Perché questo articolo è riuscito a ingannare mezza città?

5 dicembre 2019
Il livello di assoluta emergenza intellettuale e culturale della città lo puoi verificare analizzando come e quanto è stato condiviso un articolo uscito qualche settimana fa su Il Tascabile.

L'articolo ha girato molto durante la prima metà di novembre. Aveva del resto tutte le caratteristiche per girare all'impazzata: era una trappola, e tutti ci sono caduti. Tono di voce erudito e competente, foto assai suggestive, scrittura semplice, chiara anche per chi non conosce i fatti elencati. E soprattutto la chicca: l’opportunità per tutti i cittadini romani - che in cuor loro sanno alla perfezione di essere in parte colpevoli in prima persona delle condizioni inaccettabili in cui versa la città - di scaricarsi spudoratamente la coscienza. Questo articolo mi spiega che la colpa di sto schifo non è mia neppure un po’ e dunque lo condivido! Il ragionamento inconscio di molti è stato questo.

Questo articolo in realtà racconta alla perfezione perché la città non uscirà mai fuori dalla pozzanghera di sterco in cui si rotola tutto sommato godendosela.

Il livello di negazionismo tocca vette psichiatriche. Il sotto testo (e anche il sovra testo) è chiaro: i cittadini si comportano in maniera incivile? Interi settori economici sono in mano al racket? L’amministrazione preferisce lucrare clientele mandando tutto in rovina piuttosto che governare in maniera rigida e seria? Gli investitori fuggono a causa di una ostilità ostentata verso chi fa impresa e a causa di una burocrazia assurda, malata e inefficiente? Il clientelismo è a livelli tali che ogni singolo amministratore è sotto ricatto? Niente paura: è colpa del disordinato sviluppo urbanistico del passato, dal Dopoguerra fino agli anni di Veltroni. È lì l’unico problema. Se il Comune non risolve il problema delle bancarelle, dei cartelloni, dei lavori pubblici, dell’arredo urbano, se i grandi eventi sono nemici invece che opportunità, se la gente si ferma in doppia fila anche se la prima fila è libera e se le buche sulle strade raccontano di corruzione e inefficienza è colpa di Porta di Roma, di Ponte di Nona e di Parco Leonardo. 

È colpa dell’urbanistica sbagliata del passato. E visto che il passato non si può modificare allora significa non solo che la città non potrà cambiare mai, ma che neppure ha senso lamentarsi. Se lo fate portate avanti una “retorica
 del degrado”. Perché il degrado, l’illegalità, la sopraffazione, l’umiliazione, la prevaricazione, la prepotenza specie a danno delle fasce più fragili, l’oggettiva impossibilità di condurre una vita normale, sono invenzioni, esagerazioni. Sono “retorica”! Dunque, non sono un problema reale. L’unico problema sono le folli (condividiamo) scelte urbanistiche degli anni passati. Gli unici problemi sono quelli che non possiamo affrontare e non possiamo risolvere. 

Come i pochissimi lettori accorti avranno capito, tuttavia, l'articolo non ha il fine di spiegare come si è sviluppata la speculazione edilizia a Roma. Quella è ormai una lagnanza accademica che tutti conoscono e che si insegna perfino al liceo. La storia della speculazione edilizia è vera e la conosciamo tutti. L'obbiettivo dell'articolo è solo apparentemente affermare "Roma è in queste condizioni solo per le colpe del passato". L'obbiettivo è più sottile: è giustificare il presente soprattutto quello composto dai movimenti per la casa, organizzazioni politiche violente e subdole che di tanto in tanto riescono a piazzare (anche su testate serie, questo è davvero singolare) articoli come questo per depistare. Proprio quando stai seguendo la storia, proprio quando assume le sembianze di un racconto oggettivo, cronologico, ben scritto, proprio quando le tue difese di lettore si abbassano arriva il fendente che ovviamente entra come coltello nel burro. E così i lettori escono dal contenuto convinti che i poveri occupatori siano in realtà semplici vittime e non approfittatori. 

