Viceprefetto De Francesco morto a Via Cavour. Il video assurdo 24 ore dopo

7 ottobre 2018
Lo facciamo sempre e lo faremo sempre. Dopo un grande incidente, che si svolge proprio per dimostrare le cose che diciamo ogni giorno, torniamo sul luogo del "delitto" dopo un determinato intervallo di tempo per capire se le cose sono cambiate. In luglio lo abbiamo fatto una settimana dopo la porte di Caterina Pangrazi a Corso Vittorio, ora lo abbiamo fatto dopo 24 ore esatte a Via Cavour dopo la morte di Giorgio De Francesco, viceprefetto.

Il video dice tutto dunque nel testo non aggiungiamo molto. La strada anche oggi, 24 ore dopo, era in totale abbandono. La segnaletica invisibile. Tutti i mezzi a motore prevaricavano i pedoni in maniera prepotente, neppure il rispetto del recentissimo evento luttuoso (non un fiore, sul punto dell'incidente) ha potuto nulla nel cambiare il comportamento assurdo che ha a Roma chi utilizza il mezzo privato.


Il video dimostra che dare la colpa ai "pullman-bisonti", come è di moda a Roma, non ha alcun senso. Non sono loro il problema sebbene siano troppi e vadano ridotti e possibilmente eliminati o quasi dal cuore della città. Il problema è come è fatta la strada, il problema è la scelta di lasciare auto in sosta (spesso in doppia sosta) ai lati delle strade, il problema è la segnaletica assurda e l'arredo urbano da anni Cinquanta, tutto fermo da sessant'anni, un attraversamento con questa configurazione sarebbe illegale e fuori norma dovunque al mondo. Senza dente di attacco per migliorare la visibilità, senza illuminazione notturna dedicata (qui di notte la situazione è molto peggiore di quella che vedete in questo video, che fa paura ma è girato nel momento di minore traffico in assoluto), senza salvagente centrale per spezzare l'attraversamento in due parti più piccole e più gestibili per chi attraversa e per chi deve avere la visibilità per dare precedenza. 


La tristezza profonda di vedere oggi un attraversamento che è costato la vita ad una persona totalmente non presidiato dai vigili. Ormai non fanno neppure la scena il giorno dopo. E solo nel nostro video guardate quante persone rischiano la vita. 


40 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

a ogni angolo prevale prepotenza e maleducazione, dietro casa mia a un piccolo incrocio tra strade minori, senza doppie file , visibilissimo, si sono cappottati due volte in 4 giorni....chi guida cosi nn capisce che un giorno potrebbe toccare anche a lui...o ai suoi figli...può venire pure stalin a fare il sindaco...fallirebbe

Anonimo ha detto...

Video inutile e commento inqualificabile. Pur di sostenere tesi assurde non ci si fa scrupolo di approfittare di una disgrazia come purtroppo ne accadono ovunque, ogni giorno. Dal video stesso si vede benissimo che tutti attraversano tranquillamente, al massimo attendono pochissimi secondi affinché il flusso dei veicoli si interrompa. Se i conducenti dei veicoli in transito dovessero fermarsi di colpo appena un pedone lascia trasparire la possibilità di essere intenzionato ad attraversare si bloccherebbe tutto, per non parlare degli inevitabili tamponamenti causati da chi dovesse fermarsi a caso in prossimità di ogni attraversamento. Basta osservare che in pochi minuti di video, più di un pedone si ferma, guarda la strada come se volesse impegnare la carreggiata e poi cambia idea e se ne va percorrendo il marciapiedi. Insomma, ennesimo post da perdigiorno a credibilità zero e pure un po' sciacallo.

Мария ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Serve una riforma del codice della strada. Alcuni arredi urbani sono ostacolati dal codice. Bisogna copiare il cds olandese

Anonimo ha detto...

in un paese civile in quella zona ci farebbero i test nucleari

Anonimo ha detto...

