Piani di zona e caos affrancazione. La grande truffa spiegata bene

11 febbraio 2020
Con la legge 167 del 1962 lo Stato ha inteso facilitare l’acquisizione di aree da destinare all’edilizia economica popolare. Questa legge è divenuta efficace con la legge 865 del 1971, con cui lo Stato regolamentò il reperimento di terreni (espropriati) su cui costruire i summenzionati edifici: partivano quindi i PEEP, Piani per l’Edilizia Economica Popolare.
Per impedire speculazioni la legge previde (e prevede ancora) la stipula di convenzioni tra Comune e costruttori o cooperative, in base alle quali gli edifici così realizzati possono essere venduti ad un certo prezzo massimo, calcolato in base a criteri stabiliti dalle convenzioni stesse, facendo riferimento a tabelle che lo stesso costruttore o la cooperativa avrebbero dovuto preparare e farsi approvare dal Comune.

Già in fase di prima assegnazione alcuni comuni (tra cui quello di Roma) non hanno correttamente vigilato sull’osservanza di quanto stabilito da leggi e convenzioni, per cui già la maggior parte degli assegnatari originali ha pagato la sua casa sensibilmente di più di quanto riportato sulle convenzioni. Le stesse tabelle dei Prezzi Massimi, le quali sarebbero dovute essere allegate agli atti di prima cessione, spesso non venivano allegate per far sì che l’acquirente non si “accorgesse” della differenza tra il prezzo di vendita e quello cui l’immobile andava venduto, perpetrando quella che a tutti gli effetti può essere considerata una truffa. Allo stesso modo, per le rivendite successive, è prevalsa l’abitudine di rilasciare “nulla osta” ai fini della vendita. In particolare, sia il Comune di Roma che molti notai, considerarono i vincoli di alienazione decaduti dopo 5 anni dalla scadenza quinquennale fissata dalla convenzione, che fissava tale scadenza solo e soltanto come termine a partire dal quale l’assegnatario originale poteva alienare l’immobile, ma sempre rispettando i vincoli previsti dalla convenzione. Vincoli che venivano minimizzati dai costruttori dicendo che dopo i cinque anni si poteva vendere come un appartamento “normale” con il solo vincolo dei 99 anni rinnovabile per altri 99 anni (senza dire che bisognava pagare e che il Comune non aveva l’obbligo del rinnovo).
Tutto ciò in palese contrasto sia del mero significato letterale della norma, sia dell’intenzione perseguita dal legislatore. Se infatti la “ratio legis”  era  quella di consentire l’acquisto di una casa a chi non si poteva permettere i prezzi di mercato, com’è possibile che fosse consentito venderla a prezzo di mercato dopo soli cinque anni dall’assegnazione? 

La risposta è semplice: non si poteva vendere a prezzo di mercato, e ciò è stato confermato più volte sia da sentenze del tribunale ordinario che della cassazione. Ultima, e definitiva fino ad ora, la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite n. 18135 del 16 settembre 2015 (Immobili in regime di edilizia agevolata – prezzo massimo di cessione – estensione ai subacquirenti), che sancisce che i vincoli di vendita seguono l’immobile per durata “indefinita”, a prescindere da eventuali seconde terze quarte alienazioni, a meno che non sia stata stipulata una convenzione ad hoc tra privato cittadino e comune.
Inutile dire che tale sentenza ha creato una situazione di caos, in quanto è stata bloccata totalmente la compravendita degli immobili qui trattati (fino a quel momento alienabili con un semplice nulla osta rilasciato dal Comune, o ad un certo punto pare addirittura senza di esso ma in base a semplice prassi confermata dai consigli notarili), anche a causa della mancanza di molte delle tabelle dei prezzi massimi presso gli uffici comunali capitolini, che per legge invece sarebbero dovute trovarsi lì. Senza contare la situazione di migliaia di secondi, terzi, quarti acquirenti i quali, ignari di quanto su detto, si sono ritrovati proprietari di immobili con un prezzo massimo di cessione inferiore anche centinaia di migliaia di euro rispetto al corrispettivo da loro versato ai venditori, con conseguente intasamento dei tribunali civili di cause per rivalsa.

