Piccola storia triste di un congressista dalla Gran Bretagna a Roma

11 novembre 2017
Seguo ormai da tempo il vostro blog e colgo l'occasione per farvi i complimenti per il servizio sociale e culturale che svolgete con grande lucidità, intelligenza e impegno.

Vorrei condividere con voi la mia recente esperienza come "straniero in patria" che nel suo piccolo (mi rendo conto) può forse essere emblematica.

Roma è stata la mia casa per 12 anni. A Roma ho studiato e mi sono formato: nell'arco di questo "breve" lasso temporale ne ho potuto percepire il lento declino, anche grazie alla vostra opera di informazione. 

Da un anno vivo nel Regno Unito, dove mi sono trasferito per amore e per lavoro. Giovedì sono tornato a Roma per un congresso e ci tengo a raccontare la mia esperienza per raggiungere il centro della città dall'aeroporto di Ciampino.
 
Decido di optare per un'alternativa più economica del taxi e mi affido all'autobus. Mi collego al sito internet dell'aeroporto e scopro che ci sono cinque possibili alternative. Peccato che lo stesso sito rimandi a cinque (5!) siti internet diversi di cinque (5!) società diverse per avere informazioni su prezzi e orari. Sinceramente non me la sono sentita di leggere tutti e cinque i siti internet e mi sono affidato ad un operatore (privato) a caso. Tralascio la scortesia e la sciatteria del personale allo sportello che mi consegna un biglietto in mano dicendo che prossimo autobus sarebbe partito "tra mezz'ora, qua fuori”. Fiducioso del fatto di avere un posto riservato, ne approfitto per prendere un caffè. Che ingenuità! Dieci minuti prima della partenza mi avvio verso il piazzale e vedo cinque file di persone spaesate (per la maggior parte turisti smarriti) che non hanno la minima idea di quale fila corrispondesse al proprio autobus. Non un'indicazione. Non un cartello esplicativo. Persone disorientate che vagano da una fila all'altra in cerca di una risposta. Neanche a dirlo, i posti non sono assegnati e si procede a seconda di chi è in fila (quella giusta) da più tempo.

Dopo due ore (2!) dall'atterraggio del mio volo, finalmente arrivo a Termini. Scendo fino all'ingresso della metropolitana e compro al distributore automatico un biglietto, dove una signora mi avvicina più volte chiedendomi il resto perché "tanto a che tte serve, mammamia pe na volta che poi fa n'opera de bbbene".

(Mi accorgo che nella principale stazione di Roma non si può agevolmente acquistare un biglietto con un bancomat o una carta di credito. Non accade da nessuna altra parte del mondo).

Dulcis in fundo, arrivato a Barberini il treno si ferma perché una donna, vittima di un borseggio, inizia ad urlare e correre sulla banchina. Un uomo afferra e inizia a strattonare la presunta ladra, una bambina di neanche 12 anni. 
In tutto ciò la maggior parte dei passeggeri scende dal treno per assistere alla scena ed alcune persone iniziano ad urlare "menala!" "je devi fa' maleee". 

Queste sono le prime ore in città di un "turista congressuale" (i turisti su cui tutte le città puntano perché sono accreditati di una spesa pro capite enormemente maggiore rispetto ai turisti convenzionali) che giovedì ero io e che ogni giorno sono mille persone che tornano a casa, nel loro paese,  raccontando a colleghi e familiari uno scenario surreale.
Alessandro P.

P.S. E il giorno successivo, ovvero ieri, c'è stato lo sciopero dei mezzi. Ovviamente solo a Roma: a Napoli o a Milano nessun disagio. Credo che la società che ha organizzato il congresso non farà mai la sciocchezza di servirsi di nuovo di Roma...

44 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

E ringrazia il cielo che nun t'hanno rimodellato er naso.....

Anonimo ha detto...

seppure veritiera, è evidente che te la sei scritta da sola. usa tutti i tuoi modi e toni...

Anonimo ha detto...


Ma er congresso su che era? Nun se pò fà informazZzione così sciatta!

Anonimo ha detto...

se vuoi l'intelligenza vai altrove non a roma

Anonimo ha detto...

questo racconto è stato scritto dal proprietario di RFS
ma ci credete pure?

Anonimo ha detto...

12,02

GOMBLODDO

Anonimo ha detto...

Eh già perchè io se viaggio al Cairo per lavoro mi lamento perchè funziona diversamente da Basilea??? Non ha senso!

Anonimo ha detto...

A Roma al massimo puoi lamentarti perchè l'uovo nella carbonara è cotto a frittata, quella sì che è un'osservazione sensata!

