Cosa potrebbe raccontare Roma al mondo del turismo in queste settimane?

4 giugno 2020


Cosa avremmo mai potuto fare in queste settimane per dare di noi (noi come Roma) un'immagine positiva, di appeal, accattivante e curiosa verso tutto il mondo? Come avremmo potuto far dimenticare in un istante anni e anni di percezione e reputazione pessima, dovuta a cittadini incivili, commercianti fuori luogo e amministrazioni inefficaci? Come avremmo potuto sfruttare un evento di portata storica, per certi versi biblica, come la pandemia?

Guardate questa strada qui sopra. E’ Via della Stelletta: triste, nera e abbandonata. Ci affacciano una serie di attività commerciali, di artigianato e di ristorazione, alcune di eccellenza assoluta.

In questa come in mille altre strade si sarebbe potuta costruire una narrazione nuova, coerente con la storia straordinaria della città, in sintonia con le sue bellezze ineguagliabili, con il suo clima invidiabile da marzo a ottobre. Un nuovo modo di vivere all’aperto in una simbiosi tra commercio di qualità, cittadini, turisti, patrimonio culturale. All’insegna, ovviamente della pedonalità.

Immaginatevi come poteva spargersi la voce: Roma nell’immediato post-covid diventa una città dove le strade dopo una certa ora si trasformano in irresistibili salotti pedonali (senza eccedere con gli orari per permettere ai residenti di dormire, beninteso) fatti di tavolini eleganti, o di tavolate rustiche per chi può spendere meno, a seconda delle specializzazioni. Il tutto alla luce gialla dei lampioni del centro e senza passaggio di automobili. Isole pedonali stradali collegate a una a una e capaci di farti percorrere tutto il cuore della città senza mai camminare in promiscuità con le auto. 
Lo storytelling turistico sarebbe stato presto fatto: venite a Roma, avrete l’opportunità di vivere la città senza la folla del turismo di massa, di vedervi il Colosseo e la Cappella Sistina senza caos, di guardare Fontana di Trevi priva di confusione e la sera di cenare nel mezzo dei vicoli pedonalizzati del centro, sotto le più straordinarie chiese barocche del mondo. Neanche al cinema!
Il Comune avrebbe dovuto chiamare i più importanti tour operator al mondo, gli operatori, gli influencer, i siti. Avrebbe dovuto organizzare un bell'incontro su Zoom e gli avrebbe dovuto spiegare per filo e per segno questo progetto di rilancio basato sul fatto che Roma è una delle poche città al mondo (non è così Berlino, non è così Londra, non è così neppure Parigi) che deserta è ancor più affascinante che affollata. 
Il pacchetto turistico più straordinario di sempre: Roma quasi deserta. Immaginatevi il passaparola immediato. 