LA SITUAZIONE A ROMA 

Mentre molti comuni (se già non lo avevano fatto) hanno predisposto procedure di trasformazione del diritto di superficie in diritto a di proprietà, chiedendo ai proprietari degli immobili cifre ragionevoli e spesso incentivando tale pratica, a Maggio 2016 il commissario del Comune di Roma Tronca ha dato mandato ai tecnici comunali di finalizzare la procedura di affrancazione, già predisposta con la delibera 33/2015, richiedendo il pagamento di una cifra calcolata dal comune stesso secondo criteri che dovrebbero soddisfare alcune leggi (delibera 40/2016). Peccato che il pagamento richiesto dal comune sia stato calcolato con un metodo discutibilissimo, fatto apposta per far lievitare l’importo dell’affrancazione a cifre assurde (anche svariate decine di migliaia di euro)! 
Tale “obolo” viene richiesto a tutti gli attuali proprietari, ossia anche a persone che sono seconde o terze proprietarie e che negli ultimi 20 anni almeno hanno pagato la loro casa non solo come se fosse già affrancata, ma come se fosse in piena proprietà e non in diritto di superficie. 
Invero, già nel 2003 il comune diede possibilità a 14 dei circa 50 piani di zona di trasformare il diritto di superficie in piena proprietà (ex art. 8, L.10/77 detta Bucalossi), secondo la convenzione ad hoc prevista dall’art. 31 della legge 23 dicembre 1998, n. 448. Convenzione che, tra l’altro, prevede che passati 20 anni dalla convenzione originale i vincoli del prezzo di vendita e tutti gli altri decadono. E qui ci troviamo di fronte ad una delle più grandi ingiustizie della suddetta delibera: anche coloro che hanno la possibilità di trasformare o hanno trasformato, a partire dalla delibera 40/2016 per poter vendere il proprio immobile a prezzo di libero mercato sono tenuti a pagare anche la suddetta “affrancazione”. Questo a prescindere dalla data della convenzione originaria, in palese contrasto con la citata L.448/1998, la quale (in combinato disposto con le delibere capitoline precedenti alla 40/2016) invece stabilisce - come su detto - che passati 20 anni dalla convenzione originaria, se si procede all’acquisizione della piena proprietà, i vincoli del prezzo di vendita e tutti gli altri decadono.

Ma non è tutto qui: la lavorazione di tali pratiche di affrancazione (anche quando “urgentate” per compravendite o divisioni di eredità) è caratterizzata da tempi biblici, imprecisioni burocratiche (in più di un caso le raccomandate con i conteggi non sono pervenute ai richiedenti) e, soprattutto, incertezze di fondo. Il Comune, infatti, non si limita a richiedere al privato cittadino una somma ingente - da pagare, beninteso, per intero entro 60 giorni dal ricevimento della raccomandata, pena la decadenza della domanda! - , ma precisa che tale importo è “a titolo di acconto, salvo conguaglio”. Conguaglio che potrebbe essere richiesto al cittadino in qualsiasi momento, e potrebbe tradursi presumibilmente in ulteriori somme da pagare. Conguaglio che non sempre è dovuto, in quanto l’originaria Delibera 33/2015 del Commissario Straordinario Tronca, prevedeva che la clausola (art. 3 dello schema di atto di Affrancazione) fosse applicabile SOLO ai casi in cui non fosse stato ancora determinato il corrispettivo di esproprio delle aree. Invece, i funzionari del Comune delegati alla firma dell’atto davanti al notaio, si rifiutano di firmare, commettendo, probabilmente un abuso di potere, se tale articolo non viene inserito anche nei casi in cui il corrispettivo di esproprio sia già noto e, quindi, non ci sarebbe alcun potenziale conguaglio. Questa clausola è estremamente vincolante poiché deve essere riportata in tutti gli atti di compravendita successivi senza alcun limite di tempo, rendendo così l’Affrancazione del tutto inutile se non addirittura dannosa dato che riduce ancora di più il valore dell’immobile inserendo un ulteriore vincolo che, di fatto, per gli immobili con corrispettivo di esproprio delle aree già definito, secondo la Delibera vigente non esisterebbe.
Ma a questo punto ci si chiede: se si è disposti a seguire il suddetto iter dell’affrancazione, alla fine si è risolto veramente il problema di questi immobili? No, non del tutto. Tale pratica è infatti distinta rispetto alla suddetta pratica di “trasformazione” (sempre possibile solo ed esclusivamente in 14 dei piani di zona di Roma), per cui affrancando non si diventa pieni proprietari dell’immobile, ma si rimane in proprietà superficiaria fino a scadenza della convenzione (prevista in 99 anni, rinnovabili per altri 99 a facoltà del Comune e a condizioni quanto mai non chiare). Per il poi, nessuna certezza anche qui, a meno che il privato cittadino non si sobbarchi l’onere di pagare due volte… sempre se il comune glielo permette, dato che le pratiche di trasformazione possono essere presentate - con successo - solo in 14 dei piani di zona capitolini, e per giunta non vengono lavorate da anni!

