Lucha Y Siesta. Lo sgombero è giusto nonostante quello che ti stanno raccontando

7 settembre 2019


Lucha y Siesta è uno dei tanti spazi occupati di Roma. Come tutti gli spazi occupati di Roma nasce e si sviluppa per due motivazioni essenziali: portare avanti la squallida ideologia di chi occupa e in parallelo erogare dei servizi sociali (residenzialità, cultura o altro) a persone terze. Con priorità variabili tra queste due istanze. 

Lucha y Siesta, in Via Lucio Sestio 10, è un edificio di proprietà di Atac che, abbandonato com'era, viene occupato nel marzo del 2008 da un gruppo di attiviste, tutte donne, appartenenti all'organizzazione Action (su cosa è Action chiunque può guglare liberamente). Nel sito ci sono scritte le motivazioni dell'occupazione. Tra queste spicca: "non possiamo permetterci un affitto di 1000 euro al mese". Fin qui siamo nell'ambito delle "normali", diciamo così, occupazioni romane: paraculaggine all'ennesima potenza mascherata da attivismo sociale e tutti quelli che si spaccano la schiena per pagare affitto e mutuo sono fessi mentre loro sono furbi. Ma a Roma si può. Qui però non ci si è limitati a questo e si è aggiunta una parte di servizi piuttosto avanzata: assistenza alle donne perseguitate e vittime di violenza. E in questo le attiviste di Lucha y Siesta si sono dimostrate particolarmente capaci, efficaci e competenti sotto molteplici punti di vista. Tanto che, pur essendo questo uno spazio occupato e addirittura privo di una responsabilità (le occupatrici sono totalmente anonime, non si sono mai dichiarate e sfuggono alle identificazioni da dieci anni), ci sono delle istituzioni che quando devono collocare donne utilizzano Lucha y Siesta come un'ufficiale casa rifugio. Ad oggi sono 23 i posti nelle case rifugio e semiautonomia del Comune, e altri 14 sono offerti da Lucha y Siesta dove ora come ora ci sono 14 donne ospitate, una metà hanno un bambino. 

Quando si è stati in qualche modo costretti a portare Atac in concordato preventivo per il tentativo di salvarla, questo immobile è ovviamente entrato nella partita. Vale oltre due milioni a quanto pare e dunque è fondamentale che venga valorizzato e venduto per contribuire alla salvezza finanziaria di quella derelitta azienda. 

Nonostante le attiviste sapessero da mesi di questa circostanza, invece di organizzarsi per tempo per un esito più sereno possibile (a vantaggio soprattutto delle donne ospitate) hanno deciso, come è stile di questi movimenti, di portare la situazione all'estremo, arrivare al distacco delle utenze ed alla minaccia di sgombero forzoso. In questi e in tanti episodi a seguire, le attiviste hanno così dimostrato di essere molto interessate al bene delle donne che ospitano, ma di essere ancor più interessate al loro bene, alla loro ideologia, alle loro patetiche questioni di principio. 

La tendenza è un po' quella di considerare le donne ospitate come loro proprietà, come ostaggio, come strumento per affermare il ruolo politico del centro sociale e il suo posizionamento territoriale a presidio. Nessuno purtroppo ha fatto presente alle attiviste che strumentalizzare le fragilità significa annullare qualsiasi elemento positivo del loro impegno sociale, significa fare esattamente - giusto per citare una realtà che le attiviste vedono come fumo negli occhi - come Casa Pound. Che quando fai presente che dovrebbe essere sgomberata ti rispondono che loro "danno casa a famiglie italiane con bambini che avrebbero diritto alla casa popolare". E dietro un presunto e non misurabile impegno sociale si nasconde qualsiasi illegalità e prepotenza, specie a danno del patrimonio pubblico. 

Arrivati a questo punto la situazione è grave e delicata visto che ci sono di mezzo persone in estrema difficoltà. Il Comune sta cercando in tutte le maniere di risolvere il problema e di ricollocare queste persone. In questa fase cosa ti fanno le attiviste? Aiutano e collaborano col Comune per far sì che la cosa si svolga nella maniera più serena possibile oppure continuano a strumentalizzare le donne in difficoltà muovendosi tra bugie e scorrettezze? Indovinate un po'...

Le menzogne sono già iniziate in realtà. Se le donne verrano - come è sacrosanto - spostate, le attiviste sono prontissime a dire che verranno "sradicate" dal territorio. Se qualcuno - come è sacrosanto - vorrà comprare l'edificio per dare ossigeno finanziario ad Atac si parlerà di una "svendita" e di una "speculazione". Addirittura stanno dicendo in giro - contando come fanno sempre questi gruppi sull'ignoranza e l'impreparazione degli ascoltatori - che esiste già un acquirente sebbene questo sia impensabile per le procedure tribunalizie che ancora sono distanti dalla eventuale messa all'asta dello stabile. Si ripete l'approccio solito dei movimenti romani: menzogne e bugie per suggestionare il popolino credulone. E sempre per suggestionare il popolino la conferenza stampa in cui le attiviste hanno presentato un crowdfunding per comprare loro l'edificio è stata anticipata da una spettacolare proiezione della scritta "VENDESI" sui più famosi monumenti della città. Come dire: "se si vende il nostro edificio allora è come se si vendesse il Pantheon". Nulla di più surreale. E anche se fosse, se parliamo di immobili venderli è molto meglio che rubarli e impossessarsene con la forza. 

