Manco a Kabul il sindaco andrebbe a inaugurare una metropolitana con dei treni così

13 giugno 2012



Roma. L'unica città dove puoi sentirti in Pakistan o in Afghanistan senza dover avere la scocciatura di pigliare l'aereo. 

26 commenti | dì la tua:

Guido Costantini ha detto...

Non è colpa loro, poverini, è che proprio non ce n'è più neanche uno di treno pulito da poter utilizzare, anche se per le grandi occasioni.
Che potevano fare?

Orazio ha detto...

Vabbè dai fate vedere solo i convogli vecchi, che ormai sono un quarto dei totali, la maggiorparte sono nuovi e di bell'aspetto.
E comunque ha inaugurato il prolungamento della B1, e le stazioni, viste di persona, sono splendide..peccato solo per la frequenza dei treni..

Anonimo ha detto...

il problema non sono i graffiti sulla metro... Il problema sono i vagoni stile "campo di sterminio", ghe ogni giorno noi romani prendiamo...senza aria condizionata suprattutto in estate..

ALEMANNO magari finivi sotto la metro

Antonio Privitera ha detto...

Orazio, NON sono un quarto dei totali. La metro B ha 39 treni, di cui: 8 nuovi CAF (quelli con l'aria condizionata) e 31 MB. Di questi uno ha subito un restyling totale (anche degli interni), due solo degli esterni, ma i restanti 28 sono nelle condizioni che hai visto tu.
Poi se per le caratteristiche del servizio attuale, ATAC preferisce far girare più i nuovi, è un altro paio di maniche.

Francy ha detto...

I nuovi treni sono un quarto dei totali? La maggior parte sono nuovi e di bell'aspetto?? AHAHAHAHAHAHAH!!
Caro Orazio, si vede proprio che non sei un utilizzatore abituale della metro B!!

Antonio, grazie per avere dettagliato con precisione la situazione dei convogli! Almeno ci si fa anche un'idea sulle proporzioni (drammatiche). Posso chiederti qual è la fonte di queste informazioni?
Ciao!

Francesca

Ale77 ha detto...

Orazio magari usala tutti i giorni la metro B e poi ne riparliamo.

Antonio Privitera ha detto...

Lavoro nel settore (non in ATAC). Comunque sono informazioni che si possono trovare in rete, nei forum di appassionati (Skyscrapercity, Ilmondodeitreni, Ferrovie.it).

Sul bilancio di ATAC c'è solo scritto che i treni sulla MB sono 39, come vi ho detto.

Anonimo ha detto...

masticazzi. io salirei pure su un vagone rosa a pois gialli se roma avesse una rete metropolitana degna. il problema è che per fare tre dico tre stazioni ci sono voluti sette anni. e non voglio pensare alla linea c, che probabilmente sarà pronta nel 2020 (se va bene). perché questo scandalo solo a roma e in nessun'altra parte del mondo?

Orazio ha detto...

Vabbè ragà ho dato un numero approssimativo, è vero che non sono un utilizzatore abituale, ma è pur vero che ogni volta che prendo la MetroB, e la prendo solitamente da Termini, ho quasi esclusivamente avuto a che fare con i treni nuovi, coincidenza? Forse ahahah
Per la MetroA invece che mi dite? In quel caso la utilizzo più spesso e credo che il numero dei convogli nuovi sia maggiore..
correggetemi se dico cazzate

Antonio Privitera ha detto...

Io non so se sette anni siano stati tanti o pochi, quello che posso dire è che il tempo di costruzione è in larga parte indipendente dalla lunghezza della linea e (in buona parte) dal numero di stazioni. Le variabili principale sono: i passaggi burocratici, i finanziamenti e le risorse impiegate (soldi, personale, macchinari ecc.).

Stefano ha detto...

Cento anni fa (cento!) il Golden Gate di San Francisco è stato costruito in quattro anni!

Caterpillar ha detto...

Ormai il sindaco è una comparsa. Compare solo per le inaugurazioni.
Tanto per ricordare in mano di chi siamo >> http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/02/08/disagio-psicologico/189682/

Anonimo ha detto...

Sto sindachetto è senza dubbio il peggiore che Roma abbia mai avuto. Conto i giorni che ci separano dalle elezioni. Se ne tornasse a bari co tutti gli amichetti suoi che a vario titolo sono presenti a Roma...

Anonimo ha detto...

pe fa sti 4 passi de metropolitana c'hanno messo secoli e se ne vantano tanto!!

romano de roma ha detto...

Grande Orazio!
Se vede che hai capito tutto ar volo: bbei treni, bbelle stazzioni, e ppoi c'è vvenuto pure er sindeco all'innaugurazzione!

Eh sì ch'è stata popo na gran festa, pe' sti 4 chilometri (3.9, dicono i giornalisti precisi) che se semo sudati da diecianni.

E ccerto che poi er solito maligno se potrebbe chiede che ce famo co 4chilometri quanno l'artri venti o quello che sò stanno a annà pe stracci.

