Una città che umilia le sue eccellenze è una città che ha deciso di suicidarsi

5 maggio 2018




Glass è un ristorante gastronomico, uno dei migliori della città, senz’altro il migliore a Trastevere dove quasi tutto il resto dell’offerta commerciale è definibile come ripugnante. E' un miracolo di per se nella città dove il benchmark del cittadino medio, da sempre, è "consijame dove se magna tanto e se sspenne poco". Infatti lavora in gran parte con clientela internazionale e di fuori Roma. 
La chef, Cristina Bowerman, è una celebrità internazionale. È proprio la chef ad aver pubblicato queste immagini nei giorni passati sui suoi profili social.
 
In tutto il mondo eccellenze simili vengono tutelate, costituiscono l'ossatura, la spina dorsale, l'architettura identitaria e l'architrave di un racconto di città. Da noi vessate, umiliate, ridicolizzate, brutalizzate dalle norme e dai politicanti oltre che dalle autorità preposte ad applicarle. Ma cosa è successo? Perché stiamo snocciolando sto ennesimo pippone? Vediamo i fatti. Questo locale aveva sul davanti un piccolo e grazioso dehors come si vede nella prima foto, niente a che spartire con la porcheria che fanno tutti gli altri locali del circondario allestiti con scritte volgari, colori pacchiani e tavolini abusivi. Qui c'era un dehors elegante e pulito, che pagava fior di tasse al Comune.

Il Comune però ha deciso che non andava bene e, in virtù non si sa di quale malattia mentale diffusa, ha varato una cosa abominevole che si chiama Piano di Massima Occupabilità. Una scusa per togliere tavolini all'aperto a chi li aveva per dar ragione all'ideologia marcia di certi politici secondo i quali gli imprenditori della ristorazione devono schiattare. Ogni riferimento a Nathalie Naim (e non solo a lei ovviamente, visto che i seguaci di queste follie sono decine) è puramente casuale.

Un Piano di Massima Occupabilità descrive un territorio, dice che in quel territorio devono sparire tutti o quasi i tavolini. Poco importa se tu sei sul confine di quel territorio e dall'altra parte della strada il tuo concorrente, a differenza tua, può continuare ad avere tavolini mentre tu devi rinunciarci avviandoti al fallimento. Una politica di gestione delle occupazioni di suolo pubblico semplicemente criminale, che esiste solo a Roma e che fa male a tutti: al Comune perché perde soldi, agli imprenditori perché perdono fatturato, ai cittadini perché diminuiscono le opportunità professionali (fare il cameriere è una professione, fuori da Roma. E molto seria, di soddisfazione e remunerativa) per loro e per i loro figli, ai turisti perché c'è meno spazio per loro per portarsi a casa una bella esperienza gastronomica seduti all'aperto. Da una parte hai perdita erariale, perdita di business, perdita di giro d'affari, perdita di posti di lavoro, degrado per le strade, aumento della sosta selvaggia. Dall'altra hai solo l'ideologia imbecille di qualche politicante così soddisfatta. Si capisce chiaramente il motivo per cui Roma si comporti in un modo completamente opposto, riguardo ai tavolini all'aperto, di tutte le altre città. Stiamo parlando dell'unica città vetero castrista, chavista, leninista, marxista, terzomondista in cui ogni attività è mirata ad ostacolare la libera impresa privata, specie se operata da persone oneste e di qualità (si chiude un occhio solo per i criminali, loro possono fare cosa vogliono, specie se poi sono disposti a portare voti). Ma la cosa più atroce è che l'impostazione di cui sopra è riuscita a diventare standard, normalità: a Roma è strano il contrario. A Roma se dici che i privati, specie quelli bravi, è giusto che guadagnino e facciano fortuna, sei guardato come un matto. Sei guardato come un matto da tutti, di destra e di sinistra, dei Parioli e di Tor Bella Monica. E' un esperimento antropologico che tra 40 anni verrà studiato, ma noi ora ci siamo dentro e per chi non ci sta capendo nulla sono spallucce, per chi ha capito cosa succede è un incubo vero. Ma vero. 

Ma torniamo ai tavolini. Qui non parliamo neppure di tavolini all'aperto tra l'altro. Parliamo di un dehors "di servizio" pagato come se fosse usato per somministrare ma in realtà lasciato lì per arredo, per non avere sosta selvaggia davanti, o magari per consentire ai clienti di uscire a fumare in un ambiente accogliente. Niente: piano di massima occupabilità, via il dehors di Glass.

Risultato: auto e motorini al poto di piante e tavolini. Il locale umiliato, invisibile dalla strada, difficilmente raggiungibile da disabili e utenza debole. A un altro imprenditore di eccellenza, come accade sempre più spesso, a cui sta salendo la voglia di andare a investire in città normali lasciando posti delicatissimi come Trastevere alla ndrangheta dei localari che si è divorata già tutte le strade circostanti e che non fa una piega: loro i piani di massima occupabilità non li rispettano, perché se un imprenditore serio fa quello che gli dicono le norme anche se le norme sono autentica immondizia, un imprenditore banditesco fa sempre come gli pare. Specie quando con piccole azioni di corruzione ci si può garantire l'impunità.

Questo è solo un caso, ma ce ne sono migliaia, tutti simili. Di più: i casi sono sempre meno e non perché diminuisca l'assurdo amministrativo, no, ma perché proprio diminuisce chi anche solo si azzarda a fare impresa. Il problema, ed è micidiale, si sta risolvendo alla base. Non ci sono più imprenditori in gamba che hanno problemi a operare a Roma, ci sono semplicemente imprenditori in gamba che decidono di NON operare a Roma. Significa la morte, e non solo in senso figurato. Due anni fa la città ha votato in massa il Movimento 5 Stelle affinché queste storie allucinanti, impensabili altrove, diventassero un mero ricordo. Il risultato è che le storie allucinanti si sono moltiplicate, sono aumentate a dismisura, sono diventate la norma. 