L’attuale amministrazione Raggi, nella totale ignoranza e noncuranza rispetto a tale vicenda, si è limitata a riconfermare quanto stabilito dal commissario Tronca, anche tramite delibere comunali, le quali continuano a considerare i vincoli convenzionali “perpetui”, non solo male interpretando la stessa sentenza (che parla invero di vincolo a durata “indefinita”, non infinita, concetto ben diverso!) ma introducendo un concetto, quello di “vincolo perpetuo”, non esistente nel diritto italiano.

Con la delibera 116/2018, per giunta, la stessa amministrazione ha incasinato ulteriormente le cose, aumentando i corrispettivi di trasformazione (fino, a volte a triplicarli), tramite un generalizzato aumento dei valori venali artificioso, al fine di far sì che gli importi dell'affrancazione (che per delibera dovrebbero ridursi di anno in anno in rapporto alla durata del diritto di superficie, anche quando tale diritto non sussiste ma si è in piena proprietà!) in realtà non scendessero o scendessero di molto poco. Risultato: gli importi dell'affrancazione a volte sono aumentati, è diventato letteralmente impossibile trasformare non solo per i corrispettivi ora elevatissimi, ma perché possibile solo in 14 dei 130 PdZ romani, e per giunta anche le pratiche di quei 14 risultano tutte in istruttoria al Comune di Roma (talvolta è stato anche già pagato il corrispettivo).
Come se non bastasse, il comune chiede ora il versamento di un importo di euro 100 per ogni pratica, e ha disposto per i corrispettivi un importo minimo - sia per affrancazione che per trasformazione - di 2500 euro. Il tutto con il solo fine di FARE CASSA, ben diverso dal fine di restituire a tali immobili una funzione sociale ormai irrimediabilmente perduta.

Per finire, lo stesso governo sempre a 5 Stelle - pare su spinta dell'amministrazione capitolina - a fine 2018, tramite un emendamento alla Legge di Bilancio cd. "salva famiglie” - ha modificato l’originario art. 49bis della 448, dando a chiunque (anche se non più proprietario) la possibilità di affrancare l'immobile, al fine di chiudere i contenziosi tra venditori ed acquirenti e, letteralmente, salvare l’imperizia dei notai e la mancata vigilanza del comune. A questo punto ci si chiede dove sia finito il tentativo di ridare “funzione sociale” a tali immobili, se addirittura chi non vi ha più diritti sopra può “salvarsi” pagando qualche migliaio di euro, senza il rischio di incorrere in sanzioni e nella restituzione dell’indebito. Chiaro, ripeto, che lo scopo sia solo quello di fare cassa.

Ovviamente ciò senza risolvere il problema, che solo con la TRASFORMAZIONE da proprietà superficiaria a piena proprietà (calcolata sulla base di valori venali non vessatori, e comunque rispondenti alla legge che vorrebbe il corrispettivo di Trasformazione dal Diritto di Superficie al Diritto di Proprietà NON superiore al corrispettivo pagato per ottenere direttamente il Diritto di Proprietà senza prima passare dal Diritto di Superficie) potrà essere risolto. L’emendamento, comunque, attende ancora decreto attuativo del Ministero delle Infrastrutture, che non si sa quando e se uscirà. Le bozze circolanti nei mesi scorsi (alcune delle quali portavano il corrispettivo minimo di cui su a 5000 euro) sono comunque preoccupanti, e fanno temere il peggio, cioè che si voglia estendere la terrificante situazione del nostro Comune a tutta Italia. Qualcuno li fermi!

