12 luglio 2019

Dopo il palazzo, gli occupatori di SpinTime si sono impossessati di un parco pubblico a Via Statilia


Ogni giorno l'asticella viene collocata un millimetro più su, avete notato? Qualche settimana fa ci fu l'elemosiniere del papa, con l'eroico riallaccio della luce al palazzo occupato. Ora siamo direttamente all'occupazione dei parchi pubblici...
Non paghi di essersi presi da anni un enorme edificio nel pieno centro della città mentre i loro concittadini si fanno in quattro per pagare mutui, affitti o decidono di andare a vivere in estrema periferia o fuori Roma dove si possono permettere di stare, gli amici di SpinTime hanno traversato la strada e dopo il gigantesco palazzo di Via Statilia ora si sono impossessati anche del parco pubblico dirimpetto.

Adesso è loro, praticamente di loro proprietà. C'è stata proprio una specie di colonizzazione che sconsiglia a chiunque altro di entrare. Questa volta, oltre che con la complicità del I Municpio grande amico degli abusivi e grande nemico per chiunque - cittadino o imprenditore - si voglia muovere nella legalità, gli occupatori illegali si sono mossi fianco a fianco con la famigerata associazione dei genitori della scuola Di Donato. Il colmo: una operazione illegale, abusiva e pure pericolosa, con contenuti peraltro discutibili e senz'altro schierati e estremisti, passata come momento di educazione per i bambini. Difficile pensare a qualcosa di più meschino.

La prima giornata di operazioni in quello che è stato ribattezzato "Parcobaleno" con tanto di profilo Facebook è stata la presentazione di un libro. Al tavolo oltre che all'autore - Andrea Catarci - anche Emiliano Monteverde appunto del I Municipio a riprova di quel che si diceva sopra e Andrea "Tarzan" Alzetta, esponente della malavita delle occupazioni romane. Davvero molto molto di beneficio per i bambini.
due gruppi elettrogeni nell'area verde del parco
Ieri sera poi si è toccato il culmine. Gli occupatori erano impegnatissimi ad allestire un rudimentale cinema all'aperto servendosi in parte delle strutture del parco e in parte portando teli e panchine. Per far andare l'elettricità sono stati portati nell'area verde (!) due puzzolenti gruppi elettrogeni a kerosene e i cavi elettrici svolazzavano dappertutto con pericolosa vicinanza tra prese elettriche e pozzanghere create dalla fontanella del parchetto. 
Cavi elettrici, prese, ciabatte in mezzo alle pozzanghere con i bambini che ci passano sopra. Aspettiamo il bambino folgorato per intervenire...
Qualsiasi associazione culturale regolare che avesse voluto realizzare manifestazioni e iniziative nel parco sarebbe stata bloccata: soprintendenza, Vigili Urbani, Municipio, Vigili del Fuoco, Asl ecc ecc. Se invece sei abusivo puoi fare quello che vuoi e nessuno ti dirà mai niente. Del resto gli organizzatori lo dichiarano nero su bianco nel loro manifesto riguardante le attività nel parchetto che fu ripulito lo scorso febbraio da Retake: "vengono prima le persone e dopo le norme!". Testuale. Questo insegnano i Genitori della Di Donato ai loro figli, la filosofia del chiunque può fare quello che gli pare. Questo promuove il Primo Municipio. Intanto stiamo coi gruppi elettrogeni a kerosene appoggiati sulle sterpaglie secche di un parco pubblico. Così vediamo che fine fanno i bambini in caso di incendio...

Intanto, grazie ai mille agganci politici e ai papà potenti in Giunta, i "ragazzi di Scomodo", rivista universitaria, dopo aver cercato di impadronirsi di Palazzo Nardini, stanno per aprire la loro mega redazione dentro lo stesso palazzo occupato di Via Statilia. In barba a tutti i soggetti culturali della città che la loro sede se la pagano così come le utenze, il personale e le tasse. Tutta la storia la potete trovare qui

79 commenti:

  1. Hanno fatto bene. Meglio occupare che regalare spazio comune ai privati.

    10-100-1000 dicevano una volta in piazza, brandendo sampietrini e perché no? pistole.

    RispondiElimina
  2. Questa è la Roma che molti vogliono (motivo per cui non cambia mai niente).
    Un posto dove ognuno è libero di fare il cavolo che gli pare a discapito di tutti (se stesso compreso).
    In questa tristissima pseudo anarchia ovviamente ci sono delle classi sociali ben definite, com conseguenti libertà ben definite (ovvero il poveraccio non potrà occupare nulla, però buttare a caso l'immondizia si).
    Aggiungi la comica sicurezza dei romani (che altro non è che pigrizia e paura) auto-convinti che tutto va bene, che niente è migliorabile, che fuori è tutto peggiore e tutti li invidiano ed hai la Roma del presente e del futuro.
    Daje regá!

    RispondiElimina
  3. @10.50 a parte che i privati pagano, quindi meglio regalarlo a chi occupa? per poi farlo fruire a chi dicono loro?

    RispondiElimina
  4. paghino pure. io vivo in Belgio e vi piscioinculo a tutti.
    voglio vedere Roma occupata in faccia a voi, gente piú vitale di voi...


    RispondiElimina
  5. Bernadotto Pupponiluglio 12, 2019 1:34 PM

    Beato tu che vivi in Belgio

    RispondiElimina
  6. ecco, stattene in Belgio che forse impari un po di senso civico e non rompere i c......

    RispondiElimina
  7. Ahahhaahh mamma mia c avete i complessi perche loro hanno una redazione e voi no?

    RispondiElimina
  8. ma davvero un municipio può fare questo ? è legale ?

    RispondiElimina
  9. "Hanno fatto bene. Meglio occupare che regalare spazio comune ai privati"

    gli occupanti non sono dei privati cui regali qualcosa di pubblico ?

    RispondiElimina
  10. "Aggiungi la comica sicurezza dei romani (che altro non è che pigrizia e paura) auto-convinti che tutto va bene"

    non credo ci sia un solo romano che pensa che tutto vada bene. alle elezioni europee l'83 per cento dei romani ha votato contro chi governa il comune oggi
    però, come dice l'articolo, c'è un problema enorme : il I municipio. se pensiamo alla importanza del patrimonio sotico e artistico, paesaggistico e architettonico del I municipio lo dovremmo mettere fra i luoghi più importanti del mondo. e guardiamo come è amministrato !

    RispondiElimina
  11. Naturalmente la legge c’è ma nessuno la vuole applicare, lo dissi anche nell’articolo precedente, che se non si muovono gli uomini della giurisprudenza e fanno valere le leggi e gli articoli penali, l’illegalità continuerà all’infinito,
    Tutta Roma è finita in questa situazione, questo qui non è solo un caso isolato di un solo municipio, ma di tutta un’intera città.

