5 maggio 2016

Guardate che anche i manifesti sui bandoni elettorali sono abusivi. Ecco come riconoscerli


Bandoni, plance elettorali e manifesti elettorali. C'è una bizzarra convinzione a Roma, alimentata da ditte di attacchini e da candidati, secondo cui affiggere sui bandoni in metallo sia qualcosa di regolare, consentito, autorizzato. Niente di più sbagliato. A parte che ci vuole davvero fegato a piazzare il proprio faccione o il proprio cognome su questi portatori insani di tetano e ci vuole grande ottimismo a pensare che questo possa davvero portare voti: naturalmente non è così, anzi.


Ma in ogni caso l'esposizione delle affissioni su questi impianti non è meno abusiva di affiggere su muri, case, scuole e palazzi. I bandoni elettorali non sono infatti delle superfici lasciate al libero servizio di chi prima arriva e li riempie tutti, salvo poi essere coperto dal secondo arrivato nel giro di mezz'ora. Non funziona così.

Ogni banda metallica ha un numero. Ogni impianto ha una localizzazione e dopo la presentazione ufficiale delle liste c'è una apposita delibera di Giunta (o in questo caso del Commissario) che indica l'assegnazione, banda per banda, numero per numero, dei bandoni alla singola lista. Qui dovrebbe essere tutto spiegato in maniera chiara.


Quando vedete bandoni occupati integralmente da un partito o da un candidato avete dunque la matematica certezza che si tratti di una affissione totalmente abusiva. Ce l'avete ancor più in questi giorni perché le plance non sono ancora state assegnate dunque dovrebbero essere semplicemente vuote. Come sappiamo è totalmente impossibile vedere rispettate queste regole a Roma dove, in assenza di controlli e nella certezza di zero sanzioni (e con la disponibilità di decine di squallide ditte di attacchinaggio, visto che tutto è rimasto fermo agli anni Cinquanta) si procede nel far west più totale e il rispetto della delibera è pari a zero (riconoscere un manifesto abusivo è facile: basta che ve ne sia più di uno uguale all'altro attaccato in sequenza!). Far west dal quale si sono sfilati per fortuna via via sempre più partiti e ultimamente anche il PD a seguito di una ottima decisione di Orfini.

È facile insomma scegliere per chi NON votare: basta vedere quali partiti stanno utilizzando i bandoni e le plance elettorali.

52 commenti:

  1. Questi dovrebbero essere i migliori, coloro che amministrano la cosa pubblica per noi.

    E' colpa nostra, certe facce non le vedi neanche durante l'ora d'aria di Regina Coeli e ci prendiamo anche la briga di andarli a votare....

    RispondiElimina
  2. e pensare che c'è chi vota quel candidato proprio perché è così: aggressivo, cafone, violento, abusivo. Che a Roma per molti malati mentali equivale ad essere: fico, potente, ricco, pieno de fregna

    RispondiElimina

  3. Siamo tutti un pò 'Ruggero' dei Soliti Idioti, non è vero?

    IO comunque a votare per questi candidati non ci vado ... al referendum d'Ottobre però si che ci vado! Ciao

    RispondiElimina
  4. Provate a guardarvi allo specchio e ditevi pure che con buona probabilità, voi non riuscireste a farvi eleggere neppure al circolo delle bocce. Capirete allora che l'odio per i politici è anzitutto invidia. Comunque mascherata.

    RispondiElimina
  5. Sarebbe da dimostrare pure che gli attacchini sta regola la sanno o no.

    RispondiElimina
  6. "Capirete allora che l'odio per i politici è anzitutto invidia."

    Tra questa stronzata, e quella del Colosseo che tanto è rotto ed è inutile restaurarlo, hai raggiunto alle 10 di mattina la razione quotidiana di trollate accazzo.
    Ora che farai tutto il giorno?

    RispondiElimina
  7. Ci sono quattro candidati (Giachetti, Meloni, Marchini e Raggi) che hanno a disposizione tutto l'apparato mediatico mainstream e notevoli quantità di denaro per farsi pubblicità; già Fassina, per ovvie ragioni, è quasi del tutto oscurato. Nulla è dato sapere degli altri candidati (tanto per dire snobbati persino dagli organizzatori del confronto proposto dai blog. Evidentemente la paura del cambiamento vero, per quanto scarse possano essere le possibilità di successo, o solo di perdere qualche voto in favore dei "piccoli", c'è. Io penso che, stando così le cose, di fronte alla palese disparità di opportunità, questi paria della politica facciano bene, nel caso decidano così, ad infischiarsene delle regolette e sfruttare ogni spazio.

