non si deve rubare, ed è ora che impariate ad evolvere verso un sistema di vita più morale" o cose simili. Chiaramente la zingara, una volta guarita, tornò puntualmente a scippare. Aneddoto, questo, che dice tutto. Quindi, di che vogliamo parlare?!

Anonimo ha detto...

Mai commento più azzeccato

Anonimo ha detto...

Ma se invece i militari di strade sicure, che hanno potere di ordine pubblico e sono quindi p.ufficiali, invece di stare impalati col mitra all'entrata stessero senza mitra ma col solo manganello sulle banchine?
Al primo sospetto di furto, fermo per identificazione, identificazione dei genitori, daspo urbano, arrestio dei genitori se recidivi ( datanto i reati non mancano: da 650 cp a violazione obblighi scolastici ecc) sottrazione ai genitori e al spostamento non in casa famiglia a roma ma rieti, abruzzo, molise interni, cosi non tornano a piedi al campo. Rieducazione.
Altro che mani rotte o giustizia sommaria sul posto.. non siamo in iran. Applichiamo le leggi che abbiamo
Il sospetto è che non facciano nulla perché in maggioranza incapaci e alcuni coscienti che conviene mantenere un nemico odioso e visibile su cui far scatenare l'odio di massa, distraendo dai problemi reali che causano il disagio sociale

Unknown ha detto...

Mi sembrerebbe un 'ottima idea.

Unknown ha detto...

quindi i vigilantes non hanno potere di polizia. Quindi cosa devono fare?. Non erano neanche in banchina a fare da deterrente. Caro Signore io non prendo a schiaffi nessuno. L ordine pubblico deve essere tutelato da chi ha competenza.

Anonimo ha detto...

Finissero subito in galera chi? Qui l'unico reato che vedo è di chi ha girato il video e chi lo posta. Non ho visto nessuno scippo, ho visto un tizio che ha inseguito un gruppo di ragazzine, visibilmente zingare nonostante la mancanza della divisa (e vorrei vedere voi), che - troppo tardi, io l'avrei fatto molto prima - l'hanno mandato al diavolo. Piuttosto sto valutando seriamente l'idea di denunciare chi ha girato il video per stalking e chi lo posta per ingiurie e calunnie, spacciando delle adolescenti (il cui volto è visibile) per "borseggiatrici" e dandole in pasto al web.

Anonimo ha detto...

In realtà i polsi alla zingarella li aveva fratturati un parente, per inficiare il risultato della stratigrafia ossea del polso. Il metodo più accreditato per accertare la vera età di qualcuno. Quando un poliziotto si é accorto delle lesioni, la famiglia si è inventata la storia del derubato che si era fatto giustizia da sé.

Anonimo ha detto...

Le ladre che lavorano sulla metro, come i ladri che si occupano di appartamenti, automobili, motorini e bancomat, i truffatori che fanno piangere pensionati e gonzi assortiti sono semplicemente la giusta punizione che colpisce un popolo di cialtroni, ignoranti, menefreghisti, codardi, benpensanti da strapazzo. A votare vanno in pochi, a dedicare parte del proprio tempo alla politica sono pochissimi, la maggioranza di chi vota e/o fa politica lo fa per forze immonde, il resto non sa pensare oltre lo zerbino di casa sua, quindi le probabilità che ad essere colpite siano persone per bene è dello zerovirgolapercento. Ottimo. Avanti così.

Anonimo ha detto...

Non penso che sia un fenomeno risolvibile perché sanno che possono godere della massima impunità. Si chiacchiera tanto ma di fatti se ne vedono pochi. Andiamo avanti così.

Alessandro Soderini ha detto...

Le chiacchiere stanno a ZERO diceva sempre la buonanima di mio padre. Dovrebbe risorgere il DVCE, che Domine Iddio abbia in Gloria quel grande statista che noi Italiani non abbiamo meritato. In meno di un mese lui, si, che avrebbe risolto definitivamente il problema. Ma invece abbiamo la Democrazia, che tanto decantiamo, e allora dobbiamo stare zitti e goderci assieme alla nostra Demicrazia anche questa quantità industriale di merda quotidiana, in superficie come sottoterra

Unknown ha detto...

Ma c'è una cura o resti così per sempre?