Anonimo ha detto...

Invece da lei in Gran Bretagna è il paradiso dell'eden... Qui da noi ci sono solo dei stupidi borseggi, da lei nei sobborghi di londra i vostri ragazzi vengono chiamati la "knife generations" la generazione del coltello.

Anonimo ha detto...

Ma possibile che quando prendo la metro io che la prendo tutti i santi giorni non trovo nulla di quanto riportato in questo post? E tu che sei venuto una volta dopo un anno hai trovato tutti i disagi del mondo?? Da Ciampino ti bastava fare il Bit da 1,50€ e poi prendere l'autobus 720 per Laurentina da lì con lo stesso biglietto prendevi la metro, oppure prendevi il treno sempre con il Bit arrivavi a Termini non è difficile cazzo! E sai quante volte sono atterrato a Ciampino?

Anonimo ha detto...

Il ps mi ha persuaso che si tratta di un falso “ d’autore” e comunque a Napoli la Metro è rimasta aperta il resto fermo compresa Cumana e Circumvesuviana.... nessun disagio nn direi. E onestamente io mi servo di metro A e B tutti i giorni e benchè il servizio nn sia brillante tutto sto casino riportato nn mi capita. Da Ciampino poibastava davvero un un bit fino Laurentina ... È Normale che ci siano 5 siti diversi trattandosi di 5 compagnie diverse non è uno scandalo anzi

Anonimo ha detto...

A Napoli nessun disagio..... peccato che a Napoli (la mia città) sui trasporti siamo messi nella stessa situazione vostre se non peggio, quindi anche se i dipendenti non scioperano il servizio non funziona, qui veramente l'autobus lo aspettiamo 3 ore e la metro funziona da treno regionale con frequenze che sono di 10 minuti in ora di punta e 25 minuti in orari di meno affluenza (se tutto funziona), e ieri che c'era sciopero vero che la metro era aperta (come avete fatto notare su Facebook) ma gli autobus erano inesistenti mentre Circumvesuviana, Circumflegrea, Cumana, linea 2 della metro (gestita da trenitalia) ecc. Era tutto chiuso, e siccome la metro compre l'1/4 della città potete capire i disagi, quindi smettetela di dire cazzate, anche su questo post per esempio se questo misterioso Alessandro P. voleva denunciare un disagio scriveva nome e cognome, e forniva delle fonti reali altrimenti è poco credibile, solo chiacchiere.

Anonimo ha detto...

Domanda...Se il turista congressuale è "accreditato di una spesa pro capite enormemente maggiore rispetto ai turisti convenzionali", perché dovrebbe fare il morto di fame e prendere bus e metro invece di un taxi? Capirei se il discorso si fosse incentrato sul passeggero medio che dall'aeroporto vuole arrivare a Roma, ma così come è congegnato questo post la tesi suona veramente ridicola!

Anonimo ha detto...

Mi dispiace ma è la stessa piccola storia triste che vivono ogni giorno i romani!

Anonimo ha detto...

Alessandro P arriva a Ciampino da Londra è Italiano ha studiato a Roma ma non sa ovviamente che può usare ATAC oltre che altre compagnie, che esiste Mycicero che permette di comprare titoli di viaggio con il cellulare, si muove in metro, lodevole, ed assiste ad un tentato furto con ritardi e tifo da stadio ( tentative di furto con conseguente rallentamento che Info atac smentisce ) però sa che a Napoli e Milano il servizio è stato regolare... legge I giornali altra cosa lodevole. ( Cmq A Napoli non è stato affatto regolare )
Sembra onestamente in racconto costruito a tavolino che racconta cose che possono accadere in tutte le città del mondo.
Alessandro è un tantino sfigato ha visto tutto in poche ore ....

Anonimo ha detto...

Ma se sei un turista congressuale perché fai il pezzente e prendi il bus a Ciampino? La tua azienda tanto figa di Londra non c'è li ha 30 euro da darti per un taxi? Questa storia mi sa tanto di fake...

Anonimo ha detto...

Il nostro aspirante congressista è pure disininformato e disinfotmante in quanto venerdì 10 è stato sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private, e non solo dei trasporti romani.

Dal comunicato USB leggiamo:

Nazionale - venerdì, 10 novembre 2017
Partecipazione altissima allo sciopero nel settore del trasporto pubblico. A Roma, nonostante Atac dichiarasse un’adesione allo sciopero del 28,9%, questa mattina si sono fermate le linee metro A, B e C, le Roma-Lido, Roma-Viterbo e Roma-Centocelle. Rientrati in deposito il 95% dei mezzi su gomma. Adesioni del 90% tra gli operai.

