Dove sta il bar che ha aggredito Striscia La Notizia? Ecco dove

4 ottobre 2018

Avete presente il clamoroso video realizzato da Striscia La Notizia su un bar romano che applicava tariffe "speciali" per i turisti orgoglioso di farlo al grido di "so romano e faccio come mi pare"? Chiaramente la trasmissione di Canale 5 non ha menzionato nome e indirizzo dell'esercente, noi però siamo convinti che sia opportuno farlo anche per mettere in guardia più consumatori possibile e per identificare quanto più un esempio negativo per tutti gli altri esercenti: ecco come non comportarsi.

In realtà la cosa ha un profilo esilarante e comico anche. Lo si evince andandosi a leggere le recensioni di questo bar che tra l'altro ha anche provato la sorte cambiando profilo. Prima era qui, quando si chiamava Illy Cafe, e poi invece qui. Sempre a quanto pare sotto l'improbabile insegna "Bar Amore". Regalatevi dieci minuti di puro divertimento e mettetevi alla lettura.


Ci tenevamo a dire che il posto sta a Via Cavour 252, ma soprattutto ad invitarvi alla lettura delle recensioni su TripAdvisor, davvero da non perdere. Pura letteratura. Del genere letterario del grottesco fanno parte invece non solo le reazioni dei titolari alla troupe di Striscia, ma il fatto che una città dimostri di non avere gli strumenti per evitare danni di immagine incredibili come questo. Un autentico bacillo malvagio che contamina ogni giorno centinaia e centinaia di turisti facendo crollare il percepito diffuso su Roma. Ma voi avete sentito qualche dichiarazione dell'assessore al commercio dopo la messa in onda del servizio? (A proposito, com'è che si chiama l'assessore al commercio?)

49 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Purtroppo non è l'unico bar a roma che si comporta in questo modo. Mi è capitato personalmente di assistere ad una truffa simile sempre verso alcuni turisti che hanno consumato un cappuccino e un cornetto al bancone ma al momento del conto alla cassa, la titolare gli ha fatto vedere i prezzi presenti sul menu del servizio al tavolo. Il bar è poco più avanti di quello del servizio, sempre in via cavour andando verso il colosseo.
Altro bar su via nazionale. E' vergognoso che non vengano presi dei provvedimenti adeguati.
Ho avuto più volte il desiderio di scrivere una sorta di "lonely planet" per mettere in guardia gli stranieri da tutte queste forme di truffa.
Nelle mie esperienze all'estero mai mi sono trovato a dovermi difendere da certe situazioni.

Anonimo ha detto...

http://www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/giorno-per-giorno/denuncia/denuncia

Anonimo ha detto...

Ma non dovrebbero esporre i prezzi in bacheca ed anche in bella vista per legge?? Dove sta la finanza, se in bacheca c'è scritto cappuccino 2 euro, non ti puoi inventare nulla io turista ti indico la bacheca.

Anonimo ha detto...

Mi dispiace, ma io non condanno affatto i truffatori del bar in questione. Lo sa anche il mio gatto che in qualsiasi località turistica del mondo bisogna fare attenzione e controllare che i prezzi, obbligo o non obbligo, siano esposti; se non lo fai vuol dire che te ne infischi, entri in un locale perché ti piace o perché ti fa comodo e puoi permetterti di pagare quel che ti sarà addebitato. Ho girato tutta l'Italia e un po' di mondo seguendo questa regoletta elementare e mai e poi mai mi sono ritrovato con un conto a sorpresa. Ammetto che un canchero dalle parti di Sabaudia mi ha stangato ma lo sapevo già dall'inizio, proprio perché non aveva né il menu esposto, né lo consegnava ai tavoli e, in quell'occasione, mi interessava esclusivamente pranzare in riva al mare; sarebbe stato sufficiente un minimo di qualità nel cibo e anche il salasso sarebbe stato sopportabile. In regime di libero mercato, secondo me, ogni gestore di bar, trattoria o ristorante è libero di comportarsi come crede, anche di bastonare a sangue il portafogli degli sprovveduti. A Roma è pieno di locali economici o costosi comunque trasparenti grazie ai prezzi esposti.