36 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Ma 'nfatti, nun se capisce un cazzo. Ce stanno a pijà per culo. Occupamo tuttoooooooooo!!!!!

Anonimo ha detto...

ma chiudi sto blog de merda su

alex ha detto...

Il peccato originale è di chi ha venduto a prezzo di mercato immobili in edilizia convenzionata, favorendo la speculazione edilizia che è uno dei cancri di questa città e di tutto il Paese. Per 55 anni hanno chiuso tutti un occhio come è costume in Italia, della serie "così fan tutti". Venditori, acquirenti, agenzie e perfino notai. Adesso finalmente è arrivato qualcuno che ha detto basta, scatenando il coro di piagnistei tanto simili a quelli dei terremotati che hanno costruito abusivamente su suolo ad alto rischio sismico. Chi è causa del suo mal pianga se stesso. Chi ha comprato a prezzi di mercato e non si è informato bene su cosa significasse edilizia convenzionata non ha scusanti. La legge non ammette ignoranza

Anonimo ha detto...

La funzione sociale di questi immobili non è mai esistita.
Se il Legislatore avesse voluto destinare questi immobili ai meno abbienti avrebbe fatto una Legge in cui gli immobili fossero costruiti con i soldi dei costruttori e li avrebbe vincolati ad affittarli per 99 anni a prezzo calmierato a famiglie a reddito verificato.
Invece gli immobili sono stati costruiti con i soldi dei cittadini e nell'edilizia convenzionata (non agevolata) il reddito non è addirittura neanche un requisito richiesto, quindi anche un miliardario avrebbe potuto comprare un immobile di quel tipo con le stesse identiche agevolazioni.
Senza la possibilità di rivendere liberamente questi immobili dopo 5 anni nessuno avrebbe mai comprato questi immobili a Roma e i 250.000 immobili costruiti non sarebbero mai esistiti.
La funzione sociale è un'invenzione per giustificare l'interpretazione retroattiva della sentenza 18135/2015,
da cui sono iniziati tutti i problemi dei piani di zona a Roma.

alex ha detto...

cit. Anonimo febbraio 12, 2020 2:00 PM:
"Senza la possibilità di rivendere liberamente questi immobili dopo 5 anni nessuno avrebbe mai comprato questi immobili a Roma" Eh no! Senza la possibilità di rivendere liberamente questi immobili dopo 5 anni, GLI SPECULATORI avrebbe mai comprato questi immobili! La funzione sociale dell'edilizia convenzionata era proprio quella di permettere alle famiglie meno abbienti (ma comunque troppo poco "povere" per poter accedere all'edilizia popolare - semplifico) di potersi permettere un tetto a prezzi calmierati. Stiamo parlando di prima casa, per una "classe media" di famiglie che non avrebbero accesso all'edilizia popolare perché "troppo ricche", ma non abbastanza da potesri permettere l'acquisto di una casa a prezzi di mercato, nelle cui teste il pensiero di venderla dopo cinque anni neanche dovrebbe balenare. Invece si è permesso di speculare su quanto era stato concepito per interessi non speculativi

Anonimo ha detto...

Rivalersi senza pietà sui venditori (paraculi che oggi tremano) e sui notai.

Dario ha detto...

Leggo più su sto Alex h che si fa grande portatore della legalità. Il primo a non conoscere la legge è stato il comune che rilasciava i nulla osta. Il comune non ha vigilato, non ha applicato correttamente la legge né fatto rispettare le convenzioni. E a pagare ora dovremmo essere noi? Stai fuori come una zucchina caro.

Guglielmo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Concordo.

Anonimo ha detto...

Ok, encomiabile parlare delle tremende manchevolezze delle amministrazioni del passato, che hanno snaturato la funzione sociale dell' edilizia convenzionata, magari anche solo per imparare dagli errori del passato. Indubbiamente è triste che speculatori e notai abbiano approfittato della tremenda ignoranza della cittadinanza. Tra gli anni 70 e 80 giravano un sacco di soldi, ma le persone erano veramente poco istruite e facilmente raggirabili. Ma queste sono tutte cose che sappiamo già. Tutelare i diritti dei secondi acquirenti è giusto, come lo è anche perseguire con tenacia e caparbietà tutte quelle figure, dagli imprenditori edili ai notai, fino ai funzionari del comune, che traggono vantaggio da tale meccanismi. Aspettiamo un nuovo articolo sul perché a Roma non si costruiscono più alloggi popolari, come stanno continuando a fare tante città europee. Saluti.