Qualcuno deve pur venire a salvarci. L'amministrazione deve smettere di torturare la città. Il sindaco si deve dimettere e il governo deve nominare un serio commissario con una seria squadra per lavorare urgentemente alla messa in pristino della normalità e per avviare le riforme necessarie a porre Roma al livello di tutte le altre capitali occidentali. Urgentemente. Viceversa significa che la città ha deciso di suicidarsi: è il primo caso del genere nella storia dell'uomo. 

77 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Va detto che I piani di massima occupabilita li dobbiamo a marino....

Anonimo ha detto...

A me posti "masterchef" dove se magna un cetriolino per 50 euro non mi può fregà de meno

Anonimo ha detto...

Questi nel 2018 stanno ancora con le foie gras.

Anonimo ha detto...

Tutto okkeissimo, per te me sa de no. Ciao bello.

Anonimo ha detto...

1-"qualcuno deve venire a salvarci"??? Ma proprio NO. Qualcuno deve salvare l'italia dai romani! Non è colpa mia se avete votato la raggi, non è colpa mia se parcheggiate ovunque, se sgassate e inchiodate rovinando le strade, se non rifate le facciate dei palazzi. I motorini davanti a glass ce li parcheggiano i romani, non certo io che quando arrivo a roma parcheggio ad anagnina e prendo la metro. Arrangiatevi! E cominciate votando sindaci dignitosi al posto della raggi.
2-a trastevere ci sono ottime proposte che non campano di "3 etti decarbonara a 8 euri", non è tutto una trappola per turisti (e anche qui ci sarebbe da discutere)

Anonimo ha detto...

anonimo, appunto tipico romanastro da due centesimi bucati, commenta subito come previsto, e i primi tre commenti sono miserabili come lui, scarafaggio demmerda

m.t.

Anonimo ha detto...

A maledetto magari qualche scarafaggio te becca per strada. Te e sti 4 falliti...

Anonimo ha detto...

Leggendo da Torino i commenti dei "romani" ringrazio mio padre, romano, che nel 1980 aveva capito tutto ed ha portato via la famiglia da quel posto di merda che già stava diventando Roma. Siete patetici, disgustosi, abominevoli e, nonostante lì ci sia nato e cresciuto, mi auguro che le voragini che vi si aprono sotto i piedi vi inghiottano tutti.

Anonimo ha detto...

Quoto.

Anonimo ha detto...

Roma invasa dall'immondizia e qui a criticare una cosa scontata come i piani di occupabilita, di cui possiamo solo ringraziare Marino e forse anche Raggi che sta finalmente facendo applicare le regole.

Anonimo ha detto...

Mica solo a Trastevere...è così ovunque. Chi ha da perdere viene colpito mentre chi no (tutti i locali moneylaundry o simili) fa come je pare. Er Torinese c'ha ragione e pure tu, Tonelli, tranne che in una affermazione: sta città non ha deciso de suididasse, s'è suicidata da un pezzo.

Anonimo ha detto...

sono stati votati sindaci di destra, di sinistra e anche marziani. come allo stadio la maggior parte delle persone si comporta bene, ma si sa che pochi imbecilli fanno più rumore di chi è educato. la tua morale da 4 soldi te la puoi tranquillamente risparmiare

Anonimo ha detto...

un eroe meglio che ve ne siete andati

Anonimo ha detto...

La rovina dell'hostaria glass (sic ...) e' NON avere piu' 4 sedie e due cancellatine davanti ? Puo' essere. Certo che in quella zona un posto che offre sashimi con salicornia e prugne a 30 euro e il filetto di manzo cioccolato e funghi a 55, sicuramente fara' affaroni. Magari uno non vede bene l'insegna, entra e si spara subito un percorso creativo da 9 portate a 150 euro. Bere a parte. Ma per piacere

Anonimo ha detto...

Per la cronaca, il centro storico è amministrato dal PD.

Anonimo ha detto...

Nello specifico, mi pare che come dehors fosse davvero poco impegnativo per tutti, ed è strano che la norma fosse così binaria da non dosare il divieto. Ma d'altronde, proprio per questo, non credo che il danno sia così rilevante. Anche perché posti simili non hanno bisogno della clientela casuale che veda l'insegna.
Detto questo, in generale i tavoli all'aperto sono bellissimi per la clientela e per il ristorante, meno - MOLTO MENO - per chi abita lì. Chiasso fino oltre mezzanotte, parcheggi in numero ridotto (si parla di chi risiede), congestione ulteriore dei cassonetti. Insomma pubblici fastidii, guadagni privati.
Parlo per esperienza diretta.
Cordialità

Anonimo ha detto...

Sono romano con genitori romani ma non amo più questa città, anzi la detesto. A 54 anni ho un solo desiderio andarmene da questa città per sempre senza metterci più piede e far crescere mio figlio in un luogo più civile e dignitoso.
Conosco bene Milano ed in questi ultimi anni ho ammirato il suo cambiamento in meglio. Quando rientro a Roma mi sembra di ritornare all'inferno, specialmente nel mio quartiere, la Garbatella, che sta diventando una fogna a cielo aperto.
Il problema non è semplicemente il sindaco, ma sono i romani che andrebbero rieducati con modi duri e decisi. Mi dispiace dirlo ma è così.