Un modo losco e scorretto di fare giornalismo e comunicazione. Per il 95% del contenuto assumo le sembianze di una nonnina che ti spiega e nell'ultimo 5% mi rivelo per quello che sono: un lupo che ti vuole divorare. Quando però è troppo tardi e la schiacciante maggioranza dei lettori non sa più difendersi e ci casca. Ecco dove sta la vera retorica.

Ma questo articolo non fa solo questo: va perfino oltre. Non si limita nel tentativo di legittimare sottobanco le angherie di gruppi del tutto simili alla camorra che imperversano a Roma da anni impedendole di essere una città normale. No. Questo articolo (e non è certo il primo, ma solo l'unico di una sciatta serie di articoli iniziati probabilmente da Christian Raimo qualche anno fa) cerca di convincerti che Roma è in preda ad una autentica ossessione anti-degrado. Dipinge una città piena di paladini del decoro, nerd fissati che pensano tutto il giorno a come combattere le anomalie. 

Tutti sappiamo che la verità è un'altra. Tutti sappiamo che in realtà a Roma c'è il problema contrario ovvero il 99% della cittadinanza che se ne frega di tutto, che non partecipa, che non si interessa, che vive immersa nella totale omertà. A loro però questa cosa non basta. Il loro mondo ideale, il mondo in cui possono continuare a fare i loro comodi (sovente illegali) senza alcuna conseguenza, prevede che neppure l'1% della popolazione si civicamente attiva. Anche questi vanno annichiliti, annientati e per farlo bisogna renderli ridicoli, disegnarli come parte di una frenesia collettiva che non è mai esistita. 

Un articolo che merita una analisi perché unisce scorrettezza e faziosità ad una sofisticatezza inedita fino ad oggi. Corroborata dal supporto: una rivista autorevole facente addirittura capo alla Enciclopedia Treccani. Un salto di qualità da parte di coloro che stanno facendo carte false per evitare che questa città si svegli e cambi.




29 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Ed ecco l'ennesimo post della redazione di Roma fa schifo che si impegna a deligittimare i movimenti per la casa e in generale il dibattito intorno al tema dell'oggettiva emergenza speculativa ed edilizia sul territorio romano e della provincia metropolitana. L'articolo che viene citato, sottolinea come tra i veri problemi della città, passati e presenti, ci sia quello della speculazione edilizia. Non dice che è l'unico, ma decide , nello spazio standard di un articolo di divulgazione, di soffermarsi su quel tema specifico.
Di certo non un articolo rivoluzionario, si limita a dire cose ovvie, ma visto il panorama culturale e imprenditoriale di una certa parte del marcio tessuto produttivo della capitale, riesce addirittura a destare scalpore.
Evidentemente chi foraggia la redazione di questo blog, che ormai tutti sanno essere figure legate al mondo dell'edilizia romana, hanno fatto pressioni per evitare troppe prese di coscienza.

Ma non disperiamoci! Il Blog ci promette un analisi!
"Un articolo che merita una analisi perché unisce scorrettezza e faziosità ad una sofisticatezza inedita fino ad oggi"

Bene siamo in attesa di una lucida analisi, punto per punto e ovviamente supportata da dati, non frasi ad effetto, che smentiscono la tesi dell'articolo.
Attendiamo fiduciosi!!

Anonimo ha detto...

Ti sbagli. L'autrice de Il Tascabile ha scritto un articolo, oltre che ben strutturato, con un focus preciso, in modo rendicontato, analitico e per la capacitá di fare il punto, sebbene non rivoluzionario (come afferma il commentatore precedente) ha convinto.
Roma fa schifo invece salta di palo in frasca, si contraddice e spesso mette tutto nel calderone. E non firmandosi (pratica ridicola) si permette di dire tutto e il contrario di tutto. E per questo non risulta nè autorevole nè capace di inaugurare qualsiasi progettualitá.

Anonimo ha detto...