Gli alberghi si sarebbero riempiti fin da questa settimana. E si sarebbero riempiti di turismo di alta qualità, attento alla sostenibilità e alla cultura. Anche perché in questo periodo solo il turismo di qualità e alto spendente si può muovere liberamente visti i prezzi degli aerei ancora per un po’. Il commercio sarebbe subito rinato grazie alla capacità che la città avrebbe dimostrato di intercettare fasce alte di viaggiatori culturali, finalmente la marmaglia di pellegrini che ogni giorno mastica e divora la città sarebbe per un attimo stata messa tra parentesi e tutti avremmo potuto apprezzare cosa significa un turismo ben selezionato. Alcuni bar e ristoranti iper turistici, disegnati appositamente per i viaggiatori-polli da spennare, si sarebbero trasformati in pochi giorni da tourist-trap a locali dignitosi, altri avrebbero ceduto e lasciato spazio a chi ha idee innovative per questa nuova wave turistica (in alcuni casi sta già succedendo, ma il fenomeno sarebbe stato moltiplicato per 100, un autentica riforma strutturale a costo zero). La ristorazione si sarebbe sentita coinvolta nella rinascita della città durante questa estate e avrebbe investito per ripartire in termini di arredi e estetica, con un vantaggio diffuso di tutti, i tour operator avrebbero proposto pacchetti finalmente non solo di 2 notti, ma di 4, 5 o 6 notti per cenare in ognuno dei Rioni più spettacolari dell’Ansa Barocca in una città finalmente non stuprata da auto e motorini. A misura, oltretutto, di famiglie: il target economicamente più interessante. E le guide turistiche, oggi alla canna del gas, sarebbero state coinvolte in iniziative di cene didattiche durante le quali si sarebbe mangiato mentre si ascoltava la spiegazione di un monumento, di una chiesa, di un palazzo, di un rione o si sarebbe effettuata la visita chiudendola con una cena proprio di fronte al pezzo di patrimonio illustrato.
E magari il progetto, nato in emergenza, si sarebbe trasformato in un festival, da ripetere ogni primavera per un mese o due, sfruttando l'ormai acquisita capacità dei ristoratori di allestire e disallestire dehors di design e di qualità, sulla progettazione dei quali non si sarebbe disdegnato della collaborazione di giovani e talentuosi studi d'architettura della città e di bravi paesaggisti per il verde temporaneo.
Roma sarebbe diventata la destinazione assoluta di questa estate per il semplice fatto che a Roma si sarebbe potuta svolgere una esperienza unica e irripetibile. Non ci sarebbe stato più posto per i jet privati a Ciampino: fidatevi! 

Ma tutto questo non fa parte della visione della città; questa non è la visione dei gretti commercianti che invece di progettualità avanzate capaci di far svoltare hanno chiesto (e ottenuto) solo "apride la Ztl, fade endrà ee maghine" e non è neppure la visione dell'amministrazione che ha nei posti chiave dello sviluppo economico personaggi della caratura di Andrea Coia e Carlo Cafarotti, che sarebbero largamente inadeguati ad occuparsi del commercio e del turismo di Colleferro, figurarsi di Roma che è una delle città più turistiche, complicate e di gran lunga la più bella del mondo.

E quindi a Roma si è deciso non solo di non essere innovativi, non solo di fare come si è sempre fatto senza applicarsi a livello creativo e ideativo, ma di andare addirittura indietro di 40 anni eliminando la Ztl che in parte proteggeva il centro e riempiendo l'area protetta dall'Unesco - che purtroppo tace - di traffico puzzolente e pericoloso durante il giorno e di squallido deserto durante la notte. Senza un racconto, senza un progetto, senza una visione che sia una. 

“Never waste a good crisis” diceva Winston Churchill. “Mai sprecare una buona crisi”. E’ quello che stiamo facendo, è quello che ormai abbiamo già fatto, ed è imperdonabile. Un errore mostruoso mescolato ad altri errori mostruosi da parte di una amministrazione semplicemente raccapricciante.

45 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

No vabbe rega voi l avete presa a male sta storia��

Anonimo ha detto...

...state a pezzi. Recuperateli.

Anonimo ha detto...

Roma non avrà mai un turismo d'élite, la ztl non c'entra nulla. A Roma si va per fare il bagno nelle fontane e imbriagasse sulle scalinate, i monumenti sono solo una scusa.

Anonimo ha detto...

Troppo cara e troppo zozza per avere l'élite, e' una citta' rivolta all'arricchito del momento e al bifolco medio. Ispira disordine e lassismo solo guardando i volti dei suoi amministratori, dei suoi cittadini e degli operatori della polizia municipale

Anonimo ha detto...

Inutile crearsi aspettative, chi si candida come sindaco di Roma lo fa unicamente per avere una rampa di lancio verso la politica nazionale senza pensare realmente alla città, così anche la sua giunta. Finché non si avrà una squadra professionale guidata da una visione per Roma non si andrà da nessuna parte

IvanKelly ha detto...

I am often to blogging and i really appreciate your content. The article has really peaks my interest. I am going to bookmark your site and keep checking for new information.

Click Here
Visit Web

Anonimo ha detto...