Anonimo ha detto...

Il "dehors" di questo ristorante è orrendo e disordinato, oltre che fuori contesto.
Ciò detto, tonelli spiega ogni giorno meglio perché in Italia non possa esistere la legge - intesa come regole uguale per tutti e a garanzia di tutti - ma la legge per chi me pare a me, col criterio del menga, e perché lo dico io.
Raggi, subito una clausola: il nuovo piano di osb vale per tutti gli sfigati, ma non per i ristoratori amici di ansaldo.
Sia chiaro!
Ma levate va, tonè, che è ora.

Anonimo ha detto...

Io trovo invece che sia giusto: il panettiere sfigato che arriva a stento a fine mese, giù botte di tasse e di vincoli centimetrici.
I rotschild e i bloomberg, che mi fanno tanti favori, espnadono il proprio catrame a sbafo, perché lo dico io.
La dc - pd non muore mai.

Anonimo ha detto...

Ricorda un po' la storia degli appartamenti abusivi della Reggia di Caserta e quelli di Palazzo Venezia: in quelli di Caserta ci stanno i comuni mortali, soggetti a processi multipli e pubblico ludibrio.
In quelli di Palazzo Venezia ci stanno parenti e amici di monsignori e poltici del pd, come marcianò, e quindi ciò che a Caserta è reato, a Roma passa direttamente dalla Corte dei Conti alla alla normalizzazione via tar e sindacato.
Depende, tutto depende, da che punto guardi el mondo tutto depende.

Anonimo ha detto...

Comunque sappiate che Tonelli è un corrotto. Oltre che con Anselmo Astaldi di metro C, coi palazzinari e col Priorato di Malta, se la fa pure con Heinz Beck, lo chef della Pergola!
Informatevi sull'internet!

Fabio Spada ha detto...

Per fortuna Glass va bene, riesce a sopravvivere alle macchine parcheggiate davanti alla porta, alle scritte sui muri che riverniciamo regolarmente, ai motorini messi dovunque. Quindi? Se non capite che il problema vale lo stesso per glass come per qualunque operatore in città non capite la portata del problema. Perché, chiunque sia (CHIUNQUE) deve sopportare questo? Perchè in un’area pedonale non si riesce a far rispettare un divieto? Perché il centro di Roma deve essere impermeabile a qualsiasi decoro?
Detto questo il dehor di Glass non veniva utilizzato per mangiare e neanche per bere nè prima nè dopo mezzanotte (è scritto nell’articolo), e perché era “orrendo, disordinato e fuori contesto?” L’hai mai visto o ti basi sulla base della foto tratta da Google? Perché si vede in quella foto che il locale è fuori orario di apertura e il dehor non è attrezzato. Comunque vi sta sulle palle Glass perché costa troppo e fa una cucina che non vi piace? Liberissimi. Ma lo stesso problema ce l’hanno anche le trattorie o le pizzerie. Questo se frequentate posti onesti. Ma non ho dubbi nel pensare che lo facciate.

Anonimo ha detto...

"Comunque sappiate che Tonelli è un corrotto. Oltre che con Anselmo Astaldi di metro C, coi palazzinari e col Priorato di Malta, se la fa pure con Heinz Beck, lo chef della Pergola!
Informatevi sull'internet!"

FAI TU QUALCOSA POSITIVE E COSTRUTTIVA PER LA TUA CITTA", CAVOLO!!! SEI MOLTO GRANDE A CRITICARE IL LAVORO ALTRUI, MA TU CHE STAI FACENDO, PUOI SPIEGARCELO?!!! Tu sei il solito che sa soltanto puntare il dito verso l'altro ma MAI, per carità, puntarlo verso te.
YOU ARE IRREDEEMABLY PATHETIC!

mnz

Anonimo ha detto...

FAI TU QUALCOSA POSITIVE E COSTRUTTIVA PER LA TUA CITTA", CAVOLO!!! SEI MOLTO GRANDE A CRITICARE IL LAVORO ALTRUI, MA TU CHE STAI FACENDO, PUOI SPIEGARCELO?!!! Tu sei il solito che sa soltanto puntare il dito verso l'altro ma MAI, per carità, puntarlo verso te.
YOU ARE IRREDEEMABLY PATHETIC


Anche Tonelli fa cosi'.

Anonimo ha detto...

Stava scherzando l'anonimo sopra

Mike ha detto...

Non è che a Torino sia tutto rose e fiori, eh. Il problema dei dehor orrendi esiste eccome. Ma almeno in piazza Carignano davani a Pepino ed al Cambio non ci sono motorini parcheggiati, e grazie alla circolare Gabielli stanno facendo molti più controlli in via Garibaldi.

I dehor problematici tendono ad essere non in zona aulica, ma in zone semicentrali ed in periferia, magari messi troppo vicini ai passaggi pedonali od agli incroci, per cui causano incidenti ed intralcio al traffico...

laura credito ha detto...

Salve Sig.r. & Sig.ra Vi offro un prestito e d'investimento di 2.000€ a 900.000.000€ per chiunque in grado di ripagare con gli interessi al 2 a 3% per tutti e-mail a chiunque sia interessato a me. Faccio prestiti e d'investimento locali e internazionali di persone in tutto il mondo contatto con me oggi e fammi sapere quanti soldi vuoi prestare.Sono pronto ad incontrare i nostri candidati entro 24 ore dalla ricezione della richiesta forma.Alora se avete bisogno di prestito o investimento i soldi non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni alle mie condizioni molto favorevoli.
E-MAIL: lauracredito2000@gmail.com

laura credito ha detto...

