Il Romano Depresso e la nuova gestione della sosta a Fiumicino

6 giugno 2012
Salve sono un Romano "depresso". Giovedì scorso mi trovavo in aereoporto a Fiumicino. Ho parcheggiato la mia automobile e aspettavo che arrivasse la mia ragazza da un viaggio. All'improvviso ho avuto la risposta alla domanda che mi pongo da tempo riguardo il degrado che affligge la nostra città. Vi spiego: a Fiumicino, ormai da mesi hanno aperto un spazio per parcheggiare l'automobile gratuitamente per un tempo massimo di mezz'ora (tempo sufficiente per l'attesa di un caro di ritorno da un viaggio), in questo grande parcheggio, quasi vuoto, io ho comodamente parcheggiato la mia auto e sono sceso in tutta tranquillità ad aspettare che l'aereo atterrasse. Durante la mia attesa difronte l'entrata del parcheggio (a 10 METRI dall'entrata...10 metri)  ho notato tantissime persone che nervose e preoccupate di esser multate dai vigili urbani (comunque inesistenti o ben lontani) sostavano in doppia fila con le quattro frecce accese. Ripeto, il parcheggio era quasi vuoto.
Ed è stato in questo preciso momento che sono stato illuminato ed è arrivata la mia risposta. Il degrado a Roma c'è non perché il romano (o chi abita a Roma) sia più furbo degli altri, non perché sia più povero e quindi possa risentire di una crisi più degli altri. Il degrado a Roma c'e' perche' il Romano è stupido.
Distinti saluti e complimenti per il blog.

Romano Depresso

21 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

concordo in pieno ;

Anonimo ha detto...

Stra ultra vero.

E c'è da dire che spesso, dopo anni e anni di NON servizi, NON si attendono nulla e pensano che quello che c'è ha sempre un inganno dietro.

invece, è ORA che si chieda conto all'amministrazione che FINALMENTE dia servizi adatti a una capitale europea (con tutte le tasse che paghiamo) e di utilizzarli NEL RISPETTO DELLE REGOLE.

Ma a Roma, si sa, le regole non si rispettano e, specialmente, chi deve farle rispettare NON LO FA (ed è pagato con i NOSTRI SOLDI).

Il perchè? Beh, vogliamo parlare dei cosiddetti "vigili urbani", per dirne una...?

Andrea2001 ha detto...

Vuoi un'altra prova che il popolo romano è cafone e si merita la merda in cui sguzza?

Vai in un centro commerciale e noterai che nonostante l'abbondanza di parcheggi in molti parcheggiano in divieto pur di stare vicini all'ingresso. Questo ci dice che il problema non è la disponobilità di parcheggi bensi la cafonaggine dei romani.

Anonimo ha detto...

troppo vero! e contro la stupidita' non si puo' fare nulla!

sampei78 ha detto...

Caro Andrea2011 quanto da te detto l'ho verificato anche nella mia vecchia palestra. Gente ke pagava centinaia di euro l'anno x sudare su un tapis roulant, xò non poteva parcheggiare l'auto decentemente e poi fare 100 metri a piedi x raggiungere l'entrata! POVERACCI!

jannis ha detto...

Stupidi o pigri, o tutti e due. In effetti da un po' di tempo si può constatare come per questi romani, se un posto non si può raggiungere in auto e non si può parcheggiare davanti, non vale la pena di andarci. Ed è per questo che adoro il lago di Martignano, dove questa "gente" si tiene alla larga visto il km a piedi che sono costretti a percorrere. Se lo sai, ti tieni lontano dalla marmaglia (Ostia beach).

Anonimo ha detto...

il parcheggio in effetti funziona, ed è vero tutti hanno paura di parcheggiare.

MA IL PROBLEMA CAVOLO è CHE LA SEGNALETICA E' DI MERDA, LA COMUNICAZIONE E' DI MERDA.

Anonimo ha detto...

scusa se ti contraddico ma io i cartelloni che segnalano la presenza del parcheggio gratuito li ho visti. Ce ne sono e anche grandi. Uno e' proprio all'entrata .

Francesca Maggi ha detto...

Ne stupido, ne pigri...e' semplicemente l'egoismo rampante dei conduttori di SUV e tutti in doppia fila...
perche' parcheggiare nei posti legali quando posso farlo dove voglio, come voglio e me ne fotto degli altri??!!

Francesca Maggi
Burnt by the Tuscan Sun

Francesco GAeta ha detto...

ragazzi il problema non e' solo romano. LE STESSE IDENTICHE COSE succedono a Genova, altra magnifica città ridotta ad essere una merda invivibile da degli abitanti maleducati e ignoranti.

Anonimo ha detto...

CONCORDO PIENAMENTE.

