Video. Roma ha un secondo Colosseo, si chiama Anfiteatro Castrense ed è circondato di rifiuti

22 ottobre 2017

Incredibile la situazione che abbiamo trovato attorno all'Anfiteatro Castrense. Una vallata di pattume collocata tra le Mura Aureliane, il frequentatissimo Viale Castrense e questo importante monumento che se fosse in qualsiasi altra città del mondo sarebbe valorizzato e trasformato in una risorsa anche economica e che invece qui è circondato da una discarica abusiva spaventosa, puzzolente, pericolosa, che impedisce alle persone di transitare, che fa passare la voglia di passare attorno.


Speriamo che il progetto di riqualificazione di Viale Castrense interessi anche questa collina della vergogna che potrebbe essere messa a sistema con il giardino di Via Carlo Felice per la realizzazione di un grandioso parco lineare delle mura in quest'area.


Certo è che nessuna intrapresa di questo tipo va in porto se non si costellano iniziative di questo genere con attività economiche sane che abbiano tutto l'interesse nel tenere le cose in vita, pulite, ordinate, sicure. Se ci si affida unicamente ai dipendenti comunali il destino è segnato e si vede millimetro per millimetro in questo filmato agghiacciante.

33 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Ma almeno sti cazzo di profughi dateje un rastrello e na ramazza e fateje fa qualcosa di utile....

Anonimo ha detto...

Esagerato, pe'du' cartacce fare tutto sto casino! Mica siamo a Sofia! Devi sempre trovare il pelo nell'uovo.

Anonimo ha detto...

Ok l'AMA è un po' missing in action ultimamente, però chi butta le carte e i rifiuti per strada è un primitivo, ci vorrebbeRo campagne di sensibilizzazione, anche perché è più facile ed economico tenere pulito noi che mandare gente a pulire quello che abbiamo sporcato

Anonimo ha detto...

il primo motivo di degrado dell'area in oggetto è la tangenziale che vomita macchine a getto continuo e nessuno, dotato di buon senso, si metterebbe a passeggiare lì intorno, a prescindere dalla monnezza e dai giacigli di fortuna.
La controprova? Non ci ha mai passeggiato lì, nemmeno quando gli unici rifugiati a Roma erano i polacchi lavavetri.

Anonimo ha detto...

Cosa sia la "Res Pubblica" dovremmo averlo studiato titti a scuola, l'insegnano già alle elementari.
Detto questo se ne deduce facilmente il grado di "apparteneza" a questo paese degli "italiani"...
Per non parlare dell'elevatissimo senso civico che abbiamo, talmente alto che ormai deve trovarsi ai confini del sistema solare in procinto di uscirne.
Gli "italiani", brava gente...

Anonimo ha detto...

E I VIGGGGGGGGGGILI? DOVE STANNO I VIGGGGGILI?

Anonimo ha detto...

Mito.finalmente ritorna con la sua voce! Grandioso. Maestro. Ma la bici��?!!?!?!caduta di stile.

Anonimo ha detto...

Un momento: leggo abbiamo? Quindi il mito sta con voi? Magico!!!!!!! Miterrimo! Faccia! Viso! Volto!

Anonimo ha detto...

cose del genere sarebbero ipervalorizzate ovunque : illuminate, circondate da verde, arricchite con cartelli esplicativi. Qui sono tenute così. Non è solo degrado (il che sarebbe già di per se grave) ma è anche una immensa e generalizzata perdita di occasioni

Anonimo ha detto...

resti del passato lasciati all'incuria esistono in tutta la semiperiferia : questo sarebbe un grande lavoro di recupero e riscoperta da fare.
tra l'altro ci ricordano quando gli architetti e ingegneri romani fossero all'avanguardia : strade, acquedotti, grandiosi edifici, tirati su in città e in tutta europa. una cultura del fare ( fare bene le cose) che oggi si è smarrita dapprima nelle ruberie poi nelle opere incompiute e - oggi - nelle opere che non iniziano proprio

Anonimo ha detto...