Salve Sig.r. & Sig.ra Vi offro un prestito e d'investimento di 2.000€ a 900.000.000€ per chiunque in grado di ripagare con gli interessi al 2 a 3% per tutti e-mail a chiunque sia interessato a me. Faccio prestiti e d'investimento locali e internazionali di persone in tutto il mondo contatto con me oggi e fammi sapere quanti soldi vuoi prestare.Sono pronto ad incontrare i nostri candidati entro 24 ore dalla ricezione della richiesta forma.Alora se avete bisogno di prestito o investimento i soldi non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni alle mie condizioni molto favorevoli.
E-MAIL: lauracredito2000@gmail.com

Anonimo ha detto...

8.21 vieni su, se milano citta ti rimane troppo cara guarda nell'hinterland servito dal treno che funziona pure. Lasciate la citta ai cafoni che tempo poco iniziano a sbranarsi tra di loro, fai un favore ai tuoi figli. Ok il clima e' pura merda, ma per il resto svolti alla grande.

Anonimo ha detto...

Concordo perfettamente con anonimo delle 8 e 21 .Sono anche io romano di nascita di genitori romani ma ho vissuto anche in altre citta italiane fin da bambino e posso dire che quello che a Roma è considerato normale non lo è affatto altrove.A Roma impera la maleducazione , la prepotenza, la sciatteria e il romano medio è orgoglioso di essere maleducato ,prepotente , sciatto oltre che arrogante e spocchioso. Si tratta probabilmente di una minoranza ma chi non si adegua viene visto e trattato come uno snob o come un cretino o uno sfigato .

Anonimo ha detto...

Vabbè ma le pensiline del VII Municipio quanto so belle?
Ce vado a fa er picchenicche.

Anonimo ha detto...

il problema non è il dehor ......c'è una regola ?va applicata.....puntonon credo che la Bowermann si stia lamentando di quello
il problema sono i motorini e le macchine che li non ce devono sta......
cominciamo a buca gomme e spacca finestrini ...e vedete che li non ce se mettono più

Anonimo ha detto...

Io mi trasferisco dove vive Laura Credito.
Un posto magnifico, non c'ė sciatteria e se hai un problema basta chiedere.
I soldi li prestano a tutti.

Anonimo ha detto...

Si fa presto a dire "invece di parlare, fai qualcosa di concreto per la tua città". Temo seriamente che chi a Roma vive e si comporta civilmente sia oramai diventato una minoranza silenziosa. Piccolo esempio: sono appena tornato dal centro commerciale di Roma Est, zona Lunghezza. Come sempre, nonostante il parcheggio sia vuoto per più della metà della capienza, le macchine vengono regolarmente messe oltre le apposite linee, il più vicino possibile all'ingresso, spesso occupando i posti riservati alle due ruote e perfino ai disabili. In altre zone d'Italia, specie al Nord, questo NON succede (lo so per certo dato che spesso frequento Veneto, Emilia e Lombardia). E' solo un piccolo spaccato di quotidiano capitolino, dove non ci può essere l'alibi della doppia fila perchè non c'è posto. C'è solo maleducazione ed arroganza.

Carlo Carletti ha detto...

Ma queste foto chi le ha mandate ? Cristina Bowerman nata a Cerignola il cui vero cognome è Vitulli ma usa il cognome dell ex marito perché fa “più internazionale” ? Mi ricorda Daniela Santanchè il cui vero cognome è Guarnero ma usa il cognome dell ex marito perché più “importante”

Anonimo ha detto...

Voglio credere nonostante tutto che chi vive a Roma e cerchi di comportarsi civilmente sia non una minoranza silenziosa ma una maggioranza silenziosa . Il problema è che chi dovrebbe far rispettare le regole del vivere civile non lo fa incoraggiando di fatto gli arroganti , i prepotenti e i cafoni .

Marlene ha detto...

Ristorante gastronomico ???? è ovvio che in un ristorante c'è gastronomia, ma come cazzo scrivete i vostri articoli ??? e poi paragrafi lunghissimi e pallosissimi....
Ma prima della Raggi, era diverso ? No, e allora non rompete i coglioni !

Anonimo ha detto...

sti cazzi der tavolino. io devo parcheggià o sguderone. pe me se ne ponno anna tutti affanculo proprietario clienti cuochi cammerieri e pure er direttore der gambero rosso.

Anonimo ha detto...

La città ha deciso di suicidarsi e lo ha deciso in piena coscienza e consapevolezza, in pratica è un lento ma inesorabile suicidio a tavolino

Anonimo ha detto...

Secondo me è tonelli insieme a scajola che ha deciso di suicidarsi, a forza di spiare i cessi altrui sul dark net - è un crimine - e facendo allusioni a cose che fanno capire perfettamente che giri bazzica. Come h. 6. 49 del resto.
La laurea al cepu di crotone non è uguale a quella della Sapienza.

Anonimo ha detto...

Quando uno sta a Trastevere sa benissimo che deve attenersi ai vincoli posti da un centro storico molto particolare, a strade strette e mura medievali, quindi rispettare le regole vuol dire che se non ti sta bene te ne vai ai Parioli.
Ma ti pare a te che uno stabilisce i regolamenti e invece di pensare ai programmi deve pensare al sor pampurio o a frau kartoffen.
Vuoi fare l'europeo ma sei irrimediabilmente provinciale.

Anonimo ha detto...

