Fermo restando che se la gente s'è fatta nove ore di macchina secondo noi gli sta bene, ma...

4 febbraio 2012
...ma secondo voi esistono spazzaneve a Roma? E se esistono ne esiste qualche foto? Siamo disponibili a pubblicarne. E alla produttrice, qui sopra, qualcuno spieghi che da San Giovanni a Boccea c'è la metropolitana.

24 commenti | dì la tua:

Manuele Mariani ha detto...

ho visto in tv che invece degli spazzaneve a Roma vanno in giro LE RUSPE !! ma dove siamo ??
oltetutto così, salteranno un sacco di sanpietrini.. e quindi via altri dané per aggiustare le strade una volta sciolta la neve_
davvero 4° mondo !!

Tom ha detto...

Ho visto uno stamattina a Piazza Venezia (twittato a https://twitter.com/#!/tgrankin/status/165792339539927040/photo/1). Ma non stava spazzando niente.

Anonimo ha detto...

in piazza Venezia c'era una ESCAVATRICE .. roba da matti !

Davide ha detto...

Ma perchè vi risulta che a Roma abbiamo bisogno degli spazzaneve per una nevicata ogni 20 anni!!!
Scommetto che se il comune ne comprava una diecina si parlava di spreco...

Anonimo ha detto...

ne ho visto uno stamattina alle 7 sull'a24, un pò tardi forse, anzi senza forse
Comunque per una volta non condivido, il fatto che secondo voi gli sta bene cosa doveva fare uno per andare al lavoro? prendere i mezzi che non passano? farsela a piedi? prendere la bici e cadere a terra? prendere il motorino e ammazzarsi? è grave il fatto che ci sia gente che testimoni che in 10 ore di auto per tornare a casa non abbia visto un mezzo di soccorso nè uno spazzaneve o spargisale
@Davide secondo me si dovrebbero comprare attrezzature spazzaneve e spargisale da applicare su mezzi che poi durante l'anno vengono utilizzati per altro, non mezzi appositi, la spesa sarebbe infinitamente inferiore

Anonimo ha detto...

per capirsi: http://www.autoscout24.it/Details.aspx?id=199283078
un mezzo attrezzato in questo modo per i pochi centrimetri che fa, neanche tutti gli anni, a roma è più che sufficiente

donata ha detto...

A parte la mancanza assoluta di organizzazione del comune e della presenza dei Vigili Urbani che hanno lasciato la città in balia di se stessa, colpa grave è dei romani che non se ne sono stati a casa...ieri mattina ho visto un sacco di macchine con alla guida vecchiette e ragazze che certo non stavano in giro per andare a lavorare! Se ce una priorità gli altri impegni si annullano!

Tom ha detto...

Il sindaco ha sbagliato dicendo di starne a casa; doveva dire di non uscire con le macchine e moto. Ma ormai i romani non concepiscano che si puo' staccarsi dalla propria macchina.
Per un po' stamattina la citta' era quasi senza macchine e chi girava a piede come me finalmente poteva respirare, sentire, e camminare senza paura di essere investiti.

Anonimo ha detto...

La metro funzionava benissimo. Io alle 14,00 ho preso la metro da Ottaviano a S.Giovanni e sono arrivata in 10 minuti. p.s. Boccea è circa 3 fermate dopo Ottaviano pertanto la signora poteva benissimo andare in metro......E come lei tanta gente

Davide ha detto...

D' accordo con quello che dice Tom, la gente ormai prende la macchina pure per fare 10 metri, poi si creava l' ingorgo perchè nn si è in grado di guidare in quelle condizioni.

noiroma.blogspot.com

Alessandro ha detto...

Do ragione a Davide.
Se Roma avesse dei veri spazzaneve si sarebbe parlato di spreco. Magari si potrebbero prenderli in affitto quando ci sono questi allarmi climatici.
Miracoloso (per Roma) il fatto che ci sono state alcune linee bus funzionanti e la metro totalmente attiva.

Massimiliano Tonelli ha detto...

Aurigemma ha ragione quando dice che i bus non hanno funzionato a causa delle auto private. Quello che Aurigemma non dice è che questo problema si ovvia, in tutta Europa, facendo passare i bus in corsie protette. Quello che Aurigemma non capisce è che dopo 4 anni di consiliatura tutte le corsie preferenziali che c'erano sono state smantellate mentre non ne è stata fatta alcuna di nuova.

Livia ha detto...

Avrebbe dovuto lasciare la macchina da qualche parte dopo l'incontro e riprenderla al disgelo. Venerdì mattina ho visto parecchi motociclisti in difficoltà accostare e lasciare i motorini. Ora, senza stare tanto a prendersela con Alemanno che l'aveva pure detto di non uscire senza gomme da neve, secondo me molte persone non hanno preso sul serio le previsioni. Però non mi aspettavo la defaiilance dei bus, la sera avrò aspettato 15-20 minuti il 64 a via Nazionale mentre la palina elettronica proclamava serafica che la regolarità del servizio era garantita. Che ci voleva a comprare una bella fornitura di catene?

Anonimo ha detto...

I'm a foreignor here from Canada and I have never seen anything like this in my life...what a disgrace you should be ashamed!!!

Anonimo ha detto...