Ma se esistevano le risorse per comprare uno stabile così grande e costoso (oltre due milioni il valore c0me dicevamo) perché le attiviste non hanno approntato un progetto legale fin da principio? Se volevano creare un'associazione e dare servizi alle donne in difficoltà perché non lo hanno fatto affittando uno spazio regolare e a norma? E magari pagando le utenze? Ci si domanda infatti in ben dieci anni di occupazione chi ha pagato luce, riscaldamento, acqua e gas da Lucha y Siesta. Si sono fatti allacci abusivi? Si sono attivate utenze regolamentari (a nome di chi?). Si sono sfruttate le utenze di Atac contribuendo per quota parte al fallimento della stessa? Un'altra questione da capire anche perché in presenza di un danno erariale di tale portata l'irresponsabilità delle attiviste rischia di farci andare di mezzo le povere donne maltrattate che sono le uniche persone identificabili nell'edificio visto che le attiviste faticano enormemente a pigliarsi la responsabilità di quanto fatto fino ad oggi. Il rischio è che queste povere donne, senza saperlo, si vedano accollato un debito enorme. Sarebbe la beffa delle beffe. 
La speranza è che il Tribunale, che comunque sta lavorando in questo senso, riesca quanto prima a identificare i nomi e cognomi a cui attribuire tutto: onori e soprattutto oneri di quanto avvenuto. 

83 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

SCIACALLO QUESTO SEI

Anonimo ha detto...

Disse la zecca sanguisuga...

Anonimo ha detto...

L'idea è buona, ma qui è il solito problema di Roma.
1) Ciò che nasce a cazzo finisce peggio. Ovvero se parti da un occupazione prima o poi finisce male.
2) Se te ne freghi prima o poi ti presentano il conto. Ovvero hai lasciato fare per 10anni sbattendotene ed ora è un gran casino perché come ti muovi fai danni.
Lungimiranza zero.

Anonimo ha detto...

Phassisti, phassisti.....

Anonimo ha detto...

Ahahahah sabato pomeriggio e avete partorito sta cosa... Al mareeeee

Anonimo ha detto...

Tento una proposta.
L' immobile va all'asta per 2 milioni di euro.
Con mutuo ventennale, al netto degli interessi, la rata minima sarebbe 8333 euro/mese.
Quanto paga il comune per accogliere un mese un nucleo?
Tenuto conto del numero di famiglie ospitate, si supera sicuramente la cifra mensile necessaria per la rata di mutuo e tutte le spese.
Però proporrei di fare una locazione a riscatto ossia un rent to buy, a nome dell'associazione "legalizzata" che obbligherebbe per 20/25anni a prestare il servizio alle donne in stato di pericolo prima di consentire l'acquisto, mantenendo la funzione sociale del luogo ed il radicamento delle persone e il servizio sociale in un quadro certo e legale

Anonimo ha detto...

purtroppo è proprio questo quello che ha fatto perdere credibilità a centri sociali e a associazioni varie. La pretesa che il posto occupato diventi di proprietà, per cui si è inamovibili e non soggetti a nessuna limitazione o pagamento di canone benchè irrisorio. Però in molte situazioni quando si tratta di fare molti soldi in nero e in barba alle regole non ci si fanno problemi (vedi Brancalone, Villaggio Globale etc).
Siete state 10 anni li, sapevate da tempo che vi avrebbero mandato via perchè l'immobile serve ad atac, adoperatevi per trovare soluzioni alternative invece di andare allo scontro e dare la colpa al governo cieco e ai privati speculatori.
Detto ciò, vi auguro di trovare una sistemazione adeguata e che la vostra attività prosegua ma basta col vittimismo e ste proteste,che la gente, anche di sinistra si è stufata.

Anonimo ha detto...

Ahahahahahahahaha roma meno visitata di milano, te stai a pezzi ci.

Anonimo ha detto...

Vi preoccupate di questo, che almeno avrebbe buone intenzioni, e non degli "altarini" al Parco degli Acquedotti, in memoria di un fascista, ultrà e mafioso come Piscitelli, tollerati senza che nessuno intervenga per rimuoverli?

Anonimo ha detto...

Ancora non si capisce fra i centri sociali vari che occupare non è un diritto. E' sola una falsa libertà che viene tolta quando fa comodo.
E' un qualcosa che viene concesso, a volte per paraculaggine del proprietario a volte per menefreghismo, ma che verrà prima o poi tolto per un qualsiasi motivo. E l'occupante ci può fare poco, resistere per un pò al massimo, ma se dall'altra parte si è decisi quella falsa libertà concessa la tolgono e stop.
La cosa che trovo assurda è l'aver fatto in questa situazione un attività così importante dal punto di vista sociale senza che a nessuno, comune per primo, importasse qualcosa di come sarebbe sicuramente andata a finire.
In pratica hanno pensato di costruire un ospedale sopra ad una bomba a tempo, ed ora che sta per scoppiare tutti piangono che sotto all'ospedale c'è una bomba.
Cioè come doveva andare a finire questa storia?
Occupazione in eterno a spese di chi? Di un comune economicamente a pezzi da 15anni che non ha nemmeno i soldi per sistemare strade e marciapiedi o di una azienda messa forse pure peggio come atac?
Ed è già è andata di lusso considerando che il palazzo era di atac.

Anonimo ha detto...

Ma in realtà quello che fa riflettere è l'accanimento deboli vs deboli che vent'anni di scarnificamento del concetto di bene pubblico e politiche sociali, ha prodotto. Stante il fatto che le suddette attiviste possano senza dubbio avere le loro colpe e negligenze, è difficile da dire solo attraverso un articolo, fa riflettere lo stato dell'assistenza sociale e pubblica romana, la quale, che come descritto nell'articolo stesso, si ritrova costretta a chiedere aiuto per servizi di assistenza, quindi leggittimandole, alle suddette attiviste, aldifuori di qualsiasi quadro istituzionale, perché in forza al comune non ci sono ne risorse, ne strutture, ne professionalità adeguate. Poi però al primo cambio di dirigente o giro di bilancio, vengono liquidate nel nome della legittimità catastale. Va bene tutto, però evidentemente se ci fossero delle strutture assistenziali adeguate non ci sarebbe manco bisogno di queste attiviste , per molti così scomode.

Anonimo ha detto...

Lo avete spiegato a quelli del TG regionale, che fanno sempre da megafono alle lagne degli occupanti?

Anonimo ha detto...