    RispondiElimina
  12. PRO OP RED SKIN SANLOLLO77luglio 12, 2019 8:02 PM

    Occupare in faccia a voi
    perché siamo piú di voi
    Noi la Roma del sociale
    Quelli come voi all'ospedale
    Siamo la Roma antifascista
    Di quelli che ti sputo in faccia
    Siamo la Roma bella variopinta
    Naturalmente antifascista

    UN PO' QUI UN PO' LA
    OCCUPIAMO LA CITTÀ
    NOI SIAMO UNO PIÚ DI VOI
    OCCUPIAMO IN FACCIA A VOI

    A COMPLESSATI! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi scavate la fossa da soli.
      Pensate di danneggiare il padrone ma fate il suo gioco. Pensate di essere liberi con queste azioni ma in realtà lo siete solo nello spazio (sempre piu piccolo) che volutamente viene concesso dalle stesse persone che volete danneggiare e chi vi usano per guadagnarci.
      Occupate i palazzi? Meglio, meno concorrenza nel mercato immobiliare e sempre gli stessi a guadagnarci con prezzo assurdi.
      Trasformare San Lorenzo in una zona "sociale". Meglio, più spazio per attività clandestine e profitti in nero. E così via.
      Somma tutto ed hai pochi privati a guadagnare e molti che ci rimettono per carenza di servizi e simili.

      Elimina
    2. Quindi,per te, occupare sarebbe antifascista? Studiati la storia o leggiti M. Scoprirai che il fascismo degli inizi si fondava sulle occupazioni abusive.

      Elimina
    3. sticazzi meglio pochi che guadagnano e sanlollona sociale che come immaginata da voi. ciaone e occupazioni a rotella fino al 2070, tanto... NUN CE CACCIATE!

      Elimina
    4. No famme capi. Meglio far guadagnare pochi a discapito di tutti? Mi sono perso qualcosa o hanno redatto un nuovo manifesto del comunismo? Abbiamo bene, proprio anti-fascisti.
      Comunque nun ve cacciano lo so... fino a che fate comodo li almeno.

      Elimina
  13. Innanzitutto non sono persone, ma sono gli escrementi della società. Per questo vengono usati come tali, per sporcare. E' il modo in cui qualcuno sta distruggendo la civiltà italiana.
    Però direi di cominciare a fare nomi e cognomi.
    Poi: li avete mai denunciati? A denunciare questa spazzatura subumana sono sempre due gatti, vuol dire che alla fine siete tutti complici.
    E cominciamo oggi con ILARIA CIERI, OCCUPANTE ABUSIVA E RAPINATRICE SERIALE. Fa la giocoliera sulla Colombo, e viene ospitata in questo mondezzaio, essendo di origine pescarese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione 9:07: commento diffamatorio. Siamo pronti per segnalarti alla Polizia Postale.

      Elimina
  14. Non è vero che viene concesso "solo" a questa feccia di fare i porci comodi suoi, ormai questa modalità scatarro umano sul pulito è diventata di prassi.
    fatti un passaggio stasera all'Arco di Giano, la sinistra lo ha trasformato nella nuova sede della Festa dell'unità.
    Aperti i cancelli - che ci sono per la protezione del monumento - riempito di sedie come al drive in, due buttafuori africani del vicino centro fendi (che c'entra?), e una oscena manifestazione dell'Espresso, che ha trasformato i basamenti di un monumento unico al mondo nei suoi cartelloni promozionali.
    Un casino da balea intorno a un monumento dell'antica roma, un obbrobrio visibile a un chilometro di distanza, e colmo dei colmi, la polizia fuori costretta a fare da body guard.
    MA LA SOVRINTENDENZA DOC'E'? HA UN SENSO ANCORA, O SMAZZETTA E BASTA?

    RispondiElimina
  15. C'è un maxischermo anche lungo le Mura Aureliane in via Macedonia, li usano proprio per devastare la cultura, e la bellezza che ne è parte integrante, insieme all'antico.
    Mi pare che cominciare a dire nomi e cognomi sia la cosa migliore, h. 9,07, ottima idea.
    Cerco un po' e partecipo anch'io.

    RispondiElimina
  16. Mi piace questa attitudine: facciamoci un cinema all'aperto low cost: perchè questi non hanno i money per mettere in piedi il baraccone a norma di legge, sono poveri, il baraccone burocratico è hign cost. A Roma ci sono in giro parassiti sociali da premio Nobel, questi si arrabattano essendo poveri, pochi giri di parole. Non producono degrado, salvo odiare i poveri e pensare che in una sera d'estate non possano uscire dai loro monolocali a vedersi un film all'aperto anche messo su alla cazzo ed in autonomia.
    Per me Bravi!

    RispondiElimina


  17. شركة تنظيف منازل بجدة بالبخار ارخص شركة تنظيف منازل بجدة


    شركة غسيل خزانات بالمدينة المنورة شركة تنظيف خزانات بالمدينة المنورة
    افضل شركة تنظيف منازل بالمدينة المنورة افضل شركة تنظيف منازل بالمدينة المنورة

    RispondiElimina
  18. Spero che i ratti locali, diventati castori grazie alla Raggi, gli rompano il culo.....

    RispondiElimina
  19. Ma da un paese che ha dato i natali a gente che per un selfie e un post sui social mentre guida ammazza i propri figli nello schianto che ne consegue, che cosa ci aspettiamo? Responsabilita' e senso civico? La massa e' cosi', le persone con sale in zucca sempre meno e i politici l'esatto specchio dei subumani che li hanno eletti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai se l'incidente fosse successo a Roma cosa avrebbe scritto il tipo co' i'bbabbo di Volterra? Uuuuuuhh...ANAGABIDO, A MAGHINA, ROMANARI..ecc.
      Non avrebbe battuto ciglio nel fare scempio su internet di tre morti per la sua causa, come al solito o, meglio, as usually...a lui piace piu' cosi'.

      Elimina
  20. 7:41 OKKUPAZIONE ANTIFASCISTA E ANTIROMAFASCHIFO ABBESTIA

    10-100-1000

    COL CAZZO CHE CE CACCIATE!