Anonimo ha detto...

ottobre 04, 2018 6:31 PM

" In regime di libero mercato, secondo me, ogni gestore di bar, trattoria o ristorante è libero di comportarsi come crede, anche di bastonare a sangue il portafogli degli sprovveduti"
Opinione sanguinosa. Ma per fortuna pur sempre opinione. Come la mia, del resto.
Cordialità

Anonimo ha detto...

Tutti devono comunque attenersi a delle leggi, nessun è super partes. Se poi espone i prezzi e c'è scritto che il caffè costa 5 euro allora può fare quel che vuole.

Anonimo ha detto...

Quindi secondo questo ragionamento se uno ruba non va condannato, è colpa di chi si lascia rubare. Roba da matti, cortocircuiti socio-culturali totali. In poche parole Roma.

Anonimo ha detto...

Spero che la finanza faccia chiudere questo posto demmerda

Anonimo ha detto...

WELCOME TO INCULOPOLI!!!

Anonimo ha detto...

@7:35 Se il derubato ha lasciato una banconota da 50 euro su una panchina e si è distratto per dare da mangiare ale papere, allora sì; sarà sempre furto, tecnicamente, ma il cretino è quello che non è stato attento ai suoi soldi. Ugualeuguale quando entri in un bar che non ha i prezzi esposti. Il coglione sei tu. Se ti fidi di chiunque, confidando nella legge, il cortocircuito socio-cultural-mentale è solo tuo.

Anonimo ha detto...

i balordi che giustificano tali truffe e cialtronerie sono peggio dei truffatori stessi. Incredibile, siamo in balordilandia. Se ti fregano la colpa è tua

Anonimo ha detto...

Il fatto è che in una città turistica come Roma un qualsiasi cialtrone può improvvisare lavorando con il turismo e fregando i turisti, tanto i controlli non ci sono o quasi. D'altronde c'è anche da dire che il fregare l'altro, sia esso turista o meno, rientra un po' nella mentalità tipica del romano medio, quindi non c'è molto da stupirsi per quanto accaduto nel bar in questione. Quello che a mio parere dovrebbero fare le istituzioni è stilare un documento da consegnare a tutti i turisti che arrivano nella Capitale, e nel quale elencare per punti le possibili truffe o pericoli ai quali si è soggetti (conti gonfiati in bar e ristoranti, corse di taxi aumentate di prezzo, taxisti abusivi, borseggiatori in bus e metro e via dicendo), istituendo poi un numero di riferimento con operatori multilingue ai quali i turisti possono segnalare le situazioni irregolari.

Anonimo ha detto...

Ormai questi sono i locali tipici di Roma, altro che trattorie e osterie! Questi posti incarnano perfettamente lo spirito della città di oggi, 2018... sigh... Bisogna fare qualcosa, invertire la tendenza, più rispetto, più rispetto delle regole, ma soprattutto più educazione e istruzione, campagne pubblicitarie per educare al senso civico, bisogna investirci tanto

Anonimo ha detto...

Ma benedetti ragazzi, tutte le possibili truffe, i raggiri, le zone dove è più facile essere vittime di borseggio ecc. ecc. erano già noti 40 anni fa e riportati su tutte le guide, cme per qualsiasi altra località turistica del pianeta. Ebbene sì, se sei vittima dei classici della truffa è solo colpa tua, come è colpa tua se in Marocco ti bidonano quando compri hashish, se in Olanda ti becchi una malattia andando a prostitute o se in Brasile ti scippano la collanina. Non è legale, ma succede e lo sanno tutti. Se non sai andare in giro stai a casa o viaggi coi gruppi organizzati (che poi ti truffano lo stesso se sei scemo).

Anonimo ha detto...

Bhoo invece di essere indignati per quello che succede e dire si questo é sbagliato ce gente che dice ma ragazzi ovunque ci fregano dovete stare attenti,tra poco qualcuno dirà ma sei fai vedere che sei ricco é ovvio che poi ti rubano l'orologio la colpa é tua che lo fai vedere.
Tutti che truffano é la regola a Roma a Milano e soprattutto a Napoli il regno dei sola però in giro per il mondo se segnali un caso del genere i controlli li fanno e nel caso si fa anche chiudere il locale.