I centri sociali, di qualsiasi tipo, devono essere sgombrati, anche col bagno di sangue se occorre. Tanto all' intetno trovi solo feccia o furbetti, che non contribuiscono agli intetessi Roma

Anonimo ha detto...

Provaci tu, no?

Anonimo ha detto...

In sintesi: c'è un'evidente necessità di servizi a protezione di donne e minori vittime di violenza; le istituzioni sono inadempienti, sostanzialmente se ne fregano; alcune persone si fanno carico di rispondere, almeno parzialmente, ad un bisogno e lo fanno senza chiedere una lira alle istituzioni, semplicemente recuperando, valorizzando e mettendo a disposizione di tutta la società uno stabile di proprietà pubblica, dunque anche loro, lasciato a marcire da istituzioni incompetenti e inefficienti; ora, per una squallida questione di soldi, peraltro insensata visto che gli stessi servizi forniti da Lucha y Siesta se gestiti dalle istituzioni costerebbero dieci volte tanto, tutto questo lavoro andrebbe gettato via? Solo dei coglioni infami possono applaudire a tanta stupidità criminale.

Unknown ha detto...

Liberare gli stabili illegalmente occupati è una necessità, per rispetto a quelle persone che pur lavorando sono soggette a pagare tutto. Anche nel bagno di sangue se occorre, qualche morto servirà ad educare futuri furbetti.

Anonimo ha detto...


Ma voi vorreste davvero che in Italia e a Roma si applicassero le regole di civiltà e le leggi? Ma come vi permettete: FASCISTI! RAZZISTI!
Mica stiamo in Svizzera qua eh?! Stiamo e vogliamo rimanere nella fogna della dittatura catto-comunista di melma merdosa.
Se la merda vi puzza troppo e vi siete stancati di annusarne e mangiarne tutti i giorni...SCAPPATE IN SVIZZERA e lasciate in pace questo nostro "belpaese" che deve rimanere così com'è!
Ps: FASCISTI! RAZZISTI!

Anonimo ha detto...

in tutto er monno la casa delle donne è quella ndo ce stanno tante ragazze allegre che offrono i loro servizi a pagamento. Qua a Roma invece la casa dee donne è sta mezza cosa gestita dai centrosocialari e dalle zecche che nun serve a un cazzo de niente. io dico che Luciana e Sistina se ne ponno anna beatamente affanculo. e coi sordi der fitto magari ce se apre un bel bordello o un club prive pei scambisti.

Anonimo ha detto...

I cinque stelle meritano la morte
I ciclisti devono morire
Meritano la morte
Morte

Anonimo ha detto...

Cinque stelle nazisti di biciclette e assassini di disabili di asberg
Assassini
Assassini
Dittatori
Beppe Grillo deve morire merita il cancro
Renzi meritano la morte

Anonimo ha detto...

Il cinque stelle mertinano la morte
Devono morire tutti quanti quei bastardi
Anche il pd anche la morte
Sperano
Gli venga una malattia

geometry dash ha detto...

È un post informativo. Sono totalmente d'accordo con il tuo punto di vista.

Anonimo ha detto...

@settembre 08, 2019 9:19 PM
per quello che vale sono d'accordo con lei (e probabilmente col percorso intellettuale che la porta ad avere queste opinioni). Solo mi chiedo...possibile che il comune non possa trovare un compromesso onorevole? Tipo: trovare una sistemazione alternativa a questo servizio nobilissimo, utile e ormai felicemente avviato, così da liberare la risorsa e poterla vendere come serve?
E per le bollette: visto che il servizio sarebbe costato di più, non può farsene carico lui? D'altronde se - come è - il servizio è utile, che lo paghi la collettività non mi fa certo impressione.
Al signore che augurava il bagno di sangue auguro a mia volta di non avere mai e poi mai problemi abitativi o parenti che abbiano bisogno del servzio di L&S: perché cambiare idea - come certo farebbe - in questo modo sarebbe straziante.

Cordialità

Anonimo ha detto...

Purtroppo è un cane che si morde la coda. Non ci sono risorse in forza al comune per questo tipo di servizi, che genera una carenza di infrastrutture e professionalità. Per questo il comune stesso si è rivolto alle suddette attiviste, le quali agratisse, hanno erogato un servizio che il comune non è in grado di garantire.
Non si tratta solo di valorizzare un immobile pubblico lasciato a marcire, ma anche mettere in piedi un servizio di assistenza sociale adeguato praticamente assente all'interno delle istituzioni. Poi, ovviamente, è anche una questione di volontà politica e capacità amministrativa.:(

Anonimo ha detto...

Poiché il comune non ha soldi ha usufruito del servizio sociale in questione per anni. Ora sempre perché i soldi non ci sono si vende l'edificio con tante grazie al servizio sociale.
Qui il problema di fondo è che i soldi sono finiti. Se li saranno mangiati, quello che vi pare, ma così non si puo andare avanti su niente. Se non si affronta la cosa, situazioni del genere andranno avanti in eterno.

Anonimo ha detto...

Si vabbe sparare cifre enormi a muzzo è pura malafede, pari pari alle varie finanziarie che ipotizzavamo mille e mila migliardi di dismissioni di patrimonio e a conti fatti incassavano qualche milione. Centinaia di edifici pubblici vengono fatti letteralmenre marcire per permettere ai palazzinari di fare lauti guadagni con i soldi della collettività, preferisco spendere i soldi per servizi come questo che finanziare una delle peggiori classi imprenditoriali del paese.

Anonimo ha detto...

11 setrembre, 2019, ore 11:06 AM.
Sottoscrivo! Sono d'accordo con lei!

Anonimo ha detto...

Ma vedi de sgombera' er culo de tu' sorella prima

Anonimo ha detto...

Oooops, allora non è vero che questo bacheca non può essere moderata a monte: i commenti dello sciroccato che accusava avvocati, politici e personaggi vari di pedofilia e nefandezze assortite facendo nomi e cognomi sono stati lestamente eliminati, evidetentemente destavano qualche preoccupazione per il portafogli di chi gestisce RFS. Ovvio, quindi, che la caterva di rutti razzisti e fascistoidi è in linea con il pensiero di chi, pur potendo evidentemente moderare, la lascia visibile. Bacioni.