    RispondiElimina
  8. "questi paria della politica facciano bene, nel caso decidano così, ad infischiarsene delle regolette e sfruttare ogni spazio"

    Questa dose di trollaggio quindi la segniamo sulla quota di domani?

    RispondiElimina

  9. Roma è e sarà importante per 'loro'.
    Diverrà un palcoscenico mondiale per cui hanno bisogno del Sindaco obbediente e prono, possibilmente un pò scemo ... dobbiamo dire allora che tutti i candidati appaiono interscambiabili per questi scopi.
    La Raggi mi fa un pò paura con quel suo sguardo gelido ed ebetoide.
    Giachetti è un buontempone e del PD(ue).
    La Meloni si porta appresso l'ombra oscura di Aledanno (abbiamo già dato).
    Marchini non è pervenuto, come Fassina del resto.

    RispondiElimina
  10. Hai ragione, secondo me l'unico candidato plausibile è quello di casapanda. Quello che se ne infischia delle "regolette" e sfrutta tutti gli spazi a disposizione, tipo i catarifrangenti sugli spartitraffico, rendendoli così inutili e creando pericolo. Di quello sicuramente ci si può fidare. Poi è pure bravo coi manifesti fake.

    RispondiElimina
  11. Parlare di troll, in un blog in cui una folla di caciaroni insulta i politici locali e poi finisce a parolacce tra loro, come avveniva nelle osterie romane d'altri tempi, è leggermente improprio, quasi si trattasse di una comunità che affronta seriamente i suoi temi e viene disturbata da uno spiritello che interviene con sciocchezze varie.

    RispondiElimina
  12. Infatti sei semplicemente ridicolo con la tua mini-campagna-elettorale per casapanda.

    Poi se su un blog civico vieni a dire che è giusto "infischiarsene delle regolette" allora altro non sei che un troll. Uno dei più stupidi tra l'altro, visto che come tu stesso dici, qui non c'è alcun tipo di dialogo.

    RispondiElimina
  13. Bello il mondo, perché ognuno ha le sue opinioni: figuratevi, per me Roma è la città più bella del mondo !! E anche per molti dei turisti coi quali lavoro... Molti tornano anche più di una volta nella Città Eterna... Altro che schifo !!

    RispondiElimina
  14. Ciao, benvenuto!

    Primo step: NEGAZIONE. "Ahòòòò ma quale Roma fa Schifo?? Roma è a scittà piùbbella dermonno nfame aaahòòòò"

    Secondo step: GIUSTIFICAZIONE. "Ahò vabbè sce stanno mpo de pobblemi, però è perché --INSERIRE MOTIVAZIONE TRA QUELLE SOTTO--"
    - è na scittà gigantesca co settordisci mijoni de abbitanti
    - è corpa de li zingheri/politichi/immigrati
    - tutte e scittà scianno li stessi pobblemi
    - comme scavi trovi nreperto
    - nun sce stanno li mezzi pubblichi
    - nun ze troveno li parcheggi
    - ecc. ecc.

    Terzo step: CONSAPEVOLEZZA. "Ahò sai che effettivamente i pobblemi che vedo a Roma nun l'ho visto nee stesse poporzioni nell'artre scittà? Però comunque devi da cambià er nome ar blogghe"

    Quarto step: ACCETTAZIONE. sì Roma POTREBBE ESSERE una città bellissima, me purtroppo è una merda.

    Ti prego, sei non vuoi fare altre figure barbine, fatte da migliaia prima di te, non commentare più finquando non sarai arrivato al quarto step. Ciao!

    RispondiElimina
  15. Oddio, sono stato confuso con un propagandista di una lista elettorale, io invece rispondevo ("parlare di troll...")a un signore delle 10.10 che parlava a vanvera. Metto il mio nome altrimenti in questo trionfo di anonimato non si capisce più niente.
    Giuseppe
    P.S. Anche io do un consiglio a quello degli step: non è facile scrivere nel dialetto romano, Gioachino Belli ci mise molto tempo e tutta la sua genialità. Il romano era parlato dalla plebe, non scritto. E, infatti, scritto risplende solo nei versi belliani. Il resto è folclore becero, imitazione, parodia televisiva, trucideria...