E ccerto che mmagari te er sindeco ve dovresse da fa ngiretto ar giorno sulla metro BBI, ma no quella nova mo ch'è nova, quella vecchia come er cucco colle carozze che sembreno dei vespasiani, stretti come le bestie che vanno ar macello. E co le stazzioni che pareno uscite dan bombardamento.

E lì me sa tanto che ve viè er coccolone...
Ma tanto io so dde Roma caputte munni, e a Roma, come l'omo, er treno pe esse treno addà puzzà.

Anonimo ha detto...

CHE FIGURA DE MERDA!

Anonimo ha detto...

che MERDA DI CITTA', ancora co ste pezze ar culo stiamo messi. E sto sindaco ... va, meglio che se ne vada va...

Caterpillar ha detto...

Chissà se il sindaco ha mai provato in vita sua l'ebbrezza di avere il burro sulle mani dopo aver preso i mezzi pubblici i cui sostegni non vengono mai lavati

geremia2001 ha detto...

Sullo scandalo delle frequenze: ieri (primo giorno1) ore 23.10 aspetto alla fermata Colosseo il treno per la B1. Dopo 13 minuti di vana attesa il tabellone mi dà i prossimi 2 treni ancora direzione Rebibbia, nessuno per la B1. Desisto, scendo e prendo il bus. Insomma avrei dovuto aspettare oltre 25 minuti per un treno.
E questo la chiamano metropolitana??

Anonimo ha detto...

Per me era meglio spendere mezzo miliardo di euro per comprare autobus e pagare stipendi ad autisti con una circolare di tre fermate che copriva le tre/quattro fermate! Avrebbero fatto piu bella figura ed avrebbero risparmiato tempo ;)

Massimiliano Tonelli ha detto...

Forse è vero. Metropoliatna ridicola per tempi e frequenze. Fai un sistema di serie corsie preferenziali e risolvi meglio di così. Ma lo sapete: le corsie preferenziali prevedono l'eliminazione delle "maghine", la metro' no. Anzi, quando la fai, come a Viale Libia, sulla strada in superficie puoi anche non fare giardini e marciapiedi come sarebbe logico e civile, ma ripristinare un'autorimessa a cielo aperto. Basta con ste metro: basta. Tram e preferenziali a tutta callara. Vincono tutti: costano meno, si realizzano in breve tempo, regolano automaticamente la sosta. La metro non dà garanzie in questo senso, mai.

Antonio Privitera ha detto...

Mah, sono d'accordo fino a un certo punto. Bisogna intendersi che non esiste un'infrastruttura migliore di un'altra in senso assoluto, ma dipende tutto dalla domanda da servire.
Semplificando, se la domanda è alta e a media-lunga distanza,serve la ferrovia, se è alta a medio-bassa distanza serve la metropolitana. Se è "media", servono i tram o sistemi potenti di autobus in corsia protetta (cosiddetti BRT). Se è medio-bassa, l'autobus.
Nelle città intelligenti vengono usati tutti i sistemi là dove servono. D'altra parte, non è un caso se nelle più grandi città europee sono le metropolitane e le ferrovie metropolitane ad essere l'asse portante della mobilità.

Antonio Privitera ha detto...

Altro discorso è dire che il progetto B1 mi lascia molto perplesso. Cominciamo col dire che quando si realizzò il tratto ad est di Termini della linea B, i tracciati possibili erano due: quello poi realizzato verso Rebibbia e quello appena aperto verso Conca d'Oro. Per quello che so, si scelse il primo per il discorso dello SDO, che poi in effetti non è stato realizzato.
Per mettere una pezza, ci si lasciò la possibilità di fare una diramazione (la futura B1) così da recuperare l'altro possibile percorso.
Il problema è che in vent'anni in flussi sono decisamente aumentati, e temo che una diramazione posta in un punto relativamente centrale come Piazza Bologna (posizione fra l'altro scellerata, proprio prima della stazione Tiburtina) generi impatti sulle due diramazioni tale da ridurre in modo significativo la qualità e la frequenza dei servizi.

Massimiliano Tonelli ha detto...

Ma indubbiamente in città, per le dimensioni che ha, un rete di 6 linee sarebbe necessaria. Magari riadattando alcune ferrovie urbane attualmente sottoutilizzate.

Però il grande investimento dovrebbe essere fatto sui tram. Occorre portare ferro in superficie perché il ferro in superficie ci permette di ridisegnare le strade. Le metropolitane no purtroppo.

Anonimo ha detto...

La metro B e' vergognosa, troppi treni risalgono all'epoca napoleonica, ci sono treni senz'aria condizionata dove d'estate si soffoca, anche la frequenza della B non e' accettabile ed infine non si puo' tacere il fatto che molti treni sono interamente imbrattati dai writers senza che nessuno faccia nulla per fermare questi vandali.

Andrea Rossi

Caterpillar ha detto...

Per i tram, ci sono metodi per portare la corrente sotto terra? Così da non aver quei tralicci orrendi?

ShareThis