Anonimo ha detto...

Questo perchè dietro RomaFaSchifo si cela un coacervo di misogini!
Perchè non ci dite quanti redattori uomini e quante redattrici donne ci sono a RomaFaSchifo? Eh? Maschilisti del cazzo, voglio vedere quando sarete la minoranza da chi andrete a piagnucolare con i vostri miseri arroganti patetici cazzetti tra le gambe....

Anonimo ha detto...

Lo sai chi è la gente dei centri sociali? Per farti capire, hanno trovato dei conti intestati a personaggi di ogni risma, che facevano capo ai servizi segreti, presumibilmente quelle fasce dei servizi segreti impegnati in attività illecite coi soldi dello stato.
Vuoi saper echi c'era tra gli intestatari?
Zerocalcare.
Lo sai chi è che disegna quegli strani loghi che la gente dei servizi sociali applica con adesivi o spray per tutta Roma?
Mh...
Lo sai da cosa sono ricavati quei loghi? Dai delitti commessi dai giri della massoneria coperti dai servizi.
Se vedi uno che attacca uno di quegli adesivi, hai il passpartout per arrivare agli autori dei peggiori crimini d'Italia. Ma fanno tutti finta di non saperlo.

Anonimo ha detto...

@9:37 Mi hai aperto un mondo. E chi l'avrebbe mai detto? Cavolo, ora che ci penso li ho visti anch'io a lasciare strani loghi, tipo A cerchiate, falce e martello, addirittura una cosa stranissima e molto sospetta, un cerchio con una freccia tipo fulmine... Mi sa che hai ragione, ci dev'essere dietro un complotto di massoneria e servizi, insomma quelli che cercano di fregarci con le scie narcotizzanti degli aerei e vogliono farci credere che la Terra è una sfera. Ora vado a controllare i sigilli di stagnola contro i raggi cosmici che ho messo alle finestre, poi verifico su certi siti di google le informazioni che hai dato. Sempre in campana, mi raccomando.

Mohamed Abdellatif ha detto...

شركة مكافحة النمل الابيض بالقصيم
شركة مكافحة النمل الابيض بابها
شركة مكافحة النمل الابيض بحائل
شركة مكافحة النمل الابيض بالقطيف

Barbara ha detto...

Academic life provides students with enough challenges, and written works are among the most complex of assignments. Many learners struggle with constant influx of tasks due to a lack of time or energy. It is especially difficult to meet all of your instructor’s expectations when dealing with a number of complicated disciplines while working part-time.

Luckily, when you can’t write your own essay you can seek professional writing help online. paper24x7.com

Anonimo ha detto...

PORCAMADONNA!

Anonimo ha detto...

ma taci, coglione

Anonimo ha detto...

Tonelli, almeno le bestemmie cancellale.
Se non lo fai sei proprio un infimo essere.........

Anonimo ha detto...


DITTATURA CATTO-COMUNISTA:

"Qui vige la regola dell'uguaglianza: siete tutti uguali e nessuno di voi conta un cazzo" !!!!!

Anonimo ha detto...


DITTATURA CATTO-COMUNISTA:

"Qui vige la regola dell'uguaglianza: siete tutti uguali e nessuno di voi conta un cazzo" !!!!!

Anonimo ha detto...


DITTATURA CATTO-COMUNISTA: "Qui vige la regola dell'uguaglianza: siete tutti uguali e nessuno di voi ... conta un cazzo" !!!!!

Anonimo ha detto...

Caro settembre 17, 11:10 Am.
Potrebbe argomentare la sua teoria? Ci potrebbe dare una definizione e genesi della definizione di "dittatura catto-comunista" e specificare la sua aderenza al caso specifico di Lucha y Siesta, con fonti e prove a sostegno della sua ipotesi?
Attendiamo sue.

Anonimo ha detto...


La dittatura del non rispetto delle regole; i concetti di regole e legalità sono "fascismi e razzismi"; ciò che in Svizzera si chiama "civiltà" e organizzazione a Cialtronia (Italia) viene manipolatoriamente bollato come "fascismo e razzismo". A Cialtronia: il non rispetto delle regole e lo sfascio disorganizzato a mò di melma merdosa in cui ognuno fa quello che kaxxo gli pare, si chiama "umanità, solidarietà, buonismo". Quando si cerca di far rispettare le leggi e le regole di civiltà ecco insorgere qualche prete che ingerisce in uno stato straniero (quale è l'Italia per il vaticano!!!!!) che dittatorialmente stabilisce l'anarchia assoluta a favore di occupanti di tutto il mondo venuti in Italia apposta perchè qui vige lo schifo totale in cui comanda chi cazzo gli pare e come gli pare. A spese della collettività italiana condannata a doversi estinguere sotto un peso che ormai diventa sempre più INSOSTENIBILE E PUZZOLENTE.
Nei paese civili si rispettano le regole, e dove si rispettano le regole comandano TUTTI I CITTADINI. A Cialtronia catto-comunista invece non si rispettano le regole per "buonismo cialtrone" e questo fa sì che...comandano tutti i prepotenti e i furboni e gli illegali e le mafie italiane e di qualsiasi parte del mondo.
In una espressione: DITTATURA CATTO-COMUNISTA!

Chiarooooooooo?

Anonimo ha detto...


E ai catto-comunisti politici, mondialisti eterodiretti dall'europa, dal papa, e dal potere finanziario e capitalista, politici che ri-stanno a pieno ritmo (ahinoi!!) al governo di Cialtronia allo scopo di finire di schiacciarla dei pesi insopportabili di popoli di tutto il mondo a iosa verso il welfare italiota, rispondo riprendendo proprio (per paradosso!) una frase del vangelo:

Vangelo secondo Luca, cap.11, versetto 46: "...Gesù rispose 'Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito!