Anonimo ha detto...

La legge era così chiara che i notai non la applicavano e rogitavano, il comune di Roma rilasciava i nullaosta, e c'è voluta la sentenza della Cassazione a sezioni riunite per capirci qualcosa....fenomeni tutti...

fracatz ha detto...

è tutto un magna magna

Anonimo ha detto...

Se ne è parlato qualche giorno fa a Di Martedì su La7. L'economista in studio ha centrato il problema "... cambiano le regole, cambiano le interpretazioni delle Leggi,
spesso in maniera retroattiva, per cui l'Italia diventa un Paese inaffidabile, le famiglie non possono fare progetti per il futuro, le imprese non vengono ad investire... "
Il punto non è se l'interpretazione della Cassazione nel 2015 sia giusta o sbagliata.
E' sicuramente sbagliato che questa sia avvenuta, con conseguenze retroattive, ben 44 anni dopo la Legge di riferimento, dopo che un milione di famiglie si erano lasciate guidare in direzione opposta dall'interpretazione precedente praticamente di chiunque: comune, notai, costruttori, agenzie immobiliari, banche...
https://www.facebook.com/watch/?v=166597588114898

Anonimo ha detto...

Informarsi bene cosa vuol dire?io ho pagato il notaio anche per garantirmi la regolarita' dell'atto.e allora? I notai avevano anche interpellato il comune.e allora il responsabile sono io???????

Anonimo ha detto...

ecco i mali di questa città. Chi commenta senza capire nulla o ( peggio) per tornaconto personale.

Anonimo ha detto...

Ma infatti. Difendiamo i notai, una categoria così preziosa, per niente corporativa e privilegiata, in regime di semi monopolio che così tanto offrono alla nostra società. Sarebbero stati possibili i progressi della scienza senza le loro fondamentali firme su dei pezzi di carta? ♥️

Anonimo ha detto...

In Italia ci sono famiglie "...troppo poco povere per accedere all'edilizia popolare..."!!
Ma che strana categoria! La verità è che i "poveri" italiani devono sempre lasciare il posto agli sbarconati quotidiani e immigrati di tutto il mondo! Che mirano direttamente all'Italia e alle sue case popolari! Da subito: dal momento in cui si mettono in marcia.

Anonimo ha detto...

Suggerisco un sottotitolo: IN QUESTO ARTICOLO NON SI PARLA DI "CASE POPOLARI"

Anonimo ha detto...

Sei responsabile, in quanto il notaio è tuo consulente, l'hai scelto te e l'hai pure pagato. Fagli causa se ha sbagliato. Se no qua va a finire che pagano sempre gli altri.

Anonimo ha detto...

Io non capisco una cosa, è ovvio che Roma è una fogna (e sono anche gentile a definirla così). Perché non ve ne andate altrove, possibilmente anche fuori dall'Italia? (Come hanno fatto in tanti, tra cui anch'io). Tanto non cambierà mai niente, si andrà solo peggiorando

Anonimo ha detto...

Perché bisogna imparare a lottare e a fare i propri interessi, come hanno fatto le persone della civile comunità dove hai scelto di insediamenti. Se questi dimenticano come si lotta, sono cazzi amari, anche per te, che hai scelto di sfruttare le lotte degli altri. Non è una critica, solo per illustrare un punto di vosta. Saluti.

socatsi ha detto...

la legge grassi è una porcata vi faremo il **** a strisce

Anonimo ha detto...

Letta Sindaco? Quel genio che scrisse il famoso libro in base al quale ci dovevamo tutti suicidare per Maastricht? Elegettelo e andro' in Campidoglio col forcone.......

Anonimo ha detto...

La fogna in questione (Roma) è al di là di qualunque lotta.
Conviene lottare per qualcosa che ha un futuro invece di perdere tempo con questa città ridicola. Lottare per Roma ha senso come rianimate un cadavere di 6mesi in decomposizione.
Abbandonate la fogna, magari si trova anche qualche posto per cui ha ancora senso lottare.

Franco ha detto...