Le imprese della 'ndrangheta non hanno bisogno di nuovi clienti per sopravvivere, perché incazzarsi tanto? Non c'è interesse nel rilanciare Roma punto e basta.

Anonimo ha detto...

certo, richiuduamo la ztl. cosi saremo costretti a prendere i bus (che non passano mai) rischiando di rimanere infettati con il covid. sveglia! in tutto il mondo gli scienziati stanno consigliando l'uso di messi privati e SCONSIGLIANDO l'uso di mezzi pubblici per poter limitare il rischio di infezione. Ma su questo blog siete talmente desiderosi di dover criticare il comune che neahce capite cosa è accaduto fuori della vostra porta di casa per due mesi. ah! già! dimenticabo... è colpa del comune che siete rimasti a casa chiusi per due mesi. ma per favore.....

alex ha detto...

giugno 05, 2020 8:50 AM

mi ha tolto le parole di bocca.

Mi domando perché stia continuando a seguire questo blog. Prima ero spesso d'accordo nel merito, anche se non sempre nei toni, ma adesso sta diventando patetico, come il bambino su facebook che faceva i capricci perché voleva andare dai nonni durante il lockdown.

Massimo ha detto...

Direi che i commenti precedenti rispondono adeguatamente alla domanda dell'articolo. Con gente così dove volete che vada Roma, la Città di Roma, la Città più bella del Mondo? Rutelli disse a chiare lettere che Roma camperebbe di solo Turismo ed è esattamente così, dalla più piccola vietta alle maggiori strade si possono ricreare mille e mille scorci bellissimi che darebbero davvero tanta vita all'indotto. Altro che "a maghina"! Purtroppo con gente che ragiona così non si va da nessuna parte. Personalmente provo tanta rabbia ogni volta che vedo un imbecille che parcheggia la sua cazzo di macchina sulle strisce, in doppia fila, sui marciapiedi etc. etc., quindi provo tanta rabbia in continuazione! Che fesso eh?
MAGARI si facessero una serie di pedonalizzazioni fatte bene e con coraggio. MAGARI!!!

Anonimo ha detto...

"Gli alberghi si sarebbero riempiti fin da questa settimana. E si sarebbero riempiti di turismo di alta qualità, attento alla sostenibilità e alla cultura."

Certo come no.... infatti non viene nessuno mica perché ci considerano un Paese di appestati dal COVID, ma perché a Roma la Raggi ha riaperto la zetattièlle.... a Toné, dicce er nome der pusher dove te rifornisci

alex ha detto...

@giugno 05, 2020 9:55 AM

questi discorsi avevano un senso fino a tre mesi fa, ma ora sono fuori dal tempo e dallo spazio! Roma non è mai stata così vuota, MAI in 50 anni che la conosco, e nemmeno con la ZTL chiusa. Ma ci rendiamo conto o no che siamo stati attraversati da uno TSUNAMI e ci stiamo ancora nel mezzo? Qualunque Amministrazione in questa situazione di emergenza avrebbe preso lo stesso, sacrosanto, provvedimento. I mezzi pubblici sono da EVITARE il più possibile in questa situazione, e lo saranno ancora per molto perché lo stato di emergenza durerà ancora tanti, tantissimi mesi, forse anni. Persino l'azienda dove lavoro mi ha concesso l'uso dell'auto aziendale per il tragitto casa-ufficio, DIFFIDANDOMI dall'usare il mezzo pubblico per non essere vettore di possibili contagi. Ma ci vogliamo svegliare? Siamo nel mezzo di una guerra e stiamo ancora a fare polemiche su Roma e i Romani come se non fosse successo nulla... mah

alex ha detto...

https://www.ilmessaggero.it/roma/news/coronavirus_roma_ztl_varchi_aperti_2020_news_oggi_auto-5180628.html