    RispondiElimina
  16. Ciao Giuseppe,

    ci sono svariati sotto-step e risposte-predefinite che chi non frequenta spesso er blogghe si ritrova a dare. Una di queste è proprio "Ahhòòòòò!! Si nun zai parlà er romano nun lo poi da scrive ahòòòò! Noi nun parlamio cosììì aaahòòòòò!"

    Il fatto che a Roma non si parli così è chiaro, senza nemmeno scomodare Belli. Il fatto che questo dialetto inventato, storpiato oltremodo e ridicolizzato, sia usato DI PROPOSITO come strategia comunicativa per stanare quelli che "il dito e la luna" è invece abbastanza più difficile da capire. Infatti quelli un po' naive ci cascano sempre.

    RispondiElimina
  17. Anche a Pompei i turisti vanno tutti contenti, ma è una città morta da 2000 anni. (A parte la bassissima qualità del turismo di massa a Roma che anche tu, operatorucolo turistico, contribuisci a alimentare)

    RispondiElimina
  18. Cari amici della schifosità, lo so, rovinati dalla tv pensate che la satira sia una gran trovata per salvare il mondo. In realtà, i buffoni di corte hanno sempre conservato il mondo così come è. In questa osteria del pensiero unico - e i cui cherubini con la spada fiammeggiante mettono in guardia chi sulla soglia prova a entrare con osservazioni di stampo diverso - in questa osteria dialettale, dicevo,va molto lo schema, tanto amato dai viaggiatori tedeschi, soprattutto da quelli che soggiornarono qui nel '43-'44: Roma è bella ma ordinata male e male abitata. Se i germanici la ordinassero e la abitassero... Emerita sciocchezza, amici cari, Roma non è Colonia, né sarà mai una città tedesca, scandinava, americana. Roma è una decrepita capitale mediterranea, sempre più metropoli plebea,incantevole anche in questo secolare tramonto. Ciò non vuol dire che non vada tenuta in piedi con buona volontà, vuol dire che non può copiare le cittadine piccoloborghesi che vi stanno tanto a cuore.
    Buona giornata
    Giuseppe

    RispondiElimina
  19. Ciao Giuseppe!

    Allora non hai capito proprio un cazzo! La decrepita capitale mediterranea te la tieni tu! Lo so che il terrore di chi ama vivere nella merda, come te, è quello di ritrovarsi a vivere in una città tedesca che è "griggia e fredda ahò". Il fatto è che questa favoletta non funziona più perché la merda ormai ci arriva al collo.
    Città come Barcellona, Madrid, Porto, Nizza ecc. sono anch'esse "città mediterranee" pur non essendo "tedesche", sono diversi ordini di grandezza più vivibili della capitale della merda. Ecco, noi civili ci accontenteremmo di raggiungere il livello di Madrid, senza sognarci di arrivare a Monaco o Francoforte. A voi maiali, che fate della merda il vostro habitat naturale, avere maggiore ordine non piace, perché dove c'è ordine c'è rispetto e meritocrazia. Fosse mai che qualche bancarellaro, qualche dipendente comunale, qualche pizzardone infognato, si dovesse ritrovare a cercare lavoro nel mondo reale. Sarebbe perduto in quanto incapace. Ecco perché amate la merda e temete la civiltà. Perché la merda vi dà da mangiare. Purtroppo siete stati sgamati, e questo blog ne ha gran parte del merito. Ci credo che lo odiate!

    PS Roma è "piccoloborghese" per definizione, non lo sono di certo le città tedesche.
    PPS: vinci il trollino d'argento se obietti che le città che ho citato non sono sul Mediterraneo.
    PPS: altro mirabile commento romanaro che riassume perfettamente il tuo oblungo pensiero scritto: "Ahò! A Roma nun ze po' fa!"

    RispondiElimina
  20. La reazione irritata che ricorre alle parole più scurrili per replicare è tipica del plebeo d'ogni tempo. Ancora una volta, questa è burineria folcloristica. Il fatto poi che si osi paragonare Roma a Nizza e Porto è segno che l'istruzione obbligatoria non serve a nulla. Meditate, gente, meditate.

    RispondiElimina
  21. E il segno che anche chi non si è avvalso dell'istruzione obbligatoria è un ignorante, qual è?
    Riesumare ogni due per tre una citazione tratta dallo spot di una birra che risale al 1980?

    RispondiElimina
  22. Anche due per tre non scherza come citazione.