Buongiorno

Questo messaggio è per gli individui, chiunque abbia bisogno di un prestito speciale per ricostruire la propria vita. Stai cercando un prestito per rilanciare le tue attività o per la realizzazione di un progetto o hai bisogno di soldi per acquistare un appartamento. Ma sei stato bandito dalla banca o il tuo file è stato rifiutato dalla banca. Sono un individuo che concede prestiti che vanno da 1.500 a 500.000 euro a tutte le persone idonee. Non ho bisogno di molti documenti, ma devi essere una persona sola, onesta, affidabile e saggia. Concedo prestiti a persone che vivono in tutta Europa e nel mondo.
Il mio tasso di interesse è del 3% all’anno. Se hai bisogno di soldi per altri motivi, non esitare a contattarmi per ulteriori informazioni. Sono disponibile a soddisfare i miei clienti entro 72 ore dalla ricezione del modulo di domanda. Se sei interessato
Cordiali saluti.

E-mail: franco5cassano@gmail.com

breastsurgeryphb ha detto...

Breast Augmentation Cost Philippines around USD$3,000-USD $4,000 (PHP ₱156,000- PHP ₱ 208,000) in Philippines, 50%-70% cheaper than having breast augmentation in countries like South Korea, United States or Singapore. This is due to the fact that the country has a lower cost of living. However, rest assured that the hospitals, clinics, and medical practitioners in the Philippines are of world-class quality and standards.”

Didier ha detto...

Buongiorno

Stai cercando un prestito per far rivivere le tue attività o per la realizzazione di un progetto. Godetevi le migliori condizioni di finanziamento per i vostri progetti in generale (acquisto auto, istruzione alloggi per i vostri bambini, ecc ...). Non dovrai più preoccuparti io sono un individuo e mi concedono prestiti che vanno da 2000 € a 500.000 € per tutte le persone in grado di soddisfare le condizioni.
Finanzia tutti i tuoi progetti con un credito tra individui Costruisci la tua ricchezza riducendo le tasse. Preparati per il futuro, abbiamo il tasso di interesse che ti serve! Se siete interessati contattatemi sul mio indirizzo così mi può aiutare a risolvere i vostri problemi finanziari.

Cordiali saluti.
EMAIL: Didiermarco14@gmail.com

Bryan Roland ha detto...

TESTIMONY ON HOW I GOT MY LOAN FROM A GENUINE LOAN COMPANY.
This is a change of life! i needed a loan to open my restaurant and bar, when one of my business partner introduce me to this good and trustful loan lender STEVE WILSON finally God smiled on me by directing me to this new lender who put a smile on my face this year and he did not scam me and also by not deceiving or lying to me but however this lender gave me 2% loan which amount is $550,000 united states dollars after my agreement to their company terms and conditions and one significant thing i love about this loan company is that they are very fast,
You can contact the loan lender via EMAIL :stevewilsonloanfirm@gmail.com or whatsapp:+16673078785
Company website:https://stevewilsonfinancialloanfirm.webs.com/

Linda ha detto...

Il contenuto di questa pagina dell'articolo, lo trovo abbastanza interessante e utile per me, grazie per averlo condiviso visita il sito web

COMPOSITE CYBER SECURITY SPECIALISTS ha detto...



☑️☑️COMPOSITE CYBER SECURITY SPECIALISTS ☑️☑️

•• Are you Seeking for the Best Legit Professional Hackers online?
Congratulations Your search ends right here with us. •• ⚡️⚡️

☑️☑️For Years Now We have Been helping companies secure there Infrastructures against malicious Attacks, however private individuals have been making use of our services to provide Optimum solutions to their cyber and Hacking related Issues by providing them unlimited Access to their desired informations from their Target suck as Phone Hack (Which enables them to monitor their kids/wife/husband/boyfriend/girlfriend, by gaining access to everything they are doing on their phone without their notice), Credit Card Mishaps, Website Hacking, Funds Recoveries And Every Other Cyber Related Issues That has to Do With HACKING.

☑️☑️COMPOSITE CYBER SECURITY SPECIALISTS is a vibrant squad of dedicated online hackers maintaining the highest standards and unparalleled professionalism in every aspect.
We Are One Of The Leading Hack Teams In The United States With So Much Accolades From The Deep Web And IT Companies. ••
••We Offer Varieties Of LEGIT Hacking Services With the Help Of Our Root HackTools, Special HackTools and Our Technical Hacking Strategies Which Surpasses All Other Hackers.