"Statevene a casa". Questa è l'unica, simpatica frase che il nostro sindaco sa dire quando a Roma c'è una situazione di criticita'. La stessa frase detta il primo maggio scorso, quando mezza citta' fu off-limits per la beatificazione di WOjitila. Sattene a casa te, Alemanno, e lascia il posto a qualcuno che sappia fare meglio di te il suo mestiere di Sindaco

frankino ha detto...

I nostri cari, battaglieri tassisti, che giorni fa hanno messo a ferro e fuoco mezzo centro di Roma rivendicando i loro sacrosanti diritti di gestirsi il lavoro come cazzo gli pare, dov'erano in questoi giorni di neve? Imboscati a casetta al calduccio pure loro?

Anonimo ha detto...

condivido pienamente il senso dell'articolo.

chi ha preso la macchina venerdi' e sabato è un debosciato (io l'ho presa per andare a guidonia e devo ammettere che mi sono fatto giustamente 3 ore bloccato sulla tiburtina), chi l'ha presa per andare DENTRO IL RACCORDO e' ancora piu' debosciato.

Ma detto questo, Alemanno e relativa giunta che beccano centinaia di migliaia di euro all'anno, e non sanno organizzare un cazzo per un evento CHE CAPITA UNA VOLTA OGNI 20 ANNI...

...è uno schiaffo alla ragione.

Anonimo ha detto...

Un sindachetto RIDICOLO che no Sto arrivando! Fare il suo mestiere e, anzi, da la colpa a Gabrielli, quando invece era stato ultra informato. CHE SE NE VADA A CASA!!!!

Anonimo ha detto...

Secondo voi chi era uscito venerdi mattina con la macchina che doveva fare? Abbandonarla e mettere una tenda dove si trovava? Passare la notte all'aperto coi lupi? Ma lo sapete che nemmeno un'ora dopo l'inizio della nevicata sono spariti tutti gli autobus? Sabato invece andavano avanti e indietro tutti VUOTI, e con la scritta 'deposito' sul display, a fare che non si sa. Intere periferie isolate, manco fosse una catastrofe mondiale!

E poi basta giustificare il sindaco (Davide): a Roma si fa una valanga di sperperi di denaro pubblico, un paio di spazzaneve non sono uno spreco, anche tenendo conto che oramai da un paio di anni una nevicata la fa sempre, e col clima l'andazzo è questo.

Alemanno: VATTENEEEEEE! Non sei capace manco di leggere un bollettino meteo!

frankino ha detto...

Se non sbaglio, AleMagna aveva scaricato le responsabilita' sui servizi meteo anche in occasione della bufera di pioggia del 22 ottobre. Ma solo lui era l'unico a non sapere che tra venerdi e sabato avrebbe nevicato? E poi, quali sarebbero state le responsabilita' dei servizi meteo? Non aver previsto l'ora esatta dell'inizio della nevicata? Ma non era il caso forse di attrezzarsi in anticipo vista la situazione di emergenza? Buffone patetico e ridicolo, votato da palazzinari e tassisti,sei capace di fare il sindaco come io sono capace di fare il pilota di Formula Uno...

Brontolo ha detto...

Vabè onestamente dire "gli sta bene essere rimasti ore incastrati nella macchina" è da mentecatti.

Ma come se fà?

Ma uno che viene da Castel di Guido, secondo voi a Roma a lavorare e portare i figli a scuola come ci arriva? Col Cotral?
Ragazzi i mezzi non esistono per chi abita fuori dal centro.

D'accordo chi deve fare pochi chilometri, ma un altro discorso è chi ne deve fare tanti, farsi il raccordo e svegliarsi prima che sorga il sole.

La verità è che Alemanno sta facendo uno scaricabarile senza dignità, si è dimostrato che Roma alla prima condizione meterologicamente avversa è del tutto impreparata.

C'è una lettera tremenda di un disabile che è rimasto bloccato in macchina nel tunnel Giovanni XXIII per 9 ore e nessuno che interveniva o andava ad aiutarlo.

Non bisogna prendersela sempre con chi va in macchina, piuttosto con chi dovrebbe intervenire e non interviene.

Massimiliano Tonelli ha detto...

Dunque tutti quelli che venerdì stavano in mezzo alla strada con la loro macchina a intasare il traffico erano tutti titolati a starci? Erano tutti impossibilitati da fare diversamente? Erano tutti di Castel di Guido? O forse qualcuno (che percentuale?) poteva lasciare l'auto a casina!?

Brontolo ha detto...

Assolutamente si: più di qualcuno potrebbe lasciare la macchina a casa. La colpa non è dell'automobilista, in ogni caso.

Ma ad onor del vero anche i mezzi pubblici non è che abbiano funzionato bene, tanto per dirne una eclatante: a piazzale flaminio c'era un 495 di traverso che aveva fatto un mezzo testacoda perchè era senza catene e ci hanno messo parecchie ORE prima di ripristinare i sensi di marcia da e verso villa borghese.

Anonimo ha detto...

LO VOGLIAMO DIRE CHE A S. GIOVANNI NON C'è UN BUS CHE FUNZIONA BENE E CHE SE UNO PROTESTA A PIAZZA ZAMA I CONDUCENTI ARRIVANO, NELLA MALAUGURATA IPOTESI UNO POSTEGGIA NELLE ZONE BLU COMPLICE LA STA ,A BUCARE LE RUOTE CON TANTO DI MULTA?

ShareThis