Ma er post daa maga che fa ee fatture de amore, lavoro, e denaro nun ce stanno oggi...?

Anonimo ha detto...

Ma sti cazzi! Fosse questo il problema vero a ROMA!

Anonimo ha detto...

Abbiamo fatto l'abitudine non solo al degrado ma anche al disagio degli altri, almeno dai tempi di Nerone o più recentemente dal Belli o il Goethe. Il punto è .. vogliamo ottenere una manutenzione delle strade fuori dal regime dei comparaggi e degli ipertesseramenti ?

Anonimo ha detto...

A parte la geniale idea di distribuire attività economiche ovunque, come panacea per il degrado, "idea" varata (e fallita) nei think tank del pd nel 2000, quando la sparò rutelli come controproposta per la tutela dell'area di termini, invece delle più banali forze dell'ordine, e che fu un eccezionale apripista per la moltiplicazione del negoziame calabrese in tutta Roma, e che nella formulazione ormai priva di ogni lucidità del dibattito pubblico potrebbe tranquillamente tradursi in un drive in nell'orto dei frati.
Per dirla diversamente, invece delle solite boiate con cui l'impresa crea nuovi sbocchi distruttivi per la società, allo scopo di accrescere il proprio potere,
il motivo per cui l'anfiteatro sta così è l'assenza di qualunque manutenzione, in quanto gli uffici pubblici sono svuotati, in favore delle cooperative che si occupano del verde e del restauro, il che equivale a dire senza alcun coordinamento centralizzato, né progetto, né continuità, per non parlare della solita mafia.

Anonimo ha detto...

Perché cade un pezzo di Santa Croce a Firenze in testa a un turista? Perché invece di fare il proprio dovere, silenzioso, accurato, senza iniziative sceniche, dispendiose e insensate, quali quelle che caratterizzano il mibact di Franceschini, le soprintendenze e gli uffici pubblici dovrebbero fare regolare manutenzione. Del verde; della statica; richiamando al controllo della sicurezza gli organi preposti.
Invece di spendere 40 milioni di euro per distruggere il teatro di Pompei o il San Carlo di Napoli, il lavoro della pa dovrebbe essere di organizzare squadre di lavoro competenti, assunte con regolare selezione, e non con la finta selezione di tre dirigenti amici di Franceschini, come succede con la ales, che monitorino la situazione dei contesti monumentali.
Così si fa tutela, così si combatte il degrado.
Invece: lavavetri, zingari e barboni ovunque. Occupazioni abusive. Un supermercato di caltagirone in arrivo nella ex motorizzazione. Alberi scorticati e l'ufficio giardini che dice che se ne frega e che non ha più dirigenti interni. Cooperative che stringono contratti col comune per pulire da qui a lì e non oltre, non sui prati, non vicino alle fontane, ecc. ecc. Nessun dipendente e dirigente pubblico che possa rivestire figura di responsabilità. Restauri distruttivi, come quelli che fecero nel 2000 ditte non specializzate alle mura aureliane, mettendo operai privi di ogni cognizione a scalpellare la parete antica lisciandola come le facciate di una casa al mare, senza il controllo di alcun funzionario archeologo. Il restauro corrosivo della fontanella. La rimozione del Monte Cipollaro, coi frammenti degli scavi di fine Ottocento, usati come materiale di risulta. L'apertura di un mercatino dell'usato davanti alle Terme di Elena. Il casierato di un custode che ozia tra i mosaici dell'area variana che dovrebbe essere aperta al pubblico e che invece viene usata dal pd per far esibire i vari saltimbanchi del mondo dello spettacolo. In questo contesto di negligenza, il nulla cosmico e gli sperperi di Franceschini: concerti, panem et circenses, mostre senza né capo né coda, proposte degne di Disneyland, restauri di cose già restaurate, assunzioni a frotte di clientela.
Questo è il risultato dell'ignoranza, dell'arroganza, e dell'incompetenza, anche economica.
E intanto le chiese crollano.