A Venezia blocco totale del servizio: traghetti e vaporetti fermi in laguna e città paralizzata. Riunione urgente del prefetto con ACTV e USB, al termine della quale la Prefettura è ricorsa al precetto per riavviare il servizio nel pomeriggio. Dato lo scarso preavviso, con un precetto che imponeva la ripresa del servizio entro 20 minuti, Usb ha manifestato il pieno dissenso, rifiutandosi di sottoscrivere il precetto e decidendo di continuare nello sciopero, che ha visto una partecipazione superiore al 60%.

A Torino le percentuali di adesione hanno raggiunto il 76% a Gerbido. A Genova fermo il 40% del trasporto urbano e extraurbano. A Trieste adesioni al 50%, così come a Gorizia, dove per l’extraurbano si è registrata un’adesione del 70%. A Bologna il trasporto locale su gomma ha raccolto il 75% di adesioni, mentre in regione è stato soppresso l’80% dei treni regionali. A Ferrara fermo il 60% del trasporto urbano e il 50% dell’extraurbano. Percentuale altissima a Modena, 95%, mentre a Forlì si scende al 55% e Rimini si ferma al 30%.

In Toscana nel pomeriggio fermi l’80% dei mezzi a Livorno e il 75% a Pisa.

A Napoli chiuse Circumvesuviana e Cumana, mentre alla Funicolare centrale ha funzionato solo la diretta. Rientrati nei depositi oltre il 50% dei bus. A Palermo adesioni al 33%.

Completamente fermo il collegamento ferroviario Trenord, che gestisce il Malpensa Express. Nelle ferrovie calabresi gli impianti di Cosenza e Castrovillari fanno segnare un 35% di adesioni, mentre quelli di Gioia Tauro e Petilia Policastro il 30%.

Nel settore aereo cancellati tutti i voli dagli aeroporti di Pisa e Firenze, tranne quelli previsti dalla legge. I due scali sono da tempo in lotta contro l’esternalizzazione dei processi. Cancellazioni e ritardi per i voli Alitalia negli aeroporti di Milano, Genova, Bologna e Lamezia.

http://confederazione.usb.it/index.php?id=20&tx_ttnews[tt_news]=98740&cHash=28decfef6b&MP=63-552

Anonimo ha detto...

Io vissuto queste cafonissime esperienze a Ciampino un sacco di volte. Ho mandata email a tutte le società che operano dall'aeroporto, implorandoli di mettere delle tabelle ad ogni corsia per identificare i bus e facilatare la vita ai turisti appena arrivati. NESSUNO mi ha risposto. Poi, ho anche mandato la stess email al comune, zero risultato.
Dico sempre che per cambiare, per migliorare le cose, dovremmo OBBLIGARE ai carissimi nostri politici ed amministratori di usare i mezzi pubblici come fanno tutto il mondo, e vedrete che forse qualcosa cambierà.

Anonimo ha detto...

QUESTA LETTERA DOVREBBE ESSERE RISPEDITA AL COMUNE E ALLE COMPOGNIE DEI BUS!!

Anonimo ha detto...


In effetti questo post ha un nonsoché di posticcio ... peccato. Bene farebbero gli autori a chiarire, ne va della reputazione di RFS.

A Roma, si sa, stanno bene solo i ricchi, come accade nelle capitali e grandi città mediterranee e nordafricane con cui Roma si confronta.

Non ha senso confrontare Roma con Londr o Parigi, occorre invece confrontarla con Algeri, Tunisi, Atene, Il Cairo, Istanbul, Damasco ...

ale ha detto...

Questo "racconto" è scritto da me, a seguito della mia diretta esperienza. Di certo non sono il proprietario di questo blog!

ale ha detto...

Non capisco perché prendere un autobus sia da "morti di fame"

ale ha detto...

Sono stato sfortunato, che le devo dire. Provi lei a ricavare un'informazione utile da questo sito, sul cellulare e appena sceso da un aereo:

http://www.adr.it/pax-cia-autobus

ale ha detto...

Ovviamente prendere il bus è da pezzetti.

Per la cronaca, congresso e viaggio li ho pagati di tasca mia.

Anonimo ha detto...

Fortuna che hai una spesa procapite enormemente maggiore ... Hai preso il bus e aspettato due ore invece del taxi
. Ricco proprio sei. Inoltre non sei romano, a Roma ci sei stato quando ti faceva comodo venendo dal sud...ora che invece stai a Londra schifi la città dove eri fino a poco fa. Sei un poveraccio. Anche a Londra.

ale ha detto...

