Lo sfogo dell'ex tassista

13 maggio 2012

Da romano, e perdipiù da neo tassista, vedo e subisco il degrado della città e l’abbandono sistematico di ogni programmazione sulla mobilità.
Ieri ho assistito alla trasmissione Foro romano su Romauno, in cui Aurigemma cercava di rispondere alla incresciosa situazione dei bus turistici a via della conciliazione; poco da rispondere, il piano bus miseramente fallito, il parcheggio al Gianicolo vuoto, il posteggio auto di Cornelia chiuso da anni.
L’altro ieri il quadrante della città prospiciente via della conciliazione era bloccato dai pullman che cercavano di entrare numerosi nella via.
Siamo nel 2012 ed ancora non si capisce che almeno la ztl debba essere in funzione SEMPRE, che le corsie preferenziali servono e debbono restare efficienti. Questi giorni il traffico, nonostante il prezzo del carburante alle stelle, è letteralmente impazzito, e nessuno lo tiene a bada.. specie nei giorni vicini alle festività il già poco sufficiente lavoro di controllo sulla sosta selvaggia, si fa assente, su tutte le strade un tappeto di auto in seconda fila…
Ma che succede alla nostra povera città?
Roberto


*Caro Roberto, grazie per essere diventato anche tu un nuovo lettore del blog come tanti tassisti onesti e lucidi. Cosa è successo tu chiedi? E' successo che da anni, da moltissimi anni, la nostra città non riesce più a arginare lo schifo assoluto e la profonda inciviltà rappresentata dai suoi stessi cittadini. Dopo anni di discutibile governo della sinistra, i romani hanno deciso addirittura di peggiorare votando una amministrazione che ha posizionato allo strategico assessorato alla (im)mobilità un tizio di nome Sergio Marchi il quale in pochi anni è riuscito a distruggere quel pochissimo che di buono era stato fatto nei vent'anni che lo hanno preceduto: ztl, strisce blu, corsie preferenziali, piano bus, piano merci. Una sciagura totale: da non credere. Lo mandarono via, ma il suo successore, ad oggi, non è riuscito a rattoppare neppure una delle falle create da Marchi. E' normale che in tutto questo la città vada alla deriva, totalmente. E' un po' meno normale che una categoria che sulla mobilità vive e che è stata umiliata e messa nell'impossibilità di lavorare (la sosta selvaggia, le corsie preferenziali smantellate, la ztl aperta a cani e soprattutto a porci) non abbia fatto barricate per questo. Vi siete fatti svillaneggiare senza dire niente. Noi, Roberto, non vi capiamo. 
-Romafaschifo

0 commenti | dì la tua:

ShareThis