Anonimo ha detto...

Ad Alessandro: Nelle altre democrazie esistenti non avvengono questi fatti. E' una questione di far rispettare le leggi vigenti. In Germania, Svizzera, Austria, e così via ci sono democrazie, eppure non mi risulta avvengano fatti del genere. Perchè invocare una dittatura?

Anonimo ha detto...

Ad Anonimo dicembre 29, 2018 9:23 AM: Purtroppo è così. I vigilantes non sono pubblici ufficiali, ma tutt'al più incaricati di pubblico servizio, e la loro competenza è la tutela dei beni aziendali. Che piaccia o no è così. Certamente possono intervenire, ma semplicemente chiamando le forze dell'ordine. Hanno più poteri i vigili urbani, i quali sono pubblici ufficiali (artt. 357 e 358 C.P.) Circa il prenderle a schiaffoni: sono d'accordo che non si dovrebbe fare, ma se mi aggrediscono con la forza, per giunta in più di una per volta, posso difendermi di pari moneta. Quindi io due schiaffoni, se provano a derubarmi, glieli rifilo e come. Anzi, tiro fuori lo spray al peperoncino che mi porto appresso e glielo scarico addosso, poi gli rifilo una buona dose di schiaffi, pugni e calci. La gente deve pure difendersi in qualche modo, se non lo fa la legge. E che cazzo...

Anonimo ha detto...

Se avessimo un sindaco serio, potrebbe mandare benissimo la Polizia Municipale (che viene appunto comandata dal sindaco) in uniforme sulle banchine a fungere da deterrente. E potrebbero anche arrestarle in flagranza di reato: sono Pubblici Ufficiali a tutti gli effetti. Ma siccome abbiamo una quaqquaraquà come sindaco, allora questo non si farà mai.

Anonimo ha detto...

Ma dai, su! Ora abbiamo il pacchetto sicurezza del Mago Salvin, che risolverà tutti i problemi di ordine pubblico, compreso questo! No problem!

Anonimo ha detto...

L'abbiamo già detto: qui la gente è amorfa su questi fenomeni. Se tutti i viaggiatori di un treno puntualmente le circondassero e le prendessero a sganassoni, gli leveresti il vizio in tempi estremamente brevi. Ma lo dovremmo fare tutti, in massa. Ma qui le persone sono come un branco di pecore contro tre o quattro lupi. Questo è il problema. In posti dove esiste il controllo sociale, come Londra ad esempio, la stessa gente a queste tre cretinette le farebbe nere, e non gliene importa nulla se urli, se strilli, se dici parolacce: non la spunti proprio, perchè lì tutti reagiscono. E poi arriva in tempi rapidissimi il Bobbie londinese, che non è certo il panzuto pizzardone romano.

Anonimo ha detto...

Ma dai, giorni fa ho richiamato, su un autobus urbano ATAC, due cretinetti che stavano saltando sui sedili per aprire un vetro, e nessuno, tra gli altri viaggiatori, fosse intervenuto in rinforzo a me. Tanto meno l'autista, che poi è il primo che se ne frega. Ma di cosa vogliamo parlare? E' colpa anche e forse soprattutto nostra.

Anonimo ha detto...

Aggiungo pure che in qualsiasi altra capitale europea (e non) i passeggeri le avrebbero bloccate, se provavano a reagire due pizze le prendevano di sicuro, poi le prendeva in consegna la vigilanza, in attesa della polizia, la quale ultima arriva in tempi piuttosto brevi.
Qui il cittadino che reagisce viene guardato dagli altri come fosse un omino verde di Marte.
Quando sull'autobus ho richiamato i due ragazzetti che facevano troppo i cretini e rompevano i coglioni, la gente ha guardato me come fossi, appunto, un omino verde di Marte. Pure quell'altro imbecille dell'autista mi ha guardato con una autentica espressione incredula, quasi da ebete, come se, alla fine, lo strano fossi io, quasi "reo" di aver richiamato due cretinetti che in fondo, poi, "so ragazzi, che male fanno?!".
Questo è il problema di fondo. La gente è diventata amorfa e beota, le forze dell'ordine sono poco presenti, le pene sono praticamente inesistenti per queste etnìe (ma la legge è uguale per tutti, no?!). Quindi, questa feccia si limita ad approfittare di questo stato di cose.