I 10 comandamenti dei romani:
1) Roma è la mejo di tutte le città ed i romani sono i più fichi e furbi, quindi sticazzi delle altre città
2) Di tutta Roma, il mio quartiere è il più fico e quelli di quel quartiere sono i mejo,  quindi sticazzi degli altri quartieri
3) Di quel quartiere la mia via è la più fica, ed io sono il migliore, quindi sticazzi degli altri
4) Essendo il migliore sono autorizzato a fare quello che voglio
5) Non esistono problemi, se esistono è colpa dello stato/regione che non pensa abbastanza a Roma, la quale essendo fica è esente da colpe.
6) Se non è colpa dello stato è colpa del sindaco di turno... cambia lui/lei e tutto va posto. Il romano essendo fico è esente da colpe.
7) Fuori dal raccordo c'è agro scarsamente popolato (vale dalla Val d'Aosta alla Sicilia) di nessun valore
8) Rubare è da furbi, noi romani siamo furbi quindi noi possiamo rubare
9) Niente deve cambiare, la città eterna é eterna apposta e non cambia in quanto già perfetta così
10) Ogni affermazione che nega i regolamenti precedenti è frutto di persone che mentono spudoratamente perché rosicano di Roma e dei romani, e di quanto sono i mejo.

Anonimo ha detto...

https://www.youtube.com/watch?v=Q95v4cEB8EA
Canzone di Max Pezzali su Roma e i suoi problemi, notare la conclusione "Sti cazzi"

leless ha detto...

Non è che sostenendo il contrario di tesi faziose e false automaticamente si sta dalla parte della ragione. Come dire che tra fascismo e comunismo non ci siano alternative. Dare la colpa di tutto all'assenza di piani regolatori (nonè neanche vero, leggersi quello di Morassut) è una distorsione probabilmente tendenziosa, come giustamente rilevato; ma tornare alla solita stanca e sterile e razzista e sciocca tesi che tutti i romani sono delle merde e basta è altrettanto demenziale.

Anonimo ha detto...

Sono marionide...
Ascolto TLDT con le cuffiette mentre faccio la foto ai 5 motorini in croce...
Twitter e' la mia vita...
Mi abbraccia, mi sento al sicuro...
Ci passo 25 ore al giorno, anche quando dovrei lavorare...
Pero' gli altri debbono lavorare...
Perche' glielo dico io.
Vista l'ultima presa per il culo...
Ho contattato il serial photographer per un altro sondaggio su twitter...
Avevo paura di essere spernacchiato nuovamente...
Sono ciccione...
Sono barbuto...
Sono rancoroso...

N'galopeiiiii...n'galopeiiiii...

Anonimo ha detto...


E' la dittatura catto-comunista: le case si possono e si devono occupare; è lecito rubare; è lecito l'esproprio proletario; il degrado, il caos, la giustificazione (e il supporto) delle illegalità, sono cosa buona e giusta poichè solo all'interno di essi il popolo è manipolabile, schiacciabile, impedito a ogni emancipazione, e quindi dominabile, come serve a una dittatura.
Genti di tutto il mondo: mettetevi sui barconi e venite a occupare case a Cialtronia. Voi servite a rimpinguare la dittatura/mafia/strapotere catto-comunista di merda che attanaglia nelle sue spire Roma e l'Italia tutta.
E' uno stra-potere...e infatti può utilizzare anche la Treccani, e i mezzi mediatici, e i sofismi subliminali, e la politica, ecc ecc ecc.
Si chiama DITTATURA. DIT-TA-TU-RA.

Anonimo ha detto...

11:37 AM GENIO GENIO GENIO GENIO PORKAMADONNA!!!


892381298371298372938172 ORE DI APPLAUSI

Anonimo ha detto...