    RispondiElimina
  23. "Il fatto poi che si osi paragonare Roma a Nizza e Porto è segno che l'istruzione obbligatoria non serve a nulla"

    Voglio indovinare: AAAHOOOO! MA NIZZA ENGUARDIERE DE ROMA AAAAHOOOOOO!!!!

    Sei proprio il troll del giorno!

    PS: la mia reazione non è per nulla irritata, ma divertita. Meditate gente, meditate. La potenza è nulla senza controllo. Meglio prevenire che curare. E' buono qui, è buono qui. E per finire, più lo mandi giù e più te tira su!

    RispondiElimina
  24. Peppino mio coi tuoi post hai sciorinato il meglio del qualunquismo romano complimenti.

    RispondiElimina
  25. L'imbecille non capisce che il problema per cui Roma viene paragonata a Nizza e Porto (tra l'altro uscendone male) è proprio da imputare ai nullafacenti come lui. Ai tempi di Cesare, cioè l'ultima volta che Roma è stata grande, i romani lavoravano sodo: i migliori ingegneri, costruttori, fabbri, urbanisti (da Urbe) eravamo noi. Oggi la civiltà è altrove e questo blog, nel suo piccolo, sta provando a risvegliarla anche qui.

    RispondiElimina
  26. e cmq BORDONI !!!
    sui suoi cari cartelloni!
    Manca solo il barbaro Alamanno
    per ricominciare a far mortale danno
    ma mammetta Giorgiona
    e il palazzinar piacione
    tutto faranno
    per ripristinar malanno

    RispondiElimina
  27. A Via Giolitti come va? Scorre il traffico? La preferenziale è sgombra? I cordoli sono puliti?

    RispondiElimina
  28. Eccolo!
    AAAHOOOOO TORNA A PARLA DEEEEBBUGHE CHE DE POLITIGA NUN SCE CAPISCI NGAZZOOH!

    RispondiElimina

  29. Carissimi commentatori di RFS, oggi avete dato il massimo!
    Mi sono divertito parecchio e, nel mezzo di facezie irriverenti, ho trovato come sempre spunti di riflessione interessanti.
    Roma è una capitale mediterranea ma anche una grande città europea:
    invece di prendere il peggio delle sue due anime potrebbe bene prendere il meglio!

    Pensate che sogno: una città storica mediterranea con servizi da città europea ... sarebbe bello, no? Non è detto che tipico o storico debba fare rima con sporco e rotto.

    Comunque (anche a nome di RFS, suppongo) vi ringrazio tutti per i vostri contributi.
    Ciao regà, bella ...

    RispondiElimina
  30. "una città storica mediterranea con servizi da città europea ... sarebbe bello, no?"

    Immagina la Colonia cara a Giuseppe il troll di sopra. Pulita, puntuale, funzionale.
    Ecco, al posto del piccolo centro mettici Colosseo e Fori, al posto della fontana mettici piazza di Spagna, al posto del McDonalds mettici centinaia di ristoranti di qualità, al posto del turco che vende kebab mettici 100 musei con opere di tutti i tipi, al posto del clima di merda mettici il clima mediterraneo, al posto della centrale nucleare a 30Km mettici un lungomare ostiense moderno e ripulito.

    Non sarebbe bello, sarebbe un sogno.

    RispondiElimina
  31. a tone fatte na vita un hobby scopa....

    RispondiElimina
  32. Io penso che Tonelli scopa, ma forse - non essendo una scimmia - riesce a dedicare parte della sua esistenza anche ad altro.

    RispondiElimina
  33. "a tone fatte na vita un hobby scopa..."

    AHAHAHAH, noooo troppo telefonata come trollata. Evvabbè dai ti dò soddisfazione:

    AAAHOOOO!! MA PERCHE NUN TE FAI NA SGOBADA?

    Adesso basta però, pugny. Manca solo "Si nte piasce perché nun te ne vai" ma il giochetto l'abbiamo capito. Crepa!

    RispondiElimina
  34. Vabbè regà, ora vado che devo ancora fare la colla. Se stanotte non faccio almeno mille manifesti non ho i soldi per l'assicurazione del furgone e ci stanno pure i pakistani pronti a fregarmi il lavoro. Divertitevi eh..

    RispondiElimina
  35. Li mordashi, nun me levate er SUVVE che me serve per rtiramisu' da pompi.
    LI MORDASHI!

    RispondiElimina
  36. Francamente si può essere d'accordo o meno con i post, ma la lettura di questi commenti è al 90% una grandissima perdita di tempo. Ma perchè non vi aprite un blog per conto vostro in cui discettare liberamente nella lingua che preferite ?