Progresive Loans ha detto...

Buon giorno, sono Josef Lewis. Un prestatore rispettabile, legittimo e accreditato. Diamo prestiti di tutti i tipi in un modo molto veloce e semplice, prestito personale, prestito auto, mutuo per la casa, prestito per studenti, prestito aziendale, prestito inventore, consolidamento del debito. eccetera

Ottenere approvato per un business o prestiti personali oggi e ottenere fondi entro la stessa settimana di applicazione. Questi prestiti personali possono essere approvati a prescindere dal vostro credito e ci sono molti clienti soddisfatti per il backup di questo reclamo. Ma non avrai solo il prestito personale di cui hai bisogno; otterrai quello più economico. Questa è la nostra promessa: garantiamo il tasso più basso per tutti i prestiti con benefici collaterali gratuiti.

Ci sforziamo di lasciare un'impressione duratura positiva superando le aspettative dei miei clienti in tutto ciò che faccio. Il nostro obiettivo è quello di trattarti con dignità e rispetto, fornendo al contempo un servizio di altissima qualità in modo tempestivo. Nessun numero di previdenza sociale richiesto e nessun controllo del credito richiesto, 100% garantito. Si prega di rispondere immediatamente utilizzando i dettagli sotto se interessati a un prestito ed essere liberi da truffe ..

Email: progresiveloan@yahoo.com
Chiama / WhatsApp: +16626183756
Sito Web: https://progresivefunding.wordpress.com


Unknown ha detto...

Tieri duro...la medicina fa progressi tutti i giorni e in un futuro più o meno lontano anche tu avrai possibilità di essere curato...

Unknown ha detto...

Certo xkè tu invece hai il DNA D.O.C.? Certo che nel 20ennio gli errori non si contano... ma fu un'epoca storica in cui qualcuno dovette prendere delle decisioni impossibili per chicchessia... la gestione di una guerra mondiale... ma ti immagini?????

qzy fff ha detto...

jordan 13
pure boost
kobe 9
adidas nmd r1
off white shoes
golden goose sneakers
ferragamo belt
westbrook shoes
hermes online shop
supreme hoodie

tayarelwady ha detto...

تعد مؤسسة الوادي هي اكبر المؤسسات المخصصة و الفريدة و التي تقوم بنقل الأثاث و الاثاث و جميع العمليات المخصصة بهذا، فبمجهود هائل و تاريخ طويل تربعت هذه المؤسسة على عرض القمة بين المؤسسات المسابقة و التي تقدم خدمات نقل الأثاث و هذا للكثير من الاسباب من اهمها الجودة العالية للغاية و التي غير ممكن الحصول عليها الا عن طريق مؤسسة الوادي لاغير، و هذا ما يجعلنا محل الاختيار الاول لعملائنا لاننا باستمرار ما نعمل على راحتهم و نقدم لهم اقوى الخدمات المتميزة باسعار رخيصة للغاية و نقدم لهم عروض و تخفيضات متميزة يستطيعون الحصول عليها نحو الاتصال معنا عبر الارقام المبينة، و من الاسباب التي تجعلنا باستمرار في الصدارة هو اننا نعتمد على أكمل وجه على التقنية المتطوره و التي تحسن من جودة الخدمة بشكل ملحوظ،
شركة نقل عفش و اثاث بالسعودية
شركة نقل عفش من الرياض الى الامارات
شركة نقل اثاث من الرياض الى الامارات

basketball legends ha detto...

The Boxing day is a great day. I had nice experience in Rome.

Anonimo ha detto...

Esatto! Ma ci sono anche malati incurabili. Continuiamo a difendere chi ci deruba e sgozza.

Anonimo ha detto...

Hai fatto una corretta analisi, purtroppo incomprensibile ak buonista che accusa gli altri du razzismo. Tentativo maldestro di ignorare i fatti.

Anonimo ha detto...

Un po' diffcile che impari a leggere chi vuole avere gli occhi fasciati dal perbenismo.
La bocca però é sempre in funzione, per dimostrarsi i soli paladini del bene. Vorrei vederli commentare dopo aver subito uno scippo, furto o altro...

ShareThis