Anonimo ha detto...



Sono stato chiaro su cosa è la dittatura catto-comunista? Comunque è sotto gli occhi di tutti. Anzi "è sulle SPALLE di tutti", sta schiacciando un' intera nazione, un intero popolo, quindi la conosci per forza.

Anonimo ha detto...


Hai capito il francese che pretende di, e purtroppo ci riesce, dominare l'Italia!:

""Emmanuel Macron con un duro discorso ha invitato la maggioranza presidenziale e il governo francese, alla fermezza sulla questione migratoria, per evitare di diventare un partito borghese, che non tiene conto dell’opinione delle classi popolari"".

In Francia...non in Italia! In Italia al contrario ormai occorrerà cambiare l'art.1 della Costituzione in... "La sovranità appartiene alla Francia e agli immigrazionisti e immigrati di tutto il mondo, che la esercitano come e quando vogliono".

Politici schifosi e incapaci. TUTTI, anche quel pagliaccio inutile e menzognero di salvini. TUTTI (papi, destra e sinistra) concordi in realtà nel disegno geo-economico e geo-politico di fare dell'Italia un moribondo e cancrenoso stato-cuscinetto pieno di immigrati e da cui drenare giovani italiani.



Anonimo ha detto...

"Sono stato chiaro su cosa è la dittatura catto-comunista?"
La ringrazio per aver espresso il suo punto di vista per aver modo di avere un confronto.
Lei parla del rispetto delle regole, secondo lei queste regole chi le fa? Perché la storia ci insegna che rispettare le regole non è sempre la cosa giusta, un esempio lampante è il periodo della germania nazi-fascista, durante la quale, era legale prima segnalare gli ebrei alle autorità, e poi, da parte delle autorità stesse, ucciderli. Condivido con lei la diffidenza nei confronti della Chiesa, in particolar modo degli organi di potere centrale, che con la scusa della carità, al di fuori di qualsiasi regola e accordo istituzionale e in modalità assolutamente arbitrarie, elargiscono "le briciole" in cosiddetta assistenza ai più deboli, per pararsi la faccia ed evadere miliardi al fisco italiano, come a quello di tanti altri paesi. Per la questione è questa, Lucha y Siesta è un associazione assolutamente laica, che non è legata a nessun orizzonte religioso. In realtà quello che loro fanno è valorizzare un immobile pubblico con un servizio pubblico, per la comunità. Cercano di contrastare l'impoverimento delle risorse finanziare delle istituzione che è causato, tra le infinite ragioni, anche dall'evasione della Chiesa di molte tasse, su tutte l'ICI. Per cui non bisogna fare, in questo caso, di tutta l'era un fascio. A disposizione per un ulteriore confronto.

abdo ha detto...

شركه تنظيف بينبع"
في ظل الانتشارات الكثيره لشركات التنظيف في بنبع انتشر وبرز اسم شركتنا الاول كافضل شركه تنظيف في سماء النظافه الواسع
حيث تقدم العديد من خدمات التنظيف بمستوي عالي من الكفاءه وبتكلفه مناسبه لا تقارن بغيرنا
,ولنا خبره طويله في مجال النظافه تميزنا عن باقي الشركات
وتعمل شركتنا في تنظيف جميع النشأات
منازل.
ومصانع.
وشركات.
ومدارس.
وجامعات.
وتقوم بالعمل علي اكمل وجه واكثر امانه وامان
ولا يوجد ازعاج للعملاء اثناء العمل ,ولا يوجد خطوره علي الاطفال ولا كبار السن المتنج امن تمام.
وعرفت عنا الامانه والثقه والدقه والسرعه في اداء العمل
كما برعت شركتنا في كسب ثقه العميل من خلال المعامله التي يتعامل بها جميع عمال الشركه مع العملاء
وادي ذلك لانتشار الاسم الاول في مجال التنظيف وهو اسم شركتنا التي زاع سيطها في الفتره الاخيره وخطفت كل انظار من يبحث عن شركه تنظيف بينبع
وظل اسم شركتنا يتداول بين الجميع بسبب الخد مه الجيده ومستوي الكفاءه العالي وخبره من يعمل داخل الشركه
ويوجد في الشركه افضل العروض واسعار رمزيه لا تقبل المنافسه
وتتميز شركتنا بخبره عمالها وكفائتهم في العمل ودقتهم وسرعتهم في اداء المهام المطلوبه منهم
وفي الوقت نفسه التي تقوم فيها الشركات برفع الاسعار تظل شركتنا علي اسعارها التي لاتقبل المقارنه بغيرها من باقي الشركات وتظل باعلي جوده واكثر كفائه
وفي وسط زحام الشركات منافسة بعضهم علي العروض التي يقدمونها تظل شركتنا الاولي في عروضها المتميزه وافضلهم علي الاطلاق
ويوجد في هذه الشركه الامان التام لكل عملائنا واحساسهم بالثقه والراحه في التعامل معنا وذلك غير مسبوف في الشركات الاخري
كما ان الشركه تعمل في تطوير مستمر لجميع المعدات وتعمل دائما علي جلب احدث المعدات الحديثه والعمليه والاكثر كفائه في المجال لتذويد نفسها باحدث المعدات والخبرات
كما يتم عمل جلسات خبره لجميع الموظفين ف الشركه وتذويدهم باحدث الطرق والاساليب الحديثه
وتختلف شركتنا عن باقي الشركات في اسلوب العمل الممتاز جدا و اوقات العمل المناسبه جدا لكل عملائنا نحن نعمل دائما لراحه كل عملائنا
ونحن دائما الشركه الاولي في عالم التنظيف لوجود العديد من الاساليب الحديثه والعمال الجيدون ونعمل دائما علي رفع خبره العامل وتدريبه علي استخام احدث الاساليب في العمل
وستظل الشركه دائما في تطور مستمر وملحوظ,,وسنعمل دائما علي مساعدة جميع عملائنا.

Anonimo ha detto...