Anonimo ha detto...

E notare che gli spettacoletti inutili di franceschini, che paghiamo profumatamente, sono quelli che impediscono la fruizione dell'area archeologica.
Così come il project financing con cui hanno ristrutturato la caserma samoggia per infilarci degli uffici ministeriali, ha impedito l'espansione del museo degli strumenti musicali.
Allo stesso scopo di aprire nuovi spazi alla speculazione adesso alcuni parlamentari debosciati senza faccia né dignità stanno cercando di far passare la legalizzazione della cannabis (notare l'uso del termine scientifico) a scopo "ricreativo", cercando di trasformare i cannaroli in povere vittime di persecuzione giudiziaria.
La speculazione è la CAUSA, non il RIMEDIO, a questo schifo, se ancora non fosse chiaro.

Anonimo ha detto...

Anche io ho video registrato questa zona e vi assicuro che vista in persona la situazione è molto più indecente...le foto non dicono la verità, sembra una discarica.

Anonimo ha detto...

decidiamo cosa vogliamo fare dei beni culturali e del decoro urbano . se vogliamo fregarcene, ok. allora è pure inutile pagare lo stipendio a tutto quell'esercito di gente che se ne occupa (o fa finta di occuparsene) dal comune al ministero

Anonimo ha detto...

Dal comune al ministero a occuparsi dei beni culturali sono dipendenti privati: ales,zetema e cooperative. marino ha delocalizzato in calabria il centralino informativo del comune. gli enti pubblici come l'inail, l'inps, ecc. ecc. sono pieni di nominati incapaci anche di allacciiarsi le scarpe.
che qualcuno sollevi la questione di incostituzionalità di certe assunzioni ormai annose, e una verifica dell'anac, oltre a obbligare la pubblicazione dei curriculum di tutti i dipendenti con le modalità di assunzione.
E vediamo se il problema sono i dipendenti pubblici, pressoché inesistenti, o la mafia delle ditte private e delle cooperative, che infiltrano le istituzioni.

Anonimo ha detto...

Una pista ciclabile lungo le mura; un paio di esercizi commerciali negli spazi comunali di viale castrense, ora occupati abusivamente con tanto di canaia di sorveglianza; la strada resa più sicura a costo quasi zero, la viabilità più agevole.
La sindaca fa un figurone.
Ci sarebbe da chiedersi però come mai uno spiazzo erboso praticamente non attraversato da nessuno, sia pieno di spazzatura.

Anonimo ha detto...

caro amico delle 3:19, se la sindaca avesse voluto fare un figurone ne avrebbe avute diecimila di occasioni

Anonimo ha detto...

marino ha delocalizzato in calabria il centralino informativo del comune

ma veramente ? nientepopodimenoche che a 800 km di distanza... mai sentito dire

Anonimo ha detto...

A Roma ci sono altri 22 Colosseo. La mignotta pelata li illustrera' nei prossimi mesi.

Anonimo ha detto...

Con l'aiuto di tua sorella, che è una sua collega

Anonimo ha detto...

Ma sì ma sì, basta negare la realtà e la realtà si trasforma magicamente, se non altro l'autosuggestione è assicurata:

http://www.romatoday.it/politica/060606-cambio-appalto.html

http://www.affaritaliani.it/roma/chiama-roma-060606-risponde-crotone-in-calabra-80-ex-stagisti-con-super-mappe-361333.html

Il caso (licenziamenti, appalto per servizi comunali, parametro del ribasso, ecc. ecc.) è emblematico di che discarica di subumanità sia la sinistra italiana, in ogni sua ramificazione.
Tra l'altro i lavoratori di prima erano veramente eccezionali, adesso il centralino è sostanzialmente inutile, rinvia ad altri numeri che non rispondono.