A parte la voce odiosa del commentatore, che a quanto pare prova un certo godimento nel risultare più antipatico possibile, bisogna fare alcune considerazioni.
Il concetto espresso è fondamentalmente giusto. Le strade di Roma sono molto pericolose per i pedoni perché fatte male ed in linea generale è vero che quasi nessuno si ferma a far attraversare.
Anzi, rispetto alla media degli attraversamenti romani, questo qui è uno dei più visibili. Le strisce ci sono e non sono sbiadite, la strada è larga e tutta dritta e c'è poco traffico.
Parlando sia da automobilista che da pedone, cerco sempre di far attraversare ma nel traffico caotico di Roma non sempre ci si riesce per motivi di sicurezza o semplicemente perché non si vede in tempo il pedone a causa del traffico caotico. Chiunque abbia mai guidato a Roma sa benissimo cosa sto dicendo.
Penso inoltre che nel centro di Roma vada ridotto il traffico e regolamentato il passaggio dei pedoni con dei semafori, soprattutto a piazza Venezia, via Nazionale e strade simili ove il flusso di turisti è notevole è c'è una circolazione promiscua di pedoni ed automobili che crea traffico per le auto e pericolo per la gente a piedi.
Risparmiati poi la stronzata secondo cui non succede da nessuna altra parte del mondo. A Napoli ho visto tranquillamente passare col rosso ai semafori pedonali ove c'era tanta gente che attraversava, ed anche suonare il clacson ai pedoni che avevano iniziato ad attraversare sulle strisce. Forse solo A Bolzano gli automobilisti si comportano correttamente agli attraversamenti.

Anonimo ha detto...

....sono sicuro che il 90% dei romani in vacanza con la macchina, specialmente andando che so in trentino o austria o germania o nord europa eetc ma anche banalmente francia o spagna starebbe ben attento alla guida, molto piu di quello che fa "giocando in casa"..........l atteggiamento pecoreccio è quello del barista di "so romano a roma faccio come cz me pare".....è la stessa identica natura che prevale quando questi bovini si trovano dentro il branco...nè più nè meno come quando scoattano da ultrà quando sono piu di due-tre insieme e sono altrettanto bravi con la coda tra le gambe da soli e rigano dritto che so al centro di monaco....

Anonimo ha detto...

Questo non è mai uscito da Roma.

Anonimo ha detto...

In tutte le città a nord di Roma, già dalla Toscana, le macchine si fermano alle strisce, come prescritto nel cds. Il resto sono solo inutili chiacchiere da scimmie, la scusa che il pedone si butta sulle strisce e il guidatore non può fermare la macchina è semplicemente grottesca. A Roma c'è una popolazione di gibboni rancorosi e ottusi, per fortuna non tutti i romani, ma andrebbero rieducati.
Comunque l'inversione a U sulle strisce con retromarcia è un capolavoro, da standing ovation.

Anonimo ha detto...

tragico bis stasera a bocca della verità, indecente la passività del comune di fronte a tutti questi morti e feriti.

Anonimo ha detto...

Questo se viene in Svizzera non torna più in Italia. Pure quando i gatti attraversano la strada usando le strisce pedonali le macchine si fermano e lasciano passare.

Anonimo ha detto...

D'accordissimo, a parte il lapsus Pietà/Mosé

Anonimo ha detto...

A proposito di attraversamenti pericolosi, vedere quello della metro a ad anagnina, dove i pedoni passano sotto il ponte e arrivano sulla strada passando tra due gabbie di metallo spesso coperte da vegetazione, con auto in sosta vietata e bancarelle. In pratica, sono quasi invisibili fino all'ultimo

Anonimo ha detto...

Tu hai interpretato male codice della strada:
vatti a leggere un libro di scuola guida per favore, mi faresti paura anche come pedone

Anonimo ha detto...

Tranquilli che tra poco andremo in giro solo col somarello, l'unico mezzo di trasporto che ci potremo permettere.......

Anonimo ha detto...

Solo in Italia i pedoni aspettano "pochi secondi" per attraversare. In tutto il resto dell'Europa civile sono le macchine a rallentare ed, eventualmente, fermarsi. Come del resto dice il nostro Codice della Strada.

Franco Quaranta ha detto...

Ormai siamo arrivati all'assurdo: pedoni che ringraziano gli automobilisti che si fermano per permettere l'attraversamento delle strisce pedonali

Anonimo ha detto...

i vigli dove stanno ? l 80% e piu sta negli uffici. Ma muovono voti quindi....crepiamo per strada.
Abito in una zona super popolata, nn vedi un vigile, un poliziotto, un carabiniere, un finanziere.......le persone (in gran parte discendenti di inurbani venuti a roma negli anni 50) pensano di stare al paesone, non in una città europea

Anonimo ha detto...

E' troppo larga la carreggiata di via Cavour!
Bisogna allargare (e di molto) il marciapiedi, eliminando le auto parcheggiate ai lati e creando una corsia ciclabile su ciascun lato.

(P.S. Per un'idea di come dovrebbe essere via Cavour, cercate fotografie di Regent Street (Londra) su Google Immagini)

-peppe

Anonimo ha detto...