Praticamente tonelli, come tutta la feccia della pensiola, e non solo, per lavorare passa il tempo a fare stalking per la mafia tramite web.
E per farlo, passano video rubati IN CASA della gente, e per strada, che poi vengono usati per fare allusioni travisate, che vengono corroborate da complici, provocatori e teatranti di varia specie.
questa è l'Italia in cui viviamo, un'Italia in cui la peggior feccia viene arruolata da miserabili mafiosi arricchiti, per commettere schifezze di cui si vergognerebbe pure buscetta.
Sei tu che ti umili tonelli, per fare finta di essere un ometto importante, come molti altri, mentre il marchio del bifolco con queste pratiche diventa fluorescemte.
Stai tranquillo che dei topi di fogna non possono maneggiare senza farsi male la parola "umiliare", tanto meno quando cercano di rivoltarla contro i leoni.
Vergognati, lecchino.

Fabio Spada ha detto...

Carlo Carletti è vero Cristina Bowerman è nata a Cerignola e si chiamava (chiama) Vitulli. Poi è stata sposata col signor Bowerman in America e dopo essersi separata, sempre in America, ha mantenuto quel cognome come succede per l’appunto in America. E’ il suo nome e cognome anche sul passaporto. Ora ricostruita la storia a cui credo non freghi nulla a nessuno a parte lei, ci dice anche il collegamento con la macchina parcheggiata davanti alla porta del locale in area pedonale o era solo un pretesto per fare il fico che le sa tutte?
Pensi che a me che sono l’attuale compagno, non me ne frega nulla che cognome porti, a lei la vedo invece molto interessato. C’è qualcosa che vuole approfittare per dirmi?

Anonimo ha detto...

fosse per me er t-max je lo parcheggerei direttamente dentro ar locale.

Anonimo ha detto...

Ma poi Roma è sempre stata così, anzi peggio, guardate ad esempio le targhe papali del 700 attaccate ai muri che vietano di buttare immondizia! Uguale a oggi!! Quindi pora Virginia non c'entra, ecco!

Fabio Spada ha detto...

Pensa anonimo delle 12:11 che fino a venticinque anni fa nei locali di Glass c’era un meccanico di moto, quelle vere non il t-Max. Ma detto questo, visto che dici “fosse per me” cosa ti manca per farlo: il coraggio o il t-Max?

Carlo Carletti ha detto...

Si, che per me Cristina Bowerman Vitulli è L ennesimo chef star che di cucina ci prende poco e nulla. Il fatto del cognome è un esempio di come sia tutta una “scena” un “palcoscenico” senza sostanza. Chiamare “eccellenza” il ristorante di Cristina Bowerman mi sembra eccessivo. Se negli Stati Uniti dopo la separazione le donne mantengono il cognome dell ex marito allora vuol dire che non stanno tanto bene. Anche se fosse stata una pizzeria a taglio le auto e i motorini di fronte alla vetrina sarebbero state uno scandalo. Quindi recapitolando: Cristina Bowerman NON è un eccellenza gastronomica, comunque era meglio avere i tavoli sulla strada che i motorini.

Carlo Carletti ha detto...

Aggiungo anche che le “forchette” e le “stelle” sono proprio L esempio dei luoghi dove non si fa cucina ma solo moda, finzione, rappresentanza senza sostanza. Non c è alcun legame con la ricerca della qualità delle materie prime e con le tradizioni culinarie del luogo, anzi spesso sono solo frutto di accordi commerciali con i grandi fornitori che di qualità hanno poco e nulla. Questo è il nesso con il fatto che Cristina Bowerman si presenta con un cognome che non è il suo ma quello dell ex marito e che secondo la mia personale opinione è solo per dare un tocco “internazionale”. La sua compagna può fare come gli pare e scegliere di farsi chiamare pure Grande Puffo, L osservazione è verso L autore dell articolo che secondo me ha ragione sul fatto che un esercizio commerciale vada tutelato ma sbaglia nel descrivere il ristorante Glass come “eccellenza”

Anonimo ha detto...

Non ho capito cosa c'entra Fidel Castro col parcheggio in doppia fila...

Fabio Spada ha detto...

Oh, ce l’abbiamo fatta, Glass non le piace. Tutta questa storia per arrivare a questo, passando per vicende personali come gli ex mariti, giudizi su materie prime di cui nulla sa, accordi con grandi fornitori che peraltro sono inesistenti. Lo avevo già detto io, quello del decoro e del rispetto delle regole è un problema per tutti, pizzerie comprese. E il tema era questo, poi se vuole spostarlo sul fatto che è un errore definire Glass un’eccellenza faccia pure, come vede non si offende nessuno, visto che il suo giudizio non è basato su altro che un parere soggettivo che è liberissimo di avere, come noi di non considerarlo rappresentativo di altro che di un’antipatia personale che continua a manifestare.
Un caro saluto da parte mia e da Cristina Grande Puffo.

Anonimo ha detto...

In ogni caso il succo della questione è l'italica incapacità di sfruttare al meglio, in termini di risorse economiche e di sviluppo, il buono che ci circonda e che per nostra fortuna
abbonda. Siamo un museo a cielo aperto e un territorio di superlativi eno-gastronomici da far impallidire qualsiasi altra nazione. Il turismo e la sua valorizzazione sarebbero la nostra salvezza, ma finchè si affronta tutto con sciatteria e mancanza di buon senso non c'è via d'uscita: dov'è la logica nel consentire la sosta selvaggia di due ruote ed affini e vietare un gazebo che ha un impatto architettonico ed invasivo nullo? Se anche poi esistesse lì a due passi un multipiano per macchine e motorini, vuoi mettere la comodità di arrivare di fronte ai locali in barba alle regole della convivenza civile. Si ripete quanto ho già descritto sopra al parcheggio di Roma Est e aumenta la certezza che le persone civili, almeno a Roma, oramai siano una minoranza silenziosa.