Anonimo ha detto...

Ma siamo matti?
Si può giustificare un reato con la motivazione "non è legale ma succede?"
Questo è l'atteggiamento cialtronesco e truffaldino che distrugge Roma

Anonimo ha detto...

Guardate che rubare è vietato e non si dovrebbe fare, ma se lasciate la macchina o la casa aperta persino l'assicurazione sul furto che magari avete profumatamente pagato vi risponde "non sei stato attento, arrangiati".

Unknown ha detto...

Ma cosa scrivi...?? Ci sono leggi ben precise...ma quale bastonate a sangue... Macché scrivi..!!!??

Unknown ha detto...

Ben detto!!

Unknown ha detto...

Ben detto!!

Unknown ha detto...

Ma cosa scrivi...?? Ci sono leggi ben precise...ma quale bastonate a sangue... Macché scrivi..!!!??

paolo ha detto...

uno dei bar di piazza santi apostoli aveva un codice: quando ordinavano gli stranieri le ordinazioni venivano comunicate alla cassa dai camerieri come "caffetteria", e così scattava il sovrapprezzo. Probabilmente fanno ancora così, tanto chi controlla?

Anonimo ha detto...

ottobre 04, 2018 10:03 PM

A parte che 50 euro e auto/casa aperta sono cose ben diverse (furto) da prezzi diversi o omessi (una sorta di truffa), a parte che non mi sentirei nemmeno di giustificare quei casi - e di sicuro non ruberei in una casa aperta - , a parte tutto dicevo, è proprio questa mentalità diffusa in tutto il paese, non solo a Roma, che ci sta condannando a una esistenza che semmai si può riscattare nel privato, ma che come dimensione civile è di una aridità, cattiveria e persino violenza che è ogni giorno più evidente.
Tristezza.
Data anche dal fatto che chi la pensa così pensa di saper stare al mondo per cui gli altri sono fessi (per non dire altro).
Cordialità

Anonimo ha detto...

Nulla meglio di alcuni commenti riportati in questo blog può rappresentare meglio i romani e la romanità. Non simpatici guasconi ma menefreghisti, cinici (ma con cattiveria) e sostanzialmente in preda ad una sciatteria intellettuale da far paura.

Chiedere al barista o a questa gente di comportarsi con civismo e senso del bene pubblico è solo tempo perso.
E purtroppo ora ne sono convinto, la maggioranza sono loro.

Anonimo ha detto...

ottimo

Robina Bart ha detto...

You did really good work. I really appreciate your new and different post. Please guys keep it up and share with us some unique post in the future
Menmyshop
Touch Hypersonic Double Din Player Mirror
J3L Touch Double Din Player
Hypersonic Double Din Player Mirror
J3L Double Din Player Mirror
Hyundai Xcent OEM Double Din Player
banzara

Armando D'Asdia ha detto...

Speriamo falliscano, gente così dovrebbe stare in galera.

Anonimo ha detto...

Mandarci la Guardia di Finanza e chiudere e ritirare la licenza. Bastonarne uno per educarne 100.

Anonimo ha detto...

il turismo di massa è la merda del mondo moderno, magari bastasse così poco per debellarlo da roma.
comunque + 1 per i baristi.

Anonimo ha detto...

un'altra vergogna per Roma. Zero senso civico e zero controllo, ingredienti perfetti per il declino

Roma fa schifissimo ha detto...

cristo santo , i romani devono essere eliminati fisicamente dalla faccia della terra , siete la merda dell'Italia, cafoni, incivili, ignoranti, imbruttiti fate schifo.

Anonimo ha detto...

Che schifo, che vergogna truffare così chi ti porta i soldi e ti fa campare, un posto orrendo da chiudere IMMEDIATAMENTE

Anonimo ha detto...