Frutto della mia personalissima esperienza. Non ho fatto alcun confronto con il Regno Unito, comunque.

Anonimo ha detto...

Allora dove sarebbe la sua spesa procapite ENORMEMENTE maggiore mi scusi?

Peter ha detto...

ma vai a cagare? ma dove vivi tu? difendi l'indifendibile... ma vergognati.

Anonimo ha detto...

bellissima lettera. manca solo il passaggio sul cordolo di termini e sui PUP. poi la puoi firmare col tuo vero nome.

Anonimo ha detto...

Diciamo la verità, andare a Roma dall'aeroporto di Ciampino non è così facile. Sul sito le indicazioni sono poco chiare e sul posto lo sono ancora meno.
Sono di Roma (Monteverde) e di solito o prendo il taxi, e la sera spesso non se ne trovano, oppure lascio la macchina in un parcheggio nei pressi e mi portano e riprendono al ritorno con un pulmino.
Non è il massimo, però meglio di niente visto che con i mezzi pubblici non ti passa più. Non tutti hanno voglia di metterci molto più di un'ora ad arrivare a destinazione.
Anche io partecipo a convegni in giro per l'Europa e vi posso dire che pur essendo del tutto spesato, di solito prendo il treno, perché è la soluzione più comoda per arrivare in centro e poi magari prendere una metro, senza rimanere imbottigliato nel traffico su un taxi.
Insomma, Roma guai a chi me la tocca, ma i collegamenti con l'aeroporto di Ciampino obiettivamente non sono di livello europeo.
Saluti

Anonimo ha detto...

Inutile Caro Ale, come Vedi a Tanta gente senza offesa, la verità brucia scotta. Hanno trovato ogni scusa, ogni parolina ogni mezza giustificazione per screditare quello che hai scritto. Ed allora è giusto è doveroso che chi è causa del proprio male affoghi nello stesso. Lascia pure che chi abita Roma ed ha screditato la tua lettera affoghi pure nel luridume di questa città. Purtroppo dopo gli antichi romani i nuovi, molti, sono degli ignavi. Pronti a far del mal comune il miglior gaudio per se stessi. Caro Ale, spero proprio scelgano altre mete per i prossimi congressi. Così Roma la prossima volta la vivrai, la vivremo come turisti, magari scansando il luridume di cui gli stessi romani, non tutti naturale, son causa. Ed io lo dico sempre...fossi Nerone...

Anonimo ha detto...

Ps poi il cattivo vizio di guardare sempre la pagliuzza nell'occhio degli altri e mai dico mai la trave che trafigge Roma. Ma quando la smetterete?

ale ha detto...

Forse non ha capito la semantica. "Spesa pro capite" non vuol dire che chi frequenta un congresso è più ricco (un'assurdità). Vuol dire che un congressista che visita una città per lavoro spende "pro capite" più di una persona che visita la stessa città per turismo. Infatti, chi viaggia per lavoro il più delle volte viaggia da solo; quindi le spese (albergo, trasporti) sono maggiori. Ne consegue che la spesa "pro capite" è maggiore.

Anonimo ha detto...

Pare di capire che il servizio di trasporto gestito dai mitici privati oltre che costoso non sia affatto migliore di quello pubblico, nemmeno in una situazione di concorrenza tra ben 5 diverse aziende che, anzi, provoca solo confusione e maggiori disagi. Eppure c'è chi fa il tifo per sostituire ATAC con roba del genere...

Anonimo ha detto...

Caro Alessandro
E che vieni a Roma per prendere i mezzi pubblici?
Da congrssessista addirittura!!!!!
Non hai soldi per un fly&drive
Guarda che il navigatore satellitare lo trovi pure sulle 500!!
I mezzi pubblici NON sono qui concepiti per turisti e/o congressisti,ma per gli sfigati!!!!!!!!!!
Roma NON è Europa /Europa NON è Roma!
E che ti sogni di andare a Miami e poi prendi i mezzi pubblici!!!!
Provaci.
Rimpiangerai Roma
Che poi con il Fly&Drive NON paghi neanche le multe per divieto di sosta.
Una pacchia!!!!!
Alessandro evolviti!!!!!!!!!!!!

Theresa williams ha detto...