Carlo Carletti ha detto...

Non è che Glass non mi piace, è semplicemente che merita lo stesso rispetto di qualsiasi altro esercizio commerciale ne PIÙ ne meno. Oggi L arte culinaria è moda, come in architettura ci sono le archistar anche nella ristorazione ci sono gli “chefstar”. Una volta per essere considerati nell “olimpo” degli architetti o degli chef ci volevano 40 anni di lavoro sul campo. Oggi con 2 riviste/trasmissioni/articoli giornalistici in 4 anni diventi una star. Poi ribadisco: le forchette e le stelle oggi non contano nulla, fanno parte di un giro di denaro e basta. È il “personaggio” (il cognome straniero senza motivo) non più la personalità ed il lavoro che contano. Come si fa a definire “eccellenza” un ristorante che si è no saranno 5 o 6 anni che è lì? Perché Glass sarebbe un “eccellenza” rispetto ad altri ristoranti ? Per le “forchette” e le “stelle” ?

Carlo Carletti ha detto...

Ah, dichiarò di non essere un ristoratore ne avere o aver mai avuto interessi nella ristorazione.

Anonimo ha detto...

Carletti, Glass é aperto da oltre 14 anni: é sul sito, non serve essere Sherlock. A me sembri uno che rosica di brutto con una latente frustrazione che ti rende aggressivo nei confronti di tutto e tutti, tra l'altro sparando una miriade di cazzate. Pillola blu e passa tutto.

Giacomo ha detto...

Premetto di non essere romano, mi sono trasferito in questa città nel 2009 prima per motivi di studio e poi sono rimasto qui a lavorare. Parlando onestamente, ho visto un declino incredibile di questa città, una totale e costante non-curanza di tutto ciò che sia pobblico e un menefreghismo da parte della maggior parte della popolazione locale. Il risultato visibile ogni giorno a chi percorra, ormai, qualsiasi strada della capitale è quello di una caduta verso il terzomondismo, sporcizia, degrado, erbacce alte, mezzi pubblici da schifo, parchi pubblici come slum filippine, piccola criminalità fuori controllo, impotenza delle forze dell'ordine, totale libertà di azione di comunità gitane e futuro esercito di riserva della moderna tratta degli schivi su appoggio di ong a ridosso di esercizi e stazioni. Un totalo Caos a cielo aperto.

Carlo Carletti ha detto...

A me sembri uno che non capisce un cazzo: 6 anni o 14 anni non cambiano nulla. Sono ben altri i tempi per poter divenire “eccellenza”, io ho parlato di 40 anni di attività. Dimmi dove sarebbero le “miriadi di cazzate” (sarebbe il caso lo chiedessi alla tua mammina che ne capisce). Tu conosci minimamente come funziona il business delle “stelle” e delle “forchette” ? Probabilmente no. A me sembri uno di quei mortaccini di paese che pensa di essere figo andando a farsi prendere per il culo perché lo ha letto sulla rivista delle ultime “tendenze”. Mavattenafanculo

Carlo Carletti ha detto...

Ah dimenticavo: ma tu davvero credi alla storia della chef che si tiene il cognome dell ex perché “ormai ce L ha sul passaporto” ? Ma non capisco che è una mossa di marketing darsi il cognome internazionale ? Ma davvero una donna si terrebbe il cognome dell ex anche se ci fosse rimasta in ottimi rapporti ? Ma che hai al posto del cervello ? È tutto marketing.

Anonimo ha detto...

magari ce tornasse er meccanico li dentro.

Fabio Spada ha detto...

E dai Carlo non fare così. Fino ad ora eri stato accanito ma educato. Ora svacchi così per 3 righe di un anonimo?
Non è così elegante dire che chi viene a cena da Glass si fa prendere per il culo. Però a te questa cosa non può succedere (di venire a cena) perché tu conosci perfettamente il business delle stelle e a te non la si fa.
Visto che mi hai virgolettato una frase, almeno fallo bene. Non ho scritto “ormai ce L ha sul passaporto” come hai scritto (male) tu, ma “è il suo nome e cognome ANCHE sul passaporto” Ti ho conosciuto come persona intelligente, rosicona ma intelligente, non puoi non capire la differenza. E pensa che si chiama così dal 1992 ed è tornata in Italia 12 anni dopo.
Veramente un genio del marketing.

Carlo Carletti ha detto...

Allora: con L anonimo che mi da del “frustrato ... pillola blu...etc.etc.” Già è tanto che non gli ho detto di peggio. Ammetto che da Glass non ho mai mangiato, e non ho problemi a provarlo e non so assolutamente se si mangia bene o male. Il fatto è che secondo me le stelle e le forchette ormai (da una ventina d anni almeno) non contano nulla. Esaminiamo come lavorano le”guide”: di sicuro non guadagnano dal prezzo di copertina, e allora da dove prendono i soldi ? Dalle pubblicità dei fornitori nel campo della ristorazione (acqua, pasta, vino etc etc). Quindi se vuoi comparire “bene” su queste guide il ristorante farà bene a comprare dai fornitori che sono i veri “padroni” delle guide che danno “forchette”, “stelle” etc. etc. . Sul fatto del cognome io la penso come ho già scritto: per me è solo marketing , tu dici di no ? Ne prendo atto , per te sono un rosicone ? Per me sei un cazzaro. Io rimango della mia idea e tu (non “voi” ma solo tu, poi se vuoi facciamo un sondaggio su quante donne terrebbero il cognome del ex marito) rimani della tua.

Carlo Carletti ha detto...