Stessa identica esperienza... incredibile.

Ho notato centinaia di volte come le persone neanche leggano i cartelli stradali che alla fine sono lì per aiutare...

Fabio

Anonimo ha detto...

Basterebbe che il comune si svegliasse, e facesse 3-4 multe a chi parcheggia dove non si deve: in questo caso poi, NON VI SONO SCUSE (il parcheggio c'è!).
Quante volte si è detto che le multe servivano a "fare cassa" (e non a proteggere i più deboli dal prepotente di turno)?

Prossima volta, scattare foto con la targa dei trasgressori, e mandare sia ai vigili sia ai giornali.
Ci sarebbe davvero di che girare il sequel de "Il cittadino si ribella", film del 1974 diretto da Enzo G. Castellari.

giò ha detto...

sono stata anch'io in quel parcheggio, la segnaletica c'era ma confesso di aver esitato pensando 'dov'e' la fregatura? sara' gratuita l'entrata e l'uscita si paga doppio?' perche' comunque a Roma un servizio gratis cosi' non s'era mai visto finora! Uscire da li' e' stato un delirio causa sistema della doppiabarra e di romani (e non!) depressi e poco intuitivi. Voto del servizio 8.5 ;)

Livia ha detto...

Credo piuttosto che nessuno vi entri per paura di sforare la mezz'ora. L'aereo potrebbe atterrare in ritardo, il parente potrebbe aspettare il bagaglio a lungo... Se si sfora, che succede? Come e quanto si paga? (chiedo per mia eventuale e futura utilità)

Brontolo ha detto...

Ammetto che non lo sapevo proprio, ma non è che ci vado molto spesso a Fiumicino... Dove sarebbero esattamente?

Anonimo ha detto...

ci sono stato l'altro ieri a fiumicino e aspettavo una mia zia che arrivava da trieste.io non lo sapevo e mentre ero nei pressi del "terminal arrivi" mi trovo davanti a grandissimi cartelli con scritto parcheggio gratis per mezz'ora.quindi per me i cartelli sono visibilissimi.entro dentro il parcheggio naturalmente vuoto,faccio tutto entro la mezz'ora.ho letto comunque che dal 31esimo minuto in poi sono 4 euro...

Anonimo ha detto...

Cara Livia...e se sfori la mezz'ora? paghi 4 euro (cosi funziona in tutto il mondo), oppure non volendo sembrare troppo svedesi (non sia mai) esci dal parcheggio un minuto prima dello scadere della mezz'ora, fai il giro et voila', un'altra mezz'ora gratis di parcheggio per te!

wooow

Livia ha detto...

Grazie Anonimo, finora non ne ho avuto bisogno ma non si sa mai... e alla soluzione dell'uscire un minuto prima ci avevo pensato, sono pure una maniaca dell'arrivo anticipato (quando poi non esiste che un aereo atterri in anticipo, e vabbe') :)

Anonimo ha detto...

vedo le stesse identiche cose a Firenze (ma credo che accada un po' dappertutto in Italia) Per esempio centri commerciali o supermercati hanno ampi parcheggi gratuiti ma davanti all'entrata è sempre pieno di macchine in doppia fila che intasano il traffico e bloccano autobus, vuoi mettere avere la macchina proprio DAVANTI all'entrata piuttosto che dover fare 50 metri o anche meno a piedi? è una questione di mentalità che io però proprio non capisco
ciao
T.A.

Anonimo ha detto...

un'altra cosa che mi fa innervosire è quando ogni sera passo davanti ad un ristorante- pizzeria, proprio all'uscita della città, in una zona dove i parcheggi non mancano e a quell'ora sono gratuiti, e trovare sistematicamente la rotonda piena di macchine buttate lì (parcheggiate non mi sembra il termine adatto) solo perchè l'entrata del ristorante è proprio all'altezza della rotonda e parcheggiare nella stradina accanto e fare 50 metri a piedi è troppo per i suoi clienti, mentre lasciare la macchina sulla rotonda, in mezzo alla carreggiata, di nottee, in una strada ad alto scorrimento, è per loro la soluzione più ovvia
T.A.

(questo è per dire che i problemi di cui vi lamentate non ci sono solo a Roma)

Anonimo ha detto...

in generale hai ragione, ma in quel caso posso dire a discolpa della gente che hai visto preoccupata lasciare la macchina in doppia fila,
CHE NON SI CAPISCE UN CAVOLO DI DOVE UNO POSSA TROVARE IL POSTO PER LA MACCHINA UNA VOLTA ARRIVATO IN AEREOPORTO, poichè non è segnalato il posteggio gratuito e di consequenza viene naturale avvicinarsi alla banchina.

ShareThis