☑️ Below Is A Full List Of Our Services:
▪️ FUNDS RECOVERY ON SCAM INVESTMENTS, BINARY OPTIONS TRADING and ALL TYPES OF SCAMS.
▪️ WEBSITE AND DATABASE HACKING 💻
▪️ CREDIT REPAIR. 💳
▪️ PHONE HACKING & CLONING (giving you 📱 Unnoticeable access to everything Happening on the Target’s Phone)
▪️ CLEARING OF CRIMINAL RECORDS ❌
▪️ SOCIAL MEDIA ACCOUNTS HACKING 📱
▪️RECOVERY OF DELETED FILES 📤
▪️LOCATION TRACKING 📌
▪️BITCOIN MINING ⛏ And lot More.


☑️We have a team of seasoned PROFESSIONALS under various skillsets when it comes to online hacking services. Our company in fact houses a separate group of specialists who are productively focussed and established authorities in different platforms. They hail from a proven track record and have cracked even the toughest of barriers to intrude and capture all relevant data needed by our Clients. Some Of These Specialist Includes ⭐️ DAWID CZAGAN⭐️ JACK CABLE ⭐️ SEAN MELIA ⭐️ ARNE SWINNEN ⭐️And More. All you Need To do is To Write us a Mail Then We’ll Assign any of These Hackers To You Instantly.

☑️COMPOSITE CYBER SECURITY SPECIALISTS is available for customer care 24/7. Feel Free to Place your Requests.

☑️☑️CONTACT:
••• Email:
composite.cybersecurity@protonmail.com

🔘2020 © composite cybersecurity specialists
🔘Want faster service? Contact us!
🔘All Rights Reserved ®️.

Laure ha detto...

Buongiorno
Ti scrivo per informarti che offriamo prestiti privati ​​a un tasso di interesse del 2%. Possiamo prestarti per fare affari, gestire una fattoria o qualunque cosa tu voglia fare come progetto. Contattaci direttamente via e-mail: (sduplens@gmail.com)
I miei migliori saluti

Claudia Klein ha detto...

Ciao e benvenuto a Spotcap Global Loan Services, mi chiamo Claudia Klein, sono un prestatore e anche un consulente di prestito.

Hai un disperato bisogno di un rafforzamento finanziario? hai bisogno di un prestito per vari scopi? se la tua risposta è sì, ti consiglierò di contattare la mia azienda tramite | spotcapglobalservices@gmail.com | o inviaci un messaggio su WhatsApp: +4915758108767 | e avere un prestito nel tuo account entro 24 ore perché forniamo servizi di prestito eccellenti in tutto il mondo.

Offriamo tutti i tipi di servizi di prestito (prestiti personali, prestiti commerciali e molti altri), offriamo prestiti sia a lungo che a breve termine e inoltre è possibile prendere in prestito fino a 15 milioni di euro. La mia azienda ti aiuterà a raggiungere una varietà di obiettivi con una vasta gamma di prodotti di prestito.

Sappiamo che ottenere un prestito legittimo è sempre stato un grosso problema Per le persone che hanno problemi finanziari e hanno bisogno di una soluzione, molte persone trovano così difficile ottenere un prestito azionario dalle loro banche locali o altri istituti finanziari a causa degli alti interessi tasso, garanzie insufficienti, rapporto debito / reddito, punteggio di credito basso o qualsiasi altro motivo.

Niente più tempi di attesa o visite bancarie stressanti. Il nostro servizio è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7: puoi ottenere un prestito e completare le tue transazioni in qualsiasi momento e luogo.

Forniamo servizi di prestito di classe mondiale 24 ore su 24. Per richieste / domande? - Invia un'e-mail a | spotcapglobalservices@gmail.com | o inviaci un messaggio su WhatsApp: +4915758108767 | E ricevi una risposta in un istante.

La tua famiglia, i tuoi amici e i tuoi colleghi non hanno bisogno di sapere che sei a corto di soldi, semplicemente scrivici e riceverai un prestito.

La tua libertà finanziaria è nelle tue mani!

Blogger ha detto...