Ah scusa, dimenticavo: io non ho mai scritto che chi va a gena da Glass si fa prendere per il culo. Io ho scritto che chi considera “eccellenza” un ristorante per le forchette e le stelle si fa prendere per il culo.

Anonimo ha detto...

Glass fa schifo al cass!

Fabio Spada ha detto...

Dai Carlo, non hai mai mangiato da Glass, non sai da quanto abbia aperto, parli di sponsor di guide da cui bisogna comprare (facessi qualche nome almeno) senza capire che se così fosse i ristoranti stellati sarebbero tutti locali molto grossi con grandi capacità economica e invece, guarda caso, la maggior parte non arriva a 50 coperti. Parli di cose che non conosci, mica è una colpa essere ignorante, basta studiare ed avere l’umiltà fino a quel momento, di non parlare di cose che non si conoscono.
Sul cognome non capisco quali sarebbero le due idee differenti, c’e una realtà che è quella che Cristina ha cambiato quel nome dal 1992 e la tua tesi fantasiosa che nel 2006 abbia fatto questa scelta per motivi di marketing. Fai ipotesi sulla vita privata delle persone, nè insulti altre, insomma che sei un rosicone mi sembra sufficientemente provato. Io invece sarei un cazzaro in base a quale teoria?

Anonimo ha detto...

Pensa come stanno questi de glasse pe fasse fa pubblicita su sto blog demmerda. De sicuro tonelli j'avra scroccato l'ennesima cena a sbafo ed ecco che se parla de eccellenza. qua l'unica eccellenza che se puo forse ,ma dico forse, paragonare è il campionato de calcio: e cioè roba da dilettanti. Ma tornando al tema dell'articolo e cioè la sosta selvaggia, qui si vede la grande civilta dei romani. Non ce ne frega un cazzo se sei un ristorante stellato o una friggitoria. Poi venne oro come patate. Er mezzo te lo parcheggiamo comunque davanti all'entrata. e devi fa pippa. è un sistema democratico. stacce caro amico Spada. tra l'altro qua quello che deve da cambia cognome sei solo te. visto i parenti che te ritrovi.

Carlo Carletti ha detto...

Va bene dai , hai ragione tu.

Carlo Carletti ha detto...

http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-71de590b-57f2-4113-87c3-45f169023b78.html

Fabio Spada ha detto...

Ciao anonimo delle 8:58. Sono d’accordo con te e l’ho scritto molti commenti fa, non c’entra nulla che Glass sia stellato o meno, nessuno dovrebbe sopportare un sopruso del genere, qualunque attività abbiano anche fosse una friggitoria. Per il resto sul commento a Glass resto indifferente, se ci sei stato e non ti è piaciuto mi dispiace se, come penso, non ci sei mai entrato hai solo da rovesciare un po’ di bile pure tu. Sul fatto di farsi pubblicità sul blog in cambio di una cena ho poco da controbattere, puoi pensarla come vuoi.
Per quanto riguarda il mio cognome e i miei possibili parenti di Ostia invece, ovviamente anche tu sai che non è così ma capisco che non ti vuoi privare del gusto di una pur basica battuta. Ma se invece...
Sarà per questo che scrivi come anonimo?

Anonimo ha detto...

Beh vista l'aria che tira, mi sa che se si risposa con lei, le merita tenersi bowerman...

shell shockers ha detto...

Thanks for sharing information

Jessica Tremblay ha detto...

Ciao, sono qui non solo per testimoniare, ma anche per incoraggiare le persone che affrontano problemi coniugali o di relazione. Riguardo al meraviglioso lavoro del Dr. Ogundu, e-mail: drogunduspellcaster@gmail.com, mi sono perso nell'amore con mio marito fino a quando una signora non l'ha strappato via da me. poi ho gridato al mio amico e lei mi ha raccontato di come ha affrontato un problema simile e ha dato a questo grande uomo il contatto con me e ho fornito tutti gli elementi di cui aveva bisogno per l'incantesimo e ora sono felice di nuovo innamorarmi della mia famiglia. Ti assegno per contattare quest'uomo. La tua storia o il dolore cambieranno in pochi giorni e sorriderai come me oggi. Ancora una volta sono grato. Contattalo sulla sua email via: drogunduspellcaster@gmail.com se si è di fronte a qualsiasi forma di problema
1. Torna il tuo amante o il tuo marito
2. Incantesimo di denaro / incantesimo di buona fortuna
3. Se vuoi fermare il tuo divorzio
4. Incantesimi di protezione.
5. Ottieni un incantesimo di lavoro.
6. Incantesimi di promozione.
7. Restituire i tuoi soldi.
8. Incantesimo per perdere peso.
9. Incantesimo d'amore.
10. Se vuoi soddisfare il tuo partner / cura per l'erezione debole
11. Incantesimo di gravidanza.

laura credito ha detto...

Salve Sig.r. & Sig.ra Vi offro un prestito e d'investimento di 2.000€ a 900.000.000€ per chiunque in grado di ripagare con gli interessi al 2 a 3% per tutti e-mail a chiunque sia interessato a me. Faccio prestiti e d'investimento locali e internazionali di persone in tutto il mondo contatto con me oggi e fammi sapere quanti soldi vuoi prestare.Sono pronto ad incontrare i nostri candidati entro 24 ore dalla ricezione della richiesta forma.Alora se avete bisogno di prestito o investimento i soldi non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni alle mie condizioni molto favorevoli.
E-MAIL: lauracredito2000@gmail.com

laura credito ha detto...