Fatevene un a ragione: il Comune sta valutando l'ipotesi di sospendere le ZTL per tutto il 2020. E per quanto mi riguarda fanno BENISSIMO: a settembre riapriranno anche le scuole (e ci mancherebbe: era ora) e torneranno le criticità trasportistiche ataviche, aggravate dalle misure prese per il distanziamento sociale anche sui mezzi pubblici. Se a questo aggiungiamo l'ormai data per certa seconda ondata prevista per il prossimo autunno, la bomba pandemica è bella è servita. Il ricorso massiccio al mezzo privato dovrà necessariamente essere incoraggiato in tutti i modi possibili, con buona ace vostra e della vostra miopia di chi non vede fuori dal suo orticello che siamo in mezzo a un disastri sanitario mondiale e sta ancora a fare polemiche sull'arredo urbano e su tursti che non vengono e non verranno (E NON CERTO PERCHE' LA GIUNTA HA APERTO LE ZTL)

Fabrizio ha detto...

La maggior parte dei commenti a favore della ZTL aperta e contro questo post non sorprendono. I romani non hanno lungimiranza ed apertura mentale, pensano solo alla loro macchina ed a loro stessi senza alcun interesse per la città e per il pubblico.

L'invasione di macchine nel centro contribuirà ancora di più alla desertificazione dei locali, molti dei quali hanno chiesto l'apertura della ZTL e ovviamente questa amministrazione imbarazzante è e sarà la causa dell'impoverimento della città, la situazione di emergenza ha solo accelerato il disastro.

Continuate ad avere i paraocchi, poi però quando andate all'estero in vacanza vi lamentate che Roma non è così.

Se a voi fa piacere avere il centro della città deserto durante le sere d'estate non state bene.

"Roma fa schifo" è uno dei pochi blog, insieme a "Diario Romano" con la visione di come dovrebbe essere la città (che poi non ci vorrebbe molto ad applicare, basta non dar retta ai soliti gruppetti di persone per avere consenso politico).

Anonimo ha detto...

L'élite di una persona parte dalla sua morale e dai suoi comportamenti, poi vengono le possibilta' economiche. L'élite in Italia va in citta' come Bologna, Torino, Milano: l'élite della vostra citta' di merda si nasconde dietro le macchine e defeca sul marciapiede

alex ha detto...

giugno 05, 2020 10:58 AM

scusami, ma se c'è qualcuno che non ha lungimiranza né apertura mentale è chi ancora posta gli stessi commenti di sempre come se in questi tre mesi non fosse successo nulla. Al di là dell'Amministrazione in carica che resta una delle peggiori degli ultimi 50 anni, se non ve ne siete ancora accorti siamo nel mezzo di una catastrofe sanitaria MONDIALE nella quale il nostro Paese è stato fra i primi tre al mondo che hanno pagato il prezzo più alto. No, dico, solo se non ve ne foste accorti.... in questo contesto, QUALUNQUE amministrazione non avrebbe che potuto prendere questo SACROSANTO provvedimento, che peraltro si appresta forse a prorogare per tutto il 2020. Dio solo tra quanti mesi o forse anni ci saremo lasciati alle spalle questo INCUBO, definitivamente, e come ne saremo usciti: più poveri, sicuro, e con ben altri problemi da risolvere che pensare a ZTL che in questa situazione non hanno nessuna ragion d'essere e anzi farebbero più danni che altro.

Fabrizio ha detto...

No, chi non ha lungimiranza né apertura mentale sono le persone come te che non vedono come sia fondamentale rinnovare, aggiornare e rimodernare la città in seguito all'emergenza.

Ma quale sacrosanto provvedimento che siamo l'unica città in Europa in cui è stata presa questa decisione, nelle altre capitali e città europee il centro città non è stato aperto a tutti indiscriminatamente (guarda il solo esempio di Milano senza andare a Madrid, Londra e Parigi), ma anzi sono stati fatti e ci sono progetti per poter vivere il centro città senza l'invasione di auto (che abbiamo solo a Roma).

La soluzione NON è l'utilizzo della macchina privata per andare nel centro storico per farsi una passeggiata o altro, c'era e c'è la possibilità di incrementare altri tipi di mobilità oltre che il mezzo pubblico.