Ennesima dimostrazione del totale fancazzismo di giunta ed amministrazione.

Anonimo ha detto...

Che cazzone dimmerda che sei. Secondo te, genio cazzone dimmerda alla stregua della vecchia mignotta pelata, come sarebbe possibile controllare tutti gli attraversamenti pedonali di Roma?

federico ha detto...

E ieri sera intorno le 19 vicino a bocca della verità un inglese residente in Italia di anni 72 stava attraversando la strada e una persona con permesso invalidi che viaggiava sulla preferenziale l'ha falciato

federico ha detto...

Le striscie si vedono benissimo la colpa é tutta dell'autista del bus che avrà sicuramente guardato dietro prima di partire ha visto che dietro non c'era nessuno e sarà partito senza vedere il pedone.
Semplice distrazione non diamo colpe alla strada o striscie poco visibili é solo distrazione viste le basse velocità a cui l'impatto ce stato.
L'unica soluzione è quella di affidarci alle auto a guida autonoma perché non si può morire se uno é distratto

Anonimo ha detto...

Sono mesi, o forse anni, che su questo blog ho iniziato una battaglia - prima solitaria, ora vedo in compagnia - per far rispettare TUTTO il Codice della Strada.

Ho ricordato (inutilmente) l'illegalità dei cordoli in cemento; ho ricordato l'obbligo per tutti i veicoli (incluse le bici) di FERMARSI SEMPRE se il pedone ha iniziato ad attraversare (anche se si trova dall'altro lato della strada!!!), e l'obbligo di dare la precedenza e se necessario fermarsi quando il pedone SI ACCINGE ad attraversare. Questo vuol dire che un pedone sul marciapiede, in prossimità delle strisce, deve determinare SEMPRE il rallentamento di tutti i veicoli e lo stop se il pedone attraversa.
Se qualcuno obiettasse che così facendo si rischia il tamponamento da dietro, ricordo che vige l'obbligo della DISTANZA DI SICUREZZA, per cui chi segue deve SEMPRE riuscire a fermarsi, anche in caso di frenata improvvisa.

Ho ricordato che col giallo NON si può passare, e la sanzione è identica al passaggio col rosso.

Ora vorrei pure ricordare (anche all'Autore) che è VIETATO affiancare e superare i veicoli in colonna; anche se ci si muove su due ruote, NON si possono superare le auto ferme in colonna, anche se in attesa del verde, per portarsi avanti.

Una pillola alla volta (anche se temo veramente che sia inutile).

Anonimo ha detto...

A Milano basta avvicinarsi alle strisce pedonali e le auto si fermano...

happy wheels ha detto...

Un mio amico ha chiamato i vigili per una cosa simile. Hanno risposto che non siamo più nel Ventennio...quindi che li si chiama a care?

Anonimo ha detto...

Ma come si fa scrivere certe corbellerie? La distanza di sicurezza???? Purtroppo le leggi, almeno in Italia, sono fatte da incompetenti (nella migliore delle ipotesi) azzeccagarbugli che dettano norme tali da consentire all'autorità di mettere il cittadino sempre dalla parte del torto, a completa discrezione dei cosiddetti "agenti accertatori". Basta pensare all'assurda segnaletica che in teoria tutti dovrebbero rispettare, come i cartelli che impongono i 15 Km/h o addirittura i 10, che spesso restano abbandonati dopo i lavori stradali, o altri limiti assurdi a 50 su strade consentirebbero in tutta sicurezza di viaggiare al doppio della velocità prescritta. Tornando all'invocata distanza di sicurezza, questa è non è indicata con precisione, si citano un sacco di parametri che ciascuno sembrerebbe dover calcolare con lo spannometro, pertanto qualsiasi cosa accada si è sempre in torto (assurdo!). Per essere sicuri al 100%, in una strada come via Cavour, si dovrebbe mantenere una distanza di una ventina di metri, quindi la strada, che è lunga meno di 1,5 Km, potrebbe essere impegnata al massimo da 70/80 di veicoli alla volta. Come volevasi dimostrare: una cazzata sesquipedale. Ci vuole semplicemente buon senso da parte di tutti, sapendo che una disattenzione può sempre capitare e non rende nessuno un criminale.

Anonimo ha detto...

romano



subbumano.

federico ha detto...