    RispondiElimina
  21. Occupare un parco nel siffatto caso vuol dire sottrarlo alla logica speculativa imperante e restituirlo alla collettività della sfera comune.
    Manifestazione dunque da applaudire e da rilanciare non una, ma cento volte, caro articolista anonimo (leggi senza attributi).
    Noi, e migliaia di persone, siamo com Tarzan, con Nunzio, con i ragazzi del cinema America (ieri visitati dal massimo scrittore italiano, il piú rispettato e conosciuto all'estero, forse addirittura... in odore di Nobel), alle ragazze e ai ragazze del Forte, della Strada, dell'ESC.
    Un'esperienza comune nasce nello schifo di un blog come questo e dal disprezzo profondo (profondissimo...) dei suoi commentatori, guarda caso tutti uomini frustrati e penosamente confusi (avete votato tutti i Cinque Stelle, ora gli SC resteranno non 10 ma 50 anni, ahah).
    Per una Roma Libera, Liberata, Liberante.

    Rispetto profondo, disprezzo profondo!

    Il compagno Antonio R.

    RispondiElimina
  22. Che marionette... con ogni palazzo "sottratto alla logica speculativa imperante e restituito alla collettività della sfera comune" regale bei soldoni alla sfera speculativa stessa.
    Fate quasi tenerezza.
    Ah, per inciso le occupazioni non sono antifasciste ma tutt'altro.
    Magari non lo conoscete, ma un certo Benito Mussolini faceva queste cose un secolo fa.
    Fortuna che in questo caso le occupazioni non sono il preludio ad una dittatura, ma solo delle azioni speculative dei privati per mano di scimmiette ammaestrate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tua sorella è una scimmietta ammaestrata, per inciso, visto che offendi. E sta spesso a testa in giù, se mi intendi, visto che sono due volte che tiri fuori questa boiata delle occupazioni mussoliniane, che peraltro era socialista all'inizio, coglione.

      Elimina
    2. Riccardo Bortoniluglio 14, 2019 10:19 AM

      10:16 quaranta minuti di applausi. messo a posto il solito tonelliano confuso e senza arte nè parte. chapeau.

      Elimina
  23. il fascismo si compbatti co sti asntifascisti, mi sa che ci aspetta un 20ennio duro

    RispondiElimina
  24. Di fronte a cotanta argomentazione non posso che inchinarmi. Ma ti prego continua(te) a rispondere, che due risate me le faccio volentieri ed in più avvalorate anche ciò che scrivo.
    Siete troppo comici.
    Ah, non ero io quello delle prime occupazioni mussoliniane. Ma per confutare o meno ciò basta un libro di storia pure delle superiori.

    RispondiElimina
  25. Allora, proviamo a discutere un po' argomentando?
    Che Mussolini nacque dal socialismo è evidente a chiunque abbia aperto uno di quei libri di storia. Divenne poi una dittatura grazie ad azioni di forza e partendo dalla pancia della popolazione. Le dittature sono questo, principi politici che le guidano sono punti di partenza che muoiono presto in funzione del mantenimento del potere con la forza.
    Il punto è che da quel socialismo mussoliniano nacquero le occupazioni che poi portarono alla marcia su Roma, al 20ennio ed ad a tutto il resto.
    Ora la domanda è: come può un azione simile essere antifascista se gli stessi fascisti le usarono per salire al potere 100anni fa? Perché ora si canta bella ciao e non faccetta nera?

    Ma alla fine conta poco questo, perché a ben vedere fra oggi ed allora ci sono differenze più sostanziali del colore di una bandiera. Quelle erano azioni di forza (complice un governo molto debole e lontano dal popolo) su scala nazionale. Queste sono azioni locali, che al governo fanno tutto sommato comodo (tant'è che si sbatte molto poco per combatterle). Perché non solo non risolvono i problemi veri ma alimentano le speculazioni.

    Chiunque abbia provato a comprare una casa per la sua famiglia sa che prezzi ci sono e quanto pesa un mutuo rispetto ad uno stipendio standard. Occupare palazzi che potrebbero ospitare case popolari, o anche di privati (se le mettono a prezzi umani) aiuta o meno questa cosa? Chi ci guadagna fra il poveraccio che deve lasciare mezzo stipendio al mese sul mutuo e le banche ed i palazzinari che intascano questi soldi? Cosa è più utile a livello di libertà: avere un cinema all'aperto o qualche centinaio di euro in più al mese e la possibilità di trovare  una casa più vicina a dove si lavora con conseguente meno tempo in viaggio? No perché che tu sia rosso o nero, sempre un letto dove dormire serve, e sempre un lavoro per mangiare devi avere (parlo di persone normali, del popolo vero).

    I problemi del popolo romano sono ben altri; sono trasporti/case/immondizia, cose basilari su cui i privati ed il governo ci mangiano sopra da anni e che queste occupazioni o non affrontano in concreto o favoriscono (volutamente o meno decidete voi). Se veramente si è per il popolo e nel popolo è qui che dovete agire.
    Il popolo che lavora 40h a settimana minimo, con in più 10 minimo di viaggio, e che lascia metà minimo di quello che guadagna alle banche non sarà libero perché quella libertà l'ha dovuta svendere, ed un cinema od uno spazio sociale non vedo come lo aiutano francamente. Al più gli danno una falsa sensazione di libertà. Ed è qui che Roma fa schifo (per riprendere il titolo del blog), nella qualità della vita e nella libertà che toglie a chi ci vive. La Roma occupata, chiamiamola così, quali di queste libertà basilari restituisce al popolo invece?
    Mi si dirà che bisogna alimentare la cultura ecc. Ora, a parte che la cultura si fa a scuola (e qui si aprirebbe un altro capitolo di cose basilari che una città deve garantire), ma
    qui mi pare che si discute delle stelle guardandandole attraverso il buco del tetto di una casa "sgarrupata" (con la gioia di chi quel tetto dovrebbe ripararlo ed invece te lo vende a caro prezzo come osservatorio privato). Il tetto resta sempre bucato e la casa sempre più  "sgarrupata" perché i soldi per ripararla non ci sono visto che stanno sempre di più nelle tasche di chi te l'ha affittata/venduta.
    Poi ci lamenta o ci si stupisce, fate voi, se vincono 5stelle o salvini. Tanto chi dovrebbe combattere per la popolazione pensa a tutt'altro, ben imbeccato dai pochi che ci guadagnano, ed il primo parolaio che passa riesce ad alzare voti su voti con mezzo populismo becero. E niente cambia, per la gioia dei pochi che ci mangiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariannangele Baccaficuli in Cisterna di Ladinialuglio 14, 2019 6:58 PM

      Nessuna libertá viene restituita al popolo, e chi ha un minimo studiato lo sa benissimo anche senza dover leggere questo buffo e sconclusionato blog. Ma infatti nessuno pensa che le occupazioni siano positive; rispondevi al compagno Antonio, macchietta nata dal sottoscritto che si diverte a trollarvi.