Gentilissima/o ore 6:04

buongiorno, sono un altro interlocutore.
Non trovo lecito che per fare del bene (offrire un servizio sociale), si compia una azione contro la legge (occupare un bene non tuo). Sarebbe come fare una rapina e devolvere la refurtiva in beneficenza: alla base di tutto c'è un reato!
Cordialità

Anonimo ha detto...

Buongiorno 18 settembre, 9:41 Am.

In realtà il paragone non è proprio esattamente calzante perché la refurtiva in questo caso non è un bene privato, ma pubblico, lasciato a marcire a causa di politiche neoliberiste a favori di pochi privati, ricchi e e privilegiati, che fanno pressione sui beni comuni per poterli acquisire a prezzi vantaggiosi. Quindi si stanno solo riprendendo ciò che è già loro, e nostro, in più offrendo un servizio alla comunità. Ricordiamo che le suddette attiviste non traggono profitto alcuno dal loro operato.

Inoltre il concetto di reato in questo caso è abbastanza discutibile, e forse richiede, come in altri paesi e persino a Milano, un ripensamento delle norme che prevedono il riuso, anche temporaneo, di immobili in abbandono. In altre parole, le istituzioni dovrebbero favorire in qualche maniera, chi è disposto a prendersi carico del patrimonio pubblico, senza oneri per la comunità, anche per brevi periodi, invece che relegarli costantemente e ingiustamente nell'illegalità ( che è un concetto relativo, lo decide la società di volta in volta, non ci sono più le tavole delle legge scolpite sulla pietra, perfortuna). Un esempio è l'associazione temporiuso, per rimanere in terreno italico, che a Milano si occupa di mettere a punto nuove norme e modalità di uso di proprietà immobiliari, pubbliche e non, inutilizzate.

A presto:)

Anonimo ha detto...

@9:41 Ovviamente la sua opinione è rispettabile, tuttavia, per quanto mi riguarda, non trovo lecito che un bene pubblico sia lasciato a marcire per anni, come accaduto con la sottostazione tramviaria nella quale ha sede Lucha y Siesta, finendo (così sì) per essere sottratto ai proprietari che, pertanto, subiscono un grave danno. Chi ha reso nuovamente utile un bene può anche avere violato qualche articolo di legge, ma certamente ha compiuto un'opera meritoria. D'altronde è evidente che in molte circostanze, violare una legge a fin di bene non può essere considerato senza fare dei distinguo; lei ha portato l'esempio di una rapina, ebbene se capitasse che, per inseguire un rapinatore, qualcuno si impossessasse temporaneamente di una bicicletta non sua, sarebbe paradossale condannarlo per furto...

Anonimo ha detto...

Il fatto è che possono anche avere ragione da un punto di vista morale, forse anche pratico, ma legalmente sono in torto oggi come quando hanno iniziato.
Un bene della comunità non significa che sia di un privato, cioè che un cittadino lo può prendere per farci una qualunque cosa, al di là di quanto sia morale/socialmente utile o illegale questa cosa. Perchè ci sono dei proprietari/responsabili del bene che non sono gli occupanti. Se poi i proprietari/responsabili sono inefficienti è un altro discorso che non si risolve con un azione di forza. E' come fare i vigilantes perché la polizia non c'è... si finisce in una situazione da Far West.
O si cambia la legislatura a riguardo od andrà sempre a finire male, per chi occupa (che prima o poi si troverà nei guai) e per la città(che prima o poi si trova situazioni complicate da gestire).
Come dicevo prima, questa è una situazione che indipendentemente da tutto e tutti, per come è impostata potrà solo finire male... l'incognita è solo quanto ci mette.
E su questo punto dovrebbe intervenire il comune, se gliene frecasse qualcosa per davvero del futuro della città ovviamente.

Anonimo ha detto...



Ogni santa volta riciccia il nazi fascismo!!!!!! MA BNASTAAAAAA. L'unica DITTATURA-cancro che soffoca e che ucciderà l'Italia è il CATTO-COMUNISMO-CIALTRONISMO-FOGNISMO. In cui vincono sempre e solo i prepotenti e i furbi e i disonesti e i cittadini soccombono, fino a dover espatriare dallo sporco assassino e marcio.

Dove si rispettano le regole e le norme comandano e vincono tutti i cittadini.
Dove ognuno fa (e viene lasciato sempre e sistematicamente fare!!!) come KAzzo gli pare, e parte da qualunque area del mondo per venire a fare a cialtronia come caxxo gli pare, vincono e comandano i violenti e i furboni e le mafie, e la società diventa INVIVIBILE, IN-VI-VI-BI-LE. Com'è l'Italia.

Buonisti d'Italia (il buonismo italico è condiscendente davvero con tutto e tutti!): FUORIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII.
L'Italia ha bisogno di una SANA ondata di mentalità "civile" di tipo svizzero! SUBITO, prima che il cancro catto-comunista-melmoso-buonista uccida del tutto questo paese.

"Buonisti" ma non buoni!Badate bene. Poichè ipocriti, e poichè mirano scientificamente alla distruzione della vivibilità!!!! Fate mente locale al passo del Vangelo secondo Luca ...

NB: come volevasi dimostrare: ogni santa volta ci sono deficienti che la buttano sul "fascisti!nazisti!razzisti!" ....mammamia...Povera Italia.

Anonimo ha detto...



Violare una legge a fin di bene........ Ma cos'è? Un film Horror!
Che schifo. La disonetsà ISTITUZIONALIZZATA. E con arroganza pure. IL far-west!
Già che ci siamo allora mettiamo questa cosa demenziale (e sbagliatissima!) nella Costituzione italiana: Art. 140: "Le leggi si possono violare 'a fin di bene', scelto da ognuno secondo la propria capoccia poichè ognuno ha un proprio 'fin di bene' a cui va riconosciuta tutela e data cittadinanza".
Contento signor "... violare una legge a fin di bene..."? Cosa ne dice?

L'inferno è davvero quaggiù.