La distanza di sicurezza é definita come quella distanza in cui tu riesci a bloccare la vettura se la vettura davanti si dovesse fermare all'istante.
Diciamo che a 15kmh bastano 5-6 metri più altri 5 metri per avere il tempo di capire che devi frenare.
Su 1500metri considerando 10m tra auto e un altra più 5di auto sono 15m quindi 100auto a volta passano se invece non ce distanza di sicurezza passano 7m serve ad ogni vettura quindi 250-300 vetture ma questo è vero se non ci sono semafori attraversamenti con vigili altrimenti va tutto più piano.
La distanza di sicurezza va rispettata poi ci sono persone come me che hanno riflessi superiori ai vecchi e allora mi posso permettere di camminare appiccicato ma voi vecchi che non avete più 30-40anni dovete stare lontano perché rimbambiti altrimenti fate danni

Anonimo ha detto...

Infatti, a parte casi del tutto eccezionali, ai pedoni dovrebbe essere consentito attraversare SOLO in presenza di apposito semaforo, meglio se "a chiamata", se vuole attraversare liberamente può farlo, ma a suo rischio esclusivo e si dovrebbero eliminare le strisce "semplici" che danno al pedone l'illusione di essere in sicurezza, ingigantita dalla norma che gli concede la precedenza. Dovrebbe anche essere cambiata la legge, perché se un pedone attraversa all'improvviso e in maniera scriteriata non è giusto che sia colpevolizzato chi inevitabilmente lo investe.

cara menggugurkan hamil ha detto...

just information we only provide information for those who need it
A. posisi berhubungan agar cepat hamil
B. makanan dan minuman agar cepat hamil
C. panduan agar cepat hamil
D. cara agar cepat hamil
E. cara agar cepat hamil setelah selesai haid
F. cara alami untuk segera mendapat kehamilan

Anonimo ha detto...

all'estero, però, se attraversi fuori dalle strisce o quando è rosso pedonale, e può capitare se non conosci la zona perchè sei un turista spaesato... ti mettono sotto! nessuna pietà, nessun rallentamento. se l'automobilista ha il verde in pratica ha il diritto di uccidere e non si fa alcuno scrupolo. un romano per fortuna sa salvare la pelle anche in queste situazioni.

e poi quando attraversi devi guardare l'auto che arriva, se hai lo sguardo convinto quello si ferma, almeno il gesto di attraversare devi farlo.

poi in un mondo civile è giusto fermarsi se SULLE STRISCE c'è un pedone in attesa.
e se non ci sono strisce ma lo vedo deciso io lo faccio passare, non prima di aver controllato gli specchietti perchè dietro di idioti in motorino o auto se la strada è larga ce ne sono sempre, che vogliono superare il "fesso" che si è fermato senza motivo.

all'estero però ti tirano sotto senza batter ciglio. noi, molti, non tutti, abbiamo l'attenzione e la capacità di capire le intenzioni del pedone.

Anonimo ha detto...

Grazie ragazzi commenti spettacolari sull'ontologia della striscia pedonale, il pedone kamikaze, la veggenza dell'automobilista romano.
Jumanji vi fà una sega siete degli highlander.

jeje ha detto...

salomon shoes
nike shoes outlet
canada goose jackets
ugg outlet
nike blazers
coach factory outlet
canada goose outlet
christian louboutin outlet
longchamp outlet
mlb jerseys

Miriam Lavoretano ha detto...

..










Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni: 

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti






.

Miriam Lavoretano ha detto...

.






Buongiorno. il mio nome è Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni: 

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti








.

Anonimo ha detto...

perchè non le vedi le vecchiette che attraversano con la mano tesa tipo vigile urbano? (anzi tipo matrix quando ferma i proiettili) ti fulminano con lo sguardo, quelle non le metterà mai sotto nessuno.

Anonimo ha detto...

Tonelli come Toninelli.
La Pietà di Michelangelo a via Cavour !

Hai voglia a cammina' !!

Tortora Giuseppe ha detto...

Salve,
Stai cercando un prestito? Offriamo prestiti a tassi di interesse molto bassi di
3%. Diamo prestiti per tutti i paesi del mondo. Di seguito sono riportati i tipi di prestiti che offriamo.
* Prestito personale
* Prestito aziendale
* la garanzia del prestito
* prestiti non garantiti
* prestito commerciale
* Prestito per studenti
* mutuo ipotecario
* Prestito di consolidamento
* Il prestito di occupazione
* Per pagare i debiti del prestito
* Prestito di investimento
Nota: se sei molto interessato ai nostri servizi e imponi un prestito, ti preghiamo di contattarci: .... tortoragiuseppe54@gmail.com

Whatsapp +39 3891124366

Anonimo ha detto...

Non la Pieta' ma il Mose' di Michelangelo, comunque hai ragione al 100%

ShareThis