      Elimina
  26. Ma qualcuno avra' avvertito il ciccione barbuto rancoroso e il suo amico Alessandro Battaglia che la municipale non ha, nel suo parco auto, Lancia Ypsilon?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il trollone multidentitarioluglio 14, 2019 6:51 PM

      Io mi limito a trollare sotto alcuni nomi (Barbarella, Compagno Antonio R., COLORE, il catigamatti) perchè il beta-minus rigorosamente frustrato, di sesso maschile, proto-confuso-confindustrialista2.0-destroide-guardia che rappresenta il suo commentatore si lascia facilmente prendere per il culo. Peró se mi dai il numero di Battaglia potremmo fargli le prank call con le bestemmie tipo i romanisti che chiamano Plastico a Goal di notte.

      Il punto è questo: una volta chiuso questo blog ridicolo, chi ci fará divertire?

      Elimina
    2. Sorcio (cit.)

      Elimina
  27. Ma cosa cazzo c'entra Mussolini con le occupazioni. Ma leggetevi la storia del socialismo e dell'autonomia e parlate con causa, merde. Sto blog questo fa: trattare superficialmente temi complessi. Speriamo che chiuda al più presto.

    RispondiElimina
  28. ANAGNI, MENO DI UN'ORA DAL CENTRO DI ROMA, APPARTAMENTO 70 MQ AFFITTO=400 EURO

    DIVISO 2 PERSONE=200 EURO AL MESE.

    ANNATE A LAVORA', MALEDETTI PARASSITI SENZA DIGNITA', CHE 200 EURO AL MESE LI RIUSCIREBBE AD ALZA' PURE MI NONNO DALLA TOMBA!!!!!!

    https://www.subito.it/appartamenti/trilocale-via-cerere-navicella-38-d-frosinone-291905680.htm

    RispondiElimina
  29. Attenzione, sono della Polizia Postale e mi segnalo da solo, onde creare un paradosso spazio temporale che ci trasporti in un universo in cui Roma non è popolata di stronzi e burini!

    RispondiElimina
  30. Volevo comunicarvi che ho appena sporto querela al blog Roma fa schifido a nome dell'Associazione Italiana degli Occupatori di Cose e Luoghi Abbandonati Porta la Maria Che Io Porto la Chitarra, perchè avete infangato l'intiera categoria, come siete soliti fare con altre categorie integerrime come quella delle Guardie, dei Pagliacci in Costume, dei Pantofolai e delle Ballerine con una Gamba Sola.

    RispondiElimina
  31. "Che Mussolini nacque dal socialismo è evidente a chiunque abbia aperto uno di quei libri di storia"
    Mussolini era socialista per motivazioni che si trovano nella sua biografia (incoraggiamento del padre, frustrazione sociale etc) ma in ogni caso arrivò a essere uno dei massimi dirigenti del partito (sic!) e direttore dell'avanti! (SIC!).
    Ma BEN PRIMA di qualsiasi occupazione da lui diretta cambiò le sue idee sull'intervento in guerra (mica noccioline) in cambio di un giornale tutto suo offerto generosamente guarda caso da industriali e affini.
    Questo è il socialista mussolini. Queste le sue motivazioni.

    Ciò detto, da questo momento (fine '14) ai fasci italiani di combattimento ci sono svariati avvenimenti, per cui chiamare socialista il mussolini del dopoguerra è semplicemente senza senso. Scrivere "socialismo mussoliniano" a proposito del movimento e poi della dittatura è assolutamente scorretto.
    I fasci furono strumenti delle elite economiche per contrastare l'impennata di scioperi e manifestazioni dei lavoratori (spesso guidate - non a caso - dal PSI) seguenti in parte la delusione per le condizioni del dopoguerra, ma soprattutto l'esempio della Russia del '17.
    Per quanto ci si possa affannare a leggere il manifesto di San Sepolcro, il fascismo fu strumento delle elite.

    Poi, solo poi, si possono pronunciare giudizi. Ma prima occorre conoscere la storia, non inventarsela.
    Cordialità

    RispondiElimina
  32. "Abusivo maledetto sei di roma il predilettoooooooo"

    Un bel coro da stadio, per augurare la fine di roma il prima possibile.
    Auguri!

    RispondiElimina
  33. @ Mussolini era socialista per motivazioni che si trovano nella sua biografia (incoraggiamento del padre, frustrazione sociale etc) ma in ogni caso arrivò a essere uno dei massimi dirigenti del partito (sic!) e direttore dell'avanti! (SIC!).

    E' arrivato lo psicostorico… Che tristezza!

    Se intendiamo per fascismo l'uso della forza per affermare una posizione politica, il fascismo non è né di destra, né di sinistra. Esiste e basta nella storia del mondo ed a tutte le latitudini. Si può vestire di nero o di rosso, ma sempre fascismo (nell'accezione sopra indicata) resta.
    Sicuri che le squadracce rosse che assassinavano contadini, studenti e proprietari terrieri che non sottostavano ai loro diktat, fossero meno fasciste delle squadracce nere nate per contrastarle? A giudicare dagli sviluppi avvenuti nel 1917 in Russia, proprio no.

    RispondiElimina
  34. il Castigabestieluglio 15, 2019 12:47 PM

    12:33 PM chi critichi e chiami psico-storico (crasi te inventata di nessuna fascinazione, utilità, che non genera alcuna risata o approvazione) ha apportato rilevazioni sacrosante al dibattito. Tu affermi sciocchezze, sì manipolando la storia (le squadracce rosse che assassinavano i contadini? ma dove? ma cosa diavolo racconti?) - torna a scuola e con tanti saluti.

    il Castigabestie

    RispondiElimina
  35. "Se intendiamo per fascismo l'uso della forza per affermare una posizione politica, il fascismo non è né di destra, né di sinistra. Esiste e basta nella storia del mondo ed a tutte le latitudini. Si può vestire di nero o di rosso, ma sempre fascismo (nell'accezione sopra indicata) resta."

