25 agosto 2009

Indovinate un po' voi di che si tratta...



Per ora vi possiamo solo aiutare dicendovi che è un fenomeno che si verifica esclusivamente a Roma. Qui siamo in Via del Corso...

10 commenti:

  1. marciapiede?
    Asfaltificazione di pietra lavica?
    Mi sembra giusto. Se ci devono parcheggiare le auto....

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Un tempo al turista queste cose quasi quasi je piacevano. L'intonaco scrostato, la patina d'antico, il muro mezzo rotto, il marciapiede diroccato. Tutto contribuiva a conferire a Roma una patina uniforme di antico. Basta guardarsi le vecchie cartoline di Gasponi. Poi hanno cominciato a ripulire i palazzi, a restaurare i monumenti, a rifare le pavimentazioni. La patina d'antico è in parte scomparsa e il degrado, il palazzo ammuffito, il marciapiede scassato, gli edifici no nristrutturati, i monumenti rimasti ammuffiti, sono emersi come autentici pugni negli occhi. Roma non era pronta a rifarsi il trucco, sotto la patina d'antico nascondeva rughe e piaghe. Ora sono arrivati i graffiti a rovinare ancora più irrimediabilmente l'atmosfera di antico dei vicoli e delle strade storiche di Roma. Passeggiando per Roma sembra di camminare in una discarica a cielo aperto.

    RispondiElimina
  4. in cemento, i marciapiedi vanno fatti in cemento !
    manuele varese

    RispondiElimina
  5. Fra asfaltare tutte le marciapiedi e "potare" tutti gli alberi (sarebbe meglio l'aggettivo rasare a zero), il Comune di Roma -- non piu' dotato di mucche per inquinare l'atmosfera -- sta dando il meglio di se per aumentare le temperature in città e porre fine al mondo quanto prima...

    RispondiElimina

Ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che inserisce nel commentario. Questa bacheca non può essere moderata a monte.