    RispondiElimina
  37. amico di: maggio 05, 2016 6:57 PM
    quella di trollare nei commenti è oramai l'unica arma che questa gentaglia ha per poter combattere il lavoro che fa questo blog, cercando di rovinare la lettura.
    sono tutti bancarellari, cartellonari e similari che si sono visti rotte le uova nel paniere e cercano ora di vendicarsi nei confronti del blog.
    basta vedere la campagna di affissioni abusive fasulle che nelle settimane scorse sono comparse in zona Esquilino.

    a proposito del topic:
    comunque c'è tutta roba di estrema destra attaccata in giro in ogni centimetro quadrato di superficie disponibile.
    il che la dice tutta sul senso civico di certi politici che pretenderebbero pure di governare una città occidentale.

    RispondiElimina
  38. senso civico dici?

    https://www.youtube.com/watch?v=PIme2Wz5V1Q

    RispondiElimina
  39. Le discordie interne, dice il Magnifico nel Belfagor di Scola, sono sempre pericolose. Al loro culmine suscitano la necessità del "pacificatore straniero", che sotto il "bianco costume di arbitro nasconde la spada dell'invasore e le mire del predatore".
    A questo serve il degrado, a questo servono i disordini.

    RispondiElimina
  40. E per manipolare a proprio vantaggio le masse, si fa leva sulla psicopatologia della guerra.
    Spielberg con Duel nel 1971 ne ha dato una epitome perfetta.

    RispondiElimina
  41. Fortuna che in Italia a far da contrappeso al precipizio prossimo ci stanno gli esilaranti vaneggiamenti del pd, che denuncia il complottone della magistratura (...). I pm infatti, invece di mantenere l'equilibrio tra arresti a destra, e l'uso minimo personale consentito a sinistra di corruzione, associazione mafiosa e turbative d'asta, si permette di applicare la legge su entrambi i fronti.

    RispondiElimina
  42. Fortuna che poi arriva Lui, e sentenzia: "Non c'è un complotto dei giudici contro il pd". Bontà sua. Il problema piuttosto sono "le forze eversive all'interno della magistratura che vogliono fermare il cambiamento".
    !!!
    Si vede che le aste adesso il pd invece di turbarle le shakera, e i reazionari non comprendono l'innovazione.

    RispondiElimina
  43. Quando arrestano uno di destra la destra denuncia il gombloddo della magistratura; quando invece arrestano uno di sinistra la sinistra denuncia il gombloddo della magistratura.
    Un gombloddo più un gombloddo...
    GOOOLPEEEEEEEE!

    RispondiElimina
  44. Corrotti per corrotti, votate pd: nessuna destra potrà mai farvi ridere così, nessuna destra potrà mai tirar fuori un giachetti che in campagna elettorale abbraccia gli spacciatori del Pigneto, nessuna destra potrà mai darvi un altro renzi.

    RispondiElimina
  45. Ci sono quelle notti in cui le medicine del TSO non fanno effetto e non riesci a dormire. Allora ti colleghi alle 2:48 del mattino e spari 6 commenti accazzo fino alle 3:33. Che vedano tutti che le masse la pensano come te!

    RispondiElimina
  46. Lo so, i sequestri di ciro pizza fanno tanto male.
    I veri tso della figlia della sora elvira fanno pure peggio.
    Scoprire che vi stanno fottendo da chissà quanti anni, poi, è da capocciata al muro.
    Però, anche se stai strippando, non devi dare fastidio.

    RispondiElimina
  47. "Far west dal quale si sono sfilati per fortuna via via sempre più partiti e ultimamente anche il PD a seguito di una ottima decisione di Orfini."
    Caro Tonelli, Ammazza è proprio vero!!!!
    Infatti la candidati del Pd in Municipio VIII non sta facendo affissioni abusive... no no!!!!!!!

    RispondiElimina
  48. Ecco i manifesti abusivi del PD in Municipio 8
    http://it.tinypic.com/view.php?pic=2dl4vth&s=9#.V0VXw8byAZg

    RispondiElimina
  49. OPS!!!
    scusate... ecco il link dei manifesti incriminati
    http://postimg.org/image/ezfahj4ij/

    RispondiElimina

Ogni commentatore si assume la responsabilità di ciò che inserisce nel commentario. Questa bacheca non può essere moderata a monte.