    Ma cosa c'entra con l'ammissibilità della categoria "socialismo mussoliniano"? (che era l'oggetto del mio dibattere, visto che risponde a me)
    Come ebbi a scrivere a suo tempo, il conflitto inteso in senso ampio è uno dei motori della storia, e talvolta diviene violento. Quindi probabilmente sì.
    Quello che puntualizzavo io è che ipotizzando motivazioni poco ideali dell'adesione di mussolini al PSI si spiega meglio il suo voltafaccia nel '14 e le sue posizioni decisamente antisocialiste del '19, per cui parlare di socialismo mussoliniano a proposito di occupazioni, bastonature etc è insensato.
    In realtà le sollevazioni e le occupazioni ci furono, oltre che da parte degli operai, anche dei contadini (braccianti, mezzadri etc) e degli ex combattenti, i quali per lo più si avvicinarono al PSI e solo una parte minuscola di essi entrò nei fasci.
    Quanto agli studenti, anche qui ci fu una minima parte che si schierò dalla parte dei nazionalisti e antisocialisti.
    Ma è storia che la "guerra tra poveri" fu iniziata proprio da questi ultimi: mentre le categorie di cui sopra lottavano per diritti varii, gli antisocialisti lottavano contro chi lottava, in questo fomentati, foraggiati e armati dalla controparte degli scioperanti (i cui più facinorosi, a ben vedere, furono gli anarchici), i quali erano divisi in più anime, non sempre chiare nei loro intenti. Tanto che nel '21 nacque il PCd'I.
    Per quanto riguarda i fasci, a parte l'assalto all'Avanti, la loro utilità (e il loro utilizzo da parte degli industriali) crebbe soprattutto nel corso del '20, ma questo non cambia le cose: questo essere strumento del potere non vuole essere un giudizio - anche se formularlo sarebbe possibile - quanto un innegabile dato di partenza per dissipare l'equivoco di un mussolini socialisteggiante (figurarsi socialista!), che era il senso del mio intervento.
    Da qui in poi, conosciuti e compresi i fatti, si può partire con analisi e giudizi.

    Sulla Russia nel '17 ci sarebbe molto da dire, ma siamo già fuori tema.
    Cordialità

    RispondiElimina
  36. @ il Castigabestie.
    Purtroppo la psicostoria non è una mia invenzione. Ci ha pensato Asimov prima di me. I braccianti assassinati dai socialisti sono fatti storici. Gli chiamavano crumiri, ma erano padri di famiglia con senso di responsabilità: o la morte per fame di tutta la famiglia; o la morte per piombo solo per loro. Poi che nel 1921 i contadini trasmigrarono in massa dalle case del popolo alle case del fascio è fatto storico.
    Ovviamente se il Castigabestie è il solito pappagallo ammaestrato dell' ANPI, non è colpa mia.

    RispondiElimina
  37. stai a vedere che il massimo esperto storico del fascismo scrive sul blog del tonelli.

    ma falla finita su, che qua si fa a gara di ignoranza.

    e 1) parla come magni 2) scrivi di roma che fa schifo, che se devi attaccare missili sul fascismo ce sta limes.

    E CIAONE

    RispondiElimina
  38. @ luglio 15, 2019 1:18 PM
    Ringrazio per la cortese risposta. Merce rara, almeno nei commenti.
    Ribadisco la contestazione sui motivi personali circa l'adesione al socialismo di Mussolini. Posso concordare che, tra le persone di umili origini all'inizio del XX secolo, chi non entrava in seminario poteva scegliere tra l'adesione al socialismo o l'ignavia. Ma la circostanza della prodigiosa carriera nel PSI del futuro duce, dimostra il fatto che egli fosse più che perfettamente integrato nell'ambiente socialista. Facendo un balzo di 26 anni, potrei osservare che non sarà un caso il reclutamento da parte di Togliatti nel PCI dei quadri intermedi del disciolto PNF.
    Il 1917 russo è proprio l'origine e la causa prima di quello che sarebbe accaduto in Italia. Senza le stragi di borghesi e piccoli proprietari ad opera dei bolscevichi, i borghesi italiani si sarebbero coalizzati per finanziare i neri, o avrebbero cercato una soluzione concordata? Magari allungando qualche regalia ai vari dirigenti del PSI, come probabilmente avevano fatto con Mussolini? Se i bolscevichi non avessero fucilato i Romanov, Vittorio Emanuele III (re doppiamente traditore) si sarebbe affidato ai neri per sopprimere i rossi? Non credo. Violenza chiama violenza. E chi ricorre alla violenza (anche sule cose, come fanno gli occupanti abusivi) non può accusare qualcun altro di essere fascista.

    RispondiElimina
  39. il Castigabestie dell'ANPIluglio 15, 2019 2:53 PM

    Io saró un pappagallo ammaestrato dall'ANPI esattamente come i contadini che trasmigrano nel 1921 nelle Case del Fascio, miracolosamente un anno prima della marcia su Roma.

    Cordialità
    Il pappagallo di Via Rasella (che fa rima con tua sorella)

    RispondiElimina
  40. Premesso che:

    1. Tarzan e le occupazioni romane del 2019 non c'entrano nulla con il ginepraio storico delle occupazioni ad opera dei socialisti e dei protofascisti dei primi anni 20

    2. L'accanimento a postare commenti anonimi rende di fatto impossibile dirimere i dialoganti e pertanto anche il dialogo

    ---

    Gli interventi della persona che ha postato alle 1:18 sono sensati e inseriscono il fascismo al di fuori del socialismo come non solo è giusto ma doveroso che sia.

    Il commentatore che cerca di controbattere, parlando di psicostoria, offendendo altri commentatori (pappagallo dell'ANPI), vaneggiando di squadracce rosse e omicidio dei crumiri è un noto troll di estrema destra, tristemente noto sulle pagine di RomaFaSchifo da almeno 4 anni.

    Serva questo di aiuto a una conversazione come al solito "rovinata" da questi soggetti.

    Cordialità

    RispondiElimina
  41. @luglio 15, 2019 2:41 PM
    una soluzione potrebbe essere ignorare i miei scritti, visto che a quanto pare ignorare le riesce bene: pur di non scendere nel merito parla di modo di scrivere e tira fuori il benaltrismo solito di chi non ha appunto niente da dire per contribuire al dibattito, che dai problemi di roma si è parzialmente spostato su altri, che a lei stia bene oppure no.
    Spero inoltre che lei non mangi come parla, piuttosto. Per la sua salute.
    Cordialità

    PS il ciaone poi è la ciliegina...

    RispondiElimina
  42. STOCAZZO, STOCAZZOluglio 15, 2019 4:19 PM

    No, sei tu che non capisci la differenza tra un tema e un OT e non è che dandomi del lei e facendo il forbitello cambia molto la cosa. Se non siete capaci di stare sul punto e inondate i commenti con le vostre disquisizioni del cazzo su fatti vecchi di 100, tra l'altro senza neppure firmarvi (vi costa tanto mettere un nome, un'iniziale?), obbligando la gente a scrollare per 4 ore non sono problemi miei. quanto all'ignorare guarda che riconosco bene che mi stai a prendere per il culo, io so de alessandrino e per me puoi pure smammà.

    E CIAONE Si CIAONE, A TE A MUSSOLINI

    RispondiElimina
  43. 4:19 applausi al genuino commentatore di Alessandrino :D
    ma a uno che chiama "scritti" i suoi commenti rispondi pure? è un pallone gonfiato!