Anonimo ha detto...


Violare una legge a fin di bene!
Questo è l'epitaffio sulla tomba della povera Italia MORTA!
E STRAMORTA.

Anonimo ha detto...


Io stamattina ho ammazzato il vicino del piano superiore poichè fuma e butta le cicche nel mio giardino, ho dovuto violare la legge e ucciderlo perchè con le cicche mi si incendia il giardino, e si rischia l'incendio di tutto il condominio e la i condòmini rischiano la vita. Quindi a fin di bene meglio che muoia lui solo e non che si distrugga il palazzo e le altre persone.
Sono proprio contento ...ho violato la legge...ma...a fin di bene! Mi aspetto che un prete venga a togliermi le eventuali manette che mi dovessero mettere ai polsi, e che politici e giudici (ideologizzati!) mi diano pure la medaglia! Caspita! Era a fin di bene!
Non permettevi di condannarmi: fascisti! razzisti!

Anonimo ha detto...

Per settembre 18 ore 12:13. Cioè veramente pensi che il paragone che hai fatto sia calzante? Cioè vuoi dire che togliere la vita a una persona(ovvero provarlo del suo bene più prezioso e personale) per motivi personalisti si equiparabile a ridare alla comunità una cosa che e già della comunità? E ti permetti di dare del deficente dopo ste cazzate?capiamoci, qua a nessuno gliene frega niente se sei fascista o razzista, il problema e che sei proprio ottuso e non capisci un cazzo. Ti da fastidio che ho portato l esempio del nzifascismo, perché ti triggera qualche tuo disturbo psicologico? Bene allora anche il divorzio o l aborto erano illegali e ora non lo sono più, meglio? Ti è più chiaro?

Anonimo ha detto...

@11:57 Vede, ancora oggi a chi critica il sistema sociale ed economico vigente in Italia, capita di sentirsi rispondere "allora perché non te ne vai a vivere a Cuba o in Corea del Nord?"; ecco lei non avrebbe che l'imbarazzo della scelta, tanto per non doversi spostare troppo lontano potrebbe trasferirsi in Ucraina o in Ungheria.

Anonimo ha detto...


Buonisti schifosi violatori della legge, siete la rovina e il cancro dell'Italia. ANDATEVENE IN COREA DEL NORD o a CUBA, schifosissimi DITTATORI catto-comunisti.
Avete reso l'Italia una fogna merdosa e maleodorante dove ognuno può violare le leggi inventandosi la scusa che la violazione "é a fin di bene".
L'Italia non é ancora morta! Può ancira virare verso la CIVILTÀ, ma dovete assolutamente SPARIRE: andate in corea del nord, voi dittatori catto-comunisti.

Anonimo ha detto...

Vabbè TSO zio, fai presto.

Anonimo ha detto...


Ai buonisti fognosi:

la legge NON SI DEVE violare MAI! In un ordinamento giuridico che voglia essere CIVILE, CREDIBILE e a favore del cittadino, MAI VIOLARE LE LEGGI e le regole, NESSUNA!

Casomai le leggi obsolete o inefficienti o nom adeguate alle domande della società in continuo divenire, vanno ridiscusse e cambiate o sostituite! Ma MAI VIOLARE UNA qualsiasi legge MENTRE É ANCIRA VIGENTE.
Altrimenti é dittatura!!!! E' schifosissimo catto-comunismo dittatoriale schiacciante e PREPOTENTE.
Maledetti schifosi. INCIVILI. L'iItalia é allo sfascio e allo sbando totale perché é un postaccio in cui le regole SI VIOLANO e SI CALPESTANO: basta solo che tu abbia boria e forza e disonestà/mafiosità/dittatorialità marcia, e puoi fare quello che vuoi.
SCHIFO INFERNALE. Che bello sarebbe se i dittatori catto-comunisti se ne andassero tutti a cuba e simili! Bastardoni intellettualmente (e anche concretamente!) disonesti.


Anonimo ha detto...



Le leggi si violano a fin di bene. Ognuno di noi ha un proprio "fin di bene" personale e situazionale o, peggio ancora, ideologico. Risultato: CIALTRONIA invivibile e incivile far west.

Anonimo ha detto...

Non è una questione di "fin di bene". Non c'entra niente la moralità. Ti stiamo solo dicendo che una legge solo per il fatto di essere legge non e e necessariamente giusta, bisogna valutare di caso in caso, come ha del resto fatto l umanità dall' alba dei tempi ad oggi. Poi tu hai portato degli esempi a cazzo, perché evidentemente ti piace coprirti di ridicolo. Ora da bravo vai a prendere gli stabilizzatori dell' umore

Anonimo ha detto...



LE LEGGI SI OSSERVANO! Punto e basta! Casomai si CAMBIANO se superate o non più rispondenti a certe realtà in divenire, ma finchè sono vigenti si OSSERVANOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!
Porca miseria. Dittatori catto-comunisti imperatori e impostori del caos e della melma.
In Italia domina lo SCHIFO! NOn c'è legeg e non c'è CIVILTA' perchè la dittatura catto-comunista altrimenti ...non ci potrebbe dominare!!!!
Alterimenti c'è il FAR WEST! HAi capito? O ci sono, e si osservano!, le LEGGI oppure c'è il far west! C'è l'inciviltà! E in pratica NON c'è uno stato!!!

Anonimo ha detto...



...perchè altrimenti vengono scientificamente da tutto il mondo a cialtronia proprio perchè sanno che qui le leggi non valgono nulla, e si scavalcano e si schiacciano!!! Capitooooooooooooooo?

Anonimo ha detto...



Il comunista:

"Compagno lavora tu che io magno. E dammi la casa! Non me la puoi dare? Razzista!Fascista!"

Anonimo ha detto...

"LE LEGGI SI OSSERVANO! Punto e basta! Casomai si CAMBIANO se superate o non più rispondenti a certe realtà in divenire"

Allora in quella selva di personalità dissociate che è la sua testa c'è n'è anche una sana!
Punti su quella e la tenga in superficie il più possibile!