Ma Roma ha dei problemi o no?
Se no, apposto così e via sempre uguali. Se si, e la risposta non è il classico "sticazzi" allora la colpa deve stare anche nella popolazione.
Primo perchè sono l'unica costante nei 20 anni di declino in cui si sono susseguiti tutti i colori politici.
E secondo perchè il politico, prima di diventare tale, nasce come cittadino.
L'impostazione è quella, se ci aggiungi la corruzione del potere hai il politico di ridicolo tanto decantato.
Siete voi a dover cambiare, oppure a fare "sticazzi" ma senza lamentele o richieste di aiuto da provincia/regione/stato a quel punto.
Non vi capisco. Siete talmente abituati a raccontarvi storie che avete finito col crederci mi sa.

Anonimo ha detto...

Sono sorcio (cit.)

sam ha detto...

concordo
oramai apro il profilo facebook solo per farmi 2 risate

Anonimo ha detto...

Brav*

Anonimo ha detto...

Mah, mi sembra che l'articolo che citi (e che non avevo letto) faccia solo considerazioni generiche senza affermare nulla di importante. Quel che affermi mi sembra tutto un film che ti sei fatto tu in preda al tuo odio e alla tua frustrazione.
I romani sono persone eccezionali. Stai a pezzi.

Anonimo ha detto...

È barbutello

È paffutello

È frustratello

È ngulopeiro.

Anonimo ha detto...

È sorcio (cit.)

Anonimo ha detto...

Boh Roma fa schifo secondo me esageri! Ti parlo da persona che ti segue e spesso condivide ciò che sostieni, ma che ha anche condiviso il pezzo de il tascabile: a mio avviso le due visioni non si escludono. La versione data dal pezzo è semplicemente quella edulcorata che, ad esempio, è comoda da avere a portata di mano quando lavori con investitori che guardano a Roma e vuoi trovare una escamotage di classe per provare a spiegare in parte cosa c'è che non va e al tempo stesso non dover scendere troppo nel dettaglio ;)

Marco ha detto...

Idem

Anonimo ha detto...

nulla di nuovo. DIciamo che quando si parla di speculazioni edilizie e di centri commerciali arrivi a raccontare che i problemi sono altri ! E te pareva...

Anonimo ha detto...

Troppo vino fa scrivere articoli sbilenchi e contraddittori.

Anonimo ha detto...

Cara Roma fa schifo, ti seguo con interesse da parecchi anni.
Purtroppo in merito a questo articolo hai preso una toppa clamorosa, ribaltando tu il senso di quanto scritto.
Sono un ingegnere che si occupa di pianificazione dei trasporti da oltre 15 anni, ho lavorato in quell'immondo porcilaio che è diventato lo Stadio della Roma, quello che viene riportato nel citato articolo è la scriteriata pianificazione urbanistica messa in atto negli ultimi anni dalle Amministrazioni Comunali di Roma.
L'idea di nuove centralità, come le new town inglesi, può essere corretta se sorretta da una pianificazione della mobilità coerente. Sbattere centinaia di migliaia di persone in periferia, senza garantirgli un efficiente trasporto pubblico di adduzione al centro (ancora siamo con gli uffici al centro, dove sono finiti i progetti di decentramento direzionale come lo SDO?) crea dei ghetti e costringe le persone a prendere l'auto privata per spostarsi (ricordo che le New Town inglesi furono pianificate come quartieri che dovevano sorgere vicino a ferrovie esistenti). Nel municipio di porta di Roma abitano circa 300.000 abitanti che la mattina per spostarsi verso il centro hanno solo due ponti sull'Aniene su cui riversarsi.
Il problema è che prima occorre costruire le infrastrutture di trasporto pubblico e dopo, solo dopo, realizzare nuovi quartieri.
Aggiungo in ultimo che queste nuove centralià, separate dal tessuto urbano, dove soprattutto i giovani che non hanno macchine e/o motorino sono costretti a vivere come reclusi incontrandosi non più nelle piazze, nei parchetti, nelle parrocchie ma nei centri commerciali, i veri nuovi punti di aggregazione moderni che non danno nessuna possibilità a piccole attività di svilupparsi e creare quel tessuto urbanistico/sociale alla base di ogni comunità (ricordo che il film di G. Romero l'alba dei morti viventi girato ormai 40 anni fa in un centro commerciale era una satira del consumismo sfrenato e di questi pseudo punti di aggregazione dove gli zombie, seppur morti, avevano un vago ricordo della loro vita precedente e come i vivi di oggi tornavano a frequentare queste "strutture di aggregazione") divenute ormai dei ghetti portano la gente all'esasperazione, tal volta unendosi in comunità non proprio ortodosse.
In definitiva, senza accusare politici e politica in particolare, il problema è la pessima, miope pianificazione.
Saluti