Ciao, sono Theresa Williams. Dopo anni di collaborazione con Anderson, lui si è rotto con me, ho fatto tutto il possibile per riportarlo indietro, ma tutto era inutile, lo volevo tornare così a causa dell'amore che ho per lui, Gli ho pregato con tutto, ho fatto delle promesse ma lui ha rifiutato. Ho spiegato il mio problema al mio amico e lei mi ha suggerito che dovrei piuttosto contattare un incantesimo che potrebbe aiutarmi a lanciare un incantesimo per riportarlo indietro, ma sono il tipo che non credo mai in magia, non avevo altra scelta che provarlo. inviò il cinguettino e mi disse che non c'era nessun problema che tutto andrà bene prima di tre giorni, che il mio ex tornerà da me prima di tre giorni, lancia l'incantesimo e, sorprendentemente, nel secondo giorno, era alle 16.00. Il mio ex mi ha chiamato, sono stato così sorpreso, ho risposto alla chiamata e tutto quello che ha detto è che lui era così dispiaciuto per tutto quello che è accaduto che voleva che io torni a lui, che mi ama tanto. Sono stato così felice e sono andato a lui che è stato come abbiamo iniziato a vivere insieme felicemente felicemente. Da allora, ho promesso che chiunque conosco che abbia un problema di relazione, sarei d'aiuto a tale persona, facendo riferimento a lui o lei all'unico vero e potente cronometro che mi ha aiutato con il mio problema. email: drogunduspellcaster@gmail.com potrai inviarlo via email se hai bisogno della sua assistenza nel tuo rapporto o in qualsiasi altro caso.

1) Incantesimi d'amore
2) Incantesimi Lost Love
3) Divorzio Incantesimi
4) Incantesimi di matrimonio
5) Incantesimo legante.
6) Incantesimi di rottura
7) Sfilare un Amore passato
8.) Vuoi essere promosso nel tuo ufficio / Lotteria incantesimo
9) vogliono soddisfare il tuo amante
Contattare questo grande uomo se hai problemi per una soluzione duratura
tramite drogunduspellcaster@gmail.com

Anonimo ha detto...

Enormemente l ha scritto lei. Enormemente
.

Anonimo ha detto...

Con euro 1,50 da Ciampino col 720 arrivi a Laurentina..bello..
Ad Anagnina?? A no la si tocca il portafoglio di qualcuno...

Anonimo ha detto...

Arrivo a New York, non esiste nemmeno un sito coi prezzi di taxi o autobus, prendo il taxi senza farla tanto lunga, il tassista mi imbroglia comme il faut, giro per la città in autobus senza chiedere i prezzi prima, gli alberghi fanno finta di essere tutti pieni se non hai prenotato dall'Italia, trovo ricovero in un residence grazie all'intercessione di due armeni, riprendo il taxi per ripartire, è un abusivo comme il faut, vorrei sapere chi è che all'estero veramente si informa sui prezzi del biglietto on line prima di prendere un autobus.

Anonimo ha detto...

Mentalità da romano medio poi vanno all'estero e vedono che la normalità é usare i mezzi

Anonimo ha detto...

Chissà a quale oltremondo vi riferite quando sparate la parola estero. All'estero usano la macchina come qua, con la differenza che hanno una situazione demografica equilibrata, e non in continuo incremento come da noi.
Sovrappopolazione equivale necessariamente a favelas.

Anonimo ha detto...

Oggi ho preso il 341 da Fidene a Vigne Nuove. Verso Porta di Roma salgono ragazzi e ragazze che sembravano barbari del Medioevo: passavano da un ostegno all'altro tipo scimmioni, bestemmiando ed urlando a tutto spiano. Ad un certo punto chiudono un vetro sbattendolo con violenza. Non ci ho visto più: mi sono messo ad urlare a mia volta che avevano rotto i coglioni, dicendo all'autista di intervenire. Questo, per tutta risposta, invece di darmi ragione ed incazzarsi con loro, che fa? Mi dice con veemenza: "...e chiama i Carabinieri, che voi da me?". Beh, non ho potuto fare a meno di dirgli, scendendo: "..fanno bene quando vi menano". Capito che roba? Qua è l'onesto ed il corretto che viene redarguito.
Questa è Roma, signori.

Anonimo ha detto...

Ma perchè non mettono un autobus Atac che colleghi l'aeroporto di Ciampino ad Anagnina (capolinea metro A), che è molto più vicina di Laurentina e la metro funziona pure meglio?

Il sospetto è che non vogliano rovinare gli affari di 5 aziende private che gestiscono (malamente) i collegamenti con Roma centro.

Qualcuno mi sa dire qual è la motivazione ufficiale?

Stefano ha detto...

Qualche anno fa c'era un bel pullman Cotral che portava da ciampino ad anagnina (e vicevrsa ) con il prezzo di un biglietto urbano, sicuramente l' avranno tolto...

ShareThis