    RispondiElimina
  44. prendo atto che lei invece si firma. D'altronde le calza a pennello.
    Mi pare che pure lei non stia tanto sul punto, visto che viene a criticare me...comunque lei mi aggredisce, io la prendo per il culo. A ognuno il suo.
    Lei non mi fa la minima paura, in ogni caso.
    Cordialità

    RispondiElimina
  45. @luglio 15, 2019 5:10 PM
    li chiamo scritti perché banalmente sono scritti. Forse mi avrebbe capito meglio se avessi usato la parola digitati?
    Ma oltre a polemiche sterili non vedo interventi in tema. Né quello storico, né quello attuale.
    Contenti voi...
    Cordialità

    RispondiElimina
  46. visto che i mie interventi non sono graditi, e per non continuare a discutere con chi mi porterebbe al suo livello e poi mi fregherebbe con la sua esperienza, provo a concludere il mio discorso di prima:

    le testimonianze sull'insofferenza di mussolini per la PROPRIA indigenza come motore del suo agire politico vengono dagli stessi compagni socialisti dei primi del secolo scorso: queste si possono trovare in numerosi storici della figura di mussolini, de felice compreso. Che poi si fosse integrato è palese, ma diciamo più come figura organizzativa e "agitatrice" di animi dalle tribune dell'avanti di cui era direttore che come guida intellettuale e politica, campi nei quali - notano i suoi compagni - si accodava sempre all'ultima persona che parlava.
    Ma la facilità del voltafaccia - e soprattutto le sue ragioni - chiudono a MIO avviso il cerchio spingendo a riconsiderare tutto in retrospettiva. Di lì in poi, tera l'altro, la ferocia antisocialista si nutrirà palesemente anche di un senso di inferiorità culturale, probabilmente del tutto giustificato viste le figure del comitato direttivo dell'epoca.
    Ripeto, basta leggere le monografie su di lui e i suoi discorsi pubblici. Parlare di psicostoria ci può stare qui, tra anonimi, ma in un dibattito serio personalmente eviterei.

    Ciò detto sul socialismo di mussolini come militante e ancor più come capo dei fasci di combattimento, veniamo al tema dei crumiri.
    Un conto è dire che qualche morto ci sarà stato: in una manifestazione/sciopero, se le cose degenerano, il morto ci può scappare purtroppo...anche se il de felice, non sospettabile di socialismo, riporta dati per cui le vittime tra i socialisti nel biennio rosso sono in numero triplo di quelle tra i soldati, forze dell'ordine e fascisti messi assieme.
    Un conto è dire, insomma, che nei tumulti la violenza c'era da ambe le parti (che vuol dire tutto e niente), un conto che uno degli obbiettivi degli scioperanti era la sistematica aggressione dell'avversario. Questo semmai era l'obbiettivo dei nazionalisti (tra i quali anche qualche studente) e dei fascisti, tanto che poi il fenomeno degenererà nello squadrismo. E anche statisticamente il fenomeno è marginale, rispetto appunto alle vittime da parte socialista (che anche per l'atteggiamento del partito avevano finito per avere molte persone contro).
    Inoltre spesso i crumiri erano strumento inconsapevole del potere (industriale o agrario), mandati avanti per provocare i manifestanti e poterli poi caricare.

    Sulle ragioni del biennio rosso, indicai economia ed esempio russo le due colonne portanti. Ma parlare di stragi ripeto è una falsità marchiana. Anzi proprio perché il PSI aveva "spaventato" molti, casa regia, alta borghesia produttiva e non, e piccoli proprietarii, trovo ragionevole la versione corrente di una reazione del potere per mezzo dello squadrismo prima e del fascismo poi.
    Cordialità

    RispondiElimina
  47. 5:25 non so se hai capito che stai scrivendo una pappardella allucinante sul fascismo come commento a un cazzo di articolo di - non la Storia siamo noi, il blog di Paolo Miele, la cartigienica dell'ordine dei sindacalisti della CISL, il bollettino degli storici di Piacenza, ------------ ma ROMAFASCHIFO ---------------

    e nella fattispecie su un tema che manco lontanamente a che vedere con crumiri e l'origine del ventennio

    ora visto che continui pure a inondare con la tua logorrea il mezzo, scrivendo commenti a rotella e traghettando la pacatissima conversazione su quello che si chiama INDIGERIBILE >> OT <<< GROSSO COME IL TITANIC, ti aspetti rispetto? oppure giustamente come il commentatore di Alessandrino fa, pernacchie e ciaoni?

    dovremmo entrare nel merito delle cose che scrivi, dei tuoi scritti tanto ben scritti e tanto pomposi? oppure parliamo del parco di Via Statilia e delle occupazioni TUTTO tranne che assimilabili alle occupazioni delle fabbriche del 1910?

    fine della storia e sì, te lo dico pure io: CIAONE

    RispondiElimina
  48. "fine della storia" addirittura!

    "E te lo dico pure io" me ne farò una ragione.

    Quanto al resto per fortuna ci siete voi.
    Cordialità

    RispondiElimina
  49. Un altro pensionatoluglio 15, 2019 6:46 PM

    Accidenti! Che fraseggio interessante; per poco non me lo perdevo.
    Dirò dunque la mia.

    Interessantissima la suddetta conversazione sulla psicostoria, che però non metterei in bocca all'Asimov (almeno in una cornice di riflessione storiografica), ma semmai lo inquadrerei nella più pertinente accezione psicologica.

    Si indaghino infatti, almeno nella sua definizione, i tratti di unione con la psicogeografia - a scanso di equivoci parliamo qui del movimento originario dell'avanguardia, ovvero gli anni 50, non le derive situazioniste manifestateti a seguito della trasposizione nei corsi universitari post-68.