Aprire la ZTL non è la soluzione per affrontare il problema economico conseguente all'emergenza. Se si continua i risultati saranno molto negativi.

Anonimo ha detto...

È la prima analisi sensata che abbia mai letto in questo blog, confermata dal punto di atterraggio della rampa di lancio degli improvvisati a sindaco di Roma: LA POLITICA NAZIONALE, e visti gli attori da venti anni ad oggi, non servono commenti.

alex ha detto...

"Anonimo Fabrizio ha detto...
No, chi non ha lungimiranza né apertura mentale sono le persone come te che non vedono come sia fondamentale rinnovare, aggiornare e rimodernare la città in seguito all'emergenz"


polemica INUTILE visto che Roma è DESERTA. Il problema semmai si presenterà a settembre, con l'apertura delle scuole che andrà a sovrapporsi per giunta al previsto ritorno di fiamma dei contagi. "in seguito" all'emergenza come dici tu, potremo pure tornare a ragionare su isole pedonali, arredo urbano e riqualificazione della città. Adesso nell'emergenza ci siamo ANCORA DENTRO, e abbiamo BEN ALTRE priorità. O sei uno di quelli che credono che il virus sia morto? O peggio che sia tutto un complotto, e che le scene delle bare portate via dall'esercito e delle code alle sale di terapia intensiva a marzo e aprile fossero tutte un bluff?

Dico: possiamo rimandare queste discussioni a DOPO che l'emergenza sarà finita? Non vi sembra che abbiamo BEN ALTRO a cui pensare che una ZTL che pure aperta resta un DESERTO?

Anonimo ha detto...

Giusto Massimo, ma oltre alla pedonalizzazione della città, dovresti consentire ai "pedoni" di muoversi senza dover impiegare ore per spostarsi con i mezzi pubblici per fare solo pochi chilometri, sono stato a Monaco di Baviera in occasione dell'Erasmus di mia figlia, e posso garantire che é da matti acquistare un'auto per muoversi in città simili, in quanto capillarmente servita, certo si potrà asserire: "Monaco non é grande come Roma", giusto, ma guardate in rete la mappa delle stazioni delle metro che si intersecano con le linee periferiche, se tale rete fosse a Roma anche al più burino dei burini non servirebbe il Suvve o la maghina per muoversi.

Fabrizio ha detto...

Ma dai ma quale virus morto e quale complotto, chiaro che siamo ancora nell'emergenza e chi ne dubita è matto oppure è scemo.

Ma proprio perché a settembre riapriranno le scuole (speriamo) non si può lasciare così tutto allo sbaraglio, senza un minimo di programmazione ed intervento e si può approfittare di Roma deserta per riorganizzare per lo meno il centro storico. Tutte le città europee ne stanno e ne hanno approfittato.

Il problema di fondo è senza dubbio il trasporto pubblico inefficiente.

Il problema non è la ZTL aperta in sé, ma il messaggio che dà l'amministrazione e cioè: zero programmazione, zero interventi, tutti fanno quello che vogliono, vediamo che succedere, poi si vedrà.
Il concetto di lungimiranza sta anche nel fatto che l'amministrazione dà retta a 4 persone invece di andare incontro a tutti i cittadini, appunto con progetti fatti bene, e che non si devono rimandare le discussioni a dopo.

Anonimo ha detto...

Monaco di Baviera e' piccola, Roma e' troppo grande. A Milano il sistema tariffario integrato di trasporto copre un bacino di mobilita' di 2000 kmq e 4,2 milioni di abitanti, dovrebbero crogiolarsi nell'inefficienza, invece funziona tutto a meraviglia. Roma e' troppo grande per i vostri occhi coperti dalle fette di salame della romanita', in realta' non e' proprio grande, fa solamente pena

Anonimo ha detto...

Non so cosa intendi per sistema integrato di trasporti, Milano citta' e' grande come un quartiere romano

Anonimo ha detto...