Un salutone

Anonimo ha detto...



Si, ma fino all'eventuale cambiamento SI OSSERVANOOOOOOOOO. TUTTE.
Capito sciacallo catto-comunista dittatore del "faccio come mi pare per il MIO fin di bene/tornaconto nella cialtronia schiacciata dallo schifo e far west totale" ?
Voi sì che l'avete la testa sana! Per le vostre furbizie sulle spalle della società.

Anonimo ha detto...



Mi riferisco all'ideologia catto-comunista in generale. Non conosco lucha e siesta, o come cavolo si chiamano. Consociamo tutti però la marea di africane grassone ben pasciute e prosperose ( ma in quale guerra o miseria o persecuzione si ingrassa così? BOH) e omoni ben nutriti che costringono a spendere un mare di soldi per prelevarli dai barconi dargli alloggio e vitto e costosissimo welfare gratis e poi dargli pure la casa che chiedono urlando a gran voce e occupando immobili!!!!. La peggiore dittatura. Che ci schiaccerà e annienterà tutti, tranne a quelli "del ramo a fin di bene"!

Anonimo ha detto...


@settembre 19, 2019 2:28 PM

Faccia una cosa a nostro fin di bene: la smetta.
Un salutone

Anonimo ha detto...



Il comunista a fin di bene:

"Compagno lavora tu che io magno. E dammi la casa! Non me la puoi dare? Razzista!Fascista!"

Anonimo ha detto...

"Faccia una cosa a nostro fin di bene: la smetta.
Un salutone"

C'è qualcosa che non va?

Anonimo ha detto...

Le leggi si osservano....ecco Leggi ed Osserva
'stocazzo peloso mentecatto di un fascio baciaculo dei preti

Anonimo ha detto...

Tonelli, reggiti forte: il tuo eroe Caudo è contro gli sgomberi!!! Nello specifico contro lo sgombero degli occupanti di Astra (fonte: Romatoday).
T'è cascato pure l'eroe anti-Raggi........mannaggia la pupazza

Anonimo ha detto...

Il minus habens delle 2:45 e di tutti gli altri commenti della serie "la legge si rispetta" è il classico criminale deficiente della porta accanto, che se vivesse in una dittatura di quelle vere (mica come quelle fantasy delle quali sproloquia), denuncerebbe il vicino di casa "perché la legge si rispetta sempre". Nell'URSS avrebbe denunciato chi leggeva opuscoli religiosi, in Cile avrebbe denunciato chi faceva il sindacalista, a Cuba (40 anni fa) avrebbe denunciato un gay, in Italia (oggi!!!) denuncerebbe chi coltiva 4 piante in terrazza, in Iran denuncerebbe una ragazza "sconveniente". In sintesi, una merda umana che, oltretutto, (mi ci giocherei gli zebedei), probabilmente sarebbe denunciabile per un caleidoscopio di ragioni. Insomma, un consumatore abusivo di ossigeno.

Anonimo ha detto...

19 settembre, ore 6:49 PM.

92 minuti di applausi!

Mohamed Abdellatif ha detto...

العزل الأسمنتي: هي عبارة عن مادة اسمنتية سهلة الخلط يتم تطبيقها على السطح المراد عزله. العزل السائل: يتم رش طبقة أو طبقتين من العزل السائل على السطح المراد عزله. العزل باستخدام طلاء البيتومين: هو نوع من أنواع الطلاء الذي يعمل كطبقة واقية مانعة لتسرب الماء عبر السطح.

شركة عزل خزانات بالرس
شركة عزل خزانات بسكاكا
بالمجمعة
شركة عزل خزانات بالدوادمي

tramvinicyus ha detto...

Moa' NUN HO CAPITO L'URTIMA PAROLA, FIO MIO...SPIEGHETE BENE...

Anonimo ha detto...

Per avere qualche notizia in più e, magari, dare una mano:
https://www.produzionidalbasso.com/project/lucha-alla-citta/

Notre Dame ha detto...

Rugby World Cup matches live stream free online. How to watch Rugby World Cup 2019 Japan live stream & Find RWC 2019 schedule, TV channel, news update.

Rugby World Cup

Anonimo ha detto...

PORKAMADONNAAAAAAAA

Anonimo ha detto...

Io vorrei occupare quello stesso stabile per fare un centro per i minori stranieri abbandonati. Lo hanno avuto per 10 anni, ora tocca a me.... Che diritto hanno loro più di me?

Anonimo ha detto...

@ 10:11 La sua potrebbe essere una buona idea, magari sarebbe interessante conoscere qualche dettaglio in più circa il tipo di servizi che intende offrire, quali percorsi prevede di attivare ecc. (consideri che impegnarsi per dei minori soli è estremamente complesso e costoso sia dal punto di vista legale, sia per le molte e varie figure professionali necessarie). La parte, mi consenta, poco intelligente della sua proposta è la volontà di realizzarla in uno stabile che già offre, con successo, dei servizi estremamente utili che le istituzioni non possono o non vogliono fornire, per quanto obbligate dalla Legge a farlo; esistono moltissimi immobili inutilizzati e abbandonati come lo era in passato l'attuale sede di Lucha y Siesta. Basta guardarsi intorno, individuare un edificio adatto e tentare di farselo assegnare o, se necessario, occuparlo. Noto che esponendo la sua volontà parla al singolare (io vorrei...): immagino si tratti di una svista e che, insieme a lei, vi sia un certo numero di persone organizzate in gruppo che condivide il suo progetto. In bocca al lupo!

Anonimo ha detto...

Reddito di cittadinanza più quota B di 280 euro per affitto (in provincia te li tirano dietro gli appuntamenti) ticket sanitari gratuiti, asili nido gratuito
Tariffe servizi elettrici,gas acqua agevolati,
Sovvenzioni comunali, parrocchie locali.. Associazioni volontariato,mense sociali...
Che Dio salvi i penultimi!!!



ShareThis