    Ma andiamo con ordine parlando del lettrismo, che di quella definizione è partecipe sul piano storico. Citando la dott.ssa Bandini:

    "Nel questo clima culturale caratterizzato dal marxismo-leninismo, sbarca a Parigi nel 1945, all’età di vent’anni,l’ambizioso poeta ebreo rumeno Isidore Isou (Gol-dstein) che già nel nome propone un modello messianico:Isidore significa “dono di Iside” e contiene l’anagramma diOsiride. Dal 1946, data ufficiale del Manifesto e della nascitadel Lettrismo a oggi, esso rappresenta non soltanto un movi-mento vivo d’avanguardia pluridecennale ma, secondo le pa-role di Isou, “una teoria in perpetuo divenire”, un sistemacoerente, simmetrico e totalizzante.La prima fase dell’attività lettrista, accentrata intorno alfondatore, è legata principalmente alla dimensione poetica.Isou si circonda lentamente di seguaci: il suo primo discepo-lo fu un poeta ebreo, Gabriel Pomerand (Pomerans) che sa-rà espulso nel 1956. Viene compiuto un passo decisivo eestremo dopo il Futurismo e Dada: nella poesia fonetica si ol-trepassa la parola, frantumandola e riducendola alla lettera,principio assiomatico da cui prende nome il movimento. Ladenominazione di Lettrismo indica infatti la riduzione di ognielemento linguistico o reale alla particella primaria – la lette-ra – di ogni alfabeto esistente (o inesistente), la quale artico-landosi con altre lettere, forma proposizioni, frasi: una nuo-va “scrittura plastica”. Sono così superate le posizioni avan-zate Dada, configurando il “supporto e il materiale artisticopartendo da una nuova forma plastica, la lettera e il segno”."

    Risulta quindi evidente il legame non solo con il parco di Via Statilia, ma anche con la sorella del pensionato che da due ore ci trita il cazzo con le sue elucubrazioni.

    Tornando a Mirella Bandini:

    "Da questa originaria innovazione basata sulla lettera so-nora e inizialmente limitata alla poesia e alla pittura, il Lettri-smo – di cui Isou è sempre la mente e l’azione – diviene unprogetto globale che si spinge al limite estremo delle cono-scenze del suo tempo: la finalità è “la rivoluzione culturalepermanente” (Sabatier) animata dalla creatività, nell’intentodi formare una “società paradisiaca”.Legato al suo a prioricreativo, il Lettrismo è caratterizza-to da un continuo superamento di se stesso, vale a dire deisuoi apporti in tutti i campi, come testimonia l’immenso edi-ficio teorico di saggi e di trattati prodotti in primis dal suofondatore, Isidore Isou e dai componenti del gruppo. La ba-se della dottrina lettrista è infatti il primo testo di Isou: Intro-duction à une nouvelle poésie et à une nouvelle musique,pubblicato nel 1947 da Gallimard a Parigi, insieme a L’Agré-gation d’un Nom et d’un Messie. In questo secondo testo,Isou dichiara se stesso come il promotore di un’era nuovache trasformerà la società, proclamando la giudaizzazionedel mondo: “Voglio essere un Nome e non un maestro... ilNome dei Nomi: Isidore Isou”. E ancora: “... Un Messia è co-lui che rende tutti gli uomini perfetti e felici (ebrei)... e assi-cura per sempre il predominio degli uomini normali (ebrei)nel mondo... il Messia si chiama Isidore Isou”."

    Cosa possiamo dire? Eh? Forse, un caloroso: ciaone.

    Cordialità diffusissime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, stai all'autociaone.
      Vabbeh il caldo però aripijate...

      Elimina
  50. Certo che per uno che schifa sto blog ce ne metti di impegno e di tempo sopra a trollare. Beato te che svolti le giornate così, almeno te diverti co poco.

    RispondiElimina
  51. A me pare tutto semplicissimo:
    1) L'uso della violenza per finalità politiche è fascismo sempre e comunque.
    2) Per la legge italiana chi prende possesso usando violenza anche sulle cose (come forzare una serratura) compie un illecito (art. 1168 c.c., per esempio)
    3) Chi occupa è fascista.
    Punto.

    RispondiElimina
  52. Troll è cultura. Quella vera.luglio 15, 2019 8:05 PM

    7:19 :(

    7:32 è arrivato Gianni PiGreco, di professione ragioniere. Squadra cerchi di granito con la forza della capoccia. Meglio del Guglielmo da Ockam, donne!


    RispondiElimina
  53. 8:42 PM :D

    sìi infatti la devo piantà de trollà su RFS - cmq il caldo qua niente, a Oslo stiamo sui 16 gradi... Roma sarà pure na merda ma almeno c'avete l'estate.

    Vabbè, vado a lavorà (sto a consegnà un progetto a studio) - ciaone!

    PS: non volevo fare alterare il professore di storia in pensione, avrà pure una certa età, scusa zì, hai fatto una bella analisi (aggratise) sul Fascismo - l'argomento non c'entrava un cazzo, ma visto il livello medio del post barbuto il blog lo darei a te

    PS2: domanda seria: ma gira una donna su sto blog? ma come mai? dite che l'aurea da ragionere sfigato del tonels si ripercuote sul pubblico?

    PS3: vi saluto e vi lascio in pace, al grido di: che merda Roma e i romani!

    RispondiElimina
  54. Non solo non mi sono alterato - figurarsi ci vuol ben altro - ma non vedo da cosa si possa essere capito, mi sono solo limitato a replicare ai suoi argomenti e toni come meritavano. Anzi a me pareva alterato lei...
    Sono andato OT, me lo dissi da solo pure prima, e probabilmente mi sono dilungato troppo, ma è pure vero che non ero da solo, è nato un dibattito. Vorrà dire che da oggi abbiamo i vigilanti dei topic ;-)
    Comunque né professore né in pensione, per quello che vale. Buona consegna e mi raccomando sempre all'erta! :-D
    Cordialità

    RispondiElimina
  55. Sono contrario a tutte le okkupzioni ma ... Poi qualcuno concede al signor Lorenzo Cherubini l'occupazione di suolo pubblico (spiaggia di marina di cerveteri) per una specie di woodstock dove però paghi 58 euro. E crei una coda di 16 km sulla Roma Civitavecchia. E ti chiedi chi ci sia dietro.

    RispondiElimina
  56. E comunque state violando la privacy degli occupatori, io se becco uno che mi fotografa mentre occupo il mio bagno, minimo parte la denuncia!

    RispondiElimina
  57. se aspettiamo il pd stiamo freschi, andare a vedere le dichiarazioni dell'assessore regionale Valeriani (della giunta Zingaretti) su occupazioni e abusivi...

    RispondiElimina
  58. Per capire perché questi scarti della società vengono protetti dalle istituzioni, bisogna conoscere cosa c'è dietro, Nel 2007 il pd ha fatto una oscena riforma dei servizi segreti; nel 2014 renzi l'ha incredibilmente peggiorata.
    Con la prima riforma ha stabilito che nei servizi segreti possa entrare chiunque, ossia il pd ha clientelizzato i servizi segreti. Ossia, un interno o un politico può chiamare lo stagnaro o il panettiere, e A CHIAMATA DIRETTA farlo entrare nella compagine del sis.
    Il che vuol dire che chiunque, ovvero, qualunque scalzacani o criminale, può venire inserito nel cuore dello stato, e avere a disposizione documentazione, materiali e strumentazione che dovrebbero servire per il bene del paese, e usarlo per i cacchi suoi. Da allora il peggio del peggio, e non che prima ci fosse l'elite tra gli operativi, è stato infilato a gestire materie delicate come la sicurezza, e i centri sociali sono definitivamente diventati la fucina della mafia: vengono usati per commettere delitti, come una volta si faceva con la mafia strictu sensu, coprendoli inopinatamente col "segreto di stato", vengono usati per nascondere droga e armi, e distribuirle, vengono usati per nascondere latitanti e clendestini.
    Insomma, sono diventati la tana dei venduti che nel nostro paese agevolano i traffici illeciti dall'estero.
    Ecco perché nessuno li tocca.