Che dopo aver affossato economia e turismo e costituzione con un pretesto risibile, ha lasciato campo libero ai droni degli spacciatori. Quoto anche qua 2 6 9.14, per attirare l'attenzione di tutti sugli abruzzesi che portano droga a Roma e sorvegliano le strade del centro e di san Giovanni coi vietatissimi droni.
Quando vedete droni in città NON è né la polizia né l'enac, che lavorano sul litorale o eventi, ma sono abusivi o criminali, se stazionano sempre nelle stesse vie.
Forse è un problema un po' più serio delle ztl.

Anonimo ha detto...

Dai che tra un po tonellone se lo levamo dai cojoni con la sua parlata sulla bici che se ne va a milano.. Vojo poi vede chi sara la nuova faccia che scrive ste minchiate. Ciaoneeeee

Anonimo ha detto...

Poraccio in bici o a piedi ci vai te!

Anonimo ha detto...

Ma poraccio c'è sei te e tutti sto burini che pensano che aprì la Ztl risolva qualcosa. Risorve solo se sei un benzinaro e uno dei quei bar merdosi del centro che prima campavano inculando i turisti giapponesi e mi stanno qua a scrive, come i matti, che non se po' arriva al centro co la machina.

Anonimo ha detto...

Stai scherzando? Mi sa che non hai mai visto quanto e' bella e europea Milano.
Per esempio: nell'ultima puntata di 4 Ristoranti, Alessandro Borghese va alla ricerca del miglior ristorante con brAnc della vera capitale d'Italia. Si ritrova con una brufolosa mora, una cicciona, uno con una scopa nel culo ed un fricchettone che si sfidano sul brAnc.
Leggendo i menu' si capisce la proiezione europea di Milano, finalmente c'e' scritto main course e non primi e secondi piatti come da Oreste a Bufalotta.
E poi spendere 25 euro a persona per 2 uova e un caffe' americano e' molto piu' figo che spendere 3 euro per cappuccino e cornetto.

Anonimo ha detto...

Ad onor del vero cio' che scrive Alex non e' follia.
E poi mi vien da ridere.
Questo blog ha fomentato per anni l'odio contro i tassisti e ora chiede che gli stessi protestino contro l'apertura delle ztl.
Io capisco il tirare l'acqua al proprio mulino, ma cosi' e' decisamente troppo.
Parliamo delle file davanti i negozi di biciclette: non dipendono da un nuovo approccio alla mobilita', bensi' dai bonus.
Tutti stanno sfruttando il bonus per le seconde case al mare, come il sottoscritto.
Avevo un vecchio catorcio a Sabaudia, ora ho preso un ebike.
Le file sono causate dai tempi di scelta del modello e dal pagamento con bonus.

Anonimo ha detto...

La vera capitale d'Italia e' Roma, perche' si chiama Italia e non Germania o Francia

Anonimo ha detto...

Complimenti, stessa cosa. Ho comprato un monopattino e una bici nuova per la sardegna, li è il massimo causa pochi parcheggi in spiaggia

Anonimo ha detto...

Alessandro Borghese non l'ho mai guardato, si veste e si atteggia come una mignotta, fa schifo. Il centro delle grandi citta' e' fatto apposta per spennare un pubblico superficiale e sprovveduto, a Milano come a Roma, chi ha un po' di sale in zucca spende i soldi altrove

Anonimo ha detto...

Monaco di Baviera e' piccola, Parigi e' ancora piu' piccola, praticamente e' il Monte Sacro. Come fa una citta' grande come il Monte Sacro ad avere 16 linee della metro, non potrebbero spostarle ste linee a Riomma lo megalo-comune lungo 50 km e largo 40 ?

Anonimo ha detto...

Amo, ma che cazzo dici, le metro de Parigi servono tutta l area metropolitana e, pensa, superano pure i confini comunali. Come dire che la metro de Roma fermasse a Ciampino, a Guidonia o a Grottaferrata. Praticamente fantascienza anche solo faccelo capi e favve smette de fa sto confronti da minorati mentali.