Salve Sig.r. & Sig.ra Vi offro un prestito e d'investimento di 2.000€ a 900.000.000€ per chiunque in grado di ripagare con gli interessi al 2 a 3% per tutti e-mail a chiunque sia interessato a me. Faccio prestiti e d'investimento locali e internazionali di persone in tutto il mondo contatto con me oggi e fammi sapere quanti soldi vuoi prestare.Sono pronto ad incontrare i nostri candidati entro 24 ore dalla ricezione della richiesta forma.Alora se avete bisogno di prestito o investimento i soldi non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni alle mie condizioni molto favorevoli.
E-MAIL: lauracredito2000@gmail.com

Anonimo ha detto...

Veramente li hanno approvato con alemanno sindaco

roberto ha detto...

sono stato una volta a mangiare da Glass e non ci siamo più tornati..una cuoca non all'altezza della stella che porta. A parte questo quando ha aperto il locale sapeva dove si trovava e quali sono le condizioni di trastevere di traffico e rumorosità. però sicuramente data la sua clientela internazionale non andrà cosi male, allorain questo caso la zona va bene.
E' come se io mi comprassi un appartamento a trastevere e poi volessi far chiudere i locali perchè la notte nn riesco a dormire per il baccano.

Anonimo ha detto...

Commento davvero idiota. Roberto, ma che dici? Cioé uno dovrebbe passivamente subire l'illegalità solo perché l'ambiente intorno lo permette? Io a Trastevere ci abito da una ventina d'anni e il degrado é visibile e costante: a volte ho le macchine parcheggiate di fronte al portone e non riesco a uscire di casa con il carrozzino. Nonostante chiami i vigili (che puntualmente non vengono poiché sono pochi) l'inciviltà dei romani é oltre ogni immaginazione. Gli incivili la fanno da padrone ma io non mi rassegno e continuo a protestare e a sperare che i romani non ragionino tutti come te.

Fr Vodounon ha detto...

.




OFFERTA DI PRESTITO E AIUTO FINANZIARIO PER ROMPERE CON LE DIFFICOLTA DI SOLDI.


Opportunità di finanziamento per quelli che hanno progetti o bisogno di prestito personale, potete ora ottenere un prestito per risolvere le vostre difficoltà finanziarie.

Vi concederemo il vostro prestito, è facile, semplice e veloce.


Le persone che hanno restrizioni possono ottenere un prestito senza problema.


Per informazioni recapiti via mail alla Sig.ra Cristina Allegri:


cristinaallegri09@hotmail.it























































OFFERTA DI PRESTITO E AIUTO FINANZIARIO PER ROMPERE CON LE DIFFICOLTA DI SOLDI.


Opportunità di finanziamento per quelli che hanno progetti o bisogno di prestito personale, potete ora ottenere un prestito per risolvere le vostre difficoltà finanziarie.

Vi concederemo il vostro prestito, è facile, semplice e veloce.


Le persone che hanno restrizioni possono ottenere un prestito senza problema.


Per informazioni recapiti via mail alla Sig.ra Cristina Allegri:


cristinaallegri09@hotmail.it





































































OFFERTA DI PRESTITO E AIUTO FINANZIARIO PER ROMPERE CON LE DIFFICOLTA DI SOLDI.


Opportunità di finanziamento per quelli che hanno progetti o bisogno di prestito personale, potete ora ottenere un prestito per risolvere le vostre difficoltà finanziarie.

Vi concederemo il vostro prestito, è facile, semplice e veloce.


Le persone che hanno restrizioni possono ottenere un prestito senza problema.


Per informazioni recapiti via mail alla Sig.ra Cristina Allegri:


cristinaallegri09@hotmail.it
































































OFFERTA DI PRESTITO E AIUTO FINANZIARIO PER ROMPERE CON LE DIFFICOLTA DI SOLDI.


Opportunità di finanziamento per quelli che hanno progetti o bisogno di prestito personale, potete ora ottenere un prestito per risolvere le vostre difficoltà finanziarie.

Vi concederemo il vostro prestito, è facile, semplice e veloce.


Le persone che hanno restrizioni possono ottenere un prestito senza problema.


Per informazioni recapiti via mail alla Sig.ra Cristina Allegri:


cristinaallegri09@hotmail.it
































































OFFERTA DI PRESTITO E AIUTO FINANZIARIO PER ROMPERE CON LE DIFFICOLTA DI SOLDI.


Opportunità di finanziamento per quelli che hanno progetti o bisogno di prestito personale, potete ora ottenere un prestito per risolvere le vostre difficoltà finanziarie.

Vi concederemo il vostro prestito, è facile, semplice e veloce.


Le persone che hanno restrizioni possono ottenere un prestito senza problema.


Per informazioni recapiti via mail alla Sig.ra Cristina Allegri:


cristinaallegri09@hotmail.it

Tortora Giuseppe ha detto...

Ciao,
OFFRIAMO UN PRESTITO DI SOLDI VELOCE E AFFIDABILE A VOSTRA DISPOSIZIONE ENTRO 48 ORE CON UN TASSO DI INTERESSE DEL 2%
vanno da 2.000 a 500.000 €
Per maggiori informazioni vi prego di contattarmi direttamente al mio
indirizzo email: tortoragiuseppe54@gmail.com

scrivete su whatsapp +33756857346



Ciao,
OFFRIAMO UN PRESTITO DI SOLDI VELOCE E AFFIDABILE A VOSTRA DISPOSIZIONE ENTRO 48 ORE CON UN TASSO DI INTERESSE DEL 2%
vanno da 2.000 a 500.000 €
Per maggiori informazioni vi prego di contattarmi direttamente al mio
indirizzo email: tortoragiuseppe54@gmail.com

scrivete su whatsapp +33756857346

ShareThis