    RispondiElimina
  59. Dimenticavo, cosa ha fatto renzi nel 2014?
    Ha creato una sezione dei servizi segreti costituita da spazzatura a tempo determinato, ossia si fanno i cacchi propri e poi spariscono, così diventa complicatissimo risalire ai delitti che commettono. Perché non c'è altra spiegazione per avere i "semestrali" dei servizi segreti, se non quella di servirsene a scopo criminale.
    Sempre renzi ha messo i servizi segreti sotto le complete dipendenze del presidente del consiglio, facendo nominare nuovi vertici a ogni governo, il che vuol dire che i servizi segreti, già corrotti fino al midollo, sono diventati la guardia personale dei partiti al governo, invece che il fulcro della difesa della nazione.
    Infatti, per avocare all'esecutivo il diritto fi farli delinquere in pace sotto la propria ala protettrice, renzi li ha sottratti al controllo della difesa.
    cioè. quel poco di dignitoso che ancora li teneva in piedi è stato completamente estirpato.
    Per farvela breve nei servizi segreti comanda ormai gente microcefala come carrai, o quel soggettone dei 5 stelle di cui ho rimosso il nome.
    Per finire, il ridicolo renzi hha dato una sorta di licenza di delinquere, che dovrebbe essere usata in difesa della sicurezza nazionale, ma chiaramente nelle mani di servi di partito diventa licenza di commettere reati corruttivi e delitti vari, con le istituzioni al completo che li coprono per parassitare la propria fetta di torta.
    Ecco spiegato perché nessuno tocca i centri sociali, tranne chi non campa sulla droga, sulle armi, sulle tangenti, sull'eversione migratoria, e non fa carriera grazie al supporto occulto di chi gestisce dall'Italia questi traffici.
    Purtroppo, come disse Mario Mori, tanto le nostre forze dell'ordine fanno scuola al mondo, tanto i nostri servizi segreti fanno ridere i polli del mondo.

    RispondiElimina
  60. Hai dati, prove processuali o anche solo articoli a riprova della tua affermazione che i "centri sociali sono la fucina della mafia", "depositi di armi"? O sono solo illazioni o peggio ancora calunnie del destrorso anonimo leone da tastiera?
    Aspettiamo fiduciosi.

    Cordialità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ha prove di nulla. Lui prima attacca i rami piu' deboli (vigili, operatori ama e conducenti atac) creando un disagio che sfocia nel gratuito insulto verso queste categorie. Poi si rende conto che gli stessi agiscono per conto dei superiori e fa il vago. Quando gli arrivano le denunce si mette a spiottare come i barboni di Piazza della Repubblica che tanto odia.

      Elimina
  61. ci meritiamo questo schifo, ci meritiamo il sindaco che abbiamo ecc ecc. basta vittimismo, questa è Roma, chi può scappi. quando il giardino era un gioiello (fino all'anno scorso), nonostante i divieti scritti in ogni dove di non calpestare le aiuole, c'erano perennemente delle persone con cani, pic nic, tovaglie e amenità varie a schiacciare e rovinare aiuole perfettamente tenute. Se nessuno lo controlla, il romano si espande e distrugge per il proprio misero tornaconto quello che gli capita sotto tiro. Questo siamo nella stragrande maggioranza e questo meritiamo.

    RispondiElimina
  62. i centri sociale sono il deposito dei parassiti della società.....ci vorrà un pò ma piano piano ve chiuderanno tutto e sarete costretti ad occupare labaro....

    RispondiElimina
  63. A titolo di esempio ricopio qui sotto (da su) un messaggio di un sedicente "antifascista" occupazionista! Se ne evince proprio l'esatto contrario: e cioè che sono dei maledetti FASCISTONI (COMUNISTONI, catto-fascio-nazi-comunisti) prepotenti e SCHIFOSI.
    In realtà l'estrema sinistra (comunismo...) è esattamente come l'estrema destra (fascismo...) sono due facce della stessa schifosissima medaglia: la DITTATURA. Nient'altro che merdosa, puzzolente e mortale (per la civiltà, per il Paese, per il popolo!) DITTATURA.


    Il messaggio ricopiato, scritto da un "COMUNISTA FASCISTONE DITTATORE MERDOSO":

    ----------------------------------
    << PRO OP RED SKIN SANLOLLO77 ha detto...
    Occupare in faccia a voi
    perché siamo piú di voi
    Noi la Roma del sociale
    Quelli come voi all'ospedale
    Siamo la Roma antifascista
    Di quelli che ti sputo in faccia
    Siamo la Roma bella variopinta
    Naturalmente antifascista

    UN PO' QUI UN PO' LA
    OCCUPIAMO LA CITTÀ
    NOI SIAMO UNO PIÚ DI VOI
    OCCUPIAMO IN FACCIA A VOI

    A COMPLESSATI! :D >>

    RispondiElimina
  64. quanta feccia dei centri sociali nei commenti. siete i parassiti della societa, speriamo nella guerra civile cosi finalmente vi facciamo tutti fuori animali

    RispondiElimina
  65. "Questa è la Roma che ci meritiamo"?Ma parla per te!A forza di
    lasciar correre Roma è scivolata a livelli da 4° mondo(si,perchè
    sono considerate 3° mondo città che a Roma prendono una pista,
    su tutto!).
    Il difetto maggiore di noi romani è proprio che"lasciamo perdere"!
    Direi che basta con questo mantra che dovrebbe risolvere(col cavolo)
    tutti i problemi di una derelitta capitale,iniziamo ad agire,a
    pretendere una città in linea con le altre capitali d'Europa!
    Roma può essere una città degna del suo nome,non dobbiamo rassegnarci
    a vivere nel degrado,nell'incuria insomma nello schifo che è diventata
    la ns. pur bellissima(non certo per merito nostro)città!

    RispondiElimina
  66. .




    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































    Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

    Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it


    .

    RispondiElimina

Ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che inserisce nel commentario. Questa bacheca non può essere moderata a monte.