Anonimo ha detto...

https://standbuyme.it/

Massimo ha detto...

Che tristezza i commenti dei Romani (veri o presunti), da quello che si basa su Borghese a quello che grida che mo' moriremo tutti! Premesso che 'sta pandemia tutto è meno che una vera emergenza sanitaria, basta guardare i dati Istat per capire che il problema vero è stata la schifosissima sanità della Grande ed Europea Lombardia che è un vero pozzo mangia-soldi, se Roma avesse ricevuto gli stessi finanziamenti che ha ricevuto Milano negli ultimi 30 anni Leghisti-Berlusconiani (oltre ovviamente ad avere amministrazioni capaci), per non dire addirittura di più come fanno per le altre Capitali Europee, oggi sarebbe meglio di Londra e Parigi messe insieme. Altro che aaa maghina e aaa zetatielle!!! Basterebbe chiudere l'anello ed attuare il progetto Metrovia per far cambiare faccia alla Città. Certo le Torri dell'Eur con TIM o il Business Park di Tor di Valle avrebbero portato gentaccia, meglio lasciare tutto come è adesso.

Sandrokhan ha detto...

Tonelli, la narrazione della qualità sulla quantità a Roma non va, stacce. Turismo è grandi numeri, è il gruppo numeroso e senza troppe pretese su cui lucrare, non ha senso nessuna strategia a lungo termine. Il turista a Roma viene per vedere il Colosseo, il Vaticano, girare in vespa, fare la foto col centurione e mangiare la pizza. Punto. Se vuole l'atmosfera magica, i mercatini patinati e l'eleganza se ne va a Praga.

bobbyrhodes ha detto...

Spot on with this write-up, I truly think this website needs much more consideration. I’ll probably be again to read much more, thanks for that info.

Buzzon.khaleejtimes.com
Information

Blogger ha detto...

Sono Peter di Milano... Alcuni dicono che l'incantesimo d'amore non funziona, ma ho visto che l'incantesimo d'amore funziona tutto a causa del dottor ADELEKE il miglior lanciatore che ha lanciato un incantesimo per me e ha riportato mio marito a me e ora stiamo vivendo come una famiglia tutto grazie al dottor ADELEKE. È possibile contattarlo su WhatsApp: +27740386124 o inviarlo via e-mail: ( aoba5019@gmail.com )

Owen oliver ha detto...

I was very pleased to find this web-site. I wanted to thanks for your time for this wonderful read!! I definitely enjoying every little bit of it and I have you bookmarked to check out new stuff you blog post.

Click Here
Visit Web

meldaresearch ha detto...

Online psychology essay writing services are very difficult to complete and many students are always searching for Help with Psychology Coursework Writing services to help them complete their psychology research paper writing services and psychology case study writing services.

meldaresearch ha detto...

Finding the best healthcare assignment writing services and Medical Assignment Writing Services is not easy unless one is keen to establish a reliable custom medical research paper provider & medical writing service help online.

Anonimo ha detto...

Roma fa ahi fo è divento i cinque stelle che schifo
Roma vuota balenghi

Anonimo ha detto...

I turisti di Roma sono quelli che vengono un weekend, fanno le solite foto e si fanno spennare dai soliti locali coatti per poi non tornare più .
La città e chi ci vive sono solo apparenza, una immagine da cartolina che cela una fogna. Non può attirare turisti diversi da quelli da una botta e via.

Anna Maria Fogliano ha detto...

.




Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it




















































































































































































Con il finanziere Romeo Giuseppe, sono stato in grado di ottenere un prestito privato di 60.000 euro per la realizzazione di un progetto immobiliare che sto ripagando bene in questo momento per un periodo di 120 mesi. Se hai bisogno di finanziamenti privati, ti consiglio di contattarlo e troverai soddisfazione.

Scrivere e-mail a: prestitoccf@outlook.it


.

ShareThis