Sono Peter di Milano... Alcuni dicono che l'incantesimo d'amore non funziona, ma ho visto che l'incantesimo d'amore funziona tutto a causa del dottor ADELEKE il miglior lanciatore che ha lanciato un incantesimo per me e ha riportato mio marito a me e ora stiamo vivendo come una famiglia tutto grazie al dottor ADELEKE. È possibile contattarlo su WhatsApp: +27740386124 o inviarlo via e-mail: ( aoba5019@gmail.com )

Anna Maria Fogliano ha detto...

.




Buongiorno.
Stavo cercando un prestito che finalmente ho ricevuto. Per la realizzazione di un progetto immobiliare ho ottenuto il finanziamento di 60 000 euro con il finanziere Giuseppe Romeo che concede prestiti privati. Sto ripagando bene in questo momento senza problema per un periodo di 120 mesi.

Quindi se sei interessato o hai qualcuno nella necessità di prestito, contattarlo per maggiori informazioni;

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it

Condividi il mio messaggio per aiutare altre persone bloccate dalle banche.




















































































































































































Buongiorno.
Stavo cercando un prestito che finalmente ho ricevuto. Per la realizzazione di un progetto immobiliare ho ottenuto il finanziamento di 60 000 euro con il finanziere Giuseppe Romeo che concede prestiti privati. Sto ripagando bene in questo momento senza problema per un periodo di 120 mesi.

Quindi se sei interessato o hai qualcuno nella necessità di prestito, contattarlo per maggiori informazioni;

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it

Condividi il mio messaggio per aiutare altre persone bloccate dalle banche.




















































































































































































Buongiorno.
Stavo cercando un prestito che finalmente ho ricevuto. Per la realizzazione di un progetto immobiliare ho ottenuto il finanziamento di 60 000 euro con il finanziere Giuseppe Romeo che concede prestiti privati. Sto ripagando bene in questo momento senza problema per un periodo di 120 mesi.

Quindi se sei interessato o hai qualcuno nella necessità di prestito, contattarlo per maggiori informazioni;

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it

Condividi il mio messaggio per aiutare altre persone bloccate dalle banche.




















































































































































































Buongiorno.
Stavo cercando un prestito che finalmente ho ricevuto. Per la realizzazione di un progetto immobiliare ho ottenuto il finanziamento di 60 000 euro con il finanziere Giuseppe Romeo che concede prestiti privati. Sto ripagando bene in questo momento senza problema per un periodo di 120 mesi.

Quindi se sei interessato o hai qualcuno nella necessità di prestito, contattarlo per maggiori informazioni;

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it

Condividi il mio messaggio per aiutare altre persone bloccate dalle banche.




















































































































































































Buongiorno.
Stavo cercando un prestito che finalmente ho ricevuto. Per la realizzazione di un progetto immobiliare ho ottenuto il finanziamento di 60 000 euro con il finanziere Giuseppe Romeo che concede prestiti privati. Sto ripagando bene in questo momento senza problema per un periodo di 120 mesi.

Quindi se sei interessato o hai qualcuno nella necessità di prestito, contattarlo per maggiori informazioni;

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it

Condividi il mio messaggio per aiutare altre persone bloccate dalle banche.
























































































































































































.

Agure Marian ha detto...

Ciao a tutti, mi chiamo Agure M Natalia Filho, ero consulente matrimoniale, mi esercitavo da 13 anni. Io e mio marito eravamo fidanzati del liceo, l'abbinamento perfetto. Qualche mese fa era in viaggio d'affari e quando è tornata a casa era tutto diverso. Ho fatto del mio meglio per rendere inutile il nostro matrimonio, fortunatamente ho incontrato un amico in un gruppo sociale che mi ha raccontato tutto sulla sua situazione con suo marito e su come il loro matrimonio è stato salvato da un incantatore di nome Dr. Adeleke. L'ho contattata e mi ha dato istruzioni su cosa fare, ed ecco, sono una donna più felice e il mio matrimonio è al meglio. Puoi far funzionare di nuovo quella relazione fallita, puoi riportare la pace in un'amicizia travagliata. I suoi contatti sono, e-mail: aoba5019@gmail.com o whatsapp a: +27740386124

Anonimo ha detto...

Dargli il QI di una zucchina è troppo generoso, il solito so tutto io che invece non sa nulla

ShareThis