Packers And Movers Ahmedabad ha detto...

This is a wonderful article, Given so much info in it, These type of articles keeps the users interest in the website, and keep on sharing more ... good luck @ Packers and Movers Ahmedabad

Franco ha detto...

Buongiorno

Questo messaggio è per gli individui, chiunque abbia bisogno di un prestito speciale per ricostruire la propria vita. Stai cercando un prestito per rilanciare le tue attività o per la realizzazione di un progetto o hai bisogno di soldi per acquistare un appartamento. Ma sei stato bandito dalla banca o il tuo file è stato rifiutato dalla banca. Sono un individuo che concede prestiti che vanno da 1.500 a 500.000 euro a tutte le persone idonee. Non ho bisogno di molti documenti, ma devi essere una persona sola, onesta, affidabile e saggia. Concedo prestiti a persone che vivono in tutta Europa e nel mondo.
Il mio tasso di interesse è del 3% all’anno. Se hai bisogno di soldi per altri motivi, non esitare a contattarmi per ulteriori informazioni. Sono disponibile a soddisfare i miei clienti entro 72 ore dalla ricezione del modulo di domanda. Se sei interessato
Cordiali saluti.

E-mail: franco5cassano@gmail.com

mauro ha detto...

offerta di prestito in 48 ore.
Ciao Hai problemi finanziari? E quelli che hanno problemi a ottenere prestiti in conto capitale da banche locali e altre istituzioni finanziarie. Si prega di fare riferimento a questo indirizzo E-mail: maurogiovanni00@gmail.com

whatsapp: +55 11 97 6315 893

mauro ha detto...

offerta di prestito in 48 ore.
Ciao Hai problemi finanziari? E quelli che hanno problemi a ottenere prestiti in conto capitale da banche locali e altre istituzioni finanziarie. Si prega di fare riferimento a questo indirizzo E-mail: maurogiovanni00@gmail.com

whatsapp: +55 11 97 6315 893

mauro ha detto...

offerta di prestito in 48 ore.
Ciao Hai problemi finanziari? E quelli che hanno problemi a ottenere prestiti in conto capitale da banche locali e altre istituzioni finanziarie. Si prega di fare riferimento a questo indirizzo E-mail: maurogiovanni00@gmail.com

whatsapp: +55 11 97 6315 893

Anonimo ha detto...

Adoro tutti i post, mi sono davvero divertito Play other y8 game, vorrei maggiori informazioni su questo, perché è molto bello., Grazie per averlo condiviso.

Escorts in mumbai ha detto...

We merely sincerely self-assurance these exceptional articles materials you have obliged Mumbai Escorts. We neglect the get concerning period to abuse yet We am in addition just pure just like examine forms about some clientele.

Rowshan ara ha detto...

Nice Article. Very informative and helpfull. Thanks SSC suggestion 2020..Visit our website- learn how to make money online।।।।।।।।।।JSC result 2020 ।।।।।।।।।।।।।।JSC rescurtiny process  Gp internet offer 2020 SSC result publish on 06 may in bangladeshg- now lets gets SSC result. Diploma result all pdf download.  health tips

Rowshan Ara ha detto...

Vary Impormative and helpful. Nice Article. SSC result 2020 Barishal board---ajkerfact-----Diploma result 2020--------Helath tips BD. Download free blogger template click here. Many many thanks.

ShareThis