22 luglio 2019

Perfino il mitico Giardino degli Aranci sta morendo. Piante senz'acqua e zeppe di parassiti













Uno dei luoghi imperdibili di Roma Capitale, adiacente alla Basilica di Santa Sabina all’Aventino, è diventato un altro triste esempio di totale abbandono e di profondo disprezzo per il verde.
 
Il Giardino degli Aranci con un affaccio unico e celebre sulla Capitale, versa ormai in uno stato di incuria incredibile: non c’è più erba nei prati e le decine di aranci amari, che caratterizzano il progetto degli anni Trenta firmato dal noto architetto Raffaele de Vico, sono tutti talmente malati da farne presagire una tristissima fine.
 
E’ evidente che da tempo le piante non vengono concimate, trattate e bagnate. I frutti portano le stimmate della sofferenza e sono soffocati da ragnatele e parassiti. Nei vasoni, che insieme alle panchine di travertino ornano il giardino, sono lasciati resti di oleandri secchi. Intorno tutto è polvere, cani che vanno e fanno quello che vogliono, cartacce dovunque, tracce di tanti picnic disperati dove prima c’era l’erba.
 
Solo tre anni fa il Giardino degli Aranci era tornato infatti ad essere un luogo incantato dopo l’intervento di restyling e di valorizzazione della Fondazione Sorgente Group che riportò questa porzione di Aventino (8.000 mq) alla sua originaria valenza. 
Poi la gestione è ritornata al Comune e ora, se l’Amministrazione non corre ai ripari, la Capitale perderà un altro pezzo della sua storia e bellezza.  

33 commenti:

  1. Che la Fondazione Sorgente Group ora denunci questa inqualificabile amministrazione.

    RispondiElimina
  2. Che peccato dove ti giri è la disfatta di ogni cosa, una città distrutta, immobilizzata, dove regna il fuori controllo di tutto!
    Eppure per risolvere ogni cosa basterebbe solo una cosa: assumere, assumere, assumere gente che sta a casa a fare inutilmente i disoccupati quando serve invece personale ovunque!

    RispondiElimina
  3. Con un piccolo emendamento al reddito di cittadinanza e con un po' di buona volontà da parte di tutti basterebbe fare un corso ai percettori di suddetto reddito ed abilitarli alla cura del verde e alla pulizia della città. Penso che tanta persone piuttosto che stare a casa a fare niente sarebbero ben contente di sentirsi utili per se stessi e per amore della propria città.

    RispondiElimina
  4. @Domenico
    Conta che non è ancora pertita una beata mazza, a parte il pagamento del reddito. Navigator, centri di collocamento, ore di lavoro pubblico da fare.

    è solo partita la paghetta (per molti si tratta solo di poco denaro, visto che percepiscono gia altre fonti statali), altrimenti tra i votanti bisognosi ci sarebbe scappata la rivolta.

    Quindi, lasciamo morire Roma. A posto cosi, non ne sentiremo la mancanza, tanto i monumenti non moriranno di fame e potremo recuperarli in futuro, quando la città sarà disposta ad entrare nel mondo civile.

    RispondiElimina
  5. SE VABBE'.. MA A TIBBBURRRTIIINNAAAA ???? NOVITA'???

    RispondiElimina
  6. Sembra che la Regione incalzi per la discarica, allora fatela qua e problema risolto.
    Tanto checcefreca... a Roma i turisti ce vengono sempre, semo la capitale.

    RispondiElimina
  7. Ma che senso ha ristrutturare un giardino senza prevedere una irrigazione ? Oppure c'era e si è rotta ? Dubbi romani che restano senza risposta.

    RispondiElimina
  8. credo che oltre ad un giardino sia anche un bene culturale e architettonico, quindi se non interviene il comune dovrebbe intervenire lo Stato, e di corsa

    RispondiElimina
  9. Fossero questi i problemi! La povera gente non ha di che arrivare alla fine del mese e questi pensano al "giavdino degli avanci", ma fate il piacere, fate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anfatti, 'aaa gente nun c'ha da magnà, kecce frega se 'aaa città è in malora, l'importante è annà 'aaa 'ooo stadio a vedè giocà 'aaa maggica, tanto a Roma i turisti ce vengono sempre, c'avemo er Colosseo e semo 'aaa gabbidale

      Elimina
  10. Era ora, occasione per farci un parcheggio. A Roma servono parcheggi, se vuoi il verde vai nel bosco.

    RispondiElimina
  11. Alcuni commenti a questo post ti fanno capire subito che le cose sono come sono perché ai romani (in media) non interessa migliorare. Non interessa il verde, interessano i parcheggi.

    É sicuramente vero che alcuni non arrivano a fine mese e ci sono problematiche gravi. Ma questo non é a mio avviso una scusante per lasciare uno dei posti piu belli di roma in questo stato di incuria.

    RispondiElimina
  12. Ma ancora non abbiamo capito che è andata in malora l'intera città? Che chi dovrebbe governare, amministrare non è in grado neanche di pulire i propri bisogni? Paghiamo caro l'inutilità di gente pagata a peso d'oro che ci ha portato allo sfacelo....

    RispondiElimina
  13. Ma invece, non esiste più un'opposizione politica che sottolinei queste cose? Mi pare che qualcuno non 5 stelle era stato eletto in Campidoglio, che fine hanno fatto?

    RispondiElimina
  14. Sticazzi... gli aranci me li compro al supermercato. Stiamo a Roma, mica nei paesotti burini fuori il raccordo dove vanno a coglie la frutta nei campi.

    RispondiElimina
  15. Paradossale ...ma a curare quel minimo i giardini a Roma erano le coperative di Buzzi.
    Sappiamo come e` andata

    RispondiElimina
  16. Ma è la fondazione che vanta fra i suoi consulenti Michela di Biase, consigliere Pd a Roma e moglie del ministro della cultura, Dario Franceschini?