Poi non cagate il cazzo quando fallirete e vedrete lo stesso bar gestito da cinesi che funziona alla grande.

Anonimo ha detto...

Basta dire PRIMA di servirlo quanto costa un caffé e non DOPO! È lì la truffa.
Per il resto hai ragione tu: da domani tutti con il cinturone con le due Colt e vinca (viva) chi spara per primo!!!
Mi chiedo solo quanto tu sia veloce a sparare, sai, potresti essere fra i primi a cadere!

Anonimo ha detto...

Fammi capire: ogni volta che entri in un bar tu chiedi il preventivo di un caffè, un cornetto alla crema e un bicchiere d'acqua minerale frizzante?
Ma dai! Smettiamola di dire 'ste stronzate.

Anonimo ha detto...

Ma non sarà per questo atteggiamento da delinquentello cialtrone che Roma ha una percentuale bassissima di turisti che ritornano?

Anonimo ha detto...

Spero tu non abbia ragione

Anonimo ha detto...

Ma che due cojoni! Adesso uno che viene da Tokio per un caffè e un tramezzino fa un'indagine di mercato fra i 5 bar nel raggio di 550 metri e poi fa pure la spunta dello scontrino fiscale (se glielo fanno).
Ma in giro per l'Europa gente come il simpatico barista (barista?) verrebbe asfaltato.

Anonimo ha detto...

Non è che devi fare l'indagine di mercato, basta che guardi il listino, se visibile, altrimenti cambi locale. Se non fai così è ovvio che, molto probabilmente, ti trufferanno, ma sei tu che decidi dove consumare, non trascinano dentro. E le inculate le prendi in tutto il mondo, se non stai attento.

Anonimo ha detto...

Ah, via Cavour, quella dove i pedoni vengono asfaltati in allegria! Perchè il bus ha pagato profumatamente il permesso di entrata e quindi tutto è lecito.

Hank Steve ha detto...

Patrachar Vidyalaya Admission Form
Patrachar Vidyalaya Shalimar Bagh
Open School admission
Cbse Patrachar

Miriam Lavoretano ha detto...

.



Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni: 

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti



.

Miriam Lavoretano ha detto...

.



Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni: 

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti



.

Anonimo ha detto...

Quella è piazza Cavour, rione Prati... Annamo bene...

Anonimo ha detto...

Allora anche all inizio di via del corso da p.zza del popolo , la prima pizza a taglio sulla dx, nn ha nemmeno i prezzi e la bilancia. tu prendi un pezzo e lui decide il prezzo.
allucinante.

Anonimo ha detto...

Applicare prezzi più alti agli stranieri è un reato di discriminazione e come tale passibile di denuncia penale.

jeje ha detto...

asics shoes
coach outlet
kate spade
kate spade handbags
ugg outlet clearance
champion sportswear
christian louboutin shoes
coach outlet
stussy
pandora outlet

Tortora Giuseppe ha detto...

Salve,
Stai cercando un prestito? Offriamo prestiti a tassi di interesse molto bassi di
3%. Diamo prestiti per tutti i paesi del mondo. Di seguito sono riportati i tipi di prestiti che offriamo.
* Prestito personale
* Prestito aziendale
* la garanzia del prestito
* prestiti non garantiti
* prestito commerciale
* Prestito per studenti
* mutuo ipotecario
* Prestito di consolidamento
* Il prestito di occupazione
* Per pagare i debiti del prestito
* Prestito di investimento
Nota: se sei molto interessato ai nostri servizi e imponi un prestito, ti preghiamo di contattarci: .... tortoragiuseppe54@gmail.com

Whatsapp +39 3891124366

Anonimo ha detto...

Un altro esempio di menefreghissmo.
Macchine in doppio fila o sulle striche, nessuno dice niente.
Uso mezzi pubblico senza biglietto, nessuno dice niente.
Lasciare le spazzature ovunque, nessuno dice niente.
Turisti fregato con i prezzi, nessuno dice niente.
Nessuno dice nulla finchè colpisce loro.

Non esiste un senso civico a Roma. La responsibilità per questo degrado? I Romani.

ShareThis