Anonimo ha detto...

tutta la periferia est è piena di resti monumentali e vestigia romane abbandonate e sconosciute, lasciate nel degrado. sarebbe bello fare una mappa di questi luoghi da illuminare e valorizzare, anche per far sentire più orgogliose le persone che abitano in quelle zone

Anonimo ha detto...

ah se è per questo in pieno centro a Roma è tuttora abbandonato tutto il complesso del San Giacomo tra il Corso, via Canova e via Ripetta, dove hanno assurdamente chiuso l'ospedale lasciando quasi l'intera struttura rimanente a marcire. Un capolavoro, ma pare che non importi niente a nessuno...

Anonimo ha detto...

Ma veramente l'anfiteatro è già tutto coinvolto in una mega impresa del Vaticano. E' il giardino in cui confluisce un lussuosissimo albergo innestato - grazie a misteriose autorizzazioni - entro il convento settecentesco, coi danni che potete immaginare al complesso storico.
Super suites, antenne paraboliche, terrazze vista vertiginosa, megapalestra ecc. ecc.
Intorno la pattumiera a cielo aperto.
Anche perché non c'è proprio alcun rapporto tra una speculazione e la pulizia delle strade.

Anonimo ha detto...


Daje! Sempre peggio...mica male considerando che a Roma si pagano le tasse più alte d'Europa! Bei servizi in cambio, no? Daje!

Andrea Maur ha detto...

Buongiorno,
Per soddisfare tutti i tuoi problemi finanziari. I prestiti a un tasso di interesse annuo del 3%, a qualsiasi persona seria che abbia bisogno di soldi, che è in grado di rimborsare i pagamenti mensili. Il cliente è più sicuro con le mie condizioni, ti preghiamo di contattarmi per ulteriori informazioni direttamente all'e-mail: andreamaur3@gmail.com
Potete anche contattarmi direttamente su Whatsapp: +33756851876

Anonimo ha detto...

E ancora con il privato le eccellenze enogastronomiche. Dopo alcuni degli ultimi articoli, in particolare quelli su Via della Frezza e Via Ticino, cominciano a venirmi dei sospetti sul reale obiettivo di questo blog, ma a pensar male si fa peccato.

Anonimo ha detto...

I palazzi di fronte alla parte prospiciente alla tangenziale sono del gruppo caltagirone.
Nel tratto stradale si trova una piantagione di siringhe, prova che in questa zona lo spaccio dagli anni'80 continua a costruire la cittàdellaltraeconomia.
La ex motorizzazione è diventata di caltagirone, e come in tutti i suoi appezzamenti immobiliari vi continua a vigere misteriosamente indisturbato l'abusivismo.
La ristrutturazione del convento è stata portata a termine dalla premiata ditta balducci e anemone.
Così come il pf nel retrostante comprensorio.
Non lo so, che si può aggiungere di bello?

OFFERTA DI PRESTITO VELOCE IN ITALIA ha detto...

Offerta di prestito disponibile per coloro che hanno bisogno di soldi urgentemente per finanziare progetti o che necessitano di prestito personale.


Un'opportunità per realizzare i vostri progetti, pagare i vostri debiti e avere una vita spensierata.


Le persone che hanno restrizioni possono ottenere un prestito senza problemi.

Rispondi via email per avere maggiori informazioni.


prestitovostro@gmail.com



























































Offerta di prestito disponibile per coloro che hanno bisogno di soldi urgentemente per finanziare progetti o che necessitano di prestito personale.


Un'opportunità per realizzare i vostri progetti, pagare i vostri debiti e avere una vita spensierata.


Le persone che hanno restrizioni possono ottenere un prestito senza problemi.

Rispondi via email per avere maggiori informazioni.


prestitovostro@gmail.com






































































Offerta di prestito disponibile per coloro che hanno bisogno di soldi urgentemente per finanziare progetti o che necessitano di prestito personale.


Un'opportunità per realizzare i vostri progetti, pagare i vostri debiti e avere una vita spensierata.


Le persone che hanno restrizioni possono ottenere un prestito senza problemi.

Rispondi via email per avere maggiori informazioni.


prestitovostro@gmail.com

ShareThis