    RispondiElimina
  17. che lugubre cacatoio! Ora vorrei proprio vedere con che faccia diranno che è colpa dei governi precedenti.

    RispondiElimina
  18. Roma superficie 1287 kmq è più estesa di Milano (181 kmq), Firenze (102,4 kmq), Bologna (140,9 kmq), Genova (243,6 kmq), Torino (130,2 kmq), L'Aquila (473,9 kmq) messi insieme. Sono presenti 14 Municipi.
    Governare una città di queste dimensioni è molto difficile senza la collaborazione di municipalizzate e dei cittadini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Londra ha un'estensione maggiore e non viene trattata cosi. La dimensione non è una giustificante, non lo è mai stata.

      Elimina
  19. Almeno hanno riaperto il clivio di Rocca Savella. Poi all'entrata del giardino degli aranci (amari e quindi non commestibili) c'è probabilmente l'ultimo venditore di lupini e bruscolini di Roma. Solo questo vale la passeggiata. Nel giardino si può anche non entrare. Per la vista, meglio il Gianicolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'ha la licenza il venditore di bruscolini? E l'haccp? Le paga le tasse o e' un Griminale busivo pure lui?

      Elimina
  20. ma sti cazzi der giardino daaransci. nun ce ne frega un cazzo de quer parchetto pieno demmerda a s.saba. qua nun ve rendete conto che il problema principale è che er presidente Pallotta sta cor pepe ar culo pe a storia doo ssadio. Pure er cappitanio se ne è ito sbattendo a porta. qua serve che la asroma comincia a costrui senno semo belli che finiti ner cesso. anzi gia ce stamo nella merda. e gli ammerigani vonno pure fa cassa li mortacci loro. co tutti i petrodollari che c'hanno vonno pure vende Dzego. eh no belli qua l'aria comincia a fasse pesante ma er pesce puzza sempre daa testa. quinni giu co ste firme e iniziamo i lavori pe lo ssadio. poi sti cazzi daa metro e der trenino. tanto a vede la partita ce se va coo sguderone. che fai sventola er bandierone dentro ar vagone der trenino pe Ossia? e annamo dai...

    RispondiElimina
  21. Ma quale giardino degli aranci! Volete un bel giardino? Andate a Ninfa e non rompete il cazzo.

    RispondiElimina
  22. ".....se vuoi il verde vai nel bosco."
    Se vuoi il cemento, vai in un cementificio
    se te piace la macchina, fatti assumere alla Fiat di Cassino.
    Se te piace la fica.....pagala
    se te piace l'uccello.....che almeno non sia del malaugurio

    RispondiElimina
  23. il benaltrismo impera, c'è poco da fare. Ma come è stato giustamente detto, non è che se ci sono certi problemi allora gli altri non esistono.
    Poi se i problemi veri siano i parcheggi è da vedere, c'è sempre qualcuno che con buone ragioni può invocare i trasporti, o le scuole etc etc etc
    La vicenda del verde pubblico, anche non volendo coglierne le implicazioni a livello di benessere, turismo, etc è magari meno urgente (ma appunto, chissà), ma sicuramente un evidentissimo campanello d'allarme. Se il comune non è in grado di tenere a posto un giardino, figuriamoci tutta la città. E infatti.
    Cordialità

    RispondiElimina
  24. Ülkenin içinde biri Olan Büyük kanallarından atv izle, onu gün yayınlanan birçok Farklı Yüksek Kaliteli Programın Yanı Sira sayısız kalite serisiyle birçok izleyiciyi Ekrana bağlayabiliyor. İlk güne kahvaltı ile ilgili bilgilerle bu güne yüksek kaliteli zincir, gündemdeki en önemli gelişmeleri sabahın erken saatlerinde geçen izleyiciye aktarıyor. Ayrıca öğleden sonraya kadar tüm gelişmeleri izleyicileri ile paylaşıyor.

    RispondiElimina
  25. Ai benaltristi: se ci arrendiamo allo schifo è la fine, in tutti i sensi. Dalla tutela dell'ambiente dipende la nostra salute fisica e mentale. Non è il meno urgente dei problemi della nostra città, anzi, direi che è prioritario. Degrado chiama degrado. POSSIBILE CHE NON LO CAPIATE? Inondiamo di email l'Ufficio Giardini Dipartimento Tutela Ambiente L.D.Ambiente@comune.roma.it, allegando foto, oppure chiamare il n. 06-67105457. Ho appena inviato una email con foto sulla situazione di degrado e sporcizia davanti all'ufficio delle Poste di Via Marmorata. Non so se servirà a qualcosa ma non bisogna arrendersi, non bisogna abituarsi allo schifo.

    RispondiElimina
  26. Raggi vai a casa. Hai fallito !

    RispondiElimina
  27. Bè, c'è più di un motivo per questo sistemico, intenzionale, apparentemente inspiegabile attacco a ogni cosa verde.
    Tra i vari, quello di impedire la visuale.
    I servi devono essere sempre a vista,e possibilmente tisici.
    A casa loro, nei villoni, alberi di 40 metri mai potati.

    RispondiElimina
  28. .




    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it


    .

    RispondiElimina
  29. Norton setup - Get started with Norton by downloading the setup and installing it on the device. Enter the unique 25-character alphanumeric product key for activation. Check your subscription norton.com/setup | norton.com/setup | norton.com/setup

    RispondiElimina
  30. Office Setup - Are you looking for the steps to download and install the Office Setup to the device? Here is the simplest method to do so. Activate your Office product by visiting office.com/setup | office.com/setup

    RispondiElimina

Ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che inserisce nel commentario. Questa bacheca non può essere moderata a monte.